3633–3648 di 62912 risultati

La Rifondazione Di Dune

Dopo la distruzione di Dune, l’equilibrio del vecchio Impero è sconvolto dalla violenza delle Matres Onorate, che hanno ormai conquistato decine di pianeti della Sorellanza, distruggendo l’unico luogo dove esisteva il melange allo stato naturale e sterminando i Tleilaxu che lo creavano artificialmente. Soltanto la Sorellanza Bene Gesserit è ancora in grado di opporsi alla distruzione. Alla Casa Capitolare si ricrea tramite la desertificazione il ciclo dei vermi della sabbia e del melange e prosegue l’addestramento del ghola bambino Teg, il vecchio Bashar, nell’ipotesi sempre più certa di un attacco. Il piano della Madre Superiora è semplice: attirare in trappola la Regina Ragno su Junction e distruggere le Matres Onorate. Il Bashar, ripristinato, organizza la forza d’attacco mentre l’ex Matre Onorata Murbella si sottopone all’Agonia diventando il primo ibrido che unisce i poteri di entrambe le Sorellanze. Il volume conclusivo del capolavoro epico di Frank Herbert: inizia lo scontro tra i due ordini, l’universo sta per cambiare una volta per sempre.

La regina delle Highland

Caswallon era un ladro, un brigante, un uomo violento, poco amante della compagnia del prossimo, secondo qualcuno addirittura un misantropo.
Una cosa di certo Caswallon non era preparato a essere: un eroe. Lui soltanto, però, era consapevole della minaccia che gravava sulla gente delle Highland; lui soltanto sapeva
che un orrore indicibile incombeva sul popolo di High Druin.
Neppure Taliesen, l’ultimo Guardiano della Soglia, era in grado di dire quale scopo avesse condotto fino al loro mondo Sigarni, la intrigante e ambigua Signora del Falco. Forse la spiegazione stava solo nel caso. Forse Sigarni era caduta in una falla spazio-temporale ed era approdata nell’universo del clan per pura, fortuita coincidenza. Forse…
Ma intanto gli Aenir, un popolo di barbari crudeli e violenti, avevano portato la guerra, il sangue, il saccheggio, sino ai primi contrafforti delle montagne che facevano da bastione al popolo delle Highland. Presto su quel bastione avrebbe dovuto ergersi un muro di difensori.
E che ruolo avrebbe giocato allora la Signora venuta da un altro mondo?

Il prodigioso Maurice e i suoi geniali roditori

In città si moltiplicano gli avvistamenti di topi: topi che sguazzano nei lavandini, si tuffano nei budini alla crema, squittiscono spudoratamente. Ed è subito panico. Per fortuna compare Keith, un giovane pifferaio dall’aria distratta, e tutti sono disposti a offrirgli una lauta ricompensa perché se li porti via. In realtà è tutto orchestrato da un astuto gattaccio di strada, Maurice, che si sposta di città in città con il ragazzino e la sua ciurma di topi: la loro alleanza è un sistema infallibile per far soldi. Ma quando arrivano nella sinistra Blintz Terme la musica cambia… e si fa minacciosa. Qualcosa di molto malvagio è in agguato nelle cantine. Non è più un gioco. Là sotto c’è un mondo dove topo mangia topo. E potrebbe essere solo l’inizio. **

Private:

Jack Morgan is a war hero. Returning home from Afghanistan after being wounded, Jack is called into California State Prison to visit his father, Tom, who is serving a life sentence for extortion and murder. Before being incarcerated, Tom ran a private investigation firm called ‘Private’. Tom wants Jack to re-start the company, to make it great again, and gives him access to a $15 million dollar account in the Cayman Islands to do it with.
Five years later and Jack has set up offices spanning the globe. Private’s services are much sort after and Jack has clients ranging from movie stars to politicians. Jack is keen to keep the business legal and not fall into the same traps as his father. But when the mob come calling, they are not easy to refuse.
On a rare night off accompanying a client to the Golden Globe awards, Jack receives a phone call from school friend Abbie Cushman. Abbie’s wife has been murdered and he desperately needs Jack’s help. The murder is brutal and with no apparent motive; fingers begin pointing towards Abbie. Jack is certain that Abbie didn’t kill his wife, but he will have to work night and day to prove it.
Meanwhile, Jack’s second-in-command at Private, Justine Smith, is helping the L.A.P.D. in a serial killer investigation. Over the past two years, twelve school girls from the same area in L.A. have been murdered. The killings are highly professional and so far the Police have no leads whatsoever. Justine has been called in to make use of her experience and Private’s resources. A breakthrough is desperately needed, because these killings show no signs of stopping. **

Prima della fine. Racconto di un secolo

Il celebre Parque Lezama, l’infanzia e gli anni della gioventù, i ricordi felici e quelli dolorosi, Matilde e la morte di Jorge, la sofferta decisione di abbandonare la scienza, gli interrogativi sull’esistenza di Dio, i rischi e i potenziali disastri della clonazione, i prodotti radioattivi, il consumo come mito sostitutivo del paradiso, la robotizzazione dell’uomo: questi non sono che alcuni dei temi che sfilano in queste pagine, rese vive e commoventi dalla sincerità di un autore che si scopre, mettendo in gioco la propria vita, la propria memoria, i propri sentimenti e le proprie riflessioni.

il posto del buio

Da quale incubo emerge Frank Pollard quando si risveglia in un anonimo motel della California in stato di totale amnesia? Perché ha le mani macchiate di sangue? E da dove provengono quei soldi e quegli strani oggetti nelle sue tasche? La realtà si rivela però ben più allucinante del sogno quando egli capisce di aver perduto il controllo di se stesso e aver compiuto chissà quali azioni durante il sonno. Confuso e terrorizzato, si rivolge ad una coppia di detective privati, Julie e Bobby Dakota, chiedendo loro di aiutarlo a far luce sulla sua incredibile esperienza. Incuriositi e al contempo impietositi da quell’insolita richiesta da parte di una persona disperata, i due investigatori accettano un’indagine che, se dapprincipio sembra solo un banale pedinamento, ben presto si trasforma in un’avventura terrificante.

Più forte di prima

Madre di due figlie affezionate, sposata ad Andrew, un marito ricco e devoto, Sydney conduce una vita perfetta. O almeno così crede. Fino a quando, all’improvviso, Andrew muore in un incidente stradale e Sydney scopre di essere stata esclusa dal suo testamento. Come se non bastasse, le figlie di Andrew, avute dal suo primo matrimonio, le comunicano che entro un mese deve lasciare la casa. Senza più al suo fianco l’uomo che aveva amato come nessun altro e per il quale aveva rinunciato alla sua carriera di stilista, sul lastrico, senza casa e lavoro, per Sydney la tentazione di lasciarsi andare alla disperazione è forte. Così, quando Paul Zeller, un uomo affascinante che lavora nel campo della moda, le offre un lavoro come designer, lei accetta. Ben presto, però, lo sfavillante mondo della moda rivela a Sydney il suo volto più oscuro. Sola e ingenua, circondata da personaggi disonesti, la donna viene coinvolta, a sua insaputa, in commerci illeciti che le procurano grossi guai con la giustizia. Ora Sydney ha davvero toccato il fondo, e se vuole riprendere di nuovo in mano le redini della sua vita deve fare appello a tutte le sue risorse con coraggio e dignità. Non sarà facile, ma i suoi sforzi saranno ripagati e finalmente ritroverà il posto che si merita nel mondo. **
### Sinossi
Madre di due figlie affezionate, sposata ad Andrew, un marito ricco e devoto, Sydney conduce una vita perfetta. O almeno così crede. Fino a quando, all’improvviso, Andrew muore in un incidente stradale e Sydney scopre di essere stata esclusa dal suo testamento. Come se non bastasse, le figlie di Andrew, avute dal suo primo matrimonio, le comunicano che entro un mese deve lasciare la casa. Senza più al suo fianco l’uomo che aveva amato come nessun altro e per il quale aveva rinunciato alla sua carriera di stilista, sul lastrico, senza casa e lavoro, per Sydney la tentazione di lasciarsi andare alla disperazione è forte. Così, quando Paul Zeller, un uomo affascinante che lavora nel campo della moda, le offre un lavoro come designer, lei accetta. Ben presto, però, lo sfavillante mondo della moda rivela a Sydney il suo volto più oscuro. Sola e ingenua, circondata da personaggi disonesti, la donna viene coinvolta, a sua insaputa, in commerci illeciti che le procurano grossi guai con la giustizia. Ora Sydney ha davvero toccato il fondo, e se vuole riprendere di nuovo in mano le redini della sua vita deve fare appello a tutte le sue risorse con coraggio e dignità. Non sarà facile, ma i suoi sforzi saranno ripagati e finalmente ritroverà il posto che si merita nel mondo.

Piccola guerra perfetta

Forse per la prima volta in un romanzo la guerra ci appare vicinissima alla nostra normalità: di persone che vivono nell’Occidente moderno, dove si può telefonare a una amica a New York, a un parente in Svizzera. E dove, se manca la luce, non è detto che sia perché stanno per venirci a prendere, uno per uno, casa per casa. La “piccola guerra perfetta” del titolo è quella dichiarata dalla Nato il 24 marzo 1999 in seguito alla feroce politica di “pulizia etnica” di Milosevic. Si concluse il 12 giugno. Una guerra aerea, dai cieli del Kosovo. Doveva essere piccola e perfetta perché nessun soldato americano sarebbe tornato a casa in una bara, fu promesso. Ma vista da terra fu purtroppo tutt’altra cosa. Che cosa, lo racconta Elvira Dones in questo libro scritto oggi e basato su anni di ricerche sulle violenze subite dalle donne del Kosovo in ottanta giorni di orrore, a opera dei miliziani serbi. Dones riesce a rendere terribile, commovente e umana l’epica della sopravvivenza di tre donne assediate in una casa di Pristina: Rea, Nita e Hana. E insieme al loro assedio, alla loro disperata e vitale giovinezza, seguiamo increduli l’odissea verso la libertà di due indimenticabili ragazzini, della tredicenne bellissima Blerime, che da grande vuole studiare Poe come zia Nita, e del quattordicenne asso del calcio Fatmir. Elvira Dones ha scritto i suoi primi sette libri in albanese e gli ultimi due in italiano, sua lingua d’adozione. Prefazione di Roberto Saviano. **

Il pianeta umano

«Questo libro, scritto in modo splendido, è davvero uno dei libri piú importanti che abbia mai letto».Ellie Mae O’Hagan, «The Guardian» Meteoriti, metano, megavulcani e oggi gli esseri umani; alle vecchie forze naturali che trasformarono la Terra molti milioni di anni fa se ne è aggiunta un’altra: noi. Le nostre azioni hanno portato la Terra in una nuova epoca geologica, l’Antropocene. Per la prima volta nei quattro miliardi e mezzo di storia del nostro pianeta, una specie ne sta determinando il futuro. Per alcuni, l’Antropocene simboleggia un futuro di controllo superlativo dell’ambiente. Per altri, è la massima hybris, l’illusione di dominare la natura. Comunque la pensiate, appena sotto la superficie di questo termine scientifico un po’ strano, Antropocene, troverete un entusiasmante miscuglio di scienza, filosofia, religione e politica collegato alle nostre paure piú grandi e alle nostre visioni utopistiche. Ricostruendo i nostri impatti sull’ambiente nel corso del tempo per capire quando gli esseri umani iniziarono a dominare la Terra, gli scienziati Simon Lewis e Mark Maslin ci mostrano in modo magistrale che cosa significa la nuova epoca per tutti noi.

Un Piacevole Imprevisto

Il facoltoso e aitante imprenditore Curt McIntosh ormai ha deciso: minaccerà l’avvenente vicina di casa Melanie Grey di toglierle il diritto di passaggio sulla sua proprietà, che per lei rappresenta una garanzia di sopravvivenza economica, in cambio di un fidanzamento ufficiale. Così metterà a tacere le ire di sua sorella, che la considera una rovinafamiglie a caccia di soldi e del proprio marito. All’inizio l’idea sembra funzionare, anche perché l’ignara Melanie è bella, brillante e perfettamente in grado di reggere gli eventi mondani cui lui deve presenziare. Solo che nel copione non era prevista… una meravigliosa notte di passione. Adesso salta tutto?

Phantoms!

Snowfield è una sonnolenta cittadina di montagna della California. In una giornata fin troppo tranquilla, la dottoressa Jennifer Paige sta tornando a casa con la sorellina Lisa. Il silenzio innaturale calato sull’intero paese la colpisce, ma è soltanto il preludio a una serie di agghiaccianti scoperte che hanno inizio appena spalanca la porta di casa. Una catena di morti grottesche, inspiegabili, che in un primo momento fanno pensare a un maniaco, poi a una terribile epidemia, e infine portano a una verità inimmaginabile… **

Parigi Brucia?

Bruciare la città-mondo, la capitale del ventesimo secolo. La città della Senna, dei boulevard e di Notre-Dame, del Louvre e della torre Eiffel. Bruciare Parigi.«Bruciate Parigi!» ordina Hitler nella fase conclusiva della Seconda guerra mondiale.Ma l’ordine non venne eseguito e Parigi fu salva. Chi la salvò dalla distruzione? De Gaulle? O il generale von Choltitz? Il comunista Rol o il console svedese Nordling?Come si arrivò al 25 agosto 1944, giorno in cui la città venne liberata dagli Alleati?Attraverso carte segrete ritrovate negli archivi tedeschi, documenti dell’epoca, ordinanze, verbalie ricordi dei testimoni, Dominique Lapierre e Larry Collins scrivono un drammatico romanzocronaca – da cui verrà tratto l’omonimo film di René Clement – mettendo in scena eroi e traditori, giovani e vecchi, spie e ostaggi. Sono i protagonisti dell’epopea della città, dall’incubo della distruzione totale alle battaglie per le strade, fino alla liberazione.

Parallelo Russia

La Russia del dopo Eltsin è nel caos. Il ministro degli Interni, che sogna di ricostruire l’impero sovietico, si allea con i nazionalisti di destra e con uno spietato boss del crimine.
Dopo un attentato di matrice russa compiuto a Manhattan, l’uccisione di una spia inglese e una bomba contro la sede di un giornale polacco, il presidente USA mette in azione Op-Center, l’organizzazione top-secret.
Ma anche la Russia ha il suo Op-Center: e mentre da Mosca a Washington a San Pietroburgo le due unità gemelle si scontrano in un singolare duello, il mondo rischia di esplodere…

Organi senza corpi. Deleuze e le sue implicazioni

The latest book by the Slovenian critic Slavoj Zizek takes the work of French philosopher Gilles Deleuze as the beginning of a dazzling inquiry into the realms of radical politics, philosophy, film (Hitchcock, *Fight Club* ), and psychoanalysis. Of *Organs without* *Bodies* Joan Copjec ( *Imagine There’s No Woman* ) has written: “With all his ususal humor and invention, Zizek — the acknowledged master of the 180 degree turn — here takes a trip into “enemy” territory to deliver Deleuze of a marvelously rebellious child, one that seriously challenges Deleuze’s other progeny with a surprising but convincing bid for succession. Those who thought Deleuze’s forward march into the future would follow a straight path are forced to rethink their stance. From now on all readings of Deleuze will have to take a detour through this important — even necessary — book.” Eric Santner ( *On the Psychopathology of Everyday Life* ) describes *Organs without Bodies* as offering “an entirely new degree of conceptual clarity and political urgency. Through his deep engagement with the logic of Deleuze’s project, Zizek opens up new possibilities of thought beyond the terms of the current political debates on globalization, democratization, war on terror. Once again, Zizek has produced an utterly timely and radically untimely meditation.” Recently profiled in *The New Yorker* , and hailed by the *Village Voice* as “the giant of Ljubljana,” Zizek is one of the most provocative and entertaining thinkers at work today.