38433–38448 di 65579 risultati

Il labirinto d’acqua

La chiave di una cassetta di sicurezza custodita in una banca di New York è l’enigmatica eredità che la giovane archeologa Afdera Brooks ha ricevuto dalla nonna, una collezionista d’arte ben nota per la sua stravaganza. E il contenuto della cassetta è un autentico rompicapo: un manoscritto, composto da antichissimi fogli di papiro, e un diario, in cui è raccontata la storia di quello strano reperto. Ma Afdera non può immaginare che, per anni, quella banca è stata tenuta costantemente sotto controllo dal Circolo Octagonus, un ordine occulto del Vaticano che protegge da secoli le istituzioni ecclesiastiche e che è autorizzato a far ricorso a qualunque mezzo, lecito e illecito, per difendere l’integrità della Chiesa. Infatti quel manoscritto è l’unica copia esistente del Vangelo di Giuda, un testo che, se correttamente interpretato, dimostrerebbe l’inganno su cui è stata fondata la religione cattolica. Armata di pochi, labili indizi, ma decisa a scoprire il mistero celato in quelle pagine, Afdera inizia una ricerca che la porterà da Ginevra ad Alessandria d’Egitto, da Antiochia ad Acri, sempre seguita e minacciata dalla longa manus del Circolo Octagonus. Ma sarà soltanto a Venezia, il “labirinto d’acqua”, che la verità riuscirà a emergere. E, con essa, il segreto più inquietante della Storia…
**

Là dove danzano i morti

Ci sono due ragazzi, uno Zuni (Ernesto Cata) e uno Navajo (George Bowlegs) che sono molto amici. Il primo si prepara a interpretare la parte del Piccolo Dio del Fuoco in un importante rito religioso. Però lo Zuni scompare, e si scopre che è stato assassinato. Anche l’amico Navajo non si ritrova ed è logico pensare che a uccidere sia stato lui. Il tenente Joe Leaphorn della Polizia Tribale Navajo è incaricato di ricercare George Bowlegs, mentre dell’assassinio di Ernesto Cata si occupa Ed Pasquaanti, capo de!la Polizia Tribale Zuni. Qualcosa hanno da dire anche Orange Naranjo, vice sceriffo della Contea McKinley e J.D. Highsmlth della Polizia di Stato del Nuovo Messico. L’FBI nella persona di John O’Malley e l’Antidroga nella persona di Baker, che indagano su un supposto traffico di stupefacenti nella zona, non mancano di dir la loro. È un groviglio di passioni e paure in cui Tony Hillerman (vedere «li popolo delle tenebre» Giallo Mondadori n. 1747), profonde i! suo amore per la cultura e la personalità degli Indiani d’America insieme con il suo talento e la sua suggestione di narratore di misteri da risolvere.

La Dieta Anti-Artrosi

L’artrite reumatoide è una tipica malattia cronica, in cui il rivestimento delle articolazioni diventa infiammata a tal punto che il dolore e l’incapacità della funzionalità ossea sono il logico risultato negativo. I rimedi ci sono e non si tratta solo di quelli strettamente legati a farmaci, ma anche una dieta adeguata è in grado di fornire ottimi risultati e lenire le sofferenze dettate dalla condizione infiammatoria in cui il corpo viene a trovarsi.
Frutta e verdura dei tipi coltivati biologicamente, cosi come l’olio extravergine d’oliva, rappresentano i cibi base indispensabili per ottimizzare il risultato di una dieta specifica e quindi aiutare a ridurre gli effetti negativi della malattia.
La deformità delle articolazioni colpite, fatica fisica, debolezza generale, anemia e febbre bassa sono altri sintomi associati alla malattia degenerativa dei tessuti osseo – articolari. Le reazioni avverse ai suddetti cibi possono tuttavia anche svolgere un ruolo importante nei sintomi dell’artrite reumatoide.
Anche la frutta fresca e le verdure descrivendoli nel dettaglio, contengono importantissimi antiossidanti anti-infiammatori come ad esempio la vitamina C e la vitamina E, così come fibre. Gli elementi nutrienti del cibo che possono aiutare a combattere la malattia sono come già citato nei capitoli precedenti di questo e-book gli acidi grassi Omega-3 il cui equilibrio nel corpo possono risultare determinanti per stare in buona salute sempre e specie nel caso di artrite reumatoide conclamata. Quando il corpo è, infatti, ricco di acidi grassi omega-3 e coadiuvato da una buona dieta, può produrre delle cellule sane, un sistema immunitario funzionale, e delle sostanze che limitano la quantità di infiammazione che si verifica a seguito della malattia.
Un altro importante elemento come il selenio aiuta tantissimo a combattere i radicali liberi, tra i principali responsabili del danneggiamento dei vari tessuti sani del corpo.
La vitamina C è invece uno dei principali antiossidanti nel corpo.
Purtroppo, gli studi dimostrano che molti pazienti con artrite reumatoide hanno dei livelli molto bassi di vitamina C nei loro corpi, perché viene utilizzata troppo in fretta, per cui i soggetti con artrite reumatoide, hanno bisogno di ottenere molta più vitamina C nella loro dieta.
Le persone affette da artrite reumatoide tendono ad avere problemi alle ossa a causa della loro condizione e sono esposti al rischio di finire con l’osteoporosi.
Tutti o quasi amano un succo di frutta appena spremuto o un rinfrescante frullato, infatti, entrambi hanno un ottimo sapore sono ricchi di vitamine e minerali, e soprattutto in grado di offrire un modo sano per aumentare l’energia di cui il corpo ha bisogno.
Il tè verde inoltre è una delle bevande più popolari al mondo, e viene utilizzato moltissimo come coadiuvante per ridurre l’infiammazione nel corpo. In uno studio del 2010 si è scoperto che il tè verde aiuta sia i pazienti con l’artrite reumatoide che con l’osteoartrite.
Per quanto riguarda invece le erbe, i componenti attivi del rosmarino sono soprattutto degli eccellenti antiossidanti, anti-infiammatori e anti-cancerogeni.
Le diete con dei cibi ricchi di beta-carotene, presente proprio nel rosmarino sono anche associate ad un ridotto rischio per lo sviluppo e la progressione di diverse malattie.

L’ultimo Giorno Di Sole

L’ultimo giorno di sole è «anche» l’ultimo racconto scritto da Giorgio Faletti. Mentre tutti fuggono alla ricerca di un improbabile luogo dove potersi salvare da una imminente esplosione solare, una donna decide di restare nel paese dov’è nata, e di guardarsi dentro. Racconta a se stessa e al mondo che scompare ciò che ha visto e chi ha incontrato, le cose che ha vissuto e quelle che ha sognato. E canta per esorcizzare il buio. O per accoglierlo nel modo migliore, nel segno di una commovente tenerezza per le cose umane.
Il racconto è diventato e tornerà a essere uno spettacolo teatrale, diretto da Fausto Brizzi e interpretato da Chiara Buratti (per la quale lo spettacolo era stato scritto e pensato).

L’arte di insultare

L’insulto è un genere al quale tutti noi – anche le nature più impassibili – finiamo prima o poi per ricorrere, trascinati da inevitabili circostanze della vita. Ma, al pari della scherma o di qualsiasi altra tecnica di attacco e difesa, l’insulto, per risultare efficace e raggiungere il suo scopo, deve diventare oggetto di studio. Benché di solito lo si associ alla rozzezza e alla collericità, saper lanciare all’indirizzo altrui l’ingiuria, l’invettiva o l’improperio adatti, scientificamente studiati, implica infatti una vera e propria arte. Rovistando fra le carte edite e inedite di Schopenhauer, abbiamo trovato quel che fa al caso. Non una trattazione astratta dell’insulto in tutte le sue forme e varianti, ma una silloge di ingiurie concretamente proferite e scagliate con categorica impertinenza contro tutto e contro tutti: la società, il popolo, le istituzioni, le donne, l’amore, il sesso, il matrimonio, i colleghi, il genere umano, la storia, la vita – insomma: contro il mondo intero. Esse si imprimono nella nostra mente con la forza del paradigma da emulare non appena la vita ce ne offrirà l’occasione. Un’arte di insultare, dunque, che ci viene insegnata come nelle antiche scuole si insegnava l’etica: non con la teoria ma con l’esempio e la pratica.
(source: Bol.com)

L’apprendista sirena

Leilah è un’orfana con un raro caso di amnesia, non ricorda nulla della sua infanzia e sta cercando il suo posto nel mondo. Non si aspetta certo di incontrare Nathair, un ragazzo difficile che lavora nel mercato nero dell’isola di Mondreside, facendo affari con loschi criminali per mantenere sua madre malata. E invece i due si conosceranno in circostanze incredibili: sono infatti stati selezionati per tornare al mondo magico da cui non sanno ancora di provenire. Lì dovranno studiare sodo per diventare Ambasciatori degli Interspecie, anello di congiunzione tra gli umani e il popolo delle Sirene. Ma niente è come sembra tra queste bizzarre creature acquatiche, e molto presto i due si ritroveranno al centro di una pericolosa avventura, in cui dovranno soccorrere la figlia del re delle Sirene, la principessa Aquanetta che è stata rapita dal famigerato Barry, e insieme a lei salvare dalla distruzione tutta Sirenilandia. Pieretta Dawn è thailandese, ha 17 anni e vive con sua madre vicino al mare, salvo quando è in giro per il mondo a scovare creature magiche da raccontare. Nel 2009 ha pubblicato il suo primo libro, che è rimasto in vetta alla classifica per un anno, ed è subito diventata una star nel suo paese, dove è stata nominata ambasciatrice della lettura tra i giovani.

L’amica incinta a cena

Quando si tratta di portare cibo in tavola anche il “lieto evento” per antonomasia può trasformarsi nel peggiore degli incubi per chi è ai fornelli. Quali piatti possiamo preparare quando un’amica in dolce attesa bussa alla porta? Quali sono i luoghi comuni sull’alimentazione in gravidanza e quali invece gli alimenti e le tecniche di cucina effettivamente sconsigliate per chi aspetta un bambino? Cinque sfiziosi menu completi e qualche indicazione di carattere generale per preparare una cena che soddisfi i palati delle future mamme come quelli degli altri commensali, senza troppi timori e preoccupazioni per il cuoco. Numero di caratteri: 37.961 Che fare quando inviti a cena qualcuno con problemi alimentari? E quando l’amica incinta bussa alla porta? Se hai la suocera alle costole cosa improvvisi tra i fornelli? E la sera in cui tocca a te organizzare la cena a tema o una romantica cena tête-à-tête? E se, invece, cucinare è lontano anni luce dalle tue capacità ma devi cavartela da solo? Tanti ricettari diversi, un unico obiettivo: aiutarti a uscire dalle situazioni gastronomiche più complicate in un attimo, senza fatica, senza scelte estenuanti e possibili passi falsi. In ogni ricettario troverai una proposta di menu completi, subito pronti ad aiutarti a trovare il piatto perfetto da servire in tavola.
(source: Bol.com)

l’amante immortale

La vecchia casa di famiglia in Scozia non è stata un granché nei pensieri di Hazel, negli ultimi anni. È un cottage pericolante, semi-inghiottito dalle erbacce, disperso nel nulla. L’edificio più vicino è un castello in rovina di epoca medioevale, ovviamente disabitato… o almeno così sembra. Quando Hazel, dopo la morte della madre, si decide a tornare alla vecchia casa per ripulirla e metterla in vendita, non si aspetta di trovare un vicino. Edan è brusco, burbero, scozzese fino al midollo, e ha un cane a cui piace un po’ troppo leccare la faccia alle persone. Ma è anche in grado di accendere un camino a legna e usare un tagliaerba, quindi ha i suoi aspetti positivi. Ah, ed è bello, a modo suo. Affascinante e scompigliato, anche se scostante. In realtà, conoscendolo meglio, vengono fuori sempre nuovi lati positivi… e un lato negativo davvero ingombrante, visto che Edan non è esattamente un essere umano. Ma come lui stesso dice a Hazel in tono seccato: «Dannazione, è il 2017, che cosa c’è di così sconvolgente in un vampiro?». — CONTIENE SCENE ESPLICITE – CONSIGLIATO A UN PUBBLICO ADULTO — “Si voltò dal mio lato. La luce della candela giocava sui suoi lineamenti irregolari, eppure affascinanti. Sì, principalmente lo trovavo bello. Sexy. Virile. Con quei capelli scuri in disordine e gli occhi brillanti, la pelle compatta e chiara, il naso affilato e un po’ storto e la bocca… una bocca spaventosa, davvero, ma anche attraente. Socchiuse gli occhi e inspirò. «Mi piace il tuo odore». «Sì, l’hai già detto. Non so nemmeno di quale odori parli». «La tua pelle… l’odore del bagnoschiuma… quello della tua eccitazione». Rimasi in silenzio. Aveva dovuto dirlo lui perché me ne rendessi conto, ma aveva ragione: avevo il sesso umido, irrorato di sangue, in parte dischiuso. Non ne sentivo l’odore, ma sapevo che se mi avesse sfilato i pantaloni del pigiama si sarebbe diffuso nell’aria. Lui allungò una mano e mi slacciò il secondo bottone del pigiama, rivelando il solco tra i miei seni. I capezzoli mi si erano induriti e quasi mi facevano male. «Edan…» «Ho già detto che non ti mordo» rispose lui, un po’ seccato. «No, lo so. È un po’… complicato, quello che sento per te». Mi slacciò un altro bottone. «Mh-mh». Sospirai. Quell’avvicinamento lentissimo mi piaceva. E mi piaceva lui, i suoi occhi scintillanti, le sue mani dalle vene in rilievo… Chiusi gli occhi nello stesso momento in cui lui infilava una mano nella blusa e mi soppesava gentilmente una tetta. I suoi polpastrelli erano lisci come seta.”

L’arte di ricordare tutto

Quaranta giorni. È il tempo che ciascuno di noi spreca in media ogni anno per rimediare a ciò che dimentica: per andare a recuperare il cellulare lasciato chissà dove, per cercare le chiavi di casa o per rintracciare informazioni importanti. Joshua Foer rientrava a pieno titolo in questa media, ma dopo un anno di allenamento si è ritrovato alla finale del Campionato statunitense della memoria. Dunque la memoria si può davvero migliorare, chiunque può riuscire a imparare 1528 numeri a caso in un’ora e ricordarseli tutti, come il pluricampione del mondo Ben Pridmore. Ripercorrendo la storia della mnemotecnica dall’antica Grecia ai giorni nostri e illustrando metodi concreti grazie ai quali possiamo tenere a mente le informazioni che ci interessano, Joshua Foer ci dimostra che ‘in ognuno di noi si nasconde un piccolo Rain Man’. Che la memoria è un dono che tutti possediamo ma di cui spessissimo ignoriamo le potenzialità. ‘Che cosa ha significato per l’individuo e per la società’ si chiede Foer ‘il passaggio da una cultura fondata sulla memoria interna a una cultura basata sulle memorie immagazzinate al di fuori del cervello? Tutto questo per noi è stato senz’altro un guadagno, ma con che cosa l’abbiamo barattato? Come affrontiamo il fatto di aver perso la memoria?’ A queste e a molte altre domande cerca di rispondere il saggio di Joshua Foer, che ha suscitato un grande interesse nella stampa e nel pubblico degli Stati Uniti.

(source: Bol.com)

Krull

“La Fortezza Nera piomba dallo spazio portando morte e distruzione sul pianeta Krull. Chi difenderà il pianeta dalla Bestia, il mostruoso uomo-rettile che s’annida nell’Esagono della Fortezza?”
UN NUOVO ROMANZO E UN NUOVO FILM DI A. D. FOSTER, L’AUTORE DI “ALIEN”.

Kledi è di tutti

Il romanzo contiene scene di sesso.
Giulio Rizzo è uno degli esponenti più in vista della politica italiana. Stanco e stressato dalla sua vita, tutt’altro che normale, decide di concedersi una vacanza in Messico, portandosi dietro un famoso gigolò, Kledi Kola, e una ragazza che ha sempre desiderato ma non ha mai potuto avere, Laura Volpini.
Inizierà così un triangolo pericoloso che ha un obiettivo ben preciso ma che nessuno, a parte il politico, comprenderà.
Laura, uscita da una relazione durata tre anni e delusa dall’amore, si lascerà andare alla passione trovandosi davanti due uomini bellissimi ma altrettanto spietati. Ma i giorni trascorsi nella terra dei Maya la porteranno a provare sentimenti sempre più profondi che finiranno per confonderla.
Da una parte Giulio le dimostrerà che il sesso e l’amore non sempre vanno di pari passo, dall’altro lato Kledi inizierà a non tollerare più l’idea di condividerla con il politico, anche se non potrà in alcun modo mettere fine al triangolo.
Il termine della vacanza porrà i tre personaggi dinnanzi a una scelta. Il rientro a Milano e la ripresa delle loro vite però non sarà semplice come credevano. Soprattutto Laura dovrà fare i conti con dei sentimenti che vorrebbe a tutti i costi cancellare.

Kitchen confidential. Avventure gastronomiche a New York

Dopo una gioventù dissipata, all’insegna di droghe e contestazione, Bourdain diventa uno dei cuochi più famosi di New York. Questo libro è il racconto di un’avventura culinaria, uno sguardo dietro le quinte che rivela gli orrori della ristorazione, gli ideali traditi e quelli realizzati. L’autore offre al lettore agghiaccianti informazioni su quanto accade all’interno di una cucina (anche quella dei ristoranti più famosi), ma nonostante gli avvertimenti più minacciosi ricorda che il nostro corpo non è un tempio ma un parco-divertimenti e non dobbiamo condannarlo a una vita di rigore e castità alimentare.