38609–38624 di 68366 risultati

Viaggio fatale: La serie di Temperance Brennan #4

Bryson City, North Carolina: il volo 228 della Trans South esplode in aria. Accorsa con i soccorritori, l’antropologa Tempe Brennan recupera un piede umano, e le analisi del DNA escludono ogni legame con i passeggeri. Dalle indagini emergono strani particolari: un lugubre villino abbandonato nei cui sotterranei sono nascosti cadaveri con singolari incisioni al femore destro, una misteriosa società segreta, i tentativi di insabbiamento messi in atto da un potente politico locale. Un thriller nel quale il male e la crudeltà regnano sovrani, una tensione mantenuta dalla prima all’ultima pagina, via via che i nodi si sciolgono secondo una logica incalzante.

Il Viaggio Di Nabil: Un Poema Epico Contemporaneo

Un poema ricco di azione sull’amore e le speranze di un migrante, che segue il protagonista Nabil dall’Egitto alla Sicilia.
«Sorprendente, originale, commovente»
– Emanuela Pistone, Isola Quassùd
Quando Yara, la sua ragazza, scompare misteriosamente, Nabil, un giovane traduttore egiziano, è costretto a lasciare Alessandria e salire su un barcone clandestino diretto in Sicilia. Durante il suo viaggio vivrà emozioni, pericoli e incontri difficili da dimenticare.
Un poema epico contemporaneo che combina antico e moderno, endecasillabo e tragica attualità, e ci fa riflettere sul volto umano della migrazione.
“Il mare accoglie fra le braccia scure
i figli dati in prestito alla terra;
con acqua e sale lava le paure,
prepara i viaggiatori a un’altra guerra.”
Il viaggio di Nabil è il viaggio di migliaia di uomini e donne che ogni anno scappano da condizioni avverse per cercare un futuro migliore per sé e per i propri figli. Nabil incontrerà compagni di viaggio provenienti da varie parti dell’Africa e dell’Asia, ciascuno in cerca di qualcosa di diverso.
Incontrerà Alif, un ragazzo senegalese che indossa una maglia di Messi, regalatagli dal fratello.
Semira, una donna eritrea che ha affrontato uno strenuante viaggio nel Sahara.
Bashir, un ragazzo pakistano il cui padre è morto 20 anni prima provando ad emigrare come lui.
Affronterà uno scafista senza scrupoli, aiuterà una donna a partorire, un amico gli salverà la vita, e nel lungo viaggio penserà spesso di non farcela più, ed arrendersi.
«La forma nobile del verso e le storie comuni di chi cerca la propria Terra Promessa»
– Selene Gagliardi, Huffington Post
Quello dei migranti e dell’immigrazione irregolare in Europa è un tema spesso ridotto a numeri e slogan politici: Il viaggio di Nabil tocca temi caldi dell’attualità con i toni dell’epica, e restituisce un’immagine umana complessa, sfaccettata, sorprendente.
“Le scarpe affondano dentro la sabbia;
inciampo, poi riprendo a camminare,
acceso dall’amore e dalla rabbia
che spingono le gambe verso il mare.”

Il viaggio di Felicia

Il viaggio di Felicia è breve: deve attraversare il Mare d’Irlanda e inoltrarsi nelle Midlands inglesi. Molto più difficile, una volta giunta nella zona industriale attorno a Birmingham, è cogliere l’obiettivo che si è posta: trovare Johnny, il giovane che ama riamata – lo sa, ne è certa – e da cui aspetta un figlio. La sua ricerca la mette in contatto con una quantità di persone alquanto singolari: c’è Miss Calligary, che ha fondato un’associazione religiosa; c’è gente che vive per strada, come Lena e George; c’è, soprattutto, il signor Hilditch, un signore di mezza età insolitamente premuroso… Un thriller raffinato e allo stesso tempo un romanzo di eccezionale profondità morale e psicologica, che ha rivelato in Italia il talento di William Trevor.
(source: Bol.com)

Il viaggio della strega bambina

L’hanno rinchiusa in prigione per più di una settimana. Prima l’hanno fatta camminare a passo di marcia, su e giù, su e giù in mezzo a loro, per un giorno e una notte, finché non è più riuscita nemmeno a zoppicare, tanto aveva i piedi gonfi e sanguinanti. Non avrebbe confessato. Così hanno deciso di dimostrare che era una strega. Le pagine di un diario sono cucite dentro una trapunta. Una trapunta che giace indisturbata per oltre trecento anni, finché non viene aperta per essere pulita, e allora dalle sue pieghe cade una storia forte ed emozionante. La storia di Mary, nipote di una strega. Quando la nonna di Mary viene condannata a morte per stregoneria, Mary scappa per sfuggire allo stesso destino, prima nella campagna inglese e poi su una nave per l’America, dove spera di trovare una nuova casa, un luogo dove essere una persona nuova. Scopre però che non è facile fuggire e presto cade vittima di superstizioni e sospetti che potrebbero farle subire lo stesso fato di sua nonna. Mary è decisa a non farsi calpestare, torturare e uccidere per un crimine immaginario come la stregoneria. Uno sguardo femminile sul mondo, una storia narrata con grande vividezza, come una ripresa cinematografica. Un romanzo per tutti, intenso e coinvolgente, una ricostruzione del mondo puritano inglese del Seicento, con temi di grande importanza per i lettori di oggi: indipendenza, emancipazione e potere, raccontati nell’avvincente storia di Mary, una giovane donna che non intende permettere alla società di decidere cosa e chi lei debba essere.
(source: Bol.com)

Il viaggio del veliero. Le cronache di Narnia

Cosa fareste se, mentre ammirate un magnifico quadro che raffigura un veliero dalla poppa dorata, vi ritrovaste in piena navigazione, tra spruzzi di acqua salata e marinai dall’aspetto piuttosto insolito? Forse reagireste come Eustachio, che si spaventa e si arrabbia allo stesso tempo. Oppure fareste come Lucy ed Edmund, che, abituati alla magia, non si meravigliano affatto di essere risucchiati in un quadro.O forse, semplicemente, vi godreste il lungo, meraviglioso (e pericoloso) viaggio in compagnia di re Caspian e del topo Ricipi, che veleggiano tra isole misteriose e creature fantastiche, fino ad arrivare alla Fine del Mondo.

Il viaggio del veliero

Cosa fareste se, mentre ammirate un magnifico quadro che raffigura un veliero dalla poppa dorata, vi ritrovaste in piena navigazione, tra spruzzi di acqua salata e marinai dall’aspetto piuttosto insolito? Forse reagireste come Eustachio, che si spaventa e si arrabbia allo stesso tempo. Oppure fareste come Lucy ed Edmund, che, abituati alla magia, non si meravigliano affatto di essere risucchiati in un quadro.O forse, semplicemente, vi godreste il lungo, meraviglioso (e pericoloso) viaggio in compagnia di re Caspian e del topo Ricipi, che veleggiano tra isole misteriose e creature fantastiche, fino ad arrivare alla Fine del Mondo.

Il viaggio d’inverno

Un romanzo in cui tutto è improbabile, a cominciare dai nomi dei protagonisti: Zoïle, impiegato di una società elettrica con la passione per l’Odissea, Astrolabe, splendida ragazza che si prende cura di Aliénor, scrittrice di successo che soffre di una curiosa forma di autismo. Affascinato da Astrolabe e infastidito da Aliénor, Zoïle inizia a frequentare le due donne cercando di insinuarsi in questa strana coppia. Un viaggio psichedelico è la bizzarra tecnica di seduzione messa in atto dal giovane per conquistare la bella ma l’esito sarà disastroso, in tutti i sensi…

Viaggio astrale

Sono noti a tutti i casi di quelle persone che, sotto anestesia per interventi chirurgici, si sono trovatre a un certo punto a librarsi per la sala operatoria, e ad assistere a tutto l’intervento che essi stessi stavano fisicamente subendo. Oppure, il ritorno dal coma di individui che avevano vagato con una parte di sé attraverso dimensioni sconosciute. In entrambi gli esempi, si tratta di casi di viaggio astrale, o sdoppiamento.
Si tratta di una possibilità dell’uomo riproducibile e controllabile, attraverso l’esercizio. Le possibilità latenti in ognuno di noi sono una delle chiavi che la natura ci dà per superare i nostri limiti: spunti per la ricerca e la crescita intima; così è anche per il viaggio astrale, il volo fuori dal corpo, una delle esperienze più affascinanti che possiamo vivere.

Viaggio allucinante

Ridotti alle dimensioni di batteri, quattro uomini e una donna hanno una missione da compiere, la più incredibile: viaggiare all’interno del corpo di uno scienziato per raggiungere e distruggere l’embolo cerebrale che sta per ucciderlo. Ai tremendi pericoli si aggiungono discordie e tradimenti. Ma il viaggio deve continuare. La sfida all’impossibile deve essere vinta. Perché in gioco c’è la vita di un genio e la necessità di conoscere lo straordinario risultato dei suoi studi. Tra realtà e immaginazione, la più strabiliante delle avventure. Una prova di virtuosismo narrativo di un maestro assoluto della fantascienza.

Il viaggio a Roma

Un viaggio dentro il segreto di un’infanzia ferita: la storia grottesca di un incesto mai consumato in un romanzo in cui risuonano accenti autobiografici.

I viaggiatori dell’alba

Arabia, deserto tra la Mecca e Medina: una carovana bloccata da una tempesta di sabbia viene attaccata dai predoni. Nove personaggi mettono le mani su una bisaccia: un ladro, una promessa sposa, il capo dei banditi, un cambiavalute, una schiava, un pellegrino, un religioso, un derviscio e da ultimo un cadavere. Vengono dal deserto, dall’India, dalla Persia, dall’Etiopia, dalla via della seta nel cuore dell’Asia, dall’Inghilterra. Ognuno, a contatto con la bisaccia colma di infinite possibilità, va incontro al suo destino, di morte o di felicità, di rovina o di salvezza. Ognuno racconta dal suo punto di vista ciò che accade, e il labirinto di storie che si intrecciano forma, grazie all’abilità narrativa di Bahiyyih Nakhjavani, un romanzo che ha il fascino e la profondità delle leggende orientali, e trasmette un messaggio prezioso: molte sono le strade, ma tutte possono condurre alla verità.
**

Il viaggiatore notturno

‟Il centro dell’Universo è rigurgito della Terra rappreso in purissimo cristallo. L’Hoggar. Semplicità.” Uno studioso delle migrazioni animali siede sul colle dell’Asekrem, contempla un tramonto stordito di colori e attende il passaggio delle rondini. In quel deserto – povero, essenziale, nudo – si avverte la prossimità alla nuda, utile bellezza dell’esistere, come forse l’aveva sentita il monaco francese – tutti lo ricordano ancora come ‟le père” – che in quegli stessi luoghi ha lasciato traccia di sé, del suo apostolato, della sua ascesi. In attesa delle rondini il nostro irundologo ha modo di cogliere l’agile sapienza del suo accompagnatore Jibril, di ascoltare il dimah Tighritz, astuto poeta viaggiante, di consumare amore dolcemente mercenario con la berbera Jashmina, di sentire la fastidiosa incongruenza di una giornalista, Marguerite, arrivata per un servizio sul popolo dei tagil. Ma soprattutto, di fronte all’essenzialità del centro dell’Universo, di fronte alla mite saggezza dei tagil egli misura la distanza dal mondo, dal mondo che altrove collassa nello spaventoso disordine della guerra. E così racconta a Jibril altre storie di erranze e migrazioni: dell’orsa Amapola sorpresa nelle foreste della Carnia, dell’armeno Zingirian incontrato nel suo cammino verso la Bosnia, verso la guerra, del principe polacco Péotocky, del popolo dei kubacy, e soprattutto della donna che cammina lungo le strade del mondo con la sua sporta di plastica in mano, di Perfetta che è quella donna raminga ma è anche la donna di cui l’orsa Amapola ha leccato il sangue, e infine dell’assedio della città di Tulsa. Storia dentro la storia, storia orale – antica e modernissima – che letteralmente migra di bocca in bocca, come un racconto narrato intorno al fuoco, Il viaggiatore notturno è un romanzo sulla pietà che l’uomo ha da rendere all’uomo. È un volo, un volo di rondine sulla barbarie di un secolo che non è ancora finito.
(source: Bol.com)

I viaggi di Ulisse

Il ciclope Polifemo e la maga Circe, la collera di Poseidone, la terribile tentazione delle Sirene, i crudeli mostri marini Scilla e Cariddi: il lungo viaggio di Ulisse verso la patria, dove la fedele Penelope e il figlio Telemaco non hanno mai smesso di sperare e di pregare gli dei per il suo ritorno. Età di lettura: da 8 anni.
**

I viaggi del pilota Pirx

Pirx è un pilota di linea, un astronauta per I’esattezza, in un futuro che vede ormai collegamenti regolari con tutti i pianeti, e viaggi di chiassosi turisti tra la Terra e la Luna. Epidemie a bordo, equipaggi di fortuna e robot «impazziti» movimentano le sue vicende, narrate da Lem in un’opera che ha riscosso un vasto successo presso i lettori di molti paesi. Pirx affronta ogni difficoltà con giovanile baldanza e sottile ironia: è un disincantato protagonista dell’era spaziale, sapiente conoscitore degli itinerari tra stelle e pianeti, ma schietto estimatore della vita sulla Terra, dove si può mangiar bene e bere buona birra. Anche qui la fantascienza del grande scrittore polacco si impone per la sua vivace originalità: dalle avventure dello spazio emergono gli interrogativi dell’uomo di fronte ai drammatici problemi della società moderna.

Viaggi

‘*Amo qualsiasi cosa scriva Michael Crichton.*’
Stephen King

‘*Il suo vero talento consiste nel fare entrare il lettore nel suo immaginario estremo, senza che egli se ne renda conto.*’
la Repubblica

‘*Michael Crichton sa rendere credibile l’incredibile.*’
Washington Post

Avventure, esperienze ed esplorazioni vissute e narrate in prima persona da Michael Crichton, fedele all’idea secondo la quale viaggiare significa anzitutto tornare a fare esperienze dirette, conoscersi più a fondo, mettersi alla prova per superare i propri limiti e le proprie paure. Dagli squali nelle acque di Tahiti agli aborigeni della Nuova Guinea, da Bangkok al Kilimanjaro, dalle tartarughe della Malesia alla solitudine del deserto americano: più che un ‘semplice’ libro di viaggi, questo volume è il percorso di una vita all’insegna di una curiosità insaziabile. E non è un caso che tra le pagine più intense e belle del libro vi siano quelle che raccontano degli anni di apprendistato alla Harvard Medical School, in cui Crichton descrive la propria esperienza di medico.
(source: Bol.com)