36369–36384 di 65579 risultati

Storia della bellezza

La presentazione e le recensioni di Storia della bellezza, opera di Umberto Eco edita da Bompiani. Benché illustrata dalle immagini di centinaia di capolavori di tutti i tempi, questa non è una storia dell’arte. Le immagini, così come una vasta antologia di testi da Pitagora ai giorni nostri, servono a ricostruire le varie idee di Bellezza che si sono manifestate e sono state discusse dalla Grecia antica a noi. Il libro illustra il modo in cui si è variamente concepita la Bellezza della natura, dei fiori, degli animali, dei corpi umani, degli astri, dei rapporti matematici, della luce, delle pietre preziose, degli abiti, di Dio e del Diavolo. Anche se ci sono rimasti solo i testi dei filosofi, degli scrittori, degli scienziati, dei mistici o dei teologi, e le testimonianze degli artisti, attraverso questi documenti si possono ricostruire anche i modi in cui gli umili, i reietti, l’uomo della strada di tutti i tempi, sentivano la Bellezza. E si vede come non solo attraverso epoche diverse ma talora anche all’interno di una stessa cultura diversi concetti di Bellezza siano entrati in mutuo conflitto. Starà ai lettori, nel ripercorrere le pagine di questo libro, decidere se attraverso queste varie sue apparizioni, l’idea di Bellezza abbia mantenuto alcune caratteristiche costanti. In ogni caso, essi vivranno un’appassionante avventura intellettuale ed emotiva.

Storia dell’occhio

Benché l’Histoire de l’oeil comporti alcuni personaggi che hanno un nome, e il racconto dei loro giochi erotici, Bataille non ha inteso scrivere la storia di Simone, di Marcelle o del narratore. L’Histoire de l’oel è veramente la storia di un oggetto. Come può un oggetto avere una storia? Esso può passare di mano in mano, e può passare anche di immagine in immagine; la sua storia allora è la storia di una migrazione, il ciclo delle reincarnazioni (in senso proprio) che esso percorre nel distaccarsi dall’essere originale, seguendo l’inclinazione di una certa immaginazione che lo deforma senza tuttavia abbandonarlo: è il caso del libro di Bataille. L’Histoire de l’oeil non è un’opera profonda: tutto in essa è dato in superficie e senza gerarchia, la metafora è dispiegata nella sua interezza; circolare ed esplicita, non rimanda a nessun segreto: ci imbattiamo qui in una significazione senza significato (o in cui tutto è significato); e non ultima tra le bellezze e le novità di questo testo è di costituire una letteratura a ciclo aperto, situata al di là di ogni decifrazione e tale da poter essere accompagnata – molto a distanza -solo da una critica formale. (Roland Barthes) **

Storia dell’impero bizantino

La ricostruzione di Ostrogorsky prende avvio con il trasferimento del centro politico dell’impero romano nell’Oriente ellenistico, per concludersi con la presa di Costantinopoli da parte di Maometto II. L’originale fisionomia dell’impero bizantino nasce dall’incontro della struttura statale romana con la cultura greca e la religione cristiana. Sono le tre grandi linee di cui tiene conto l’autore nel delineare un’avventurosa vicenda di lotte armate, di dispute religiose e teologiche e una fioritura artistica che fece di Bisanzio, per alcuni secoli, il più importante centro di cultura e di studi.
**

Storia dell’astronomia occidentale

Un volume che ripercorre la storia del tentativo dell’uomo occidentale di darsi una spiegazione di ciò che vede nel cielo: una ricerca affascinante, un’avventura durata millenni, dai misteriosi osservatori del cielo di Stonehenge a Galileo, Copernico, Einstein e alle sonde spaziali. L’evolversi dell’astronomia viene infatti qui presentato nel suo lungo percorso, dalle cosmogonie babilonesi ed egizie alle riflessioni sull’universo operate dal pensiero greco classico, dagli intrecci tra astrologia e alchimia alla rivoluzionaria ripresa del problema con un ribaltamento delle teorie precedenti in epoca rinascimentale e nei secoli successivi, fino allo straordinario impulso alle ricerche consentito, in epoca contemporanea, dall’uso di nuove tecnologie: telescopi, satelliti, sonde e navicelle spaziali.
(source: Bol.com)

Storia dell’antisemitismo

Scritta negli anni immediatamente successivi al processo di Norimberga, l’opera di Poliakov costituisce ancora oggi la più completa meditazione complessiva sulla storia e le ragioni dell’antisemitismo. Attraverso una ricca documentazione e l’indagine di un vasto arco cronologico, l’autore mostra l’evoluzione delle forme di persecuzione contro gli ebrei nel corso dei secoli e svela in che modo l’intreccio di fattori sociali, economici e religiosi ha portato allo sviluppo della “questione ebraica” proprio nelle società occidentali dominate dalle religioni figlie dell’ebraismo, il cristianesimo e l’islam. In questo volume Poliakov esamina la diffusione dell’antisemitismo dall’antichità pagana ai primi secoli cristiani,dall’alto Medioevo al Rinascimento, e porta alla luce le radici del fanatismo che ha colpito l’Europa contemporanea.
(source: Bol.com)

Storia dell’alpinismo

Verso la fine del Settecento canonici bizzarri e intraprendenti scienziati inaugurarono la moda delle ascensioni, mossi da una passione che conteneva in nuce tutto l’alpinismo. Fu così che cominciò la singolare epopea delle scalate sulle vette più alte della terra. Claire-Eliane Engel, brillante scrittrice anglosassone, riprende le cose dall’inizio e,con la competenza di chi ha familiarità sia con i vecchi libri che con le montagne, disegna i ritratti dei protagonisti, collegandoli alle correnti culturali, alle mode e agli ideali del loro tempo. Ne risulta una narrazione avvincente per la singolarità dei personaggi e l’eccezionalità delle loro imprese. L’edizione italiana era dotata di una appendice, citata anche nella prefazione: Massimo Mila – Cento anni di alpinismo in Italia. Questa parte, piatta e ragioneristica, è in stridente contrasto con lo stile vivace della Engel. È stata eliminata.

Storia del dove

Da quando l’uomo ha iniziato a misurare lo spazio intorno a sé non ha mai finito di stupirsi. Una domanda apparentemente banale come ‘dove siamo?’ non ha mai avuto una risposta semplice né definitiva. Nella storia, ogni volta che abbiamo provato a fare il punto è successo qualcosa che ha rimesso tutto inesorabilmente in discussione.
Lo spazio si allarga, il ‘dove’ diventa sempre più grande, e non solo per effetto del Big Bang e dell’espansione dell’Universo: è proprio la nostra percezione dello spazio che si è fatta col tempo più grande e complessa, rendendo noi uomini sempre più piccoli, immersi in un ‘dove’ che oggi è diventato immenso.
In poche pagine, dense e scorrevoli, Maccacaro e Tartari ci conducono per mano, dal vaghissimo spazio appena percepito di una vallata, come doveva essere quello di Homo erectus, ai miti cosmogonici più arcaici, ai primissimi sistemi rappresentativi del mondo. Scopriamo che i grandi imperi dell’Età del Bronzo avevano già mappe concettuali raffinate e che le stelle del cielo già indicavano il cammino. Spazio celeste e spazio terrestre si sono intersecati, e nell’antichità classica lo spazio ha visto il suo primo, deciso aumento di dimensioni. Nel Medioevo si perfezionano gli strumenti di calcolo per la navigazione, fino a quando la scoperta di un intero continente rivoluziona radicalmente il nostro ‘dove’ e le esplorazioni successive riempiono rapidamente di nomi le terre incognite delle vecchie pergamene. Con l’età moderna le lenti di vetro ingigantiscono il cielo, si scoprono nuovi pianeti e in breve tempo certe stelle diventano galassie intere, certe teorie deformano letteralmente il mondo e il ‘dove’ si fa elastico, connesso al tempo, immenso e mutevole.

(source: Bol.com)

Storia dei popoli arabi

Albert Hourani, uno dei massimi islamisti, con la sua immensa erudizione e la sua avvincente capacità espositiva ci offre in questo libro, un classico del suo genere, una ricostruzione nel contempo dettagliatissima e di ampio respiro di dodici secoli di storia e di civiltà arabe.

Quella dell’Islam si configura come un’esperienza storica irripetibile, in cui si contrappongono fedeltà all’autorità e alla tradizione e sete di rinnovamento, spinte all’unità e dirompenti crisi conflittuali. L’avvento della religione islamica ha infatti creato, nel corso dei secoli, un vasto mondo arabo-musulmano che va dall’Atlantico all’Iraq e all’Oceano Indiano. All’interno di questo universo ogni nazione possiede peculiarità geografiche e storiche: elementi di unicità che Hourani analizza e inserisce in un quadro di esperienze comuni, trattando argomenti di vasta portata (dalla nascita e diffusione dell’Islam all’integrazione nel mondo contemporaneo), fino ad affrontare temi tuttora assai controversi come il ruolo delle donne o la questione palestinese.

(source: Bol.com)

Storia dei Greci

Forse esiste una “retorica della Grecia”, come ne esiste una di Roma, che altera un po’ le proporzioni del suo contributo. Ma nessuno può negare ch’esso sia stato immenso e che soprattutto siano stati vari, vivaci e affascinanti i suoi protagonisti Indro Montanelli I greci di Montanelli sono nostri contemporanei. Molte le affinità e i confronti anche paradossali: Omero era il “poeta della Confindustria”, Platone un totalitario che “se vivesse oggi, riceverebbe il premio Stalin”. Più in generale, Montanelli ha il gusto del ritratto fulminante e del racconto: una storia fatta non di monumenti, ma di uomini e donne con le nostre passioni. Dalla presentazione di Piero Angela

Storia degli ebrei di Roma

Gli ultimi due secoli di storia della comunità ebraica romana, la più numerosa e antica d’Italia, sono caratterizzati dai profondi – e talvolta drammatici – mutamenti nelle relazioni fra la maggioranza cristiana della Città Eterna e questa piccola minoranza, che, nel volgere di convulsi decenni, ha conosciuto l’emarginazione e l’inclusione, l’integrazione e, in seguito, la discriminazione e lo sterminio.
Nella prima metà dell’Ottocento, i timidi segnali di emancipazione degli ebrei visibili nelle società europee più avanzate si manifestano anche a Roma, dove per una breve stagione la repubblica si sostituisce al dominio pontificio. È solo dopo l’unità d’Italia che nella nuova capitale del regno si avverte chiaramente un’impetuosa ondata di cambiamento: gli ebrei iniziano a partecipare con grande passione alla costruzione del Paese che, in virtù del tributo di sangue da essi versato sui campi di battaglia del Risorgimento e della Grande Guerra, considerano a pieno titolo la loro patria.
La Chiesa di Roma, tuttavia, sconfitta ma non rassegnata, addebitando l’oltraggio di Porta Pia a un complotto di forze anticattoliche rilancia la propaganda antigiudaica e rinnova contro gli ebrei le tradizionali accuse di deicidio e di omicidio rituale, fornendo argomenti e alibi sia ai ricorrenti episodi di violenza antigiudaica sia all’antisemitismo moderno, che condanna senza appello l’ebreo alla sua presunta identità razziale, negandogli ogni reale possibilità di assimilazione.
Esito e culmine di questa martellante campagna d’odio è la pagina nera – vergognosa e incancellabile – delle cosiddette ‘leggi razziali’, promulgate dal regime fascista nel 1938 come atto di adesione all’ideologia del Terzo Reich hitleriano, che sanciscono l’esclusione degli ebrei dal corpo vivo della società italiana.
Accolte dapprima con indifferenza e senza un’esplicita protesta della Santa Sede, dopo l’8 settembre 1943 tali leggi spianano la strada alla deportazione ad Auschwitz e alla morte di oltre 2000 ebrei romani. E anche se molti italiani e una parte del clero si riscattano, creando a proprio rischio e pericolo una vasta rete di solidarietà a favore dei perseguitati in fuga, molte ombre continuano a gravare sul silenzio di Pio XII (a cui Riccardo Calimani dedica un’ampia e lucida analisi), che non condannò mai apertamente lo sterminio, pur essendone informato da diversi prelati dei Paesi in cui venne perpetrato.
La segreta, ma ferma speranza dell’autore è che questo racconto ‘sia fonte di ispirazione, affinché tutti i popoli, nessuno escluso, in ogni parte del mondo, sappiano trovare la via della concordia e della giustizia, e possano vivere insieme su questa terra, se non con gioia, almeno in pace fra loro’.
(source: Bol.com)

Storia d’Italia

La Storia d’Italia, la sola opera che Francesco Guicciardini destinò alla pubblicazione, fu composta tra il 1537 e il 1540, quando l’autore, alla fine della sua carriera politica, viveva ad Arcetri, totalmente libero da impegni politici e diplomatici. L’opera è costituita da venti libri e narra le guerre che portarono alla rovina dell’indipendenza italiana, dalla morte di Lorenzo il Magnifico, 1492, a quella del papa Clemente VII (1534).Ledizioni propone la versione digitale in formato epub di quest’opera fuori diritti.
(source: Bol.com)

Storia d’Italia. Vol. 1: Dalla fondazione di Roma alla distruzione di Cartagine

In questo volume: dalla fondazione di Roma, anno 753 a.C., data tradizionale, al 146 a.C., anno che vide la distruzione totale di Cartagine e Corinto, e la riduzione dell’intera Grecia in provincia romana col nome di Acaia.
Indro Montanelli ha inventato un nuovo genere letterario. Ha preso la storia dotta ed erudita e l’ha mutata in una storia per il grande pubblico, una storia degli uomini di ieri per gli uomini di oggi, semplice, vivace e polemica. Montanelli è pieno di curiosità per il passato, che egli vuol capire e far capire come se fosse presente, usando mille confronti, mille riferimenti ad episodi e personaggi del nostro tempo. Di questa ricca Storia d’Italia sono disponibili anche i seguenti volumi:
XIV, L’età della Riforma
XXXI, L’unità d’Italia
XXXII, Gli anni della destra
XXXIII, La sinistra al potere
XXXIV, La questione cattolica e la questione sociale
XXXV, L’età di Giolitti
XXXVI, La prima guerra mondiale
XXXVII, Caporetto, il Piave, la vittoria
XXXVIII, La fine del regime liberale
XXXIX, L’avvento del fascismo

Storia d’Italia, Vol 25. L’Italia dell’Ulivo [1995-1997]

La bufera di Tangentopoli spazzò via un sistema politico che sembrava eterno. Chi avrebbe mai pensato che la DC si dissolvesse in piccole formazioni? Che il PCI riuscisse a sopravvivere a prezzo di una scissione e cambiando nome? E che dire di PSI, di PSDI, di PRI e di PLI? Tutti volevano che le cose cambiassero: dovevano finire i tempi del compromesso, del trasformismo, dei mille accomodamenti e degli accordi sottobanco. Il Palazzo era alle corde, un’intera classe politica era delegittimata, il Paese reclamava a gran voce il «nuovo», pur non sapendo bene cosa potesse essere. In questo clima arroventato, il governo presieduto da Carlo Azeglio Ciampi rassegnò le dimissioni il 13 gennaio 1994 e tre giorni dopo il Presidente Oscar Luigi Scalfaro sciolse le Camere: si andava al voto con il «maggioritario», sebbene riveduto e corretto all’italiana. E proprio allora maturò quel clima di violenta intolleranza che ancora oggi fa del nostro sistema politico un bipolarismo imperfetto: il centrosinistra era sicuro di vincere, ma non aveva fatto i conti con Berlusconi che, dopo aver già sdoganato la destra di Fini, stabilì un alleanza con la Lega di Bossi e con il CCD formato da ex democristiani. Fin dall’inizio della campagna elettorale nessuno dei due schieramenti legittimò l’altro: la dialettica politica si ridusse ai soli insulti. Inoltre, i due poli erano profondamente divisi al loro interno. Il 27 e il 28 marzo si votò; vinse Berlusconi, che formò un governo che durò soltanto fino al 22 dicembre, quando Bossi abbandonò la maggioranza. Il centrodestra voleva tornare subito alle urne, ma Scalfaro affidò a Lamberto Dini, già ministro del Tesoro di Berlusconi, il compito di formare un governo di «tecnici» che rimase in carica sino all’11 gennaio 1996. Nel frattempo Romano Prodi aveva assunto la guida del centrosinistra raccogliendolo sotto l’insegna dell’Ulivo. Si votò il 21 aprile e «il professore» bolognese vinse, ben presto amareggiato dall’azione politica di Fausto Bertinotti – leader di Rifondazione comunista – che, il 9 ottobre, provocò la crisi del Governo Prodi. E qui s’interrompe questa «Storia d’Italia», perché, come scrisse Montanelli salutando i suoi lettori, «il congedo l’ho preso negli ultimi tempi dalla stessa Italia, un Paese che non mi appartiene più e a cui sento di non più appartenere». Quel che segue è ormai cronaca.

Storia d’Italia, Vol 24. L’Italia di Berlusconi [1993-1995]

La bufera di Tangentopoli spazzò via un sistema politico che sembrava eterno. Chi avrebbe mai pensato che la DC si dissolvesse in piccole formazioni? Che il PCI riuscisse a sopravvivere a prezzo di una scissione e cambiando nome? E che dire di PSI, di PSDI, di PRI e di PLI? Tutti volevano che le cose cambiassero: dovevano finire i tempi del compromesso, del trasformismo, dei mille accomodamenti e degli accordi sottobanco. Il Palazzo era alle corde, un’intera classe politica era delegittimata, il Paese reclamava a gran voce il «nuovo», pur non sapendo bene cosa potesse essere. In questo clima arroventato, il governo presieduto da Carlo Azeglio Ciampi rassegnò le dimissioni il 13 gennaio 1994 e tre giorni dopo il Presidente Oscar Luigi Scalfaro sciolse le Camere: si andava al voto con il «maggioritario», sebbene riveduto e corretto all’italiana. E proprio allora maturò quel clima di violenta intolleranza che ancora oggi fa del nostro sistema politico un bipolarismo imperfetto: il centrosinistra era sicuro di vincere, ma non aveva fatto i conti con Berlusconi che, dopo aver già sdoganato la destra di Fini, stabilì un alleanza con la Lega di Bossi e con il CCD formato da ex democristiani. Fin dall’inizio della campagna elettorale nessuno dei due schieramenti legittimò l’altro: la dialettica politica si ridusse ai soli insulti. Inoltre, i due poli erano profondamente divisi al loro interno. Il 27 e il 28 marzo si votò; vinse Berlusconi, che formò un governo che durò soltanto fino al 22 dicembre, quando Bossi abbandonò la maggioranza. Il centrodestra voleva tornare subito alle urne, ma Scalfaro affidò a Lamberto Dini, già ministro del Tesoro di Berlusconi, il compito di formare un governo di «tecnici» che rimase in carica sino all’11 gennaio 1996. Nel frattempo Romano Prodi aveva assunto la guida del centrosinistra raccogliendolo sotto l’insegna dell’Ulivo. Si votò il 21 aprile e «il professore» bolognese vinse, ben presto amareggiato dall’azione politica di Fausto Bertinotti – leader di Rifondazione comunista – che, il 9 ottobre, provocò la crisi del Governo Prodi. E qui s’interrompe questa «Storia d’Italia», perché, come scrisse Montanelli salutando i suoi lettori, «il congedo l’ho preso negli ultimi tempi dalla stessa Italia, un Paese che non mi appartiene più e a cui sento di non più appartenere». Quel che segue è ormai cronaca.

Storia d’Italia, Vol 23. L’Italia degli anni di fango [1978-1993]

L’Italia assaporava un benessere mai conosciuto. In realtà, il boom economico aveva premiato solo alcune classi, ignorando quelle più deboli; gli industriali perseguivano una politica di breve respiro; la scuola non aveva saputo rinnovarsi; vigeva una morale retriva… Tutte queste contraddizioni esplosero nel Sessantotto quando i moti studenteschi che avevano scosso gli Stati Uniti e infiammato la Francia si estesero ai nostri atenei. Tutto era rimesso in discussione: la morale, i partiti, i sindacati, la politica, le istituzioni, l’insegnamento. Nel 1969, poi, le lotte degli studenti si saldarono alle rivendicazioni operaie. Il 12 dicembre di quell’anno, con la strage alla Banca dell’Agricoltura a Milano – uno dei tanti misteri d’Italia mai risolti – ebbero inizio quegli «anni di piombo» che avrebbero raggiunto il loro apice con il rapimento e l’uccisione di Aldo Moro nel 1978. Tra queste due date l’Italia conobbe soltanto intimidazioni, agguati, bombe, scandali devastanti, ipocrisia intellettuale, uccisioni, la nascita delle Brigate rosse e del partito armato, lo stragismo, il terrorismo… Il Paese riuscì tuttavia a sconfiggere la lotta armata e ad avviare un processo di rinnovamento con l’elezione di Sandro Pertini alla presidenza della Repubblica (1978) e la formazione (1981) del Governo Spadolini, primo presidente del Consiglio non democristiano. Ma il «grande gioco» lo condusse Bettino Craxi: eletto segretario del PSI nel luglio del 1976, riuscì a vanificare il «compromesso storico» tra DC e PCI, a rendere il suo partito ago della bilancia della vita politica, a essere nominato presidente del Consiglio il 4 agosto 1983 e a mantenere questa carica fino al 3 marzo 198 7. Spregiudicato, politico di razza, capace di vincere un referendum che aboliva la scala mobile, Craxi fu statista di spessore, ma non seppe o non volle vedere la corruzione che dilagava attorno a lui e che lo travolse quando, il 17febbraio 1992, fu arrestato per avere intascato una «mazzetta» da Mario Chiesa, un funzionario socialista. Era l’inizio di Tangentopoli: dagli anni di piombo si era passati a quelli «di fango».