40225–40240 di 65579 risultati

La bottega dei giocattoli

Una notte la giovane Melanie attraversa il giardino di casa indossando l’abito nuziale sottratto all’armadio della madre. Il giorno dopo il suo mondo non è piú lo stesso: costretta ad abbandonare la confortevole dimora della propria infanzia, Melanie si reca a Londra con i fratelli, a vivere da parenti che non ha mai conosciuto. Da questo momento abiterà in un negozio di giocattoli, colmo di meraviglie e oggetti bizzarri, un teatro magico e misterioso in cui si muovono strani personaggi: la zia Margaret, bella e silente; Francie, un violinista dotato e timido; Finn, imprevedibile e risoluto, che osa baciare Melanie fra le rovine dei giardini pubblici. Poi, quale orco nella sua tana, il minaccioso zio Philip, che ama soltanto i grandi manichini di legno che crea instancabilmente nel suo laboratorio. In questa nuova, sconvolgente realtà, Melanie scopre l’ambiguo potere dei sensi, dell’amore, della paura, e il fascino inquietante del diventare adulti. “Per chi abbia amato Lewis Carroll e la sua Alice, per chi adora il surreale che rispetta l’assoluta verosimiglianza del dettaglio realistico (…), La bottega dei giocattoli è il romanzo giusto. È un racconto di iniziazione, o se volete un romanzo di formazione.” Nadia Fusini

La bottega dei delitti

La prima vittima, una ragazza, aveva un morso sul collo. Il test del DNA accusava il fidanzato di lei, ma la stampa aveva già trovato un nome per l’assassino, il Rottweiler, e quel nome aveva funzionato. L’ultimo corpo era stato scoperto vicino al negozio di lnez Ferry, nel quartiere londinese di Marylebone. Qualcuno aveva notato una figura che fuggiva nel buio, ma non aveva saputo dire neppure se si trattasse di un uomo o una donna. Unici indizi la predilezione dell’assassino a strangolare le proprie vittime e a tenere con sé un piccolo oggetto: un accendino, una collana. La vedova Inez Ferry ospita alcuni inquilini sopra il suo negozio di antiquariato, ed è in questo negozio che a volte l’assassino lascia le sue tracce. Le gesta imprevedibili e ossessive dell’assassino iniziano a turbare profondamente la vita di questa piccola ed eterogenea comunità di pensionanti, fin quando il sospetto non infrange l’ordine e la fiducia reciproca: uno di loro potrebbe essere il Rottweiler?
**

Boston 2010: XXI supercoppa

E’ il 31 dicembre del 2010. Tra poche ore, comincia la finalissima di palla ovale tra la squadra dei San Francisco Prospectors e quella dei Minuteman del New England. T. K. Mann, asso dei Prospectors, si sta preparando negli spogliatoi. A 34 anni si sente vecchio, e il suo sanguinario rivale, Harv Matision, ha giurato di fargli la pelle… Perchè nel 2010 il football americano, che già oggi è uno degli sport più violenti che esistano, si è trasformato in uno scontro tra gladiatori. Gli atleti scendono in campo corazzati come guerrieri medioevali, armati di clave, giavellotti, pugnali, carabine, e la partita, anziché allo stadio, si svolge in un quartiere urbano, sgomberati per l’occasione e disseminato di telecamere. Tutto è pronto per la XXI Supercoppa. Ma mentre assistiamo, ora per ora, alla cronaca della truce battaglia, una serie di flash-back altrettanto drammatici ci rivela a poco a poco perchè questa particolare Supercoppa sia diversa da tutte le altre. Ci sono misteriosi retroscena, strane interferenze, ciniche macchinazioni, dietro la grande partita. E T. K. Mann, eroe al tramonto, ha ancora parecchie carte da giocare: prima fra tutte quella della vendetta.
Copertina di Karel Thole

Il bosco morto

L’opera Turner è un veterano del Vietnam, ex agente di polizia, ex detenuto, una laurea in psicologia ottenuta dietro le sbarre. Un uomo che, uscito dal carcere ha deciso di lasciarsi alle spalle tutte le sue passate esistenze per rifugiarsi in una capanna nei boschi che circondano una sperduta cittadina rurale del Tennessee. Un uomo che trascorre le sue giornate nel tentativo e nella speranza di farsi dimenticare dal mondo. Un uomo misterioso e sconosciuto, a se stesso e agli altri, oppresso da un fardello inconfessabile che, un pezzo alla volta, deve essere riportato in superficie per essere esorcizzato. Un giorno riceve la visita dello sceriffo del luogo, in cerca di aiuto nel tentativo di risolvere l’assurdo e rituale omicidio di un vagabondo. Lo sceriffo si presenta con una bottiglia del miglior Bourbon e riesce a indurre Turner a uscire dal suo volontario isolamento. Qual è la ragione che spinge uno sceriffo in carica a chiedere il parere di un ex poliziotto che ha scontato undici anni di galera? Qual è il segreto di Turner? Chi si nasconde dietro quel misterioso omicidio?

Il bosco delle streghe: Raccolta di racconti

Un uomo ormai adulto che rimane legato alla casa della sua infanzia tra i boschi, lasciata misteriosamente in tutta fretta un Natale di tanti anni prima; il tormento del Sommo Poeta, alle prese con l’amore impossibile tra Paolo e Francesca e con la disperata ricerca delle parole giuste per immortalare la loro storia; la strana eredità di una zia mai conosciuta, che porta il protagonista nella profonda campagna toscana; Dino Campana all’alba del giorno in cui vengono stampati i Canti Orfici; e poi ancora un vecchio mercante in un villaggio ai margini del deserto, a cui una fanciulla si rivolge per avere consolazione del proprio amore puro, sincero e sfortunato; un uomo che torna di nascosto nel ventre medievale di Firenze, prima che venga distrutta per far posto a una piazza… Sono tante le vicende che si intrecciano in queste pagine. Racconti fantastici, drammatici, oscuri, divertenti, delicati, che esplorano gli infiniti angoli dell’animo umano seguendo sentieri narrativi diversi, accomunati da una grande passione per le storie e dalla voglia inesauribile di raccontare.

Borse di viaggio

Un giallo piratesco, un’avventura sul mare, un bellissimo viaggio (geografico e storico) attraverso le Antille. Ma anche un viaggio tra gli uomini, tra incalliti malfattori e giovani di belle speranze, intelligenti, audaci, che amano la vita e guardano con fiducia al loro avvenire.
**

La borsa e la vita. Dall’usuraio al banchiere

Il volume analizza la pratica e la figura dell’usuraio agli albori del capitalismo, nell’Occidente cristiano. In un racconto avvincente Le Goff mostra come nei secoli XIII e XIV si sia costruito a poco a poco il compromesso fra esigenze della religione e spinte dell’economia: grazie alla carità ai poveri e alle donazioni per la Chiesa, il banchiere riesce a godersi la borsa qui sulla terra e ad assicurarsi la vita eterna nell’aldilà, magari con una sosta in Purgatorio.
**

I Borgia. Danzando con la fortuna

Nell’Italia della fine del XV secolo e degli inizi del XVI, con il Nord occupato dall’esercito francese, Venezia che guerreggia contro i turchi e le lande selvagge del Sud sotto il controllo degli spagnoli, brilla la stella dei Borgia. La Fortuna, divinità sempre imprevedibile, trascura spesso, com’è noto, gli uomini di specchiata virtù e prova un piacere perverso nel prediligere quelli capaci di grande determinazione e spietatezza. Rodrigo Borgia, salito al soglio pontificio come papa Alessandro VI, è un uomo di tal fatta, un uomo baciato dalla fortuna. Di fronte ai cannoni nemici fuori Roma, apre le porte e li invita a entrare. Quando un fulmine spacca un camino in Vaticano, facendogli crollare un soffitto in testa, rimane tranquillamente seduto sotto una montagna di detriti per emergerne poi con un sorriso beato. Maestro di corruzione politica, si impegna alacremente a realizzare il suo scopo: la fondazione di uno Stato Borgia in Italia. Roma ha già avuto papi senza scrupoli, uomini che hanno favorito, in tutta discrezione, i propri «nipoti». Alessandro vi, tuttavia, si spinge molto più in là: riconosce apertamente i propri figli illegittimi, preziose armi nella creazione di un potere dinastico. Cesare, il figlio maggiore, un tempo cardinale, marcia in testa a un esercito di mercenari per conquistare città-stato storicamente appartenute alla Chiesa, suscitando l’ammirazione di Niccolò Machiavelli, che a lui si ispirerà per redigere la sua grande opera sulla politica moderna, “Il principe”. Lucrezia, la figlia, contrae matrimoni al solo scopo di accrescere le fortune politiche della famiglia, passando dal talamo di Giovanni Sforza a quello di Alfonso d’Aragona, per approdare infine alla corte di Alfonso d’Este, duca di Ferrara, dove da perfetta mecenate rinascimentale accoglie poeti e umanisti, da Ercole Strozzi a Pietro Bembo, che resta soggiogato dal suo fascino e dalla sua incomparabile bellezza. Una danza con la fortuna da parte di una dinastia che ha segnato la storia d’Italia e che, nella prosa di Sarah Dunant, dà origine a personaggi sfaccettati e complessi, animati da un così forte desiderio di vita e di potere da non indietreggiare dinanzi a niente e nessuno.
**

Bonhoeffer. La vita del teologo che sfidò Hitler

Mentre Hitler e i nazisti seducevano una nazione, intimidivano un continente e sterminavano gli ebrei, un piccolo numero di dissidenti lavorava per smantellare il Terzo Reich dall’interno. Uno di questi era Dietrich Bonhoeffer, uno dei teologi più importanti del Novecento. Coinvolto nel fallito attentato a Hitler, rinchiuso per 18 mesi nella prigione militare di Tegel e poi a Buchenwald, all’alba del 9 aprile 1945, a due settimane dalla liberazione, fu impiccato nel campo di concentramento di Flossenbürg per ordine dello stesso Hitler. Aveva 39 anni e lasciava la fidanzata con cui avrebbe voluto presto sposarsi. Questo libro è la sua biografia. Unendo i due volti della sua vita – il teologo e l’attivista – racconta una storia di incredibile coraggio morale di fronte al male assoluto. L’autore si avvale di documenti prima non disponibili, incluse lettere personali, diari e testimonianze dirette, e con essi rivela aspetti della vita di Bonhoeffer sinora sconosciuti. Non senza significative conseguenze per la comprensione della sua teologia. Diceva: “La grazia a buon mercato è il nemico mortale della nostra Chiesa. Noi oggi lottiamo per la grazia a caro prezzo”. La vita di quest’uomo straordinario è una grande testimonianza di fede e di eroismo. La sua passione per la verità e il suo impegno per la giustizia sono contagiosi.
**

Bombe e segreti. Piazza Fontana: una strage senza colpevoli

Roma, 3 maggio 2005. La seconda sezione penale della Cassazione conferma l’assoluzione degli ultimi tre neonazisti imputati per la strage di piazza Fontana, che così resta definitivamente senza colpevoli. O meglio, Giovanni Ventura e Franco Freda vengono indicati come i responsabili di quell’eccidio (diciassette morti e quasi cento feriti), ma non possono essere perseguiti perché definitivamente assolti il 1° agosto 1985. Questa la verità processuale. Ben altra, invece, la verità storica. Il libro ricostruisce la montatura contro Valpreda, la morte – anch’essa senza colpevoli dell’anarchico Pinelli e la fitta trama di connivenze e depistaggi che fecero di Piazza Fontana una “strage di Stato”. Edizione aggiornata ed ampliata.
**

Il boia di New York

June Arnot, famosa attrice dello schermo, è stata assassinata. Il suo corpo senza testa galleggia nella piscina… Su questo brutale assassinio e sul massacro dei suoi domestici si alza il sipario di «Il boia di New York», un thrilling carico di colpi di scena che esplodono a ogni pagina. Secondo Paul Conrad, dell’Ufficio del Procuratore distrettuale, June Arnot era l’amante di Jack Maurer, boss di un racket che sulla piazza mafiosa vale milioni di dollari. Lui, che per quindici anni ha inseguito il sogno di portare Maurer sul banco degli imputati, spera che questa sia l’occasione tanto attesa. La soluzione del caso dipende tutta da una testimone, ma la testimone è terrorizzata e non ha nessuna voglia di parlare.

Una boccata d’aria fresca

La vita di Grace è in pezzi da troppo tempo. Abbandonata dal marito per un’altra donna, in precarie condizioni economiche e spaventata dal futuro, abita in un’antica dimora di campagna lasciatale in eredità da una zia. Luckenham House è il suo rifugio, la sua unica sicurezza, e lei non sa decidersi a venderla nonostante le pressioni della sorella e del fratello. Ma a meno che non riesca a racimolare in fretta un po’ di quattrini, la casa rischia di disintegrarsi sotto i suoi occhi. Poi un giorno il caso porta Ellie sulla porta di Grace. Ellie è una ragazza solare, pragmatica, intraprendente e… incinta e in procinto di diventare single dal momento che il fidanzato si è mostrato tutt’altro che entusiasta alla prospettiva di fare il padre. Le due donne, pur tanto diverse, capiscono di potersi aiutare a vicenda: la prima ha bisogno di un posto dove stare, la seconda ha bisogno di un’inquilina. Ed entrambe hanno soprattutto bisogno di un’amica. Così tra i lavori di restauro e l’arrivo improvviso dell’ex figliastra in fuga da casa, tra la comparsa di un affascinante irlandese e il ritrovamento di una coppia di dipinti antichi e forse di enorme valore, Grace scopre di essere ancora viva e di poter ancora amare. **

La bocca più di tutto mi piaceva

Sullo sfondo di una Maremma aspra, insieme realissima e fiabesca, una terra che con i suoi odori, la sua solarità, le sue albe e i suoi tramonti si fa specchio dell’anima, Nadia Fusini ci racconta una storia autobiografica fatta di ricordi e memorie: la vicenda di una bambina selvatica e riottosa, dalla scura pelle di zingara, l’amore sfrontato per il padre, il suo struggente e contraddittorio legame con la vita che si alterna a un’oscura, istintiva attrazione per la morte. Fino all’esplodere, sul limitare dell’adolescenza, del conflitto con se stessa, della malattia: la resa dei conti definitiva con l’esistenza, il mondo, gli affetti. Un romanzo intenso, costruito intorno a una consapevole e dolorosa esperienza tutta al femminile.

Blues per cuori fuorilegge e vecchie puttane

**Un nuovo caso per l’Alligatore.** Il Bene e il Male, ancora una volta mascherati e insidiosi da distinguere, si scontrano nell’arena internazionale delle grandi operazioni segrete di polizia, dei traffici di droga, prostituzione e identità. La scrittura di Massimo Carlotto, già uno dei migliori autori di noir, fa un salto di livello. Il romanzo è il più complesso “Alligatore” che abbia scritto finora, un meccanismo perfetto come un orologio svizzero, uno scavo nelle psicologie di personaggi in bilico sul crinale nebbioso di strade senza ritorno, un’ironia tagliente e un’umanità sincera. Un grandissimo noir sul conflitto tra crimine e forze di polizia dove, troppo spesso, le vittime sono solo pedine senza valore. Marco Buratti detto l’Alligatore e i suoi soci Max la Memoria e Beniamino Rossini sono caduti in una trappola ordita dal nemico più pericoloso con cui abbiano dovuto misurarsi: Giorgio Pellegrini. Pellegrini, in fuga dalla Legge e dalle pallottole di Beniamino Rossini, non intende vivere da latitante per il resto della vita e decide di diventare un infiltrato per conto della polizia. Qualcosa va storto e una squadra di killer spietati arriva dall’estero per assassinare sua moglie e la sua amante. L’indagine parallela per identificare i responsabili viene affidata all’Alligatore e ai suoi soci. Loro non vorrebbero avere nulla a che fare con la vicenda ma vengono ricattati dalla dottoressa Angela Marino, alto funzionario del ministero dell’Interno. La missione affidata a Pellegrini ufficialmente non esiste e non sono previsti testimoni. I nostri scoprono ben presto che il loro destino è comunque segnato. Anche se riusciranno nell’impresa rischieranno di essere tolti di mezzo da una falsa accusa che potrebbe mandarli in carcere per molti anni. Buratti, Max e Beniamino reagiscono. Giocano questa partita senza regole per cercare di sopravvivere. L’Alligatore ha un motivo in più per non soccombere: in un hotel ha conosciuto una donna. Una “vecchia puttana” quarantenne di nome Edith. Tra i due è stato amore a prima vista.
(source: Bol.com)

Blue Water Operations

Benvenuti a bordo della USS Carl Vinson, portaerei tecnologicamente avanzata che incrocia nell’oceano indiano, isolata dal resto della flotta. Benvenuti a bordo del Wichita, rimorchiatore d’altura che batte bandiera francese e che trasporta un carico che vale molto più delle tonnellate di petrolio che ha caricato in Iraq, nel porto di Al Faw. Benvenuti nel Puntland, regione autonoma della Somalia, in mano a uomini disposti a tutto pur di vincere una guerra civile che va avanti da un decennio, anche a sguinzagliare una ciurma di pirati capeggiata da un pericoloso terrorista. Benvenuti nello Yemen meridionale, terra contesa tra Al-Qaeda e signori della guerra, pronti a collaborare solo quando in gioco c’e’ la testa di un occidentale. Tra incursioni di terra, duelli aerei, bombardamenti chirurgici e guerre di spie, le pagine di questo romanzo di azione pura tracceranno la rotta fino a Osama Bin Laden, dietro le quinte dell’operazione più segreta di tutti i tempi.

Blue Mountain: Cuore di lupo

Esiliato dal branco all’inizio dell’adolescenza, l’Omega Simon Moorehead ha imparato a soffocare la propria natura docile e altruista in nome della sopravvivenza. Per questo, quando un Alfa lo trova in un territorio in cui non ha il permesso di stare, è sicuro sia arrivata la sua fine. Anziché ucciderlo, però, l’Alfa – grande, grosso e dall’aria poco raccomandabile – lo porta a casa sua.
Uomo d’azione, Mitch Grant ha sradicato la propria vita per aiutare il fratello a guidare il branco di Blue Mountain. Mitch vive in perfetta solitudine alla periferia del territorio, da cui protegge gli altri lupi senza mai farsi notare. Sogna di trovare il proprio compagno e per questo, quando incontra Simon, non si lascia dissuadere dai suoi rifiuti e dai suoi attacchi, verbali e fisici. Con tanta pazienza, un pizzico di seduzione e una montagna di autentico affetto, Mitch aspetterà che Simon affronti le sue paure e liberi entrambi dalla solitudine…
**
### Sinossi
Esiliato dal branco all’inizio dell’adolescenza, l’Omega Simon Moorehead ha imparato a soffocare la propria natura docile e altruista in nome della sopravvivenza. Per questo, quando un Alfa lo trova in un territorio in cui non ha il permesso di stare, è sicuro sia arrivata la sua fine. Anziché ucciderlo, però, l’Alfa – grande, grosso e dall’aria poco raccomandabile – lo porta a casa sua.
Uomo d’azione, Mitch Grant ha sradicato la propria vita per aiutare il fratello a guidare il branco di Blue Mountain. Mitch vive in perfetta solitudine alla periferia del territorio, da cui protegge gli altri lupi senza mai farsi notare. Sogna di trovare il proprio compagno e per questo, quando incontra Simon, non si lascia dissuadere dai suoi rifiuti e dai suoi attacchi, verbali e fisici. Con tanta pazienza, un pizzico di seduzione e una montagna di autentico affetto, Mitch aspetterà che Simon affronti le sue paure e liberi entrambi dalla solitudine…