39681–39696 di 65579 risultati

Il corvo dell’abbazia

Padre Ailnoth, parroco di Holy Cross, era un uomo retto e onesto, ma anche duro e severo, incapace di umiltà verso il prossimo. La sera della sua morte, il reverendo era uscito dall’abbazia come una freccia scagliata da un arco da guerra, come un corvo affamato in caccia di peccati… e proprio allora era stato colpito alle spalle. Ora la sua morte lasciava dubbi terribili e un’unica certezza: da morto così come da vivo, Ailnoth rimaneva un uccello del malaugurio. E se tra la gente si respirava aria di superstiziosa contentezza, aleggiava tuttavia una nube carica di paura: chi ha liberato il sobborgo da quell’uomo malefico?

Cortile Nostalgia

A Palermo c’è una piazzetta abitata dalla magia, dove ogni notte sette fate, una chiù bedda di n’autra, rapiscono i passanti per condurli verso luoghi lontani e poi riportarli a casa, storditi dalla meraviglia, alle prime luci dell’alba. È in questo cortile che vive Mario Mancuso, nel cuore dell’Albergheria, tra le abbanniate dei mercanti di Ballarò e i rintocchi del campanile di Santa Chiara. Orfano, ha conosciuto solo l’affetto di zia Ninetta, che però lo abbandona al primo giro di vento, inseguendo i propri sogni. L’incontro con Melina è la sua occasione per ritrovare in una nuova famiglia il calore che il destino gli ha negato. Per lei, bella e infelice, quel ragazzo rappresenta la libertà da due genitori che l’hanno educata più alle privazioni che all’amore. Lo sposo però deve partire per Roma, dov’è stato assegnato come carabiniere semplice, così le nozze sono celebrate in fretta e furia, e con la stessa voracità vengono consumate. Forse soltanto un figlio può colmare la distanza tra marito e moglie, sempre in bilico tra tenerezza e passione; ed è così che nasce Maruzza. A legarli sarà una sottile nostalgia, la stessa che gli abitanti della piazzetta, di Paesi e colori diversi, curano ogni sera con i piatti cucinati dalla donna che tutti chiamano Mamma Africa e che sembra avere lo stesso dono delle sette fate. Con un romanzo corale e pieno di vita, Giuseppina Torregrossa racconta la necessità innata di essere accolti in un abbraccio: quello di una madre, un marito, un amico, o una città che sappia tenere aperte le porte anche nella notte.

La corte dei leoni

«Rivoluzionario, illuminante e commovente.» The Globe and Mail Il destino può riservarti il più incredibile dei doni Kate Fordham, in fuga dal suo passato, ha trovato riparo sotto falso nome nella bellissima Granada, l’antica e soleggiata città spagnola sulla quale la dominazione araba ha lasciato evidenti tracce. Nel tentativo di ricostruire la sua vita, Kate lavora come cameriera in un bar all’interno dell’Alhambra, l’antica reggia del sultano. Un giorno, passeggiando in quei giardini meravigliosi, fa una scoperta insolita: nascosto in una crepa del muro di cinta c’è un rotolo di carta. È un manoscritto risalente a prima del 1492, l’anno della caduta di Granada, quando la città araba si arrese alla regina Isabella e al re Ferdinando d’Aragona. Sul rotolo proveniente da quell’epoca lontana sono iscritti strani simboli che riportano un messaggio di pericolo e disperazione. Ma è dall’amore che nasce il misterioso frammento, e la potenza di quel sentimento finirà per cambiare per sempre la vita di Kate. Un’autrice bestseller pubblicata in 27 Paesi Il nuovo avvincente romanzo epico di Jane Johnson «Un amore tormentato e indistruttibile, magnifiche atmosfere. Scritto splendidamente, impossibile staccarsene.» The Times «Giardini, profumi, torri e cortili dell’Alhambra. Questo romanzo incanta mentre si muove tra passato e presente.» Sunday Express «Rivoluzionario, illuminante e commovente, questo romanzo provoca una riflessione sugli eventi attuali ma anche sulla resilienza dell’amore e della speranza.» The Globe and Mail «I libri di Jane hanno tutto quello che si può desiderare. Ti agganciano dalla prima pagina e ti accompagnano con passione, storia e romanticismo.» Katie Fforde Jane JohnsonÈ una scrittrice e una storica inglese. È l’editor inglese di Dean Koontz e George R.R. Martin e con lo pseudonimo di Jude Fisher ha pubblicato alcuni albi illustrati ufficiali delle trilogie Il signore degli anelli e Lo Hobbit, collaborando alla realizzazione dei film di Peter Jackson. Un viaggio in Marocco le ha cambiato la vita e ha influenzato profondamente la sua scrittura.

Corso pratico di Arduino. Modulo base

Arduino è una piccola scheda elettronica open source dotata di un microcontrollore, usata nei prototipi hobbistici e didattici. Con Arduino si possono realizzare in modo rapido piccoli progetti come comandare luci, regolare la velocità dei motori, leggere sensori, comandare attuatori e comunicare con altri dispositivi. Arduino è composto da due parti, una parte hardware basata sui collegamenti tra i vari componenti elettrici e una parte software utilizzata per la programmazione della scheda. In questo primo ebook sono contenuti 15 progetti completi da realizzare con Arduino. L’autore ti guida con chiarezza ed esaustività nell’utilizzo di Arduino per far lampeggiare LED, gestire un servomotore, generare una melodia, usare un sensore di temperatura e molto altro. A corredo dei tutorial trovi gli schemi esplicativi e gli sketch con il codice necessario per il corretto funzionamento della scheda (questi ultimi sono disponibili anche in download).
(source: Bol.com)

Corso di Fotografia

Fotografare di per sé non è un atto complicato o difficile, molto difficile è rendere un immagine fruibile con quello che a noi serve.Se oggi la tecnologia ci permette di fare una “bella” foto affidando alla macchina il compito di decidere per noi questo non significa che sia diventato meno difficile fare una “buona” foto. Ma per fare una “buona” foto spesso dobbiamo prendere in mano noi il controllo della situazione, regolando quei parametri che prima lasciavamo in gestione alla macchina. Attraverso questo libro apprenderai le basi della fotografia e saprai dare la giusta consapevolezza ai tuoi scatti.

Il Corsaro Nero

Tra i personaggi dei romanzi di avventura il Corsaro Nero mantiene la sua condizione di eroe romantico: affascinante, commovente, mitico, tragico, simbolo del valore e dell’onore. Gentiluomo dal misterioso passato, a capo di una banda di filibustieri, naviga a bordo del suo veliero, la Folgore, sulle acque dei Caraibi. Un romanzo ricco di avventure “per terra e per mare”, di amori, di sentimenti di vendetta e di giustizia da leggere tutto di un fiato.

Il corsaro gentiluomo

Quando scopre che a bordo del vascello che ha catturato c’è anche Alice Fulton, il tenebroso e seducente Lionhawk non crede alla propria fortuna. Sopravvissuto a una serie di sventure delle quali ritiene responsabile il padre della giovane, il temibile corsaro medita vendetta e Alice promette di essere lo strumento perfetto. Ma tra i due giovani, imprevisto e imprevedibile, nasce un sentimento profondo e Lionhawk si trova di fronte a una scelta impossibile: dimostrare di essere all’altezza del proprio nome, rinunciando all’amore, o arrendersi alla passione che la bella Alice ha saputo suscitare in lui.

La corsa del vento

Per lei la pittura è una passione travolgente, totalizzante. Jennet Mallow la scopre dentro di sé ancora bambina e non potrà più farne a meno. E quando incontra david Heaton-pittore bello, enigmatico, talentuoso, astro nascente del mondo artistico londinese-incomincia con lui una tempestosa storia d’amore che la porterà dalla periferia di Londra alla Spagna mediterranea e alla comunità bohémienne di St.Ives, in Cornovaglia, rendendola madre di tre figli. Ma mentre il lavoro di Janet sboccia, la promettente carriera di David sembra destinata all’autodistruzione. Assorbita dai doveri famigliari – un marito sempre più distante, i figli da crescere -, presa d’assedio da collezionisti sempre più esigenti, Jennet segue caparbiamente un percorso artistico che è per lei una ricerca d’assoluto. Ma se la sua è la storia di uno straordinario talento osservato nel quotidiano, è anche e soprattutto la vicenda di un grande amore in balisa dell’inevitabile egoismo che rende l’arte possibile.

Corsa contro il tempo

Dopo tanti anni di servizio Will Trent sa che l’intuito del poliziotto non è un’astrazione. Proprio per questo dovrebbe dare ascolto al proprio, quando da dietro la porta di una toilette in aeroporto sente la voce di una bambina dire “Ti prego, voglio andare a casa”. In quell’implorazione c’è una nota diversa da quella che avrebbe parlando con suo padre. E quello che dovrebbe essere suo padre le risponde troppo bruscamente. Qualcosa non va, Will lo sente nelle viscere. Ma quando decide di intervenire è troppo tardi. Ottantanove milioni di passeggeri all’anno, cinque piste, sette sale d’aspetto, cinquecentoquarantamila metri quadri a cavallo di due contee, tre città e cinque giurisdizioni: chiudere l’aeroporto di Atlanta è quasi impossibile. Ma se quella bambina è stata rapita, Will la riporterà indietro, ad ogni costo.
Una storia dal ritmo più serrato che mai da una delle grandi maestre del thriller, l’unica ad aver vinto per ben cinque volte il prestigioso Crimezone Award.

Corsa a ostacoli

Ecco un nuovo romanzo di Fair; con Bertha Cool e Donald Lam che come sempre e più che mai rasentano il codice in trentasei ore di affannosa ed emozionante corsa a ostacoli. Quando Bertha vede duecentocinquanta dollari a portata di mano, li arraffa. E Donald Lam si trova in un groviglio dal quale sembra che solo la Provvidenza possa liberarlo. I suoi fantasiosi armeggi esasperano la signora Cool fin quasi al punto di indurla a sciogliere la “società”. Ma nella dirittura d’arrivo il corsiero di Donald salva la situazione. Vittorioso e soddisfatto il nostro investigatore trova anche il modo di sostenere la parte di Cupido riunendo due esseri fatti l’uno per l’altro.

Corruzione

A New York potevi aspettarti che finisse in galera chiunque. Il sindaco, il presidente degli Stati Uniti, persino il papa. Chiunque ma non il poliziotto eroe Dennis Malone. Lo sbirro che aveva messo in piedi la migliore unità dell’NYPD. Che sapeva in quali armadi erano nascosti tutti gli scheletri. Perché molti li aveva nascosti lui. «Il miglior crime che sia mai stato scritto». Lee Child «È rarissimo che uno scrittore infili due capolavori assoluti uno dopo l’altro, ma questo ha fatto Don Winslow con Il cartello e adesso con Corruzione». Booklist Danny Malone voleva solo essere un bravo poliziotto. Era il re della Manhattan North Special Force, detta Da Force. L’unità che imperversava sulle strade di Harlem come un vento impetuoso spazzando via ogni immondizia. Ma ora che Malone è finito in galera, quel vento non soffia piú. Malone e i suoi erano i piú svegli, i piú abili, i piú veloci. Quelli che in città tenevano a bada «la giungla» e a Natale regalavano, di tasca propria, un tacchino ai poveri. Per diciotto anni Malone era stato in prima linea, per strada, e aveva fatto tutto il necessario per proteggere una città che si nutre di ambizione e corruzione, dove di pulito non c’è piú nessuno. Compreso Malone stesso. Ad Harlem era diventato una specie di intoccabile, ma anche un sorvegliato a vista. All’improvviso però «la sua città, la sua zolla, il suo cuore» gli si sono rivoltati contro. E ora che è stato incastrato dai federali non gli resta che decidere chi sia meglio tradire.

Il corriere scomparso

Apparentemente è un innocuo piccolo uomo su una sedia a rotelle. Si circonda di gente devota e sempre pronta ad aiutarlo, l’ambiguo e anziano Mister Fentolin. Dal suo castello nelle paludi del Norfolk, a pochi passi dal Mare del Nord, Fentolin vive una vita monotona fatta di manie e capricci. Ama dipingere… Ma chi è veramente? È il generoso mecenate che tutti riconoscono? È un abile manipolatore senza scrupoli capace di uccidere per interposta persona solo per salvaguardare i suoi interessi? È un vero e proprio serial killer? Geniale prototipo del dualismo fra bene e male, Fentolin anticipa i grandi personaggi e gli intrighi del cinema spionistico e del giallo contemporaneo. Crudele e comprensivo, amico e assassino… in una sola parola oltre ogni tipo di morale socialmente accettata. Con il Corriere scomparso, E Phillips Oppenheim, grande firma della letteratura di genere, firma uno dei suoi capolavori più claustrofobici e inquietanti. Edizione integrale annotata.

Le correzioni

«Lo si sentiva nell’aria: qualcosa di terribile stava per succedere». Enid e Alfred Lambert trascinano le giornate accumulando oggetti, ricordi, delusioni e frustrazioni del loro matrimonio: l’uno in preda ai sintomi di un Parkinson che preferisce ignorare, l’altra con il desiderio, ormai diventato scopo di vita, di radunare per un «ultimo» Natale i tre figli allevati secondo le regole e i valori dell’America del dopoguerra, attenti a «correggere» ogni deviazione dal «giusto». Gary, dirigente di banca, vittima di una depressione strisciante e di una moglie infantile; Chip che ha perso il posto all’università per «comportamento sessuale scorretto»; Denise, chef di successo con una vita privata, secondo i canoni dei Lambert, molto discutibile. Il temporale annunciato spazzerà via molte cose di valore ma ne restituirà altre piú limpide. Un grande romanzo che si legge d’un fiato, ricco di umorismo e umanità e al tempo stesso duramente critico verso la società contemporanea e i suoi pochi, incerti valori. Impossibile non riconoscere che i Lambert siamo noi: in un momento della nostra vita, in qualsiasi luogo del primo mondo.

Il corpo non sbaglia: romanzo

È una mattina come tante, ma da oggi niente sarà più come prima. Emma è stata uccisa dal marito, “entrava in una stanza era come se andasse via la luce”. La sua morte, un caso di cronaca quasi banale nella sua agghiacciante frequenza, sconvolge le donne del condominio. C’è Lara, che si tormenta per non essere mai andata oltre il saluto sulle scale e la promessa di vedersi per un caffè e c’è Elisa, che proprio la mattina del delitto scopre per caso il marito a letto con un’altra. Una storia senza importanza, assicura lui, ma Elisa si tormenta, oscillando pericolosamente tra il tarlo devastante del sospetto e il bisogno di credere all’uomo che ama. Come uscirne? Perché le donne insistono a picchiare contro il proprio dolore come mosche contro un vetro chiuso? Domande a cui le protagoniste riusciranno a dare risposta in un romanzo attualissimo e di grande impatto, che scava nel dolore con lo sguardo ottimista di chi considera sempre possibile un riscatto dall’infelicità.

Il corpo nel Medioevo

«La concezione del corpo, il suo spazio nella società, la sua presenza nell’immaginario e nella realtà hanno subìto mutamenti in tutte le società storiche. Dallo sport dell’antichità greco-romana all’ascetismo monastico e allo spirito cavalleresco del Medioevo, dove si ha una trasformazione nel tempo, vi è storia. La storia del corpo nel Medioevo è dunque parte essenziale della sua storia globale.»
Allo studio della storia non vi sono ingressi riservati, le sue porte sono aperte a qualsiasi tema. Il corpo è uno di questi, ma con Jacques Le Goff che tratta Il corpo nel Medioevo rischi non se ne corrono. Lo studioso traccia il percorso storico essenziale attraverso il quale il Medioevo trasforma la corporeità antica nell’esperienza moderna della fisicità: uno scopo certamente conseguito. Giuseppe Galasso, “Corriere della Sera”
**
### Sinossi
«La concezione del corpo, il suo spazio nella società, la sua presenza nell’immaginario e nella realtà hanno subìto mutamenti in tutte le società storiche. Dallo sport dell’antichità greco-romana all’ascetismo monastico e allo spirito cavalleresco del Medioevo, dove si ha una trasformazione nel tempo, vi è storia. La storia del corpo nel Medioevo è dunque parte essenziale della sua storia globale.»
Allo studio della storia non vi sono ingressi riservati, le sue porte sono aperte a qualsiasi tema. Il corpo è uno di questi, ma con Jacques Le Goff che tratta Il corpo nel Medioevo rischi non se ne corrono. Lo studioso traccia il percorso storico essenziale attraverso il quale il Medioevo trasforma la corporeità antica nell’esperienza moderna della fisicità: uno scopo certamente conseguito. Giuseppe Galasso, “Corriere della Sera”

Il corpo delle donne

Da anni le donne italiane tacciono. Per fortuna non l’autrice de “Il corpo delle donne”. Lei si è ribellata alla dittatura dei media usando per il suo documentario di denuncia le stesse immagini televisive che quotidianamente offendono la dignità femminile. “Perché le donne italiane continuano a sopportare una televisione che le umilia profondamente?” chiede Lorella Zanardo. “Perché le donne hanno silenziosamente introiettato il presunto modello maschile di bellezza e perché le donne italiane accettano di lavorare più di tutte le donne europee?” Attraverso i commenti che le lettrici del blog ilcorpodelledonne.com le inviano, Lorella Zanardo intuisce che il silenzio delle donne è solo nella sfera pubblica, mentre nell’ambito privato sono in atto cambiamenti profondi che la società e la politica non sono in grado di riconoscere. Dice Lorella Zanardo: “Se con il documentario mi ero proposta di lavorare sulla consapevolezza delle donne, di stimolarla e se possibile di approfondirla, a partire dai danni provocati dalla tv, il libro contempla anche la proposta di un metodo concreto su come educare i più giovani a una visione critica dei media: ‘Nuovi Occhi per la tv’ diventa così un percorso formativo per cambiare, da subito e concretamente”. Più di un manifesto, più della ricostruzione di una stagione di lotta contro l’arroganza televisiva, “Il corpo delle donne” è innanzitutto la storia di una donna che ha finalmente detto basta all’abuso mediatico del corpo femminile.
**