39553–39568 di 65579 risultati

Il delitto di via Brera

È una calda mattina di luglio del 1952 quando la bellissima Mariangela scopre il cadavere del suo principale, titolare di uno studio pubblicitario in via Brera, riverso sulla scrivania con un vistoso squarcio alla tempia, palesemente vittima di un omicidio. Il compito di scoprire l’assassino spetta a Mario Arrigoni, commissario capo del Porta Venezia. L’indagine rivela lentamente e faticosamente luci e ombre, più ombre che luci, della vita del defunto, attraverso interrogatori che coinvolgono svariati personaggi appartenenti al mondo della vittima. Ma l’inchiesta non va avanti come il commissario vorrebbe: mancano testimoni e prove e, soprattutto, non emergono moventi credibili, tanto che si potrebbe sospettare di tutti e di nessuno… Il caso sembra arrivato a un punto morto finché, grazie alla messa a fuoco di un particolare apparentemente insignificante, Arrigoni trova la chiave di volta per arrivare alla più sorprendente delle soluzioni.

Il delitto di mezzanotte

È quasi mezzanotte, e un noto giornalista lavora alla propria opera nel silenzio del suo studio londinese. Ma viene interrotto da una donna avvolta in una pelliccia di zibellino, che appena entrata nella stanza si accascia su una poltrona… e mentre lo scrittore va a chiamare il medico della porta accanto, al dodicesimo rintocco della vecchia pendola la misteriosa signora viene assassinata. Inizia così una delle più difficili e ingarbugliate indagini degli uomini di Scotland Yard, che presto si troveranno di fronte a sviluppi del tutto inattesi… Sax Rohmer «Sax Rohmer» è lo pseudonimo dello scrittore d’origine irlandese Arthur Sarsfield. Appassionato studioso delle culture dei paesi del Medio ed Estremo Oriente – «non c’è alcun dubbio che in una delle mie esistenze precedenti io abbia vissuto sulle sponde del Nilo», ha scritto di sé – si dedicò per anni al giornalismo, prima di iniziare a scrivere le sue intricate storie poliziesche. Divenuto famoso come creatore del personaggio del Dr. Fu Manchu, l’imperturbabile e geniale criminale capace di mille nefandezze, è autore di molti romanzi pieni d’azione e caratterizzati da scenari carichi di suggestioni esotiche.

Delitto di Capodanno

Mancavano tre giorni a Capodanno quando Aldo ricevette quell’invito da suo fratello. Non lo vedeva da un anno e quale occasione migliore per potersi riappacificare con lui? Nemmeno Lara potrà essere d’ostacolo al giovane poliziotto, ancora del tutto inconsapevole che quella notte sarà quella in cui si troverà a risolvere il caso più difficile di tutta la sua vita. Le ricerche gli faranno scoprire cose di cui lui era completamente all’oscuro, e come un puzzle anche la sua vita verrà messa in ordine. In un caso dove pare che tutti mentano e nessuno sia l’assassino, Aldo dovrà fidarsi di se stesso, conservando la sua abilità di detective.

Delitto alle Olimpiadi

Giovane, bella, e famosa, l’ostacolista Marinella Paris è la stella della squadra azzurra di atletica per le Olimpiadi di Londra. Ma alla vigilia della partenza per l’Inghilterra il suo cadavere viene trovato sulla spiaggia di Ostia dove la nazionale è in ritiro per rifinire la preparazione. Nessun sospettato. Niente arma del delitto. L’inchiesta è affidata al commissario Igor Attila, ex pugile medaglia d’argento alle Olimpiadi di Seul del 1988, con un passato di frustrazioni sportive e una dolorosa delusione amorosa alle spalle, ma tutt’altro che arreso al destino. Sarà lui a guidare il pool di agenti della Sezione Crimini Sportivi in un’indagine che farà luce sui compromessi e gli inganni del mondo dorato delle stelle dello sport.
(source: Bol.com)

Delitti: Due casi per il commissario Bellantoni

Edida si veste in giallo con “Delitti” di Maria Castellett, “Delitto al free jazz” e “Delitto nel web”, dalla trama originale e con ingredienti ben dosati: una piccola città, il commissario Bellantoni, donna elegante e piacente, un entourage al maschile, amori, amorazzi e omicidi. Due casi rompicapo per la bella Antonia, impegnata tra reale e virtuale.
**

Delitti satanici

Quando all’inizio degli anni Sessanta il satanismo penetrò nella cultura popolare, sulle note dei Beatles e dei Rolling Stones, non era altro che una innocue forma di ribellione alle convenzioni sociali. Era però l’inizio di un pericoloso legame che avrebbe avuto conseguenze estreme negli anni Settanta, con la diffusione e il successo planetario del Black e del Death Metal: per alcuni le suggestioni musicali divennero la base di veri e propri culti satanici. Gli adepti, europei o americani, avevano una sorta di venerazione per i criminali autori di efferati delitti, e talvolta finivano per emularli, compiendo omicidi, stupri, mutilazioni, necrofilia. In questo saggio Moorhouse ricostruisce gli ultimi, sanguinari quarant’anni di satanismo, attraverso le gesta degli assassini, dei serial killer, degli stupratori, noti e meno noti, facendo luce sulle motivazioni e le pulsioni che li animarono, e rivelando in che misura e musica rock sia stata la colonna sonora dei loro crimini.

Il Delfino

Il viaggio d’iniziazione di un delfino, alla ricerca dell’onda perfetta, simbolo del sogno che può cambiare una vita per sempre… Nelle acque blu dell’oceano un branco di giovani delfini si prepara alla pesca quotidiana. Uno di loro si allontana per giocare con le onde della barriera corallina. È Daniel Alexander Dolphin, il grande sognatore del gruppo, deciso a scoprire lo scopo della sua vita. Mentre il mare lo incoraggia i compagni gli rinfacciano di essere un perdigiorno. Tuffo dopo tuffo il protagonista impara ad ascoltare quella voce che solo lui sente e, quando arriva il momento giusto, non esita a saltare al di là della barriera corallina, limite delle acque sicure. Preso il largo con slancio, scoprirà cose che non si vedono con gli occhi ma con il cuore. Creature sconosciute, messaggere di sublime saggezza, lo guideranno all’appuntamento con l’onda perfetta…

(source: Bol.com)

Gli dèi della Grecia

Appassionante e insuperata ricostruzione dell’universo religioso greco, questo libro avvicina sapientemente il lettore alle figure della religione olimpica – e al loro peculiare modo di manifestarsi – seguendo una duplice via: da un lato Otto esamina il culto dei dodici dèi olimpici (soffermandosi anzitutto su Atena, Apollo, Artemide, Afrodite, Ermete), dall’altro ce li presenta come esseri che, grazie alle loro divine epifanie – tanto diverse eppure così sottilmente collegate le une alle altre –, vivono una vita inesauribile, compiuta in sé. E ammirevole è la sua prosa allorché si confronta con le più enigmatiche fra le divinità, come nel famoso ritratto di Ermete, dove lo stile di Otto ci appare in tutto il suo evocativo nitore: alto e insieme capace di filtrare una impeccabile dottrina – e di parlare degli dèi in un modo che i suoi soggetti certamente non riterrebbero inappropriato. La raffigurazione della religione omerica che ne risulta – «coscienza sempre viva della prossimità del divino», «pura forma del mondo», spazio della conoscenza e della luce – ha costituito un modello per intere generazioni di studiosi di cui Otto è stato il maestro, primo fra tutti Karl Kerényi, ed è stata non meno presente a chi ha sempre guardato a lui – è il caso di Heidegger – come a un illuminato interprete del passato. “Gli dèi della Grecia” uscì per la prima volta nel 1929. La presente edizione è arricchita da un saggio inedito su Zeus, la divinità suprema che ancora mancava all’appello nel testo originale tedesco – testo che in questa versione raggiunge così definitiva completezza.
(source: Bol.com)

Declino e caduta dell’impero romano. Ediz. integrale

Lo sguardo posteriore, ma profondo di uno storico che sa fare i conti con l’intera epopea della romanità. Fatti, economia, diritto e cultura, questo monumentale lavoro di ricostruzione e racconto si confronta con la civiltà della grande Roma, per scoprire punti di vista nuovi, pragmatici e fecondi. “Declino e caduta dell’Impero romano” ci offre un metodo storico ricco di insegnamenti e un nuovo senso critico per l’osservazione della nostra stessa realtà. Questo lavoro rappresenta la summa degli studi di Gibbon e un autentico autoritratto della mentalità settecentesca che lo rendono un’opera imprescindibile ancora oggi.

Il Decameroncino

L’opera. Il Decameroncino fu edito a Catania, da Giannotta, nel 1901, e riscosse subito ampi consensi di critica e di pubblico anche fuor di Sicilia. Modello, dichiarato fin dal titolo, è l’opera maggiore del Boccaccio, della quale il libro – suddiviso com’è in «dieci giornate» e una «conclusione» – ripete anche l’articolazione interna. Capuana tuttavia, ben lungi dal vincolarsi troppo strettamente alla marca boccacciana, non spinge l’imitazione oltre questi elementi più immediati ed esterni, e sviluppa in modo completamente autonomo e originale personaggi, situazioni, tematiche. L’azione si svolge all’interno di una cornice ben precisa – l’esclusivo salotto aristocratico della baronessa Lanari –, dove l’ottuagenario dottor Maggioli racconta undici brevi novelle di vario argomento, in contrappunto con interlocutori di diverso orientamento ideologico o religioso. Caratterizzano la narrazione – piana e felicissima – l’interesse per i fenomeni spiritici e parapsicologici e per i casi eccezionali di psicopatologia, l’attenta curiosità per il progresso tecnologico (mito dell’età del positivismo), una sottile vena moralistica nei confronti delle nuove generazioni, la garbata ironia con cui questi casi – paradossali e sconcertanti alcuni, altri buffi e divertenti , tutti gustosi – vengono riferiti. Cosicché, efficacemente proiettato nella figura del «buon vecchietto (…) più brioso di un giovanotto del giorno d’oggi», Capuana offre in queste pagine una delle prove più interessanti e convincenti della sua inesauribile vena narrativa.
Lingua: Italiano
Capilettera: si
Capitoli separati: si
Formattazione per kindle: si
Indice: si
Cerca tutti i libri della francesco libri su amazon !
**
### Sinossi
L’opera. Il Decameroncino fu edito a Catania, da Giannotta, nel 1901, e riscosse subito ampi consensi di critica e di pubblico anche fuor di Sicilia. Modello, dichiarato fin dal titolo, è l’opera maggiore del Boccaccio, della quale il libro – suddiviso com’è in «dieci giornate» e una «conclusione» – ripete anche l’articolazione interna. Capuana tuttavia, ben lungi dal vincolarsi troppo strettamente alla marca boccacciana, non spinge l’imitazione oltre questi elementi più immediati ed esterni, e sviluppa in modo completamente autonomo e originale personaggi, situazioni, tematiche. L’azione si svolge all’interno di una cornice ben precisa – l’esclusivo salotto aristocratico della baronessa Lanari –, dove l’ottuagenario dottor Maggioli racconta undici brevi novelle di vario argomento, in contrappunto con interlocutori di diverso orientamento ideologico o religioso. Caratterizzano la narrazione – piana e felicissima – l’interesse per i fenomeni spiritici e parapsicologici e per i casi eccezionali di psicopatologia, l’attenta curiosità per il progresso tecnologico (mito dell’età del positivismo), una sottile vena moralistica nei confronti delle nuove generazioni, la garbata ironia con cui questi casi – paradossali e sconcertanti alcuni, altri buffi e divertenti , tutti gustosi – vengono riferiti. Cosicché, efficacemente proiettato nella figura del «buon vecchietto (…) più brioso di un giovanotto del giorno d’oggi», Capuana offre in queste pagine una delle prove più interessanti e convincenti della sua inesauribile vena narrativa.
Lingua: Italiano
Capilettera: si
Capitoli separati: si
Formattazione per kindle: si
Indice: si
Cerca tutti i libri della francesco libri su amazon !

Decadenza

La nostra civiltà è alla fine?
In un’opera ambiziosa e controversa, di immenso successo in Francia,
il filosofo più popolare d’Europa racconta lo splendore e il declino
della civiltà giudaico-cristiana.
Un caso editoriale mondiale.

Conosciamo tutti le piramidi egizie, i templi greci, i fori romani, e tutti ammettiamo che le tracce delle civiltà scomparse provano che le civiltà muoiono, e dunque che sono mortali! La nostra civiltà giudaico-cristiana, che ha duemila anni di vita, non sfugge a questa legge.
Dal concetto di Gesù, annunciato nell’Antico Testamento e progressivamente nutrito d’immagini da secoli di arte cristiana, fino a Bin Laden, che dichiara guerra mortale al nostro Occidente spossato, provo qui a tracciare un affresco epico della nostra civiltà.
Vi troviamo: monaci folli nel deserto, sanguinari imperatori cristiani, musulmani che costruiscono il loro ‘paradiso all’ombra delle spade’, grandi inquisitori, streghe a cavallo delle scope, processi agli animali, indiani piumati a passeggio con Montaigne nelle strade di Bordeaux, la resurrezione di Lucrezio, un curato ateo che annuncia la morte di Dio, una rivoluzione giacobina che uccide due re, dittature di destra e poi di sinistra, campi di morte neri e rossi, un artista che vende i suoi escrementi, uno scrittore condannato a morte per aver scritto un romanzo, due ragazzi che rivendicando l’Islam sgozzano un prete durante la messa… e mille altre cose.
Decadenza è un libro né ottimista né pessimista, ma tragico, perché in questo momento non si tratta più né di ridere né di piangere, ma di comprendere.
Michel Onfray
(source: Bol.com)

Il debito

Ritorna l’autore dei bestsellerLa Biblioteca dei Morti e Il segno della croce:3 milioni di copie in ItaliaNell’Archivio Segreto Vaticano, sepolto dalla povere del tempo,è custodito un documento sconcertante.Per il papa è la pietra su cui costruire una nuova Chiesa,per altri una scoperta da celare agli occhi del mondo.Per sempre.In Vaticano è in corso una guerra silenziosa.E nessuno è al sicuro…Forse non è il paradiso, ma per Cal Donovan, docente di Storia della religione, è come se lo fosse. Per ringraziarlo del suo ruolo cruciale nel caso del sacerdote con le stigmate, papa Celestino VI ha infatti concesso a Cal un privilegio straordinario: l’accesso illimitato alla Biblioteca Vaticana e all’Archivio Segreto Vaticano; chilometri di scaffali su cui sono conservati centinaia di migliaia tra manoscritti, documenti antichi e reperti inestimabili. E Cal ne approfitta subito per le sue ricerche su un oscuro cardinale italiano vissuto a metà dell’Ottocento, durante i moti rivoluzionari che avevano sconvolto lo Stato Pontificio. Ed è così che s’imbatte in una lettera privata del segretario di Stato dell’epoca, in cui si fa riferimento a un banchiere e alla necessità di trasferirlo in gran segreto fuori Roma. Nel corso degli anni, Cal ha imparato a fidarsi del proprio istinto e quella strana vicenda lo attira come una calamita. Non può tuttavia immaginare che, dalle pagine ingiallite, emergerà un fatto sconcertante: un ingente debito – mai restituito – contratto in segreto dalla Chiesa con una banca gestita da una famiglia ebrea. Né può prevedere la sorprendente richiesta di Celestino: trovare le prove che quel debito è ancora valido. Ma quali sono le reali intenzioni del papa? Cal non è l’unico a porsi quella domanda. Per alcuni membri della Curia è in gioco la sopravvivenza stessa della Chiesa, e sono pronti a usare qualsiasi mezzo pur di fermare le ricerche di Cal e ostacolare i progetti del papa… La trilogia della Biblioteca dei MortiLa Biblioteca dei MortiIl Libro delle AnimeI Custodi della Biblioteca La trilogia di DannatiDannatiLa Porta delle TenebreL’invasione delle Tenebre Le avventure di Cal DonovanIl segno della croceIl debitoGli altri romanziLa mappa del destinoIl marchio del diavoloL’ultimo giornoIl calice della vita

Il debito

A Mitch Jenkins viene a mancare la terra sotto i piedi quando la relazione di due anni con il suo compagno arriva a una brusca fine. Sono passati due mesi e lui sta ancora soffrendo. Nel tentativo di risollevargli il morale, un collega lo conduce in un club ʻsegretoʼ. Mitch non è minimamente interessato a quei giovani gay che si pavoneggiano, finché non nota in fondo alla sala un ragazzo con il naso infilato in un libro, incurante dell’ambiente circostante. Adesso sì che Mitch è interessato.

Nikko Kurokawa vuole estinguere il proprio debito e andarsene dal Black Lounge. Guadagnarsi la libertà non è un compito semplice, specialmente quando inizia ad attirare l’attenzione. La vita diventa un po’ più facile da sopportare quando conosce Mitch. Lui non è come gli altri uomini che frequentano il club. Mitch lo intriga e riesce a catturare il suo cuore, dandogli il coraggio di affrontare qualsiasi cosa. A breve Nikko sarà fuori di lì, e lui e Mitch potranno capire se esiste un futuro per loro.

Nessuno dei due ha tenuto conto di chi non vuole che Nikko se ne vada…
(source: Bol.com)

Debito di ossa

Al Mastio del Mago si presenta Abby, una giovane abitante di un piccolo villaggio invaso dalle truppe di Panis Rahl. La guerra con il D’Hara sta mietendo numerose vittime nelle Terre Centrali, e Zeddicus Zu’l Zorander è impegnato, in qualità di Primo Mago, a contrastare gli incantesimi e le atrocità del nemico. Abby però arriva a esigere l’adempimento di un’antica promessa, il pagamento di un debito di ossa che Zedd aveva contratto con la madre della giovane: in virtù di quell’antico e potente legame, Abby chiede al Primo Mago di salvare Coney Crossing. Ma quando Zedd riesce a raggiungere il villaggio, scopre di essere caduto in una trappola preparata apposta per lui dalle forze di Panis Rahl, che lo sottoporrà al più terribile dei ricatti… Una novella del ciclo “La spada della verià”.
**