38401–38416 di 72802 risultati

Trans Europa Express

“Europa era più Europa un secolo fa, quando mia nonna andava in treno in giornata da Trieste alla Transilvania” 2008. Seimila chilometri a zigzag da Rovaniemi (Finlandia) a Odessa (Ucraina). Un percorso che sembra tagliare, strappare l’Europa occidentale da quella orientale. È una strada, quella di Rumiz, che tra acque e foreste, e sentori di abbandono, si snoda tra gloriosi fantasmi industriali, villaggi vivi e villaggi morti. Rumiz accompagna il lettore, con una voce profonda, ricca di intonazioni, per paesaggi inediti, segreti, struggenti di bellezza. E più avanza, più ha la sensazione di non trovarsi su qualche sperduto confine ma precisamente al centro, nel cuore stesso dell’Europa. Attraversa dogane, recinzioni metalliche, barriere con tanto di torrette di guardia, vive attese interminabili e affronta severissimi controlli, ma come sempre – nel frattempo – conosce anche la generosità degli uomini e delle donne che incontra sul suo cammino: un pescatore di granchi giganti, prosperose venditrici di mirtilli, un prete che ha combattuto nelle forze speciali in Cecenia. Siamo di fronte a un libro raro, dettato da una scrittura che magnifica il viaggiare e la conoscenza del mondo – di quel mondo – attraverso il viaggiare.

Tramonto a Saint-Tropez

Quando tre affiatate coppie di amici americani decidono di trascorrere le vacanze a Saint-Tropez, non immaginano che nel giro di pochi mesi le loro esistenze saranno completamente stravolte. Robert perderà infatti l’adorata Anne, mentre Diana scoprirà il tradimento di Eric. Toccherà quindi a Pascale e a John, i più litigiosi del gruppo, riportare un po’ di pace. Nonostante la ”splendida” villa presa in affitto sia in realtà cadente e malconcia, l’atmosfera si fa sempre più rilassata, finché un giorno Robert annuncia l’arrivo di un’ ”amica”, nientemeno che una bellissima diva di Hollywood…
(source: Bol.com)

Tramonti e teste mozzate

Sono poesie scritte in musica: il rock è sempre sotto e poi sale su di qualche ottava, accordi in minore e parole in caduta libera.Sono le poesie in musica dei Molotov Dal Cielo.Elettriche e battenti: urlate abbastanza per uscire dalle pagine e mordere il presente.
**
### Sinossi
Sono poesie scritte in musica: il rock è sempre sotto e poi sale su di qualche ottava, accordi in minore e parole in caduta libera.Sono le poesie in musica dei Molotov Dal Cielo.Elettriche e battenti: urlate abbastanza per uscire dalle pagine e mordere il presente.

Trama di sangue

È una serena mattina di sabato, quando una giovane studentessa di Amburgo riceve uno strano pacco: sembra un libro, ma lei non ricorda di aver ordinato nulla. La curiosità si trasforma in orrore quando il pacco rivela il suo macabro contenuto: una pagina di un romanzo… scritta su un brandel­lo di pelle. Una storia tanto terribile da sembrare frutto di una fantasia malata e infatti dalle prime indagini emerge che l’assassino sta seguendo la trama di un thriller da poco pubblicato. La città è in preda al terrore e la polizia bran­cola nel buio: Christoph Jahn, l’autore del romanzo, è sconvolto e non è in grado di fornire nessuna informazione utile, anche perché è già stato vittima di un folle simile anni prima a Colonia, quando un assassino misterioso aveva iniziato a uccidere seguendo proprio la trama di un suo romanzo. Possibile che l’oscura vicenda si stia ripetendo? Mentre due giovani donne vengono rapite, le indagini si indirizzano nel mondo editoriale, visto che inevitabilmente il clamore suscitato dalla vicenda porta a un aumento delle vendite del romanzo: chi, oltre a Jahn, può trarre vantaggio da tutto questo orrore? Davvero c’è chi è disposto a uccidere per il successo? Trama di sangue: uno psicothriller spietato e incalzante che tuffa il lettore in un vortice di suspense.
(source: Bol.com)

Un tram che si chiama desiderio

Siamo a New Orleans (in quel Sud che è caratteristico dell’ambientazione delle commedie di Williams) ed i temi che il dramma agita sono ancora una volta quelli del sesso e della violenza. Qui come altrove, al centro della partitura teatrale, è la figura di donna, alcoolizzata, ninfomane sino alla demenza. Un altro notevole commediografo americano, Arthur Miller, ha rimproverato a Williams di non immergere i suoi personaggi in un concreto tessuto di circostanze storiche. Egli non ha inteso che il Sud favoloso e mitico dell’autore è il luogo in cui l’uomo contemporaneo celebra la sua decadenza e la sua fine. I giovani inquieti e malati di Williams, le sue donne perdute, che tentano di ritrovare se stesse attraverso un disperato ritorno ad uno stato materno, sono le figure-simbolo di una tragedia che non è solo dell’America d’oggi. La commedia fu allestita la prima volta a New York il 3 dicembre 1947 per la regia di Elia Kazan, interpreti Marlon Brando, Karl Malden e Kim Hunter.

Tragica Notte

… Si scosse e rimase un attimo in equilibrio sulla balaustra, poi la tasca ed un brandello di fodera del suo soprabito mi rimasero fra le mani, mentre ella piombava a capofitto mel vuoto punteggiato di bianco che si spalancava sotto il ponte… Il cerchio luminoso si spostò fulmineo, e nello stesso istante un lampo uscì dalla canna della sua rivoltella. Sentii un proiettile andare a fracassarsi contro il muro sopra la mia testa…. e allora piombai attraverso la porta, e il mitra che stringevo fra le mani fece rimbombare la tonante risposta, mentre la mia voce la urlava al cielo.

Trafficologia

Ci sediamo, avviamo il motore e partiamo, convinti di avere tutto sotto controllo. Ma siamo sicuri? È proprio così automatico saper gestire i 1320 stimoli al minuto che ci bombardano il cervello mentre procediamo a 50 all’ora? Pensiamo di sì, vista la quantità di tempo che passiamo al volante. Tutti i giorni ci incolonniamo in partenze intelligenti, ci arrabbiamo con chi non si sbriga a uscire da quel dannato parcheggio, inveiamo contro la mancanza della terza corsia. Proviamo una gamma così completa di situazioni, sentimenti ed emozioni, che l’auto diventa un modo di esprimere la nostra personalità. E il traffico è lo specchio della vita sociale e della nostra cultura. Tom Vanderbilt, per decifrare il linguaggio segreto degli ingorghi, ha incontrato in ogni angolo del pianeta studiosi di psicologia, sociologia, statistica, urbanistica e molto altro: dagli ingegneri che cercano di capire come si formano le code, ai neuroscienziati che esplorano le risposte del cervello al lampeggiare dei fari di una macchina in sorpasso. Conferma così quello che sospettavamo: esistono i cattivi autisti (e alcuni sono donne) e città diverse richiedono stili di guida differenti (qualunque cosa dica il vigile). Ma rivela anche verità sorprendenti: la scelta del parcheggio è determinata dalla nostra biologia (non dalle righe blu) e finire imbottigliati è un destino (non una colpa). In un viaggio su quattro ruote da Roma a Copenhagen, da New York a New Delhi, Vanderbilt smonta finalmente le convinzioni infondate che ci intrappolano nella corsia sbagliata. Tra cui la troppa fiducia in noi stessi. Perché, come disse un ex campione di Formula1: “In due cose nessuno ammette mai di essere poco bravo: guidare e fare l’amore”.

Il traduttore

Milano, 1956. L’appartamento di via Borsieri è in penombra. Ovunque sono ammassati libri. Ce ne sono migliaia, stipati sugli scaffali e accatastati per terra. Accanto alla finestra, una scrivania, anch’essa incorniciata da colonne di libri, e, dietro, quello che potrebbe sembrare un insieme di vestiti ammonticchiati alla rinfusa ma che, avvicinandosi, si svela in tutta la sua oscenità: il cadavere di Cesare Paladini-Sforza, raffinato slavista e traduttore per la casa editrice Feltrinelli. Il caso viene affidato al vicecommissario Ofelio Guerini, un’anomala figura di questurino-partigiano comunista, che capisce subito che si tratterà di un’indagine complicata. La vittima lavorava a un’opera scottante, destinata a suscitare grande clamore: un romanzo straordinario, scritto da un poeta russo inviso al regime, di cui la Feltrinelli sta preparando in gran segreto l’uscita in anteprima mondiale. “Il dottor Zivago” di Boris Pasternak. Più Guerini procede nelle indagini e alza il velo sull’affascinante figura di Paladini-Sforza, più affiorano piste inquietanti e si squadernano interessi politici internazionali. Nel cielo si addensano le nubi oscure della Storia – la Guerra fredda, la rivolta ungherese, la crisi di Suez – e attorno al vicecommissario danzano figure equivoche che cercano di condizionarlo e di orientarne le indagini. In questo labirinto, l’inquieto Guerini dovrà trovare la bussola. La Storia incombe e gli impone di scegliere: quale fra le tante storie possibili lo condurrà alla verità?

Tradotto dal marziano

Ecco una nuova teoria sulla possibile esistenza di una civiltà marziana. Il progredito popolo di Marte è un popolo di termiti, e questo romanzo è il diario appunto di una termite che, inviata sulla Terra dai propri fratelli, cerca di scoprire se il nostro pianeta può offrire la vita e la salvezza al suo popolo minacciato dall’inedia sul suo mondo morente. La termite viene sbarcata sulla Terra in sembianze di un bellissimo giovane, ma senza alcuna nozione della psicologia degli umani, delle loro usanze, della loro mentalità. E deve scoprirlo da sé, a proprie spese, passando attraverso esperienze per noi normalissime, ma per una termite, assolutamente sbalorditive. In questo straordinario romanzo, la razza umana è descritta con tutti i suoi difetti e le sue virtù; e il lettore vi si vede riflesso come in uno specchio spietatamente obiettivo, e si diverte alle buffe reazioni della termite, nella quale predomina lo spirito degli interessi comuni del termitaio, di fronte all’individualismo, alla disorganizzazione, al disordine, all’egoismo dei terrestri, al loro modo d’amare, e di concepire l’esistenza. Il romanzo è un vero capolavoro del genere, tanto per lo stile, quanto per il contenuto, mai gratuito, sempre rigorosamente aderente alla materia che tratta: la psicologia di una termite in confronto a quella del genere umano.

Tradizione, mito, storia. La cultura politica della destra radicale e i suoi teorici

In che cosa il radicalismo di destra si è differenziato dai suoi universi ideologici di riferimento, il nazismo e il fascismo? Lungo quali percorsi vi si è collegato? Come ha inteso affrontare il nodo della detestata modernità borghese liberale? Quale rapporto ha instaurato con i pensatori che riteneva più affini, da Spengler a Nietzsche? Il volume intende ricostruire la fisionomia della destra radicale soffermandosi sui suoi teorici più importanti, da Julius Evola a Franco G. Freda e Giorgio Locchi: un’operazione storica necessaria per un’area politica di cui a lungo si è parlato solo in contesti giornalistici e in occasione di vicende di cronaca.

Trading meccanico: Strategie e tecniche non convenzionali su Azioni, Opzioni, Future, Forex

Il libro si rivolge al trader e all’investitore che vuole approcciare i mercati finanziari con regole meccaniche. In particolare sono descritte e spiegate, in modo preciso e rigoroso, alcune strategie operative su Azioni, Opzioni, Forex e Future. L’opera approfondisce diversi temi fondamentali come l’analisi della robustezza di una strategia di trading, la gestione del rischio e il money management. Descrive inoltre due strategie decisamente interessanti, solitamente utilizzate da Hedge Fund, come gli Short Strangle con Difesa Meccanica sul Future e lo Spread Trading Meccanico sulle Commodities basato sulle stagionalità. Il lettore è pertanto guidato, passo dopo passo, alla scoperta di differenti metodologie di trading che sono state codificate dall’autore e che, nel corso degli anni, si sono dimostrate efficaci. Ogni capitolo riporta infine diversi esempi reali e alcuni codici in formato Easy Language che possono essere immediatamente utilizzati dal lettore.
**
### Sinossi
Il libro si rivolge al trader e all’investitore che vuole approcciare i mercati finanziari con regole meccaniche. In particolare sono descritte e spiegate, in modo preciso e rigoroso, alcune strategie operative su Azioni, Opzioni, Forex e Future. L’opera approfondisce diversi temi fondamentali come l’analisi della robustezza di una strategia di trading, la gestione del rischio e il money management. Descrive inoltre due strategie decisamente interessanti, solitamente utilizzate da Hedge Fund, come gli Short Strangle con Difesa Meccanica sul Future e lo Spread Trading Meccanico sulle Commodities basato sulle stagionalità. Il lettore è pertanto guidato, passo dopo passo, alla scoperta di differenti metodologie di trading che sono state codificate dall’autore e che, nel corso degli anni, si sono dimostrate efficaci. Ogni capitolo riporta infine diversi esempi reali e alcuni codici in formato Easy Language che possono essere immediatamente utilizzati dal lettore.
### Dalla seconda/terza di copertina
Luca Giusti, responsabile della ricerca in QTLab, vanta un’esperienza decennale come trader sui mercati finanziari e nello sviluppo di sistemi di trading. Dal 2007 collabora attivamente con i più importanti broker a livello internazionale in attività di tipo educational ed è relatore abituale all’ITForum e al TOL Expo di Borsa Italiana.

Tradimenti: Sedotta Da Un Libertino | La Spia Francese

2 ROMANZI IN 1 –
SEDOTTA DAL LIBERTINO.
In seguito a uno scandalo, Max Ransleigh è costretto a rinunciare alla carriera diplomatica cui aspirava e a rifugiarsi in campagna a casa del cugino. Quando però incontra l’audace Miss Caroline Denby, cede al gioco che lei gli propone: secondo l’accordo lui dovrà rovinarle la reputazione in modo da liberarla dagli importuni cacciatori di dote che la assillano. Max, che malgrado la fama di gran seduttore è un vero gentiluomo, rifiuta, ma quando i due giovani vengono sorpresi da soli in atteggiamento compromettente, a lui non resta che sposarla. Come limitarsi a un matrimonio di convenienza, però, se scintille di passione scoccano tra loro a ogni contatto?
LA SPIA FRANCESE.
Will Ransleigh si trova a Vienna per riabilitare il nome del cugino Max, coinvolto in uno scandalo e costretto a lasciare la carriera diplomatica a causa di una donna. Si aspetta di trovare una giovane spregiudicata che usa il proprio corpo per sedurre, ma Elodie Lefevre si rivela dotata di un fascino sottile e discreto. Nessuno la noterebbe fra le aristocratiche bellezze alla moda che animano i balli e i ricevimenti nella Vienna del Congresso. Tanto che Will, nonostante l’iniziale convinzione che Madame Lafevre sia una spia coinvolta in un intrigo internazionale, inizia a pensare che anche lei, al pari del cugino Max, sia in realtà una vittima…

La traccia della sirena

Las Palmas, nuova avventura di Ricardo Blanco, detective a Gran Canaria: il corpo smembrato di una ragazza viene rinvenuto sulla costa di La Laja. Unici indizi: un tatuaggio e una collana. Blanco si trova a dipanare un’intricata matassa di eventi legati al mondo della prostituzione e del traffico di droga, ci trascina con lui nel vorticoso brulicare di personaggi e ambienti oscuri e misteriosi. Com’è tipico del classico romanzo hard-boiled spennellato di contemporaneo humour nero, José Luis Correa ci presenta la Isla de Gran Canaria come mai l’avevamo vista prima, inquadrandone i lati bui e ravvivando il fascino del quotidiano, in un’esplosione di luci e di suoni di voci e di colori che di volta in volta evidenziano la forza di sentimenti, passioni e paure. Passo dopo passo, tratteggiando un’umanità varia e autentica, tra feste, ricorrenze, canzoni, fughe e inseguimenti, Correa ci lascia accompagnare il suo ironico e tagliente detective nelle indagini sul colpevole. Sobbalziamo accanto a lui nella sua Volkswagen e lo seguiamo con il fiato sospeso nella scoperta della verità, che non è mai così luminosa come si vorrebbe.

Tracce di morte

Megan Carver, diciassette anni, è una studentessa modello di una normale famiglia di Londra. La sua è una vita tranquilla, senza frequentazioni pericolose. Ma un giorno scompare. Nessun indizio, nessun testimone. Dopo sei mesi, le indagini della polizia sono a un punto morto. La famiglia, disperata, decide di rivolgersi al detective David Raker. Lui capisce il loro dolore e sa muoversi nel mondo di ombre in cui si perdono le persone scomparse, ma accettando il caso sa già che dovrà scavare ben oltre la disperazione, perché i segreti più oscuri sono sepolti più profondamente e quelli di Megan potrebbero costargli la vita. Ogni persona a lei vicina è morta o ha il terrore di parlare. E questa congiura del silenzio porterà Raker fino a un bosco ai margini della città, un luogo con una storia terrificante, un tempo “zona di caccia’ per un brutale serial killer. Un luogo disseminato di tracce di morte, indelebili, inquietanti.Dopo il successo di Morte sospetta, Tim Weaver conferma la sua straordinaria abilità nel costruire trame solide e avvincenti attorno a un protagonista carismatico come David Raker, un investigatore d’intuito, tenacia e umanità senza pari.

(source: Bol.com)