37905–37920 di 72802 risultati

L’abito di diamanti (eLit)

STORIE DEL CREPUSCOLO Vol. 3. Spirito inquieto e tormentato, Vaillant ha una sola cosa in mente: scoprire dove si nasconde suo padre e fargliela pagare per il male che ha causato. Per ottenere l’informazione che gli consentirà di vendicarsi deve solo accettare l’incarico che gli hanno proposto: recuperare il prezioso abito intessuto di diamanti fatati che Lyric Santiago indossava quando è stata rapita. Non appena trova la giovane, però, Vail si rende conto che quella sensuale vampira bionda, con i suo occhi trasparenti come il ghiaccio e il suo corpo da favola, rischia di diventare una distrazione che non può e non vuole permettersi. Eppure lei è la chiave di tutto, lui deve solo convincerla a collaborare. E per raggiungere l’obiettivo decide di usare un sistema molto piacevole, anche se poco convenzionale. Ma la seduzione è un’arma a doppio taglio.
I volumi della serie:
1) Un morso è per sempre
2) La bara di cristallo
3) L’abito di diamanti
**
### Sinossi
STORIE DEL CREPUSCOLO Vol. 3. Spirito inquieto e tormentato, Vaillant ha una sola cosa in mente: scoprire dove si nasconde suo padre e fargliela pagare per il male che ha causato. Per ottenere l’informazione che gli consentirà di vendicarsi deve solo accettare l’incarico che gli hanno proposto: recuperare il prezioso abito intessuto di diamanti fatati che Lyric Santiago indossava quando è stata rapita. Non appena trova la giovane, però, Vail si rende conto che quella sensuale vampira bionda, con i suo occhi trasparenti come il ghiaccio e il suo corpo da favola, rischia di diventare una distrazione che non può e non vuole permettersi. Eppure lei è la chiave di tutto, lui deve solo convincerla a collaborare. E per raggiungere l’obiettivo decide di usare un sistema molto piacevole, anche se poco convenzionale. Ma la seduzione è un’arma a doppio taglio.
I volumi della serie:
1) Un morso è per sempre
2) La bara di cristallo
3) L’abito di diamanti

L’abete perfetto

RACCONTO ROMANCE – Vanessa ha il cuore infranto. Ma la ricerca di un albero di Natale la farà ricredere sul fatto che l’amore esiste… basta tenere aperta la porta del cuore.
Vanessa ha il cuore infranto. Mancano pochi giorni a Natale e si accorge di aver scambiato un uomo gretto ed egoista per il grande amore della sua vita. Per non sprofondare nella malinconia decide di acquistare l’abete perfetto per l’angolo solitario del suo salotto. E sarà proprio questa ricerca che la porterà a ricredersi sul fatto che l’amore esiste… basta tenere aperta la porta del cuore.
Ledra vive in un mondo tutto suo fatto di elfi, folletti, tanto amore e magnifiche storie d’amore condite da capriole di tutti i generi. Si sente senza tempo ed età, adora far ridere e donare un sorriso. È per questo che, in ogni suo racconto, c’è spesso il lato ironico della vita e dell’amore. Per la collana Senza Sfumature di Delos Digital ha pubblicato il racconto erotico “Il ladro”.

ABBRACCIO IMMORTALE

Nastasya è una ragazza un po’ troppo dark. Labbra un po’ troppo viola e capelli un po’ troppo neri come i suoi neri pensieri. Nastasya è un po’ troppo vecchia e un po’ troppo giovane. È nata nel 1551. Pochi conoscono il suo segreto, pochi sanno che è immortale tranne quelli come lei. Reyn, per esempio. Più bello dell’oscurità che la ragazza avverte dentro di sé, più attraente del male che le loro famiglie si sono inflitte in un antico tempo senza tempo, nella fredda e inospitale Islanda, quando il Carnefice d’Inverno seminava morte e distruzione. Ma oggi Nastasya conosce River, la saggia immortale, ed entra nella sua speciale comunità, dove s’insegna che a volte l’ombra è la nostra unica luce. E a volte l’amore aspetta. A volte no.

L’abbraccio delle tenebre

Cassie Palmer ha ormai conquistato il ruolo di Pitia, e ora, per riuscire a liberarsi una volta per tutte dal nefasto incantesimo che la lega al vampiro Mircea, deve trovare il Codex Merlini, un antico manoscritto compilato da Merlino in persona. Trovare il Codex non è un’impresa facile: tra mappe false, labirinti sotterranei e maghi che le danno la caccia, Cassie capirà che l’unico modo per raggiungere il manoscritto è tornare nel passato. Finirà così nella Parigi del 1793 in compagnia di Mircea, e tra combattimenti mozzafiato e fughe rocambolesche farà la propria comparsa anche il mago più potente di tutti i tempi, che reclama per sé l’antico codice magico. Una volta trovato il codice però, la strada è tutt’altro che in discesa: il controincantesimo al geis non funziona affatto, e tutti quanti sembrano dannatamente determinati a mettere le mani su quel manoscritto, non ultimi la Console del Senato dei vampiri, un demone furioso e lo stesso Apollo. E quando la situazione sembra tornare alla normalità, ecco pronte nuove schiere di nemici che si preparano ad affrontare la Pitia…L’abbraccio delle tenebre terrà i lettori agganciati alla pagina dall’inizio alla fine: suspense e ironia assicurate per il terzo episodio della serie firmata Karen Chance.

(source: Bol.com)

Abbracciati dal destino

Nell’incantevole cittadina di Charlbury St Helens, la vita di tre ragazze sta per essere capovolta da tre dei più ricchi e attraenti uomini del Vecchio Continente.
Cesare di Silvestri non ha mai avuto bisogno di faticare con il gentil sesso: dopo solo pochi minuti in sua compagnia, molte delle donne più ambite del pianeta sono cadute ai suoi piedi. Tutte tranne una: la timida Jessica Martin, che si rifiuta di diventare il suo passatempo per il weekend. Per fortuna di Cesare, però, il destino corre in suo aiuto, regalandogli l’arma perfetta per superare quella resistenza. Ciò che Cesare non sa è che la bella Jess finirà con l’allietare il suo tempo per ben più di un paio di giorni.
**
### Sinossi
Nell’incantevole cittadina di Charlbury St Helens, la vita di tre ragazze sta per essere capovolta da tre dei più ricchi e attraenti uomini del Vecchio Continente.
Cesare di Silvestri non ha mai avuto bisogno di faticare con il gentil sesso: dopo solo pochi minuti in sua compagnia, molte delle donne più ambite del pianeta sono cadute ai suoi piedi. Tutte tranne una: la timida Jessica Martin, che si rifiuta di diventare il suo passatempo per il weekend. Per fortuna di Cesare, però, il destino corre in suo aiuto, regalandogli l’arma perfetta per superare quella resistenza. Ciò che Cesare non sa è che la bella Jess finirà con l’allietare il suo tempo per ben più di un paio di giorni.

Abbiamo sempre vissuto nel castello

"A Shirley Jackson, che non ha mai avuto bisogno di alzare la voce"; con questa dedica si apre "L'incendiaria" di Stephen King. È infatti con toni sommessi e deliziosamente sardonici che la diciottenne Mary Katherine ci racconta della grande casa avita dove vive reclusa, in uno stato di idilliaca felicità, con la bellissima sorella Constance e uno zio invalido. Non ci sarebbe nulla di strano nella loro passione per i minuti riti quotidiani, la buona cucina e il giardinaggio, se non fosse che tutti gli altri membri della famiglia Blackwood sono morti avvelenati sei anni prima, seduti a tavola, proprio lì in sala da pranzo. E quando in tanta armonia irrompe l'Estraneo (nella persona del cugino Charles), si snoda sotto i nostri occhi, con piccoli tocchi stregoneschi, una storia sottilmente perturbante che ha le ingannevoli caratteristiche formali di una commedia. Ma il malessere che ci invade via via, disorientandoci, ricorda molto da vicino i "brividi silenziosi e cumulativi" che – per usare le parole di un'ammiratrice, Dorothy Parker abbiamo provato leggendo "La lotteria". Perché anche in queste pagine Shirley Jackson si dimostra somma maestra del Male – un Male tanto più allarmante in quanto non circoscritto ai 'cattivi', ma come sotteso alla vita stessa, e riscattato solo da piccoli miracoli di follia.

Abbaiare stanca

«Non sono uno specialista di cani. Solo un amico. Un po’ cane anch’io, può darsi. Sono nato nello stesso giorno del mio primo cane. Poi siamo cresciuti insieme. Ma lui è invecchiato prima di me. A undici anni era un vecchietto pieno di reumatismi e di esperienza. Io ero ancora un cucciolo. Morì. Io piansi. Molto». Daniel Pennac, l’innamorato dei cani, capisce ogni loro pensiero. ogni tristezza, ogni desiderio. Dopo questa sua storia sapremo tutto sul mondo di IL Cane (con due maiuscole), e impareremo molto sul mondo degli uomini: come appariamo agli occhi del cane e quanto dobbiamo essere ammaestrati.
**
### Sinossi
«Non sono uno specialista di cani. Solo un amico. Un po’ cane anch’io, può darsi. Sono nato nello stesso giorno del mio primo cane. Poi siamo cresciuti insieme. Ma lui è invecchiato prima di me. A undici anni era un vecchietto pieno di reumatismi e di esperienza. Io ero ancora un cucciolo. Morì. Io piansi. Molto». Daniel Pennac, l’innamorato dei cani, capisce ogni loro pensiero. ogni tristezza, ogni desiderio. Dopo questa sua storia sapremo tutto sul mondo di IL Cane (con due maiuscole), e impareremo molto sul mondo degli uomini: come appariamo agli occhi del cane e quanto dobbiamo essere ammaestrati.

A voce nuda

Uno degli ensemble vocali più famosi al mondo, cinque cantanti di musica a cappella, parte dall’Inghilterra per ritirarsi due settimane nello Château de Luth, un castello settecentesco isolato nel cuore del Belgio rurale. Devono provare un brano molto difficile, per certi versi estremo, il Partitum Mutante, scritto da un musicista italiano, forse un genio, forse un cialtrone. Sono un clan affiatato – almeno è quello che credono – finché la convivenza forzata e gli avvenimenti inaspettati che li attendono, nel giro di pochi giorni sconvolgeranno le loro vite. Catherine, il soprano, moglie fragile ed emotivamente succube del direttore del gruppo, sente ogni notte un pianto provenire dal bosco attorno al castello. La donna, vicina alla mezza età ma mai davvero diventata adulta, forse solo affrontando il bosco e le leggende che lo circondano potrà finalmente iniziare a crescere.
Con la capacità di penetrazione che gli è propria, Faber ci presenta un intenso romanzo psicologico, un intreccio di voci che si dipana come una linea melodica e che racchiude le vicende umane dei protagonisti.
**
### Sinossi
Uno degli ensemble vocali più famosi al mondo, cinque cantanti di musica a cappella, parte dall’Inghilterra per ritirarsi due settimane nello Château de Luth, un castello settecentesco isolato nel cuore del Belgio rurale. Devono provare un brano molto difficile, per certi versi estremo, il Partitum Mutante, scritto da un musicista italiano, forse un genio, forse un cialtrone. Sono un clan affiatato – almeno è quello che credono – finché la convivenza forzata e gli avvenimenti inaspettati che li attendono, nel giro di pochi giorni sconvolgeranno le loro vite. Catherine, il soprano, moglie fragile ed emotivamente succube del direttore del gruppo, sente ogni notte un pianto provenire dal bosco attorno al castello. La donna, vicina alla mezza età ma mai davvero diventata adulta, forse solo affrontando il bosco e le leggende che lo circondano potrà finalmente iniziare a crescere.
Con la capacità di penetrazione che gli è propria, Faber ci presenta un intenso romanzo psicologico, un intreccio di voci che si dipana come una linea melodica e che racchiude le vicende umane dei protagonisti.

A vele spiegate

Affascinate, privo di scrupoli e acceso solo dalla fiamma dell'ambizione, il capitano Matthew Steel resta impassibile anche di fronte alla furia dirompente della Guerra Civile. Protagonista di un complesso intrigo che cambierà il corso della storia, si intenerisce solo per Loyalty Blake, una ragazza che, per nascita e scelte morali, rappresenta tutto ciò che Steel ha sempre considerato irraggiungibile.

A sud del confine, a ovest del sole

Nato la prima settimana del primo mese del primo anno della seconda metà del XX secolo, al protagonista, nonché voce narrante, viene dato il nome di Hajime, che significa “inizio”. Nasce in una normale famiglia giapponese, in una normale provincia sonnacchiosa, con l’unica anomalia di essere figlio unico mentre i suoi compagni hanno uno o due fratelli. Da ragazzino fa amicizia con Shimamoto, anche lei figlia unica e con una gamba offesa dalla poliomelite. Acuta, brillante a scuola, Shimamoto condivide i maggiori interessi di Hajime: la lettura e la musica. Ma il passaggio nell’età puberale, insieme a un cambiamento di casa di Hajime, separa i due prima che l’amicizia possa trasformarsi in qualcos’altro.

A mezzanotte un angelo (I Romanzi Extra Passion)

In una terribile notte, Allegra Ennis, musicista e cantante di talento, perde il padre, la vista e la carriera. Ricordi confusi e frammentari di quel trauma la perseguitano nei suoi incubi notturni, e la minaccia di chi le ha già rovinato l’esistenza continua a incombere su di lei. Finché nella sua vita entra Douglas Kowalski. Ex comandante dei reparti speciali, segnato nell’anima e nel viso da cicatrici profonde, Douglas le salva la vita durante una rapina. Presto divampa la passione ma entrambi hanno svariate ragioni per dubitare che possa durare a lungo. Tuttavia, se tanti sono i fantasmi del passato, troppo intenso è il sentimento che ora li lega…

(source: Bol.com)

A Jennifer con amore

La piccola Jane non ha nessuno perché sua madre, una potente manager di una compagnia teatrale di Broadway, non ha tempo per lei. Michael è il suo amico immaginario: trent’anni, bello, divertente, brillante e rassicurante. Parlano di tutto e adorano mangiare gelati. Anche se nessun’altro lo può vedere, per Jane lui è davvero lì con lei. La segue in ogni momento, stanno sempre insieme, non si separano mai. Finché il giorno del suo nono compleanno lui la abbandona per permetterle di condurre la sua vita dicendole: «Da domani, Jane, non ti ricorderai più di me».Ma non è così: Jane ha continuato a pensare a Michael, in ogni momento, senza mai riuscire a trovare un amico vero alla sua altezza. E dopo vent’anni eccolo che ritorna. Non sembra cambiato nulla, lui è sempre lo stesso, ma chissà come adesso prova piacere e dolore, ha dei veri sentimenti e può sperimentare il vero amore…
**
### Sinossi
La piccola Jane non ha nessuno perché sua madre, una potente manager di una compagnia teatrale di Broadway, non ha tempo per lei. Michael è il suo amico immaginario: trent’anni, bello, divertente, brillante e rassicurante. Parlano di tutto e adorano mangiare gelati. Anche se nessun’altro lo può vedere, per Jane lui è davvero lì con lei. La segue in ogni momento, stanno sempre insieme, non si separano mai. Finché il giorno del suo nono compleanno lui la abbandona per permetterle di condurre la sua vita dicendole: «Da domani, Jane, non ti ricorderai più di me».Ma non è così: Jane ha continuato a pensare a Michael, in ogni momento, senza mai riuscire a trovare un amico vero alla sua altezza. E dopo vent’anni eccolo che ritorna. Non sembra cambiato nulla, lui è sempre lo stesso, ma chissà come adesso prova piacere e dolore, ha dei veri sentimenti e può sperimentare il vero amore…

A futura memoria (se la memoria ha un futuro)

Molto infastidiva Sciascia l’essere considerato un «mafiologo»: «Sono semplicemente uno che è nato, è vissuto e vive in un paese della Sicilia occidentale e ha sempre cercato di capire la realtà che lo circonda, gli avvenimenti, le persone» diceva. Così come lo infastidiva quell’«intuizione di letterato» che, nel migliore dei casi, gli veniva attribuita allorché scagliava taglienti ed eretiche verità contro il «folclore tenebroso» in cui venivano di solito assunti i fatti di mafia. Tirare il collo alla retorica e alla mistificazione, questo gli premeva. E regolarmente i suoi articoli scatenavano furenti polemiche – se non l’accusa, infamante, di fare «il gioco della mafia». Sicché non gli restava che citare l’amato Savinio: «avverto gli imbecilli che le loro proteste cadranno ai piedi della mia gelida indifferenza». Il fatto è – come dimostrano gli interventi qui radunati, fra cui quello sui ‘professionisti dell’antimafia’ – che Sciascia è lo scrittore italiano cui più che a ogni altro si attaglia l’aggettivo «scomodo»: che prenda posizione sulla morte di Calvi o sull’assassinio del generale Dalla Chiesa o sul caso Tortora o sul maxiprocesso di Palermo e sulle testimonianze di Buscetta e Contorno o, infine, sul rischio che l’antimafia si trasformi in strumento di potere, non potremo che riconoscere fino a che a punto sia rimasto fedele alla definizione che nel 1977 dava dell’intellettuale: «uno che esercita nella società civile … la funzione di capire i fatti, di interpretarli, di coglierne le implicazioni anche remote e di scorgerne le conseguenze possibili. La funzione, insomma, che l’intelligenza, unita a una somma di conoscenze e mossa – principalmente e insopprimibilmente -dall’amore alla verità, gli consentono di svolgere».

A casa per Natale

Dopo essere stato interdetto ai voli per gli Stati Uniti, Tom Langdon decide di prendere il treno da Washington a Los Angeles per raggiungere la fidanzata che lo aspetta per Natale. Non ha il minimo sospetto che da quel lungo viaggio pieno di eventi, bizzarri ma anche drammatici, uscirà profondamente cambiato. La varietà degli incontri e delle esperienze, che sembrano orchestrati da una casualità quasi magica, lo porteranno a rivedere sotto una luce diversa tutta la sua vita, a svelare come davanti a uno specchio segreto i grovigli della propria anima, a recuperare ciò che pensava di aver irrimediabilmente perduto.

90 giorni

Novanta giorni è l’obiettivo. Novanta giorni puliti per uscire dal buio, solo novanta giorni. La sostanza di Bill è il crack. Ma le crisi di astinenza, le ricadute, il rehab si ripetono per ogni dipendenza. Novanta giorni è infatti la storia di chiunque sia caduto, almeno una volta, in quella spirale. È la storia di persone interrotte che insieme cercano di mettere ordine nelle loro vite. I nuovi amici di Bill sono ex tossici che provano, un giorno alla volta, a non farsi. Una comunità che si incontra, discute, partecipa a riunioni settimanali, s’incoraggia con entusiasmo sportivo e premura fraterna, una rete di solidarietà che condivide un obiettivo: la libertà dai lacci della compulsione. Legami che per il vecchio Bill, brillante agente letterario diviso fra cocktail mondani e attici sulla Fifth Avenue, sarebbero stati impensabili. Nei reticoli di Manhattan si incrociano i destini di Polly, insegnante elementare cocainomane, che non riesce a smettere perché vive con la sua gemella Heather che ancora si droga; Lotto, figlio adottivo di una coppia di gioiellieri ebrei, che ha girato dodici centri di riabilitazione e pensa di poter prendere in giro la vita ancora una volta; Asa, giovane studente, rosso di capelli, innamorato di Bill, salvifico e silenzioso. E Bill, che grazie ai suoi nuovi amici impara a raccontare la verità, la sua verità.

65 la mia vita senza paura

La vita di Loris Capirossi comincia in mezzo alla polvere e alle colline romagnole: Borgo Rivola ha cinquecento anime e ci si arriva per strade che a vederle sono tutto un programma. Curve cieche e saliscendi, asfalto da piega e pochi rettilinei, ma l’odore del gas lo senti subito. È il 1990: un ragazzino di diciassette anni – al suo esordio nel Motomondiale classe 125 – è campione del mondo in sella a una Honda. Il più giovane di sempre. L’anno seguente – prima ancora di avere l’età per prendere la patente – si può fregiare del secondo titolo iridato. E non sarà l’ultimo. È così che ha inizio la leggenda: una storia di gloria, sudore e ossa rotte. Di lacrime, sorrisi e nessun rimpianto: i sacrifici di babbo Giordano e mamma Patrizia, che ipotecano la casa per scommettere sul giovane mago delle due ruote, i viaggi in furgone verso i circuiti europei e i primi aerei della vita, a solcar l’oceano; i primi amori, le sfide con amici e avversari, le scelte tormentate e gli occhi pieni di gioia sulla linea del traguardo. 328 gare, 3 titoli mondiali, 29 vittorie, 99 podi. Una carriera lunga un quarto di secolo e milioni di chilometri percorsi. 65 – La mia vita senza paura è il racconto di un talento verace e selvaggio: una poderosa cavalcata nella vita di Capirex, mito delle due ruote, e di Loris, campione di umanità e coraggio, innamoratissimo marito di Ingrid, papà orgoglioso di Riccardo e oggi – dopo aver salutato i tifosi in sella a una Ducati con il numero 58 in onore del compianto amico Marco Simoncelli – rappresentante Dorna in Direzione Gara nel Motomondiale.