39345–39360 di 74503 risultati

Babylon babies

Estate 2013. Il mondo è sull’orlo del caos. I conflitti locali si stanno moltiplicando, le alterazioni del clima minacciano l’ecologia del pianeta, il potere legale è gestito ormai dai clan mafiosi. Da questo scenario “babelico” emerge la figura di Toorop. Scampato per miracolo al conflitto cinese, Toorop viene arruolato dalla mafia siberiana per scortare dalla Russia al Canada una giovane donna depositaria di un incredibile segreto, una sconvolgente scoperta in grado di cambiare per sempre i destini dell’umanità. E’ solo l’inizio di una vertiginosa epopea, a cavallo tra spy story, giallo e fantascienza…

B. Il burattinaio

Nella cittadina di Forshälla il detective Lindmark si trova di nuovo alle prese con una delicata indagine: Petra, una bambina di nove anni, è scomparsa. Scattano subito interrogatori e ipotesi investigative: Petra potrebbe essere scappata, potrebbe essere stata rapita da un vicino con dei precedenti penali. Alcuni testimoni dichiarano di aver sentito delle urla provenire dalla casa di Petra la notte precedente la scomparsa e i sospetti ricadono allora sui genitori, noti per essere degli alcolizzati. Un particolare però inquieta Lindmark: una Toyota grigio scuro, parcheggiata per giorni davanti alla casa di Petra, è misteriosamente sparita insieme alla ragazzina. Si valuta anche la pista della pedofilia, per la quale le indagini si concentrano su Nils Dunander, allenatore di hockey di Petra. Ma il corpo di Nils viene recuperato senza vita qualche giorno dopo e con un orecchio tagliato, mentre Petra viene ritrovata, sana e salva, ma rilascia alla polizia una versione dei fatti per nulla convincente. Quando la sera Lindmark torna a casa trova nella sua posta un biglietto: “So chi sei. La punizione è Petra”. Un biglietto troppo simile a quello ricevuto l’anno precedente, subito dopo avere arrestato il suo collega, Gunnar Holm… Un dubbio angosciante si insinua nella mente del detective: c’è forse un collegamento tra i due casi?

Azione immediata

«C’era solo una cosa nella mia mente: la Selezione SAS. Sapevo cose vaghe di giungla, deserto, paracadutismo, immersioni. Ma, a tutti gli effetti, dopo il primo mese c’era l’ignoto. Non avevo alcun modo per prepararmi all’ignoto. Però potevo di certo prepararmi per quel primo mese. Sapevo di poter passare. Lo sapevo dentro.» Dopo un’irrequieta adolescenza, trascorsa nei quartieri popolari di Londra e in mezzo a piccole gang dedite a furtarelli di vario genere, Andy McNab, per sottrarsi a un incerto destino, si arruola in fanteria. La monotona vita di caserma però non lo appaga: vuole qualcosa di più. Il suo unico obiettivo, un vero e proprio pensiero fisso, diventa allora la terribile Selezione per entrare a far parte del 22° Reggimento Special Air Service (SAS), l’élite dell’élite, le Forze Speciali dell’esercito inglese. Respinto una prima volta nell’ultimo giorno di prova, al secondo tentativo è tra gli otto candidati su centottanta che riescono a emergere da quel gioco al massacro fatto di prove durissime, oltre il limite della resistenza fisica e psicologica. È dentro, finalmente, il suo sogno si avvera. Comincia così un’avventura che lo vede partecipare a rischiose missioni in ogni parte del mondo, dall’Irlanda del Nord, dove è impegnato contro l’IRA, alla Malesia, dal deserto del Kalahari alle foreste pluviali dell’America Latina, dove è protagonista nella lotta contro i narcotrafficanti. Addestrati per ogni tipo di impiego nelle condizioni ambientali più difficili, gli uomini del SAS, sempre pronti all’azione immediata, agiscono in silenzio e con rapidità, al più alto livello di efficienza. Ma il libro racconta non soltanto queste imprese – fino alla vigilia della partenza per la guerra del Golfo –, ma soprattutto il loro spirito più vero e profondo: è il resoconto di un’esperienza davvero eccezionale, narrata con stile asciutto e incisivo. L’autore vi confessa senza censure – soprattutto verso se stesso – anche le proprie vicende private, le sue difficoltà e i suoi errori. Ora freddo e violento, ora toccante e appassionato, ora francamente spassoso e irriverente, Azione immediata ci permette di vivere «in diretta» un’esperienza che corre sul filo del rasoio, e consacra McNab come uno dei migliori scrittori di guerra della nuova generazione

Awakened. La casa della notte

Lo ammetto: da quando Heath è morto, mi sento come svuotata. Stavamo insieme da sempre, da prima che io ricevessi il Marchio e diventassi la famosa Zoey Redbird, la novizia vampira più dotata della Storia. È per questo che volevo accettare la proposta di Sgiach – la regina dei Guerrieri – di restare per sempre sull’isola di Skye. Credevo infatti che solo in quel posto sperduto sarei riuscita a dimenticare il dolore. Poi, però, Stevie Rae mi ha contattato per riferirmi una notizia sconvolgente: uno dei nostri migliori amici è morto. Sebbene non possa dimostrarlo, lei è certa che sia stato ucciso da Neferet. Purtroppo nessuno le crede: in effetti, chi sospetterebbe della Somma Sacerdotessa della Casa della Notte di Tulsa? Tuttavia io so di cosa è capace quella vampira: è talmente malvagia da essersi perfino alleata col Male personificato! Devo farmi forza. Ho già perso le due persone che più mi stavano a cuore, non posso permettere che accada di nuovo. Tornerò a casa e combatterò. Perché, altrimenti, tutti i vampiri cadranno vittima di Neferet e il mondo sprofonderà nel caos…

Avvocato di difesa

Mickey Haller ha passato tutta la sua vita professionale con il terrore di non riconoscere l’innocenza nel caso se la fosse trovata di fronte.
Haller è un avvocato di Los Angeles che prepara i suoi casi dal sedile posteriore di una Lincoln a nolo, mentre si sposta da un tribunale all’altro per difendere piccoli criminali di ogni tipo. Truffatori, spacciatori, magnaccia, prostitute. Un intero repertorio di squattrinati che gli garantiscono solo la sopravvivenza.
Quando un playboy di Beverly Hills, accusato di aver aggredito una donna rimorchiata in un bar, lo incarica della sua difesa, Haller ha l’impressione di toccare il cielo con un dito. Finalmente un cliente pieno di soldi, che potrà risolvere la sua situazione finanziaria. E in più l’uomo ha tutta l’aria di non aver commesso il fatto.
Ma il giorno in cui Raul Levin, un investigatore privato che lavora a stretto contatto con lui, viene trovato ucciso, Haller scopre che la sua ossessione per l’innocenza l’ha condotto a scontrarsi con un abisso di malvagità.
Un gorgo pericoloso, da cui potrà salvarsi soltanto ricorrendo a tutte le sue armi, in una ricerca mozzafiato della verità.

(source: Bol.com)

Avversario segreto

«Due giovani avventurieri offronsi qualsiasi lavoro ovunque, dietro buon compenso». Questo singolare annuncio viene pubblicato dall’ex ufficiale Tommy e dall’infermiera Tuppence, smobilitati, senza un soldo e bisognosi di un impiego. Entrambi amano l’avventura ed il rischio, e non dovranno attendere molto per mettersi alla prova.

Avventure nella mente degli altri

Qual è la differenza tra bloccarsi e farsi prendere dal panico? Perché ci sono decine di varietà di senape, ma solo una di ketchup? Che cosa ci insegnano i giocatori di football sui criteri usati per assumere gli insegnanti? Che cosa ci dicono le tinture per capelli sulla storia del XX secolo?
Malcolm Gladwell è autore di libri che hanno radicalmente cambiato il nostro modo di comprendere il mondo e noi stessi: che analizzi i processi grazie ai quali siamo in grado di prendere decisioni immediate (come In un batter di ciglia) o consideri le ragioni che stanno alla base del successo (come in Fuoriclasse), Gladwell mostra un talento straordinario nell’indagare aspetti della vita apparentemente banali per trasformarli in piccole teorie rivoluzionarie.
”Di tutte le persone che incontrerete in questo libro, ben poche sono potenti, o anche solo famose. Se vuoi trovare una storia non devi partire dall’alto. Devi partire dal mezzo, perché è la gente che sta nel mezzo a fare davvero le cose nel mondo.”
Avventure nella mente degli altri presenta diciannove brevi saggi in cui l’autore dà sfogo alla sua insaziabile curiosità per il quotidiano che lo circonda. Troviamo la storia agrodolce dell’inventore della pillola anticoncezionale, che tentò invano di rendere bene accetta la sua creatura alla Chiesa cattolica, e l’avventura nel marketing di Howard Moskowitz, quando scoprì il principio che ”la gente non sa che cosa vuole” e lo applicò alle ricerche di mercato nel campo dei sughi pronti. Facciamo la conoscenza di Ron Popeil, il re della cucina americana, mentre vende girarrosti, e indoviniamo i segreti di Cesar Millan, ”l’uomo che sussurra ai cani”, capace di calmare animali selvaggi con il tocco della mano.
Che le teorie di Gladwell vi convincano o meno non è importante, ”perché la buona scrittura riesce o fallisce non a seconda della sua capacità di convincere. Riesce o fallisce a seconda della sua capacità di farvi intravedere cosa c’è nella testa di un altro”.

(source: Bol.com)

Le avventure di Tom Sawyer

“La storia del nostro Tom l’ho amata fin dai tempi delle mie prime letture e, dopo, l’ho preso per modello. Posso dirvi in breve che i motivi della mia ammirazione sono due: il primo è lo scorrere di avventure che ti tengono col fiato sospeso, il secondo il grande senso di comicità e umorismo che si trova in ogni pagina.” dall’introduzione di Lia Levi

Le avventure di Tom Bombadil

Tolkien ripropone in questi sedici racconti in versi il suo fantastico Medioevo. Si passa da filastrocche scioglilingua a vere e proprie ballate romantiche, in un’accurata versione italiana che, evitando una piatta trascrizione letterale dei testi, si sforza invece di rispettarne la struttura, di riprodurne la musicalità, di ricostruirne la ricchezza di significati allegorici e rituali. I testi sono preceduti da una prefazione dello stesso autore. Testo inglese a fronte.

Le avventure di Sherlock Holmes

Sempre accompagnato dal fido Watson, Sherlock Holmes è il detective londinese astuto, imperturbabile, imprevedibilmente ironico: il prototipo dell’investigatore. Pubblicata nel 1892, questa raccolta di dodici racconti usciti originariamente sullo “Strand Magazine” è la prima edita da Conan Doyle, e ci mostra Holmes alle prese con una serie di misteri e problemi da risolvere: recuperare una fotografia compromettente che minaccia il trono del re di Boemia; scoprire un’ingegnosa “banda del buco” che opera con un sistema più unico che raro; salvare un ragazzo innocente dall’accusa, sostenuta da indizi schiaccianti, di aver ucciso il padre. O ancora, una ragazza che vuole la verità sulla morte della sorella, una serie infernale di decessi legati a cinque semi d’arancio, o il mistero di un gioiello rubato: sfide al limite dell’impossibile, ma non per l’ingegno sovrumano di Sherlock Holmes.
**

Le avventure di Oliver Twist

Un grande classico riccamente illustrato a colori.
Oliver Twist ha vissuto fino a nove anni all’orfanotro dei poveri. Ma questa è solo la prima delle sue sfortune: mandato a lavorare in un’impresa di pompe funebri, riesce a fuggire e a raggiungere Londra, dove viene costretto a unirsi a una banda di ladruncoli e a partecipare a furti e a rapine agli ordini del sinistro Fagin. Sarà solo dopo innumerevoli, tragiche peripezie, e con l’aiuto di chi si affezionerà a lui, che Oliver troverà la strada verso la felicità e la sicurezza di sé.
Maestro ineguagliabile dell’intreccio e delle profonde emozioni, capace di fondere mirabilmente la tensione drammatica degli eventi all’umorismo nero e alla sferzante satira sociale, Dickens ha intessuto una storia che, attraverso continui colpi di scena, non conosce un attimo di sosta, una storia che continua ad avvincere e a commuovere i lettori di ogni paese e di ogni età.
(source: Bol.com)

Le avventure di Huckleberry Finn

Huck alla fine del precedente libro veniva adottato dalla vedova Douglas, che, assieme alla sorella, Miss Watson, Tenta invano di farne un bravo ragazzo. Ed è a questo pun to che iniziano i suoi problemi: infatti il padre, un violento ubriacone, vuole a tutti i costi impossessarsene e così riesce a ottenere la custodia del figlio, che tiene segregato in una capanna tra i boschi che costeggiano le rive del Mississippi. Inizialmente Huck è contento del ritorno alla vita selvaggia, ma, dopo l’ennesimo episodio di violenza da parte del padre, decide di fuggire organizzando la messinscena della sua uccisione.

Le avventure di Cipollino

Un monello che fa piangere chi gli strappa i capelli e un principe acido, cattivo e poco furbo sono i due antagonisti di questo memorabile romanzo nato nei primi anni ’50. La posta in gioco dello scontro fra Cipollino e Limone è niente meno che la libertà di un popolo intero, composto di pomodori, ciliegie, fagiolini e vecchie talpe. La trama è lineare: i buoni, vessati dal tiranno e oppressi da regole insensate, guidati dal giovane Cipollino riusciranno a sconfiggere i cattivi a colpi di scherzi, beffe e piani geniali, senza mai ricorrere alla violenza. Ma l’intento di Gianni Rodari non è mettere in scena una lotta tra il male e il bene: è quello di dimostrare che una società giusta è possibile, auspicabile e anche più divertente per tutti. Età di lettura: da 7 anni.

Le avventure di Augie March

Pubblicato nel 1953, Le avventure di Augie March rappresenta una delle vette della produzione romanzesca di Saul Bellow, la sua prima opera importante: un romanzo di formazione dalla forte componente autobiografica, popolato da una miriade di personaggi pittoreschi colti nel loro incessante movimento, in cui rivivono echi della tipica narrazione americana, soprattutto il tema twainiano della fuga, delle peripezie e dell’iniziazione dell’eterno adolescente. Ambientato in una brulicante, indimenticabile Chicago degli anni Venti, il racconto segue le avventure del giovane Augie, che, costretto ai margini della società, si ingegna in tutti i modi a sopravvivere passando da un mestiere all’altro. Con la partenza per il Messico, spinto da una amante che lo convince ad accompagnarla ad addestrare aquile, inizia la sua picaresca avventura nel mondo; un viaggio rivelatore, fatto di mille incontri inaspettati, in cui anche le vicende belliche diventano occasione per scoprire le verità più riposte dell’esistenza umana.
(source: Bol.com)

L’avvelenatrice

XVII secolo. La giovane marchesa di Brinvilliers si invaghisce del torbido Gaudin di Santa-Croce e finisce con l’essere trascinata da lui in un oscuro gioco di morte. L’uomo, infatti, è maestro di veleni e trasmette all’amante tutte le sue arti. In breve la marchesa seminerà vittime tra i propri cari, a cominciare dal marito, il marchese di Brinvilliers. Ispirato alla storia vera di Marie Madeleine Dreux d’Aubray (1630-1676), “L’avvelenatrice” è un viaggio allucinato attraverso la psiche feroce di una delle più spietate serial killer della Storia. Dumas conduce il lettore in questi abissi di terrore e compone un romanzo breve e terribile. Ricostruisce la vicenda attraverso stralci di documenti dell’epoca secondo una struttura che, un secolo e mezzo più tardi, renderà famoso un altro grande maestro del brivido come James Ellroy. In fondo questo piccolo e misconosciuto romanzo è uno dei primi noir della storia. PER ALTRI CLASSICI DELLA NARRATIVA, DELLA POESIA, DEL TEATRO E DELLA FILOSOFIA CLICCA SU BI CLASSICI, O DIGITA “BI CLASSICI” NELLA AMAZON SEARCH BAR!
**