38257–38272 di 66541 risultati

La presa di Macallè

Nell’anno di grazia 1935, quello della guerra d’Abissinia, Michilino è un “picciliddro”. Figlio della Lupa, fascista perfetto, arruolato nella milizia di Cristo grazie a prima comunione e cresima, il bambino si cerca a tentoni tra un padre che si “ringalluzza con la creata di casa” e una madre che si dà alla “penetrante conversazione” con un prete. Il professore Gorgerino, pedofilo e capo dell’opera nazionale balilla, lo introduce alla ginnastica degli spartani brutalizzandolo per festeggiare di volta in volta la presa di Macallè, di Tacazzè, Axum. Ed è proprio durante i festeggiamenti per la presa di Macallè che il bambino dall’infanzia manomessa decide di farsi vendicatore, trasformandosi in un pluriomicida soldato della milizia del Duce e di Cristo.
**

Prepariamoci

Mai tante crisi tutte insieme: clima, ambiente, energia, risorse naturali, cibo, rifiuti, economia. Eppure la minaccia della catastrofe non fa paura a nessuno. Come fare? Ci vuole una nuova intelligenza collettiva. Stop a dibattiti tra politici disinformati o in conflitto d’interessi. Se aspettiamo loro sarà troppo tardi, se ci arrangiamo da soli sarà troppo poco, ma se lavoriamo insieme possiamo davvero cambiare. L’autore racconta il suo percorso verso la resilienza, ovvero la capacità di affrontare serenamente un futuro più incerto, e indica il programma politico che voterebbe. Il cambiamento deve partire dalle nostre case (più coibentate), dalle nostre abitudini, più sane ed economiche (dal consumo d’acqua ai trasporti, dai rifiuti alle energie rinnovabili, dall’orto all’impegno civile). Oggi non possiamo più aspettarci soluzioni miracolistiche: meglio dunque tenere il cervello sempre acceso, le luci solo quando servono. **

I premi Darwin. L’evoluzione in azione

Un terrorista che salta in aria aprendo il suo paccobomba restituito al mittente a causa di un’affrancatura insufficiente, un tizio che ispeziona un bidone di benzina facendosi luce con un accendino, un ladro di cavi elettrici che prima non stacca la corrente: questi tre individui, insieme agli innumerevoli altri che troverete in questo libro, intendono essere la dimostrazione di quanto poco comune sia il senso comune e di quanta ragione avesse Albert Einstein quando affermò “Solo due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana. E non sono sicuro dell’universo.”
**

Preludio alla fondazione

See alternate cover edition [here](https://www.goodreads.com/book/show/9778023-preludio-alla-fondazione)
Il libro racconta l’origine della straordinaria epopea della Fondazione, il più celebre ciclo narrativo della fantascienza moderna. Nell’anno 12020 dell’Era galattica Hari Seldon , un oscuro matematico originario di Helicon, giunge sul pianeta Trantor per presentare le teorie sperimentali di una nuova scienza in grado di prevedere il futuro: la psicostoria. L’ipotesi avanzata dallo scienziato accende subito l’interesse dell’imperatore e dei potenti personaggi che gravitano intorno a lui. Ma tra lusinghe, raggiri ed intrighi di palazzo, Seldon si trova presto in pericolo…Inizierà così una lunga ed avventurosa fuga per le gigantesche cupole di Trantor alla ricerca di quella misteriosa chiave che gli consentirà di capire l’intero passato del genere umano e di aprire le porte al suo futuro.

Preghiera d’acciaio

Sei ragazzi decidono di andare incontro al loro carnefice, l’uomo che in passato gli ha fatto del male e li ha resi per sempre prigionieri di un trauma. Fra appostamenti e attese, meditando piani di attacco e scambiando promesse, riusciranno a fronteggiare ciò che più li spaventa, il mostro che inseguono come un miraggio e di cui progettano spietatamente la fine. Ognuno agirà però con le proprie strategie, ognuno col proprio sguardo incandescente su un mondo che brilla di frantumi. Maria, Leo, Cecilia, Eric, Andrea. E la protagonista, il cui percorso sarà insieme viaggio e riscoperta di sé, allucinazione e diario intimo, paura e speranza. L’aiuteranno in questo cammino gli insegnamenti di un cacciatore, e i colloqui con un maestro senza pari. Lo specchio della natura donerà la rivelazione per il riscatto, mentre l’esercizio della scrittura il coraggio per poterlo raccontare. Quasi sottovoce, attraverso l’esplosione sorda di tutti i sentimenti, e sul confine minato della vendetta che può insegnare anche a perdonare, perdonare soprattutto se stessi. Su una strada fatta di sogni e spari di fucile,di parole e proiettili che procedono senza tregua, avanza così un’anima e la sua ascensione a un’altra vita, alla cortina di filo spinato prima della libertà.

I predoni del gran deserto

William Fromster è un miliardario americano infelice e annoiato. Una notte, mentre è a bordo della sua mongolfiera, scoppia una tempesta e William finisce nel deserto del Sahara.
Viene fatto prigioniero dai Tuareg, un popolo con abitudini molto lontane da quelle dell’Occidente, selvagge e primitive ma anche affascinanti.
Il capo della tribù, Selim, vuole costringere William a sposare sua figlia Afza, una fanciulla bellissima che suona stravaganti strumenti musicali e racconta magnifiche storie.
A William vanno via noia e tristezza, ma vorrebbe anche rivedere i suoi amici e la sua fidanzata… Cosa deciderà? Tornerà alla vita “civile” o sceglierà quella selvaggia del deserto?

Predicatore di morte

Maggie O’Dell, autorevole esperta dell’FBI di profili criminali, non si spiega perché il suo capo le abbia affidato due casi così lontani dalle sue competenze: una sparatoria in un capanno isolato in cui sono morti alcuni agenti e l’omicidio della figlia di un senatore. Ma andando a fondo nelle indagini, Maggie e il suo fedele compagno, l’agente speciale Tully, scoprono che per entrambi i casi gli indizi conducono al reverendo Joseph Everett. Capo carismatico di una setta religiosa, Everett si è creato un vasto seguito di adepti. I giovani uccisi nel capanno erano membri della sua chiesa, e l’assassinio della ragazza è stato perpetrato dopo un raduno organizzato dal reverendo. Chi è realmente il reverendo Everett? Un folle psicopatico che usa il suo potere per commettere crimini insospettabili, o la copertura di un killer molto astuto? Maggie non lo sa, ma sta per fare una scoperta da brividi. Perché in gioco c’è molto più di quanto l’FBI avesse immaginato.Miniserie “Maggie O’Dell” – Vol. 3

I predatori della notte

Madeline ha sempre avuto un dono: quello di vedere, al solo contatto con una persona, sprazzi del suo passato. Un dono prezioso che le ha permesso di ritrovare persone disperse, ma che ha anche finito per isolarla dalla sua famiglia e dagli amici. Rifugiatasi nella quiete del remoto Glacier National Park, ha trovato finalmente la pace, lontana da ogni contatto umano. Fino al giorno in cui la foresta viene travolta da un’improvvisa inondazione. Madeline perde i sensi e si risveglia, salva, tra le braccia di un uomo. Ma da quel momento in poi non riuscirà mai più a ritrovare la pace. Sente che qualcuno o qualcosa, nell’ombra, la sta spiando. Il suo nemico ha molta fame. E soltanto lei può saziarlo.

La preda: Un solo colpo per sopravvivere

Bookshots: una serie innovativa di romanzi originali ideata e realizzata dall’autore di thriller più venduto nel mondoVeloci. Avvincenti. Nuovi. Da leggere tutti d’un fiato. Il male ha trovato un nuovo divertimentoÈ un brutto colpo per David Shelley, ex agente dei SAS: l’amico che stava cercando è morto, e in circostanze misteriose. Gli indizi conducono su una pista orribile e sconvolgente. L’unico modo per scoprire la verità per David è mettersi in gioco in prima persona…

La preda

Il male ha trovato un nuovo divertimento… È un brutto colpo per David Shelley, ex agente dei SAS: l’amico che stava cercando è morto, e in circostanze misteriose. Gli indizi conducono su una pista orribile e sconvolgente. L’unico modo per scoprire la verità per David è mettersi in gioco in prima persona…
**

La preda più ambita (Britannici Vol. 1)

È lui la preda più ambita nel mondo dello show business: bello, ricco e famoso. Micheal Turner si concede di rado e solo per parlare dei suoi film.
I giornalisti lo cercano, le donne farebbero follie per lui, ma Audrey Sanni non ha la più pallida idea di chi sia. Così, quando il padre le chiede di precederlo nella villa di Turner, accetta solo per compiacere il genitore, con cui ha un rapporto conflittuale. Ignora che da anni il suo destino è già stato deciso e che Micheal Turner è la chiave di tutto.
Una storia d’amore emozionante che si snoda tra l’Italia ed il Canada; una giovane fragile ed insicura alla ricerca di un amore tutto suo; una promessa che supera il tempo e le generazioni e un uomo, che tutte desiderano, perso dietro all’unica donna che sembra sfuggirgli.
Questi sono gli elementi salienti del nuovo appassionante romanzo di Marianna Vidal.
Primo volume della collana Britannici.
**
### Sinossi
È lui la preda più ambita nel mondo dello show business: bello, ricco e famoso. Micheal Turner si concede di rado e solo per parlare dei suoi film.
I giornalisti lo cercano, le donne farebbero follie per lui, ma Audrey Sanni non ha la più pallida idea di chi sia. Così, quando il padre le chiede di precederlo nella villa di Turner, accetta solo per compiacere il genitore, con cui ha un rapporto conflittuale. Ignora che da anni il suo destino è già stato deciso e che Micheal Turner è la chiave di tutto.
Una storia d’amore emozionante che si snoda tra l’Italia ed il Canada; una giovane fragile ed insicura alla ricerca di un amore tutto suo; una promessa che supera il tempo e le generazioni e un uomo, che tutte desiderano, perso dietro all’unica donna che sembra sfuggirgli.
Questi sono gli elementi salienti del nuovo appassionante romanzo di Marianna Vidal.
Primo volume della collana Britannici.

I poteri straordinari degli animali

Many people who have ever owned a pet will swear that their dog or cat or other animal has exhibited some kind of behavior they just can’t explain. How does a dog know when its owner is returning home at an unexpected time? How do cats know when it is time to go to the vet, even before the cat carrier comes out? How do horses find their way back to the stable over completely unfamiliar terrain? And how can some pets predict that their owners are about to have an epileptic fit?
These intriguing questions about animal behavior convinced world-renowned biologist Rupert Sheldrake that the very animals who are closest to us have much to teach us about biology, nature, and consciousness.
Filled with captivating stories and thought-provoking analysis, *Dogs That Know When Their Owners Are Coming Home* is a groundbreaking exploration of animal behavior that will profoundly change the way we think about animals, and ourselves. After five years of extensive research involving thousands of people who own and work with animals, Sheldrake conclusively proves what many pet owners already know—that there is a strong connection between humans and animals that lies beyond present-day scientific understanding.
With a scientist’s mind and an animal lover’s compassion, Sheldrake compellingly demonstrates that we and our pets are social animals linked together by invisible bonds connecting animals to each other, to their owners, and to their homes in powerful ways. Sheldrake’s provocative ideas about these social, or morphic, fields explain the uncanny behavior often observed in pets and help provide an explanation for amazing animal behavior in the wild, such as migration and homing.
*Dogs That Know When Their Owners Are Coming Home* not only provides fascinating insight into animal, and human, behavior, but also teaches us to question the boundaries of conventional scientific thought. This remarkable book deserves a place next to the most beloved and valuable books on animals, such as *When Elephants Weep*, *Dogs Never Lie About Love*, and *The Hidden Lives of Dogs*.

Poteri forti (o quasi): Memorie di oltre quarant’anni di giornalismo

Il diario, anche autocritico, dell’ex direttore del “Corriere della Sera” e del “Sole 24 Ore”. Un libro molto atteso, oltre quarant’anni di storia del nostro paese e del mondo vissuti da uno speciale punto di osservazione. Scena e retroscena del potere in Italia, dalla finanza alla politica e alle imprese, dai media alla magistratura, con i ritratti dei protagonisti, il ricordo di tanti colleghi, episodi inediti, fatti e misfatti, incontri, segreti, battaglie condotte sempre a testa alta e personalmente: per la prima volta Ferruccio de Bortoli, un punto di riferimento assoluto nel giornalismo internazionale, racconta e si racconta. Con molte sorprese. “I buoni giornalisti, preparati, esperti, non s’inventano su due piedi. Ci vogliono anni. Cronisti attenti che vadano a vedere i fatti con i loro occhi, non fidandosi dell’abbondanza di video, sms, tweet e post su Facebook. Che vivano le emozioni dei protagonisti, le sofferenze degli ultimi, le ragioni degli avversari e persino dei nemici. Che non siano mai sazi di verifiche, ammettano gli errori inevitabilmente frequenti, e conquistino la fiducia dei loro lettori e navigatori ogni giorno, ogni ora. Giornalisti indipendenti, con la schiena dritta, che non cedano alla comoda tentazione del conformismo. Dimostrandosi utili alla società e al loro paese non facendo mancare verità scomode e sopportando sospetti e insulti di chi non le vorrebbe sentire. È accaduto molte volte. Una classe dirigente responsabile affronta per tempo e al meglio i problemi seri che un giornalismo di qualità solleva. Certo, è scomodo, irritante. Qualche volta apparentemente dannoso. Ma quanti sono i danni di ciò che non abbiamo saputo o non abbiamo voluto vedere.Un buon giornalismo, in qualunque era tecnologica, rende più forte una comunità. Quando tace o deforma, la condanna al declino. Negli ultimi anni in Italia, salvo poche eccezioni, è successo esattamente questo.”

Poteri forti

In oltre vent’anni non è ancora stato chiarito il mistero della morte di Roberto Calvi. Affrontando spese altissime e con l’aiuto di investigatori privati, il figlio Carlo ha condotto indagini in tutto il mondo, raccogliendo materiale ritenuto prezioso dagli inquirenti e che ora viene messo a disposizione del pubblico. In questo libro racconta senza remore i risultati della sua ricerca e formula varie considerazioni sui nuovi “poteri forti” e l’ascesa dell’Opus Dei. Ne ha raccolto la testimonianza Ferruccio Pinotti, giornalista de “L’Arena di Verona” e collaboratore di diverse testate nazionali.
**

Il potere e la gloria

In un Messico insanguinato dalla rivoluzione, in un paese che perseguita, fucila o costringe al matrimonio i ministri di Dio, l’ultimo prete è braccato in una spietata caccia all’uomo. Su di lui pende una taglia, un Saint-Just idealista e implacabile segue le sue tracce. La preda non ha nome. La gente lo chiama ‘il prete spugna’. È indegno, debole, impuro. Il peso delle sue colpe è l’unico bagaglio che si porta appresso. Vorrebbe mettersi in salvo, allontanarsi per sempre da quell’angolo di mondo dimenticato da Dio e che di Dio sembra volersi dimenticare. Ma una forza più grande della sua debolezza lo costringe a ritornare sulla via del suo calvario. La dolorosa, più che umana parabola del prete peccatore è una delle espressioni più alte del personalissimo cattolicesimo di Graham Greene, illuminata dal suo motivo più autentico e costante: l’interesse ‘per il bordo vertiginoso delle cose’, crinale esiguo tra il bene e il male.
(source: Bol.com)