42225–42240 di 62912 risultati

Il cavaliere e il fante di spade

Ritorna il magico mondo di Nehwon, la terra di nevi e deserti, barbari e maghi, eroi e mercenari, resa celebre in tutto il mondo dalle rutilanti, incredibili avventure della più famosa coppia di eroi di tutta la sword & Sorcery mondiale. Dopo oltre un decennio di silenzio, il gigantesco barbaro Fafhrd e il suo inseparabile compagno, il segaligno e astutissimo avventuriero, noto come Gray Mouser, tornano finalmente sulla ribalta e lo fanno in grande stile. Fritz Leiber, infatti, ha riunito in questo volume ben quattro avventure inedite dei suoi ineffabili eroi: un racconto, una novelette, un romanzo breve e, infine, un romanzo vero e proprio. Una nuova girandola di avventure appassionanti e spesso esilaranti, com’è nello stile di Leiber, che testimoniano della perdurante vitalità della heroic fantasy contemporanea.

Il cavaliere del silenzio – Il figlio del buio

Yago è nato ‘storto’. Figlio illegittimo di Luis Espinosa, un ricco proprietario terriero senza scrupoli, e di un’umile serva, il ragazzo ha una nascita traumatica e un’infanzia difficilissima. Una volta cresciuto non parla e ha forti attacchi d’ansia; oggi si direbbe che è affetto da autismo e dalla sindrome di Asperger. Il primo a dimostrargli amore e fiducia è il monaco certosino Camilo, che si accorge del dono particolare del ragazzo: la capacità di capire e farsi capire dai cavalli, trovando in loro un sollievo alla propria solitudine. Ma il destino di Yago è tormentato: il suo cammino è destinato a incrociarsi più volte con quello del padre naturale e con quello di tanti altri personaggi, fino a conoscere per la prima volta l’amore… Sarà proprio grazie ai preziosi incontri con i suoi ‘veri’ amici – Camilo, Fabián, Laura, Volker, uomini e donne uniti nella lotta contro l’ingiustizia di Luis Espinosa – che, dopo molte peripezie, Yago riuscirà a fuggire dal suo orribile passato per dare inizio a una nuova vita? In questa prima parte del romanzo, subito paragonato a La cattedrale del mare di Ildefonso Falcones, le vite s’intrecciano tra arte e storia, in un’avventura originale, che lascia senza respiro. Dal silenzio e dall’emozione nasce uno spettacolare affresco storico, un universo narrativo ricco, documentato ed emozionante, dove la formazione di un giovane ‘diverso’ passa attraverso la profonda affinità con gli animali e la loro capacità di ‘guarire’.
(source: Bol.com)

Il cavaliere dei desideri

La bella lady Emily sogna il vero amore e le gioie del matrimonio. Figlia minore di un nobiluomo inglese impegnato in battaglia, è sorpresa dall’arrivo di un misterioso cavaliere straniero nel castello di famiglia. Può davvero quest’uomo, bello da mozzare il fiato, essere il principe azzurro che Emily stava aspettando? Di certo Draven de Montague, conte di Ravenswood, è arrivato fin lì per lei, ma per motivi che niente hanno a che fare con l’amore. O almeno così crede lui…

Cavalca la tempesta

Sono passati quattro anni da quando Jaim Grymauch venne ucciso nella piazza di Eldacre mentre cercava di salvare Maev Ring dal rogo. Il sacrificio eroico dell’Highlander è servito a creare un clima di distensione tra i Varlish e gli uomini del clan. Nel sud del regno, però, è scoppiata una sanguinosa guerra civile che semina morte e disperazione e le parti in causa – gli Alleati, comandati dal generale ribelle Luden Macks e i Monarchici – combattono senza esclusione di colpi. Tra le file dei Monarchici militano i temutissimi Redentori, un ordine di spietati preti guerrieri assetati di potere e disposti a tutto, anche a risvegliare dal suo sonno millenario una divinità seidh, Cernunnos, un dio che ha un piano ben preciso… e funesto.
**

Catene

Inghilterra, 1292 – Dillon Campbell accetta di recarsi in missione diplomatica al castello di Lord Waltham, un fedele vassallo di Re Edoardo I, pur avendo giurato vendetta contro gli Inglesi. Qui il clima è tutt’altro che sereno, perché qualcuno trama nell’ombra per far fallire le trattative di pace. E giusto per complicare le cose, la bellissima figlia di Lord Waltham, Leonora, turba profondamente il coraggioso guerriero e fa vacillare le sue più radicate convinzioni. Ma come può sperare, un selvaggio e indisponente abitante delle Highlands, di conquistare l’attenzione di quell’elegante e raffinata dama di corte?
**
### Sinossi
Inghilterra, 1292 – Dillon Campbell accetta di recarsi in missione diplomatica al castello di Lord Waltham, un fedele vassallo di Re Edoardo I, pur avendo giurato vendetta contro gli Inglesi. Qui il clima è tutt’altro che sereno, perché qualcuno trama nell’ombra per far fallire le trattative di pace. E giusto per complicare le cose, la bellissima figlia di Lord Waltham, Leonora, turba profondamente il coraggioso guerriero e fa vacillare le sue più radicate convinzioni. Ma come può sperare, un selvaggio e indisponente abitante delle Highlands, di conquistare l’attenzione di quell’elegante e raffinata dama di corte?

Una catastrofe patriottica

28 dicembre 1908, un terremoto di immani proporzioni colpisce Reggio Calabria, Messina e i paesi del circondario. È la più grave catastrofe che il neonato Stato italiano si trovi ad affrontare e il suo impatto sulla pubblica opinione è straordinario quanto inatteso. ‘Non furono soltanto le brutali dimensioni della calamità a colpire gli italiani, ma anche il fatto che essa portò alla luce alcune delle inquietudini più profonde della società. Il luogo del disastro subì un sovraccarico semiotico: sotto lo sguardo inorridito di un pubblico nazionale ogni scena diventò un simbolo, ogni aneddoto l’involucro di una verità più ampia. Si innescò un movimento di compassione e solidarietà patriottiche di proporzioni mai viste in un paese dove la debolezza del sentimento di identità nazionale è un luogo comune. Gli italiani, come si diceva e si dice ancora spesso, non si sentivano molto italiani: la loro identità era basata sulla località geografica di appartenenza, sulla famiglia, sulla politica o sulla religione, più che sulla nazione. Eppure volontari da tutto il paese si misero in viaggio per dare una mano. Quotidiani e riviste parlarono del disastro fino alla saturazione. Comitati civici spuntarono come funghi per raccogliere fondi. A Roma si tennero i “plebisciti del dolore’: i cittadini deponevano le donazioni in “urne elettorali’ avvolte nel tricolore, che rievocavano i plebisciti che avevano ratificato l’unità. Sarà stato anche un fenomeno eccezionale ma a mio parere qualsiasi analisi del ruolo del patriottismo nella storia d’Italia che non sia in grado di darne conto va necessariamente rivista o scartata.’

(source: Bol.com)

La catastròfa: Marcinelle 8 agosto 1956

«Ma alla fine abbiamo mandato giù papà al cimitero, mentre noi abbiamo rimasto qui in Belgio e non ce l’ho mai domandato alla mamma, che ora ha novantasei anni, perché ha voluto prendere questa decisione di non muoversi più dal Belgio». Il messaggio più scomodo che viene, in queste pagine, dalle parole dei superstiti è che essi furono e si sentirono orfani non solo della miniera ma, una seconda volta, orfani della patria. Marcinelle, Belgio, 8 agosto 1956, la Catastròfa (nell’espressione metà dialetto metà francese) è l’incendio scoppiato a 975 metri sottoterra in una miniera del distretto carbonifero di Charleroi. 262 morti, 136 immigrati italiani, caduti per un banale accidente ma uccisi soprattutto dall’imprevidenza premeditata, dalla mancanza di misure protettive e dalla disorganizzazione. Al di fuori delle celebrazioni rituali, la tragedia di Marcinelle è caduta in un colpevole oblio: questo libro la racconta come non è stata mai raccontata, riportando alla memoria l’epica spesso dolorosa della nostra emigrazione. È un romanzo-verità, a mezzo secolo di distanza, che non usa altre parole se non quelle ricche di fervore delle vittime – vecchi minatori superstiti, amici, familiari, soprattutto i bambini di allora – e quelle avare dei documenti ufficiali di raggelante insensibilità. Le loro voci portano il lettore nei cunicoli arroventati della miniera incendiata, negli anfratti dov’era cercato disperato rifugio, e su in superficie tra i pianti delle famiglie, il frastuono dei soccorsi e le frasi sgomente delle prime dichiarazioni; lo conducono lì intorno, nelle baracche e le botteghe dove si svolgeva la vita interrotta. E scorrono poi avanti e indietro nel tempo rispetto al presente della tragedia: ai paesi d’origine, tra poesia del ricordo e miserie primitive, all’incredibile assenza dello Stato italiano (non fu visto un presidente, non un ministro), alla parzialità dell’inchiesta successiva, all’inerzia della giustizia, e infine al solitario, silenzioso e fiero riadattamento alla vita straniera di chi rimase. Questo libro induce a riflettere su diverse parole-chiave, quali: lavoro, dignità, sicurezza, emigrazione, patria, giusta remunerazione. Parole incerte e bisognose, oggi come allora, di chiarezza.

Il castigo della spia (eNewton Zeroquarantanove)

Chi è Gola Profonda? Un ricettatore su grande scala. Un ricettatore pericoloso, perché quando i ladri non portano il bottino a lui, parte una soffiata e i ladri vengono immancabilmente colti con le mani nel sacco. L’ispettore capo Barrabal di Scotland Yard è deciso a mettere le mani su questo criminale, ma l’impresa non è facile, perché chi sa tace. Molte sono le figure misteriose; ma l’ispettore Barrabal è deciso ad andare fino in fondo.
Edgar Wallace
nacque nel 1875 a Greenwich (Londra). Cominciò a lavorare giovanissimo, a diciott’anni si arruolò nell’esercito ma nel 1899 riuscì a farsi congedare. Fu corrispondente di guerra per diversi giornali. Ottenne il suo primo successo come scrittore con I quattro giusti, nel 1905. Da allora scrisse, in ventisette anni, circa 150 opere narrative e teatrali di successo. Tradotto in moltissime lingue, ha influenzato la letteratura gialla mondiale ed è considerato il maestro del romanzo poliziesco. È morto nel 1932.
**
### Sinossi
Chi è Gola Profonda? Un ricettatore su grande scala. Un ricettatore pericoloso, perché quando i ladri non portano il bottino a lui, parte una soffiata e i ladri vengono immancabilmente colti con le mani nel sacco. L’ispettore capo Barrabal di Scotland Yard è deciso a mettere le mani su questo criminale, ma l’impresa non è facile, perché chi sa tace. Molte sono le figure misteriose; ma l’ispettore Barrabal è deciso ad andare fino in fondo.
Edgar Wallace
nacque nel 1875 a Greenwich (Londra). Cominciò a lavorare giovanissimo, a diciott’anni si arruolò nell’esercito ma nel 1899 riuscì a farsi congedare. Fu corrispondente di guerra per diversi giornali. Ottenne il suo primo successo come scrittore con I quattro giusti, nel 1905. Da allora scrisse, in ventisette anni, circa 150 opere narrative e teatrali di successo. Tradotto in moltissime lingue, ha influenzato la letteratura gialla mondiale ed è considerato il maestro del romanzo poliziesco. È morto nel 1932.

Il castigo degli innocenti

Sei pronto a giocare? Ad Ackerman piace sfidare persone ordinarie. Persone innocenti. Persone come te.La più terrificante mente criminale dai tempi di Hannibal LecterFrancis Ackerman è fuggito da un ospedale psichiatrico di massima sicurezza. Il suo unico obiettivo è uccidere, e i più deboli sono le sue prede preferite.Adora giocare con le sue vittime e, prima di concedere loro la morte, gli piace vederle agonizzare. Poi fugge nella notte, lasciando dietro di sé una scia di sangue e terrore. Marcus Williams, invece, è un ex poliziotto tormentato da un passato difficile. È sempre dalla parte degli indifesi ma è spietato con i nemici. Ha appena ereditato una tenuta nel Texas meridionale e finalmente conta di lasciarsi alle spalle i suoi incubi e iniziare una nuova vita. Ma il destino gli farà incontrare Ackerman. Perché solo un uomo come Marcus può fermare il folle assassino prima che colpisca ancora. E così, suo malgrado, Marcus si ritroverà al centro di un gioco sanguinoso e spietato, in cui per stanare il nemico dovrà sottostare alle sue regole. Ma presto scoprirà che Ackerman non è l’unico a volerlo morto…Esistono diversi modi per morire, e Ackerman li conosce tutti. Se decidi di stare al gioco, non avrai più scampo.Ethan Crossè lo pseudonimo di uno scrittore che vive nell’Illinois con la moglie e due figlie. A differenza dei sui compagni di classe, da piccolo Ethan Cross dichiarava di non voler diventare un poliziotto o un pompiere, desiderava solo scrivere le storie di poliziotti e pompieri. E il suo sogno si è realizzato: Il castigo degli innocenti, primo romanzo di una fortunata serie, è diventato un bestseller negli Stati Uniti.
(source: Bol.com)

Il castello scarlatto

Nel cuore deIl’Argoat, una terra leggendaria in cui aleggia un profumo d’altri tempi, qualcuno si diverte a usare come bersaglio gli scrittori riuniti in congresso al castello di Trévarez. Chi è il tiratore scelto che colpisce le sue vittime con tre proiettili dritti al cuore? Uno spirito? Un inafferrabile fantasma? Quale legame c’è con la misteriosa maledizione di questo strano castello di pietre rosse, che una leggenda narra essere stato costruito grazie a un patto con il diavolo? A dover far luce su questa vicenda è la giovane investigatrice Mary Lester coinvolta, questa volta, direttamente dal Ministro degli Interni in persona.

Il castello di tenebra

A Camelot, nel leggendario regno di Avalon, il potente Re Artù tiene la sua corte. Le terre più lontane sono costantemente minacciate da draghi assetati di sangue e da crudeli stregoni dotati di malefici poteri. Perciò i cavalieri della Tavola Rotonda, Lancillotto, Galahad, Percival e tanti altri, sono sempre impegnati in difficili imprese per proteggere i deboli e riparare alle ingiustizie. A te è toccato il compito di penetrare nella fortezza del mago Ansalom, devi liberare la regina Ginevra che è stata rapita e langue in qualche oscura segreta.

Il castello di Otranto

Il romanzo gotico è per certi versi un calco creativo dello schema imposto da Walpole: ambientazione arcaicizzante, castello, labirinto, sotterranei, scene notturne, damigelle in pericolo, fughe, minacce sessuali, elementi di soprannaturale, presenza pervasiva del doppio, il sogno infilato all’interno della trama. Quella del romanzo gotico è una stagione che può essere compresa tutta nel periodo 1778-1820, ma il sentimento gotico esonderà da quel quarantennio, per diventare un filone letterario inesauribile che si tramanderà ciclicamente fino ai giorni nostri, diramandosi in vari sottogeneri, dalla fantascienza al romanzo storico, attraverso Poe, Le Fanu, Stoker, Machen, Bierce, Lovecraft, fino a Joyce Carol Oates, Anne Rice, persino Burroughs e Ballard, fino al cinema splatter che tuttora rispetta religiosamente le convenzioni walpoliane: la casa nel bosco, i sotterranei, la componente sessuale, gli antri bui, le evocazioni soprannaturali. Non sembrano passati due secoli e mezzo da “Il castello di Otranto” al film horror Quella casa nel bosco. Walpole detta ancora la trama.
**

Il castello delle rane

Una notte di luna piena il piccolo Kristoffer si ritrova a camminare solo nel bosco, a piedi nudi nella neve. All’improvviso sbuca dal nulla uno gnomo che lo invita a mangiare una crêpe a casa sua, nel paese dall’altra parte dell’aria. Kristoffer si inoltra con lui in un’avventura in cui dovrà baciare una rana per trasformarla in un principe, affrontare viscide salamandre-soldato e liberare un re, una regina e il loro castello da un misterioso incantesimo. È un sogno o è la realtà?

Il castello del terrore (eNewton Zeroquarantanove)

John Flack è un genio del delitto. Nove sono gli omicidi che pesano sulla sua coscienza. Eppure, a vederlo, mentre vecchio e curvo si trascina nel manicomio criminale di Broadmore, nessuno direbbe che si tratta di un individuo pericoloso. Flack ha anche velleità letterarie e ha scritto una vera e propria enciclopedia del delitto, che tiene nascosta in un luogo sicuro. Poi un giorno il guardiano adibito alla cella di Flack viene trovato con la gola tagliata; Flack è evaso. Per recuperare la sua preziosa enciclopedia e… per mettere in pratica quanto ha scritto.
Edgar Wallace
nacque nel 1875 a Greenwich (Londra). Cominciò a lavorare giovanissimo; a diciott’anni si arruolò nell’esercito ma nel 1899 riuscì a farsi congedare. Fu corrispondente di guerra per diversi giornali. Ottenne il suo primo successo come scrittore con I quattro giusti, nel 1905. Da allora scrisse, in ventisette anni, circa 150 opere narrative e teatrali di successo, nonché la sceneggiatura del celeberrimo King Kong. Definito “il re del giallo”, è morto nel 1932.
**
### Sinossi
John Flack è un genio del delitto. Nove sono gli omicidi che pesano sulla sua coscienza. Eppure, a vederlo, mentre vecchio e curvo si trascina nel manicomio criminale di Broadmore, nessuno direbbe che si tratta di un individuo pericoloso. Flack ha anche velleità letterarie e ha scritto una vera e propria enciclopedia del delitto, che tiene nascosta in un luogo sicuro. Poi un giorno il guardiano adibito alla cella di Flack viene trovato con la gola tagliata; Flack è evaso. Per recuperare la sua preziosa enciclopedia e… per mettere in pratica quanto ha scritto.
Edgar Wallace
nacque nel 1875 a Greenwich (Londra). Cominciò a lavorare giovanissimo; a diciott’anni si arruolò nell’esercito ma nel 1899 riuscì a farsi congedare. Fu corrispondente di guerra per diversi giornali. Ottenne il suo primo successo come scrittore con I quattro giusti, nel 1905. Da allora scrisse, in ventisette anni, circa 150 opere narrative e teatrali di successo, nonché la sceneggiatura del celeberrimo King Kong. Definito “il re del giallo”, è morto nel 1932.

Il castello dei Pirenei

Il caso, una coincidenza, il destino, la telepatia: difficile spiegare l’incontro fra un uomo e una donna che si rivedono, dopo trent’anni, nello stesso albergo affacciato sul fiordo dove si erano detti addio. Sempre che dare una spiegazione abbia un senso. Solrun e Steinn sono entrambi cinquantenni. Nonostante il passare degli anni e il fatto che oggi siano entrambi sposati e con figli, non hanno mai smesso di pensare l’uno all’altra. Dopo la sorpresa dell’incontro, danno vita a un fitto scambio di e-mail nel quale si raccontano, ripercorrendo l’episodio, inspiegabilmente velato di mistero, che aveva messo la parola fine al loro amore. Per ritrovarsi, come spesso accade, a scrivere due storie diverse della stessa passione condivisa.
Chissà però se le due versioni sono davvero così differenti. Nel dialogo a distanza prendono corpo due visioni della vita inconciliabili: lui è un professore di Fisica, ateo e materialista, lei è un’umanista convinta che a governare i nostri destini siano forze superiori. Forse solo il finale del romanzo saprà dare finalmente un senso agli eventi. Un finale sconvolgente, capace di riscrivere tutto.