39745–39760 di 65579 risultati

Il compagno segreto

Un giovane capitano, al suo primo comando su una nave, dà un ordine stravagante, manda a dormire i marinai e decide di rimanere solo sul ponte a guardia della nave. Proprio quella notte il capitano avvista e raccoglie un naufrago destinato a sconvolgere la sua vita. Il rapporto fra i due è, fin dall’inizio, misterioso e segreto: esistono, fra il capitano e il naufrago, una somiglianza inquietante e una inspiegabile affinità. Il rapporto continua anche quando il capitano scopre che l’uomo è un assassino in fuga. Ma i sospetti dell’equipaggio costringono a una separazione forzata, il naufrago verrà abbandonato e il capitano riprenderà saldamente il comando della nave.

Il compagno don Camillo: Le opere di Giovannino Guareschi #3

Don Camillo è il combattivo parroco di un paesino della Bassa Padana. Il suo avversario è Peppone, il sindaco comunista. Fra i due nasce immediatamente un legame di odio-amore. In nome di ideali poi non così tanto lontani, Peppone e don Camillo si scontrano, si fanno reciprocamente tiri birboni, lottizzano poteri paesani e organizzano piccole vendette. “Il compagno don Camillo” è in assoluto un capolavoro dell’umorismo e della satira di costume, da cui è stata tratta una esilarante serie di film interpretata dagli indimenticabili Gino Cervi e Fernandel.

La compagnia delle anime finte

Dalla collina di Capodimonte, la ‘Posillipo povera ‘, Rosa guarda Napoli e parla al corpo di Vincenzina, la madre morta. Le parla per riparare al guasto che le ha unite oltre il legame di sangue e ha marchiato irrimediabilmente la vita di entrambe. Immergendosi ‘nelle viscere di un purgatorio pubblico e privato’, Rosa rivive la storia di sua madre: linfanzia povera in unarida campagna alle porte della città; lincontro, tra le macerie del dopoguerra, con Rafele, il suo futuro padre, erede di un casato recluso nella cupa vastità di un grande appartamento in via Duomo; il prestito a usura praticato nel formicolante intrico dei vicoli, dove il rumore dei mercati e della violenza sembra appartenere a un furore cosmico. È una narrazione di soprusi subìti e inferti, di fragilità e di ferocia. Ed è la messinscena corale di molte altre storie, di ‘anime finte’ che popolano i vicoli e, come attori di un medesimo dramma, entrano sulla ribalta della memoria: Annarella, amica e demone dellinfanzia e delladolescenza, Emilia, la ragazzina che ‘ride a scroscio’ e torna un giorno dal bosco con le gambe insanguinate, il maestro Nunziata, utopico e incandescente, Mariomaria, ‘la creatura che ha dentro di sé una preghiera rovesciata’, Iolanda, la sorella ‘bella e stupetiata’ ‘Anime finte’ che, nelle profondità ipogee di una città millenaria, attendono, come Vincenzina e come la stessa Rosa, una riparazione. Arriverà, sorprendente e inaspettata, nelle pagine finali del libro ad accomunare madre e figlia in un medesimo destino. Dopo lacclamato Il genio dellabbandono, Wanda Marasco torna a raccontare Napoli e i segreti della sua commedia umana con un romanzo dalla lingua potente e poetica, cosí materica e allo stesso tempo cosí indomitamente sottile. ‘La straordinaria forza espressiva che Wanda Marasco ha messo in mostra nelle prove narrative precedenti, da Larciere dinfanzia a Il genio dellabbandono, trova una conferma in questo nuovo romanzo Verità e finzione, coraggio e abiezione, brutalità e sentimento, passato e presente, salute e malattia, colpa ed espiazione. In questo magma in cui ribolle leterna commedia umana, trionfa lo stile inconfondibile di Wanda Marasco’. Paolo Di Stefano ‘Marasco compone fino alla fine il suo Stabat mater; e chi legge è preso nel gesto dellincantamento narrativo e sente che agisce in queste pagine il dèmone del racconto’. Silvio Perrella

(source: Bol.com)

La compagnia del corvo: romanzo

Il loro nome è leggenda: il Corvo. Sono sei uomini e un elfo, mercenari che da oltre dieci anni si mettono al servizio del miglior offerente nelle guerre che dilaniano Balaia. Il loro coraggio è pari soltanto all’amicizia che li lega e alla lealtà che hanno sempre dimostrato nei confronti dei nemici, diventata un vero e proprio codice: Uccidere, mai assassinare. Eppure non hanno mai dovuto affrontare una missione così pericolosa e disperata. I malvagi Lord Stregoni, infatti, sono fuggiti dalla prigione in cui erano stati rinchiusi per trecento anni e ora stanno radunando un imponente esercito di barbari e sciamani, con l’obiettivo di invadere e distruggere Balaia. L’ultima speranza di salvezza, l’unica arma in grado di sconfiggerli, sono i tre amuleti necessari per lanciare Ruba Aurora, un terribile incantesimo che potrebbe far calare la notte eterna sul mondo. Così Denser, uno dei pochi maghi in grado di controllare Ruba Aurora, parte alla ricerca degli amuleti, scortato dalla compagnia del Corvo. Ma basteranno il coraggio e l’amicizia per garantire la sopravvivenza di Balaia?

Il commissario e il silenzio

Il commissario Van Veeteren è stanco. Dopo oltre trent’anni passati a contatto con il “lato oscuro dell’esistenza” pensa seriamente di cambiare mestiere, magari acquistando una piccola libreria antiquaria. Frattanto però, prima di partire per una vacanza, il commissario riceve una telefonata anonima: una sconosciuta denuncia la sparizione di una ragazza da una colonia estiva che ospita una setta religiosa dalla dubbia reputazione e un capo spirituale alquanto chiacchierato. Un’altra telefonata anonima e il ritrovamento di un cadavere danno avvio all’inchiesta, che però si arresta contro un muro di omertà. Van Veeteren decide di prendere in mano la situazione, ma indagando a modo suo, seguendo i suoi particolarissimi metodi e il suo provato intuito.

Il commesso viaggiatore

«*Il miglior scrittore di gialli dei Paesi nordici.*»
**The Times**
«*Indriðason riempie il vuoto lasciato da Stieg Larsson.*»
**USA Today**
«*Meraviglioso; il migliore scrittore vivente di mistery*»
**The Guardian**
«*L’Islanda ha trovato il suo Mankell… Assolutamente nordico, un narratore che rappresenta un marchio di grande qualità.*»
**Die Welt**
*********Reykjavík Wartime Mistery***
***Il primo romanzo di una nuova, avvincente serie ***
Reykjavik, 1941. La città è occupata dalle truppe americane quando, in un appartamento, viene trovato il cadavere di un commesso viaggiatore.  L’assassino ha tracciato una svastica col sangue sulla fronte della vittima, ma il proiettile che ha colpito l’uomo alla nuca è americano. Sarà forse una vendetta politica?
A condurre le indagini, in una città sconvolta da forti tensioni interne, sono Flóvent, l’unico agente rimasto a presidiare la polizia locale dopo lo scoppio della guerra, e il giovanissimo Thorson, un canadese di origini islandesi.
Un noir impeccabile da un maestro della suspense amato anche da Andrea Camilleri e considerato da molti l’erede di Stieg Larsson.
**
### Sinossi
«*Il miglior scrittore di gialli dei Paesi nordici.*»
**The Times**
«*Indriðason riempie il vuoto lasciato da Stieg Larsson.*»
**USA Today**
«*Meraviglioso; il migliore scrittore vivente di mistery*»
**The Guardian**
«*L’Islanda ha trovato il suo Mankell… Assolutamente nordico, un narratore che rappresenta un marchio di grande qualità.*»
**Die Welt**
*********Reykjavík Wartime Mistery***
***Il primo romanzo di una nuova, avvincente serie ***
Reykjavik, 1941. La città è occupata dalle truppe americane quando, in un appartamento, viene trovato il cadavere di un commesso viaggiatore.  L’assassino ha tracciato una svastica col sangue sulla fronte della vittima, ma il proiettile che ha colpito l’uomo alla nuca è americano. Sarà forse una vendetta politica?
A condurre le indagini, in una città sconvolta da forti tensioni interne, sono Flóvent, l’unico agente rimasto a presidiare la polizia locale dopo lo scoppio della guerra, e il giovanissimo Thorson, un canadese di origini islandesi.
Un noir impeccabile da un maestro della suspense amato anche da Andrea Camilleri e considerato da molti l’erede di Stieg Larsson.

Commedie

Il teatro sveviano, pur presentando innegabili punti di contatto con la narrativa, presenta nel suo complesso una maggiore dipendenza dai modelli del teatro borghese contemporaneo. Nelle opere della maturità e della vecchiaia i due generi, teatro e romanzo, si avvicinano, sviluppandosi ambedue da una tematica unica, una critica sotterranea del quadro reale della famiglia italiana che Svevo corrode dall’interno, nei modi di un’affettuosa rappresentazione della ‘infelicità’ domestica. L’edizione critica del teatro di Italo Svevo, che qui si presenta, vede la luce nell’ambito dell’Edizione Nazionale dell’Opera omnia di Italo Svevo. Essa rispetta scrupolosamente il dettato dell’autore, senza contaminare redazioni diverse (soprattutto le stampe postume, particolarmente infide, perché con ogni probabilità rimaneggiate da altri). Mancando per la maggioranza dei testi riferimenti così sicuri da determinare il periodo di composizione, ci si attiene prudentemente alla cronologia meno improbabile, fondata sui pochi indizi interni, non sempre incontrovertibili.
**

Commedia nera n. 1

Un legame coniugale opprimente, un doppio vincolo, una prigionia psicologica che si trasforma inevitabilmente in una vera prigione dalla quale l’unica evasione possibile è il delitto. La storia narrata in questo romanzo potrebbe essere alla Patricia Highsmith, una relazione angosciosa che corre indissolubile verso l’abisso che aspetta. Solo che Recami ne fa una commedia nera, in cui si irride la morte perché la si teme, finché è la morte beffarda a prendersi gioco di tutti. La coppia: Antonio Maria Cotroneo, titolare di una avviata sartoria di famiglia, e Maria Antonietta, una prorompente bellezza ammirata da tutti. Ma questo durante il fidanzamento. Poi il matrimonio; e il corso dei rapporti reciproci spinge lui a seppellirsi in casa e lei a esercitare una tirannia sempre più assoluta, quasi sadica: come un maltrattamento familiare al femminile. Prepotente, virilmente razionale e violenta, infedele in modo provocatorio, pronta a chiudere ogni spiraglio di vita in una claustrofobia di una parte sola, quella del marito, mentre lei, la moglie, è impegnata in una vita professionale gratificante o addirittura prestigiosa. In questo rovesciamento paradossale degli stereotipi maschili e femminili di un malmatrimonio, cosa può fare Antonio Maria? Uomo «dilaniato, dimidiato, diviso, tra un essere pensante e razionale e un essere emotivo e attanagliato dalla paura», escogita prima fughe, poi piccole vendette, infine progetti omicidi, cervellotici esorbitanti e fallimentari quanto quelli del Coyote dei cartoni con cui ama identificarsi. Ma cosa succede a stuzzicare la morte? Con “Commedia nera n. 1” Francesco Recami inizia un ciclo centrato sui più correnti incubi sociali, con una struttura narrativa a teatro boulevardier, a commedia mondana, per divertire, cioè letteralmente per deviare i loro fantasmi, deformarli attraverso la comicità dell’equivoco e il paradosso del rovesciamento del buono con il cattivo.
**

La commedia degli orrori

I cittadini di Pine Cove, un’amena cittadina della California, si riuniscono all’emporio del vecchio Augustus Brine per discutere perché i cani abbiano tanto abbaiato la notte precedente. Si unisce a loro un piccoletto dai lineamenti da arabo appena arrivato in paese che si ostina ad affermare di essere il re dei ginn (anche se nessuno ha idea di cosa siano i ginn) e mastica in continuazione sale da cucina. Nel frattempo, il giovane Travis O’Hearn sta lasciando l’autostrada per entrare in città, convinto di avervi individuato la persona in grado di liberarlo dall’incubo che lo ha perseguitato negli ultimi settant’anni (già: non è che Travis sia poi tanto giovane). L’incubo in questione è un demone e si chiama Catch: è voracissimo e molto furbo, riconosce in Travis il suo padrone, e non ha nessuna intenzione di farsi separare da lui. E dato che è visibile solo a lui e a nessun altro, la sua posizione parrebbe inattaccabile. Catch non sa però della presenza in città del re dei ginn, suo eterno avversario; e non sa che il sovrano ha scelto il saggio Gus Brine perché lo assista nella caccia. Ha così inizio un epico, tragicomico, grottesco scontro fra il bene e il male, dove il bene ha difensori fra i meno efficienti: il povero Travis, il proprietario di un caffè appassionato di horror che parla esattamente come Howard Phillips Lovecraft, un fotografo in crisi matrimoniale, un poliziotto disastroso. Ce ne potrebbero essere altri, ma Catch se li è mangiati…

La commedia degli errori

Siracusa condanna a morte alcuni mercanti della rivale città di Efeso, perciò Efeso fa lo stesso con dei mercanti siracusani, e tra gli arrestati c’è il vecchio Egeone che cerca di spiegare al duca di Efeso, Solino, il reale motivo della sua presenza lì, raccontandogli la sua incredibile storia. Aveva avuto due figli gemelli, chiamati entrambi Antifolo, e aveva due schiavi gemelli, chiamati entrambi Dromo; un giorno, a causa di un naufragio, si trovò separato dalla moglie, con uno dei figli e uno degli schiavi; quando poi il figlio rimasto con lui ebbe compiuto i diciott’anni lo lasciò partire con lo schiavo in cerca dei rispettivi gemelli; ora sono cinque anni che Egeone erra sulle loro tracce. Solino, commosso dalla vicenda, accorda al mercante una giornata di tempo per trovare i soldi del riscatto e aver salva la vita. Nel frattempo le due coppie di gemelli, Antifolo di Efeso e Antifolo di Siracusa, Dromio di Efeso e Dromio di Siracusa, si sono ritrovate, ma la perfetta somiglianza tra loro ha ingenerato una serie di equivoci e di situazioni grottesche. Alle quali prendono parte anche Adriana, compagna di Antifolo di Efeso, e sua sorella Luciana, una sguattera, una cortigiana, un creditore e una badessa che si rivelerà poi essere la moglie di Egeone, Emilia. Gli errori si accumulano, i gemelli di Siracusa vengono fatti legare pensando che siano quelli di Efeso impazziti, sino a quando, nella conclusione, Egeone già sul patibolo ritroverà assieme figli, moglie e libertà.

Commando ombra. Il professionista

Ingiustamente accusato dell’omicidio di un commilitone, e braccato da una squadra della Legione, Chance Renard non può fare altro che fuggire. Per salvare la vita è costretto anche a scendere a patti con la mente criminale che ha organizzato il piano per incastrarlo, il Marsigliese, e accettare una missione impossibile. Il campo di fuoco è la Guyana francese, il bersaglio la base militare di Ariane, a Kourou, l’obiettivo del commando è Phoenix, un sistema di ricerca radar ultrasofisticato. Ma la partita decisiva si giocherà nella giungla, dove Renard, alla testa di un pugno di mercenari e di due donne appassionate e letali, si troverà ad affrontare un nemico micidiale e senza volto, che sembra materializzarsi dalle tenebre più oscure della foresta…
**

Cominciò tutto per caso

Intrighi e misteri di una Puglia mai raccontata così Un segreto di famiglia a lungo tenuto nascosto Un amore nato sotto il cielo della Puglia Quando Elena, il giorno del suo compleanno, scopre per caso che suo marito l’ha tradita, fa le valigie e parte con il figlio alla volta della Puglia, verso i luoghi nei quali ha trascorso la propria infanzia. Arrivata a Lecce, si stabilisce nel palazzo in cui vive suo zio Gigi. È proprio qui che incontra Michele, un giovane pittore romano trasferitosi da poco in Puglia, per il quale comincia ben presto a nutrire una tenera simpatia. Durante una passeggiata notturna, sotto il cielo stellato di Lecce, Michele ed Elena fanno però una scoperta che rischia di complicare non poco la vita dell’intera città e che li coinvolge più di quanto loro possano immaginare. Si tratta di un segreto di famiglia, che qualcuno ha voluto tenere nascosto per molto tempo… Una storia d’amore insolita e speciale «Un romanzo che è un affresco, con palazzi carichi di storia e una lingua avvolgente. Splendido.» «Nina Lupi descrive una Puglia dal profumo di lavanda, oliveti, buon vino e pasta fatta in casa, ma ne lascia intravedere anche un volto più oscuro, meno conosciuto. Un romanzo che colpisce per l’ambientazione e i personaggi davvero azzeccati.» Nina LupiÈ nata nel 1963 ad Amburgo, ha lavorato come giornalista nel Centro e nel Sudamerica, in Portogallo e Israele. Dal 2003 vive e lavora in Italia. Cominciò tutto per caso è il primo di una serie di romanzi ambientati in Puglia.

Come vivremo su Marte

La nostra prossima casa la affitteremo in un altro pianeta del sistema solare. Trascorreremo le vacanze estive sulla Luna e nelle sere d’agosto ci ritroveremo a brindare a un cocktail party in qualche catena alberghiera su Marte. Tutto intorno a noi vedremo l’infinito, il firmamento, ascolteremo la musica abissale dei buchi neri, contempleremo quella sfera sublime e ridicola che è la Terra. Dopo millenni passati ad alloggiare sulla superficie terrestre – a camminarci, a inalarne gli odori e a solcarne il cielo e i mari – l’uomo sta per cambiare dimora. Probabilmente non avverrà domani, ma è certo che in un futuro non troppo remoto questo sogno sarà alla nostra portata. Eppure, nello spazio sembra mancare tutto ciò di cui abbiamo bisogno per sopravvivere: l’acqua, la gravità, l’aria. Mancano tutte le nostre irrinunciabili comodità, come profumate toilette, cibi esotici, la possibilità di fare romantiche camminate o di contemplare la variopinta bellezza dei fiori. Come reagirebbero il nostro corpo e la nostra psiche a tutte queste privazioni? Cosa succederebbe se durante il viaggio ci trovassimo a vomitare nel nostro casco da astronauti? Se fossimo costretti per settimane a non curare la nostra igiene? Se nei lunghi viaggi a bordo delle navicelle ci fosse precluso di fare l’amore? Per dare una risposta a tutti questi quesiti le agenzie spaziali hanno allestito sulla Terra innovativi e bizzarri ambienti per simulare le situazioni più estreme: prove dure e allo stesso tempo stravaganti alle quali deve sottoporsi chiunque desideri avventurarsi nell’universo. Mary Roach descrive in modo arguto, divertente e irriverente tutti i compromessi che dovremmo accettare per lasciare il nostro pianeta e andare a vivere su Marte, raccontando aneddoti e incidenti – spesso tragicomici – capitati agli astronauti mentre si trovavano a fluttuare nel cosmo. “Come vivremo su Marte” non è solo una guida per la sopravvivenza nello spazio, ma un’esplorazione di ciò che significa essere umani, con i nostri limiti, le nostre fragilità biologiche e culturali. A quanta normalità sapremo rinunciare? Per quanto tempo? E come ci trasformerà questa nuova vita?

Come una specie di sorriso

La ragazza che al fidanzato in mostruoso e reiterato ritardo risponde con nonchalance: ”Oddio, scusami, non sono ancora pronta, mi dai cinque minuti?” sta affermando la superiorità dell’essere umano su quello che gli capita. In poche parole, sta facendo dell’ironia invece di usare un qualunque oggetto contundente. È molto più pulito, dignitoso e decisamente liberatorio. Lella Costa, liquidatrice del suddetto fidanzato e oggi, non per caso, signora dell’ironia, ci racconta come mai questa arte dello sguardo obliquo sia indispensabile per affrontare con leggerezza gli sgambetti della vita. Attingendo ai classici della letteratura e della musica, da Socrate all’immenso Shakespeare, da Lewis Carroll al Signor Bonaventura, da Paolo Conte a De André, e dal proprio repertorio, ci fa scoprire che l’ironia è un filo rosso, probabilmente il vero talismano che nei secoli ha protetto l’umanità da adolescenze inquiete, cuori infranti, rughe precoci, su su fino a guerre, dittature vere e democrazie da operetta. E benché l’ironia sia difficile da spiegare (esistono fior di saggi per quello), forse impossibile da insegnare e da imparare (diffidare di chi si autoproclama ironico), si può pur sempre viralizzare, sin dalla più tenera età. Anche il sorriso, come lo sbadiglio, è contagioso.
(source: Bol.com)

Come un fiore ribelle

Seattle. È l’alba e il piccolo William si stropiccia i grandi occhi neri. Ancora avvolto nelle coperte, riesce quasi a sentire quelle canzoni sussurrate alle sue orecchie in una lingua antica. Ma è da cinque anni che non ascolta la voce di sua madre. Da quando è entrato nell’orfanotrofio e la disciplina ha preso il posto delle carezze. E l’odio è diventato la regola. Perché William è diverso da tutti gli altri, William è cinese. Eppure oggi è un giorno speciale. È la data fissata per il compleanno di tutti i bambini dell’istituto e finalmente William trova il coraggio di fare la domanda più difficile. Vuole sapere cosa è successo a sua madre. Le parole sono vaghe, ma lasciano intuire una risposta che trafigge il suo cuore come una lama: è morta. William non ci crede. Non vuole arrendersi a questa verità. Lui sa che è ancora viva. E c’è solo una persona con cui confidarsi: Charlotte, una cascata di capelli rossi e la pelle delicata come un fiore. Le sere passate con lei ad ascoltare la radio, a mangiare caramelle alla menta piperita o abbracciati, di nascosto, per paura di un temporale, sono i pochi momenti di felicità per William. Charlotte è l’unica a credergli e insieme decidono di fuggire dall’orfanotrofio per cercare sua madre. Ma ad aspettarli c’è un mondo pericoloso e oscuro. Il mondo violento delle strade di Seattle, diviso dalla povertà dei primi anni Trenta. Il mondo proibito dei locali, delle scintillanti insegne dei teatri e dei club. Proprio qui, William incontra uno sguardo che non ha mai dimenticato. Quello di una giovane cantante cinese. Deve scoprire chi è e cosa nasconde. Nessun ostacolo è troppo grande da superare. Nessuna difficoltà è insormontabile. Ci sono domande che per anni sono rimaste soffocate. E adesso la speranza forse può tornare a crescere. La speranza di essere amati e finalmente al sicuro. Dopo il bestseller mondiale Il gusto proibito dello zenzero, un successo senza paragoni che ha emozionato i lettori di tutto il mondo dominando per settimane le classifiche italiane, Jamie Ford torna con il nuovo attesissimo romanzo, Come un fiore ribelle. Un libro potente e ancora più intenso che conferma Ford come uno dei più grandi scrittori di questi anni. Un inno all’amore nonostante tutto. Nonostante la guerra e la violenza. Nonostante le difficoltà e l’abbandono. Un sentimento dalla forza indissolubile. Un amore capace di sconfiggere anche l’odio più profondo.
**
### Sinossi
Seattle. È l’alba e il piccolo William si stropiccia i grandi occhi neri. Ancora avvolto nelle coperte, riesce quasi a sentire quelle canzoni sussurrate alle sue orecchie in una lingua antica. Ma è da cinque anni che non ascolta la voce di sua madre. Da quando è entrato nell’orfanotrofio e la disciplina ha preso il posto delle carezze. E l’odio è diventato la regola. Perché William è diverso da tutti gli altri, William è cinese. Eppure oggi è un giorno speciale. È la data fissata per il compleanno di tutti i bambini dell’istituto e finalmente William trova il coraggio di fare la domanda più difficile. Vuole sapere cosa è successo a sua madre. Le parole sono vaghe, ma lasciano intuire una risposta che trafigge il suo cuore come una lama: è morta. William non ci crede. Non vuole arrendersi a questa verità. Lui sa che è ancora viva. E c’è solo una persona con cui confidarsi: Charlotte, una cascata di capelli rossi e la pelle delicata come un fiore. Le sere passate con lei ad ascoltare la radio, a mangiare caramelle alla menta piperita o abbracciati, di nascosto, per paura di un temporale, sono i pochi momenti di felicità per William. Charlotte è l’unica a credergli e insieme decidono di fuggire dall’orfanotrofio per cercare sua madre. Ma ad aspettarli c’è un mondo pericoloso e oscuro. Il mondo violento delle strade di Seattle, diviso dalla povertà dei primi anni Trenta. Il mondo proibito dei locali, delle scintillanti insegne dei teatri e dei club. Proprio qui, William incontra uno sguardo che non ha mai dimenticato. Quello di una giovane cantante cinese. Deve scoprire chi è e cosa nasconde. Nessun ostacolo è troppo grande da superare. Nessuna difficoltà è insormontabile. Ci sono domande che per anni sono rimaste soffocate. E adesso la speranza forse può tornare a crescere. La speranza di essere amati e finalmente al sicuro. Dopo il bestseller mondiale Il gusto proibito dello zenzero, un successo senza paragoni che ha emozionato i lettori di tutto il mondo dominando per settimane le classifiche italiane, Jamie Ford torna con il nuovo attesissimo romanzo, Come un fiore ribelle. Un libro potente e ancora più intenso che conferma Ford come uno dei più grandi scrittori di questi anni. Un inno all’amore nonostante tutto. Nonostante la guerra e la violenza. Nonostante le difficoltà e l’abbandono. Un sentimento dalla forza indissolubile. Un amore capace di sconfiggere anche l’odio più profondo.