40433–40448 di 72034 risultati

Desperation

Desperation è il nome appropriato per la tetra cittadina nel deserto del Nevada in cui approdano alcuni ignari viaggiatori. A vegliare sull’ordine pubblico c’è Collie Entragian, un poliziotto con un senso dell’ordine e della legge del tutto particolare. Ma l’uomo è solo la modesta propaggine della diabolica presenza che ha contagiato Desperation e ne ha invaso il sottosuolo: un’entità terrificante che scatenerà un apocalittico scontro tra bene e male, tra follia e rivelazione… trascinando i lettori dentro una storia da brivido.

Desiderio nascosto (eLit)

Un concentrato di sensualità, passione, peccato e fantasia. Sfumature di trasgressione… è peccato non leggerle.
Tutto ciò che Valérie vorrebbe è una pausa dalla sua routine quotidiana, e poiché ogni tanto i sogni si avverano un giorno un uomo sbuca dal suo passato per travolgere il suo presente, e risvegliare la donna sensuale che ancora si cela in lei.
Leggi anche:
* Un assistente personale
* Sette giorni in prestito
* Per il tuo piacere
* Rituale proibito
* Il ritmo della notte
**
### Sinossi
Un concentrato di sensualità, passione, peccato e fantasia. Sfumature di trasgressione… è peccato non leggerle.
Tutto ciò che Valérie vorrebbe è una pausa dalla sua routine quotidiana, e poiché ogni tanto i sogni si avverano un giorno un uomo sbuca dal suo passato per travolgere il suo presente, e risvegliare la donna sensuale che ancora si cela in lei.
Leggi anche:
* Un assistente personale
* Sette giorni in prestito
* Per il tuo piacere
* Rituale proibito
* Il ritmo della notte

Desiderio nascosto

Tutti quegli anni trascorsi prendendosi cura dei bambini, badando alla casa, sostenendo suo marito nella carriera, Valérie sente che la passione in lei è svanita, e vuole una pausa dalla routine quotidiana.Una pausa che inaspettatamente le regala un incontro con un uomo del suo passato. Un uomo che sa come risvegliare in lei quel puro desiderio sessuale che aveva creduto di aver perso per sempre.

Desideri Proibiti

## Quando Grace e Kyros si incontrano Kyros sta cercando di evitare i giornalisti. È imputato per omicidio in un processo che si trascina da un anno e mezzo e la stampa gli sta con il fiato sul collo. In quanto a Grace, è una ex-modella diventata fotografa, che mai avrebbe pensato di trovarsi ad avere a che fare con un personaggio equivoco come lui. Ma l’attrazione è immediata e dirompente. E Grace si rende presto conto che Kyros è l’unico uomo che abbia mai incontrato in grado di soddisfare i suoi desideri proibiti…
La biondina rise e gli strizzò una chiappa. «Andiamo, ho le tette tutte bagnate».
La sua frase shock confuse i fotografi abbastanza a lungo perché riuscissero a superarli e andare verso la berlina nera che si stava accostando al marciapiede proprio in quel momento. Kyros si sciolse dall’abbraccio e aprì galantemente la portiera alla sua complice improvvisata. Mentre lei entrava notò che aveva uno stacco di gambe del tutto rispettabile, anche se terminavano in un paio di anfibi di vernice un po’ troppo vistosi per i suoi gusti. Ma sulla carne in quanto tale non aveva proprio niente da dire. Quella Grace aveva una gran bella figura, snella e soda. Scivolò a sedere accanto a lei e chiuse la portiera.
«Tra l’altro è anche vero» disse, battendo sul vetro divisorio per indicare a Jim che poteva partire, «hai le tette tutte bagnate».
Si voltò per guardarle alla fioca luce interna dell’abitacolo. Tette piccole e sode, niente reggiseno, capezzoli duri per il freddo o per chissà quale motivo al di sotto della stoffa elasticizzata del vestito. La pelle chiara di Grace era lucida di alcool dove si era versato il cocktail, il vestito aveva una macchia fradicia al centro.
«Già. Ce l’hai un fazzoletto?».
Kyros le allungò quello che aveva nel taschino. La biondina lo usò per asciugarsi e nel farlo gli mostrò praticamente tutta la mercanzia.
Kyros tirò fuori dal portafogli duecento dollari e li posò sul sedile accanto a lei. «Ogni promessa è debito, Grace Willis. Posso lasciarti qualche isolato più in là oppure portarti a casa con me. Ma non se devo pagare anche per quello».
Lei rise. «Guarda che sono una fotografa, non una escort». Ma non sembrava offesa. Ora che Kyros ci faceva caso, invece, sembrava parecchio sbronza. «Facciamo una cosa: mentre andiamo a casa tua me la lecchi. Se mi convinci entro con te».
Anche Kyros rise – e quasi strozzò. «Scusa, forse non ho capito. Vuoi che ti lecchi la passera? Ora? Nella cazzo di macchina?».
«Mh» fece lei.
«Quanto accidenti hai bevuto?».
Lei rise di nuovo. «No, sono proprio così. Allora?».
«Che cazzo» concluse lui, stringendosi nelle spalle.
CONTIENE SCENE ESPLICITE – CONSIGLIATO A UN PUBBLICO ADULTO.

Desiderando te

Sei anni prima Isabella MacKenzie aveva incontrato Liam al college: gentile, comprensivo affascinante: avevano trascorso una notte insieme. Una notte in cui era successo qualcosa di magico e indimenticabile. Una notte, tuttavia, in cui Isabella era entrata nel tunnel buio della droga e Liam si era volatilizzato. Sei anni dopo Isabella si è rifatta faticosamente una vita, adesso lavora come receptionist all’agenzia Kinnection e spera anche lei di trovare l’amore della sua vita. Finché non le compare davanti l’ufficiale William Devine… Liam. Anche lui è diverso ed è alla ricerca di una donna con cui stabilire un rapporto più vero e profondo. Non può farsi sfuggire questa seconda occasione e sarà disposto a fare di tutto per dimostrare a Isabella di essere l’uomo giusto per lei.

Deserto di sangue

Quando Jed viene ingaggiato da David, suo vecchio contatto e qualche volta amico, per indagare su una serie di sparizioni al Cairo, coglie al volo l’occasione per mostrare un po’ di mondo al compagno, Redford Reed. Anche il ragazzo di David, Victor Rathbone, esperto del sovrannaturale e professore un po’ antiquato, si unisce al gruppo. Quel viaggio in Egitto, però, riserva molti più pericoli e misteri di quanto Jed si aspettasse. Quello che sembra un caso semplice si rivela tutt’altro: nature nascoste emergono alla luce, le relazioni si complicano e il controllo sugli istinti si assottiglia fino a spezzarsi. Nonostante sia stato proprio lui a chiedere aiuto, David nutre già dei sospetti su chi sia la mente dietro ai rapimenti, ma il suo atteggiamento e i continui scontri tra personalità forti rendono difficile arrivare alla soluzione del mistero. Mentre la relazione tra Jed e Redford diventa ancora più intima e profonda a ogni ostacolo che incontrano sul loro cammino, David e Victor lottano per non perdere la fiducia reciproca quando devono affrontare le loro differenze. Man mano che i quattro si avvicinano ai rapitori, David è costretto a fare i conti con qualcosa di più pericoloso dell’eminenza grigia che sta dietro ai rapimenti: se stesso.

Deserto dei mostri

Eric North, autore di questo singolarissimo libro, ci insegna che non occorre uscire dall’atmosfera terrestre e vagare per gli spazi siderali, per ideare qualcosa di nuovo, di emozionante, di impensato. Profondo conoscitore e del mondo degli insetti e del territorio australiano, ch’egli dice «ricco di fossili viventi come i marsupiali… il dingo, e… nel mondo vegetale, le cicadi e le palme zamia», l’Autore ci conduce, insieme a due professori, a due studenti e a un bizzarro tipo di autista e factotum, nel deserto che costituisce il centro dell’Australia; qui in seguito a una violenta tempesta magnetica, il gruppo è catapultato in un cratere immenso, morto da milioni d’anni, sempre uguale e immutato. L’attonito e spaventato gruppetto degli esploratori si trova a contatto con la Terra quale essa era all’alba della creazione, in un punto in cui l’evoluzione della specie s’è manifestata non producendo l’uomo. Dire di più sarebbe togliere al lettore il piacere, l’apprensione, il vivissimo interesse che ispirano le allucinanti avventure di questi esploratori di un mondo nuovo e antichissimo sulla nostra nota e pur sconosciuta Terra.

Deserto americano

Una terribile siccità si è abbattuta sulla costa occidentale degli Stati Uniti e ha trasformato la California in un unico grande deserto. I fiumi, il verde, i mammiferi, la vegetazione tropicale e subtropicale, il fogliame lussureggiante, gli agrumi… tutto sembra svanito, svaporato pian piano come l’acqua degli ultimi bacini sorvegliati dalla Guardia nazionale. Luz e Ray vivono immersi nella luce, sotto il sole implacabile di un canyon, nella casa appartenuta un tempo a un’attrice: un cubo di vetro e ardesia con gli scorpioni che escono dai tombini, un paio di rane mummificate nella fontana asciutta, la carcassa incartapecorita di un coyote nella forra. Luz è una ex modella venticinquenne, vezzeggiata e poi messa da parte dal mondo della moda. È stata a Parigi, Milano, Londra, ma non ricorda niente di quei viaggi fatti quand’era un’adolescente strappata all’affetto dei suoi. Ray è tornato dalla guerra magro come un chiodo. Anziché raggiungere casa, ha rubato una tavola da surf e si è lasciato alle spalle crisi, carestie e guerre. Volava sulle onde dell’oceano quando Las Vegas è stata sepolta da una duna gigantesca rovente come un mare di lava. Un giorno, i due tirano fuori una vecchia vettura dell’attrice e scendono dal canyon in una Los Angeles riarsa. Durante la danza della pioggia, un libero raduno di sballati e punk che urlano e saltano nei canali di Venice Beach, Luz si imbatte in una misteriosa bambina dai capelli biondi e ne rimane ammaliata. La piccola è sola, i suoi unici parenti paiono essere degli sbandati che la maltrattano e la trascurano; il suo è un destino segnato. Luz e Ray prendono allora un’improvvisa decisione: rapiscono la bambina, la portano con loro e la crescono come figlia propria. Il piano di Ray è di trasferirsi in Wisconsin, oltre il deserto, e cominciare una nuova vita in una terra fertile e verde. È l’inizio di un lungo viaggio su strade arroventate e poco sicure. Un viaggio che li porterà a incontrare un’ine quietante comunità di hippies stabilitasi ai piedi dell’Amargosa, un’enorme duna alimentata dal vento, e il loro leader, Levi, un enigmatico personaggio dotato di capacità rabdomantiche. Romanzo visionario che racconta di un’epoca oscura, nella cui desolazione è possibile osservare il volto dell’America contemporanea, con una prosa impeccabile, che unisce Steinbeck e Cormack McCarthy, Deserto americano evoca un mondo dominato da disuguaglianze sociali e rapporti di potere, in cui, tra le rovine del sogno americano, germogliano violenza, misticismo e superstizione. ”Questo è un libro che contiene numerosi passaggi di straordinaria forza e bellezza”. The New York Times ”Si sente l’eco di Cormac McCarthy”. Time Out New York ”Questo splendido romanzo d’esordio è realmente una rinnovata versione dei classici racconti di frontiera americana …Watkins ne evoca in maniera potente la grandiosità”. The Wall Street Journal ”La voce più accattivante proveniente dalla costa occidentale dopo Annie Proulx”. The New York Times Book Review ”Un deserto faulkneriano dell’anima” The Boston Globe ”Deserto americano arde di stupefacente genialità” Vanity Fair

(source: Bol.com)

Derrick Storm 3: tempesta di sangue

L’atto finale della trilogia di Derrick Storm, dall’autore bestseller Richard Castle, disponibile solo in ebook! Derrick Storm è tornato – questa volta insieme a un gruppo operativo di esperti agenti fantasmi della CIA. Sono tutti ex dipendenti che si nascondono dietro a un certificato che li dichiara morti e che ora lavorano per la CIA su basi strettamente segrete, prendendo in carica lavori pericolosi e illegali che l’agenzia non potrebbe mai ufficialmente svolgere. Il gruppo viene portato nelle montagne di Molguzar, in Uzbekistan, alla ricerca di oro del valore di sei miliardi di dollari nascosto dal KGB poco prima del collasso dell’Unione Sovietica, per poi ritrovarsi in grave pericolo nel tentativo di liberare l’agente dell’FBI April Showers da un torturatore sociopatico. La correttezza di Storm è minata nel momento in cui la missione inizia a trasformarsi in una sanguinosa resa dei conti all’ultimo respiro e quando insieme a Showers scopre che l’incarico loro assegnato non è ciò che pensavano dovesse essere…

Derrick Storm 2: la tempesta infuria

Richard Castle, autore bestseller protagonista della serie TV Castle, firma una nuova trilogia dedicata all’investigatore Derrick Storm e disponibile esclusivamente in ebook. Dopo Nikki Heat, un nuovo personaggio è al centro di una storia senza esclusione di colpi, di cui questa è la seconda puntata. Sono passati solo pochi giorni dall’inizio della missione top secret in cui è stato coinvolto dal suo vecchio capo, e già Derrick Storm – ex investigatore della CIA ormai ritiratosi sotto falso nome a una vita tranquilla – si ritrova a dover dipanare un’intricata matassa che collega un rapimento, l’omicidio di un senatore, un cecchino dall’identità misteriosa e una montagna di lingotti d’oro dal valore di sei miliardi di dollari, nascosta da qualche parte nei territori dell’ex Unione Sovietica. Ancora in squadra con l’agente dell’FBI April Showers, Storm partirà per Mosca, dove incontrerà Ivan Petrov, un losco miliardario che sembra avere a che fare con l’omicidio e conoscere le coordinate del luogo dov’è nascosto l’oro. Ma nella cerchia dell’oligarca forse c’è una talpa che sta trasmettendo informazioni riservate al governo russo. E se l’indagine della CIA diviene sempre più calda, non lo è da meno la crescente tensione erotica tra Derrick Storm e April Showers…

Dentro la Tempesta (Commanders)

Tom Clancy, famoso autore di techno-thriller, collabora con il generale in pensione Fred Franks Jr., alla stesura di un resoconto sulla Guerra del Golfo. Partendo dalle sue esperienze di guerra in Vietnam, dove perse una gamba all’altezza del ginocchio, e dal lavoro svolto dall’esercito USA per riprendere fiducia e capacità dopo la sconfitta del Vietnam, il generale Franks narra i movimenti effettuati dal VII Corpo americano, ai suoi ordini, durante Desert storm. La storia raccontata in prima persona da chi comandò quella che lui stesso definisce la più grande concentrazione di mezzi corazzati mai messa in campo dagli americani e che in pochi giorni distrusse l’esercito iracheno, fino a quel momento considerato tra i più potenti eserciti del mondo. Interessante per approfondire la conoscenza su Desert Storm ed in particolare per conoscere le dottrine militari americane sull’utilizzo dei mezzi corazzati di quegli anni.

Il denaro, il debito e la doppia crisi spiegati ai nostri nipoti

“Quel che vorrei provare a raccontarvi è per certi versi la storia di una sconfitta politica, sociale, morale. Abbiamo visto scomparire due idee e relative pratiche che giudicavamo fondamentali: l’idea di uguaglianza, e quella di pensiero critico”. Causa fondamentale della sconfitta dell’uguaglianza è stata, per Gallino, dagli anni Ottanta in poi, la doppia crisi, del capitalismo e del sistema ecologico, strettamente collegate tra loro. La stessa crisi del capitalismo ha molte facce: l’incapacità di vendere tutto quello che produce; la riduzione drastica dei produttori di beni e servizi; il parallelo sviluppo del sistema finanziario al di là di ogni limite. A questa crisi il capitalismo ha reagito accrescendo lo sfruttamento irresponsabile dei sistemi che sostengono la vita – il “sistema ecologico”-. Il tutto con il ferreo sostegno di un’ideologia, il neoliberalesimo, che riducendo tutti a mere macchine contabili dà corpo a una povertà dell’azione politica quale non si era forse mai vista nella storia.
**

Il denaro in testa

Il denaro sul “lettino” dello psichiatra: un personaggio capace di riempire la testa dell’uomo come in una possessione che cancella ogni identità e ogni norma di comportamento civile.
Il denaro nell’analisi di uno psichiatra e non di un economista, dunque di chi si occupa di salute della mente e non di tecniche per garantire il benessere economico dell’individuo e dell’intera comunità. E in questa invasione di campo si scopre che il denaro è fonte di malattia. Per chi è povero ma anche per chi ha i forzieri pieni. Vite che ruotano intorno ai soldi, al desiderio di possederli, alla paura di perderli: l’ossessione, la dipendenza, l’angoscia, il lutto… si finisce per ridurre una società al denaro come misura del valore non solo delle cose, ma della stessa persona.
L’uomo a una sola dimensione.
Nella follia da denaro si corre il rischio di sostituire le banconote agli affetti, che assumono un prezzo in euro.
In questa situazione emerge un bisogno di felicità che non è direttamente legato a stati di ricchezza o povertà. Non si tratta di una strategia consolatoria in un momento di crisi dell’economia nazionale e mondiale, ma di un modo per ritrovare il significato della vita e delle relazioni interpersonali.
Lo psichiatra è Vittorino Andreoli che come sempre sa diagnosticare i mali dell’uomo e dei gruppi sociali, e lo fa non per sviluppare teorie ma per insegnare a vivere meglio. In questo caso la sua analisi illuminante conduce il lettore attraverso un percorso che tocca, anche nella loro dimensione patologica, tutti gli aspetti del nostro comportamento.

I demoni dell’oceano. Vampirates

È l’anno 2505. Il livello dei mari si è alzato e una nuova generazione di pirati sta per nascere. Poco dopo la morte del padre, i gemelli Grace e Connor scoprono di non poter più rimanere al faro, la loro casa, e di essere destinati alle grinfie di un’opprimente famiglia adottiva. Rimane poco tempo per decidere: la prospettiva dell’orfanotrofio è orribile, piuttosto, meglio scappare con la barca del padre. Ma, appena abbandonata la Baia della Luna Crescente, una burrasca li travolge e li separa, lasciandoli a lottare per la sopravvivenza in acque gelide e crudeli. Raccolto a bordo di una delle più famigerate navi pirata, Connor si ritrova ben presto a brandire una sciabola. Grace, invece, si risveglia su una nave ancora più misteriosa. Età di lettura: da 11 anni.
**

Demon – prima parte (Urania)

DEMON – prima parte (1984) “È risaputo che la V Guerra mondiale cominciò nella matrice di un circuito molecolare difettoso da venti centesimi.” Così comincia il terzo libro della Trilogia di Gea, di cui i nostri lettori hanno già potuto apprezzare Titano e Nel segno di Titano: ed è il più grandioso ma soprattutto il più imprevedibile. Una gigantesca, cruenta partita contro l’entità aliena che si nasconde dentro quel mondo vivente, in una storia che per ampiezza di respiro si può paragonare solo all’Incontro con Rama di Arthur C. Clarke. La protagonista è Cirocco Jones, donna dello spazio forgiata a tutti i pericoli, mentre l’incognita è rappresentata dalla bizzarra entità semidivina e demente che regge le sorti di quell’angolo di universo. Preparatevi alla prima parte del maxi-romanzo che “Urania Collezione” è lieta di riproporre ai suoi lettori, promettendo che la seconda parte sarà in vendita a febbraio.

La democrazia della vita quotidiana (La nuova talpa Vol. 1)

Scritte nel 1968 e rimaste per molti
anni inedite, queste riflessioni di
Lukács sulla questione della democrazia
costituiscono il vero e proprio
testamento politico del filosofo, che
si misura in esse con la crisi del
“socialismo realizzato” di stampo
sovietico e con le contraddizioni del
sistema capitalistico occidentale,
delineando un nuovo concetto di
democrazia capace di dar forma
all’intera società.
Per Lukács la parola democrazia
non denota solo, come nella cultura
politica corrente, un complesso di
istituzioni e di pratiche intese a
garantire il potere d’intervento dei
cittadini nelle questioni politiche. Per
il pensatore ungherese democrazia
è invece il nome che assume il rapporto
attivo del singolo con l’intera
società in cui vive, considerata in tutte
le sue dimensioni. La democrazia
è la «concreta forza ordinativa politica
di quella particolare formazione
economica sul cui terreno essa
nasce, opera, diviene problematica
e scompare».
**
### Sinossi
Scritte nel 1968 e rimaste per molti
anni inedite, queste riflessioni di
Lukács sulla questione della democrazia
costituiscono il vero e proprio
testamento politico del filosofo, che
si misura in esse con la crisi del
“socialismo realizzato” di stampo
sovietico e con le contraddizioni del
sistema capitalistico occidentale,
delineando un nuovo concetto di
democrazia capace di dar forma
all’intera società.
Per Lukács la parola democrazia
non denota solo, come nella cultura
politica corrente, un complesso di
istituzioni e di pratiche intese a
garantire il potere d’intervento dei
cittadini nelle questioni politiche. Per
il pensatore ungherese democrazia
è invece il nome che assume il rapporto
attivo del singolo con l’intera
società in cui vive, considerata in tutte
le sue dimensioni. La democrazia
è la «concreta forza ordinativa politica
di quella particolare formazione
economica sul cui terreno essa
nasce, opera, diviene problematica
e scompare».