39201–39216 di 65579 risultati

L’esercito dei demoni

Dopo la distruzione della civiltà, il destino dell’umanità sembra ormai segnato. Gli stessi elfi sono a rischio di estinzione. Uno sterminato esercito di demoni al comando di Findo Gask si appresta a circondarli e distruggerli. La loro unica salvezza sono le Pietre Magiche; gli elfi Kirisin e Simralin, inviati dall’Ellcrys, l’albero senziente, le hanno recuperate, ma devono rientrare nel loro regno superando l’assedio dei demoni senza poter contare sul Cavaliere del Verbo Angela Perez, rimasta gravemente ferita mentre li aiutava nella conquista dell’ultima e più potente Pietra Magica, il Loden. Pericoli d’altro genere minacciano i superstiti della razza umana, sfuggiti all’orda dei demoni e affidati alla protezione dell’altro Cavaliere del Verbo, Logan Tom. In base alla profezia di una creatura magica, il Re del fiume Argento, gli uomini si sono inoltrati nel deserto e ora attendono la loro guida, Falco, che porta con sé il grande potere della magia primordiale. Ma Falco deve ancora vincere le forze soverchianti dei demoni lanciati sulle sue tracce. Né gli elfi né gli uomini, però, sanno che la fine è ancora più vicina di quanto appare: l’orrore della guerra e la solitudine, infatti, hanno portato alla follia l’ultimo custode dei vecchi arsenali nucleari, intrappolato nella sua base sotterranea, trasformando la fuga di Falco in un’impossibile corsa contro il tempo.
**

L’escluso

Una notte, in una splendida villa di Long Island, un’intera famiglia viene sterminata. Sembra un caso di omicidio-suicidio: Carver, il padre, avrebbe ucciso la moglie Patricia e i figli per poi suicidarsi, sconvolto dalla gelosia e dall’incombente disastro economico. Ma l’ipotesi viene accantonata all’apparire di un ambiguo personaggio, Tony, che, innamorato di Patricia fin dall’infanzia, ha consacrato la sua vita alla venerazione di lei. In un andirivieni tra flashback soggettivi e cronache del labirinto carcerario in cui Tony è rinchiuso, la storia volge verso il romanzo psicologico sul tema dell’escluso, dell’ospite bandito dalla festa della vita, oltre che dagli steccati di una società aridamente pragmatica, dalla sua stessa impotenza esistenziale.

Eros italiano

Eros Italiano è una vertiginosa e travolgente antologia di desideri e trasgressioni che attinge a frammenti di novelle e romanzi della letteratura italiana. La sfera del proibito negli scrittori italiani è più casta che libertina, più intellettuale che carnale, più comica che drammatica.
Il risultato è una mappa di scene-madri che hanno come oggetto descrizioni di parti del corpo, preliminari, fantasie amorose, amplessi, iniziazioni, tabù, tendenze sessuali di ogni genere e via dicendo secondo i turbamenti che hanno caratterizzato settecento anni di letteratura italiana, dal Trecento ai giorni nostri.
I brani sono stati estrapolati soprattutto da autori insospettabilmente spudorati e piccanti

Eroi e mostri. Il fantasy come macchina mitologica

Universalmente letti, i romanzi di J.R.R. Tolkien (“Lo Hobbit” e “Il signore degli anelli”) e quelli del suo amico C.S. Lewis (“Le cronache di Narnia”), anche grazie a riduzioni cinematografiche di grande successo, sono considerati pietre miliari del fantasy contemporaneo. Ma a cosa devono la loro fama sconfinata? Il cattolico Tolkien e l’anglicano Lewis, docenti a Oxford, hanno dato vita a un progetto letterario anti-moderno centrato sul ruolo degli scrittori come «sub-creatori», ovvero collaboratori dell’opera di Dio nell’invenzione di mondi paralleli. Un progetto qui indagato con acume, risalendo alle fonti di ispirazione che per entrambi sono i cicli dell’epica medievale, con i loro eroi sterminatori di mostri, e illustrando i fondamenti mitologici, spesso apertamente reazionari, del fantasy, un genere letterario e spettacolare che conosce oggi una voga planetaria.

Un eroe per l’impero romano

Dall’autore dei bestseller 300 guerrieri e Dictator un nuovo travolgente romanzo storicoÈ il 101 d.C., l’anno in cui Roma, all’apice della sua potenza ed espansione, intraprende forse la sua più grande e meno conosciuta guerra: la campagna per la conquista della Dacia, l’odierna Romania. Il carismatico imperatore Traiano guida l’impresa, ossessionato dall’idea di emulare le gesta di Alessandro Magno. Ma se i romani possono mettere in campo la disciplina, la strategia e la collaudata forza delle legioni, i daci, condotti dal re Decebalo, hanno fama leggendaria di essere uomini dal sovrumano coraggio, guerrieri pronti a tutto. E a contrastare la minaccia dell’invasore appaiono anche alcune misteriose creature, assetate di sangue romano. All’ombra delle operazioni dirette da Traiano si intrecciano i destini di due fratelli: Tiberio Claudio Massimo, valoroso cavaliere, soldato ambizioso e determinato, e Marco, indolente e refrattario alle responsabilità. Tiberio passerà alla storia come colui che catturò il temibile Decebalo: la colonna traiana e la sua stele ritrovata nel secolo scorso lo raffigurano mentre tenta di impedire al sovrano nemico di suicidarsi. Marco invece è un frumentarius, una spia, un infiltrato nelle file daciche, eppure per la vittoria finale anche le sue mosse sotterranee risulteranno decisive. In un incalzare di scontri, missioni segrete, assedi e inseguimenti, mentre la polvere dei campi di battaglia fa da contrasto alle viscide dispute di potere, Andrea Frediani dipinge un affresco potente della formidabile macchina da guerra romana, nella quale l’efficienza e la disciplina regnavano in misura pari alla corruzione e al privilegio di ceto, e scolpisce la storia di due uomini alla ricerca di un’identità.’Frediani è un grande narratore di battaglie.’Corrado Augias, il Venerdì di RepubblicaAndrea Frediani vive e lavora a Roma, dove è nato nel 1963. Laureato in Storia medievale, pubblicista, è stato collaboratore di numerose riviste di carattere storico, tra cui ‘Storia e Dossier’, ‘Medioevo’ e ‘Focus Storia’, e attualmente è consulente scientifico di ‘Focus Storia Wars’. Con la Newton Compton ha pubblicato Gli assedi di Roma (Premio Orient Express 1998), Le grandi battaglie di Roma antica, Le grandi battaglie di Giulio Cesare, Le grandi battaglie di Alessandro Magno, I grandi condottieri che hanno cambiato la storia, Le grandi battaglie del Medioevo e 101 segreti che hanno fatto grande l’impero romano. Ha scritto inoltre i romanzi storici 300 guerrieri, Jerusalem (tradotto in varie lingue), Un eroe per l’impero romano e Dictator, con i quali ha riscosso un grande successo.

(source: Bol.com)

Eri come sei

Alex percorre, apparentemente senza scossoni, la strada della vita . Una strada che ha costruito da un certo punto in poi, transennando per bene una parte del suo passato.
Ha un lavoro, degli amici, un bell’appartamento e un’amica che soddisfa i suoi bisogni.
Una vita lineare per una strada lineare.
Quando Daniel si presenta alla sua porta, Alex incontra il primo sassolino – che si rivela essere più simile a un macigno – sul suo tragitto.
Un intoppo che lo costringerà a voltarsi indietro e tornare sui suoi passi per affrontare ciò che è successo anni prima e che lo ha portato a essere qualcosa di diverso da ciò che realmente è.
E quando finalmente si rende conto che l’unica cosa che ha transennato veramente non è altro che il suo vero io, inizia la parte più difficile del viaggio, quella che potrebbe condurlo a Daniel e alla parte più remota di sé.
**
### Sinossi
Alex percorre, apparentemente senza scossoni, la strada della vita . Una strada che ha costruito da un certo punto in poi, transennando per bene una parte del suo passato.
Ha un lavoro, degli amici, un bell’appartamento e un’amica che soddisfa i suoi bisogni.
Una vita lineare per una strada lineare.
Quando Daniel si presenta alla sua porta, Alex incontra il primo sassolino – che si rivela essere più simile a un macigno – sul suo tragitto.
Un intoppo che lo costringerà a voltarsi indietro e tornare sui suoi passi per affrontare ciò che è successo anni prima e che lo ha portato a essere qualcosa di diverso da ciò che realmente è.
E quando finalmente si rende conto che l’unica cosa che ha transennato veramente non è altro che il suo vero io, inizia la parte più difficile del viaggio, quella che potrebbe condurlo a Daniel e alla parte più remota di sé.
### L’autore
Erin E. Keller vive con il marito e parecchi gatti in una casa vicino a un campo di grano. Irlandese nel cuore e nell’anima, spera un giorno di trasferirsi nell’isola di Smeraldo. Scrive da cinque anni, a volte con il suo nome vero, altre sotto pseudonimo. Le piace lasciar vagare la mente nel mondo reale piuttosto che in quello fantastico, quindi le sue storie spaziano dal contemporaneo allo storico, dal noir al thriller, anziché raccontare di boschi fatati o di creature morfologicamente inumane. Ama scrivere d’amore. E di uomini. Il suo blog: http://erinekeller.wordpress.com/ Facebook: http://www.facebook.com/pages/Erin/267437763376219?ref=hl Twitter: https://twitter.com/Erin_Author

L’eretico

Firenze, 1497. Pico della Mirandola è morto e con lui il suo sogno di unificare le religioni monoteistiche. Restano soltanto i roghi: a bruciare beni terreni e a incendiare le coscienze è Girolamo Savonarola, che ora governa la repubblica fiorentina col ferro e con il fuoco perché il sogno di Pico soffochi e scompaia per sempre. Ed è ciò che vogliono anche i Borgia, che dal soglio papale di una Roma affogata nel vizio e nei delitti muovono oscure trame di congiura e di conquista. Il sogno di papa Alessandro VI e di Cesare, figlio prediletto e maledetto, è di rendere il papato una dinastia. E perché ciò avvenga, l’autorità della religione cristiana non può essere minata in alcun modo. Nel cuore di questi conflitti, l’erede del pensiero di Pico, Ferruccio de Mola, è costretto a combattere ancora una volta, per salvare ciò che gli è più caro: la moglie Leonora. Soltanto lui, anche contro la propria volontà, può impedire che un mondo intero crolli su se stesso. Perché dal lontano Oriente, un anziano monaco e una giovane donna hanno intrapreso un viaggio che li condurrà nel cuore della città eterna. E portano con loro anche un libro misterioso, antico e potente. Un libro che contiene una parola dimenticata, una verità da sempre nascosta con la forza. La verità dell’uomo più importante dell’intera storia umana. Quando leggerete questo romanzo, scoprirete ciò che in quasi duemila anni nessuno ha voluto indagare. 999 L’ultimo custode vi ha entusiasmato, L’eretico vi sconvolgerà. (source: Bol.com)

L’eresiarca & c.

“L’eresiarca & C.”, apparso per la prima volta nel 1910, raccoglie sedici racconti all’insegna del gioco, della parodia, della bizzarra erudizione. Paradossale ma solido filo conduttore di questo viaggio all’insegna del fantastico è la religione. Punto di partenza è la “magica” Praga, dove un misterioso “passante” si rivelerà l’Ebreo errante. Ma si passa anche per una Roma fatta di conventi dove aleggiano mistero e sacrilegio, abitati da teologi gastronomi, devoti e ghiottoni, pronti a scrivere Vangeli paralleli e fondare sette eretiche, ma anche da papi che dubitano per un istante della loro infallibilità.

L’ereditiera americana

L’unica terapia possibile contro i sintomi d’astinenza da Downton Abbey. Nel 1893 la giovane e bella ereditiera americana Cora Cash salpa per il Vecchio Continente, in compagnia della madre, alla ricerca di un marito di sangue blu. Perché, come le ripete sempre mamma, in America con il denaro si può comprare tutto, ma non un titolo nobiliare. L’arrivo della ricca forestiera desta subito una grande impressione nei raffinati e letargici salotti dell’aristocrazia inglese. E così Cora si ritroverà a essere duchessa di Wareham, sposa del più ambito scapolo d’Inghilterra. Ma il denaro potrà comprare tutto?

(source: Bol.com)

Un’eredità Inestimabile

Il pubblico ufficiale indossò gli occhiali e iniziò la lettura del testamento.
“Io sottoscritta Amaranta Vicente Del Carmen,
nata a Cancun il 20 gennaio 1942,
nel pieno possesso delle mie capacità mentali, nomino erede universale di tutto il mio patrimonio il mio unico nipote, Miguel Ruiz.
Dispongo però che la villa situata in avenida Paseo de la Reforma 435, vada a lui solo a patto che ospiti per diciotto mesi la signorina Francesca Martinelli, la mia colf.
Nessun altro individuo dovrà abitare nella proprietà in questo lasso di tempo.”
Miguel accetterà di buon grado una coinquilina sconosciuta in casa sua?

L’eredità della regina

Fra intrighi, matrimoni e adulteri, tre giovani donne si muovono sull’orlo del baratro. Anna di Cleves, che rappresenta un’alleanza contro la Francia e la Spagna, è la quarta moglie del volubile re d’Inghilterra Enrico VIII ma non riesce a sedurre il marito ed è destinata a un rapido divorzio. La sensuale Caterina Howard, quattordicenne dama di compagnia della nuova regina, è capace di conquistare il cuore del re ma non di rinunciare al proprio amante e pagherà per questo un prezzo troppo alto. Jane Bolena infine, diabolica e gelosa, pur di ottenere ciò che vuole dalla corona ha mandato a morte il marito George e la cognata Anna Bolena. La voce di queste tre donne racconta la sanguinaria epoca che le ha viste protagoniste, profondamente diverse tra loro e tutte alla ricerca dell’eredità della regna.
**

Gli eredi

«*Wulf Dorn è un maestro nell’arte di far girare pagina.*»
**la Repubblica**
******In anteprima mondiale.**
**La realtà è sempre più agghiacciante di qualsiasi invenzione.**
«Mi creda, avrà bisogno ancora di un sacco di caffè oggi. Sarà una cosa lunga.» Nella saletta colloqui del seminterrato del reparto psichiatrico dell’ospedale Frank Bennell, stimato criminologo alla soglia della pensione, chiede aiuto a Robert Winter, psicologo con cui ha collaborato in numerosi casi di omicidio. Però i due esperti dei lati oscuri della natura umana questa volta sono messi a dura prova. La donna che si trovano davanti, sopravvissuta a un grave incidente su una strada di montagna immersa nella nebbia e battuta dalla pioggia, sembra oscillare tra realtà terribili e allucinazioni. Si chiama Laura Schrader, trentadue anni, capelli biondi; sull’auto accanto a lei una pistola vecchio modello col caricatore vuoto e un baule in cui si nasconde una dura verità. Nel suo sguardo diffidenza e terrore. Perfino Winter, il quale nella sua carriera ha ascoltato dai suoi pazienti storie così plausibili da rendere difficile smascherarle, non sa come mettere in ordine i pochi elementi ricavati con tanta fatica dalla donna: l’uomo che l’ha salvata chiamando i soccorsi e poi è sparito nel nulla, bambini dagli occhi di ghiaccio, misteriose uccisioni… Fatica a collegarli a quanto si vede nella foto che gli ha mostrato il collega: qualcosa di terribile, che supera ogni immaginazione.
In una lunga notte, fuori dalla clinica, sotto un cielo nero e gonfio di odio sta succedendo qualcosa. Ma cosa? Bisogna credere a quella donna per arrivare in tempo.
Se sarà ancora possibile.
Un romanzo forte come un pugno allo stomaco, con un ritmo serratissimo. Un altro *Incubo*, radicale, definitivo, ma anche provocatorio, che ci costringe a riflettere da un altro punto di vista sulle nostre responsabilità verso il mondo dopo di noi.
**
### Sinossi
«*Wulf Dorn è un maestro nell’arte di far girare pagina.*»
**la Repubblica**
******In anteprima mondiale.**
**La realtà è sempre più agghiacciante di qualsiasi invenzione.**
«Mi creda, avrà bisogno ancora di un sacco di caffè oggi. Sarà una cosa lunga.» Nella saletta colloqui del seminterrato del reparto psichiatrico dell’ospedale Frank Bennell, stimato criminologo alla soglia della pensione, chiede aiuto a Robert Winter, psicologo con cui ha collaborato in numerosi casi di omicidio. Però i due esperti dei lati oscuri della natura umana questa volta sono messi a dura prova. La donna che si trovano davanti, sopravvissuta a un grave incidente su una strada di montagna immersa nella nebbia e battuta dalla pioggia, sembra oscillare tra realtà terribili e allucinazioni. Si chiama Laura Schrader, trentadue anni, capelli biondi; sull’auto accanto a lei una pistola vecchio modello col caricatore vuoto e un baule in cui si nasconde una dura verità. Nel suo sguardo diffidenza e terrore. Perfino Winter, il quale nella sua carriera ha ascoltato dai suoi pazienti storie così plausibili da rendere difficile smascherarle, non sa come mettere in ordine i pochi elementi ricavati con tanta fatica dalla donna: l’uomo che l’ha salvata chiamando i soccorsi e poi è sparito nel nulla, bambini dagli occhi di ghiaccio, misteriose uccisioni… Fatica a collegarli a quanto si vede nella foto che gli ha mostrato il collega: qualcosa di terribile, che supera ogni immaginazione.
In una lunga notte, fuori dalla clinica, sotto un cielo nero e gonfio di odio sta succedendo qualcosa. Ma cosa? Bisogna credere a quella donna per arrivare in tempo.
Se sarà ancora possibile.
Un romanzo forte come un pugno allo stomaco, con un ritmo serratissimo. Un altro *Incubo*, radicale, definitivo, ma anche provocatorio, che ci costringe a riflettere da un altro punto di vista sulle nostre responsabilità verso il mondo dopo di noi.

Gli Eredi Degli Dei. La Saga Dei Sognatori

Nel quarto e ultimo episodio della Saga dei Sognatori, gli dei delle origini sono quasi giunti al termine di un ciclo di vita plurimillenario: presto si addormenteranno e gli dei bambini prenderanno il loro posto. Ma una catastrofe si profila all’orizzonte: il crudele Vlagh, nascosto negli anfratti più lontani della Terra Desolata, sta allevando un’orda letale di insetti allo scopo di divorare l’umanità. E. come se non bastasse, mentre lo scontro con il mostruoso esercito si avvicina, la popolazione di Dhrall si trova a fronteggiare un pericolo ancora più grande, che proviene dagli dei delle origini. Una di loro, Aracia, sta perdendo la ragione e crede che la dea bambina Lillabeth voglia usurpare il suo culto. In preda a una disperata brama di sopravvivenza. Aracia si convince che il suo dominio sarà eterno se compirà l’atto più deprecabile: ucciderla. Nella sua follia, ha dimenticato che agli dei delle origini è proibito togliere la vita, per un principio basilare di esistenza. Se Aracia uccidesse Lillabeth. il risultato non sarebbe semplicemente la distruzione della Terra di Dhrall, ma la completa e definitiva rovina di tutto il creato…
**