38769–38784 di 65579 risultati

Il guardiano di Atlantide (eLit)

Darius en Kragin è uno spietato guerriero che da oltre trecento anni protegge le porte di Atlantide, uccidendo i mortali che hanno la sventura di attraversare quella barriera. Seducente e bellissimo, ha sempre scatenato la passione nelle sue donne, ma a nessuna ha concesso il proprio cuore. Finché non si ritrova davanti Grace Carlyle, orgogliosa, intrepida, bellissima. Qualcosa gli impedisce di toglierle la vita. E non si tratta tanto del misterioso medaglione che lei porta al collo, quanto piuttosto di una sensazione che un possente uomo-drago come lui non dovrebbe provare… Atlantis: 1)Il guardiano di Atlantide 2)Il gioiello di Atlantide 3)Passione ad Atlantide 4)Il vampiro di Atlantide 5)La maledizione dell’amazzone

(source: Bol.com)

Il guardiano della città perduta

Rigus è la città più bella delle Tredici Terre, un luogo senza tempo, con sontuose dimore dalle alte torri, meravigliose dame e giovani nobili annoiati, sempre pronti a sfidarsi a duello. Ma ogni luce ha la sua ombra, e perdendosi tra le ombre di Rigus si accede alla misteriosa Low Town, la città perduta, un labirinto tentacolare di stretti vicoli. Spacciatori, prostitute, bordelli, stregonerie e poliziotti corrotti, Low Town non è esattamente un bel posto, e il suo campione non è esattamente un brav’uomo. Eroe di guerra ed ex agente dei servizi segreti caduto in disgrazia, il Guardiano è ora un signore del crimine dedito al traffico di droga, che trascorre le giornate a caccia di nuovi clienti e lottando per difendere il suo territorio da pericolosi concorrenti. Ma un giorno, l’impressionante scoperta del cadavere di una bambina lo costringe a confrontarsi di nuovo con il passato che si era lasciato ormai alle spalle, e per difendere i suoi affetti rimarrà invischiato in un folle gioco d’inganni tra i boss della malavita e il capo della Black House, nella speranza di trovare la radice del male che sta consumando lui e la città stessa, prima che sia troppo tardi. Low Town, però, non è una città per i giusti e la verità è molto più oscura di quanto il Guardiano possa immaginare…

Il guardiano del frutteto

Ambientato in una piccola, remota comunità del Tennessee rurale negli anni fra le due guerre mondiali, il primo romanzo di McCarthy racconta la storia del contrabbandiere di whisky Marion Sylder e del suo giovane amico John Wesley Rattner. E poi del vecchio Ather, che con la sua stoica indipendenza e la sua comunione con la natura rappresenta il simbolo di un’epoca ormai conclusa. Tutti e tre i personaggi del romanzo sono protagonisti di un dramma che sembra nascere dalla terra stessa, sono gli eroi di un’intensa celebrazione di valori andati perduti col tempo e con l’industrializzazione. I tre uomini, collegati fra loro da un cadavere ignoto e minaccioso, vanno incontro al loro destino mentre McCarthy esplora sottili questioni di amicizia e di lealtà, maturazione e disincanto. La legge si richiuderà su Sylder, cosí come il mondo civilizzato si richiuderà sul vecchio Ather. E John Wesley diventerà adulto cercando soprattutto di capire. I personaggi di McCarthy convivono con una natura che non ha nulla di idilliaco, capricciosa e ostile proprio come i suoi abitanti, simboleggiata dalle leggende dei puma che vivevano sulle montagne quando Ather era giovane. Una natura poetica e violenta come il destino degli uomini.

Il guardiano dei sogni

Riavutosi in ospedale dopo un attacco di cuore, un giornalista si ritrova come vicino di letto la più inquietante delle compagnie. Il conte Anoni Stanislaw Augusto Dunin, nobiluomo polacco pur sang, dotato di una straordinaria capacità: sa leggere i sogni di chi gli sta vicino. E così il giornalista si vedrà scrutato fin nell’intimo più profondo, in ciò che egli stesso ignora o rimuove del suo passato, dei suoi amori, dei suoi lutti. Una sensazione per nulla gradevole, ovviamente, ma a tal punto stupefacente da spingerlo, una volta dimesso, a seguire le tracce dell’elusivo personaggio. L’impresa si presenta da subito fitta di misteri: chi è veramente il conte Dunin? È davvero, come afferma di essere, il nobile che possiede un fastoso palazzo sul Canal Grande, frequentatore dei casinò e del bel mondo o invece un impostore, un barbone senza fissa dimora? La ricerca del giornalista finisce per diventare un’avventura della conoscenza, in cui Maurensig mescola sapientemente le tecniche più raffinate e intriganti del gotico, dell’onirico e del fantastico, costruendo una storia dolorosa e avvincente.

Guardiamarina e tenente Hornblower. Le imprese del più grande eroe del mare

Ai tempi in cui Napoleone dominava l’Europa, solo la Royal Navy di Sua Maestà Britannica sfidava la potenza francese. Forrester volle impersonare lo spirito dei suoi uomini in un personaggio indimenticabile: Orazio Hornblower, un antieroe ostinato, taciturno, a disagio in società ma imbattibile al comando della sua nave.

Guardare la mafia negli occhi

Nel 2009, quando ancora frequenta il liceo, Elia Minari si accorge che le feste della sua scuola si tengono in una discoteca gestita da personaggi vicini a una cosca mafiosa: perché viene sempre scelto quel locale? E cos’hanno da spartire quei personaggi con la rassicurante provincia emiliana? Elia studia i documenti, inizia a fare delle domande scomode, insieme ad alcuni amici dà vita a un giornalino studentesco e a un’associazione, Cortocircuito. Poi realizza una serie di video-inchieste sulla presenza delle mafie al Nord e approfondisce casi sempre più importanti, fino agli appalti Tav e alla gestione dei rifiuti nella Pianura Padana. Elia denuncia e si scontra con un’omertà inattesa, accompagnata da accuse pubbliche (‘Danneggi il turismo, rovini le imprese del territorio’) e minacce esplicite. Eppure non si ferma e le sue inchieste arrivano in tribunale, all’interno di cinque indagini della magistratura sulle infiltrazioni criminali al Nord.Guardare la mafia negli occhi restituisce il senso dell’impegno civico di Elia, che smaschera il vero volto della ‘ndrangheta: dedita a crearsi un’immagine pulita anche tramite trasmissioni pilotate di tv locali e articoli di giornale, abile nell’utilizzo strategico dei social media, interessata agli eventi sportivi e popolari, capace di camuffarsi. Perché, come scrive nella prefazione il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti, ”la vera forza delle mafie è fuori dalle mafie”. Un libro coraggioso e avvincente, nel quale, ripercorrendo le sue indagini, Elia ci dimostra come nella lotta alla criminalità organizzata ognuno possa fare la propria parte.
(source: Bol.com)

Guarda o muori

Lunedì 28 settembre, ore 00.17. La polizia di Düsseldorf riceve una strana chiamata: qualcuno ha notato movimenti sospetti in una fabbrica abbandonata nella zona del porto. Ma quando gli agenti arrivano sul posto, si rendono subito conto che non si tratta di banali traffici: questo è un caso per la Omicidi; questo è un caso per Georg Stadler. Svegliato di soprassalto e condotto sulla scena, il commissario si trova di fronte uno spettacolo sconcertante: una pozza di sangue sul pavimento, un rasoio, uno specchio in frantumi, ma… nessun cadavere. Solo un oscuro codice tracciato sulla parete. Un mistero indecifrabile, se non fosse che a distanza di pochi giorni, in una camera di albergo, viene rinvenuto il corpo di una donna con indosso solo un paio di slip, la mano destra appoggiata sul petto in una posa innaturale. Sangue dappertutto: sulle lenzuola bianche, sul tappeto, sul collo e sui lunghi capelli della vittima. Due casi apparentemente scollegati, eppure Stadler non riesce a liberarsi da un sospetto: entrambe le scene del crimine sembrano allestite come un macabro set cinematografico. Al commissario non resta che ricorrere di nuovo all’aiuto di Liz Montario, la brillante profiler a cui è legato da una sottile attrazione. Ma stavolta anche Liz avrà del filo da torcere, perché ogni progresso nell’indagine, ogni nuova scoperta sembra convergere su un unico indiziato: lo stesso commissario Stadler. Con un ritmo inesorabile e un crescendo di suspense, Karen Sander ci regala il capitolo più intenso e sorprendente della serie.

Guarda che viene l’uomo nero!

Ogni volta che Bill ne combina una delle sue, la mamma lo minaccia: “Guarda che viene l’Uomo Nero!”. Bill si immagina l’Uomo Nero come un essere gigantesco, spaventoso, terrificante. Un giorno, finalmente, l’Uomo Nero arriva per davvero… Età di lettura: primi lettori.
**

Grottesco

Sir Hugo Coal non è mai stato un filantropo. Anche quando non vegetava sulla sedia a rotelle, aveva la tendenza a considerare gli esseri umani meno comprensibili ed eleganti dell’enorme scheletro di sauro che andava pazientemente ricostruendo. Ma quello che vede ora, nella sua villa, nei rari momenti in cui i suoi familiari non lo costringono a fissare una parete, gli piace anche meno. È chiaro che Fledge, l’ambiguo maggiordomo, sta ordendo una sua trama assai sinistra. Di quella trama la moglie, la figlia e sir Hugo stesso, fanno più o meno consapevolmente parte. Quel che è meno chiaro è in che modo sir Hugo possa usare l’unica arma, peraltro letale, che gli resta, il suo “sguardo fisso di lucertola”.

Il grido della mantide

Londra, una villa d’epoca nel quartiere più lussuoso della città. Amanda Delany ha il mondo ai suoi piedi. Le sue avventure con gli attori più affascinanti sono su tutti i giornali, i suoi film sono uno strepitoso successo. Mentre saluta l’autista dalla porta di casa, illuminata dai fari della Mercedes, Amanda non sa che quella è l’ultima volta che qualcuno vedrà brillare i suoi capelli biondi. Il mattino dopo il suo corpo viene trovato riverso sul letto. Le mani legate, le gambe spalancate, la ragazza è stata colpita ovunque da coltellate furiose. Solo il bellissimo viso è intatto, gli occhi sbarrati per l’orrore. La prima ad arrivare sulla scena del delitto è Anna Travis. L’ispettrice è in un momento cruciale della sua vita. Dopo essersi liberata dell’ossessione per il suo ex capo ed ex amante James Langton, sta per essere promossa. Questo caso potrebbe decidere la sua carriera. Anna si butta a capofitto nelle indagini e quello che scopre la sconvolge profondamente. Dietro la facciata dell’attrice glamour, disinibita con gli uomini e sfrontata nella vita, Amanda nascondeva una realtà molto più triste e cupa. L’ispettrice sta per entrare in un mondo ambiguo, pieno di persone dall’apparenza ingannevole: amiche invidiose, agenti assetate di denaro, amanti respinti, mogli tradite, registi delusi. Anna dovrà fare molta attenzione, non farsi abbagliare e trovare velocemente la verità, prima di perdersi in questo terribile labirinto di luci e ombre…

Il grido della civetta

Robert Forrester è un uomo psichicamente instabile che nel tempo libero si dedica a spiare le persone. In questa sua singolare attività resta affascinato dalla serenità di Jenny, una ragazza carina e tranquilla, l’opposto esatto di Nickie, la sua ex-moglie che lo rendeva spesso ansioso. I due finiscono per conoscersi e Jenny si lascia coinvolgere dalla personalità di Robert fino a prendere la decisione di lasciare Greg il fidanzato. Ma Greg, furibondo, non è disposto a rinunciare al suo amore e cerca in ogni modo di riconquistare Jenny. Quando vede che lei si rifiuta perfino di vederlo, perde totalmente il controllo e decide di vendicarsi. Rintraccia Nickie, cercando in lei un’alleata per distruggere la nuova coppia.

Il grido del desiderio (I Romanzi Passione)

Intrappolata nella solitudine di un matrimonio senza gioia e privo d’intimità, Rose Clarring si rivolge a Jack Lodoun, avvocato di successo, per ottenere il divorzio. Jack, cinico e tormentato dal senso di colpa per la morte della donna amata, promette di prendere in considerazione la sua richiesta. A patto che Rose riesca a convincerlo che la passione di una donna vale davvero la reputazione di un uomo. Tra loro nascerà un legame che non conosce limiti. Un legame per il quale dovranno pagare il prezzo più alto…

Gridare amore dal centro del mondo

Sakutaro sta andando in Australia, ma la sua non è una semplice gita: porta con sé le ceneri di Aki, morta a soli diciassette anni di leucemia. L’Australia è la terra che Aki ha sempre sognato, ed è là che lui disperderà i suoi resti. Amare una persona significa pensare che lei viene prima di tutto, è questo che ha sempre pensato. Ma lei ora non c’è più. Pagina dopo pagina, entriamo nei ricordi di Sakutaro, assistiamo al suo primo incontro con Aki, agli appuntamenti dopo la scuola e al loro dolce avvicinamento. E infine alla malattia, al ricovero, alla disperata fuga dall’ospedale. “Socrates in love”, il romanzo di Kyoichi Katayama, trova nel linguaggio di questo shojo manga un mezzo adatto ai suoi dialoghi rarefatti, ai suoi ritmi lenti. **

Grida per me

Dopo tredici anni il terrore è tornato a Dutton. E l’assassino conosce bene i crimini commessi in passato, infatti elimina le proprie vittime seguendo il rituale del serial killer che lo ha preceduto, e lo fa con una precisione tanto stupefacente da far pensare a un disegno di morte che viene da lontano. Anche l’agente speciale Daniel Vartanian è tornato, dopo aver contribuito all’uccisione del fratello Simon, reo di aver commesso una serie di omicidi. E ora deve risolvere un caso che si intreccia pericolosamente con la storia che pensava di aver sepolto per sempre. La ricerca lo spingerà non solo a sondare la mente di un assassino spietato, ma anche al fianco di Alex Fallon, un’infermiera dal passato travagliato quanto il suo. Più i due si avvicineranno, più comprenderanno che la donna è l’ultima vittima designata di una trappola mortale, dalla quale dovranno sottrarsi prima che sia troppo tardi. Ancora una volta Karen Rose colpisce per la straordinaria capacità di ricreare un intreccio di sicuro effetto, con una maestria riservata solo ai grandi nomi del genere.

(source: Bol.com)