40721–40736 di 74503 risultati

La setta dei golosi

**Dall’inconfondibile penna di Giuseppe Pederiali
un segreto che affonda le radici in una storia millenaria**
**«Uno degli autori più premiati, capace di inventare le cose più incredibili eppure sempre legate alla storia del Paese.»**
Giulia Borgese, *Corriere della Sera*
**«Scrittore di romanzi di raro e pregiato artigianato, cultore di temi fantastici, storici e avventurosi.»**
Diego Zandel, *Gazzetta del Mezzogiorno*
**«Che il cielo benedica chi scrive libri che non amano essere letti a spizzichi e bocconi e che vogliono una totale immersione del lettore. È il caso di Giuseppe Pederiali.»**
Andrea Vitali, *Corriere della sera*
Da sempre la cucina è la più grande passione di Matilde, una passione tramandata in famiglia: il nonno aveva una trattoria e un avo era un celebre cuoco degli Estensi. Da loro Matilde ha ereditato l’amore per il cibo che prepara, gusta e serve ai suoi clienti dell’Osteria della Fola. La sua vita tranquilla cambia il giorno in cui per caso incontra Jacopo, un vagabondo sbucato come un fantasma dalla nebbia che avvolge Ferrara. Matilde sente di potersi fidare di lui e lo accoglie nel suo ristorante, dove, vedendolo a suo agio tra spezie e tortellini, scopre il suo dono: è un brillante cuoco. Il suo modo di cucinare è unico al mondo. Conosce le più antiche tradizioni culinarie e gli ingredienti perfetti per esaltare ogni manicaretto. I due cominciano a lavorare insieme, per il successo dell’osteria e la felicità di Matilde. Eppure all’improvviso qualcosa minaccia quest’armonia: due amici di Matilde, un noto giornalista-gourmet e un anziano cuoco, muoiono tragicamente dando il via a una macabra serie di delitti orchestrati da un’oscura società segreta. La setta dei Golosi è disposta a tutto per raggiungere il suo scopo: trovare chi custodisce la Sublime ricetta, che secondo la leggenda sa regalare l’immortalità. Nessuno chef è più al sicuro. Perché, come accade nella vita, anche in cucina arriva il momento in cui non è più possibile tenere nascosti i propri segreti. La setta dei Golosi, nuovo romanzo postumo dalla penna inconfondibile di Giuseppe Pederiali, è un piccolo gioiello in cui la protagonista è la cucina con il suo potere salvifico e consolatorio, conviviale e giocoso. La storia di una donna pronta a difendere ciò che ama, e di un segreto che affonda le radici in una storia millenaria affascinante e misteriosa.
**
### Sinossi
**Dall’inconfondibile penna di Giuseppe Pederiali
un segreto che affonda le radici in una storia millenaria**
**«Uno degli autori più premiati, capace di inventare le cose più incredibili eppure sempre legate alla storia del Paese.»**
Giulia Borgese, *Corriere della Sera*
**«Scrittore di romanzi di raro e pregiato artigianato, cultore di temi fantastici, storici e avventurosi.»**
Diego Zandel, *Gazzetta del Mezzogiorno*
**«Che il cielo benedica chi scrive libri che non amano essere letti a spizzichi e bocconi e che vogliono una totale immersione del lettore. È il caso di Giuseppe Pederiali.»**
Andrea Vitali, *Corriere della sera*
Da sempre la cucina è la più grande passione di Matilde, una passione tramandata in famiglia: il nonno aveva una trattoria e un avo era un celebre cuoco degli Estensi. Da loro Matilde ha ereditato l’amore per il cibo che prepara, gusta e serve ai suoi clienti dell’Osteria della Fola. La sua vita tranquilla cambia il giorno in cui per caso incontra Jacopo, un vagabondo sbucato come un fantasma dalla nebbia che avvolge Ferrara. Matilde sente di potersi fidare di lui e lo accoglie nel suo ristorante, dove, vedendolo a suo agio tra spezie e tortellini, scopre il suo dono: è un brillante cuoco. Il suo modo di cucinare è unico al mondo. Conosce le più antiche tradizioni culinarie e gli ingredienti perfetti per esaltare ogni manicaretto. I due cominciano a lavorare insieme, per il successo dell’osteria e la felicità di Matilde. Eppure all’improvviso qualcosa minaccia quest’armonia: due amici di Matilde, un noto giornalista-gourmet e un anziano cuoco, muoiono tragicamente dando il via a una macabra serie di delitti orchestrati da un’oscura società segreta. La setta dei Golosi è disposta a tutto per raggiungere il suo scopo: trovare chi custodisce la Sublime ricetta, che secondo la leggenda sa regalare l’immortalità. Nessuno chef è più al sicuro. Perché, come accade nella vita, anche in cucina arriva il momento in cui non è più possibile tenere nascosti i propri segreti. La setta dei Golosi, nuovo romanzo postumo dalla penna inconfondibile di Giuseppe Pederiali, è un piccolo gioiello in cui la protagonista è la cucina con il suo potere salvifico e consolatorio, conviviale e giocoso. La storia di una donna pronta a difendere ciò che ama, e di un segreto che affonda le radici in una storia millenaria affascinante e misteriosa.

Sete d’amore

Rimasta vedova, e ridottasi ad accettare il ruolo di amante dell’anziano suocero per pigra condiscendenza, la giovane Etsuko si accende d’amore per l’innocente sensualità di Saburo. Ne nasce una passione erotica cieca e irragionevole, un’umiliante caricatura della felicità, che porterà solo al piacere sottile del dolore, alla punizione atroce, al totale annientamento.

Sete

Alisa ha coronato il sogno della millenaria esistenza di vampira: lei e Ray sono diventati umani e hanno concepito una bambina. Purtroppo, l’idillio è destinato a infrangersi quando si rendono conto che la piccola è ben lontana dall’essere normale: ha una sete di sangue insaziabile e mostra di avere dei poteri superiori a quella di Alisa. Forse è addirittura la Madre Oscura destinata ad annientare un altro bambino dai poteri benefici e opposti. Alisa si trova quindi a prendere una decisione straziante: combattere la sua stessa progenie per salvare quella di un’altra donna. Nessuno è quello che sembra, un nemico può rivelarsi un generoso alleato così come un complice dimostrarsi uno spietato predatore. E in questo sanguinoso gioco di specchi e sacrifici, che costringe la protagonista a viaggiare nel tempo e sondare misteri ancestrali, ogni scelta comporta laceranti dubbi e rimorsi. Età di lettura: da 14 anni.

Il sesto Faraone

«*Tuzzi è il miglior autore di gialli di qualità attualmente a lavoro*».
**Corrado Augias, Il Venerdì – la Repubblica**
Aprile 1921. Emerso dal vortice della Grande guerra senza un soldo e senza una patria, Neron Vukcic – che i lettori hanno già visto all’opera nella spy-story *Il Trio dell’arciduca* – accetta l’inattesa proposta di Taamar Margulies, il ricco mercante di spezie conosciuto a Costantinopoli una vita fa, nel giugno 1914: l’anziano Margulies, infatti, sospetta che il genero Aaron Peres, a capo della filiale di Alessandria d’Egitto, falsifichi i giri contabili dell’azienda, forse per garantire un sostegno economico ai Giovani Turchi ribelli all’esangue governo del Sultano.
Vukcic accetta, e sbarca ad Alessandria, la fascinosa Perla del Mediterraneo, la città fondata da Alessandro il Grande, cantata da poeti e viaggiatori, metropoli sensuale con più religioni e razze e lingue e sessi di quante siano le dita delle mani.
Così, nella voglia di vivere scoppiata con il dopoguerra, tra la società cosmopolita che affolla le strade, i club e le spiagge, tra archeologi impegnati in campagne di scavo e giovani coppie lanciate nei nuovi balli venuti dall’America, tra i segni dell’antico splendore e il presente segnato dalla sorda crescente insofferenza nei confronti della dominazione inglese, il robusto ex agente segreto del governo imperial-regio austroungarico incomincia a indagare.
Ma l’imprevisto non tarda a cambiare le regole del gioco: al termine di un’elegante cena in onore di due noti archeologi, nel giardino di villa Peres viene trovato cadavere un noto antiquario greco in fama di usuraio. Con un proiettile in testa. E accanto, svenuta, una pistola in grembo, la signora Peres. La polizia giunge a una conclusione ovvia. Margulies, tuttavia, non ci sta. E incarica Vukcic di dimostrare l’innocenza della figlia. Nel solo modo possibile. Trovando il vero colpevole.
**
### Recensione
**Un intrigo Anni Venti: chi ha ucciso l’antiquario?**
**, Tuttolibri – La Stampa
**Hans Tuzzi**, un personaggio dell’Uomo senza qualità, da tempo il nom de plume di un raffinatissimo scrittore, dandy, collezionista. Eccone la nuova storia, *Il sesto faraone*. Un intrigo degli anni Venti. Un ricco mercante di spezie affida a Nerón Vukcic – già visto all’opera nella spy-story Il Trio dell’arciduca – un’indagine sul genero Aaron Peres. È forse tra gli sponsor dei Giovani Turchi ribelli all’esangue governo del Sultano. Non manca il morto, ad Alessandria, la Perla del Mediterraneo: un antiquario greco in fama di usuraio…
### Sinossi
«*Tuzzi è il miglior autore di gialli di qualità attualmente a lavoro*».
**Corrado Augias, Il Venerdì – la Repubblica**
Aprile 1921. Emerso dal vortice della Grande guerra senza un soldo e senza una patria, Neron Vukcic – che i lettori hanno già visto all’opera nella spy-story *Il Trio dell’arciduca* – accetta l’inattesa proposta di Taamar Margulies, il ricco mercante di spezie conosciuto a Costantinopoli una vita fa, nel giugno 1914: l’anziano Margulies, infatti, sospetta che il genero Aaron Peres, a capo della filiale di Alessandria d’Egitto, falsifichi i giri contabili dell’azienda, forse per garantire un sostegno economico ai Giovani Turchi ribelli all’esangue governo del Sultano.
Vukcic accetta, e sbarca ad Alessandria, la fascinosa Perla del Mediterraneo, la città fondata da Alessandro il Grande, cantata da poeti e viaggiatori, metropoli sensuale con più religioni e razze e lingue e sessi di quante siano le dita delle mani.
Così, nella voglia di vivere scoppiata con il dopoguerra, tra la società cosmopolita che affolla le strade, i club e le spiagge, tra archeologi impegnati in campagne di scavo e giovani coppie lanciate nei nuovi balli venuti dall’America, tra i segni dell’antico splendore e il presente segnato dalla sorda crescente insofferenza nei confronti della dominazione inglese, il robusto ex agente segreto del governo imperial-regio austroungarico incomincia a indagare.
Ma l’imprevisto non tarda a cambiare le regole del gioco: al termine di un’elegante cena in onore di due noti archeologi, nel giardino di villa Peres viene trovato cadavere un noto antiquario greco in fama di usuraio. Con un proiettile in testa. E accanto, svenuta, una pistola in grembo, la signora Peres. La polizia giunge a una conclusione ovvia. Margulies, tuttavia, non ci sta. E incarica Vukcic di dimostrare l’innocenza della figlia. Nel solo modo possibile. Trovando il vero colpevole.

Sesso? Fai da te!

L’uomo e la donna; infanzia ed educazione sessuale; il nostro corpo; lo sviluppo sessuale; la riproduzione; l’amore; la seduzione; il rapporto sessuale; le perversioni; gli strumenti di piacere; i professionisti del sesso; le malattie; i contraccettivi: il tutto visto attraverso la lente deformante dell’umorismo di Giobbe Covatta.

Il sesso è vietato

È una serie di disavventure sentimentali, e non solo, ad aver spinto Beth, una cantante pop di un certo successo, a rinchiudersi in un centro di meditazione buddista. Un luogo con vari gradi di separazione dal mondo: niente fumo, niente sesso, niente cellulari e computer. Beth rispetta assai poco le regole, anzi le viene la voglia di scrivere dopo avere scoperto il diario di un uomo nel reparto maschile del centro, dove non sarebbe lecito entrare. È uno simile a lei, si chiama Geoff Hall, ha una moglie che non ama più, altre donne e una figlia che si è innamorata di un tizio molto più vecchio di lei e sta correndo il rischio di buttare al vento i suoi studi e ogni possibilità di carriera. Beth continua a svolgere la sua mansione di “servitrice” nelle cucine: si dedica agli altri. Ma il diario di Geoff le si è insinuato dentro, le parole che lo costituiscono scorrono nelle sue vene mescolandosi alle proprie, in un turbinio di incertezza che sogna di non essere più tale, di farsi consapevolezza. Quella che Beth a poco a poco acquisterà, per ricominciare a vivere come una donna diversa, nuova. Tim Parks torna con un romanzo che ha la freschezza e la carica umana dei diari intimi, ma anche una felicità di scrivere a cui non sono estranei l’umorismo e una piccola, segreta saggezza di vita vissuta.
**

Servitore di Dio e dell’umanità. La biografia di Benedetto XVI

Amato e discusso in ogni fase della vita, Joseph Ratzinger è stato uno dei grandi protagonisti della seconda metà del Novecento e della svolta del millennio. Nato in Germania nel 1927, la sua vita venne segnata dall’ascesa del nazismo, dalla guerra, dal comunismo, come quella di Giovanni Paolo II che, dopo la sua sorprendente elezione, lo volle insistentemente al suo fianco. Eletto a sua volta papa nel 2005, Ratzinger decise di chiamarsi Benedetto XVI a indicare la scelta per Dio, la via della pace operosa nel rispetto degli uomini e del creato. Alla Chiesa, colpita dagli scandali sessuali e finanziari, propose un percorso di purificazione; all’Europa suggerì ripetutamente di valorizzare le radici cristiane; alle religioni domandò un atteggiamento di dialogo al servizio dei popoli e delle nuove urgenze dell’umanità. Da molti non compreso, nel 2013 Benedetto XVI stupì il mondo con le dimissioni dal papato, un gesto clamoroso che a tanti sembrò il segno del tramonto del cattolicesimo. Era, al contrario, il seme sotto la neve, il passaggio obbligato per aprire la Chiesa a una dimensione più universale, a un rinnovamento cui sta lavorando il suo successore, Francesco. Elio Guerriero, che da molti anni ha un rapporto di consuetudine con il papa emerito, ha tracciato un ritratto a tutto tondo del pensatore e uomo di Chiesa che molti hanno appreso ad amare e rispettare dopo le sue dimissioni. Prefazione di papa Francesco.
**

Il Serpente e la Colomba

La giovanissima Amanda sposa Lord Radcliffe per salvare la sua famiglia dalla bancarotta e lo segue in India, dove l’uomo ha piantagioni di tè e terre.
Schiava di timori e pregiudizi, benchè desiderandolo, non riesce a concedersi al suo amore e così Lord Radcliffe trova consolazione tra le braccia di Sonja, una ambiziosa ragazza indiana che vorrebbe prendere il posto della moglie. Amanda deve così iniziare una battaglia per riconquistare il marito e rimane coinvolta in un vortice di intrighi e odi feroci che la portano a sfiorare la morte ma anche a conoscere la vera essenza dell’Amore.
**
### Sinossi
La giovanissima Amanda sposa Lord Radcliffe per salvare la sua famiglia dalla bancarotta e lo segue in India, dove l’uomo ha piantagioni di tè e terre.
Schiava di timori e pregiudizi, benchè desiderandolo, non riesce a concedersi al suo amore e così Lord Radcliffe trova consolazione tra le braccia di Sonja, una ambiziosa ragazza indiana che vorrebbe prendere il posto della moglie. Amanda deve così iniziare una battaglia per riconquistare il marito e rimane coinvolta in un vortice di intrighi e odi feroci che la portano a sfiorare la morte ma anche a conoscere la vera essenza dell’Amore.

Serial killer italiani: cento anni di casi agghiaccianti da Vincenzo Verzeni a Donato Bilancia

Assassini seriali. Da Vincenzo Verzeni alla saponificatrice di Correggio, dal mostro di Firenze a Donato Bilancia e Michele Profeta, passando dai casi Succo, Stevanin e Chiatti. Con piglio giornalistico e quasi in presa diretta, l’autore passa in rassegna la lunga galleria di casi avvenuti a partire dalla fine dell’Ottocento sino ai giorni nostri. In un paese, l’Italia, che resta tra i più colpiti dal fenomeno. Il disordine mentale, il dolore, la passionalità assassina, il bieco interesse, ma anche gli errori della scienza, le manipolazioni mediatiche, le intrusioni politiche, le reazioni dei familiari, la ferocia scatenata della folla.

Seraphina. La ragazza con il cuore di drago

Nei secoli un odio profondo ha diviso il lontano regno di Goredd, un odio sfociato nella più sanguinosa delle guerre: quella tra gli uomini e i draghi. Oggi, la guerra è finita e i vecchi nemici convivono pacificamente da quarant’anni. Ma tanti anni di pace non sono bastati a cancellare il passato e gli uomini non riescono ancora a fidarsi dei draghi che, sotto false sembianze, frequentano la corte e l’università. Così, mentre il quarantesimo anniversario della tregua si avvicina, le tensioni nel regno aumentano. Ogni giorno di più. Seraphina Dombegh è terribilmente spaventata: bella, giovane e piena di talento, lavora a corte come musicista quando un membro della famiglia reale viene assassinato. E le accuse ricadono su un drago. Preoccupata per il futuro del regno, e per la sua stessa vita, Seraphina inizia a indagare, attirando l’attenzione del Capo della Guardia, l’affascinante principe Lucian Kiggs. Presto i due si ritrovano coinvolti in un misterioso complotto per distruggere la pace, uniti da un sentimento che non riescono a controllare. Ma Seraphina dovrà lottare contro se stessa per soffocare quell’amore appena nato. Perché nel suo passato si nasconde un segreto. Un segreto che per nessun motivo al mondo deve essere svelato. Un segreto così terribile che potrebbe distruggere Goredd. Per sempre.

Il sepolcro segreto

Giamaica, 1504. Sono passati dodici anni da quando Cristoforo Colombo è sbarcato sulle coste del Nuovo Mondo. Dodici anni di viaggi e scoperte, in cui l’ammiraglio ha continuato a cercare il luogo giusto. E finalmente l’ha trovato: quella piccola isola, disabitata e protetta da una foresta inaccessibile, è il nascondiglio perfetto per celare agli occhi dell’umanità il tesoro che gli è stato affidato… Florida, oggi. Sono passati otto anni da quando una falsa accusa di plagio ha stroncato la carriera di Tom Sagan. Otto anni in cui Tom ha perso tutto: prima il lavoro al Los Angeles Times, poi il premio Pulizer, infine la moglie. E, proprio quando pensava di aver ormai toccato il fondo, davanti a lui si spalanca un baratro di angoscia: sua figlia viene rapita. Se vuole riabbracciarla, Tom deve recuperare un oggetto che la sua famiglia possiede da tempo immemorabile e che, alla morte del padre, è stato sepolto insieme con lui. Tom non può che obbedire alle istruzioni dei rapitori tuttavia, non appena ha tra le mani quel prezioso reperto, capisce di non poterglielo consegnare. Perché quello è solo il primo indizio per svelare un segreto antichissimo, un segreto che potrebbe riscrivere la Storia. Un segreto il cui ultimo depositario è stato Cristoforo Colombo…
(source: Bol.com)

Dei sepolcri

Il Carme nacque come reazione all’editto napoleonico di Saint-Cloud che imponeva l’edificazione fuori le mura cittadine dei cimiteri e l’uniformita delle sepolture. Il Foscolo nel suo testo pone pero in questione l’idea di fondo dell’editto, rivalutando con maestria poetica le antiche tradizioni funebri e l’importanza del sepolcro come mediazione e rapporto con i defunti. Della presente edizione illustrata sono stati realizzati 103 esemplari aventi la stessa tiratura della prima edizione avvenuta a Brescia nel 1807. Questi esemplari numerati sono stati realizzati con carta riciclata e copertina di cartone color avana.”
(source: Bol.com)

Una separazione

«Katie Kitamura possiede un grande talento.»The Boston Globe«Un libro sorprendente e una scrittura affilata come un rasoio.»The Financial Times«Kitamura è una scrittrice dall’immaginazione visionaria.»The New Yorker«Una scrittura austera, lirica, inquietante. Per chi vuole riflettere sulle difficoltà delle relazioni d’amore.»Library Journal«Una meditazione ipnotica sull’infedeltà e l’impossibilità di conoscere davvero il proprio marito.»Kirkus«Katie Kitamura unisce l’analisi perfetta di relazioni complicate alla tensione del thriller.»Elle«Una riflessione profonda sulla complessità delle emozioni suscitate dalla perdita.»Huffington PostLa donna che racconta in prima persona decide, d’accordo con il marito, per la separazione, che però deve restare per il momento segreta. Intanto le arriva la notizia che Christopher è introvabile, in una regione della Grecia dove sta facendo ricerche per un libro di antropologia. Benché riluttante, si convince ad andarlo a cercare, e scopre via via di non conoscere come credeva l’uomo che ha sposato. L’indagine, anche introspettiva, della protagonista diventa da un certo punto in poi la ricerca dell’autore di un delitto inspiegabile. Ma la narrazione è ancora pervasa da una vena di antipathos, fredda, analitica, distaccata quasi quanto quella di una polizia indifferente. Una vicenda di infedeltà e di segreti, Una separazione riguarda l’incolmabile distanza che ci separa dalla vita degli altri e le storie che raccontiamo a noi stessi per fingere di colmarla.La scrittura di Kitamura è eccellente, anche nel rievocare situazioni e aneddoti solo in apparenza poco importanti: sembra divagare, e invece invita il lettore, sempre più perplesso, ma anche sempre più incuriosito, a girare pagina. Vittima del marito, la giovane protagonista riscuote subito le simpatie del lettore, che poi però comincia a farsi parecchie domande. Lo stile è chiaro, algido, a tratti minimalista, ma anche vivido, preciso, e non annoia mai. L’ambientazione è perfetta, priva di esotismi e pregiudizi, proprio come nei tanti romanzi che Patricia Highsmith ambienta all’estero.

Senza te io non esisto

“Perché non mi hai ancora chiamato?” “Mi ami?” “Ti manco?” “È tutto il giorno che ti cerco.” “Pensi ancora a lei?” “Non stai mai con me.” “Alla fine, lo sai, faccio tutto quello che vuoi tu.” Sono tante le donne di ogni età a rivolgersi al loro uomo con parole come queste, le parole della dipendenza amorosa. Perché? Perché questa martellante richiesta di conferme? Perché niente conta se lui non c’è? Perché confondere ancora la passione con l’appartenenza? Che senso ha questo attaccamento così rischioso e autodistruttivo che induce gli uomini alla fuga e impone inutili rinunce alla propria autonomia? Nel nostro tempo una donna può finalmente vivere in prima persona senza affidare la sua esistenza a qualcun altro e amare, semplicemente, rimanendo se stessa, senza ansia di controllo, né immotivate gelosie. In un dialogo immaginario con una giovane amica, Marina Valcarenghi analizza un comportamento ancora molto diffuso soprattutto nelle giovani generazioni, che riconsegna le donne al secolo scorso e le condanna alla particolare infelicità di chi non è capace di vivere nel proprio tempo. Perché l’amore oggi, come scrive l’autrice in uno dei passaggi più toccanti di questa illuminante conversazione, non può che essere un privilegio delle persone libere.

Senza rimpianto

The Hacker Series Al 1° posto nella classifica del New York Times 2 milioni di copie nel mondo Qualche giorno dopo il loro matrimonio, Blake ed Erica Landon partono per il viaggio di nozze, un momento molto atteso da entrambi, e che sperano serva a rafforzare il loro legame e a cancellare le ferite del passato. Ma proprio quando sembra che i problemi siano superati, si scatena uno scandalo in cui è implicato il candidato governatore Daniel Fitzgerald. Appena tornato a casa, Blake si trova coinvolto nella faccenda ed è terrorizzato dal fatto che possa venire a galla il suo passato di hacker. Il rischio che questo pantano mediatico inghiottisca Blake è forte, ma Erica è pronta a tutto pur di stargli accanto e tirarlo fuori dai guai. Quando però Blake si rifiuta di collaborare con gli inquirenti, la complicità che li unisce comincia piano piano a sgretolarsi… La posta in gioco è la loro felicità presente e futura, ma Blake è davvero ossessionato dal suo misterioso passato… Un fenomeno internazionale Una storia d’amore sensuale Una serie che dà dipendenza «Evviva l’eros di Meredith Wild.» «Sarà difficilissimo dire addio a Erica e Blake, ormai li sento come parte della mia famiglia: li ho visti cambiare, crescere e diventare le persone magnifiche che sono ora. E la loro storia d’amore è una di quelle che restano per sempre scolpite nel cuore: è bollente, sensuale e ti tiene sempre sulle spine. Avrei voluto che non finisse mai. Ho cercato di assaporare ogni secondo di questo libro! Ho riso, ho pianto e ho pianto ancora. Una serie imperdibile!» «Straordinario. Una storia che ti tiene avvinto dal primo all’ultimo libro della serie: fino all’ultima pagina riesci a sentire la gioia, la disperazione, la confusione, la passione, l’incertezza dei protagonisti.» «Una serie assolutamente FA-VO-LO-SA! Non riuscivo più a staccarmene. Erica e Blake mi sono entrati nel cuore e credo che ci rimarranno a lungo.» «Ne voglio ancora! Per favore Meredith, fai proseguire la serie, non posso più fare a meno di Blake ed Erica!» «Sono letteralmente impazzita per questa serie, non faccio altro che pensare e Blake ed Erica. È la cosa migliore che ho letto finora e spero davvero che Meredith Wild continui a regalarci emozioni.» Meredith Wild È un’autrice bestseller del «New York Times» e di «USA Today», tradotta in molti Paesi. Vive a Boston con il marito e i loro tre figli. Ha esordito nel self-publishing prima di firmare un importante contratto con il gruppo editoriale Hachette. Nel 2015 ha fondato la Waterhouse Press, piccola ma aggressiva casa editrice indipendente. Con la Newton Compton sono usciti Senza difese, Senza colpa, Senza pentimento, Senza Controllo e Senza rimpianto, i primi capitoli della Hacker Series, un successo mondiale.

Senza parole

Alcuni segreti sono troppo pericolosi per essere svelati Un successo mondiale Megan non parla. Da mesi non dice una parola. Gran parte delle persone a cui tiene si sono allontanate da lei nel tempo, ma per Megan questo è il problema minore. Perché ci sono cose intrappolate nella sua mente – cose che gridano per essere ascoltate – che non può, non deve, lasciare uscire. Poi a scuola arriva Jasmine: spumeggiante, bellissima, loquace. E per motivi che Megan non riesce a comprendere, la vita comincia a sembrare un po’ più luminosa. Megan vorrebbe ricominciare a parlare, e sembra che Jasmine possa essere la soluzione. Ma se ritrovasse la voce e perdesse tutto il resto?Abbie Rushtonha vinto il premio Undiscovered Voices 2010, un concorso della Society of Children’s Book Writers and Illustrators. Si è laureata in Letteratura inglese e scrittura creativa alla University of East Anglia, e lavora come editor presso un grande editore scolastico. Senza parole è il suo primo romanzo.