36881–36896 di 62912 risultati

Il demone incarnato. La saga delle streghe Mayfair

Rowan è l’ultima delle streghe, la più potente, colei che è riuscita a evocare il più terribile dei demoni, e a dargli un corpo. Da un sanguinoso e arcaico rito del paganesimo celtico prende così vita Lasher, colui che si è incarnato, il demone bellissimo e corrotto. Ma ora Lasher vuole la bella Rowan come amante, per fecondarla così che dal suo ventre possa generarsi la nuova stirpe dei Taltos, essenze di puro Male, le cui origini affondano in tempi perduti e bui.

La democrazia. Storia di un’ideologia

Democrazia: un’idea straordinariamente duttile che ha plasmato il corso della storia europea, dalla Rivoluzione inglese a quella francese, dalla Prima guerra mondiale fino alla guerra fredda e al crollo del Muro. Ripercorrendo le ideologie che l’hanno nutrita e sostenuta, Canfora formula la sua tesi: il meccanismo elettorale è ben lungi dal rappresentare la democrazia. Oggi, nel mondo ricco, ha vinto la libertà, con tutte le sue immani conseguenze. La democrazia è rinviata ad altre epoche.

Il delitto Rosselli

È il tardo pomeriggio del 9 giugno 1937. Carlo Rosselli, una delle figure più importanti dell’antifascismo italiano e fondatore del movimento “Giustizia e Libertà” si trova a Bagnoles-de-l’Orne, una stazione termale della Normandia. Da un paio di giorni lo ha raggiunto il fratello Nello, promettente storico del Risorgimento. Mentre rientrano in albergo, dopo una visita in macchina ad Alençon, cadono vittime di un’imboscata. Costretti a fermarsi in una strada di campagna, vengono assaliti e barbaramente uccisi da alcuni sicari della Cagoule, un’organizzazione filofascista francese. Negli ambienti del fuoriuscitismo non ci sono dubbi: l’assassinio dei fratelli Rosselli è un tragico punto messo a segno dalla dittatura mussoliniana. Le formazioni politiche in esilio reagiscono con sdegno e frustrazione; unite in una sola voce, denunciano “in modo categorico e unanime che è all’organizzazione terroristica Ovra, agli ordini diretti del capo del governo italiano, che risalgono l’iniziativa e l’esecuzione dell’abominevole attentato”. I processi celebrati in Francia e poi in Italia, nonostante le prove emerse nelle fasi di istruttoria, e al di là di alcune condanne di appartenenti al gruppo dei killer, non hanno mai stabilito la verità. Chi furono i veri mandanti del delitto? Perché Carlo Rosselli diventò obiettivo prioritario del terrorismo internazionale? Quale fu l’intreccio di relazioni tra controspionaggio militare, ambienti della destra francese e ministero degli Esteri? A ottant’anni di distanza, uno dei grandi delitti politici del fascismo resta ancora una storia di giustizia italiana mancata.
(source: Bol.com)

Il delitto perfetto

Il dottor Fois torna a casa dopo una giornata di lavoro. Ad attenderlo non c’è la moglie. La signora Fois, infatti, è senza vita nella casa di campagna. Il dottore mentre assapora la libertà ritrovata ripercorre le ultime settimane che lo hanno portato a elaborare l’omicidio perfetto. Un elegante giallo dall’imprevedibile finale.
**

Un delitto in Olanda

«Guardi…» mormorò Duclos indicando il paesaggio intorno a loro, il paesino pulitissimo dove tutto era in ordine come nella credenza di una brava massaia, il porto troppo piccolo per riuscire a turbare quell’atmosfera tranquilla e le facce serene della gente con i grossi zoccoli gialli infilati ai piedi. E continuò: «Qui tutti si guadagnano da vivere… Tutti sono felici, o quasi… E, quel che è più importante, tutti controllano i propri istinti, perché questa è la regola, è un dovere se si vuole vivere in una collettività… Pijpekamp può confermarle che i furti sono rarissimi… È vero che, se uno ruba due libbre di pane, non se la cava con meno di qualche settimana di prigione… Nota qualcosa che non va?… Qui non ci sono vagabondi!… Non ci sono mendicanti… È l’ordine istituzionalizzato…». (Le inchieste di Maigret 10 di 75)
(source: Bol.com)

Il delitto di via Brera

È una calda mattina di luglio del 1952 quando la bellissima Mariangela scopre il cadavere del suo principale, titolare di uno studio pubblicitario in via Brera, riverso sulla scrivania con un vistoso squarcio alla tempia, palesemente vittima di un omicidio. Il compito di scoprire l’assassino spetta a Mario Arrigoni, commissario capo del Porta Venezia. L’indagine rivela lentamente e faticosamente luci e ombre, più ombre che luci, della vita del defunto, attraverso interrogatori che coinvolgono svariati personaggi appartenenti al mondo della vittima. Ma l’inchiesta non va avanti come il commissario vorrebbe: mancano testimoni e prove e, soprattutto, non emergono moventi credibili, tanto che si potrebbe sospettare di tutti e di nessuno… Il caso sembra arrivato a un punto morto finché, grazie alla messa a fuoco di un particolare apparentemente insignificante, Arrigoni trova la chiave di volta per arrivare alla più sorprendente delle soluzioni.

Il delitto di mezzanotte

È quasi mezzanotte, e un noto giornalista lavora alla propria opera nel silenzio del suo studio londinese. Ma viene interrotto da una donna avvolta in una pelliccia di zibellino, che appena entrata nella stanza si accascia su una poltrona… e mentre lo scrittore va a chiamare il medico della porta accanto, al dodicesimo rintocco della vecchia pendola la misteriosa signora viene assassinata. Inizia così una delle più difficili e ingarbugliate indagini degli uomini di Scotland Yard, che presto si troveranno di fronte a sviluppi del tutto inattesi… Sax Rohmer «Sax Rohmer» è lo pseudonimo dello scrittore d’origine irlandese Arthur Sarsfield. Appassionato studioso delle culture dei paesi del Medio ed Estremo Oriente – «non c’è alcun dubbio che in una delle mie esistenze precedenti io abbia vissuto sulle sponde del Nilo», ha scritto di sé – si dedicò per anni al giornalismo, prima di iniziare a scrivere le sue intricate storie poliziesche. Divenuto famoso come creatore del personaggio del Dr. Fu Manchu, l’imperturbabile e geniale criminale capace di mille nefandezze, è autore di molti romanzi pieni d’azione e caratterizzati da scenari carichi di suggestioni esotiche.

Delitto di Capodanno

Mancavano tre giorni a Capodanno quando Aldo ricevette quell’invito da suo fratello. Non lo vedeva da un anno e quale occasione migliore per potersi riappacificare con lui? Nemmeno Lara potrà essere d’ostacolo al giovane poliziotto, ancora del tutto inconsapevole che quella notte sarà quella in cui si troverà a risolvere il caso più difficile di tutta la sua vita. Le ricerche gli faranno scoprire cose di cui lui era completamente all’oscuro, e come un puzzle anche la sua vita verrà messa in ordine. In un caso dove pare che tutti mentano e nessuno sia l’assassino, Aldo dovrà fidarsi di se stesso, conservando la sua abilità di detective.

Delitto alle Olimpiadi

Giovane, bella, e famosa, l’ostacolista Marinella Paris è la stella della squadra azzurra di atletica per le Olimpiadi di Londra. Ma alla vigilia della partenza per l’Inghilterra il suo cadavere viene trovato sulla spiaggia di Ostia dove la nazionale è in ritiro per rifinire la preparazione. Nessun sospettato. Niente arma del delitto. L’inchiesta è affidata al commissario Igor Attila, ex pugile medaglia d’argento alle Olimpiadi di Seul del 1988, con un passato di frustrazioni sportive e una dolorosa delusione amorosa alle spalle, ma tutt’altro che arreso al destino. Sarà lui a guidare il pool di agenti della Sezione Crimini Sportivi in un’indagine che farà luce sui compromessi e gli inganni del mondo dorato delle stelle dello sport.
(source: Bol.com)

Delitti: Due casi per il commissario Bellantoni

Edida si veste in giallo con “Delitti” di Maria Castellett, “Delitto al free jazz” e “Delitto nel web”, dalla trama originale e con ingredienti ben dosati: una piccola città, il commissario Bellantoni, donna elegante e piacente, un entourage al maschile, amori, amorazzi e omicidi. Due casi rompicapo per la bella Antonia, impegnata tra reale e virtuale.
**

Delitti satanici

Quando all’inizio degli anni Sessanta il satanismo penetrò nella cultura popolare, sulle note dei Beatles e dei Rolling Stones, non era altro che una innocue forma di ribellione alle convenzioni sociali. Era però l’inizio di un pericoloso legame che avrebbe avuto conseguenze estreme negli anni Settanta, con la diffusione e il successo planetario del Black e del Death Metal: per alcuni le suggestioni musicali divennero la base di veri e propri culti satanici. Gli adepti, europei o americani, avevano una sorta di venerazione per i criminali autori di efferati delitti, e talvolta finivano per emularli, compiendo omicidi, stupri, mutilazioni, necrofilia. In questo saggio Moorhouse ricostruisce gli ultimi, sanguinari quarant’anni di satanismo, attraverso le gesta degli assassini, dei serial killer, degli stupratori, noti e meno noti, facendo luce sulle motivazioni e le pulsioni che li animarono, e rivelando in che misura e musica rock sia stata la colonna sonora dei loro crimini.

Il Delfino

Il viaggio d’iniziazione di un delfino, alla ricerca dell’onda perfetta, simbolo del sogno che può cambiare una vita per sempre… Nelle acque blu dell’oceano un branco di giovani delfini si prepara alla pesca quotidiana. Uno di loro si allontana per giocare con le onde della barriera corallina. È Daniel Alexander Dolphin, il grande sognatore del gruppo, deciso a scoprire lo scopo della sua vita. Mentre il mare lo incoraggia i compagni gli rinfacciano di essere un perdigiorno. Tuffo dopo tuffo il protagonista impara ad ascoltare quella voce che solo lui sente e, quando arriva il momento giusto, non esita a saltare al di là della barriera corallina, limite delle acque sicure. Preso il largo con slancio, scoprirà cose che non si vedono con gli occhi ma con il cuore. Creature sconosciute, messaggere di sublime saggezza, lo guideranno all’appuntamento con l’onda perfetta…

(source: Bol.com)

Gli dèi della Grecia

Appassionante e insuperata ricostruzione dell’universo religioso greco, questo libro avvicina sapientemente il lettore alle figure della religione olimpica – e al loro peculiare modo di manifestarsi – seguendo una duplice via: da un lato Otto esamina il culto dei dodici dèi olimpici (soffermandosi anzitutto su Atena, Apollo, Artemide, Afrodite, Ermete), dall’altro ce li presenta come esseri che, grazie alle loro divine epifanie – tanto diverse eppure così sottilmente collegate le une alle altre –, vivono una vita inesauribile, compiuta in sé. E ammirevole è la sua prosa allorché si confronta con le più enigmatiche fra le divinità, come nel famoso ritratto di Ermete, dove lo stile di Otto ci appare in tutto il suo evocativo nitore: alto e insieme capace di filtrare una impeccabile dottrina – e di parlare degli dèi in un modo che i suoi soggetti certamente non riterrebbero inappropriato. La raffigurazione della religione omerica che ne risulta – «coscienza sempre viva della prossimità del divino», «pura forma del mondo», spazio della conoscenza e della luce – ha costituito un modello per intere generazioni di studiosi di cui Otto è stato il maestro, primo fra tutti Karl Kerényi, ed è stata non meno presente a chi ha sempre guardato a lui – è il caso di Heidegger – come a un illuminato interprete del passato. “Gli dèi della Grecia” uscì per la prima volta nel 1929. La presente edizione è arricchita da un saggio inedito su Zeus, la divinità suprema che ancora mancava all’appello nel testo originale tedesco – testo che in questa versione raggiunge così definitiva completezza.
(source: Bol.com)

Declino e caduta dell’impero romano. Ediz. integrale

Lo sguardo posteriore, ma profondo di uno storico che sa fare i conti con l’intera epopea della romanità. Fatti, economia, diritto e cultura, questo monumentale lavoro di ricostruzione e racconto si confronta con la civiltà della grande Roma, per scoprire punti di vista nuovi, pragmatici e fecondi. “Declino e caduta dell’Impero romano” ci offre un metodo storico ricco di insegnamenti e un nuovo senso critico per l’osservazione della nostra stessa realtà. Questo lavoro rappresenta la summa degli studi di Gibbon e un autentico autoritratto della mentalità settecentesca che lo rendono un’opera imprescindibile ancora oggi.