35649–35664 di 74503 risultati

Senza via di fuga (Timecrime Narrativa)

Kira Miller, un brillante ingegnere genetico, mette a punto un metodo che permette alle aree cerebrali della creatività e del pensiero di raggiungere temporaneamente capacità straordinarie. È una scoperta sensazionale, che apre scenari inimmaginabili, ma cosa succederebbe se un tale livello di intelligenza sfociasse in una spietata megalomania?
David Desh ha lasciato i corpi speciali dopo aver perso i suoi uomini in un’azione in Iran. Ma i suoi superiori hanno deciso che è il momento di richiamarlo per un’ultima missione: trovare Kira Miller, l’enigmatico genio che ha ordito un complotto bioterroristico che minaccia la vita di milioni di persone. Quando Desh si accorge che quella è solo la punta di un iceberg, è troppo tardi per rimanere fuori dal gioco. Ormai è diventato, suo malgrado, una pedina fondamentale e deve a fare le mosse giuste prima che quelle degli avversari abbiano un drammatico impatto sul futuro dell’intera umanità.
**
### Sinossi
Kira Miller, un brillante ingegnere genetico, mette a punto un metodo che permette alle aree cerebrali della creatività e del pensiero di raggiungere temporaneamente capacità straordinarie. È una scoperta sensazionale, che apre scenari inimmaginabili, ma cosa succederebbe se un tale livello di intelligenza sfociasse in una spietata megalomania?
David Desh ha lasciato i corpi speciali dopo aver perso i suoi uomini in un’azione in Iran. Ma i suoi superiori hanno deciso che è il momento di richiamarlo per un’ultima missione: trovare Kira Miller, l’enigmatico genio che ha ordito un complotto bioterroristico che minaccia la vita di milioni di persone. Quando Desh si accorge che quella è solo la punta di un iceberg, è troppo tardi per rimanere fuori dal gioco. Ormai è diventato, suo malgrado, una pedina fondamentale e deve a fare le mosse giuste prima che quelle degli avversari abbiano un drammatico impatto sul futuro dell’intera umanità.

Senza veli

Questa volta, Palahniuk ci porta a fare un bel giretto nella Hollywood dei Tempi d’Oro (quelli di Bette Davis e Joan Crawford, per intenderci) e ci racconta – a modo suo, naturalmente – la fiaba sulfurea e decadente di Katherine Kenton, una stella del palcoscenico, ma anche una famosa sceneggiatrice alle prese con la peggiore e più inevitabile delle disgrazie possibili: l’invecchiamento. A raccontare questa fiaba c’è una sorta di dama di compagnia, domestica, confidente di Katherine a nome Hazie Coogan, che l’ha accompagnata per tutta la sua carriera attraverso svariati matrimoni, altrettanti divorzi e parecchi interventi di chirurgia estetica. A complicare la situazione contribuisce l’apparizione del giovane (troppo giovane!!!) Webster Carlton Westward III, che riesce a intrufolarsi nel cuore (e tra le lenzuola) di Katherine. Ma Hazie scopre che Webster ha già scritto una biografia senza veli che prevede la morte di Katherine in una scena degna di un barocchissimo musical…. Come sempre, Chuck mescola sapientemente satira, sovversione, sorprese per raccontarci una storia senza tempo e senza speranza sul nostro mondo sempre più assetato di star e di personaggi pubblici pieni di glamour e sempre più desideroso di distruggerli.

Senza passato

Marty Hagen era il classico giovane newyorkese degli anni Settanta. Bello, intelligente, furbo: il miglior falsario di carte di credito sulla piazza. Non era italiano, ma lavorava comunque coi “ragazzi” di John Cotti, con la mafia. All’improvviso scomparve nel nulla, lasciando gli amici, la donna che amava, la sua città. È l’autunno del 1980. Mancano pochi giorni alle elezioni del presidente degli Stati Uniti. Carter o Reagan? Repubblicani o democratici? A Spokane, nello stato di Washington, vicino a Seattle, Vince Camden riceve il certificato elettorale, come tutti i cittadini americani. Ma Vince non è un cittadino come gli altri. Aveva un altro nome, un tempo. Era un altro uomo. Ma il passato è tornato a cercarlo.
**

Senza nome

Traduzione di Adriana Altavilla Edizione integrale A Combe-Raven, la pacifica dimora della famiglia Vanstone, la vita scorre serena, fin quando l’uggiosa mattina del quattro di marzo del 1846 non arriva una misteriosa lettera con il timbro di New Orleans, le cui conseguenze saranno catastrofiche. Nel giro di pochi mesi, infatti, le sorelle Norah e Magdalen restano orfane di entrambi i genitori e, a causa delle crudeli leggi dell’Inghilterra vittoriana, finiscono sul lastrico, senza casa e senza più il becco di un quattrino. Norah, più mite e riservata, accetta il capovolgimento di fortuna con muta rassegnazione e sceglie la strada del duro lavoro, impiegandosi come governante, mentre Magdalen, bella, sanguigna e determinata, decide di combattere per cercare di riprendersi ciò che le appartiene. Riuscirà a vendicarsi dei soprusi subiti? Wilkie Collins(1824-1889), figlio di un pittore paesaggista, studiò Legge senza mai praticare la professione, attingendo alle conoscenze del crimine maturate per le sue opere. La fortuna arrivò dopo l’incontro con Dickens, che pubblicò gli scritti di Collins sulle sue riviste, inaugurando un rapporto di lavoro e di amicizia che durò dieci anni. Fu un autore molto prolifico, scrisse venticinque romanzi, più di cinquanta racconti e numerose opere teatrali. Di Wilkie Collins la Newton Compton ha pubblicato La donna in bianco e Senza nome.

Senza colpa

Una donna armata di fucile sfiora una strage nel cortile di una scuola, ma viene uccisa prima che accada il peggio. La polizia affida ad Alex Delaware, psicologo infantile, il compito di aiutare i bambini a superare il trauma subito, e l’uomo accetta, sentendosi presto coinvolto nella vicenda, che presenta più di un lato oscuro. Nell’ombra, però, si trama contro di lui – qualcuno cerca persino di rimuoverlo dall’incarico – e Alex avverte l’esistenza di una terribile macchinazione, che purtroppo ha già mietuto parecchie vittime…

Sento i pollici che prudono

L’amore per l’avventura e per il mistero è una di quelle passioni che non si affievoliscono con l’età. Ne sono una dimostrazione evidente gli ormai maturi coniugi Tommy e Tuppence Beresford, i due simpatici investigatori un tempo noti come “giovani avventurieri”. Infatti ecco che la visita di cortesia all’anziana e petulante zia Ada, ospite di una casa di riposo, e il curioso incontro con la signora Lancaster, una premurosa e svampita vecchietta dai capelli candidi destinata a sparire di lì a poco senza lasciare tracce, scatenano in Tuppence un’enorme quantità di dubbi. Dove ha già visto, per esempio, quel delizioso villino sul canale raffigurato nel quadro donato a zia Ada dalla signora Lancaster?
**

Le sentinelle del cielo

Le sentinelle del cielo (Sentinels from Space)
Wade Harper, investigatore (Three to Conquer)
Imponderabile piu X (Plus X)
Missione su Jaimec (Wasp)

Il sentiero della notte

In questo libro, che conclude la trilogia de Il mondo di F’ionavar, ritroviamo gli eroi – ormai diventati quattro – nel momento in cui tutti i fili narrativi avviati precedentemente si muovono verso l’epilogo. Kim, la veggente, incapace di sopportare più a lungo il peso del magico potere concessole, arriva a respingerlo. Dave, sempre più introdotto nella società dei cavalieri delle Pianure, reinterpreta il proprio passato alla luce dei mutamenti che quella fatata contrada ha operato sul suo carattere, accarezzando il proposito di tornare a casa. Jennifer, identificatasi completamente con Ginevra, rifiuta il destino di passione e tradimento che la lega ad Artù e Lancillotto e, grazie al sacrificio di un amico, la maledizione che li incatenava viene spezzata. Paul, Signore dell’Albero dei re, calmata la propria inquietudine, trova l’amore della sacerdotessa di Dana e decide quindi di restare in quei luoghi…

Il senso di Smilla per la neve

Per la polizia non ci sono dubbi: è stato un incidente. Il piccolo Esajas correva sul tetto innevato quando è caduto, precipitando nel vuoto. Ma Smilla non è convinta: lei viene dalla Groenlandia, la neve la conosce bene, e ora quelle impronte le dicono chiaramente che non si è trattato di un incidente… Mentre Copenaghen si prepara a celebrare il Natale, Smilla inizia a indagare, trovandosi pericolosamente a confronto con una serie di inquietanti personaggi, coinvolta in un’indagine destinata a portarla lontano, in viaggio su una nave la cui meta misteriosa è un punto deserto della calotta polare. Perché là, fra quei ghiacci che conosce, teme e rispetta, è nascosta la verità che Smilla cerca. La verità che forse, inconsciamente, ha sempre saputo…

Il senso della frase

Nel romanzo il protagonista si occupa esclusivamente delle sue ossessioni, delle fobie degli amici/alter ego che gli fanno da coro tragico (o comico). Nell’occasione il problema è quello di ritrovare una donna scomparsa. Il giovane si mette sulle sue tracce, spostandosi a caso in una Milano labirintica in cui si riflettono i miti e gli incubi degli anni ottanta. Lazzaro continua a imbattersi in se stesso e nei suoi fantasmi: perditempo assortiti, consulenti psichiatriche, ninfomani, bugiarde patologiche, squadre di assassini su pattini a rotelle, babbi natali omicidi, specchi deformanti di un’unica realtà: la sua.

Senso

“Forte, bello, perverso, vile, mi piacque”. Con queste parole la contessa Livia Serpieri qualifica la natura della sua morbosa passione per il tenente Ruz. Ha inizio una travolgente vicenda sentimentale, che farà vivere alla protagonista di questo racconto l’adulterio, ma anche una cocentissima delusione e la più spietata delle vendette. Con Senso, Boito ci offre la chiave d’accesso a una stanza tormentata dal desiderio bruciante e da un’appassionata torbidezza. Un cuore femminile ricco di frenetici entusiasmi e splendida abiezione, disegnato attraverso una prosa, che, per converso, spicca per la sua limpida eleganza. A questo racconto Luchino Visconti si ispirò per l’omonimo film del 1954 con Alida Valli nella parte della contessa Serpieri.

La sensitiva

Immaginate di essere il testimone segreto di un sadico assassinio: soltanto la vittima si è accorta della vostra presenza sulla scena e voi siete troppo spaventati per rispondere alle sue mute implorazioni d’aiuto. È questo il dilemma di Kasey Riteman. Kasey ha lasciato l’impiego per sfuggire alle molestie sessuali del suo odioso principale e, per sfogare la rabbia, guida senza meta nella campagna notturna, ripetendosi che è ora di mettere ordine nella sua vita. Ma la sua vecchia Honda si ferma improvvisamente in una strada campestre. Vagando in cerca di aiuto, Kasey si trova casualmente ad assistere al barbaro assassinio di una donna che fa parte del bel mondo di Nashville.

I sensi incantati

Caduto in una profonda fase di depressione, l’autore viene miracolosamente risvegliato alla vita dall’influenza di Miriam, una sensitiva in grado di incantare i sensi dell’uomo, restituendogli la voglia di vivere grazie agli slanci di una potente sensualità. Una vicenda “magica”, realmente vissuta in prima persona dallo scrittore, narrata in un libro di grande suggestione.

Sempre caro

Nuoro, fine Ottocento. Bustianu Satta, al secolo Sebastiano Satta (1867-1914), un giovane avvocato e poeta, accetta di difendere Zenobi Sanna, un pastore accusato di furto di bestiame. Il giovane, inspiegabilmente, non solo si è dato alla latitanza ma pare voglia distruggere le possibili prove a suo favore complicando la vicenda che inizialmente appare di facile soluzione. In una narrazione a tre voci, “con una sapiente, calcolatissima commistione tra lingua e dialetto”, come scrive Andrea Camilleri nella sua Prefazione, Fois immerge il lettore in una oscura e delittuosa storia che costringerà l’avvocato, tra reticenze, patrimoni contesi, lettere e fotografie misteriose, a improvvisarsi investigatore per risolvere il caso. “Dice che l’avevano visto pensieroso, come sempre quando aveva una causa difficile. Che tutto si poteva dire di lui, ma non che non prendesse sul serio il suo lavoro”.

Semplicemente Perfetta

Thomas Bailey aveva tutto: soldi, macchine, donne e potere. Oggi ha solo sé stesso. Solo la sua voglia di ricominciare e dimostrare al mondo e soprattutto a suo padre, quello che vale. Il suo unico scopo nella vita è ormai quello di riconquistare la sua fiducia. Ma un giorno qualunque la sua buia, desolata e inutile esistenza, viene sconvolta dall’arrivo di Martina, una ragazza che prima d’ora non avrebbe destato in lui il minimo interesse, ma che mai come adesso scopre essere l’unica in grado di salvarlo.