42593–42608 di 66541 risultati

Seduzione di mezzanotte

Londra, 1814 – Da dodici anni Lady Merryn Fenner ha uno scopo nella vita: distruggere Garrick Northesk, Duca di Farne, l’uomo che ne è sicura ha assassinato suo fratello e offuscato il nome della sua famiglia. Per riuscirci si intrufola nella dimora del duca, al fine di raccogliere le prove che lo inchioderanno. Ma la vita spesso è imprevedibile e allora accade che sia proprio Garrick a salvare Merryn da morte certa, non una ma due volte. Per lei cominciano così i dubbi. Come è possibile che un uomo nobile, audace e generoso come lui sia un assassino? E soprattutto come può lei sentirsene tanto attratta? Quando i due nemici giurati si abbandonano alla passione, lentamente Merryn comincia a vedere la realtà con occhi diversi, non più velati dalla cieca sete di vendetta. Ma la verità che a poco a poco scopre basterà a farle accettare la proposta di matrimonio dell’uomo che aveva deciso di rovinare?
Un romanzo avvincente e spregiudicato, impossibile da perdere.
**
### Sinossi
Londra, 1814 – Da dodici anni Lady Merryn Fenner ha uno scopo nella vita: distruggere Garrick Northesk, Duca di Farne, l’uomo che ne è sicura ha assassinato suo fratello e offuscato il nome della sua famiglia. Per riuscirci si intrufola nella dimora del duca, al fine di raccogliere le prove che lo inchioderanno. Ma la vita spesso è imprevedibile e allora accade che sia proprio Garrick a salvare Merryn da morte certa, non una ma due volte. Per lei cominciano così i dubbi. Come è possibile che un uomo nobile, audace e generoso come lui sia un assassino? E soprattutto come può lei sentirsene tanto attratta? Quando i due nemici giurati si abbandonano alla passione, lentamente Merryn comincia a vedere la realtà con occhi diversi, non più velati dalla cieca sete di vendetta. Ma la verità che a poco a poco scopre basterà a farle accettare la proposta di matrimonio dell’uomo che aveva deciso di rovinare?
Un romanzo avvincente e spregiudicato, impossibile da perdere.

La seduzione dell’amore

Le fiamme gemelle, quando si accendono, non possono spegnersi. Dall’autrice di “L’uragano di un batter d’ali”, bestseller di Amazon. Audrey, trent’anni, lavora nel recupero crediti di una grande società a Londra, anche se nella vita avrebbe voluto fare tutt’altro. Ha una laurea in letteratura inglese e porta sempre con sè un libro di aforismi di Shakespeare. Sua mamma svedese e lei perfettamente bilingue. Ecco perchè il suo capo, Aidan Bennett, in partenza per Stoccolma, pensa a lei per salvare le sorti dell’azienda sull’orlo del fallimento. Audrey si trover così a fare da interprete in una contrattazione milionaria ma soprattutto a dover sopportare i modi arroganti di Aidan inaccessibile e intransigente nelle parole e nei fatti. Con il passare delle ore nella fredda Stoccolma, Audrey e Aidan si spoglieranno dei loro ruoli per abbandonarsi a una travolgente passione. Come in sogno. Un sogno per destinato a svanire quando la verità li accoglie appena atterrati a Londra: Aidan fidanzato e sta per sposarsi. Audrey pur di averlo è disposta a tutto, anche a diventare la sua ora d’aria, la sua evasione. Fino al giorno in cui quell’amarsi fugace e clandestino non baster più a nessuno dei due… Perchè le fiamme gemelle quando si accendono non possono spegnersi.

La seduzione dell’amore – Sperling Privé

Audrey, trent’anni, lavora nel recupero crediti di una grande società a Londra, anche se nella vita avrebbe voluto fare tutt’altro. Ha una laurea in letteratura inglese e porta sempre con sè un libro di aforismi di Shakespeare. Sua mamma svedese e lei perfettamente bilingue. Ecco perché il suo capo, Aidan Bennett, in partenza per Stoccolma, pensa a lei per salvare le sorti dell’azienda sull’orlo del fallimento. Audrey si troverà così a fare da interprete in una contrattazione milionaria ma soprattutto a dover sopportare i modi arroganti di Aidan inaccessibile e intransigente nelle parole e nei fatti. Con il passare delle ore nella fredda Stoccolma, Audrey e Aidan si spoglieranno dei loro ruoli per abbandonarsi a una travolgente passione. Come in sogno. Un sogno per destinato a svanire quando la verità li accoglie appena atterrati a Londra: Aidan fidanzato e sta per sposarsi. Audrey pur di averlo è disposta a tutto, anche a diventare la sua ora d’aria, la sua evasione. Fino al giorno in cui quell’amarsi fugace e clandestino non basterà più a nessuno dei due… Perché le fiamme gemelle quando si accendono non possono spegnersi.
**
### Sinossi
Audrey, trent’anni, lavora nel recupero crediti di una grande società a Londra, anche se nella vita avrebbe voluto fare tutt’altro. Ha una laurea in letteratura inglese e porta sempre con sè un libro di aforismi di Shakespeare. Sua mamma svedese e lei perfettamente bilingue. Ecco perché il suo capo, Aidan Bennett, in partenza per Stoccolma, pensa a lei per salvare le sorti dell’azienda sull’orlo del fallimento. Audrey si troverà così a fare da interprete in una contrattazione milionaria ma soprattutto a dover sopportare i modi arroganti di Aidan inaccessibile e intransigente nelle parole e nei fatti. Con il passare delle ore nella fredda Stoccolma, Audrey e Aidan si spoglieranno dei loro ruoli per abbandonarsi a una travolgente passione. Come in sogno. Un sogno per destinato a svanire quando la verità li accoglie appena atterrati a Londra: Aidan fidanzato e sta per sposarsi. Audrey pur di averlo è disposta a tutto, anche a diventare la sua ora d’aria, la sua evasione. Fino al giorno in cui quell’amarsi fugace e clandestino non basterà più a nessuno dei due… Perché le fiamme gemelle quando si accendono non possono spegnersi.

Sedotta da un libertino

Austria/Inghilterra, 1815 – Per colpa di uno scandalo, Max Ransleigh è costretto a rinunciare alla carriera diplomatica cui aspirava e a rifugiarsi in campagna a casa del cugino. Lì incontra l’audace Miss Caroline Denby, che gli propone un accordo quanto mai inconsueto: lui dovrà rovinarle la reputazione in modo da liberarla dagli importuni cacciatori di dote che la assillano. Max, che malgrado la fama di gran seduttore è un vero gentiluomo, rifiuta, ma quando i due giovani vengono sorpresi da soli in atteggiamento compromettente non gli resta che sposarla. Come limitarsi a un matrimonio di convenienza, però, se scintille di passione scoccano tra loro a ogni contatto?
**
### Sinossi
Austria/Inghilterra, 1815 – Per colpa di uno scandalo, Max Ransleigh è costretto a rinunciare alla carriera diplomatica cui aspirava e a rifugiarsi in campagna a casa del cugino. Lì incontra l’audace Miss Caroline Denby, che gli propone un accordo quanto mai inconsueto: lui dovrà rovinarle la reputazione in modo da liberarla dagli importuni cacciatori di dote che la assillano. Max, che malgrado la fama di gran seduttore è un vero gentiluomo, rifiuta, ma quando i due giovani vengono sorpresi da soli in atteggiamento compromettente non gli resta che sposarla. Come limitarsi a un matrimonio di convenienza, però, se scintille di passione scoccano tra loro a ogni contatto?

Il secondo raccolto

Un libro della serie Storie dalla contea di Lancaster

Per tutta la vita David Fisher ha seguito le regole. Nato in una famiglia mennonita, ha sempre obbedito al volere del padre: ha preso in mano la fattoria di famiglia, si è sposato, ha avuto due figli. Ma ora che è rimasto vedovo e che entrambi i figli sono al college, continua a gestire la fattoria tutto solo e senza gioia, contando i giorni di una vita vissuta a metà.

Christie Landon è un graphic designer, nato e cresciuto a Manhattan. È il tipico ragazzo gay che ama far festa, ma sente il bisogno di un cambiamento. Ha ormai trent’anni e ha capito che è il momento di crescere e pensare al futuro. Quando il suo migliore amico va in overdose, Christie decide di prendersi una pausa dalla città. Si trasferisce in una casetta in Pennsylvania, nella contea di Lancaster, per riposare, recuperare le forze e riflettere.

La vita di campagna però è noiosa, nonostante le sbirciatine al muscoloso uomo brizzolato della porta accanto. La creatività di Christie lo porta ad appassionarsi alla cucina, così decide di proporre al vedovo un accordo per condividere i pasti e le spese per i prodotti di prima necessità. David accetta e subito la strana coppia si ritrova ad apprezzare enormemente quei momenti in comune.

Christie mette a dura prova i limiti del piccolo mondo di David e riporta a galla emozioni che l’uomo ha sepolto anni prima. Se David riuscirà a liberarsi del proprio passato, potrà cogliere una seconda occasione per la felicità.
(source: Bol.com)

Il secondo Messia

Questo romanzo ha tutti gli ingredienti per essere il prossimo Codice da VinciNel deserto israeliano, il contenuto di un’antica pergamena ritrovata potrebbe sconvolgere il mondo cristiano…Un grande thrillerDurante uno scavo nella località di Qumran, sul Mar Morto, non lontano da Gerusalemme, l’archeologo americano Jack Cane scopre un’antica pergamena conservata all’interno di un’anfora. Già dalle prime parole in aramaico, Cane si accorge che si tratta di una scoperta sbalorditiva: il manoscritto, che ha almeno duemila anni, contiene alcune rivelazioni che potrebbero mettere in serio dubbio i fatti narrati nella Bibbia. Ma appena il ritrovamento sta per essere reso pubblico, il professor Green, un esperto di aramaico incaricato di tradurre il manoscritto, viene trovato morto nella sua tenda, e della pergamena non c’è più traccia… A Roma intanto un carismatico cardinale americano, John Becket, sale al soglio pontificio con il nome di Celestino. Nel passato del nuovo papa c’è un oscuro segreto che sta per tornare pericolosamente a galla: un fatto inquietante accaduto vent’anni prima, durante una campagna di scavi a Qumran, nel deserto israeliano…Un grande thriller di Glenn MeadeN°1 in Inghilterra e IrlandaIl vento del deserto sussurra la verità.Ma qualcuno vuole che rimanga sepolta per sempre…«Questo romanzo ha tutti gli ingredienti per essere il prossimo Codice da Vinci.»Publishers Weekly«Un incrocio tra Indiana Jones e Dan Brown. Ogni pagina riserva un nuovo emozionante colpo di scena.»Midwest Book ReviewGlenn MeadeÈ nato a Dublino nel 1957. I suoi romanzi sono tutti bestseller internazionali, tradotti in ventisei lingue e apprezzati tanto dal pubblico che dalla critica. È stato spesso paragonato a Frederick Forsyth, John le Carré e Tom Clancy.
(source: Bol.com)

Secondo manifesto per la filosofia

Vent’anni fa, il mio primo “Manifesto per la filosofia” si levava contro l’annuncio, diffuso un po’ dappertutto, della “fine” della filosofia. A questo tema della fine, proponevo di sostituire la parola d’ordine “un passo ulteriore”. La situazione è molto cambiata. Se allora la filosofia era minacciata nella sua esistenza, oggi si potrebbe sostenere che essa è altrettanto minacciata, ma per una ragione opposta: le viene attribuita un’esistenza artificiale eccessiva. Soprattutto in Francia, la “filosofia” è ovunque. Serve da ragione sociale ai diversi paladini dei media. E sollecitata da ogni parte, dalle banche fino alle grandi commissioni statali, per parlare di etica, di diritto e di dovere. Il punto è che per “filosofia” s’intende ormai il suo nemico più antico: la morale conservatrice. Il mio secondo manifesto cerca quindi di de-mora-lizzare la filosofia, di rovesciare il verdetto che la consegna alla vacuità di “filosofie” tanto onnipresenti quanto asservite. Essa rinnova il legame con – può illuminare l’azione di alcune verità eterne. Illuminazione che conduce la filosofia al di là della figura dell’uomo e dei suoi “diritti”, al di là di ogni moralismo, nel luogo in cui, alla luce dell’idea, la vita diventa ben altra cosa che la sopravvivenza.

Il secondo cervello

Sappiamo che, per quanto il concetto possa apparire inadeguato, il sistema gastroenterico è dotato di un cervello. Lo sgradevole intestino è più intellettuale del cuore e potrebbe avere una capacità emozionale superiore. È il solo organo a contenere un sistema nervoso intrinseco in grado di mediare i riflessi in completa assenza di input dal cervello o dal midollo spinale. Il sistema nervoso enterico è una curiosità, un residuo che abbiamo conservato da nostro passato evolutivo. Di certo, non suona come qualcosa che possa attirare l’interesse di tutti, invece dovrebbe. Un sistema nervoso enterico è presente in ciascuno dei nostri predecessori nel corso di milioni di anni di storia dell’evoluzione che ci separa dal primo animale dotato di spina dorsale. Esso è un centro di elaborazione dati moderno e pieno di vita che ci di portare a termine alcuni compiti molto importanti e spiacevoli senza alcuno sforzo mentale. Michael D. Gershon responsabile del Dipartimento di Anatomia e Biologia cellulare della Columbia University, autore di innumerevoli pubblicazioni scientifiche, è considerato uno dei padri della neurogastroenterologia. ‘Due occhi, due braccia, due gambe e due cervelli, uno pulsante in testa e l’altro attivissimo nella pancia: questo è l’essere umano secondo Michael D. Gershon.’ – La Stampa ‘Gershon ha dedicato la vita a studiare l’intestino e il suo sistema nervoso: una ricerca affascinante, raccontata con chiarezza, umorismo ed entusiasmo contagioso, alla scoperta degli straordinari poteri del “secondo cervello”.’ – Publishers Weekly ‘Due cervelli sono meglio di uno. O almeno questa è la logica dietro il rapporto, a volte fin troppo stretto, tra i nostri due cervelli: quello collocato al vertice del midollo spinale e quello – nascosto nelle viscere ma altrettanto potente – conosciuto come sistema nervoso enterico. Chiunque abbia sentito le farfalle nello stomaco o la necessità impellente di usare il bagno poco prima di un esame ha già avuto modo di sperimentare l’azione di questo sistema nervoso duale.’ – The New York Times
(source: Bol.com)

La seconda trilogia Adamsberg: Sotto i venti di Nettuno-Nei boschi eterni-Un luogo incerto

Dopo “La trilogia Adamsberg”, che raccoglieva le prime indagini del commissario antirazionale, flemmatico e un po’ filosofo creato da Fred Vargas, questo volume raccoglie i tre romanzi successivi. In “Sotto i venti di Nettuno” Adamsberg, oltre a dover risolvere una catena di omicidi tutti uguali, deve fare i conti con un passato che sembra tornato per rovinargli la vita. Il fantasma di una monaca del Settecento, al centro di “Nei boschi eterni”, catapulta, invece, il nostro “spalatore di nuvole” in una Francia esoterica, di scure e vivissime credenze, tra cadaveri profanati per estrarne misteriose pozioni magiche che assicurano la vita eterna, a costo di orrendi delitti. Infine, in “Un luogo incerto”, il ritrovamento di diciassette piedi spinge Adamsberg a percorrere un’Europa dove, dopo quasi trecento anni, la stirpe di Dracula non ha smesso di infestare il mondo.
**

Il secolo

Il libro, pubblicato in Francia nel 2005, nasce da un ciclo di conferenze tenute da Alain Badiou nel triennio 1998-2001 su invito del Collège international de philosophie e dedicate al ventesimo secolo. Come impostare la riflessione su un secolo che, di volta in volta, viene definito il secolo totalitario, il secolo sovietico, il secolo liberale? Il problema, concettualmente, non è scegliere un tipo di unità obiettiva o storica (l’epopea comunista, o il male radicale, o la democrazia trionfante…), il punto non è ciò che è successo nel secolo, bensì ciò che vi si è pensato. Che cosa viene pensato, dunque, dagli uomini di questo secolo che non sia soltanto la prosecuzione di un pensiero anteriore? Che cosa si è pensato che precedentemente non era stato pensato o risultava impensabile? Il metodo seguito da Badiou consiste nello scegliere nella produzione del ventesimo secolo alcuni documenti (poesie, brani teatrali, idee scientifiche ecc.), tracce che indichino come il secolo abbia visto se stesso. Che cosa pensavano di sé i nazisti? Che cosa hanno cercato di dire le avanguardie artistiche del Novecento? Che cosa si proponeva l’impresa titanica di formalizzazione delle matematiche? Nel corso dell’analisi, emerge un elemento comune in grado di dare un nome alla logica degli eventi che definiscono il secolo (guerre, rivoluzioni, movimenti d’avanguardia, psicoanalisi, scienze): ‟la passione del reale”. Passione dell’azione, del presente assoluto, della coincidenza tra verità e realtà. Accelerare l’avvento di una nuova umanità: questo il progetto del secolo che, a poco a poco, si trasforma in automatismo economico, in cieca capacità tecnica. Cambiare l’uomo in ciò che ha di più profondo è stato un progetto rivoluzionario, indubbiamente sbagliato, ma un progetto politico grandioso, epico, violento, che via via si è mutato in problema scientifico o forse soltanto tecnico, la cui soluzione oggi, lo sappiamo tutti, sarà dettata solo dal profitto.

Se prima eravamo in due

Vi ricordate quando da bambini ci si trovava a giocare in due contro uno? Tante inutili rincorse e alla fine era sempre la coppia a stravincere. Due contro uno è scorretto. Se poi ad allearsi sono una mamma e un neonato, e a rimanere da solo è il papà, allora dovrebbe essere addirittura illegale.
È proprio vero che quando ti nasce un figlio non sai mai chi ti metti in casa. Poco piú di un anno fa è arrivata Penelope Nina. Se prima eravamo in due è il racconto di come è andato l’inizio della nostra conoscenza e di come, piano piano, mi sono innamorato di lei. Questo nonostante occupi la stanza migliore, urli di notte, se la faccia addosso di continuo e non paghi l’affitto. Tutte cose che non perdonerei nemmeno a Scarlett Johansson, il che la dice lunga. La realtà è che ormai sono suo schiavo. Aggiungete che ho una moglie vegana, salutista e vagamente dittatoriale, e la tragedia familiare è servita.
(source: Bol.com)

Se per un anno una lettrice

“Il sogno di ogni bibliofilo. La Sankovitch parla del potere dei libri sulla nostra vita di tutti i giorni e dimostra che la lettura non è un lusso, ma una necessità.”
– Publishers Weekly
“Decisi di dare inizio al mio progetto di lettura quotidiana il giorno del mio quarantaseiesimo compleanno. Tutti i libri sarebbero stati quelli che avrei condiviso con Anne-Marie, se avessi potuto. Il mio anno di intensa lettura sarebbe stato il mio progetto personale di fuga dentro la vita.” Per Nina Sankovitch è l’inizio di una folle impresa: concedersi – con quattro figli e un marito in giro per casa, tra liste della spesa, panni da lavare, merende da preparare e cene da cucinare – una pausa forzata dal mondo e dai suoi ritmi concitati. Ma soprattutto dal dolore della perdita, esploso dentro di lei con la violenza di un uragano alla morte di sua sorella Anne-Marie. Un dolore troppo profondo per limitarsi ad aggirarlo nella speranza di lasciarselo alle spalle. Dai libri Nina si aspetta di ricevere consigli e insegnamenti, distrazione ed entusiasmo, serenità e giusto distacco. Nei libri troverà molto di più. Questo è il racconto del viaggio che, iniziato tra pagine di carta, l’ha portata a ripercorrere le storie della sua famiglia e i ricordi di un’intera vita, alla ricerca della chiave capace di far scattare la serratura della felicità.

Se non torni sto male

Signs of Love Series Evie e Leo si sono incontrati all’orfanotrofio quando avevano dieci e undici anni e nel tempo sono diventati amici per la pelle. Man mano che sono cresciuti, il loro legame è diventato sempre più forte fino a trasformarsi in qualcosa di più vicino a una relazione sentimentale: si sono promessi amore eterno e una vita insieme una volta liberi di decidere del loro futuro. Quando Leo viene adottato e si trasferisce in un’altra città, promette a Evie che si terrà sempre in contatto con lei e che tornerà appena maggiorenne a riprenderla. Ma non si farà mai più sentire e per Evie la sua perdita sarà un dolore incontrollabile. Otto anni dopo, a dispetto di ogni previsione, Evie si è costruita una vita abbastanza tranquilla con un lavoro e degli amici affettuosi. Un giorno, di punto in bianco, si presenta uno sconosciuto sostenendo che il suo amore a lungo perduto, Leo, l’ha mandato a cercarla. L’attrazione tra i due è immediata. Ma Evie è confusa… si può fidare delle parole di questo ragazzo mai visto prima? E che ruolo ha Leo in tutto questo e perché non è venuto lui stesso a cercarla? Da bambini si erano giurati amore eterno, ma ora che il tempo li ha separati il cuore non smette di battere Bestseller negli USA Tradotto in 10 Paesi I commenti delle lettrici: «WOW, questo libro mi ha letteralmente scioccata!!!» «L’ho letto in poche ore, ma dopo settimane ancora mi brucia sulla pelle. Un romanzo straordinario, mi rimarrà addosso come fosse un tatuaggio. STREPITOSO!» «All’inizio ero infastidita, poi la storia di Leo e Evie mi ha eccitata e sedotta e alla fine non volevo lasciarli andare più. Straconsigliatissimo!» Mia SheridanÈ una scrittrice bestseller di New York Times, USA Today e Wall Street Journal. La sua passione sono le grandi storie d’amore. Mia vive a Cincinnati, nell’Ohio, con il marito e quattro figli.
(source: Bol.com)

Se non ora, quando?

Dalle foreste della Russia Bianca attraverso incontri, separazioni, battaglie, stretti da vincoli fraterni e da passioni contrastate, i protagonisti di questa interminabile epopea percorrono la Polonia e la Germania, e raggiungono tra molte peripezie le vie della vecchia Milano. Venato di comicità sottile e mai incline a compiaciute descrizioni, questo romanzo si è imposto al grande pubblico, vincendo, quando uscí nel 1982, il Premio Campiello e il Premio Viareggio.
(source: Bol.com)

Se mi tornassi questa sera accanto

Giosuè Pindari è un uomo antico, legato alla terra, alla famiglia e a un ideale politico. Poco alla volta, senza riuscire a impedirlo, ha perso tutto: la moglie, dopo anni in cui il male di vivere non le ha concesso che brevi tregue, è ormai preda di un irreversibile declino; il socialismo, in cui ha creduto con una tenacia e una dedizione tipicamente “appenniniche”, è stato trascinato nel fango dalla corruzione; l’amatissima figlia Lulù se ne è andata e non dà più notizie di sé. Contro la degenerazione di corpo e mente si può fare poco; contro la fine di un’utopia si può fare ancor meno, mentre a una figlia che è viva e lontana – provata dalle inevitabili incomprensioni generazionali, ma sorretta da una sensibilità ancestrale e profonda – si può comunque scrivere.
È ciò che decide di fare Giosuè, affidando alla corrente del fiume le lettere per Lulù. Arriveranno mai? Non è importante saperlo. In fondo il fiume, con le sue piene improvvise, sa sempre come arrivare a destinazione… ‘Se mi tornassi questa sera accanto’ è il memorabile incipit della poesia A mio padre di Alfonso Gatto, un verso che è già una dichiarazione: questo è un romanzo sulla distanza, a volte abissale, tra gli esseri umani, specie quelli che una volta si sono amati (o almeno così era parso).
In quella distanza vive Lulù, che adesso è sulle sponde di un altro fiume, lontana migliaia di chilometri dal fiumeterra che la legava al padre. Sulla nuova riva ha conosciuto Andreone, l’uomo ”leggero” che aspetta la piena e, anche lui come Giosuè, il ritorno di una donna amata e perduta.
La fragile meraviglia dell’incontro con quest’uomo bislacco – l’altro, così necessario al riconoscimento di sé – rivela qui tutta la sua forza. Infatti, da quel fiume lontano, è come se Lulù rispondesse alle lettere paterne seguendo la corrente, e su un registro magico, dentro un’aura d’incantamento, cercasse la via per il perdono. Perdono non come macigno da gettare sugli altri, ma come atto d’amore anzitutto verso se stessi: è il primo passo, il più difficile, il più importante.

(source: Bol.com)

Se li conosci li eviti

La carta d’identità dei nostri “rappresentanti” e la storia di quello che hanno detto e hanno fatto. Per capire quello che potranno fare. Luogo e data di nascita, curriculum, segni particolari, fedina penale, assenze in parlamento e frasi celebri. Il momento peggiore della nostra vita repubblicana. Un libro che è utile avere come guida non solo al parlamento, ma anche all’Italia sfibrata e stravolta di questi anni. Sono più di 150 politici, vecchi e nuovi. Con una piccola schiera di virtuosi (o quasi) che hanno diritto alla citazione. Sono pochi e si notano di più.