34929–34944 di 72802 risultati

Nulla

Nulla è una cittadina di provincia. Secondo le ultime stime ha un’estensione che copre tutta l’Italia, e un numero di abitanti pari ad oltre due terzi dell’intera popolazione nazionale. Nulla ha confini brulicanti e incerti, é un ammasso di periferie senza centri. A Nulla, la noia è madre del vizio, cugina dell’ozio, sorella della frustrazione. I sondaggi la danno come prima assoluta nel computo di apparecchi televisivi pro capite; nel numero di automobili in rapporto al numero di abitanti; nella carenza di proposte. Per raggiungere Nulla si attraversa un’autostrada, una superstrada o, più semplicemente, una strada sovrastata dai cavalcavia. O il mare, o il monte, o la pianura, o la statale spappolata dalle frane, o l’immensa circonvallazione incompiuta, o la bretella priva di segnaletica. Per raggiungere Nulla si possono attraversare persino gli oceani. I sondaggi la danno come prima assoluta nell’incremento della micro e della macro criminalità, nei consumi di telefoni cellulari e pastiglie dimagranti, negli abusi di alcol e droghe. I sondaggi danno in crescita i suicidi…
**

La nube avvelenata

Secondo del ciclo del Professor Challenger, questo romanzo è di chiara impostazione fantascientifica, stante l’ipotesi della cessazione di ogni forma di vita sulla Terra a seguito del propagarsi di una nube velenosa. Il Professor Challenger, il protagonista di questa avventura, assieme ai compagni di cui aveva fatto la conoscenza in occasione del viaggio nell’America del Sud alla ricerca del Mondo Perduto, riesce a sopravvivere agli effetti di questa nube venefica e si aggira in un’Inghilterra ormai deserta alla ricerca di qualche sopravvissuto. Ne troverà?Arthur Conan Doylenacque a Edimburgo nel 1859. Benché il suo nome rimanga indissolubilmente legato a quello di Sherlock Holmes, lo scrittore ebbe anche altri interessi, tra cui la storia, il giornalismo e soprattutto lo spiritismo. Nel 1903 venne insignito del titolo di baronetto. Morì nel 1930. Di Conan Doyle la Newton Compton ha pubblicato Le avventure di Sherlock Holmes, Il ritorno di Sherlock Holmes, Sherlock Holmes e il mastino dei Baskerville, Sherlock Holmes. Uno studio in rosso – Il segno dei Quattro, L’ultimo saluto di Sherlock Holmes, Sherlock Holmes. La Valle della Paura e il volume unico Tutto Sherlock Holmes.
(source: Bol.com)

Novembre alle porte. Cronache della famiglia Slepak

Quelle che Potok racconta sotto forma di romanzo in “Novembre alle porte” sono le vicende di Salomon Slepak e di suo figlio Volodya. Solomon, ebreo, bolscevico, comandante militare e diplomatico, riuscì a sopravvivere miracolosamente alle purghe staliniane e mantenne fino alla fine la fede nel comunismo. Suo figlio Volodya entrò a far parte dell’élite scientifica moscovita, finché non scelse la strada del dissenso: per diciotto anni Volodya e sua moglie Mascia furono oggetto delle malevole attenzioni di governo e servizi segreti. Attraverso questa tormentata e avvincente vicenda familiare, Potok racconta dall’interno il dramma della Russia della Rivoluzione d’Ottobre a oggi. Così il contrasto tra padre e figlio – uno dei grandi temi della sua narrativa – dà concretezza e comprensibilità alla storia del nostro secolo.
**

Novelle rusticane

Novelle rusticane
Giovanni Verga, scrittore e drammaturgo italiano (1840-1922)
Questo libro elettronico presenta «Novelle rusticane», di Giovanni Verga.
Indice interattivo
– Presentazione
– Il Reverendo
– Cos’è Il Re
– Don Licciu Papa
– Il Mistero
– Malaria
– Gli Orfani
– La Roba
– Storia Dell’asino Di Giuseppe
– Pane Nero
– I Galantuomini
– Libertà
– Di Là Del Mare
**
### Sinossi
Novelle rusticane
Giovanni Verga, scrittore e drammaturgo italiano (1840-1922)
Questo libro elettronico presenta «Novelle rusticane», di Giovanni Verga.
Indice interattivo
– Presentazione
– Il Reverendo
– Cos’è Il Re
– Don Licciu Papa
– Il Mistero
– Malaria
– Gli Orfani
– La Roba
– Storia Dell’asino Di Giuseppe
– Pane Nero
– I Galantuomini
– Libertà
– Di Là Del Mare

Novelle orientali

L’invito del giovane Ling al pittore Wang-Fô: “Il mare è bello, il vento è favorevole… Partiamo, Maestro mio, per le terre al di là delle onde” raccoglie il senso intero delle Novelle orientali di Marguerite Yourcenar. Un viaggio in un Oriente che si stende dall’India ai Balcani, dal Giappone alla Grecia, e che ispira storie tragiche e fantastiche. Antiche leggende slave, apologhi taoisti e miti indù vengono ricondotti a una drammaticità di sentimenti veri, in cui l’assurdo diventa possibile e le ombre si materializzano. Come suggerisce Antonia Arslan, anche le parole dell’autrice cedono alla potenza del mondo magico che lei stessa evoca: “In lei l’alterigia serena della gran dama si piega all’ammirazione per questi caratteri primitivi e vigorosi, che obbediscono alla logica violenta di passioni estreme, sicché tutto si tinge del genio di una scrittura corrusca e sfumata, capace di realismi brutali e di languori sovrannaturali come ombre, o esili tracce su vetro”. Una scrittura che ha il fascino di qualcosa che è “a mezza strada fra l’autentico e il fasullo, fra la porcellana originale e la squisita imitazione europea”. Perché la Yourcenar non si accontenta di immergersi in un sogno, ma scompiglia le carte: se le trame aderiscono allo spirito delle leggende originali, c’è sempre uno scarto, un continuo gioco di rimandi; e sempre, in queste Novelle, il destino si prende gioco degli uomini.

Le novelle marinaresche di mastro Catrame

Mastro Catrame al calar della sera, disteso su un barile di vecchio Cipro, racconta le sue avventure ai giovani marinai che lo ascoltano con interesse e stupore, e talora con paura e sgomento. Ma a contrastare il vecchio marinaio c’è il comandante, che smonta di volta in volta i racconti misteriosi e fantastici con spiegazioni razionali e scientifiche. In realtà mastro Catrame vuole trasmettere ai giovani il proprio bagaglio di esperienze e di conoscenze, attraverso la fantasia, che domina da secoli il mondo del mare. Dopo la sua ultima apparizione, chiede al giovane marinaio che sta per sbarcare di raccogliere le sue memorie e di metterle per iscritto.
Un finale commovente di un vecchio che dice ad un giovane: ricordati di onorare le antiche tradizioni del mare, e ama la vita e non rinunciare mai a sognare!
L’autore
Emilio Carlo Giuseppe Maria Salgàri (Verona, 21 agosto 1862 – Torino, 25 aprile 1911) è stato uno scrittore italiano di romanzi d’avventura molto popolari.
Introduzione a cura di Alessio Buonomo
Alessio Buonomo nasce il 4 febbraio 1978, nel 1996 ha conseguito la Maturità Classica presso il Liceo Classico “V. Pollione” di Formia e successivamente si è laureato in Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Cassino, con una tesi di argomento storico-contemporaneo. All’Università ha collaborato part-time presso l’Ufficio del Manager Didattico. Appassionato di studi storici e di politica ha scritto per alcune riviste locali e non, inoltre, ha svolto diverse esperienze nell’associazionismo culturale e non profit assumendo incarichi amministrativi e di ufficio stampa. Nel 2007 ha ricoperto un ruolo significativo nell’Ufficio di Gabinetto del Comune di Gaeta come responsabile delle relazioni pubbliche e istituzionali, cerimoniale e segreteria, terminato nel 2012. Ha seguito un breve corso di studi in “Management della Pubblica Amministrazione” e negli anni successivi un corso più intenso in “Tecniche Legislative e Relazioni Istituzionali” presso il RISL (Rivista Italiana di Studi Legislativi – Roma 2012/13). Attualmente è impegnato nel settore dell’informazione e della comunicazione, del web editing e del web marketing, e come intermediario e consulente commerciale.
**
### Sinossi
Mastro Catrame al calar della sera, disteso su un barile di vecchio Cipro, racconta le sue avventure ai giovani marinai che lo ascoltano con interesse e stupore, e talora con paura e sgomento. Ma a contrastare il vecchio marinaio c’è il comandante, che smonta di volta in volta i racconti misteriosi e fantastici con spiegazioni razionali e scientifiche. In realtà mastro Catrame vuole trasmettere ai giovani il proprio bagaglio di esperienze e di conoscenze, attraverso la fantasia, che domina da secoli il mondo del mare. Dopo la sua ultima apparizione, chiede al giovane marinaio che sta per sbarcare di raccogliere le sue memorie e di metterle per iscritto.
Un finale commovente di un vecchio che dice ad un giovane: ricordati di onorare le antiche tradizioni del mare, e ama la vita e non rinunciare mai a sognare!
L’autore
Emilio Carlo Giuseppe Maria Salgàri (Verona, 21 agosto 1862 – Torino, 25 aprile 1911) è stato uno scrittore italiano di romanzi d’avventura molto popolari.
Introduzione a cura di Alessio Buonomo
Alessio Buonomo nasce il 4 febbraio 1978, nel 1996 ha conseguito la Maturità Classica presso il Liceo Classico “V. Pollione” di Formia e successivamente si è laureato in Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Cassino, con una tesi di argomento storico-contemporaneo. All’Università ha collaborato part-time presso l’Ufficio del Manager Didattico. Appassionato di studi storici e di politica ha scritto per alcune riviste locali e non, inoltre, ha svolto diverse esperienze nell’associazionismo culturale e non profit assumendo incarichi amministrativi e di ufficio stampa. Nel 2007 ha ricoperto un ruolo significativo nell’Ufficio di Gabinetto del Comune di Gaeta come responsabile delle relazioni pubbliche e istituzionali, cerimoniale e segreteria, terminato nel 2012. Ha seguito un breve corso di studi in “Management della Pubblica Amministrazione” e negli anni successivi un corso più intenso in “Tecniche Legislative e Relazioni Istituzionali” presso il RISL (Rivista Italiana di Studi Legislativi – Roma 2012/13). Attualmente è impegnato nel settore dell’informazione e della comunicazione, del web editing e del web marketing, e come intermediario e consulente commerciale.
### L’autore
Emilio Salgari (Verona, 21 agosto 1862 – Torino, 25 aprile 1911) è stato uno scrittore italiano di romanzi d’avventura molto popolari.

Novelle

Questo ebook è un testo di pubblico dominio. Potete trovare il testo liberamente sul web. La presente edizione è stata realizzata per Amazon da Simplicissimus Book Farm per la distribuzione gratuita attraverso Kindle.
**
### Sinossi
Questo ebook è un testo di pubblico dominio. Potete trovare il testo liberamente sul web. La presente edizione è stata realizzata per Amazon da Simplicissimus Book Farm per la distribuzione gratuita attraverso Kindle.

La novella del buon vecchio e della bella fanciulla

Dall’incipit del libro: “Ci fu un preludio all’avventura del buon vecchio, ma si svolse senza ch’egli quasi l’avvertisse. In un breve istante di riposo dovette ricevere nel suo ufficio una vecchia donna che gli presentava e raccomandava una fanciulla, la propria figlia. Erano state ammesse alla sua presenza in forza di un biglietto di presentazione di un suo amico. Il vecchio strappato ai suoi affari non arrivava a levarseli del tutto dalla mente e guardava intontito il biglietto sforzandosi d’intenderlo presto e presto liberarsi dalla seccatura.”
Nota: gli e-book editi da E-text in collaborazione con Liber Liber sono tutti privi di DRM; si possono quindi leggere su qualsiasi lettore di e-book, si possono copiare su più dispositivi e, volendo, si possono anche modificare.
Questo e-book aiuta il sito di Liber Liber, una mediateca che rende disponibili gratuitamente migliaia di capolavori della letteratura e della musica.
**
### Sinossi
Dall’incipit del libro: “Ci fu un preludio all’avventura del buon vecchio, ma si svolse senza ch’egli quasi l’avvertisse. In un breve istante di riposo dovette ricevere nel suo ufficio una vecchia donna che gli presentava e raccomandava una fanciulla, la propria figlia. Erano state ammesse alla sua presenza in forza di un biglietto di presentazione di un suo amico. Il vecchio strappato ai suoi affari non arrivava a levarseli del tutto dalla mente e guardava intontito il biglietto sforzandosi d’intenderlo presto e presto liberarsi dalla seccatura.”
Nota: gli e-book editi da E-text in collaborazione con Liber Liber sono tutti privi di DRM; si possono quindi leggere su qualsiasi lettore di e-book, si possono copiare su più dispositivi e, volendo, si possono anche modificare.
Questo e-book aiuta il sito di Liber Liber, una mediateca che rende disponibili gratuitamente migliaia di capolavori della letteratura e della musica.

Novella degli scacchi

Chi è lo sconosciuto in grado di tenere testa al grande Czentovic, il campione del mondo di scacchi? Dice il vero, quando sostiene di non giocare da più di venti anni? Quale mistero nasconde in realtà quest’enigmatico giocatore? Scritto pochi mesi prima che Zweig si suicidasse nella città brasiliana di Petrópolis, “Novella degli scacchi” è una inquietante favola, “un piccolo contributo – come sostiene con dolorosa ironia il protagonista – a questa nostra epoca cosi grande e soave”. “Fra i due si instaurò di colpo un rapporto diverso; una pericolosa tensione, un odio appassionato. Ormai non erano più due persone che volevano mettere alla prova la propria perizia nel gioco, erano due nemici che avevano giurato di distruggersi a vicenda”.

Notturno

Quando cala la notte sulla scrittura di Joyce Carol Oates l’atmosfera, da realista che era, si fa spettrale. Ma lentamente, in un lungo crepuscolo sinistro. È nell’attesa o nella paura di questo crepuscolo che si dipanano i racconti di “Notturno”, nelle sue ombre dilatate che si aggirano i personaggi. Spesso celano un segreto, come “Le vedove” che da poco hanno perso il marito, l’una solare, stranamente spensierata, l’altra cupa e silenziosa. Le due giovani donne diventano amiche, si raccontano le proprie vite, confrontano la triste perdita e in questo strano rapporto si avverte che qualcosa di spaventoso, forse un’epifania, sta per avvenire. Anche nel bellissimo racconto “La traduzione” si può parlare di rivelazione epifanica per l’americano ospite di un paese straniero che per molti aspetti potrebbe sembrare la Russia di qualche anno fa. Il protagonista è rapito dalla stupenda architettura del posto, dalla vivacità della gente e si innamora a prima vista di una ragazza. Si crea tra loro un’atmosfera da fiaba, nonostante non possano comunicare direttamente e debbano ricorrere a un interprete.

Le notti bianche

“Era una notte incantevole, una di quelle notti che succedono solo se si è giovani.” Passeggiando solitario lungo il fiume in una notte bianca, l’eroe del racconto – un tipico “sognatore romantico” che trascorre i suoi giorni immerso nella dimensione del sogno – incontra una ragazza che risveglia in lui il sentimento dell’amore. Coraggiosamente decide di fuggire dal regno dei sogni e delle fantasticherie e di aprirsi alla vita. Ma quando la ragazza gli rivela di amare un altro, la sua speranza svanisce, annullata dalla vendetta del destino, ricacciata nella dimensione del sogno, a un tempo capace di dare felicità e sofferenza. Un regno delle illusioni che è anche metaforicamente simbolo del male. Con uno scritto di André Gide.

Notte prima degli esami oggi

Luca Molinari è di nuovo il pronto a giocare la sua partita. Stavolta lo scenario è quello della Roma di oggi. Ci sono ancora gli esami di maturità, che più si avvicinano più sembrano una missione impossibile. Ma in un anno in cui l’Italia vince un Mondiale di calcio in quel modo, grazie a due come Grosso e Materazzi, può succedere proprio di tutto. Anche una storia con una come Azzurra. Lei fa già l’università, studia biologia marina. E di poco più grande di lui e di parecchio più disinibita. Bella da balbettare quando te la trovi davanti, lo travolge, lo stordisce e lo trascina in pazze avventure metropolitane: scherzi di massa organizzati col tam tam in Rete; struggenti bagni proibiti nella vasca dei delfini; balli di gruppo tutti nudi sul ponte di Castel Sant’Angelo. La loro storia, un tira e molla romantico che lascia col fiato sospeso fino al finale, è fatta di colpi di testa, blog che ti scavano l’anima e, come sempre, paura di farsi male con l’amore. Poi ci sono, e non se ne può fare a meno, gli amici, i gruppi, le tribù, i genitori spesso più scapestrati dei figli -, la musica, le feste, le delusioni. I gesti e gli sguardi, gli abbracci e le carezze. Anche quelle non date.

La notte mi appartiene

Dopo vent’anni dalla consegna del diploma, Jean Sheridan, ora famosa storica e autrice di best-seller, torna alla Stonecroft Academy per essere premiata con sei ex compagni di corso. L’evento è però funestato da una triste notizia: Alison, bella e affermata agente di Hollywood, non potrà partecipare alla cerimonia perché pochi giorni prima è morta nella piscina di casa sua, affogata. Ad accrescere l’inquietudine che aleggia nella cittadina sede del ritrovo è la consapevolezza che Alison è solo l’ultima di una serie di morti perlomeno sospette. Ben cinque delle allieve ritratte in una fotografia ai tempi del college sono scomparse precocemente, chi uccisa da una valanga, chi in un incidente, chi per suicidio.
**

La notte ha mille occhi

Una donna giovane, bella, ricca, all’apparenza una dei privilegiati della terra, cerca di uccidersi gettandosi nel fiume, in una limpida notte in cui le stelle sembrano minacciarla come occhi puntati implacabilmente su di lei. A salvarla è un poliziotto, che si lascerà condurre in una lotta di allucinante tensione per sventare quello che appare un complotto assurdo, folle, inspiegabile. Thrilling di altissima classe, *La notte ha mille occhi* è l’autentica “cronaca di una morte annunciata”. L’avversario da battere è infatti la morte stessa; Shawn, il giovane poliziotto, la insegue in una di quelle disperate corse contro il tempo che sono tra gli elementi più affascinanti della narrativa di Woolrich.