36497–36512 di 72802 risultati

La figlia dello zar (eLit)

INTRIGHI DI CORTE – Vol. 2. Figlia illegittima dello zar di Russia, Leonida ha ricevuto un’educazione impeccabile che le consente di frequentare i migliori salotti dell’aristocrazia europea senza destare sospetti. Per amore della madre accetta dunque di infiltrarsi nella dimora di Stefan Summerville, Duca di Huntley, allo scopo di recuperare delle lettere che potrebbero, cadendo nelle mani sbagliate, mettere in pericolo lo stesso Alessandro I Romanov. La missione non è facile e, a complicare le cose, c’è la potente attrazione che scatta tra lei e l’affascinante padrone di casa. Divisa tra la lealtà al suo paese e i sentimenti che prova per il duca, Leonida temporeggia, finché un imprevisto non la costringe a rompere gli indugi e a fuggire con le lettere. Stefan però non è disposto a rinunciare a lei, e per difenderla dagli oscuri pericoli che la minacciano è disposto a seguirla fino in capo al mondo.
I volumi della serie:
1)Alla corte dello zar
2)La figlia dello zar
3)Le notti di San Pietroburgo
**
### Sinossi
INTRIGHI DI CORTE – Vol. 2. Figlia illegittima dello zar di Russia, Leonida ha ricevuto un’educazione impeccabile che le consente di frequentare i migliori salotti dell’aristocrazia europea senza destare sospetti. Per amore della madre accetta dunque di infiltrarsi nella dimora di Stefan Summerville, Duca di Huntley, allo scopo di recuperare delle lettere che potrebbero, cadendo nelle mani sbagliate, mettere in pericolo lo stesso Alessandro I Romanov. La missione non è facile e, a complicare le cose, c’è la potente attrazione che scatta tra lei e l’affascinante padrone di casa. Divisa tra la lealtà al suo paese e i sentimenti che prova per il duca, Leonida temporeggia, finché un imprevisto non la costringe a rompere gli indugi e a fuggire con le lettere. Stefan però non è disposto a rinunciare a lei, e per difenderla dagli oscuri pericoli che la minacciano è disposto a seguirla fino in capo al mondo.
I volumi della serie:
1)Alla corte dello zar
2)La figlia dello zar
3)Le notti di San Pietroburgo
### L’autore
2

La figlia della tigre

Sheila è cresciuta in un’atmosfera di violenza indescrivibile. Abbandonata dalla madre sull’autostrada a soli quattro anni, non ha mai avuto qualcuno che si occupasse di lei, e la mancanza di amore e di speranza l’ha resa selvaggia, intrattabile e ostile. A sei anni entra a far parte della classe di “bambini difficili” di Torey Hayden, che rimane colpita dal coraggio della piccola Sheila tanto da decidere di raccontarne la vicenda nel libro “Una bambina”. Ma che cosa è successo dopo? “La figlia della tigre” è la risposta a questa domanda: il racconto della lotta che Sheila ha condotto per anni, da sola, per riscattarsi dagli abusi, dall’abbandono e dalla violenza del mondo in cui era costretta a vivere.

La figlia della neve

Non esiste al mondo luogo più affascinante dell’Artico: ultima frontiera selvaggia e regno estremo della natura e della bellezza. Né esiste al mondo luogo più duro: qui la luce ferisce gli occhi, il gelo spacca la pelle, l’isolamento e la solitudine svuotano l’anima e possono condurre alla pazzia. Gli inuit lo sanno da sempre, e da sempre si conquistano ogni giorno, con caparbietà e con fatica, il diritto a godere del loro impossibile paradiso tra i ghiacci. Ai bianchi che vengono da sud – i qalunaat – guardano con diffidenza, anche se spesso sono le uniche fonti di guadagno. Edie Kiglatuk, cacciatrice e maestra nell’unica scuola elementare, arrotonda il misero stipendio accompagnando i ricchi turisti che vogliono provare il brivido dell’avventura estrema, e con lei c’è Joe, il figliastro. E sono proprio i due a fare da guida a un gruppo di americani che vogliono ritrovare i resti di Sir James Fairfax. Ma dalla spedizione il giovane Joe torna sconvolto, e poco dopo si toglie la vita. A questo gesto disperato e inspiegabile va ad aggiungersi un’altra morte, forse troppo frettolosamente archiviata come incidente: quella di un turista giunto nella zona per una battuta di caccia e ucciso, così sostiene la polizia, da un colpo partito per sbaglio dalla sua stessa arma. In entrambi i casi Edie non crede alla versione ufficiale e comincia a indagare, fra i nativi e fra i qalunaat che orbitano attorno al villaggio e alla stazione scientifica dell’isola di Devon, dove sono in corso ricerche aerospaziali top secret. E se gli stranieri sembrano disposti a tutto pur di mettere le mani su un prezioso meteorite menzionato nel diario di Fairfax, nemmeno gli inuit sono immuni dall’avidità, né dai traffici illeciti di cui Edie, con il fiuto e la pazienza silenziosa della cacciatrice, lentamente scopre le tracce… Finalista del prestigioso premio Golden Dagger, in corso di pubblicazione in 12 Paesi, La figlia della neve è un thriller dalla forza e dalle atmosfere straordinarie, in cui al bianco abbacinante e al turchese irreale dei ghiacci artici si mescola il rosso brillante del sangue.
**
### Sinossi
Non esiste al mondo luogo più affascinante dell’Artico: ultima frontiera selvaggia e regno estremo della natura e della bellezza. Né esiste al mondo luogo più duro: qui la luce ferisce gli occhi, il gelo spacca la pelle, l’isolamento e la solitudine svuotano l’anima e possono condurre alla pazzia. Gli inuit lo sanno da sempre, e da sempre si conquistano ogni giorno, con caparbietà e con fatica, il diritto a godere del loro impossibile paradiso tra i ghiacci. Ai bianchi che vengono da sud – i qalunaat – guardano con diffidenza, anche se spesso sono le uniche fonti di guadagno. Edie Kiglatuk, cacciatrice e maestra nell’unica scuola elementare, arrotonda il misero stipendio accompagnando i ricchi turisti che vogliono provare il brivido dell’avventura estrema, e con lei c’è Joe, il figliastro. E sono proprio i due a fare da guida a un gruppo di americani che vogliono ritrovare i resti di Sir James Fairfax. Ma dalla spedizione il giovane Joe torna sconvolto, e poco dopo si toglie la vita. A questo gesto disperato e inspiegabile va ad aggiungersi un’altra morte, forse troppo frettolosamente archiviata come incidente: quella di un turista giunto nella zona per una battuta di caccia e ucciso, così sostiene la polizia, da un colpo partito per sbaglio dalla sua stessa arma. In entrambi i casi Edie non crede alla versione ufficiale e comincia a indagare, fra i nativi e fra i qalunaat che orbitano attorno al villaggio e alla stazione scientifica dell’isola di Devon, dove sono in corso ricerche aerospaziali top secret. E se gli stranieri sembrano disposti a tutto pur di mettere le mani su un prezioso meteorite menzionato nel diario di Fairfax, nemmeno gli inuit sono immuni dall’avidità, né dai traffici illeciti di cui Edie, con il fiuto e la pazienza silenziosa della cacciatrice, lentamente scopre le tracce… Finalista del prestigioso premio Golden Dagger, in corso di pubblicazione in 12 Paesi, La figlia della neve è un thriller dalla forza e dalle atmosfere straordinarie, in cui al bianco abbacinante e al turchese irreale dei ghiacci artici si mescola il rosso brillante del sangue.

La figlia della ladra di sogni

Nei secoli passati, i conti di Bek, in Germania, si sono alleati con Dio e con Satana, collezionando oggetti di grande potere. Ma la follia del nazismo sta prendendo piede, e la leggenda della famiglia richiama le attenzioni di Rudolf Hess. Fedele ai piani di Hitler, il maresciallo è alla ricerca di artefatti dall’aura mitica e dall’immenso potere: il Santo Graal, l’Arca Perduta, le spade di Sigfrido, Re Artù, Carlo Magno. Ora il conte Ulric dovrà scontrarsi con il capitano von Minct per il possesso della Spada Nera che da sempre appartiene alla sua stirpe: Brandocorvo. Conoscerà le Terre oltre la Luce, scoprirà che Caos e Legge si combattono e si sopravanzano in tutti i livelli del multiverso, che la sua spada sanguinaria ha poteri grandissimi. E incontrerà il doppio delle sue visioni, suo antenato e alter-ego: Elric, imperatore di Melniboné.
Il ritorno alla fantasy di un autore leggendario e di un eroe memorabile: dopo oltre dieci anni Michael Moorcock ha scritto il nuovo capitolo del Campione Eterno, uno dei personaggi più noti e apprezzati della letteratura fantasy. L’universo di Ulric von Bek, il nazismo in ascesa, il potere della magia senza tempo e dell’umana malvagità si incontrano con il mondo di Elric di Menilboné

La figlia della foresta

Lord Colum di Sevenwaters ha generato sette figli: Liam, il leader naturale, l’avventuroso Diarmid, i gemelli Cormack e Conor, il ribelle Finbar e il compassionevole Padriac. Sarà tuttavia Sorha, l’unica figlia, la settima della nidiata, a difendere la propria famiglia e a proteggere la propria terra dai bretoni, nel momento in cui il padre e i fratelli rimangono vittime dell’incantesimo della perfida Lady Oonagh. Esiliata da Sevenwaters e rifugiatasi nella foresta, la giovane cade nelle mani dei suoi nemici e conosce l’amore…
**

La figlia del tempo

”La figlia del tempo (1951), l’ultimo libro di Josephine Tey, è probabilmente il romanzo più famoso della serie di Alan Grant. Definito da un noto critico ”non soltanto una delle più grandi detective story dell’anno, ma di tutta la storia del romanzo giallo”, è uno dei primi esempi di ”armchair mystery”, il ”giallo in poltrona”: l’investigatore, impossibilitato a muoversi, deve indagare rimanendo chiuso nella propria stanza, e dunque basandosi sulle prove che gli forniscono i colleghi. Alan Grant è confinato in un letto d’ospedale con una gamba rotta, quando una stampa di Riccardo III regalatagli da un’amica cattura la sua attenzione. Il re è passato alla storia per aver fatto rinchiudere nella Torre di Londra, e successivamente assassinare, i due giovani nipoti. Ma il nostro investigatore, osservando il volto e l’espressione di Riccardo III, non riesce a convincersi che si tratti di uno spietato assassino. Esaminando documenti e resoconti storici reperiti da un ricercatore americano, Alan Grant arriva alla conclusione che il crimine imputato a Riccardo III non è che una montatura orchestrata dai Tudor. Le indagini lo porteranno ad altre interessanti conclusioni sui grandi miti della Storia e su come gli uomini di potere riescano a imporre la propria versione dei fatti. La figlia del tempo è un giallo unico nel suo genere, e occuperà sempre un posto speciale tra le detective story.” P.D. James

(source: Bol.com)

La figlia del silenzio

Nel cupo e soffocante clima della Seconda guerra mondiale, l'omicidio che compie la giovane Anna Albertini riporta alla luce i drammatici awenimenti che hanno segnato d'odio e rancore la sua fanciullezza e che sono stati occultati, per anni, dietro il pesante velo di omertà creato dalla sua famiglia e dall'intera comunità. Ma, come sempre in Morris West, maestro del grande romanzo che spesso si colora di giallo, questo è solo uno dei livelli e dei percorsi della trama, perché intorno ad Anna ruotano numerosi personaggi, tesi a riscattare il proprio passato per affermare la loro reale identità.
Carlo Bini, avvocato non troppo stimato che assume la difesa di Anna per vendicarsi delle innumerevoli umiliazioni subite; sua moglie Valeria, creatura affascinante e sfuggente, e il padre di lei, il potente e ammirato principe del foro Ascolini: uno strano triangolo in cui violente correnti d'amore si fondono con l'egoismo spietato, la bramosia del potere, il desiderio frenetico di passione. Inaspettatamente, allora, il crimine e la violenza diventano figli di amori deviati, incompresi: quello impossibile di Carlo per la moglie, quello possessivo di Ascolini per la figlia e quello irrequieto di Valeria, perennemente alla ricerca di un uomo che sappia dominarla. Tra l'amore e la morte, la legge e la violenza, la morale e il peccato, West magistralmente intreccia e scioglie il racconto, ambientandolo nella sua amata Italia: dopo Roma e il Vaticano, una quieta provincia senese, inedita anche per noi.

La figlia del papa

Un grande thriller di Luís Miguel Rocha Un grande successo internazionale Niklas, un giovane prete, viene rapito, e un misterioso sicario semina il panico tra le alte sfere vaticane, minacciando di rivelare uno dei segreti più sconvolgenti di sempre: papa Pio XII aveva una figlia. Rafael – agente del servizio segreto pontificio, leale alla Chiesa e alla sua fede – viene incaricato di scoprire chi si nasconde dietro ai crimini che stanno insanguinando le strade di Roma e di fare il possibile per proteggere tutti coloro che in Vaticano si sono sporcati le mani pur di insabbiare la verità. Saprà fare luce su questo malefico intreccio di morte? Chi è la misteriosa figlia del papa, e quale ruolo ricopre nella Santa Sede? Riuscirà la Chiesa di Roma a sopravvivere a questo ennesimo scandalo o soccomberà una volta per tutte? Dall’autore bestseller del New York Times Un segreto inviolabile Una verità in grado di cambiare il mondo Tanti cadaveri e un unico, grande mistero «Un libro incredibile.» Newsweek «Avvincente… incredibilmente appassionante». USA Today «Un libro che ha tutto il fascino di un thriller e il ritmo vertiginoso dei film». la Repubblica «Giovanni Paolo I: torna il sospetto del complotto». Corriere della SeraLuís Miguel RochaNato a Porto nel 1976, è cresciuto a Viana do Castelo. Lavora per la televisione portoghese e inglese come sceneggiatore. È autore del bestseller del «New York Times» La morte del Papa (30.000 copie vendute solo in Italia), nonché dei romanzi Pallottola Santa e La Santa Verità. I suoi thriller sono stati tradotti in 27 Paesi, dalla Spagna al Brasile, dagli USA all’Indonesia, dal Canada al Giappone.

La figlia del nemico

Fiero e orgoglioso, Alexander Fraser combatte accanitamente per riavere le terre e il titolo che gli inglesi hanno sottratto alla sua famiglia e, soprattutto, per una nobile causa: il sogno di libertà della Scozia.
Sembra però che nel 1313 il giogo inglese stia per cedere e re Edoardo concederà finalmente l’agognata indipendenza.
Ma nel corso della lunga e sanguinosa guerra, il fratello minore di Alex viene fatto prigioniero dal conte di Warfield, uno dei più crudeli e spietati nobili inglesi.
Pronto a tutto per riavere con se il fratello, Alex decide di rendere al nemico pan per focaccia, e cattura in ostaggio la
Ecco che però iniziano i guai: sembra infatti che il conte non abbia nessuna considerazione per la figlia, ma la stessa Catherine si rivela ben presto diversa da come Alex se l’aspettava.
Coraggiosa e forte, con una passionalità ardente, Alex rischierà reputazione e insurrezione dei suoi uomini per il suo amore e forse, anche la condanna dello stesso fratello…

La figlia del mattino

“La figlia del mattino” racconta le vicissitudini di Hatshepsut, figlia del Faraone, che governò con grande successo l’Egitto per oltre due decenni sfidando i pregiudizi e le ostilità del suo tempo. A partire dalla descrizione dell’infanzia di Hatshepsut, la sua ascesa al potere, il suo amore impossibile con l’architetto di corte e, infine, il suo assassinio, Pauline Gedge ha scritto un romanzo epico, accuratamente basato su fatti storici, ricco di aneddoti sulla vita a Tebe, sul solare mondo egiziano e su una donna che ha restituito al suo regno lo splendore di un tempo; eppure il suo nome non compare su alcun papiro, e la ricostruzione storica delle sue gesta è piena di lacune o censure. I pregiudizi contro una donna sul trono furono così violenti, così totali, che coloro che vennero dopo di lei cercarono in tutti modi di cancellarne ogni traccia, senza però riuscirvi: “Così era allora, e così sarà sempre: sono stata Re d’Egitto, io, Hatshepsut I, figlia di Amon. e figlia del mattino”.
**

La figlia del generale

Il sottufficiale Paul Brenner, investigatore dell’esercito, viene incaricato di indagare sull’omicidio del capitano Elisabeth Campbell, figlia di un generale in procinto di congedarsi dall’esercito per candidarsi alla vicepresidenza degli Stati Uniti. Lo scandalo è potenzialmente enorme e Brenner promette a Campbell che il caso sarà risolto lontano dai riflettori dei media. Ma presto il sottufficiale scoprirà che è molto difficile mantenere la promessa… Dal libro è stato tratto un film con John Travolta.
**

Figlia del fuoco

URANIA è lieta di offrire ai suoi affezionati lettori quest’ultima fatica del grande Jack Williamson, un romanzo di grande fascino che era già stato pubblicato oltre un anno fa nella collana ” Altri Mondi ” . La splendida protagonista di questa avventura è una figlia della sperimentazione biogenetica, condotta in modo ultrasegreto da laboratori privati che stanno spingendo a fondo sul pedale della creazione della vita in provetta. Ai molti personaggi che le si affollano attorno, la Figlia del Fuoco, che è sorta come un’araba fenice dalle ceneri del laboratorio distrutto da un’esplosione, appare con una grande valenza di significati. Ognuno vede in lei ciò che più gli aggrada, nel bene come nel male. Ma lei, questa Venere di nuovo tipo chiamata alla vita da uomini privi di scrupoli e di ogni senso morale, ha una propria dignità, una missione da compiere. E malgrado gli ostacoli che le verranno frapposti, riuscirà nel suo intento, anche se non proprio tutti potranno dirsene soddisfatti.
Copertina di Vicente Segrelles

La figlia del capitano

La figlia del capitano è un romanzo scritto da Aleksandr Puskin nel 1836, narra l’avventurosa vicenda d’amore e battaglie del soldato Griniòv e di Maria Ivànovna, semplice e generosa figlia dell’eroico comandante della fortezza di Bielogòrsk. L’intreccio è denso di colpi di scena , di tragiche o comiche avventure, di personaggi e tipi d’ogni genere, che difficilmente un altro narratore del tempo avrebbe resistito alla tentazione di esasperarlo in un romanzo di “cappa e spada” o in un interminabile romanzo a puntate. La grandezza di Puskin sta invece nell’aver trattato con sobrietà l’argomento, condensandolo in una scarna ma efficacissima scrittura, venata del più sottile umorismo.
(source: Bol.com)