35409–35424 di 65579 risultati

Al limite della notte

New York, oggi. Peter, quarantenne, mercante d’arte a Manhattan, ha tutto quello che un uomo potrebbe desiderare. Un lavoro che sta per dargli nuove opportunità, un bell’appartamento, una moglie affascinante, una figlia che è andata al college. Tutto. O forse no. Forse questo non può essere tutto. Forse alla vita di Peter manca qualcosa, il senso di un movimento, un’aspirazione, una tensione. Un pericolo. E quando nell’appartamento che Peter divide con Rebecca arriva Ethan, il fratello minore di sua moglie, un’attrazione misteriosa e inquietante sembra mettere a rischio qualsiasi parvenza di stabilità. L’autore Premio Pulitzer di Le ore ritorna con un romanzo seducente e sensuale, dalla scrittura densa e coinvolgente, che conduce il lettore sulle tracce di una Bellezza che tutto può salvare e tutto può distruggere.

Al giardino ancora non l’ho detto

«L’eleganza della scrittura e del mondo di Pia Pera mi hanno sempre affascinato, ma questo libro è unico e pieno di grazia. Un grande, coraggioso regalo». Daria Bignardi«Pia Pera ritaglia dai bordi della malattia – sua, ma anche dell’essere umano in quanto tale – una terra di luce e di libertà».Chiara Gamberale«Un libro dolente e luminoso». Michele Serra, la Repubblica«Questo libro di Pia Pera è splendido.» Nicola Gardini, Sole 24 orePer molti versi, avrei preferito non dover pubblicare questo libro, che non esisterebbe se una delle mie scrittrici preferite – non posso nemmeno incominciare a spiegare l’importanza che ha avuto nella mia vita, professionale ma soprattutto personale, il suo Orto di un perdigiorno – non si trovasse in condizioni di salute che non lasciano campo alla speranza. Eppure. L’orto di un perdigiorno si chiudeva con una frase che mi è sempre sembrata un modello di vita, un obiettivo da raggiungere: «Ho la dispensa piena». Oggi questa dispensa, forse proprio grazie alla sua malattia, Pia ha trovato modo di aprircela, anzi di spalancarcela. E la scopriamo davvero piena di bellezza, di serenità, di quelle che James Herriot ha chiamato cose sagge e meravigliose, di un’altra speranza. È davvero un dono meraviglioso quello che in primo luogo Pia Pera ha fatto a se stessa e che poi, per nostra fortuna, dopo lunga riflessione ha deciso di condividere con i suoi lettori. Non posso aggiungere molto, se non raccomandare con tutto il mio cuore la lettura di un libro che, come pochi altri, ci aiuta a comprendere la straordinaria avventura di stare al mondo.Luigi Spagnol«Bellissimo e struggente».Serena Dandini

Al dio sconosciuto

AL DIO SCONOSCIUTO Romanzo “profetico” che prende il titolo dal discorso tenuto da san Paolo nell’Areopago di Atene, Al Dio sconosciuto fu pubblicato nel 1933 e tradotto da Eugenio Montale nel 1946. Racconta la storia di un contadino, Joseph Wayne, che lascia la vecchia fattoria del Vermont per traversare l’America e stabilirsi insieme ai fratelli in una fertile vallata della California. Le vicende, talora cruente, che si susseguono nella “terra promessa” raggiunta da questo indecifrabile sacerdote-colono, danno luogo a un quadro di sapore pagano – primitivistico – che Steinbeck ammanta di una luce sacrale.

Al di là del bene e del male

Introduzione di Ferruccio Masini
Traduzione di Silvia Bortoli Cappelletto
Edizione Integrale
«Ogni filosofia nasconde anche una filosofia: ogni opinione è anche un nascondiglio, ogni parola è anche una maschera». Andare «al di là» vuol dire scoprire «un mondo più vasto, più strano, più ricco al di sopra di ogni superficie, un abisso sotto ogni fondo, ogni “fondazione”». In questa osservazione di Nietzsche è racchiuso il tema dell’opera, fra le più celebri e importanti del filosofo tedesco.
Al di là del bene e del male, che riprende e amplia alcuni dei concetti già presenti in Così parlò Zarathustra, è considerato da molti il testo in cui Nietzsche raggiunge il suo stile migliore, accentuando, sul piano ideologico, la funzione positiva occulta e possente delle forze del male nella vita dell’uomo.
«La volontà di verità, che ci sedurrà ancora a molte imprese arrischiate, quella famosa veridicità di cui fino ad oggi tutti i filosofi hanno parlato con venerazione: quali domande ci ha già proposto, questa volontà di verità!»
Friedrich Wilhelm Nietzsche
nacque a Röcken, in Germania, nel 1844, e morì a Weimar nel 1900. Appassionato di musica, compì i suoi primi studi nel campo della filologia classica, pubblicando nel 1872 La nascita della tragedia dallo spirito della musica. Le sue opere esercitano ancora oggi una profonda influenza sul pensiero filosofico occidentale. La Newton Compton ha pubblicato L’Anticristo – Crepuscolo degli idoli – Ecce homo, Al di là del bene e del male e Così parlò Zarathustra nella collana GTE, i due volumi Opere 1870/81 e Opere 1882/95 e inoltre Aurora, La gaia scienza, Umano troppo umano, Verità e menzogna e Volontà di potenza.

Al crepuscolo

Al crepuscolo le cose prendono forme innaturali, l’immaginazione insegue le ombre nel buio ed è così facile spaventarsi. È l’ora giusta per farsi catturare da questi tredici superbi racconti da brivido dove Stephen King propone tutti i temi in cui è maestro incontrastato: horror, thriller, storie di fantasmi e soprannaturale. Una raccolta avvincente, un concentrato di suspense ed emozioni, che incatena il lettore alla pagina. Ancora una volta, King supera se stesso, regalando il piacere di una lettura di classe e confermandosi tra i giganti della narrativa contemporanea.
**
### Sinossi
Al crepuscolo le cose prendono forme innaturali, l’immaginazione insegue le ombre nel buio ed è così facile spaventarsi. È l’ora giusta per farsi catturare da questi tredici superbi racconti da brivido dove Stephen King propone tutti i temi in cui è maestro incontrastato: horror, thriller, storie di fantasmi e soprannaturale. Una raccolta avvincente, un concentrato di suspense ed emozioni, che incatena il lettore alla pagina. Ancora una volta, King supera se stesso, regalando il piacere di una lettura di classe e confermandosi tra i giganti della narrativa contemporanea.

Al cospetto della regina (eLit)

The Tudor Rose Trilogy – Vol. 3. Audace e intelligente, Philippa si guadagna da vivere facendo il saltimbanco davanti alla cattedrale di St. Paul, a Londra. Di sé non conosce né il nome né il passato, eppure non ha mai abbandonato la speranza di poter trovare un giorno la propria famiglia. Quando però il destino le fa incontrare Aidan O’Donoghue, inizia a credere che quel sogno possa realizzarsi. Il cupo e potente capoclan irlandese, giunto nella capitale per negoziare la pace con la potente sovrana inglese, potrebbe infatti introdurla a corte, e aiutarla a risolvere l’enigma che circonda la sua nascita. A poco a poco tra i due nasce un profondo sentimento basato sulla complicità e sulla reciproca stima, ma proprio quando sta per trasformarsi in qualcosa di più, ecco che inspiegabilmente tutto si complica. The Tudor Rose Trilogy: 1)Per ordine del re 2)In nome dell’amore 3)Al cospetto della regina

(source: Bol.com)

Al cospetto della regina

Inghilterra, 1583
Audace e intelligente, Philippa si guadagna da vivere facendo il saltimbanco davanti alla cattedrale di St. Paul, a Londra. Di sé non conosce né il nome né il passato, eppure non ha mai abbandonato la speranza di poter trovare un giorno la propria famiglia. Quando però il destino le fa incontrare Aidan O’Donoghue, inizia a credere che quel sogno possa realizzarsi. Il cupo e potente capoclan irlandese, giunto nella capitale per negoziare la pace con la potente sovrana inglese, potrebbe infatti introdurla a corte, e aiutarla a risolvere l’enigma che circonda la sua nascita. A poco a poco tra i due nasce un profondo sentimento basato sulla complicità e sulla reciproca stima, ma proprio quando sta per trasformarsi in qualcosa di più, ecco che inspiegabilmente tutto si complica.
Personaggi indimenticabili, e una trama ben costruita in cui avventura e storia si intrecciano senza mai annoiare.

Al calar della sera (I Romanzi Passione)

A Londra per la sua terza Stagione, Poppy Hathaway aspetta trepidante che il giovane Michael, di cui è innamorata, trovi il coraggio di dire al proprio padre che la vuole sposare. Senonché, il destino la porta a fare la conoscenza di Harry Rutledge, enigmatico proprietario dell’albergo in cui alloggia. Harry è un uomo che non si ferma davanti a niente pur di ottenere ciò che vuole, e ora, affascinato dalla sua bellezza e dal suo spirito, desidera Poppy. Dopo essere riuscito a mandare a monte i piani dei due innamorati, mettendo loro contro il padre di Michael, chiede infine la mano della ragazza e la ottiene. Ma poco prima del matrimonio Poppy scopre le sue macchinazioni…

Al buio

Michael Harrison ha sempre avuto una passione per gli scherzi, e ai suoi quattro amici più cari ne ha organizzati di tremendi. Ora però è arrivato il suo turno: al risveglio dalla sbornia per il suo addio al celibato, gli stessi quattro compagni di baldoria si vendicano e Michael si ritrova sotto terra, chiuso in una cassa da morto con una cannuccia per respirare, una bottiglia di whisky, una rivista porno e una radiolina ricetrasmittente. Uno scherzo tremendo, orchestrato per durare qualche minuto. Ma quando i quattro buontemponi muoiono tutti in un incidente, per Michael il gioco diventa incubo.
Il suo unico legame con il mondo dei viventi è Davey, il ragazzo ritardato che ha preso la ricetrasmittente dai rottami dello schianto. Ma a cosa può servire?
Mark, il suo migliore amico e socio in affari, che non ha partecipato alla macabra festa, e Ashley, la sua fidanzata, non sanno come spiegarsi la sua scomparsa, e affidano le loro speranze al detective Roy Grace, uno strano tipo di poliziotto, che sembra fare affidamento più alle intuizioni esoteriche che alla fredda analisi scientifica… Eppure qualcuno sa dov’è sepolto Michael, se una notte lui si sente sfilare dalla bara la cannuccia da cui respira…

Akropolis. La grande epopea di Atene

In una narrazione che dal mito conduce fino alla progressiva affermazione di Atene quale potenza egemone del Mediterraneo, si incontrano nomi come Zeus, Atena, Teseo, Dedalo, Pericle, Socrate, Fidia. Dei ed eroi, ma soprattutto poeti, filosofi e condottieri che sono stati artefici di un’età irripetibile di tragedia, splendore e libertà. Sono loro i protagonisti del romanzo d Atene che tra battaglie e capolavori d’arte, tra filosofia e teatro, porta i lettori alla scoperta di una civiltà che costituisce da più di duemila anni il modello di riferimento per tutto il mondo occidentale.
**

L’airone

Con crudo minimalismo “L’airone” racconta una giornata di caccia di Edgardo Limentani, di cui registra il montare lento e inesorabile del disgusto, del suo orrore sordo per l’esistenza. Siamo nell’inverno del 1947, nelle nebbie della Bassa, il risveglio di Edgardo è all’insegna del fastidio per ogni cosa. Il romanzo – in terza persona – accompagna Edgardo nei suoi spostamenti in quella che è l’ultima giornata della sua esistenza, indugiando nel descrivere con tecnica cinematografica i suoi gesti, anche minimi. Tra Ferrara, Codigoro e le rarefatte atmosfere del Po di Volano, Bassani, dopo la città e la campagna circostante, descrive una terra che vive anche sulle acque, in quello che è forse suo romanzo più esistenzialista. “L’airone” è il romanzo del dolore definitivo, di un malessere esistenziale onnicomprensivo che pervade ogni aspetto della realtà: l’individuo, i suoi affetti, le cose, la natura.
**

Ai morti non dire addio

Dopo La ragazza di pietra e Polvere alla polvere, ritorna Jonathan Stride, il detective più amato di Brian Freeman Dopo la morte di sua moglie Cindy, portata via da una malattia terribile, l’esistenza del detective Jonathan Stride è andata in mille pezzi. E anche se oggi, nove anni dopo, accanto a lui c’è una nuova donna, Serena, il fantasma di Cindy non ha abbandonato la sua casa, e la sua testa. Non è il solo: perché il passato è in agguato in modi ancor più tortuosi e imprevedibili per Stride. Serena, infatti, per caso ritrova una pistola che viene poi identificata come l’arma di un vecchio delitto, avvenuto tempo prima, in una strada della cittadina di Duluth. Ciò che Serena non sa è che quel crimine è strettamente connesso con gli eventi che segnarono l’ultimo anno della vita di Cindy: un omicidio di cui fu incolpata la sua migliore amica, Janine. Fu proprio Stride a condurre l’indagine e incastrare Janine, anche senza l’arma del delitto. Ora, Serena ha in mano l’oggetto che potrebbe ribaltare la sentenza di nove anni prima. E mentre Stride è alle prese con una serie di rapimenti di donne avvenuti al porto di Duluth, si trova costretto a fare i conti di nuovo con quel caso che ritorna dal passato – e con la possibilità di un terribile errore: e se avesse mandato in prigione la donna sbagliata? Con una scrittura incalzante e una trama ricchissima di suspense e colpi di scena, Ai morti non dire addio è il nuovo, apprezzatissimo romanzo di un autore ormai tra i più grandi del thriller contemporaneo. «Freeman sa come si racconta una storia» MICHAEL CONNELLY «Freeman fa volare le pagine.» JEFFERY DEAVER «Una trama perfettamente orchestrata… questo nuovo thriller di Brian Freeman sta davvero fuori dal mucchio.» PUBLISHERS WEEKLY

Ai margini della città

A Jason Palmer piaceva fare il soldato, ma l’hanno congedato in modo poco onorevole. E adesso, al ritorno dall’Iraq, deve combattere la sua battaglia più dura: quella per rimettere insieme i pezzi della propria vita. Elena Cruz è un poliziotto di talento, la prima donna della Gang Intelligence Unit di Chicago, ora però è stata assegnata a un lavoro d’ufficio a causa di una relazione con un collega. La faticosa normalità dei due protagonisti è sconvolta quando il fratello di Jason, impegnato nel recupero dei giovani nel difficile sobborgo di Crenwood, viene assassinato sotto gli occhi del figlio di otto anni. Jason ed Elena collaborano per sventare un complotto che li porterà dalle pericolose strade del ghetto alle esclusive residenze degli uomini più potenti della città. In un mondo in cui gli affari sono sinonimo di violenza e corruzione, saranno loro due l’unica possibilità di salvezza per il bambino, braccato da individui senza scrupoli decisi a trovarlo. E a ucciderlo.

Ahmed e altre storie

Tre racconti ambientati a Natale: Ahmed è un orfano che vive nel deserto e che conduce i magi alla capanna di Betlemme, Guidone è un duca malvagio che si lascia intenerire il cuore nella notte di Natale, Gretchen è una nonnina che prepara un golfino caldo per Gesù Bambino. Età di lettura: da 8 anni.

Agrò e la deliziosa vedova Carpino

Agli inizi del 1991, al sostituto procuratore Italo Agrò, appena trasferito a Roma, viene assegnata come primo caso l’inchiesta sulla morte del commerciante di legname Abramo Carpino, trovato morto nella sua Mercedes davanti all’ingresso di casa. I sospetti del fratello del defunto, Aaron, si indirizzano sulla vedova, vista teneramente abbracciata a un uomo. Ma le indagini fanno scoprire ad Agrò che non tutto è come sembra nella vicenda e che la verità potrebbe essere assai più complessa. Sarà durante una forte nevicata che blocca tutti gli indiziati nella villa della vedova che Agrò, interrogandoli uno alla volta e incrociando le deposizioni come nella migliore tradizione del giallo classico, risolverà il caso.