42081–42096 di 72034 risultati

I 7 arcani del Vaticano

Un grande thriller
Quale segreto millenario si cela nelle stanze più nascoste del papato?
Sette furono le difese di Roma: i cosiddetti Pignora Imperii, oggetti sacri e misteriosi che secondo gli antichi romani garantivano immortalità all’impero e protezione da nemici e forze ostili. La loro scomparsa è ormai avvolta nel mistero, ma qualcuno, nelle alte sfere religiose, è convinto che il potere derivante dalla loro riunione sarebbe immenso. Quando il Vaticano, deciso a ritrovarli, raduna un gruppo di quattro ricercatori, per loro è l’inizio di un’avventura difficilissima ma entusiasmante. Lorenzo Sarti, giovane e acuto archeologo, Valeria Patruno, affascinante storica delle religioni, un anatomopatologo e un sacerdote esperto di reperti antichi si trovano così a condividere le stanze di Santa Maria Maggiore, dove si confrontano nello studio delle arti divinatorie e delle antiche cerimonie profetiche pagane. Con l’aiuto di questi strumenti potranno cercare di localizzare i pegni mistici dell’Urbe. E così, in un alternarsi di brillanti intuizioni, momentanee delusioni, sempre con l’incrollabile speranza di aver trovato l’indizio definitivo, i quattro arrivano vicinissimi a completare la loro missione. Ma c’è qualcosa di cui non sono a conoscenza: in una delle segrete stanze vaticane, qualcuno cerca di pilotare il loro destino. Qualcuno che ha intenzione di impadronirsi dei Pignora e impedire loro di rintracciarli tutti…
Sette antichissimi oggetti garantivano la supremazia dell’impero romano perché qualcuno nelle segrete stanze vaticane vuole entrarne in possesso?
«Ora vogliamo sapere. Vogliamo conoscere i segreti degli antichi. Sapere di cosa erano capaci e perché tanta gente credeva in quelle antiche forme di culto. Renderci conto di ciò che abbiamo distrutto e cosa invece possediamo. E vogliamo recuperare ciò che è possibile per condividerne la conoscenza, il segreto… la forza, se possibile. Avete mai sentito parlare dei Pignora Imperii?»
Leandro Sperduti
È archeologo e collaboratore presso il Dipartimento di Scienze dell’Antichità dell’Università di Roma «Sapienza». Ha tenuto corsi di formazione e aggiornamento scientifico presso numerose università, associazioni, istituti e centri di cultura storica, accademie e istituzioni pubbliche sia in Italia che all’estero. Ha condotto scavi in Italia e all’estero. In collaborazione con la Commissione Pontificia di Archeologia Sacra ha intrapreso studi storici e archeologici sulla Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma. È stato Segretario generale dell’Associazione Archeologica Romana e dal 1995 presiede l’associazione culturale Athena di Roma. I 7 arcani del Vaticano è il suo primo libro.
**
### Sinossi
Un grande thriller
Quale segreto millenario si cela nelle stanze più nascoste del papato?
Sette furono le difese di Roma: i cosiddetti Pignora Imperii, oggetti sacri e misteriosi che secondo gli antichi romani garantivano immortalità all’impero e protezione da nemici e forze ostili. La loro scomparsa è ormai avvolta nel mistero, ma qualcuno, nelle alte sfere religiose, è convinto che il potere derivante dalla loro riunione sarebbe immenso. Quando il Vaticano, deciso a ritrovarli, raduna un gruppo di quattro ricercatori, per loro è l’inizio di un’avventura difficilissima ma entusiasmante. Lorenzo Sarti, giovane e acuto archeologo, Valeria Patruno, affascinante storica delle religioni, un anatomopatologo e un sacerdote esperto di reperti antichi si trovano così a condividere le stanze di Santa Maria Maggiore, dove si confrontano nello studio delle arti divinatorie e delle antiche cerimonie profetiche pagane. Con l’aiuto di questi strumenti potranno cercare di localizzare i pegni mistici dell’Urbe. E così, in un alternarsi di brillanti intuizioni, momentanee delusioni, sempre con l’incrollabile speranza di aver trovato l’indizio definitivo, i quattro arrivano vicinissimi a completare la loro missione. Ma c’è qualcosa di cui non sono a conoscenza: in una delle segrete stanze vaticane, qualcuno cerca di pilotare il loro destino. Qualcuno che ha intenzione di impadronirsi dei Pignora e impedire loro di rintracciarli tutti…
Sette antichissimi oggetti garantivano la supremazia dell’impero romano perché qualcuno nelle segrete stanze vaticane vuole entrarne in possesso?
«Ora vogliamo sapere. Vogliamo conoscere i segreti degli antichi. Sapere di cosa erano capaci e perché tanta gente credeva in quelle antiche forme di culto. Renderci conto di ciò che abbiamo distrutto e cosa invece possediamo. E vogliamo recuperare ciò che è possibile per condividerne la conoscenza, il segreto… la forza, se possibile. Avete mai sentito parlare dei Pignora Imperii?»
Leandro Sperduti
È archeologo e collaboratore presso il Dipartimento di Scienze dell’Antichità dell’Università di Roma «Sapienza». Ha tenuto corsi di formazione e aggiornamento scientifico presso numerose università, associazioni, istituti e centri di cultura storica, accademie e istituzioni pubbliche sia in Italia che all’estero. Ha condotto scavi in Italia e all’estero. In collaborazione con la Commissione Pontificia di Archeologia Sacra ha intrapreso studi storici e archeologici sulla Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma. È stato Segretario generale dell’Associazione Archeologica Romana e dal 1995 presiede l’associazione culturale Athena di Roma. I 7 arcani del Vaticano è il suo primo libro.

6.41

Dopo un week-end trascorso per dovere a casa dei genitori,
Cecile sta rientrando a casa. È mattina prestissimo, e lei prova
un senso di leggerezza. Ma quando il treno sta per partire
qualcuno le si siede accanto. Qualcuno con un’aria familiare.
È invecchiato, eppure non ci sono dubbi che sia Philippe, con cui
Cecile aveva avuto una storia ai tempi dell’università. Una storia
durata poco e finita malissimo alla quale, però, entrambi
non hanno mai smesso di pensare.
* * *
«Avrei potuto prendere quello delle 7.50
o anche quello delle 8.53. È lunedí.
Al lavoro non succede niente, il lunedí.
È solo che non ne potevo piú. Che razza
di idea, fermarsi anche la domenica sera.
Chissà che mi ha preso. Come se due giorni
non fosse stato piú che sufficiente».

6 Aprile ’96

Per recuperare la memoria, persa dopo una brutale aggressione, Irene deve affrontare un doloroso viaggio nel proprio passato. Ancora giovane e bellissima, si porta dentro un’eredità pesante: la madre e, prima ancora, la nonna hanno infatti vissuto una passione proibita, che per entrambe si è risolta nella tragedia, e questo grumo di dolore non ha risparmiato neppure Irene. Amata da due uomini molto diversi, non ha mai trovato un vero equilibrio affettivo, ma proprio da questa crisi profonda trarrà la forza di rigenerarsi e guardare con fiducia al domani.

568 d.C. I Longobardi. Il re solo

È il 568 d.C. e un’interminabile teoria di carri e di guerrieri valica le Alpi e invade l’Italia. Due popoli sono pronti a combattere con ferocia per ciò che hanno di più caro: il proprio futuro. Questo secondo capitolo della saga longobarda spazia dagli accampamenti degli Avari, crudeli con i nemici come con le loro donne, ad una corte longobarda estenuata da una marcia perenne, agli splendori di Bisanzio, opulenta e corrotta. È una storia di donne forti loro malgrado e di uomini che resistono. Accanto alle figure dei grandi sfilano quelle del popolo, spesso eroiche in modo improvviso e inaspettato, perché quel che conta, in un mondo ostile, è vivere, ma non a qualsiasi costo. Al sogno visionario di un grande impero longobardo del re Alboino, si contrappone la tenace speranza di Idolfo, il ragazzino sfuggito alla prigionia avara, che cerca di ricongiungersi al suo popolo. E accanto alla sete di vendetta della sacerdotessa Rodelinda e alla solitudine della regina Rosmunda, commuove la sorte incerta di Valeria Prima, ostaggio dei longobardi. Mentre Marna, figlia del Khan Bajan, si oppone alla ferocia della sua gente, con la sua dolente fragilità.
**

568 d.c. I Longobardi – La grande marcia (Fanucci Narrativa)

Tra l’autunno del 567 e l’estate del 568 molti popoli premono alle porte dell’Italia, e tra questi ci sono i Longobardi, i guerrieri dalle lunghe barbe, che dalle pianure della Pannonia si muovono verso le fertili distese al di là delle Alpi. Un’imponente carovana composta da trecentomila uomini, donne, bambini e mandrie, guidata dal re Alboino, comincia così la sua Grande Marcia alla conquista di nuove terre. Intorno al leggendario Alboino si muovono i personaggi di una grandiosa epopea: la moglie e regina Rosmunda, il fratello di latte Elmichi, la figlia ribelle Alpsuinda, la spietata e bellissima sacerdotessa Rodelinda e gli Ari, sanguinaria setta di guerrieri votati al culto del dio Wotan. In Italia intanto l’avamposto di San Giorgio, ai piedi del passo del Predil, si organizza per resistere all’invasione. Il duca Agostino, Attolico, Isabella, la piccola Ignatia e Antinoro sono l’espressione di un popolo che non vuole arrendersi e che lotta fino alla fine per la propria libertà. Questo libro narra le gesta di due civiltà che si fronteggiano, i trionfi e le sconfitte, i tradimenti e le passioni, ma soprattutto la creazione di un nuovo regno e, forse, di una possibile rinascita. Il primo libro del popolo longobardo. Epico, avvincente, emozionante, racconta gli albori di una nuova cultura, di una possibile integrazione tra due civiltà e ci restituisce il ritratto di un’epoca affascinante, rifacendosi a un modello di grande tradizione e respiro, il romanzo storico e d’avventura.
**
### Sinossi
Tra l’autunno del 567 e l’estate del 568 molti popoli premono alle porte dell’Italia, e tra questi ci sono i Longobardi, i guerrieri dalle lunghe barbe, che dalle pianure della Pannonia si muovono verso le fertili distese al di là delle Alpi. Un’imponente carovana composta da trecentomila uomini, donne, bambini e mandrie, guidata dal re Alboino, comincia così la sua Grande Marcia alla conquista di nuove terre. Intorno al leggendario Alboino si muovono i personaggi di una grandiosa epopea: la moglie e regina Rosmunda, il fratello di latte Elmichi, la figlia ribelle Alpsuinda, la spietata e bellissima sacerdotessa Rodelinda e gli Ari, sanguinaria setta di guerrieri votati al culto del dio Wotan. In Italia intanto l’avamposto di San Giorgio, ai piedi del passo del Predil, si organizza per resistere all’invasione. Il duca Agostino, Attolico, Isabella, la piccola Ignatia e Antinoro sono l’espressione di un popolo che non vuole arrendersi e che lotta fino alla fine per la propria libertà. Questo libro narra le gesta di due civiltà che si fronteggiano, i trionfi e le sconfitte, i tradimenti e le passioni, ma soprattutto la creazione di un nuovo regno e, forse, di una possibile rinascita. Il primo libro del popolo longobardo. Epico, avvincente, emozionante, racconta gli albori di una nuova cultura, di una possibile integrazione tra due civiltà e ci restituisce il ritratto di un’epoca affascinante, rifacendosi a un modello di grande tradizione e respiro, il romanzo storico e d’avventura. 

I 55 giorni che hanno cambiato l’Italia. Perché Aldo Moro doveva morire? La storia vera

Trentacinque anni non sono bastati per far luce sul caso Moro. Inchieste giudiziarie e parlamentari, saggi, articoli e film non sono serviti a illuminare tutte le zone d’ombra del delitto che – forse più di ogni altro nella nostra storia repubblicana – ha colpito la coscienza del Paese e incrinato il rapporto tra società civile e mondo politico. Ecco perché vale ancora la pena di analizzare la dinamica dei 55 giorni di prigionia di Aldo Moro, nel tentativo finalmente di dare delle risposte diverse dalla versione ufficiale dei fatti. Grazie a nuove testimonianze esclusive e documenti inediti, Ferdinando Imposimato – giudice istruttore del caso Moro, su cui non ha mai smesso di indagare – ricostruisce l’agghiacciante scenario del sequestro, con rivelazioni bomba… Perché la verità, finalmente, abbia nomi e cognomi. Prefazione di Antonio Esposito.
**

500 Scherzi Sexy: Best Seller

Scherzi sono una grande fonte di divertimento. Questa è una bella miscela di 500 medie e lunghe battute di lunghezza che sono sia erotica così come divertente e sarà infondere un senso di umore nella tua personalità. Potrete godere e continuare a ridere fino a quando hai finito il libro e si ritorna al tempo di libro e di nuovo. Tra le migliaia di battute, scherzi sexy migliore 500 sono stati scelti e inseriti in questa edizione per divertire i lettori al massimo.

500 ricette con le verdure (eNewton Manuali e Guide)

Per rendere più ricca e sfiziosa la vostra cucina con gli ingredienti più naturali e un tocco di fantasia
Le verdure sono un’autentica miniera di elementi preziosi per l’organismo e una presenza assolutamente indispensabile nella nostra alimentazione quotidiana. Ricche di fibre, vitamine, sali minerali e proteine vegetali, assolvono molteplici funzioni benefiche: disintossicano, contrastano l’invecchiamento delle cellule, hanno proprietà anticancerogene, sono alleate utilissime nelle diete, inducono rapidamente sazietà e rallentano l’assorbimento di sostanze nocive. Inoltre si prestano a talmente tante combinazioni da riuscire ad appagare il palato senza appesantire il corpo. asparagi, biete, carote, carciofi, cavoli, finocchi, funghi, melanzane, peperoni, pomodori, spinaci, zucche e zucchine possono arricchire il menu giornaliero o addirittura diventarne protagonisti, colorando antipasti, primi, pizze, secondi, insalate, contorni e piatti unici.
Emilia Valli
insegnante, è da molti anni un’esperta gastronoma. Collabora a diversi periodici specializzati e ha pubblicato decine di libri di cucina e di educazione alimentare. Con la Newton Compton ha pubblicato, tra l’altro, 1000 ricette di antipasti, 500 ricette di pasta fresca, 1000 ricette di carne rossa, 500 ricette con le verdure, 1000 ricette con la frutta, La cucina del Veneto, La cucina del Friuli e 501 ricette di biscotti e dolcetti.
**
### Sinossi
Per rendere più ricca e sfiziosa la vostra cucina con gli ingredienti più naturali e un tocco di fantasia
Le verdure sono un’autentica miniera di elementi preziosi per l’organismo e una presenza assolutamente indispensabile nella nostra alimentazione quotidiana. Ricche di fibre, vitamine, sali minerali e proteine vegetali, assolvono molteplici funzioni benefiche: disintossicano, contrastano l’invecchiamento delle cellule, hanno proprietà anticancerogene, sono alleate utilissime nelle diete, inducono rapidamente sazietà e rallentano l’assorbimento di sostanze nocive. Inoltre si prestano a talmente tante combinazioni da riuscire ad appagare il palato senza appesantire il corpo. asparagi, biete, carote, carciofi, cavoli, finocchi, funghi, melanzane, peperoni, pomodori, spinaci, zucche e zucchine possono arricchire il menu giornaliero o addirittura diventarne protagonisti, colorando antipasti, primi, pizze, secondi, insalate, contorni e piatti unici.
Emilia Valli
insegnante, è da molti anni un’esperta gastronoma. Collabora a diversi periodici specializzati e ha pubblicato decine di libri di cucina e di educazione alimentare. Con la Newton Compton ha pubblicato, tra l’altro, 1000 ricette di antipasti, 500 ricette di pasta fresca, 1000 ricette di carne rossa, 500 ricette con le verdure, 1000 ricette con la frutta, La cucina del Veneto, La cucina del Friuli e 501 ricette di biscotti e dolcetti.

50 Sfumature Di Sesso Vero, Non Grigio

50 sfumature di sesso vero, non grigio
(racconti erotici) a cura di Lady Florinda
raccolta di 50 storie e racconti erotici dalla rete
vietato ai minori di 18 anni
ATTENZIONE: SI TRATTA DI UN TESTO DAI CONTENUTI SESSUALI TALVOLTA DISTURBANTI, NON DI RADO DI UNA PERVERSIONE DI SESSO ESTREMO.

50 segreti della scienza della persuasione

Com’è possibile accrescere la propria capacità di persuasione mettendo il pubblico a disagio? Quale errore comune genera messaggi autodistruttivi? Quando può una richiesta minima aprire una grande prospettiva? Iniziare sottotono o con uno squillo di tromba? Chi è il miglior persuasore? L’avvocato del diavolo o chi dissente apertamente? Qualunque sia il nostro ruolo all’interno di un processo lavorativo. Sappiamo fin troppo bene quanto il successo dipenda dalla capacità di portare gli altri a dire “sì” alle nostre richieste. Non sempre. Però. Siamo a conoscenza dell’enorme quantità di studi condotti sui fattori che influenzano i processi decisionali delle persone. Noah goldstein. Steve martin e robert cialdini. Massimi esperti nell’ambito della persuasione. Riuniscono e traducono in questo libro sessantanni di ricerche scientifiche sull’argomento. Ricco di aneddoti. Consigli pratici e vere e proprie tecniche da applicare sia in ambito lavorativo sia nel privato. Questo manuale si rivela uno strumento preziosissimo per tutti coloro che vogliono essere persuasivi e avere successo.
**

45″ all’ombra

Catastrofe? Catastrofe per la nave e per l'umanità che la popola: colonizzatoli che l'Africa ha indurito o, al contrario, prosciugato d'ogni vigore, avventurieri, ufficiali in licenza, mandre di apatici coolus decimati dalla febbre… Catastrofe per quell'Huret che, imbarcatosi con la moglie piena di rancore e il figlio moribondo, passa dalla…
nauseante prostrazione del mal di mare alla vorticosa esaltazione del giucco, dell'avventura. E il galante commissario; le signore i cui sigilli morali si sciolgono con grande facilità al sensuale calore dei tropici ; il medico di bordo, augure scettico e generoso; la particolare "accelerazione" impressa alle reazioni psicologiche di ciascuno dal senso del pericolo incombente… In questa atmosfera, tra questi personaggi Georges Simenon svolge una vicenda ricca, appassionante e, soprattutto, "vera".

4 demoni. Un serial killer a Milano per il commissario Narducci

Aprile 1988: un uomo, una donna e la giovane figlia Carola vengono uccisi nella loro villa. Il colpevole muore durante la fuga in un incidente stradale.
Luglio 2004: un’ondata di omicidi portati a termine con le medesime modalità del delitto del 1988.
Il libro: Cosa ha a che fare con una serie di efferati omicidi la locandina del film Demoni? E poi ancora, con i cadaveri di tre persone rinvenuti in una villa fuori Milano sedici anni prima e con il loro assassino morto in un incidente d’auto? Da qui, un confronto serrato fra l’omicida e il commissario Lorenzo Narducci, detto ”Luc”. Dario Argento e il poliziesco italiano anni ’70 sono omaggiati a pi non posso nelle pagine di 4 Demoni. L’autrice di coraggio ne dimostra da subito parecchio, non solo perché cammina sul rischioso crinale del doppio io narrante, uscendone vincitrice, ma perché dimostra come un’attenta e meticolosa documentazione criminologica non porti affatto ad un appesantimento lezioso della narrazione. La natura schizoide e disturbata di un assassino che ”pensa” con il lessico di un Ellroy spacca in due il romanzo, in un alternarsi di Giallo e Nero che si inseguono e si raggiungono senza che nessuno dei due mai prevalga. E sull’eterno fascino che il lato oscuro da sempre esercita si fonda il confronto tra la perversa raffinatezza del killer e la passione del commissario Narducci per un bicchiere di bonarda ghiacciata sorseggiata nella prosaica tranquillità delle quattro mura domestiche.

(source: Bol.com)

37°2 al mattino. Betty Blue

Zorg, trentacinquenne con ambizioni letterarie, è tuttofare in un complesso di appartamenti in mezzo al nulla. Betty, bella e imprevedibile, è entrata nella sua vita, valigia in mano, una mattina. I due si abbandonano a una storia d’amore che rifiuta qualsiasi mediocrità. Betty rimane incantata dagli scritti del ragazzo ed è determinata nel trovare un editore che glieli pubblichi. Ogni giorno invia materiale da lei stessa battuto a macchina, ma i numerosi rifiuti la fanno sprofondare in una forte inquietudine. Tra sesso, gioco ed eccessi, la quieta vita di Zorg si trasforma in un percorso a ostacoli… perché a volte la felicità bisogna strapparla alla vita, fino a consumarsi le unghie.

Il 36° giusto

Pensavamo di aver smesso di uccidere i vampiri, invece abbiamo ricominciato a farlo. Ora che è accaduto quel che è accaduto, è diventato quasi un mestiere. Non devi più nasconderti per cacciarli. Sono reietti, emarginati, abbandonati dai loro stessi Maestri. Le retrovie di un esercito allo sbando. Non c’è posto per loro. Ma nemmeno per noi. E la loro presenza giustifica in qualche modo la nostra. La loro mancanza di futuro si intreccia con la nostra voglia di speranza. Loro e noi. I vampiri e i cacciatori. Una battaglia senza onore né gloria tra disperati, dove in mezzo stanno le prede innocenti. E forse c’è più colpa in noi, che possiamo scegliere, che in loro, schiavi di una sete che non possono spegnere. Loro sono nati assassini, mentre noi siamo l’estrema difesa, sempre sull’orlo dello sfascio. In qualche modo ambiguo e discorde, però, nell’inconsapevolezza innocente dei semplici, non cessiamo di confidare in un brevissimo e insperato momento di giustizia.
**

I 36 Stratagemmi Della Crescita Personale

Abbiamo preso un immortale classico dell’arte bellica cinese, il Libro dei 36 stratagemmi , e poi l’abbiamo analizzato, dissezionato, studiato. Autostima, motivazione, strategia della competizione, persuasione, negoziazione, meditazione…ogni stratagemma cinese dal libro originale e stato qui innanzitutto riproposto integralmente, spesso corredato di un aneddoto, e poi svuotato della sua originale connotazione di inganno oscuro . Il suo nucleo piu creativo ed ingegnoso e stato reso il fulcro di un’inestimabile serie di tecniche per l’automiglioramento psicologico, personale e professionale, ed ogni principio di arte bellica cinese e stato trasformato in un appassionante e profondo viaggio nel pensiero orientale. Un testo unico e prezioso per il proprio sviluppo mentale, fisico e spirituale. Un manuale che risuona degli echi della straordinaria eredita spirituale e culturale di Lao Tse, Confucio, Sun-Tzu ed altri grandi saggi e la riadatta al pensiero moderno, senza tradirne l’armonia e la poeticita.
(source: Bol.com)

333: la formula segreta di Dante

Firenze, prima metà del Cinquecento, in una notte di luna piena e la città è avvolta nel silenzio. Benvenuto Cellini sta invocando gli spiriti affinché gli rivelino il modo per conquistare l’immortalità, quando all’improvviso il fantasma di Dante Alighieri gli appare in una visione. Quattro secoli più tardi, a Chicago, David Franco, un giovane e brillante studioso della Newberry Library, incontra una donna misteriosa, la ricca vedova Kathryn Van Owen, che gli consegna un antico manoscritto che sembra appartenere proprio a Benvenuto Cellini. Nell’opera, intitolata “La chiave alla vita eterna”, il noto artista fiorentino, appassionato di arti occulte, descrive dettagliatamente una sua sconosciuta creazione, La Medusa: uno specchio d’argento che ha il potere di rendere immortali. La signora Van Owen è convinta che l’amuleto esista davvero e incarica David di trovarlo in cambio di una ricompensa di un milione di dollari… Quel che David ignora però è che altri studiosi, prima di lui, hanno miseramente fallito nell’impresa e che l’ultimo è morto in circostanze poco chiare. Gli indizi che possiede lo conducono prima a Firenze, poi in Francia, ma a ogni nuovo passo lo studioso sente che qualcuno vuole impedirgli di portare a termine la sua missione. Grazie all’aiuto di un’affascinante guida turistica e alle estenuanti ricerche tra volumi dimenticati e antiche biblioteche, David si renderà conto che la ricerca dell’amuleto nasconde un segreto sconvolgente e che l’unico modo per uscirne vivi è non voltarsi mai.