37009–37024 di 68366 risultati

La corona di fuoco

“Era passata una settimana da quel giorno orribile in cui le era crollato il mondo addosso. Tutto a un tratto il mondo era sparito, inghiottito dall’abisso che regnava dentro di lei.” Celaena Sardothien è sopravvissuta a combattimenti mortali e a orribili sofferenze, ma di fronte all’assassinio della sua più cara amica è sconvolta e annientata. Consumata dal senso di colpa e dalla rabbia, vuole passare al contrattacco, e mettere in atto così la sua vendetta nei confronti del responsabile dell’atroce delitto, il re di Adarlan. Ogni speranza per distruggere il tiranno, però, giace nelle risposte che potrà darle Maeve, la regina dei Fae, a Wendlyn.
Sacrificando il suo stesso futuro, Chaol, il Capitano della Guardia Reale, l’ha mandata laggiù con l’idea di proteggerla, senza sapere che questo viaggio potrebbe invece costarle la vita. In quella terra lontana, infatti, Celaena dovrà confrontarsi con un’oscura verità relativa alla propria origine, ma soprattutto affrontare creature brutali e mostruose che intendono conquistare il mondo intero. Per sconfiggerle, però, dovrà prima di tutto accettare la sua vera natura e far pace con i propri demoni interiori, accogliendo finalmente il suo destino.
Sarah J. Maas, con questo nuovo capitolo della saga “Il trono di ghiaccio”, dà vita a un racconto ad alta tensione, irresistibile e coinvolgente, un mix riuscitissimo di mistero, intrighi, nuovi personaggi, combattimenti all’ultimo sangue e magia che non lascerà insoddisfatti i suoi affezionati lettori.
Sarah J. Maas, laureata in Scrittura creativa, è una scrittrice americana di fantasy. Ha esordito nel 2010 con *Il trono di ghiaccio*, primo romanzo della saga omonima, scritto quando aveva sedici anni e inizialmente pubblicato in una piattaforma di self-publishing, dove divenne in breve tempo un vero e proprio fenomeno di popolarità. Per Mondadori ha pubblicato anche *La Corona di mezzanotte.*
**

Cornwell Patricia – Kay Scarpetta – 2012 – Letto di ossa

Alberta, Canada. Quando Emma Shubert, una famosa paleontologa, sparisce durante gli scavi in un cimitero di dinosauri, l’unico indizio utile per ritrovarla viene spedito dall’aeroporto di Boston alla casella di posta elettronica di Kay Scarpetta, direttrice del Cambridge Forensic Center, a più di tremila chilometri di distanza. Il giorno seguente nella baia di Boston viene ripescato il cadavere mummificato di una donna di mezza età insieme a una rara specie di tartaruga marina, rimasta impigliata nella rete. Coinvolta nel caso, mentre le indagini partono a ritmo incalzante, Kay comincia a sospettare da alcuni particolari che la scomparsa della paleontologa sia collegata non solo a questo evento, ma anche ad altri verificatisi molto più vicino a casa. La moglie di un imprenditore accusato di aver assoldato un killer per ucciderla è svanita nel nulla qualche mese prima dalla sua villa sull’oceano a Gloucester e una cinquantenne dal tragico passato, che vive da sola a Cambridge con la sua gatta, da tempo non dà più notizie di sé. Qual è la connessione tra questi fatti? Cosa si nasconde dietro a tutto ciò? E di chi si può fidare Kay Scarpetta per risolvere un caso così intricato? I suoi più stretti collaboratori hanno con lei un atteggiamento sfuggente: il marito Benton Wesley, l’investigatore capo Pete Marino e la nipote Lucy le nascondono forse qualcosa? Sentendosi tradita e abbandonata, questa volta Kay teme di essere davvero sola ad affrontare un nemico scaltro e pericoloso che sembra impossibile da sconfiggere. Letto di ossa è il ventesimo romanzo della serie incentrata sullo straordinario personaggio di Kay Scarpetta. Imperdibile per tutti i fan di Patricia Cornwell, è anche un ideale punto di partenza per chi voglia iniziare a seguire le appassionanti vicende dell’anatomopatologa più famosa del mondo.

Cornwell Patricia – Kay Scarpetta – 1994 – La Fabbrica Dei Corpi

Una bambina di 11 anni è stata rapita, mutilata e uccisa e il suo corpo è stato abbandonato in riva ad un lago del North Carolina. La polizia locale brancola nel buio, l’agente assegnato al caso si è suicidato mentre il referto legale mostra che sono stati trascurati alcuni indizi. Nel “modus operandi” c’è la mano di un serial killer su cui l’FBI ha già dovuto indagare e solo Kay Scarpetta sarà in grado di dare una risposta agli inquietanti interrogativi sollevati.

Cornick Nicola – 2008 – Pagine proibite

Inghilterra, 1806 – Quando in città si diffonde l’inquietante notizia che Lady Loveless, autrice delle licenziose novelle erotiche che hanno scandalizzato l’alta società londinese, sia nientemeno che sua moglie, Lord Alexander Beaumont non crede alle proprie orecchie. Possibile che si tratti davvero di Melicent, la fanciulla timida e impacciata che è stato costretto a sposare e che, dopo qualche tempo, lo ha lasciato? Alex decide di smascherarla, servendosi proprio delle trasgressive pratiche amatorie descritte nei piccanti racconti di Lady Loveless…

La corazza ricamata

Essere iniziati ai Misteri, chiudere gli occhi. I Misteri sono indicibili.
La visione che si manifesta va tenuta segreta,
in quanto non può essere tradotta in parole.
Essa è terribile. Per coglierla bisogna chiudere gli occhi.
Sembra un enigma insolubile. Ma la conoscenza è un enigma.
Questo libro, che è saggio, romanzo del pensiero umano e insieme felice divagazione per tutti coloro che si interrogano sul passato e sull’avvenire della conoscenza, rievoca suggestivamente la grande rivoluzione concettuale, tra Omero e Platone, da cui è nata la storia dell’Occidente, la nostra storia. Per Omero, per i Greci presocratici, per Erodoto e Ippocrate, la conoscenza concerne il visibile, equivale a vedere, o meglio, a disvelare ciò che in realtà è già manifesto. Da Platone in poi, invece, non si tratta più di rendere evidente ciò che si nasconde alla superficie, ma di contemplare proprio quell’invisibile, in cui si identifica il vero e a cui si oppone l’inganno del visibile. È una rivoluzione totale, che presuppone la perdita dell’originaria nozione di verità come disvelamento. Passando per il sapere misterico della Grecia arcaica, per il mito di Edipo – in cui i temi della vista e della cecità hanno un ruolo centrale – e ancora per quello delle sirene, viene qui raccontato il rapporto tra il sapere e il vedere. Un modo per riportare alla luce le radici antiche di un dibattito ancora attuale, al quale i disegni di Pierre Le-Tan conferiscono un’aura metafisica che aiuta a penetrare i fondamenti profondi e lontani dell’intera modernità.
**Roberto Peregalli** nasce a Milano nel 1961. È laureato in Filosofia. Allievo dell’architetto Renzo Mongiardino con cui lavora per diversi anni, apre uno studio di architettura e decorazione alla fine degli anni ’80 in seguito in società con Laura Sartori Rimini. Lavora in Italia e all’estero. Firma le scene di alcune opere liriche. Ha collaborato con Condè Nast scrivendo articoli di cinema. Vive a Milano e (quando può) a Tangeri. Nel 2010 è uscito il saggio *I luoghi e la polvere*.

Coraline

In casa di Coraline ci sono tredici porte che permettono di entrare e uscire da stanze e corridoi, e poi ce n’è una, la quattordicesima, che dà su un muro di mattoni. Oltre quel muro dovrebbe esserci un appartamento vuoto, ma… sarà vero? Perché un giorno Coraline scopre che dietro la porta si apre un corridoio scuro, e alla fine del corridoio c’è una casa identica alla sua, e nella cucina della casa vive una donna uguale a sua madre. Quasi uguale, anzi, perché al posto degli occhi ha due lucidi bottoni, attaccati con ago e filo. Amorosa e attenta, l’altra madre le chiede di diventare sua figlia: in cambio avrà tutto ciò che desidera, e anche di piú. Ma Coraline, bambina saggia e intrepida, capisce subito di essere finita in una ragnatela fatta di nebbia e tenebra, al cui centro c’è un ragno straordinariamente pericoloso. E sa che, tra incanti e spaventi, gatti parlanti e spettri bambini, topi musicisti e vecchie attrici indomabili, toccherà a lei sconfiggere il buio e liberare i prigionieri dell’altra madre…

Il Coraggio di Perdonare

Ogni scelta detta una conseguenza. A volte, siamo costretti ad assecondare una sorte ingiusta che tira le redini di un amore sofferto e dimenticato. Grace Davis nasconde nei meandri dei suoi ricordi, l’immagine dell’uomo che l’ha abbandonata dieci anni prima. Oggi è una donna che ha costruito intorno al suo dolore, il giusto equilibrio per portare avanti un’esistenza caratterizzata da delusioni e perdite. Oggi è Megan, madre single e all’apparenza forte e determinata. Una roccia che non permette al passato di intralciare la tranquillità emotiva che ha faticosamente raggiunto. Che cosa succederebbe, però, se quell’abisso di ricordi risalisse a galla? E tutto ciò da cui è fuggita, si ripresentasse prepotentemente nella sua vita per sconvolgere tutti i suoi schemi? Ritornare indietro comporta una salita ripida e tortuosa, la meta è lontana e inarrivabile. Quanto alto può essere il prezzo da pagare, per proteggere sé stessi dalla devastazione? Owen Riley, ex Marines, porta il peso di un grosso rimpianto. Si è arreso al dolore che lo ha colpito quando ancora ogni parte di sé, mostrava i segni di un amore sopravvissuto ad un’atroce verità. E se tu tutto quello che si conosce è solo la superficie di un momento significativo della tua vita, mentre nelle profondità vive un dolore mai assopito? Saremo abbastanza coraggiosi da rischiare di intagliare un cuore ferito?
**
### Sinossi
Ogni scelta detta una conseguenza. A volte, siamo costretti ad assecondare una sorte ingiusta che tira le redini di un amore sofferto e dimenticato. Grace Davis nasconde nei meandri dei suoi ricordi, l’immagine dell’uomo che l’ha abbandonata dieci anni prima. Oggi è una donna che ha costruito intorno al suo dolore, il giusto equilibrio per portare avanti un’esistenza caratterizzata da delusioni e perdite. Oggi è Megan, madre single e all’apparenza forte e determinata. Una roccia che non permette al passato di intralciare la tranquillità emotiva che ha faticosamente raggiunto. Che cosa succederebbe, però, se quell’abisso di ricordi risalisse a galla? E tutto ciò da cui è fuggita, si ripresentasse prepotentemente nella sua vita per sconvolgere tutti i suoi schemi? Ritornare indietro comporta una salita ripida e tortuosa, la meta è lontana e inarrivabile. Quanto alto può essere il prezzo da pagare, per proteggere sé stessi dalla devastazione? Owen Riley, ex Marines, porta il peso di un grosso rimpianto. Si è arreso al dolore che lo ha colpito quando ancora ogni parte di sé, mostrava i segni di un amore sopravvissuto ad un’atroce verità. E se tu tutto quello che si conosce è solo la superficie di un momento significativo della tua vita, mentre nelle profondità vive un dolore mai assopito? Saremo abbastanza coraggiosi da rischiare di intagliare un cuore ferito?

Il coraggio delle donne

Le storie, in prima persona, di cinque donne normali che il destino ha reso eccezionali. Le abbiamo conosciute attraverso la cronaca, ma Alessandra Ziniti ha voluto avvicinarsi a loro per restituirci i loro pensieri, i desideri, i valori, gli affetti, il prima e il dopo le vicende che le hanno rese protagoniste loro malgrado. Cinque ritratti di donne forti, vere, da cui prendere esempio.
Eleonora Cantamessa, medico, si ferma a prestare soccorso alla vittima di una rissa, un ragazzo di venticinque anni. Viene uccisa dal fratello di lui, che li travolge con l’auto.
Laura Prati, sindaco di Cardano, viene colpita dai proiettili sparati da un vigile che lei aveva sospeso dal servizio in seguito a una sentenza di condanna. Morirà venti giorni dopo.
Elena Ferraro è l’imprenditrice siciliana che ha detto di no al cugino di Matteo Messina Denaro, poi finito in carcere anche grazie alla sua denuncia.
Lucia Petrucci, diciotto anni, è sopravvissuta all’agguato tesole dal suo ex fidanzato nel quale ha perso la vita la sorella Carmela, a soli diciassette anni.
Martina Giangrande è la figlia del carabiniere raggiunto dai proiettili sparati davanti a Palazzo Chigi da un disoccupato che «voleva uccidere i politici». Da allora ha deciso di assistere il padre, rimasto paralizzato, abbandonando il lavoro per stargli vicino.
Alessandra Ziniti, inviata di «la Repubblica», ha seguito tutte le grandi inchieste di mafia e cronaca in Sicilia. Insieme a Francesco Viviano ha vinto il premio Cronista dell’anno nel 2008. Con Francesco Viviano ha pubblicato per Aliberti editore I maledetti e gli innocenti (2010), I misteri dell’Agenda rossa (2010), Morti e silenzi all’università (2010), Visti da vicino (2012), Capaci via D’Amelio 1992/2012 (2012).
«Impariamo a essere felici, a pretendere la felicità, a fare della felicità il nostro scopo esistenziale. E poi trasmettiamo questo amore per la vita e per noi stesse alle nostre figlie, sorelle, amiche. Consapevoli che la felicità significa anche agire in linea con i nostri valori, è fare qualcosa di buono per la nostra comunità o fare scelte coraggiose per le persone a cui vogliamo bene. Questo ci insegnano e ci hanno insegnato le protagoniste di queste storie».
Dalla prefazione di Fiorella Mannoia
**
### Sinossi
Le storie, in prima persona, di cinque donne normali che il destino ha reso eccezionali. Le abbiamo conosciute attraverso la cronaca, ma Alessandra Ziniti ha voluto avvicinarsi a loro per restituirci i loro pensieri, i desideri, i valori, gli affetti, il prima e il dopo le vicende che le hanno rese protagoniste loro malgrado. Cinque ritratti di donne forti, vere, da cui prendere esempio.
Eleonora Cantamessa, medico, si ferma a prestare soccorso alla vittima di una rissa, un ragazzo di venticinque anni. Viene uccisa dal fratello di lui, che li travolge con l’auto.
Laura Prati, sindaco di Cardano, viene colpita dai proiettili sparati da un vigile che lei aveva sospeso dal servizio in seguito a una sentenza di condanna. Morirà venti giorni dopo.
Elena Ferraro è l’imprenditrice siciliana che ha detto di no al cugino di Matteo Messina Denaro, poi finito in carcere anche grazie alla sua denuncia.
Lucia Petrucci, diciotto anni, è sopravvissuta all’agguato tesole dal suo ex fidanzato nel quale ha perso la vita la sorella Carmela, a soli diciassette anni.
Martina Giangrande è la figlia del carabiniere raggiunto dai proiettili sparati davanti a Palazzo Chigi da un disoccupato che «voleva uccidere i politici». Da allora ha deciso di assistere il padre, rimasto paralizzato, abbandonando il lavoro per stargli vicino.
Alessandra Ziniti, inviata di «la Repubblica», ha seguito tutte le grandi inchieste di mafia e cronaca in Sicilia. Insieme a Francesco Viviano ha vinto il premio Cronista dell’anno nel 2008. Con Francesco Viviano ha pubblicato per Aliberti editore I maledetti e gli innocenti (2010), I misteri dell’Agenda rossa (2010), Morti e silenzi all’università (2010), Visti da vicino (2012), Capaci via D’Amelio 1992/2012 (2012).
«Impariamo a essere felici, a pretendere la felicità, a fare della felicità il nostro scopo esistenziale. E poi trasmettiamo questo amore per la vita e per noi stesse alle nostre figlie, sorelle, amiche. Consapevoli che la felicità significa anche agire in linea con i nostri valori, è fare qualcosa di buono per la nostra comunità o fare scelte coraggiose per le persone a cui vogliamo bene. Questo ci insegnano e ci hanno insegnato le protagoniste di queste storie».
Dalla prefazione di Fiorella Mannoia

Il coraggio della verità

Quello del 1984 è l’ultimo corso tenuto da Michel Foucault al Collège de France. Già malato, comincia le lezioni solo a febbraio per terminarle alla fine di marzo. Muore pochi mesi dopo, il 25 giugno. Queste circostanze gettano una luce particolare sul corso, che si è portati a leggere come una sorta di testamento spirituale, dove il tema della morte ricorre frequentemente. Il corso prosegue e radicalizza le analisi condotte l’anno precedente.Anche qui, la domanda centrale ruota intorno alla funzione del “dire-il-vero” e al ruolo che la verità riveste nell’ambito della politica e dei rapporti di potere. Si tratta in sostanza di stabilire, nell’ambito della democrazia, un certo numero di condizioni etiche che sono irriducibili alle regole formali del consenso ma che fanno appello alla dimensione morale individuale: il coraggio di fronte al pericolo e la coerenza. Foucault ritorna alle radici della filosofia greca, rivalutandone l’idea di democrazia contrapposta a ogni forma di tirannia, antica e moderna. Nella morte di Socrate non emerge la paura di morire, ma l’angoscia di non poter portare a compimento la propria “missione essenziale”, il compito che dà senso a una vita. Attraverso una rivalutazione del pensiero dei cinici – del cinismo antico e delle sue “posterità” moderne e contemporanee – viene sottolineata sia l’importanza di un radicale ritorno all’elementarità dell’esistenza sia lo “scandalo della vita vera”: al tempo stesso provocazione pubblica e pratica filosofica, che comporta un accoglimento dell’essenzialità delle cose; si tratta di una vita scandalosa, inquietante, antagonista; una vita ai margini, ma anche una vita che costituisce la critica del mondo esistente e sostiene al tempo stesso l’appello a una vita “altra”.

Copritele il volto

In un’aristocratica dimora, una giovane cameriera viene trovata uccisa in una stanza chiusa a chiave dall’interno. Un rompicapo per l’ispettore Dalgliesh, che durante le indagini troverà il tempo anche per un incontro molto particolare.

Coppie assassine

Cosa spinge un uomo e una donna, una madre e una figlia, due fratelli, due amici a desiderare, architettare e compiere insieme un omicidio? Quale ebbrezza e quale sensazione di infallibilita si prova specchiandosi negli occhi l’uno dell’altro nella convinzione di far parte di un mondo composto da due sole persone, con regole e leggi assolute? Per far luce sul legame che unisce due menti assassine, Cinzia Tani ha attinto alle cronache e agli atti processuali di venticinque omicidi dal Settecento ai giorni nostri e il repertorio che ne nasce e sorprendentemente vario: dai delitti passionali a danno di mariti crudeli o di amanti ingombranti, alle coppie che hanno ucciso per denaro, per disperazione o per sadismo, come Sarah Melyard nell’Inghilterira del Settecento che, aiutata dalla figlia, torturava a morte le sue apprendiste sarte. Quello che non muta, nella varieta della casistica, e l’intensita del rapporto che si crea fra i due assassini, la forza di un vincolo che supera l’amore e l’amicizia, la vendetta e l’odio, e trova il suo punto piu alto nel fatto di sangue.

La coppia più bella

Per tutti i cuori solitari, gli inguaribili romantici e i sognatori incalliti, è arrivata l’agenzia matrimoniale più efficiente degli Stati Uniti. Le donne della IF Enterprises sono pronte a tutte le missioni. Anche quelle impossibili.
L’ultimo bersaglio di Ainsley Danville, dinamica agente matrimoniale, è destinato a essere lui: suo fratello Matt, avvenente capo di una fondazione di beneficenza, scapolo convinto e ignara vittima delle frecce dal veleno più dolce che esista. Il carattere della ragazza che è stata scelta per lui, però, non è dei più mansueti: Peyton O’Reilly, una nuova collega di Matt, gli dà del filo da torcere fin dai primi giorni di lavoro comune. Per avvicinarli, la prima mossa potrebbe essere quel¬la di un romantico ballo; la seconda, invece…
**
### Sinossi
Per tutti i cuori solitari, gli inguaribili romantici e i sognatori incalliti, è arrivata l’agenzia matrimoniale più efficiente degli Stati Uniti. Le donne della IF Enterprises sono pronte a tutte le missioni. Anche quelle impossibili.
L’ultimo bersaglio di Ainsley Danville, dinamica agente matrimoniale, è destinato a essere lui: suo fratello Matt, avvenente capo di una fondazione di beneficenza, scapolo convinto e ignara vittima delle frecce dal veleno più dolce che esista. Il carattere della ragazza che è stata scelta per lui, però, non è dei più mansueti: Peyton O’Reilly, una nuova collega di Matt, gli dà del filo da torcere fin dai primi giorni di lavoro comune. Per avvicinarli, la prima mossa potrebbe essere quel¬la di un romantico ballo; la seconda, invece…

Una coppia perfetta. I racconti di Hap e Leonard

Tra i tantissimi ammiratori di Joe R. Lansdale esiste uno “zoccolo duro” che ha sempre avuto un debole per la serie di romanzi che ha per protagonisti Hap (bianco, liberal e donnaiolo) e Leonard (nero, conservatore e gay). Da “Una stagione selvaggia” a “Sotto un cielo cremisi”, i due detective dai metodi a volte spicci ma dall’etica (a loro modo) immacolata sono passati per ogni sorta di avventura, uscendone spesso malconci, sempre ilari e innamorati della vita e del loro mondo. La stessa cosa che accade in queste tre novelle – “Le iene”, “Veil in visita” e “Una mira perfetta” – nelle quali Hap e Leonard devono vedersela con una banda di rapinatori senza scrupoli, con la Dixie Mafia, con gli spacciatori di crack. E con la legge, sempre meno propensa a tollerare che i casi loro assegnati finiscano regolarmente in una ridda di liti, scazzottate, sparatorie.

La coppia perfetta

Un thriller amatissimo dai lettori di tutto il mondo: 22.987 recensioni su Goodreads, con una media di 4 su 5; 5870 recensioni su Amazon UK, con una media di 4.2; media recensioni di 4.2 su Amazon FR e Amazon USJack e Grace sono la coppia perfetta… o la bugia perfetta? Chiunque avesse l’occasione di conoscere Jack e Grace Angel penserebbe che sono la coppia perfetta. Lui un avvocato di successo, affascinante, spiritoso. Lei una donna elegante e una padrona di casa impeccabile. Chiunque allora vorrebbe conoscere meglio Grace, diventare sua amica, scoprendo però che è quasi impossibile anche solo prendere un caffè con lei: non ha un cellulare né un indirizzo email, e comunque non esce mai senza Jack al proprio fianco. Chiunque penserebbe che in fondo è il classico comportamento degli sposi novelli, che non vogliono passare nemmeno un minuto separati. Eppure, alla fine, qualcuno potrebbe sospettare che ci sia qualcosa di strano nel rapporto fra Grace e Jack. E chiedersi per esempio perché, subito dopo il matrimonio, Grace ha lasciato un ottimo lavoro sebbene ancora non abbia figli, perché non risponde mai nemmeno al telefono di casa, perché ci sono delle sbarre alle finestre della camera da letto. E a quel qualcuno potrebbe venire il dubbio che, forse, la coppia perfetta in realtà è la bugia perfetta… Con oltre 600.000 copie vendute in soli cinque mesi dall’uscita in libreria, La coppia perfetta è uno degli esordi più travolgenti dell’anno in Inghilterra. Grazie al ritmo serrato e alla straordinaria efficacia nello svelare i segreti oscuri di un matrimonio, ha entusiasmato sia i lettori sia gli editori di tutto il mondo, che si sono contesi i diritti di pubblicazione in aste agguerrite. Attualmente è in corso di traduzione in 30 Paesi.«Inquietudine e curiosità accompagnano il lettore dalla prima all’ultima (appagante) pagina».Panorama«Una storia che, tra colpi di scena e lampi di follia, conduce il lettore negli angoli più oscuri della psiche, tenendolo con il fiato sospeso fino alle ultime righe».Libero

La coppia della porta accanto

Se la tua vicina ti dice di non gradire la presenza della *tua* neonata alla *sua* cena – niente di personale, intendiamoci – ebbene passi, semplicemente non sopporta i bambini che piangono. Esistono i baby monitor apposta, e sarà sufficiente controllare la piccola ogni mezz’ora, in fondo è soltanto al di là della porta accanto, nella sua culla. Ma se la stessa vicina si presenta vestita da mozzare il fiato, scollatura esagerata, pelle di porcellana, e non fa altro che flirtare per l’intera serata con tuo marito, fin troppo compiacente, allora la faccenda si fa irritante. Tanto vale tornare a casa dalla bambina.
*Che non è più nella sua culla.*
*Che è scomparsa.*
L’inizio è quello di un giallo classico che, in poche pagine, eluderà però qualsiasi paragone. Quante cose il lettore crede di sapere e non sa. Quante volte sussurrerà “ho capito” e si dovrà ricredere.
Un innamoramento al momento sbagliato, una coperta scomparsa, una telecamera che non funziona, un’altra che funziona troppo bene, il depistaggio di una mente malata, quello di una mente fin troppo sana, un gioco erotico che sfugge al controllo e un detective capace di mille ipotesi stravaganti che, guarda caso, trovano altrettante sinistre conferme: un’inesorabile discesa all’inferno nei segreti di una coppia, la percezione di un matrimonio che, da un vetro distorto, mostra il suo disegno invisibile e pauroso.
Libro venduto in 24 paesi del mondo in una settimana, oggetto di accesa competizione tra gli editori italiani, *La coppia della porta accanto* viene oggi proposto dall’editore inglese Transworld (che ha pubblicato *La ragazza del treno *nel 2015) come la nuova frontiera del thriller psicologico.
**
### Sinossi
Se la tua vicina ti dice di non gradire la presenza della *tua* neonata alla *sua* cena – niente di personale, intendiamoci – ebbene passi, semplicemente non sopporta i bambini che piangono. Esistono i baby monitor apposta, e sarà sufficiente controllare la piccola ogni mezz’ora, in fondo è soltanto al di là della porta accanto, nella sua culla. Ma se la stessa vicina si presenta vestita da mozzare il fiato, scollatura esagerata, pelle di porcellana, e non fa altro che flirtare per l’intera serata con tuo marito, fin troppo compiacente, allora la faccenda si fa irritante. Tanto vale tornare a casa dalla bambina.
*Che non è più nella sua culla.*
*Che è scomparsa.*
L’inizio è quello di un giallo classico che, in poche pagine, eluderà però qualsiasi paragone. Quante cose il lettore crede di sapere e non sa. Quante volte sussurrerà “ho capito” e si dovrà ricredere.
Un innamoramento al momento sbagliato, una coperta scomparsa, una telecamera che non funziona, un’altra che funziona troppo bene, il depistaggio di una mente malata, quello di una mente fin troppo sana, un gioco erotico che sfugge al controllo e un detective capace di mille ipotesi stravaganti che, guarda caso, trovano altrettante sinistre conferme: un’inesorabile discesa all’inferno nei segreti di una coppia, la percezione di un matrimonio che, da un vetro distorto, mostra il suo disegno invisibile e pauroso.
Libro venduto in 24 paesi del mondo in una settimana, oggetto di accesa competizione tra gli editori italiani, *La coppia della porta accanto* viene oggi proposto dall’editore inglese Transworld (che ha pubblicato *La ragazza del treno *nel 2015) come la nuova frontiera del thriller psicologico.
### Dalla seconda/terza di copertina
Shari Lapena , canadese, è stata avvocato e insegnante prima di dedicarsi alla scrittura. La coppia della porta accanto è il suo primo thriller. L’autrice vive a Toronto.

Copio, dunque sono: la rivoluzione elettronica che sta cambiando la musica

La rivoluzione digitale ha rivoltato come un guanto il mercato discografico; nessun altro ambito è stato modificato cosi profondamente da Internet ed elettronica. Vinili, mangiadischi, impianti hi-fi, nastri magnetici, walkman, oggetti feticcio amati da intere generazioni sono stati progressivamente messi all’angolo dall’avvento del digitale. “Copio, dunque sono” traccia un’antropologia del consumo musicale dai primi fonografi ai giorni nostri, raccontando di come la musica sia stata sottratta alla strada per essere inscatolata nelle nostre case, e poi alla strada sia tornata, fluendo su agili supporti portatili. C’è la nascita dei CD, della digitalizzazione che ha spodestato il concetto di “copia originale”, di Internet, dei file mp3; c’è la rivoluzione elettronica che ha cambiato per sempre il nostro modo di acquistare, di consumare, di percepire, di conservare, ma anche di fare musica. E una richiesta di sopravvivenza, nelle piccole riserve indiane dei negozi di dischi, in nome del caro vecchio analogico.