36129–36144 di 66541 risultati

Animal Factory

Ron Becker era solo un piccolo spacciatore quando è stato incarcerato. Ma nell’inferno di San Quintino una pena di due anni senza sconti basta a segnarlo per tutta la vita. In galera Ron conosce la violenza razziale, i soprusi dei secondini, il nonnismo dei detenuti “anziani”. E, soprattutto, conosce Earl Copen, il Satana di quell’inferno, la bestia che gli insegnerà a essere peggiore di tutti quanti.

Anima divina

Alexandria non sa se ce la farà ad arrivare viva al suo diciottesimo compleanno e al fatidico Risveglio. Il fanatico Ordine di Thanatos, a lungo dimenticato, la sta cercando per eliminarla, e se il Consiglio dovesse scoprire cosa è successo davvero durante l’attacco al Covenant dello stato di New York, la sua sorte sarebbe ugualmente segnata. E così pure quella di Aiden, la Sentinella di sangue puro che farebbe di tutto per proteggerla. Non solo: ogni volta che si “allena” con Seth, il primo Apollyon, le compare sulla pelle un nuovo simbolo della speciale natura divina che li lega indissolubilmente e cresce il rischio di anticipare il momento del Risveglio, con conseguenze inimmaginabili e forse persino devastanti. Come se non bastasse, all’improvviso una rivelazione sconvolgente cambia ogni cosa e Alex, intrappolata tra sentimenti e necessità, impara a proprie spese di chi si può davvero fidare… e chi, invece, l’ha ingannata fin dall’inizio. Quando gli dei si riveleranno e la loro collera si scatenerà, in pochi sopravvivranno. E solo chi rimane saprà se davvero l’amore può sconfiggere il destino.

Angels in the Dark

Una festa scintillante che volge all’incubo per Luce e Trevor, l’unico ragazzo che abbia mai baciato oltre a Daniel. Arriane che si dà allo shopping in attesa del ritorno di Luce, nell’eterna speranza che lei possa sopravvivere almeno questa volta. Daniel che si nasconde nei sobborghi di Los Angeles, sperando di non innamorarsi più. Un inquietante momento alla Shoreline. Cam che va a caccia di Esclusi e infine una romantica scena di Luce e Daniel…

Angels

Occhi neri come la pece. Occhi chiari come il ghiaccio. Maschio e femmina. Luce e oscurità. Movimento e staticità. Angelo della Vita e Angelo della Morte. Ogni cosa e il suo opposto si equivalgono e niente potrebbe aver vita se non esistesse la sua controparte. Occhi come smeraldi. Ci vollero un paio di minuti per riprendersi e, con stupore, si rese conto che la persona che la teneva fra le braccia era proprio il ragazzo che tutti temevano; quello che tutti non riuscivano a guardare in faccia perché terrorizzati dal suo sguardo. Eppure, sembrava così dolce, aveva un volto così angelico…

Un angelo proibito

Un uomo del re non dovrebbe mai lasciarsi tanto condizionare da un bacio dato in un giardino… Eppure, per Marcus di Anglesmore, il profumo inebriante e il calore irresistibile del corpo stretto furtivamente nella notte precedente sono stati molto più che una tentazione. Tra le sue braccia, però, non è caduta Genith, la dolce vergine innocente che gli è stato ordinato di sposare, bensì Nesta, sua sorella maggiore… Una giovane di ben altri costumi, una delle favorite di re Edoardo. Insomma, un infernale pasticcio! Mentre le sorti di due nazioni sono in ballo, la pace sperata è in balia di antiche promesse e di animi in preda alla passione.

Un angelo improbabile

Viso d’angelo, sguardo limpido, aspetto innocente, Madeline Duncan non ha affatto l’aria della efficiente e smaliziata donna d’affari.
Non stupisce quindi che, nella vittoriana Ottocento, la sua risoluzione di trasformarsi in imprenditrice susciti un certo clamore …. destinato a trasformarsi in vero e proprio scandalo quando si scopre che l’articolo che l’intraprendente giovane intende produrre non altro che biancheria femminile completamente innovativa.
Va da sè che non si può permettere a una simile scriteriata di dilapidare così l’immensa fortuna ereditata, quindi il Tribunale decide di affiancarle quale supervisore agli investimenti il cinico, arrogante, disilluso e soprattutto refrattario lord Cole Mandeville.
Nel continuo sforzo di mostrarle l’assurdità dei suoi comportamenti, l’impassibile Cole si imbatte nella sorpresa della sua vita, trovandosi a subire l’incantesimo di una donna incapace di credere il peggio di chiunque… persino di una consumata canaglia come lui.

L’angelo e il pitbull

Un Angelo è caduto sui marciapiedi di Quarto Oggiaro. Dove guardava Dio in quel momento, mentre Graziella Girgenti precipitava? Un mistero legato a una porta chiusa e alla sua chiave scomparsa, ai segni viola lasciati da grani di un rosario, agli abiti avvolti nel cellophane con cura devota. Un mistero che riconduce a Marco, il Pitbull del quartiere, uscito di gabbia senza mai conoscere affetto o devozione. La storia di una donna che non ha mai smesso di credere e di un uomo che non rispetta nè le leggi degli uomini nè quelle delle bestie.

L’angelo della tempesta (Villette)

“Quella sera mi si rinsaldò nell’animo più fermamente che mai la convinzione che il Fato fosse di pietra, e la Speranza un falso idolo, cieco, senza sangue e dal cuore di granito.” È la giovane Lucy Snowe a raccontarsi con queste parole colme di dolore. Rimasta senza parenti, casa e mezzi economici dopo un disastro familiare, accetta un impiego come istitutrice in un collegio femminile nell’immaginaria città di Villette. E lì conosce l’amore. Ma il suo non sembra essere un destino di felicità… Pubblicato nel 1853, “L’angelo della tempesta” è l’ultimo e il più autobiografico tra i romanzi di Charlotte Brönte: un testo di sorprendente finezza psicologica e dalle tonalità narrative che svariano dal lirico al gotico. Un libro molto ammirato da Virginia Woolf: che lo considerava superiore anche a “Jane Eyre”, da George Eliot, che vi ravvisava quasi un “potere soprannaturale”.

L’angelo della morte. Gothica

Chi è l’Angelo della Morte? Quali terribili segreti si celano dietro la sua comparsa a Gothica? In una megalopoli di un possibile futuro, dominata dai membri dello Scisma e dal clero della Chiesa, Frederick Volk, presidente di una multinazionale dell’industria genetica, sta portando avanti un programma di manipolazioni del DNA di piante, animali e uomini. Sulle attività della Mimesis Corporation si addensano molti sospetti, ma occorre trovare le prove dei suoi abomini. Muovendosi tra esperimenti di chimerismo e xenotrapianti, in una ragnatela di interessi che coinvolge anche chi dovrebbe esserne estraneo, Helena Wolff indaga sulle attività di Volk, fino all’ultimo, definitivo scontro.

L’angelo del campo

Gennaio 1943. Al campo di sterminio di Zinoswicz-Zdroj, Polonia sudoccidentale, arriva il capitano Paul Bach. Veterano e ispettore della polizia criminale di Berlino, Paul si è già visto portare via tanto, se non tutto, dalla guerra: ha perso la moglie sotto le bombe e un braccio fra le nevi russe. E ha smarrito la convinzione di trovarsi dal lato giusto. Unica sua religione, i figli e il lavoro. E ora la Gestapo gli ha affidato il compito di smascherare l’autore di alcuni misteriosi delitti, le cui prime vittime sono «un paio di ebrei di una certa importanza e un ufficiale polacco delle SS». Il quadro è inquietante, perché gli omicidi sono stati annunciati da sibillini messaggi anonimi dal tono intimidatorio apparsi nelle baracche degli internati. Biglietti scritti a mano, in un ebraico impeccabile o in yiddish. In apparenza non esiste un movente e la dinamica è sempre diversa: unica costante, i messaggi. In un meccanismo oliato dalla morte, nel cuore del nonsenso della Storia, sembra di cogliere lo scherno di una divinità impazzita. E nel campo, insieme al fremito della rivolta, comincia a correre la voce di un Angelo assassino che aleggia tra i blocchi… Giorno dopo giorno, nel corso delle indagini Paul verrà a contatto con la realtà indicibile del campo, con l’umanità offesa delle vittime e quella, alienata, dei carnefici. Costretto suo malgrado a confrontarsi con l’orrore, con il male assoluto che forse non sospettava ma di cui si scopre complice, riuscirà a trovare risposta all’enigma dell’Angelo e al lacerante dissidio tra appartenenza e coscienza? «Ammaliante… Un romanzo di grande fascino.» Thomas Keneally, autore di “”Schindler’s List”” «Sconvolgente, di forte dinamismo e meravigliosamente scritto.» “”Bestsellers”” «Un romanzo potente.» “”Publishers Weekly””

L’angelo dagli occhi viola

Inghilterra, 1861 – Giovane, bella e seducente, Brenna Stanhope ha deciso di vivere lontano dagli uomini, dall’amore e dalle luci del bel mondo, rifuggendo qualsiasi contatto sociale. Un terribile segreto infatti avvolge la sua infanzia, un segreto che, se svelato, distruggerebbe non solo la sua reputazione, ma anche quella dell’orfanotrofio che dirige. Anche Nicholas Pancarrow, duca di Westbourne, aristocratico, dotato di un incredibile fascino e impenitente donnaiolo, è allergico all’amo-re, in ossequio a un giuramento fatto a se stesso fin dall’infanzia. Quando lei lo salva dall’aggressione di due briganti, il nobiluomo non riesce a resistere al fascino di quella misteriosa, quanto schiva fanciulla. Brenna, però, sembra volergli sfuggire a ogni costo.

Un angelo alla mia tavola

Di che cosa parla Un angelo alla mia tavola?. Si potrebbe dire che parla di schizofrenia, ma solo nel senso originario del termine: la mente scissa in due mondi, in questo caso il mondo della vita e quello dell’arte e dell’espressione. Il mondo della vita è descritto in queste pagine nei suoi capitoli salienti: l’infanzia trascorsa a Dunedin, in Nuova Zelanda, nella povertà degli anni della Depressione; il trasferimento al sud, al seguito del padre ferroviere; i primi colpi che lasciano il segno: l’obesità infantile, la sgraziata adolescenza, la fatalità della morte con la prematura scomparsa della sorella Myrtle, l’orrore dell’ospedale psichiatrico; e poi la fuga, il tentativo di suicidio, il ritorno alla casa paterna. Il mondo dell’arte e dell’espressione vive nella compagnia dei poeti – Shakespeare, Shelley, Keats, Dylan Thomas, T.S. Eliot, Auden – che come un teatro dell’immaginario subentra spesso alla triste scena del mondo reale e restituisce la felicità perduta. Vive, infine, nella prosa stessa di Janet Frame, nella sua mobilità nervosa, nella imprevedibilità delle immagini e dello stile che ne fa una delle più grandi scrittrici del Novecento.

Angelica e le comete

Una storia ariostesca di donne cavalieri d’armi e d’amori, di cortesie e audaci imprese. Una favola triste, un incanto fatto di parole che sanno di infanzia e di tradizione, di malinconia e magia, quella che solo un teatro di marionette come l’opera dei pupi può dare.

Angelica

Questo ebook è un testo di pubblico dominio. Potete trovare il testo liberamente sul web. La presente edizione è stata realizzata per Amazon da Simplicissimus Book Farm per la distribuzione gratuita attraverso Kindle.
**
### Sinossi
Questo ebook è un testo di pubblico dominio. Potete trovare il testo liberamente sul web. La presente edizione è stata realizzata per Amazon da Simplicissimus Book Farm per la distribuzione gratuita attraverso Kindle.

Angeli ribelli

La società vittoriana di fine Ottocento, i balli dell’aristocrazia londinese e la magia di regni incantati e meravigliosamente insidiosi. Chi ha imparato ad amare Gemma Doyle, l’eroina di “Una grande e terribile bellezza”, troverà nuove emozioni in questo secondo capitolo della saga. Insieme a Gemma – sempre più consapevole dei propri poteri magici e ancor più decisa a distruggere definitivamente la malvagia Circe – ritroviamo la timida Ann, l’ostinata Felicity, il misterioso Kartik e l’affascinante corteggiatore Simon Middleton, oltre a spiriti e presenze oscure, amici perduti e nemici ritrovati. Appuntamenti mondani, lezioni d’arte sulla caduta degli angeli ribelli, visite al manicomio di Bethlem e apparizioni di inquietanti fanciulle vestite di bianco, trasformano le vacanze di Natale di Gemma in una corsa a perdifiato nell’ignoto, alla ricerca del Tempio ma soprattutto di se stessa. Un’Odissea al femminile, con una protagonista e voce narrante forte, indipendente e passionale, in cui sogno e realtà, visione e incubo si fondono in una rilettura del romanzo gotico vittoriano e dei feuilleton di un tempo, ma con echi di un moderno fantasy e la verve di un manga. Età di lettura: da 14 anni.

Gli angeli piangono: Il ciclo dei Ballantyne

È il 1895. Le profezie della Umlimo, la strega matabele che da millenni perpetua se stessa in un antro delle Colline Matopos, si avverano: ai flagelli naturali delle locuste e della peste bovina fa seguito la guerra tra bianchi e indigeni insorti. Ralph Ballantyne dovrà imbracciare le armi contro Bazo, suo amico d’infanzia che guida la rivolta, e al tempo stesso salvaguardare il ricco patrimonio familiare di terre, fattorie e miniere dall’avidità della British South Africa Company di Cecil Rhodes. Ottant’anni dopo, su quello stesso terreno, i discendenti dei personaggi d’allora si scontrano di nuovo: Roland Ballantyne e Craig Mellow, uniti da vincoli di parentela e più ancora dall’amore per la stessa donna, accantonano le rivalità per combattere a fianco a fianco i guerriglieri nazionalisti capeggiati da Tungata Zebiwe, Colui-che-cerca-giustizia, pronipote di Bazo…ENTRA A FAR PARTE DEL CLUB DEI LETTORI DI WILBUR SMITH SU: WWW.WILBURSMITH.ITCURIOSITÀ, ANTEPRIME, GADGET E CONTENUTI GRATUITI IN ESCLUSIVA