40625–40640 di 62912 risultati

Kaisho

Torna in azione Nicholas Linnear, formidabile mago-guerriero le cui potenti facoltà paranormali sono in grado di penetrare i più tenebrosi segreti dell’universo. Per lui è venuto il momento di pagare un debito d’onore: proteggere l’amico del padre, Mikio Okami, da un grave pericolo. Ma non sa che Okami è in realtà il leggendario Kaisho, signore della Yakuza, la spietata organizzazione criminale giapponese, che ha stretto un’alleanza di ferro con la mafia americana.
**

K. Nel mare del tempo

È passato un anno dall’intrigo in cui Katherine Sinclaire ha rischiato di perdere la vita. Ma l’incubo sta per tornare: durante la presentazione del primo romanzo della brillante manager, un uomo si spara di fronte a lei, dopo averle consegnato un simbolo cifrato. Katherine si trova di nuovo risucchiata in una caccia al tesoro sanguinaria che la metterà sulle tracce di Angelica, una misteriosa donna vissuta nel Medioevo. Addentrandosi nei cunicoli sotterranei usati dagli eretici, Katherine scoprirà che quei passaggi custodiscono uno dei più straordinari segreti della storia. In un tumultuoso viaggio dalla Bretagna, la terra delle maree, ai nascondigli prealpini di Fra Dolcino, Katherine capirà di essere legata ad Angelica da un filo invisibile ma fortissimo… più forte del destino che sta per guidarla verso una scelta da cui non c’è ritorno.
**

K come killer

Rude e disincantata, ma dotata di una straordinaria carica umana e di una rara intelligenza pratica, Kinsey Millhone è una delle investigatrici più simpatiche e accattivanti apparse da molto tempo sulla scena del giallo. Questa volta, alle prese con la morte di Lorna Kepler, una ragazza che non sapeva resistere al fascino del pericolo, Kinsey si trova risucchiata nell’universo oscuro della prostituzione, dove il pericolo è sempre in agguato.
Uno dei romanzi più tesi e avvincenti dell'”alfabeto del crimine” di Sue Grafton, autrice che sa unire magistralmente la grande tradizione del giallo all’inglese con l’azione e la ricostruzione di ambienti tipica dei thriller americani.

JOOP: Milano’s Gate

Siamo al 2° romanzo della serie “Joop” e inizia un altro viaggio. Questa volta troverete un’atmosfera un po’ diversa rispetto a “Narita’s gate”. Il protagonista si trova in Italia e incontra una donna particolare. Adele, infermiera in un reparto pediatrico, è poco appariscente, ma nonostante ciò, attrae Joop, forse proprio grazie alla sua semplicità.
In questo viaggio nessun soggiorno in alberghi lussuosi, ma una casa con vista sul mare, ad Ancona. Di conseguenza, Joop vive una vita più normale, lavora da casa e interagisce quasi per niente col nuovo datore di lavoro.
Tutta la prima parte del romanzo è incentrata sul suo tentare di avvicinarsi ad Adele.
Il ritorno ad Amsterdam è, come sempre, catartico, una sorta di ritorno al nido, agli affetti e ai ragazzi della casa.
Wil ha vinto un premio e Joop deve essere presente alla serata per bambini e genitori. Amando Wil, partecipa alla festa con grande piacere, però non resiste a lungo a causa di alcune presenze che lo mettono a disagio. Di conseguenza, finisce per rifugiarsi in un letto accogliente a fare del buon sesso ma, al ritorno a casa, riceve una misteriosa email.

Jonathan Strange e il signor Norrell

Narra la leggenda che, secoli fa, viveva in Inghilterra un re allevato dalle fate. Un’epoca lontana, di grandi prodigi e meraviglie, che nella Londra di inizio Ottocento sembra ormai materia di fiabe e di racconti popolari. Nelle grigie vie londinesi riecheggia però un’antica profezia attribuita al sovrano: parole oscure ed enigmatiche sulle labbra di un improbabile negromante dalla pelle blu, che annunciano una nuova era di portenti.
E a breve giunge in città Gilbert Norrell, capace di far rivivere gli antichi fasti della magia grazie ai suoi poteri straordinari. Misantropo per eccellenza, scorbutico e dotto, vorrebbe porre le sue arti magiche al servizio del governo nella guerra contro Napoleone. E quale migliore occasione per mettersi in evidenza che riportare in vita la moglie di un importante ministro, da poco scomparsa? Il destino della giovane donna, sempre insidiata da forze oscure, sarà il filo conduttore del romanzo, insieme al rapporto fra Norrell e Jonathan Strange, eccentrico e audace gentiluomo che ha da poco intrapreso la carriera magica. Prima maestro e allievo, poi antagonisti in uno scontro che assume toni sempre più foschi, i due torneranno a unirsi nella più pericolosa delle magie…
Ma la drammatica profezia è davvero destinata a compiersi? Il ritorno della magia sul suolo britannico vale un sacrificio così grande? Sospeso tra il sogno e la realtà, il grottesco e la tragedia, la cronaca e il fantastico, uno straordinario affresco d’epoca cui non manca un tocco di autentico humour inglese.
**
### Sinossi
Narra la leggenda che, secoli fa, viveva in Inghilterra un re allevato dalle fate. Un’epoca lontana, di grandi prodigi e meraviglie, che nella Londra di inizio Ottocento sembra ormai materia di fiabe e di racconti popolari. Nelle grigie vie londinesi riecheggia però un’antica profezia attribuita al sovrano: parole oscure ed enigmatiche sulle labbra di un improbabile negromante dalla pelle blu, che annunciano una nuova era di portenti.
E a breve giunge in città Gilbert Norrell, capace di far rivivere gli antichi fasti della magia grazie ai suoi poteri straordinari. Misantropo per eccellenza, scorbutico e dotto, vorrebbe porre le sue arti magiche al servizio del governo nella guerra contro Napoleone. E quale migliore occasione per mettersi in evidenza che riportare in vita la moglie di un importante ministro, da poco scomparsa? Il destino della giovane donna, sempre insidiata da forze oscure, sarà il filo conduttore del romanzo, insieme al rapporto fra Norrell e Jonathan Strange, eccentrico e audace gentiluomo che ha da poco intrapreso la carriera magica. Prima maestro e allievo, poi antagonisti in uno scontro che assume toni sempre più foschi, i due torneranno a unirsi nella più pericolosa delle magie…
Ma la drammatica profezia è davvero destinata a compiersi? Il ritorno della magia sul suolo britannico vale un sacrificio così grande? Sospeso tra il sogno e la realtà, il grottesco e la tragedia, la cronaca e il fantastico, uno straordinario affresco d’epoca cui non manca un tocco di autentico humour inglese.

Jonas e Viridiana. Il cuore d’inverno

Anno Domini 1095. Cresciuta all’estremo nord del Sacro Romano Impero, Viridiana è abituata a viaggiare ed esercitare l’arte della guarigione. Fino a quando re Jonas dei Naconidi irrompe nel suo villaggio e la reclama come ostaggio in cambio della pace, ammaliato dalla chioma di fuoco e dallo spirito fiero che la contraddistinguono. Perché proprio a lei è toccato in sorte un simile sacrificio? Jonas è un sovrano arrogante e un guerriero spietato. Non c’è limite alla sua forza, né al suo desiderio di proteggere il figlio Andreas, unico vincolo con il suo perduto amore. Il suo cuore è in silenzio, non sa più amare né provare tenerezza. Eppure, vicino a Viridiana, si sente più vivo che mai. Ma non c’è pace nelle terre di confine, e quando il piccolo Andreas viene rapito dai predoni turchi insieme alla sorella di Viridiana, i due seguiranno la via percorsa da Goffredo di Buglione e dai crociati verso l’Oriente. Il mondo sta cambiando, l’esercito di Dio è partito alla conquista di Gerusalemme e due nemici scopriranno che l’amore più grande divampa dal fuoco di un odio cocente.

(source: Bol.com)

John Shannow l’ultimo dei guardiani

Da tempo immemorabile il corso delle umane cose è determinato dalla lotta fra i membri di una razza eterna, una casta di immortali che ha incarnato gli dei delle più diverse mitologie e influenzato le vite dei più leggendari eroi. La Terra è ormai sconvolta da guerre e pestilenze e vive l’esistenza selvaggia di un medioevo post-atomico, fra superstizione e violenza. In questo mondo duro e affascinante cavalca un giustiziere silenzioso e implacabile. Il suo nome è Jon Shannow, ma tutti lo chiamano l’Uomo di Gerusalemme perché da anni è alla ricerca di una città mitica: un sogno che porta quel nome.
**

Job Revolution

Il tema della scelta professionale per i giovani sta diventando una questione sempre più spinosa, in una società in rapida evoluzione, con un mercato del lavoro che ha subito drastici cambiamenti negli ultimi decenni, un’università che fatica ad adeguarsi alla realtà e i titoli di studio che perdono progressivamente valore. Bombardati da messaggi e slogan contraddittori, idealizzati o colpevolizzati a seconda dell’occorrenza, i giovani, e i loro genitori, sono confusi e faticano a trovare obiettivi, entusiasmo e passione. Nell’era della globalizzazione, della multiculturalità e dei social network, il libro si propone come una guida che, attraverso un percorso di orientamento strutturato a fasi ed esercizi, accompagna gli studenti e i neolaureati alla definizione del loro profilo professionale, in un mercato del lavoro in continua evoluzione e in cui la carriera non è più affidata all’azienda ma è divenuta una responsabilità personale. Il testo è corredato di numerose indicazioni pratiche per la corretta gestione della presenza online e dei processi di selezione, in modo da affrontare la ricerca del primo lavoro con idee chiare e fiducia in sé stessi e nel futuro.

(source: Bol.com)

Jim Digriz l’implacabile

Non c’è paragone che tenga per James Bolivar diGriz: inafferrabile criminale cosmico, indiavolato filibustiere spaziale… insomma il più scaltro e temibile fuorilegge dell’universo conosciuto. Non c’è banca che possa resistergli, nè astronave che egli non riesca a rubare sotto gli occhi del suo capitano; può scatenare senza difficoltà guerre, sommosse, rivoluzioni, ma anche farle cessare all’istante muovendo un dito. Nessuna impresa gli è preclusa, purché vi sia un adeguato tornaconto. Cosi, quando Jim cade nella rete della giustizia, non rimane che adottare una soluzione geniale: arruolarlo come superagente dei famigerati Corpi Speciali, mettendo al servizio della legge le sue impareggiabili doti. E cosi hanno inizio le leggendarie imprese di Jim diGriz “Ratto d’acciaio”, che lo vedranno impegnato in rocambolesche missioni e avventure mozzafiato da un angolo all’altro dell’universo o nelle più strane epoche storiche, perché quando per chiunque le probabilità di successo sono zero, Jim diGriz invece può farcela. Eccolo quindi pronto a scatenare una guerriglia contro i temibili uomini grigi di Cliaand, capeggiati dall’indomito Kraj, oppure alle prese con una misteriosa volontà che sta manipolando il flusso del tempo, alterando il passato per cancellare il presente o, ancora, costretto a salvare l’intera galassia dalla distruzione totale in seguito alla più imponente invasione aliena che si possa concepire. Harry Harrison ha entusiasmato i lettori di fantascienza di tutto il mondo con le celeberrime avventure di Jim diGriz “Ratto d’acciaio” che ora vengono presentate integralmente anche in Italia: una serie di vicende ricche di azione, humour e inventiva che non concedono un attimo di pausa, un tour de force di autentico divertimento.

JFK. Sulle tracce degli assassini

All’indomani dell’omicidio di John Kennedy, avvenuto a Dallas il 22 novembre 1963, si sarebbero potute trovare fin da subito delle crepe nella ricostruzione ufficiale dei fatti. Ci fu chi volle provarci, nel tentativo di avvicinarsi alla verità. Jim Garrison, allora procuratore distrettuale di New Orleans, venne incaricato delle indagini e questo libro è il resoconto dell’inchiesta delle sue scomode conclusioni. Osteggiato dal governo e dalle testate più influenti, Garrison individuò infatti i mandanti e soprattutto il movente dell’omicidio: a eliminare Kennedy furono i servizi segreti, in connivenza con molti dei personaggi allora al potere, che volevano impedirgli a ogni costo di porre fine alla Guerra Fredda e alla guerra in Vietnam.
**

Jane Eyre

Tratto da ”Jane Eyre o le memorie d’un’istitutrice”, di Charlotte Brontë. Fratelli Treves Editori, Milano, 1904. Uscito nel 1847 è il capolavoro della scrittrice inglese Charlotte Brontë.

Scritto in forma autobiografica, racconta l’evoluzione emotiva, morale e sentimentale di Jane Eyre. Grazie al suo porsi in dissonanza con i cliché dell’epoca, fu accolto con successo già al suo apparire. Molti i punti di forza del romanzo: descrizioni vivaci, realistiche e non pedanti, profonda psicologia dei personaggi, intensa analisi dei sentimenti e soprattutto la protagonista, Jane Eyre, dotata di integrità, indipendenza, forza interiore e passionalità.

Nota: gli e-book editi da E-text in collaborazione con Liber Liber sono tutti privi di DRM; si possono quindi leggere su qualsiasi lettore di e-book, si possono copiare su più dispositivi e, volendo, si possono anche modificare.

Questo e-book aiuta il sito di Liber Liber, una mediateca che rende disponibili gratuitamente migliaia di capolavori della letteratura e della musica.
(source: Bol.com)

Jaguar

**Jaguar**
Genere: Crime Romance, Suspense
Rafael è cresciuto in un inferno, chiamato Little Havana, fra la brutalità delle strade, fra la violenza subita dal padre e da tutti quelli che ha incontrato. Ha sempre sopportato tutto, solo grazie alla speranza di avere una vita migliore.
Ma quando a quindici anni prende per la prima volta in mano una pistola, capisce che il suo destino è già segnato. Dopo aver ucciso suo padre, viene condotto in un convitto religioso per ragazzi disagiati e senza futuro.
Anche in quell’istituto, Rafael deve sottostare alla violenza e subisce abusi, diventando l’ossessione di una giovane suora, Suor Lucrecia, una donna sadica e mentalmente instabile che lo trascina nelle sue perversioni.
Il destino però è implacabile, e torna a tormentare Rafael, perché non può sfuggire a quello a cui è stato destinato.
Lui non è come tutti gli altri ragazzi, Rafael Guerrera è un nome che passerà di bocca in bocca, perché sarà uno degli uomini più potenti e temuti di Miami, e diventerà il più giovane narcotrafficante della città.
Il suo soprannome e la sua fama lo precederanno, e saranno la sua maledizione: lui è *el Jaguar*, una bestia assetata di sangue, un uomo che non ama e che non vuole essere amato, mantenendo una sola promessa.
Mai fare del male a donne e bambini.
*Jaguar* è uno spin off del romanzo *Pecador*, scritto a quattro mani da Aura Conte e Connie Furnari, un crime romance che è stato al primo posto dei bestseller Thriller più venduti di Amazon Kindle Store, nella Top Five dei bestseller rosa, e nella classifica Top 100 dei bestseller italiani in Inghilterra e in Germania.
Questo spin off può essere letto indipendentemente dalla saga, essendo gli avvenimenti antecedenti alla serie principale.
Racconta l’adolescenza di Rafael e la sua sofferta ascesa nel mondo della criminalità organizzata di Miami, fino a diventare *Jaguar*, l’uomo più potente e temuto della città.
Premetti il grilletto, lo sparo echeggiò forte con un boato, il contraccolpo mi fece male alle braccia, perché era la prima volta che sparavo e non me l’ero aspettato.
Dopo qualche secondo, compresi quello che avevo appena fatto: davanti a me vidi mio padre che si agguantava la camicia sporca di sangue, provando a fermare l’emorragia sul suo torace.
Il suo sguardo, che fino a pochi secondi prima mi aveva scrutato con sdegno e derisione, adesso era cambiato. In silenzio, mi stava chiedendo come avessi potuto farlo, come un figlio avesse potuto sparare a suo padre.
Lo osservai morire, fino alla fine, godendomi quel momento.
Sostenni il suo sguardo fino a quando non si accasciò seduto sul pavimento. Continuammo a guardarci negli occhi, finché i suoi non divennero fissi e immobili. Il suo capo cadde penzoloni su una spalla.
Sentii un vocio fuori dalla porta, nel nostro giardino. I vicini avevano sentito lo sparo, presto qualcuno avrebbe chiamato gli sbirri, ne ero certo.
Se le macchine della *Policia* sarebbero venute o meno, era tutto da vedere. Di solito, se avevano altre seccature alla centrale o per le strade, neppure si scomodavano a raggiungere Little Havana.
Ma comunque fosse andata, dal momento stesso in cui avevo preso in mano quella pistola, prima ancora di premere quel fottuto grilletto, la mia vita era cambiata.
Quel giorno il bambino dentro di me era morto, ed era nata la bestia assetata di sangue che mi avrebbe portato a essere chi avevo sempre desiderato.
Rafael Guerrera.
*Jaguar*.
**
### Sinossi
**Jaguar**
Genere: Crime Romance, Suspense
Rafael è cresciuto in un inferno, chiamato Little Havana, fra la brutalità delle strade, fra la violenza subita dal padre e da tutti quelli che ha incontrato. Ha sempre sopportato tutto, solo grazie alla speranza di avere una vita migliore.
Ma quando a quindici anni prende per la prima volta in mano una pistola, capisce che il suo destino è già segnato. Dopo aver ucciso suo padre, viene condotto in un convitto religioso per ragazzi disagiati e senza futuro.
Anche in quell’istituto, Rafael deve sottostare alla violenza e subisce abusi, diventando l’ossessione di una giovane suora, Suor Lucrecia, una donna sadica e mentalmente instabile che lo trascina nelle sue perversioni.
Il destino però è implacabile, e torna a tormentare Rafael, perché non può sfuggire a quello a cui è stato destinato.
Lui non è come tutti gli altri ragazzi, Rafael Guerrera è un nome che passerà di bocca in bocca, perché sarà uno degli uomini più potenti e temuti di Miami, e diventerà il più giovane narcotrafficante della città.
Il suo soprannome e la sua fama lo precederanno, e saranno la sua maledizione: lui è *el Jaguar*, una bestia assetata di sangue, un uomo che non ama e che non vuole essere amato, mantenendo una sola promessa.
Mai fare del male a donne e bambini.
*Jaguar* è uno spin off del romanzo *Pecador*, scritto a quattro mani da Aura Conte e Connie Furnari, un crime romance che è stato al primo posto dei bestseller Thriller più venduti di Amazon Kindle Store, nella Top Five dei bestseller rosa, e nella classifica Top 100 dei bestseller italiani in Inghilterra e in Germania.
Questo spin off può essere letto indipendentemente dalla saga, essendo gli avvenimenti antecedenti alla serie principale.
Racconta l’adolescenza di Rafael e la sua sofferta ascesa nel mondo della criminalità organizzata di Miami, fino a diventare *Jaguar*, l’uomo più potente e temuto della città.
Premetti il grilletto, lo sparo echeggiò forte con un boato, il contraccolpo mi fece male alle braccia, perché era la prima volta che sparavo e non me l’ero aspettato.
Dopo qualche secondo, compresi quello che avevo appena fatto: davanti a me vidi mio padre che si agguantava la camicia sporca di sangue, provando a fermare l’emorragia sul suo torace.
Il suo sguardo, che fino a pochi secondi prima mi aveva scrutato con sdegno e derisione, adesso era cambiato. In silenzio, mi stava chiedendo come avessi potuto farlo, come un figlio avesse potuto sparare a suo padre.
Lo osservai morire, fino alla fine, godendomi quel momento.
Sostenni il suo sguardo fino a quando non si accasciò seduto sul pavimento. Continuammo a guardarci negli occhi, finché i suoi non divennero fissi e immobili. Il suo capo cadde penzoloni su una spalla.
Sentii un vocio fuori dalla porta, nel nostro giardino. I vicini avevano sentito lo sparo, presto qualcuno avrebbe chiamato gli sbirri, ne ero certo.
Se le macchine della *Policia* sarebbero venute o meno, era tutto da vedere. Di solito, se avevano altre seccature alla centrale o per le strade, neppure si scomodavano a raggiungere Little Havana.
Ma comunque fosse andata, dal momento stesso in cui avevo preso in mano quella pistola, prima ancora di premere quel fottuto grilletto, la mia vita era cambiata.
Quel giorno il bambino dentro di me era morto, ed era nata la bestia assetata di sangue che mi avrebbe portato a essere chi avevo sempre desiderato.
Rafael Guerrera.
*Jaguar*.
### L’autore
Connie Furnari è nata a Catania. Laureata in lettere, appassionata di cinema, pittura e film d’animazione, è un’autrice Rizzoli. Ha pubblicato con varie case editrici, in self publishing e ha vinto diversi premi letterari. È una scrittrice multi-genere, predilige scrivere il fantasy e il paranormal, ma si dedica anche al romance, al thriller, alla narrativa per bambini e ragazzi, e ad altri generi letterari. Tutte le sue opere sono facilmente reperibili on line, sia in digitale che in cartaceo. Vive tra centinaia di libri e dvd, ed è presente nei social network. Ama leggere, disegnare manga, e dipingere quadri.

Jack Reacher. Punto di non ritorno

Jack Reacher torna a casa. O per lo meno al luogo più simile a una casa che un uomo senza legami e senza radici come lui abbia mai avuto. Dalle nevi e dal gelo del South Dakota arriva fino in Virginia, per raggiungere il quartier generale della 110ª Unità della polizia militare. È lì che ha prestato servizio come maggiore, prima di scegliere una vita libera lungo le strade d’America, al servizio della giustizia. Un viaggio nel passato, ma anche nel futuro: Reacher è spinto dal desiderio e dalla curiosità di conoscere di persona la donna che ha preso il suo posto, quel maggiore Susan Turner che finora è stata per lui solo una voce gentile e intrigante al telefono. Ma nulla va mai come deve andare. Susan Turner pare scomparsa nel nulla e nessuno sembra gradire la presenza di Reacher, al quale vengono annunciate due notizie sconvolgenti. Una che lo riporta a un violento episodio di sedici anni prima e lo potrebbe costringere ad anni di galera. L’altra molto, troppo personale e devastante per la sua coscienza. Di fronte a una minaccia ci sono solo due strade da percorrere: la fuga o il combattimento, e per un uomo come Reacher la scelta non si pone…
**

Jack Barron e l’eternità (Urania)

Trent’anni fa i giovani del ’68 sono diventati la classe dirigente, hanno avuto figli a cui trasmettere il potere e molti sono già andati in pensione o si apprestano a farlo, dopo aver ampiamente trasformato la civiltà occidentale. Ma siamo sicuri che siano disposti a uscire di scena, loro che hanno rappresentato la generazione più radicale dei nostri tempi? E d’altra parte, quale alternativa avrebbero visto che tutti dobbiamo morire? Norman Spinrad risponde con un romanzo dell’immediato futuro che parte dalla ricerca dell’immortalità (e dell’ibernazione artificiale) per arrivare alla definitiva mercificazione di ogni attività umana. Ambientato in un’America istupidita dai media, che accantona i suoi problemi dimenticandoli con la droga e il sesso, racconta una lotta occulta per il potere non limitata entro l’arco di una legislatura o di una vita umana: ma assoluto, esteso a tutta l’eternità.
**
### Sinossi
Trent’anni fa i giovani del ’68 sono diventati la classe dirigente, hanno avuto figli a cui trasmettere il potere e molti sono già andati in pensione o si apprestano a farlo, dopo aver ampiamente trasformato la civiltà occidentale. Ma siamo sicuri che siano disposti a uscire di scena, loro che hanno rappresentato la generazione più radicale dei nostri tempi? E d’altra parte, quale alternativa avrebbero visto che tutti dobbiamo morire? Norman Spinrad risponde con un romanzo dell’immediato futuro che parte dalla ricerca dell’immortalità (e dell’ibernazione artificiale) per arrivare alla definitiva mercificazione di ogni attività umana. Ambientato in un’America istupidita dai media, che accantona i suoi problemi dimenticandoli con la droga e il sesso, racconta una lotta occulta per il potere non limitata entro l’arco di una legislatura o di una vita umana: ma assoluto, esteso a tutta l’eternità.

J come judgement

È la decima avventura di Kinsey Millhone, l’investigatrice dalla vita arruffata e scombinata come i suoi capelli e il suo abbigliamento. Viene richiamata dalla società di assicurazioni per la quale aveva lavorato e dalla quale era stata allontanata in seguito a un insuccesso. Deve cercare, e trovare, un certo Wendell che la società dovrebbe accettare come morto e quindi pagare una congrua polizza alla vedova e che invece risulterebbe vivo e vegeto a godersi, in compagnia di un’altra donna, il sole del Messico. Wendell, dopo aver aperto un’agenzia immobiliare in grande stile con un socio, aveva avuto un terribile dissesto finanziario e, uscito con la sua barca in mare, era annegato. Ma il suicidio non convince nessuno: né la vedova né gli assicuratori. E tutti vogliono quella verità che solo Kinsey Millhone potrebbe scoprire. Kinsey in effetti riesce a ritrovare Wendell ma poi lo perde di nuovo e questa volta per sempre. E più si immerge in questo nuovo mistero, in questo intricato groviglio dove l’ambiguità è la regola dominante e il delitto ne è troppo spesso la tragica conseguenza, più la giovane donna si ritrova a dover esplorare il suo stesso passato e a metterlo in discussione.