34337–34352 di 68366 risultati

Storie rosse

Il nome di Emilio Salgari è uno dei più suggestivi per i nostri ragazzi. Ben pochi autori hanno la fortuna di destare in loro tanta fiducia e tanto entusiasmo. Essi sanno che la loro aspettativa non fu mai delusa, e perciò ogni nuovo libro di viaggi o di avventure che porti in fronte il nome del Salgari ha l’eguale accoglienza fatta al primo, col quale fecero la conoscenza del fecondo scrittore. (Introduzione Storie Rosse, 1910)
Una raccolta di quindici avventure, provenienti da altrettanti romanzi. Ogni capitolo è preceduto da un brevissimo riassunto dell’antefatto, in modo che il lettore possa avere innanzi a sé un’idea chiara della scena in cui si inquadra il racconto.
Storie Rosse:
La caverna degli antropofagi (Il tesoro della Montagna Azzurra)
Il campo degli apaches (Il re della prateria)
L’assalto dei patagoni (La Stella dell’Araucania)
Nella città sottomarina (Le meraviglie del duemila)
L’incendio della nave (Un dramma nell’Oceano Pacifico)
Il Re dell’Aria (Il Re dell’Aria)
La caccia al conte di Ventimiglia (Il figlio del Corsaro Rosso)
La milizia dei disperati (Sull’Atlante)
I bufali selvaggi (Sandokan alla riscossa)
Le meravigliose trovate di un guascone (Gli ultimi filibustieri)
Una confessione penosa (I corsari delle Bermude)
Alle estreme terre boreali (Una sfida al Polo)
La leggenda del cavallo bianco (Sulle frontiere del Far-West)
Una partita di boxe nella prateria (La Scotennatrice)
Le guerre indiane e le Selve Ardenti (Le Selve Ardenti)

Storie marziane

C’è un genere di fantascienza che gli specialisti chiamano planetary romance, e che si svolge su pianeti esotici ideali per ambientare magnifiche avventure. Al genere appartiene, per esempio, il ciclo di Tschai del compianto Jack Vance, ma la sua rappresentante più nota è Leigh Brackett, che dieci anni dopo aver raccolto in volume queste Storie marziane avrebbe scritto la sceneggiatura del secondo capitolo di Star Wars, L’impero colpisce ancora. Brackett ci trasporta su un Marte favoloso come i più lontani pianeti della galassia, forse improbabile eppure necessario. Risalenti all’epoca d’oro delle riviste americane, i capitoli di questa odissea a episodi possono fare concorrenza alle celebri Cronache di Ray Bradbury, ma i loro eroi ed eroine hanno una passione per l’azione e il pericolo che è seconda solo al loro amore per un mondo perduto.
Copertina di Franco Brambilla

Storie macabre

Dal cannibalismo agli omicidi più efferati, dal marito che ghigliottina la propria consorte alla povera fanciulla che scopre di aver sposato un boia, le sei storie macabre raccolte in questo volume costituiscono un eccezionale campionario di orrori, un autentico gioiello della narrativa macabra, firmato dall’autore dell’ormai classico *Il fantasma dell’Opera*.

Storie di streghe

La figura della strega, questa donna che fa uso di arti magiche per piegare la realtà al proprio volere, ha stimolato l’immaginazione di artisti e scrittori oltre che essere oggetto di studi storici, religiosi e antropologici. In questa antologia sono stati raccolti alcuni dei più emblematici ed inquietanti racconti che la vedono come protagonista: che viaggi di notte, sullo sfondo di una falce di luna a cavallo di una scopa, o che balli in una radura in mezzo alla foresta al ritmo delle musiche diaboliche del Sabba, seguita, tra le nuvole, da uragani e cicloni, o si trovi nella sua capanna circondata da teschi piantati su pali, giovane o vecchia, brutta o bellissima, la strega è comunque malvagia e la sua Magia Nera è sempre foriera di guai.
**

Storie di spionaggio e di finzioni

Le cinque storie della prima parte (Miss King, Il messicano calvo, Giulia Lazzari, Il traditore, La biancheria di Mr. Harringhton) hanno come protagonista l’agente segreto Ashenden in azione durante la prima guerra mondiale. Le altre (Prima del ricevimento, Eroe di cartapesta, La virtù, La moglie del colonnello, Impronte nella giungla, Il tesoro, Le convenienze sociali) sono ambientate per lo più in Inghilterra e mettono in scena finzioni sociali, di interesse, amorose, curiosamente simili a quelle in cui è costretto a lavorare un agente segreto. Agenti, ballerine, sicari messicani e falsi gentiluomini: dodici storie di un classico contemporaneo.

Le Storie di Selot: Volume I (L’inizio) – Volume II

Le Storie di Selot – Versione completa – Vol ‘L’inizio’ e Vol II
Abbandonato alla nascita, Selot ha vissuto i primi quindici anni della sua vita chiuso nelle mura dell’Abbazia di Affradatis. Le rigidissime regole della vita monacale prevedono che i giovani frati non possano alzare la testa né lo sguardo in presenza di altri. Selot non conosce nulla di se stesso, neppure il colore dei suoi occhi.
Il marchese di Atiarav, signore delle terre a cui appartiene anche l’Abbazia, si reca presso l’abate per chiedergli aiuto in vista di una missione di vitale importanza, ma dai contorni imperscrutabili. Gli richiede il servizio di un frate di fedeltà assoluta, rigore personale, resistenza fisica, cieca obbedienza. L’abate sceglie Selot, nonostante la sua giovane età, per il carattere e per le qualità non comuni che lo distinguono. Il marchese e Selot partono per un viaggio verso le più alte cime dei monti Eizco. Lungo il viaggio, Selot inizia a scoprire la sua inaspettata natura che presto gli imporrà di prendere in mano le redini della sua vita. Iniziano così le avventure di Selot, segnate dal segreto che potrà forse salvare il marchesato di Atiarav da una terribile minaccia. Affiorano le sue origini e il suo destino, legato ad una stirpe di guerrieri creata da un misterioso popolo a difesa dell’umanità. Selot attraversa prove durissime, spingendosi incessantemente oltre i propri limiti, per servire e salvare.
“Quello che sei non dipende da quello che ti accade o dalle situazioni terribili che sei costretto a vivere, ma da come tu affronti tutto questo. Il tuo cuore saprà distinguere e ti condurrà sulla tua strada, anche in queste fiamme d’inferno. Resta dalla parte giusta del cuore.”
**

Storie di Natale

Sette scrittori si misurano in questa antologia con il tema del Natale, sono storie fuori dall’ordinario e che riservano al lettore non poche sorprese. Liberi di sviluppare una narrazione sul tema che da duemila anni in qua è vissuto a tutte le latitudini, si sono sbizzarriti.
**
### Sinossi
Sette scrittori si misurano in questa antologia con il tema del Natale, sono storie fuori dall’ordinario e che riservano al lettore non poche sorprese. Liberi di sviluppare una narrazione sul tema che da duemila anni in qua è vissuto a tutte le latitudini, si sono sbizzarriti.

Storie di lupi mannari

In questo volume sono raccolti i romanzi e i racconti più belli scritti dai migliori autori del genere fantastico sul tema dei Lupi Mannari. Assorbita nell’infanzia da ciascuno di noi, tramandata nelle fiabe e nelle credenze popolari di ogni età, presente nell’immaginario mediterraneo ancor più del Vampiro e del Ghoul, la figura dell’uomo-lupo continua a turbarci e ad attrarci come l’«altra faccia» della personalità umana. L’horror, la suspense, il terrore e la leggenda – tutti ingredienti contenuti nelle pagine di questo libro – si fondono armoniosamente assicurando al lettore interesse, avventura, coinvolgimento emotivo e, soprattutto, una lettura assolutamente affascinante e diversa. Oltre agli autori elencati, sono presenti nell’antologia racconti di: Manly Banister, Gladys Gordon Pendarves, Jessie Douglas Kerruish, Frederick Marryat, Edith Nesbit, Gianni Pilo, Kirk Washburn. A cura di Gianni Pilo e Sebastiano Fusco. Con il saggio: “Il Lupo Mannaro” e con le appendici: 1. Il “Lai du Bisclavret” 2. Werewolf 3. Artù e Gorlagon 4. Dal “Dictionnaire Infernal” di Jacques Collin de Plancy Inoltre filmografia, bibliografia, schede degli autori e prime pubblicazioni.

Storie di Demoni

Il preciso etimo della inquietante terminologia demoniaca non sempre è stata considerata nel suo effettivo valore. Le parole Demonio e Demoni, derivano dal termine greco ‘Daimon’, e ‘Daimones’, : tali esseri, considerati di natura divina (sebbene di un ordine secondario, rispetto all’ordine primario degli Dei), venivano generalmente indicati come responsabili di tutte le umane vicende, sia positive che negative. Altrettanto diffusa della parola Demonio, è la parola “Diavolo” che deriva dalla radice greca ” Diabolos”, ovvero” Il Calunniatore”. Questa è forse la definizione più appropriata per indicare il principio del Male, chiamato dai teologi del tempo con il parziale appellativo di ” padre delle Menzogne”. Ogni uomo, ogni città, ogni famiglia, possedeva un proprio Demone – in genere benefico – che era quasi sempre prodigo di consigli, protezione, fortune e benessere. Il proprio Demone insomma, era un antesignano pagano dell’Angelo Custode della cristianità, mutuato di segno e funzioni con l’ovvio trapasso di poteri da una civiltà all’altra.
INTRODUZIONE di Domenico Cammarota
IL SANTUARIO di E.F. Benson
IL DEMONIO A PADOVA di Giuseppe Brunati
LA MORTE VIOLETTA di Gustav Meyrink
L’EREDITÀ DELL’ASTROLOGO di Roger Pater
ALOUQA, O LA COMMEDIA DEI MORTI di Jean Louis Bouquet
A PORTA INFERI di Roger Pater
BELZEBÙ di Robert Block
DE PROFUNDIS di Roger Pater
IL GIARDINO MALATO di Michel De Ghelderode
LA COMPAGNIA DI UN COLLEZIONISTA di Robert H. Maiden
CICATRICI di Adrian Cole

Storie Di Cose Semplici

Il dado, il filo, la chiave, l’anello, lo specchio, il bottone e la sfera sono cose semplici che incontriamo quotidianamente, ma di cui spesso ci dimentichiamo, perché la cultura contemporanea sempre più si lascia ammaliare dalla complessità dei sistemi e dalla leggerezza delle realtà virtuali. Questo saggio, facendo il controcanto alle cinque Lezioni americane di Italo Calvino, esamina come le “cose semplici” di fatto spesso dimostrino la loro importanza nella semplicità, nella lentezza, nella pesantezza, nella singolarità, nella stessa invisibilità. Ma la loro “consistenza” – questa appunto avrebbe dovuto essere la sesta Lezione – risiede appunto nel fatto che la loro forza, simbolica e reale sta proprio nel fatto che sono cose concrete, che tutti possiamo toccare, anche quando assumono un significato metaforico. I sette oggetti semplici avrebbero potuto essere accompagnati da molti altri esemplari, ma questo libro deve rimanere soprattutto uno stimolo affinché si possa ricuperare una maggiore attenzione alla concretezza delle cose, che non è solo importante quando sono riposte nelle vetrine di un museo di cultura materiale, ma perché sono parte di noi. Letteratura e tecnica, arte e filosofia, musica e cronaca, ogni giorno dimostrano come queste “cose” siano le vere protagoniste di quella che i francesi chiamano civilization: l’Anello del Nibelungo, il Bottone di Pushkin, e il “dado brunelleschiano” sono soltanto alcuni esempi di come queste “cose” abbiano trovato un posto d’onore nella storia. E questo è un libro in cui si raccontano tante storie, come le fiabe che introducono le nostre cose, per farci entrare nel loro mondo accompagnati dalla fantasia.

Storie di Bibbia per adulti

Giobbe è tornato sul suo mucchio di strame e vuole la rivincita da Dio. Un raffinato computer ricostruisce alla perfezione le tavole dei Comandamenti partendo da un milione di frammenti indecifrabili – ma, compiuta l’opera, ci ripensa. Sheila, sensuale e lasciva peccatrice salvata dal diluvio dal pescatore Ark, ha in mente un piano tutto suo. Una congregazione di androidi asessuati crede che la teoria dell’evoluzione di Darwin riguardi anche loro, e perciò attende con ansia il sorgere del Grande Giorno Genitale. E Dio, per parte sua, prova a spiegare perché ha colpito l’umanità con una strana pestilenza: a sentir Lui (e Lui ha sempre ragione: l’hanno assunto per questo) chi risparmia il bastone rovina i figli…

Storie della disperanza (L’Arcipelago Einaudi Vol. 40)

Negli anni Ottanta Álvaro Mutis, dopo una lunga ricerca poetica apprezzata dai critici e dal pubblico, allunga il respiro della sua narrazione con le avventure di Maqroll il Gabbiere, protagonista di una serie di romanzi che aprono al loro autore le porte dei maggiori riconoscimenti internazionali (fra cui, nel 2001, il Premio Cervantes, il piú ambito per la letteratura in lingua spagnola). Anche in questo inedito volume di racconti – scelti personalmente da Mutis – troviamo i personaggi e i temi a lui cari e tanto amati dei lettori: dall’ultima (per ora) avventura di Maqroll il Gabbiere di Un Re Mago a Pollensa , ai racconti del diplomatico portoghese di I testi di Alvar de Mattos , dalle immaginifiche avventure di Alar l’Illirico, stratega dell’imperatrice Irene di La morte dello stratega , al piranesiano Diario di Lecumberri , dal resoconto della presa di Costantinopoli da parte di Maometto II, alla «fotografia» dell’inizio della sfolgorante carriera del generale Bonaparte… Tutte storie, fra realtà e finzione, scritte con la passione e l’eleganza tipiche di Álvaro Mutis, e impregnate di quella «disperanza» che, eternamente, avvolge il destino degli uomini e il loro cammino. A cura di Gaetano Longo.
**
### Sinossi
Negli anni Ottanta Álvaro Mutis, dopo una lunga ricerca poetica apprezzata dai critici e dal pubblico, allunga il respiro della sua narrazione con le avventure di Maqroll il Gabbiere, protagonista di una serie di romanzi che aprono al loro autore le porte dei maggiori riconoscimenti internazionali (fra cui, nel 2001, il Premio Cervantes, il piú ambito per la letteratura in lingua spagnola). Anche in questo inedito volume di racconti – scelti personalmente da Mutis – troviamo i personaggi e i temi a lui cari e tanto amati dei lettori: dall’ultima (per ora) avventura di Maqroll il Gabbiere di Un Re Mago a Pollensa , ai racconti del diplomatico portoghese di I testi di Alvar de Mattos , dalle immaginifiche avventure di Alar l’Illirico, stratega dell’imperatrice Irene di La morte dello stratega , al piranesiano Diario di Lecumberri , dal resoconto della presa di Costantinopoli da parte di Maometto II, alla «fotografia» dell’inizio della sfolgorante carriera del generale Bonaparte… Tutte storie, fra realtà e finzione, scritte con la passione e l’eleganza tipiche di Álvaro Mutis, e impregnate di quella «disperanza» che, eternamente, avvolge il destino degli uomini e il loro cammino. A cura di Gaetano Longo.

Storie dell’anno Mille

Millemosche, cavaliere senza cavalcatura, è un mercenario disertore che gira alla ventura con due compagni dal nome quanto mai eloquente, Pannocchia e Carestia, in un Medioevo in cui l'alternativa è morire in guerra o morire di fame. Animati da uno spirito epico di grande comicità, questi tre cavalieri di "sventura" vanno incontro alle avventure più disparate. In attesa di tempi migliori, sempre affamati e sempre attenti a portare in salvo la propria pelle, cercano come possono di contrastare la forza delle cose con la saggezza di chi è abituato a difendersi dalle prevaricazioni dei più forti e dalla oscurità degli eventi.