40321–40336 di 72034 risultati

Donne in trappola

2 ROMANZI IN 1 – Per la Colby Agency lavorano gli agenti più preparati per indagare su casi complicati e dai risvolti imprevedibili
SEGRETI IN PILLOLE
Jennifer Ballard assiste alla morte dello zio, che le insinua dei dubbi sull’efficacia di un farmaco che la società di cui lei è a capo sta per testare sull’uomo. Si rivolge così alla Colby Agency per fare chiarezza. Ethan Delaney dovrà proteggerla, perché qualcuno la vuole morta.
FOLLIA
Jolie Randolph si sveglia in una stanza che non conosce, nuda. E non sa come è arrivata lì. È forse impazzita? Simon Rhul indaga per la Colby Agency su problemi interni alla banca dove Jolie lavora. Non sa se sospettare di lei o sedurla.

Le donne erediteranno la terra

«Voi donne siete meglio di noi. Non pensiate che gli uomini non lo sappiano; lo sappiamo benissimo, e sono millenni che ci organizziamo per sottomettervi, spesso con il vostro aiuto. Ma quel tempo sta finendo. È finito. Comincia il tempo in cui le donne prenderanno il potere.» Aldo Cazzullo racconta perché il nostro sarà il secolo del sorpasso della donna sull’uomo. I segni sono evidenti: a Berlino e a Londra governano due donne, una donna si affaccia per la prima volta sulla soglia della Casa Bianca. L’Italia resta un Paese maschilista; eppure sono donne la sindaca della capitale, la presidente della Camera, le direttrici delle principali carceri, l’astronauta più nota, la scienziata più importante. Ed è solo l’inizio.Le donne erediteranno la terra perché sono più dotate per affrontare l’epoca grandiosa e terribile che ci è data in sorte. Perché sanno sacrificarsi, guardare lontano, prendersi cura; ed è il momento di prendersi cura della terra e dell’uomo, che non sono immortali.L’autore evoca il genio femminile, attraverso figure del passato e del presente, storie di grandi artiste e di figlie che salvano i padri o ne custodiscono la memoria. Racconta le battaglie che le donne conducono nel mondo e in Italia contro le ingiustizie che ancora le penalizzano, contro il masochismo che ancora le mette l’una contro l’altra o le induce a innamorarsi della persona sbagliata. E ricostruisce i mezzi con cui i maschi hanno imposto la loro egemonia per secoli, quando una femmina per rivendicare la propria libertà doveva diventare come un uomo, o almeno sembrarlo: da Giovanna d’Arco, arsa viva per non aver rinunciato all’abito maschile, alle «soldate» che si travestirono per combattere tutte le guerre.Il racconto di Cazzullo arriva sino all’ultima generazione, le adolescenti nate nel 2000: abituate a essere le migliori a scuola, a leggere romanzi dove il pianeta è salvato da una ragazzina, ad abitare regni fantastici dove non comandano più i principi azzurri, ma le principesse. Anche per questo costruiranno un mondo dove non si farà più caso se il capufficio o il capo dello Stato è una donna.

Le donne della Laguna: il primo caso del libertino Percyval Emsworth

MAX FIORELLI torna dai suoi lettori con una storia che non li lascerà indifferenti e che li trasporterà nelle fitte pieghe di un intrigo straripante di ironia, azione, sesso e violenza. Le donne della Laguna è infatti un thriller atipico, il diario di una spia – a dire il vero un libertino – che nel mondo di fine Ottocento viene catapultato in trame che hanno la forza e la vivacità dei mondi e dei personaggi creati da Quentin Tarantino.
Il barone Percyval Emsworth, infatti, non è solo una spia al servizio del governo inglese, ma prima di tutto un libertino che ama sfidare la vita e la sorte, affrontando il suo lavoro nell’unico modo che conosce: rischiando. A metà tra un James Bond e un De Sade, il protagonista di questo romanzo promette di conquistare il lettore con la sua schiettezza, la sua ironia e la sua capacità di sfidare la vita. Il tutto contornato da un mondo dominato da personaggi abietti e foschi, anime tormentate che hanno il potere di sedurre e indignare. Proprio come lo stesso Emsworth farà con il lettore.
Hanno detto:
“Mr. Emsworth è indecente. Ma Max Fiorelli vi farà innamorare di lui.”
Joe Macario
SINOSSI
Il libertino e barone Percyval Emsworth viene spedito dal suo governo a Venezia per fare chiarezza sulla morte di un agente impegnato nella ricerca di un misterioso medaglione appartenuto a uno dei generali di Napoleone. Un gioiello che in realtà dovrebbe essere uno scrigno in grado di rivelare, a chi sarà in grado di aprirlo, la strada per ricchezze segrete nascoste tra le valli dell’Egitto. Un tesoro che potrebbe rivelarsi determinante per mantenere il fragile equilibrio europeo a favore del governo di Sua Maestà.
La missione di Emsworth è tuttavia più intricata di quello che appare. La città di Venezia, dominata dagli austriaci, è in realtà nelle mani del potente conte Orfi, un nobile pervertito e spregiudicato che, assieme a sua sorella, irretisce e corrompe gli animi e i corpi della decadente nobiltà veneziana, il tutto per poter così condurre in libertà i suoi traffici illeciti. Il barone Emsworth sarà dunque catapultato in un mondo crudele, fatto di violenze, nequizie, sesso e perversione. Un letame in cui si immergerà con curiosità, incerto fin dall’inizio sull’esito della sua missione.
Dall’Autore de:
“L’abate e la Maddalena”, 1° Bestseller Thriller/Azione e Avventura
“Quando sorge la Luna”, 1° Bestseller Azione e Avventura
“La dimora del collezionista”, 1° Bestseller Thriller
“I Predoni di Palmyra”, 1° Bestseller Azione e Avventura
“Mistero all’Expo”, 2° Bestseller Azione e Avventura
“Il Ritorno del Botticelli”, 3° Bestseller Thriller
“Ritratti Viventi”, 1° Bestseller Horror
L’AUTORE
MAX FIORELLI è laureato in legge, vive e lavora a Roma. Si dedica alla scrittura fin da bambino, e già negli anni del liceo ottenne il primo riconoscimento classificandosi terzo al concorso nazionale letterario Book’sBar. Attualmente, oltre alla scrittura di racconti di vario genere, si dedica alla scrittura di romanzi thriller e gialli. Per altre informazioni è possibile visitare il sito www.maxfiorelli.com
Solo per i clienti Kindle questo ebook contiene un estratto gratuito dei libri dello stesso Autore:
“I predoni di Palmyra”
“Quando sorge la luna”
“L’abate e la Maddalena”
Questo ebook è realizzato con i migliori software disponibili sul mercato e le migliori procedure multimediali, tutto per offrire la migliore esperienza di lettura possibile.
www.virgibooks.com
**
### Sinossi
MAX FIORELLI torna dai suoi lettori con una storia che non li lascerà indifferenti e che li trasporterà nelle fitte pieghe di un intrigo straripante di ironia, azione, sesso e violenza. Le donne della Laguna è infatti un thriller atipico, il diario di una spia – a dire il vero un libertino – che nel mondo di fine Ottocento viene catapultato in trame che hanno la forza e la vivacità dei mondi e dei personaggi creati da Quentin Tarantino.
Il barone Percyval Emsworth, infatti, non è solo una spia al servizio del governo inglese, ma prima di tutto un libertino che ama sfidare la vita e la sorte, affrontando il suo lavoro nell’unico modo che conosce: rischiando. A metà tra un James Bond e un De Sade, il protagonista di questo romanzo promette di conquistare il lettore con la sua schiettezza, la sua ironia e la sua capacità di sfidare la vita. Il tutto contornato da un mondo dominato da personaggi abietti e foschi, anime tormentate che hanno il potere di sedurre e indignare. Proprio come lo stesso Emsworth farà con il lettore.
Hanno detto:
“Mr. Emsworth è indecente. Ma Max Fiorelli vi farà innamorare di lui.”
Joe Macario
SINOSSI
Il libertino e barone Percyval Emsworth viene spedito dal suo governo a Venezia per fare chiarezza sulla morte di un agente impegnato nella ricerca di un misterioso medaglione appartenuto a uno dei generali di Napoleone. Un gioiello che in realtà dovrebbe essere uno scrigno in grado di rivelare, a chi sarà in grado di aprirlo, la strada per ricchezze segrete nascoste tra le valli dell’Egitto. Un tesoro che potrebbe rivelarsi determinante per mantenere il fragile equilibrio europeo a favore del governo di Sua Maestà.
La missione di Emsworth è tuttavia più intricata di quello che appare. La città di Venezia, dominata dagli austriaci, è in realtà nelle mani del potente conte Orfi, un nobile pervertito e spregiudicato che, assieme a sua sorella, irretisce e corrompe gli animi e i corpi della decadente nobiltà veneziana, il tutto per poter così condurre in libertà i suoi traffici illeciti. Il barone Emsworth sarà dunque catapultato in un mondo crudele, fatto di violenze, nequizie, sesso e perversione. Un letame in cui si immergerà con curiosità, incerto fin dall’inizio sull’esito della sua missione.
Dall’Autore de:
“L’abate e la Maddalena”, 1° Bestseller Thriller/Azione e Avventura
“Quando sorge la Luna”, 1° Bestseller Azione e Avventura
“La dimora del collezionista”, 1° Bestseller Thriller
“I Predoni di Palmyra”, 1° Bestseller Azione e Avventura
“Mistero all’Expo”, 2° Bestseller Azione e Avventura
“Il Ritorno del Botticelli”, 3° Bestseller Thriller
“Ritratti Viventi”, 1° Bestseller Horror
L’AUTORE
MAX FIORELLI è laureato in legge, vive e lavora a Roma. Si dedica alla scrittura fin da bambino, e già negli anni del liceo ottenne il primo riconoscimento classificandosi terzo al concorso nazionale letterario Book’sBar. Attualmente, oltre alla scrittura di racconti di vario genere, si dedica alla scrittura di romanzi thriller e gialli. Per altre informazioni è possibile visitare il sito www.maxfiorelli.com
Solo per i clienti Kindle questo ebook contiene un estratto gratuito dei libri dello stesso Autore:
“I predoni di Palmyra”
“Quando sorge la luna”
“L’abate e la Maddalena”
Questo ebook è realizzato con i migliori software disponibili sul mercato e le migliori procedure multimediali, tutto per offrire la migliore esperienza di lettura possibile.
www.virgibooks.com

Donne d’Italia

Donne d’Italia è il racconto del potere femminile in Italia nell’arco di venti secoli. Un lasso di tempo imponente che va da una grande regina egizia come Cleopatra, la cui influenza fu decisiva nell’ultima fase della Repubblica romana, a Maria Elena Boschi, che riveste il ruolo femminile più rilevante nella storia politica italiana. Tra l’una e l’altra, lo stuolo di donne che hanno segnato la vita del nostro paese (e non solo) nei settori più diversi.Qualche lettore si stupirà dinanzi alla poco nota grandezza di Cornelia, madre dei Gracchi, e di Matilde di Canossa. Sorriderà dinanzi a una generosa svampita come Cristina Trivulzio di Belgioioso e al modo con cui la contessa di Castiglione convinse Napoleone III a schierarsi con noi nelle guerre d’indipendenza. Fremerà d’ammirazione per il coraggio di Anita Garibaldi e di alcune eroine della Resistenza, troppo spesso oscurate dalle gesta dei loro compagni. Constaterà che, senza Margherita Sarfatti, il destino di Mussolini probabilmente sarebbe stato diverso. Rivedrà le protagoniste della Prima Repubblica, come Nilde Iotti, che soffrì accanto a Togliatti e visse una prestigiosa seconda vita istituzionale. O come Tina Anselmi, ex partigiana, la prima donna diventata ministro.Per arrivare, poi, con la Seconda Repubblica, alle ministre di Romano Prodi, Silvio Berlusconi e Matteo Renzi, che ha fatto della parità di genere un punto centrale della sua azione politica. Mentre invece, ancora oggi, le donne sono state completamente escluse dalla corsa al Quirinale, per ragioni sulle quali queste pagine rivelano retroscena inediti, così come si soffermano su quanto il ruolo femminile abbia influito nelle scelte politiche di Berlusconi e di Renzi.Oggi, per la prima volta, due donne (Susanna Camusso e Annamaria Furlan) sono alla guida dei principali sindacati confederali. Per la prima volta una donna – un’italiana, Fabiola Gianotti – è a capo del Cern, il più prestigioso laboratorio di fisica europeo. E un’altra italiana, Samantha Cristoforetti, ha stabilito il record di permanenza femminile nello spazio.Nella moda, le nostre stiliste – dalle Sorelle Fontana a Miuccia Prada – hanno rivoluzionato il gusto di intere generazioni in tutto il mondo. Tre donne sono presidenti delle maggiori società partecipate dallo Stato (Eni, Enel, Poste), due sono presidenti di Rai e Fininvest, mentre manager femminili guidano grandi aziende private. Nel giornalismo, dove le direttrici di quotidiani sono merce rarissima, la cavalcata delle protagoniste va da Matilde Serao a un mito internazionale come Oriana Fallaci e alla sua grande antagonista, Camilla Cederna. Fino alla televisione, dove – invece – dirigono di più e conducono trasmissioni importanti.E, per finire, cinque «donne fuori serie» (Elisabetta d’Inghilterra, Angela Merkel, Hillary Clinton, Christine Lagarde e Madre Teresa di Calcutta) che, se non sono nate in Italia, sono oggi di esempio e di stimolo per tante italiane.Nel nuovo libro di Bruno Vespa, ricco di aneddoti e di esperienze personali, i ritratti e le voci delle donne che hanno fatto la storia del nostro paese e alle quali dobbiamo tanta parte del nostro futuro.

La donna senza passato

«Il meglio che il thriller possa offrire al giorno d’oggi. È scritto benissimo e riesce a coniugare magistralmente i canoni del genere con alcune trovate originali e sorprendenti. »Femina«Un thriller che appassiona il lettore grazie agli ingredienti classici di questo genere: omicidi, menzogne, passioni, misteri di famiglia. Non si può restare delusi. »Helsingør DagbladLa sua vita nasconde un segreto.Ma lei non lo sa.  «Sei tu, finalmente ti ho trovato.» Louise Andersen fissa l’uomo che, fuori della porta chiusa del bar in cui lei lavora, continua a ripeterle di essere Edmund, suo marito. Ma negli occhi di Louise non c’è incredulità, bensì paura. La paura di dover ammettere che gli ultimi tre anni della sua vita sono una menzogna. Perché la tranquilla quotidianità nella piccola isola danese di Christiansø e la relazione con Joachim sono tutto ciò che lei conosce del suo passato. Il resto è un buco nero sul quale ha scelto di non farsi mai domande. E infatti l’esame del DNA conferma che lei è Helene Söderberg, una ricca ereditiera svanita nel nulla tre anni prima. Ma allora chi è – o era – Louise Andersen? Per quale motivo lei aveva i suoi documenti? E, soprattutto, è possibile che quel giorno sia scappata di casa, abbandonando il marito e i due figli? Helene ha bisogno di risposte e c’è un unico posto in cui trovarle, la lussuosa villa dei Söderberg, nello Jutland. Fin dai primi giorni, però, Helene ha l’impressione che sia proprio Edmund a non volere che lei recuperi la memoria. All’inizio sono sensazioni, dettagli dissonanti, come la reticenza nel parlare di quanto accaduto, o il fatto che alcuni documenti di famiglia siano misteriosamente andati perduti. A poco a poco, però, Helene si rende conto che la sua scomparsa è solo la punta di un iceberg in un oceano di bugie, inganni e tradimenti. Un oceano oscuro che nasconde un passato – il suo e quello della sua famiglia – che nessuno vuole riportare alla luce…

Una donna pericolosa

Anna Benz, un’americana di quasi quarant’anni, vive con il marito Bruno, un banchiere svizzero, e i loro tre bambini in un sobborgo da cartolina di Zurigo. Ma anche se conduce una vita facile e ben inquadrata, dentro sta cadendo a pezzi. Sempre meno in grado di relazionarsi con Bruno, emotivamente distante, o addirittura con i propri pensieri e sentimenti, Anna decide di buttarsi a capofitto in nuove esperienze nella speranza di risvegliarsi dal torpore: un corso di tedesco, un’analisi junghiana e una serie di avventure sessuali che si concede con una facilità della quale è la prima a stupirsi. Nel fuoco della carne, nel pulsare del desiderio nelle vene, Anna prova a se stessa di essere ancora viva, ma ben presto deve affrontare le conseguenze delle proprie azioni. Anche l’adulterio ha le sue leggi: lasciare un amante ha il suo costo e tornare a essere una brava moglie non è così semplice. Come combinare razionalità e istinto? Come scegliere tra gli obblighi famigliari e i propri desideri più intimi, quando non coincidono? Come rinunciare a se stessa? Le tensioni e le bugie aumentano, fino a perderne il controllo. Navigando lungo il confine tra amore e lussuria, senso di colpa e vergogna, giusto e sbagliato, Anna scoprirà cosa succede quando si raggiunge il punto da cui non si può più tornare indietro.

La donna per legare il sole

Dopo un matrimonio giovanile terminato tragicamente, Michele incontra Viola e riscopre la gioia di vivere. Lei, una creatura solare, lo sposa, si innamora dei suoi figli e li aiuta a costruire un vero rapporto con il padre, portando la felicità nella loro famiglia. Ma quando annuncia a Michele di aspettare un bambino, lui non ne è contento: sente l’inattesa responsabilità come una minaccia. Di fronte all’immaturità del suo compagno Viola non ha scelta: deve andarsene. Di nuovo solo, Michele inizierà una dolorosa ”rieducazione sentimentale” per riscoprire il vero significato dell’amore e della famiglia.
(source: Bol.com)

Donna di Porto Pim

Este livro fascinante e inesquecível é o relato ao mesmo tempo imaginário, real e cultural, de uma viagem aos Açores em busca dos últimos baleeiros, das escassas baleias sobreviventes.
Relatos breves, fragmentos, transcrições e apêndices compõem A Mulher de Porto Pim, um livro de fronteira, um belíssimo artefacto literário de estrutura tão díspar como profundamente unitária.
Uma complicada história de amor que se adivinha votada ao fracasso é o tema de «Pequenas baleias azuis que se passeiam pelos Açores»: fragmento de uma conversa sem prólogo nem epílogo, captada pelo indiscreto autor na ponte de um navio.
Outro texto é a microbiografia do poeta do século XIX Antero de Quental, que desvenda em poucas, mas intensíssimas páginas a dimensão de um grande artífice de sonetos que, náufrago no mundo, descobre a existência do nada e se suicida.
Mulher de Porto Pim é a narrativa de um amor total, apaixonado e violento, a história de uma dupla traição que culmina num final sangrento.
Neste espaço em que Tabucchi se move convivem a verdade e a alusão, a realidade e a metáfora. Concretas e visíveis são as baleias, mas também poderosos arquétipos que atravessam lendas e literatura; certas e evidentes são as tempestades, mas os naufrágios são sobretudo os das aventuras inacabadas, histórias impossíveis, vidas destroçadas.

La donna di pietra

Bella, ma fredda, distaccata, apparentemente priva di sentimenti. Una donna di pietra. Così appare l’inflessibile signorina Adelia Corsini. Fin da bambina la sua famiglia l’ha messa in disparte in favore della più brillante e socievole sorella minore, Alma. In seguito, Diego Guerra, l’uomo di cui si era innamorata, l’ha illusa e poi abbandonata per sposare proprio Alma. Da allora Adelia sembra aver perduto la capacità di provare emozioni. Si è chiusa nella sua bella casa, con i suoi domestici e la zia Clementina, occupandosi solo di opere di carità e di gestire le sue proprietà. Ed è così che le piace la sua vita: tranquilla, ordinata e protetta. 

Nove anni prima, il dottor Diego Guerra è stato ingannato e spinto a un matrimonio infelice. Adesso Alma non c’è più, la sua carriera è in discesa e le condizioni delle sue finanze sono disastrose. Quando, inghiottendo l’orgoglio, Diego si costringe a battere alla porta di casa Corsini assieme ai suoi tre bambini per chiedere aiuto, la tranquilla esistenza di Adelia è sconvolta. E, pian piano, la statua si sgretola, la pietra va in frantumi… al contrario del cuore di Adelia, che torna alla vita. 

La donna della cabina numero 10

«Dopo il successo internazione dell’Invito, questo romanzo conferma lo straordinario talento di Ruth Ware.»The Bookseller«Ruth Ware possiede tutte le doti dei grandi maestri del thriller: una prosa asciutta e tagliente, uno stile elegante e nitido, e la capacità di infondere in ogni pagina un senso di minaccia inconbente…Sunday ExpressCOM PUOI FERMARE UN ASSASSINO SE NESSUNO CREDE CHE ESISTA? Doveva essere la crociera perfetta. Le luci del grande Nord su una nave di lusso, l’Aurora Borealis, in compagnia di pochi e selezionatissimi ospiti. Un’ottima opportunità professionale per la giornalista Lo Blackwood, incaricata di sostituire il suo capo e ben felice di trovare sollievo dallo choc provocato da un tentativo di furto subito nella sua casa di Londra. Ma la crociera si trasforma ben presto in un incubo atroce… Durante la prima notte di viaggio, Lo assiste a quello che ha tutta l’aria di essere un omicidio, proprio nella cabina accanto alla sua, la numero 10. Non solo nessuno le crede, ma la ragazza che dice di aver incontrato nella stessa cabina sembra non essere mai esistita: non è a bordo, nessuno la conosce, e le tracce lasciate dalla sua misteriosa presenza svaniscono una dopo l’altra. Bloccata sulla nave e sempre più isolata nella sua ricerca, Lo cade in preda al terrore. Sta forse impazzendo? Oppure è intrappolata in mezzo all’oceano, unica testimone di un delitto e in balia di uno spietato assassino? Inquietante, coinvolgente, claustrofobico, «La donna della cabina numero 10» conferma la nascita di una nuova autrice di grande talento nel panorama del thriller internazionale.

La donna dei miracoli (I Romanzi Oro)

La prima volta si erano incontrati su un campo di battaglia: lui, giovane guerriero e abile dottore; lei, una splendida fanciulla con il dono soprannaturale di guarire qualsiasi ferita. Ora, dopo undici anni, Diarmid intende ritrovare Michaelmas, a ogni costo. Solo lei può salvare la sua amata nipotina, solo la “Signora dei Miracoli” può aiutarlo… Ma, incontrandola, Diarmid scoprirà che anche il suo cuore ha bisogno delle cure di quell’angelo.

La Donna Dal Taccuino Rosso

«Se avete voglia di leggere una storia dolce, divertente,
morbida come un gatto, non perdetevi questa deliziosa
commedia romantica».
Véronique, Librairie Coiffard, Nantes
* * *
Una molletta per capelli, una boccetta
di profumo Habanita, qualche vecchia fotografia,
una bottiglia di Evian da mezzo
litro, un fermaglio con un fiore di stoffa
azzurro, una penna a sfera Montblanc nera,
un paio di dadi rossi, tre sassolini sicuramente
raccolti in luoghi significativi,
un romanzo di Patrick Modiano con dedica,
un portachiavi dorato con incisi alcuni
geroglifici, un accendino, una ricetta delle
animelle di vitello strappata da una rivista
femminile, un burrocacao, una bustina
di Efferalgan, un taccuino rosso con
annotata una lunga lista di «Ho paura…»
e una di «Mi piace…»
Ecco cosa può esserci nella borsa di
una donna, ed ecco cosa c’è in quella color
malva che, un mattino, il libraio Laurent
trova abbandonata su un marciapiede
nelle strade di Parigi. La proprietaria,
aggredita e rapinata da un ladro la notte
precedente, si è rifugiata in un albergo
poco distante. Prende una camera e si addormenta,
convinta di non aver bisogno
di cure. Il giorno successivo, però, il concierge
la trova in coma e chiama subito i
soccorsi. Contemporaneamente, Laurent
comincia a sfogliare il taccuino della donna
misteriosa. Rimane affascinato dai suoi
pensieri, si perde fra annotazioni, sogni e
ricordi. Gli sembra una pazzia, ma decide
di cercarla. Da dove cominciare, però?
L’unico indizio a sua disposizione è la
dedica di Modiano, un vago «A Laure, in
ricordo del nostro incontro sotto la pioggia
» – scarabocchiato sul frontespizio del
romanzo – che non sembra essere di grande
aiuto. Almeno fino a quando Chloé, la figlia adolescente di Laurent, gli suggerirà
di rivolgersi a Modiano in persona.
Con la complicità – piuttosto reticente –
del celebre scrittore che di mattina presto
passeggia nel giardino del Luxembourg e
il provvidenziale intervento di un avventore
della libreria che sa decifrare i geroglifici,
Laurent riuscirà a risalire all’indirizzo
di Laure, a conoscerne la casa, accarezzarne
il gatto, a entrare piano piano nel
suo mondo, in punta di piedi.
Al risveglio della donna, però, l’unica
traccia che Laurent si lascerà alle spalle sarà
una breve lettera di scuse, appoggiata
sul letto accanto alla borsetta ritrovata e a
un abito bianco con le spalline ritirato per
lei in lavanderia. E se a sfuggirci tra le dita
è la promessa di un nuovo amore, la ricerca
non potrà che ricominciare da capo.
Tra mistero, divertimento, indagine e
leggerezza, un’inchiesta romantica in piena
regola che racconta il tempo magico di
un amore che nasce.

La donna che sparì con un libro

«La donna che sparì con un libro è tutto quello che non ti aspetti. Sotto le vesti di un giallo si nasconde una meditazione sulla vita e i passi falsi del cuore. Straordinario.»The New York Times«Con uno stile magico e lirico, Idra Novey ha creato un piccolo capolavoro pieno di sorprese e colpi di scena. Una voce unica, capace di trasformare una storia in un’avvincente corsa contro il tempo anche per i lettori.»New York Journal of Books«Intenso, divertente, a tratti commovente. Non vorrete più smettere di leggere.»Library JournalUna scrittrice in fugaUna ricerca fino all’ultimo libro È l’ora di pranzo in un piccolo parco della periferia di Copacabana. Una donna rotondetta con i capelli grigi legati sulla nuca si ferma sotto un mandorlo. In mano ha una valigia e in bocca un sigaro. Sale su un ramo dell’albero e lentamente si inerpica fino in cima. Questa è l’ultima volta che Beatriz Yagoda, famosa scrittrice brasiliana, è stata vista. Di lei non c’è più traccia.Emma Neufeld però, la sua traduttrice americana, non è convinta. La scena della scomparsa ricorda troppo da vicino uno dei primi racconti della sua autrice. Una donna che non lascia mai niente al caso. Beatriz è per lei una seconda madre, una maestra di vita. Non può essere semplicemente sparita. Deve trovarla, e l’unico modo è prendere il primo aereo per Rio de Janeiro e mettersi sulle sue tracce. Lei è l’unica che può decifrare tutti gli indizi. Quando arriva in Brasile però Emma scopre di non essere sola. Alla disperata ricerca di Beatriz ci sono anche i suoi due figli, Raquel e Markus, e Rocha, il suo editore, deciso ad approfittare il più possibile dell’attenzione dei media. Trascinata dall’imprevedibile corso degli eventi, l’improbabile brigata si trova ben presto riunita in un albergo a Salvador de Bahia. Ma cercare di decifrare le tracce che Beatriz ha disseminato nei suoi libri si rivela più pericoloso del previsto. Perché anche un pericoloso aguzzino sta cercando la famosa scrittrice per un debito di gioco. E trovarla potrebbe anche significare ucciderla…La donna che sparì con un libro è l’esordio sublime di una voce unica nel suo genere. Appena uscito negli Stati Uniti è stato celebrato come uno dei libri più originali e innovativi dalla critica più prestigios,a e il «New York Times» l’ha definito la scoperta dell’anno. Idra Novey, scrittrice e poetessa, sa regalarci un’avventura letteraria densa e originale che mescola magia e mistero con calibrate pennellate di stile. Un romanzo sui libri e chi ama scrivere, ma ancora di più per chi ama leggere.

La donna che scriveva racconti

Tra i 10 migliori libri del 2015 per il New York Times«Un libro sontuoso, stracolmo di meraviglie, vale la pena tenerlo vicino al comodino e leggerlo lentamente, una storia ogni tanto. Centellinarlo come una cosa buonissima.»Elena Stancanelli – D – Repubblica«Chi non ha ancora avuto la fortuna di conoscere la scrittura di Lucia Berlin si prepari a un piacere straordinario.»The Washington Post«Una grande scrittrice americana.»The New York Times«Una scrittura di altissimo livello, pulita, spesso telegrafica… Il modello letterario è Čechov, quello non letterario l’assolo di jazz.»London Review of Books«I racconti di Lucia Berlin sono uno dei segreti meglio custoditi d’America. Non c’è dubbio.»Paul MetcalfUna donna molto bella che ha avuto una vita difficile e la racconta in tanti piccoli quadri: protagonista la narratrice onnisciente o vari personaggi secondari, diversissimi tra loro: un vecchio indiano americano incontrato in una lavanderia; una ragazza giovanissima che scappa da una clinica messicana di aborti per ricche americane; la suora di una scuola cattolica; un’insegnante gay. Ma soprattutto, una domestica che ritrae, lapidaria ma benevola, le «signore» (e anche qualche «signore») per cui lavora: una storia indimenticabile, che dà il titolo all’edizione americana del libro, «Manuale per donne delle pulizie». «Indimenticabile» è l’aggettivo che definisce il valore di una storia breve. Tutti ricordano la signora con il cagnolino di Cˇechov, o la famiglia Glass di Salinger, o l’anziana donna malata di Alzheimer che si innamora di un compagno di sventura, di Alice Munro. Più difficile è ricordare uno qualunque dei protagonisti dei racconti di Raymond Carver, tutti molto simili: uomini che traslocano continuamente per sopravvivere a una crisi economica non solo individuale. O quelli di Charles Bukowski, l’eterno disadattato che ama l’alcol e le donne.Non che sia possibile ricordare tutti i personaggi di Berlin, diversissimi, variegati per sesso, razza, colore e censo, ma di certo il tratto pittorico dell’autrice contribuisce a fissarli nella mente; complice una scrittura ingannevolmente semplice, chiara, essenziale, imprevedibile come la musica jazz ma altrettanto ipnotica.Una vita più che difficile, quella di Lucia Berlin, tormentata dalla scoliosi e dalle sue conseguenze, da un primo matrimonio sfortunato, dalla povertà, e dai lavori tipici degli americani senza radici: ma le esperienze di centralinista, domestica, insegnante precaria o infermiera, e di madre single, forniscono all’autrice un materiale prezioso e vastissimo, che usa per raccontare se stessa con eccentrico, personalissimo talento.

Donald Trump

Chi è Donald Trump? È l’incarnazione del sogno americano, un uomo che si è fatto da solo e ha raggiunto la vetta? O forse è l’erede di una fortuna accumulata attraverso oscuri legami con il crimine organizzato. È un abile affarista? Oppure ha saputo soltanto accumulare scandali, debiti, fallimenti. È colui che farà tornare grande l’America? O piú probabilmente è l’imbroglione che potrebbe condurla sull’orlo del baratro. Da oltre trent’anni David Cay Johnston segue da vicino la lunga carriera che dal Queens ha portato Trump alla Casa Bianca, indagando ogni aspetto della sua vita e dei suoi molteplici discutibili affari, tutte le sue menzogne e i suoi lati oscuri che hanno comunque attratto milioni di americani. E basandosi su interviste, documenti, atti giudiziari e dichiarazioni pubbliche ci offre il vero volto di Donald Trump, il quadro piú completo dell’ascesa al potere del nuovo presidente degli Stati Uniti. «Necessario, rigoroso, documentato… Una lettura obbligata». «The Independent»

Don Giovanni in Sicilia

Scritto nel 1940 e pubblicato l’anno seguente, Don Giovanni in Sicilia racconta la storia di Giovanni Percolla, scapolo quarantenne consumato, come tutti i maschi catanesi, da un’inestinguibile sete sessuale. A un tratto, però, Percolla riesce a imprimere una svolta radicale alla propria vita grazie all’amore per la giovane Ninetta, che diviene ben presto sua sposa. Giovanni si sottomette completamente alla moglie, e per suo desiderio non solo abiura gli amici, le sorelle e tutte le abitudini coltivate fino a quel momento; ma abbandona anche la città natale per trasferirsi a Milano. Il soggiorno si rivela però un fallimento e i due, incapaci di adattarsi alla nuova realtà, tornano in Sicilia, dove Percolla precipita nella stessa inerzia fatta di gesti sterili e ripetitivi da cui aveva illusoriamente creduto di voler fuggire. In Don Giovanni in Sicilia Vitaliano Brancati porta alle estreme conseguenze quella deformazione grottesca di personaggi e situazioni tipica della sua narrativa, che finisce qui per assumere un carattere barocco mentre illustra, con i toni di un moralismo cupo, intriso di un amaro sarcasmo, il vizio di pigrizia e di inanità etica della borghesia meridionale.