34049–34064 di 72802 risultati

Sconsacrato

EDIZIONE SPECIALE: CONTIENE UN ESTRATTO DI PROFANATO Un bestseller internazionale Oltre 60.000 copie in Italia Carnivia Trilogy A Venezia è la notte della Befana. Sui gradini della chiesa di Santa Maria della Salute regna un silenzio di tomba. Un cadavere è affiorato dal Canal Grande: una donna, con indosso le vesti di un sacerdote. Una tremenda profanazione, un abominio. È la prima volta che il capitano dei carabinieri di Venezia, la giovane e ambiziosa Caterina Taddei, affronta un caso di omicidio. L’indagine la condurrà tra i vicoli e i labirinti di Venezia, fino a un ospedale psichiatrico abbandonato sull’isola deserta di Poveglia e infine alla scoperta di un misterioso sito web criptato: Carnivia. com, che racchiude e diffonde i più oscuri segreti della città. Lungo la strada Caterina si imbatterà in due strani ma fondamentali personaggi, il sottotenente Holly Boland, una giovane donna soldato dell’esercito degli Stati Uniti cresciuta in Italia, e Daniele Barbo, un hacker di nobili origini intelligente e schivo, creatore proprio di Carnivia.com. All’improvviso però le tracce si perdono nel passato: nessuna prova certa, solo qualche indizio, che fa pensare a un’antica cospirazione in cui sono coinvolti la Chiesa, la cia e il crimine organizzato. Ma Caterina sa bene che i vecchi crimini devono essere puniti tanto quanto quelli nuovi. Altrimenti, inevitabilmente, sono destinati a ripetersi… Carnivia Trilogy Milioni di copie vendute nel mondo Tradotto in 16 lingue «Un grande thriller che ha tutti gli ingredienti del successo: trama mozzafiato, suspence, scrittura ad alta tensione, mistero.» Il Giornale «Un romanzo graffiante, che pizzica le coscienze e che fa riflettere. A fronte di una ben oliata successione di avvenimenti che, pur attingendo alla fantasia, per la maggior parte affondano le radici in fatti reali.» Mauro Castelli «Jonathan Holt ha partorito una trilogia benedetta subito come fenomeno editoriale.» La Gazzetta dello Sport Quale segreto scorre nei sotterranei di Venezia?Jonathan HoltDocente di letteratura inglese a Oxford, è ora il direttore creativo di un’agenzia di pubblicità. Il suo romanzo d’esordio, Sconsacrato, è stato pubblicato dalla Newton Compton ed è stato al primo posto della classifica italiana per settimane.

Lo sconosciuto

Jack Ryan ha fatto mille mestieri e combattuto una lunga guerra contro l’alcol. Finalmente, a quasi quarant’anni, sembra aver trovato la sistemazione ideale, l’ufficiale giudiziario. Ma accettando un incarico apparentemente banale, Jack si trova immerso in una storia piú grande di lui. Un certo Mr Perez, che si occupa di individuare società per azioni con utili da capogiro, incarica Ryan di rintracciare Robert Leary jr, sparito senza lasciare tracce e senza mai riscuotere i ricchi dividendi che gli spettavano.
A Jack bastano poche ricerche per intravedere il ginepraio nel quale si sta cacciando: Leary è un delinquente psicopatico, e c’è qualcun altro che lo cerca, per saldare vecchi conti ancora aperti.
Sarebbe meglio tirarsi indietro e tornare alla vita di sempre, se non fosse per Lee, la moglie di Leary: una bionda alcolizzata che chiede aiuto a Ryan, offrendogli l’occasione per riscattare il suo passato.

La scomparsa di Majorana

Dal 26 marzo 1938 si perdono le tracce, fra la partenza e l’arrivo in un viaggio per mare da Palermo a Napoli, del trentunenne fisico siciliano Ettore Majorana, che Fermi non esiterà a definire un genio, della statura di Galileo e di Newton. Suicidio, come gli inquirenti dell’epoca vogliono credere e lasciar credere, o volontaria fuga dal mondo e dai terribili destini che una tale mente può aver letto nel futuro – e nel futuro vicino – della scienza? Su questo interrogativo Sciascia costruisce uno dei suoi libri più belli, di un’intensità di analisi e quasi di immedesimazione nelle motivazioni non dette, nella logica e nell’etica segreta del personaggio, che sfiora l’incandescenza della verità.
(source: Bol.com)

La scomparsa delle api. Indagine sullo stato di salute del pianeta Terra

Esiste una celebre profezia attribuita al grande scienziato Albert Einstein secondo la quale all’umanità, nel momento in cui dovessero estinguersi le api, non resterebbero che pochi anni di vita. Si è sempre pensato che questo scenario catastrofico fosse degno, forse, di un mediocre film di fantascienza e nessuno avrebbe potuto immaginare che entro breve tempo avrebbe assunto i contorni definiti di una minaccia concreta. Da alcuni anni infatti negli Stati Uniti e in molte aree d’Europa, la popolazione totale delle api risulta dimezzata. I primi ad accorgersene sono stati gli apicultori, ma il fenomeno ha suscitato l’allarme della comunità scientifica non appena ha assunto proporzioni tali da mettere in crisi molte produzioni agricole. Che cosa sta uccidendo le api? Alcuni ipotizzano che si tratti di una delle conseguenze del riscaldamento globale. Secondo altri sarebbero le onde elettromagnetiche attivate dalla telefonia cellulare ad essere responsabili delle difficoltà che le api incontrano nel ritornare al proprio alveare. Sylvie Coyaud, con la sua tipica capacità di rendere chiari, interessanti e spesso divertenti i più complessi temi scientifici, conduce una vera e propria inchiesta su questo strano e inquietante fenomeno che sembra riassumere in sé molti sintomi della crisi ambientale che attraversa in questo momento il nostro pianeta.
**

La scomparsa dell’Erebus

Il 19 maggio 1845, l’Erebus e la Terror, due velieri agli ordini di Sir John Franklin e di Francis Crozier, salpano dall’Inghilterra alla ricerca del leggendario Passaggio a Nordovest; verranno ritrovati anni dopo intrappolati nel ghiaccio artico. Sulla base di un documentato episodio storico, Simmons racconta, con la consueta forza immaginativa, un’allucinante avventura. Gli equipaggi delle due navi, bloccati nella morsa del freddo e sprofondati nel silenzio spezzato solo dagli scricchiolii del ghiaccio e dalle tempeste di fulmini, si ritrovano a lottare contro gli elementi, ma anche contro la disperazione e la follia, sempre pronta a insinuarsi nelle menti dei marinai dispersi. Quando, alla morte di Franklin, prende il comando della spedizione Crozier, capitano della Terror, il terzo inverno sulla banchisa è vicino e i superstiti si preparano ad affrontarlo nella speranza di resistere fino al disgelo. La situazione è prossima al disastro: le provviste scarseggiano e lo scorbuto comincia a mietere vittime. Tra ammutinamenti, crisi ed episodi di cannibalismo, l’isolamento non sembra però la minaccia peggiore. Mentre una giovane esquimese muta, soprannominata Lady Silence, si muove indisturbata sulla Terror e sparisce per giorni, insensibile a freddo e fame, sembra fare la sua apparizione una creatura sconosciuta, intelligente e malevola, che si aggira tra i ghiacci e dà la caccia agli uomini dell’equipaggio, uccidendoli a uno a uno…

La scomparsa dell’alfabeto

Una donna a cui è stata diagnosticata una malattia degenerativa del cervello, decide di raccontare la passione che le ha rovinato la vita al suo ex psicoanalista, ormai amico, perché ne conservi il ricordo quando la sua memoria si cancellerà. È la storia d’amore con la psicoanalista a cui il dottore l’ha affidata prima di partire per l’America. Una relazione trasgressiva sotto molti aspetti, che prima la travolge e poi la lascia con un terribile senso di abbandono. Lo stesso senso di abbandono in cui si dibatte il dottore che non è mai riuscito a ricostruirsi una vita dopo che la moglie lo ha lasciato. Un mercoledì dopo l’altro, ascoltandola raccontare, il dottore entra nel cuore di Nona, mentre cresce in lui il rancore verso la collega, contravvenuta alle regole del rapporto psicanalitico, e ormai emblema di chi infligge il terribile dolore della perdita.
**
### Sinossi
Una donna a cui è stata diagnosticata una malattia degenerativa del cervello, decide di raccontare la passione che le ha rovinato la vita al suo ex psicoanalista, ormai amico, perché ne conservi il ricordo quando la sua memoria si cancellerà. È la storia d’amore con la psicoanalista a cui il dottore l’ha affidata prima di partire per l’America. Una relazione trasgressiva sotto molti aspetti, che prima la travolge e poi la lascia con un terribile senso di abbandono. Lo stesso senso di abbandono in cui si dibatte il dottore che non è mai riuscito a ricostruirsi una vita dopo che la moglie lo ha lasciato. Un mercoledì dopo l’altro, ascoltandola raccontare, il dottore entra nel cuore di Nona, mentre cresce in lui il rancore verso la collega, contravvenuta alle regole del rapporto psicanalitico, e ormai emblema di chi infligge il terribile dolore della perdita.

Scommettiamo che sarà per sempre?. Private Club Series 3.5

Gli scapoli più ambiti d’America stanno per capitolare… chi vincerà la scommessa da un milione di dollari? Ci siamo. È il giorno delle nozze per Gage e Marina, ma quello che dovrebbe essere il momento più bello della loro vita rischia di trasformarsi in un disastro quando Ivy, la damigella d’onore, entra in travaglio. E, come se non bastasse, Bryn è in collera con Matt e ha deciso di non rivolgergli più la parola… Toccherà a Gage, Archer e Matt far sì che la giornata non si trasformi in un incubo da dimenticare; purtroppo, oltre a spose da domare e bambini da far nascere, c’è anche la non trascurabile questione della scommessa da un milione di dollari: chi ha vinto? E chi deve pagare? L’amore sembra aver premiato tutti, ma qualcuno rischia di uscirne con il cuore spezzato… Monica MurphyCaliforniana, è autrice di diversi romanzi, bestseller del «New York Times» e «USA Today». Oltre all’acclamata serie One Week Girlfriend (Non dirmi un’altra bugia, Dammi un’altra possibilità, Promettimi che mi amerai, Resta per sempre con me, disponibili anche nel volume unico Segrete Bugie), la Newton Compton ha già pubblicato con successo Non posso fare a meno di te, Ti odierò fino ad amarti e La risposta è amore, primi tre capitoli della Private Club Series.

La Scommessa Di Brandt

Testo corretto e revisionato. Giugno 2012. Formattato per una migliore visione sui dispositivi: Kindle , Android, etc
Il libro prende spunto da una storia vera attraverso la quale viene tracciato il profilo di un’epoca in cui per volere del destino o per semplice cupidigia umana, persone normali come Karl Brandt medico di Hitler e Albert Speer l’architetto del Reich potevano all’improvviso trasformarsi in spietati assassini.
Michele decide di aiutare due giovani disertori delle SS uno dei quali per convincerlo che non tutti i tedeschi credevano negli ideali nazisti,gli rivela un segreto.
Uno scienziato che analizza crani e organi degli ebrei, un giorno si ritrova davanti Karl Brandt, il dottore del Fuhrer. Gli é infatti stato concesso l’onore di portare avanti degli esperimenti sui corpi di dieci neonati partoriti da donne ebree prime di essere mandate alla camera a gas.
Il suo compito: dimostrare che i giudei sono inferiori sin dalla nascita.
Il dottore immaginando di dover sopprimere quei piccini e non di limitarsi ad analizzare ossa e parti già estratte da corpi senza vita, per sottrarre quei poveri innocenti dal bisturi e dalla formalina racconta che secondo lui esiste un metodo migliore per dimostrare l’inferiorità degli ebrei. Spiega che prendendo quei dieci bambini giudei e altri 10 ariani e facendoli crescere assieme, mangiando lo stesso cibo, studiando le stesse materie e ricevendo le stesse cure, avrebbero potuto capire chi era ebreo e chi no anche senza saperlo.
Ha così inizio la Scommessa di Brandt. Agli occhi del mondo il Castello sarebbe stato una scuola per creare la razza perfetta.
La Scommessa di Brandt é una storia vera romanzata su un segreto che riguarda Adolf Hitler mai svelato prima d’ora. Ma soprattutto lo scopo del libro é quello di lanciare un messaggio universale di perdono, senza però dimenticare gli orribili crimini compiuti durante la seconda guerra mondiale nei confronti degli ebrei e non solo. Perdono o comprensione? Al lettore la scelta. Quello che é certo é che non tutti i tedeschi erano nati carnefici alcuni si erano ritrovati ad essere belve per caso.

Scolpire il Cielo

A metà del XXIV secolo l’umanità si è diffusa per tutto il sistema solare, dando vita a culture barbariche e tecnologiche, generando religioni bizzarre e misteriosi culti esoterici. Nell’imminenza di una guerra interplanetaria, un oggetto di valore inestimabile è finito nelle mani di Anton Lindgren: si tratta di una squisita opera d’arte, che è già costata la vita di due persone e ora minaccia la sopravvivenza di milioni di esseri umani. Per questo Lindgren si prepara ad affrontare una terribile odissea che trasformerà profondamente il futuro dell’umanità.

Lo scisma: Cattolici senza papa

Ormai lo ammette perfino il papa: la Chiesa è divisa. Il referendum sulla fecondazione assistita, i drammi di Welby e di Eluana e la battaglia sul testamento biologico,, i Dico e le unioni gay, la ricerca sulle staminali embrionali, la pillola abortiva RU486: su questi e altri temi si sono aperte lacerazioni profonde non soltanto tra laici e credenti, ma nel corpo stesso del mondo cattolico. Prima Wojtyla e ora Ratzinger hanno scelto di contrastare la sfida del relativismo e della scienza con una ferrea restaurazione teologica e dottrinale che chiude la porta a ogni innovazione e discussione anche su questioni come il ruolo delle donne e il celibato dei preti, deludendo le aspettative di molti religiosi e accentuando il distacco dalla gerarchia di larga parte dei fedeli.
Riccardo Chiaberge prosegue il suo viaggio ai confini tra religione e modernità, esplorando il continente sommerso dei cattolici “disobbedienti” che testimoniano la loro fede nella vita quotidiana ma stentano a riconoscersi nella linea ufficiale della Chiesa: eremiti cistercensi, suore missionarie, preti di periferia, teologi eterodossi, parroci sposati. Ma anche imprenditori in tonaca, medici pellegrini a Lourdes, ricercatrici sulle frontiere della bioetica, storici, filosofi, intellettuali. E semplici fedeli, uomini e donne, delusi da un clero che si mostra inflessibile con in peccatori senza potere ma non altrettanto con i peccati dei potenti.

Scirocco

Andrea, poliziotto silenzioso, ex militante di sinistra. Cristiano, che in carcere sconta un omicidio politico, legge Manzoni e ha fatto i conti fino in fondo con la violenza, austero come un monaco. Il narratore, un detective ingenuo e disilluso, sempre un passo indietro agli eventi. Sono eredi di tutte le ferite dei Settanta. E poi Lara, giovane e bellissima, e Ferodo, hacker cinico e nichilista, che con i Settanta non c’entrano nulla. Ognuno di loro è un mondo, ritratto con precisione e ironia. Si trovano coinvolti in un disegno oscuro, fino a scoprire che c’è di mezzo, tanti anni dopo la strage di Bologna, una minaccia enorme che incombe su tutti. Per sventarla si mettono in viaggio, sfidando pericoli di ogni genere; compreso Cristiano, che evade.

Scintille

“Parto con delle vecchie fotografie color ocra, le più recenti furono scattate mezzo secolo fa. Nella mappa mentale che mi sono predisposto Beirut è mia madre, Boryslaw è mio padre. Un amalgama impossibile? Eppure è il mio mondo, e non solo il mio.”Gilgul, nella Qabbalah ebraica, è il frenetico movimento delle anime vagabonde che ruotano intorno a noi quando la separazione dal corpo è dovuta a circostanze ingiuste o dolorose. Tanto violenti possono essere i conflitti che attendono gli spiriti rimasti sulla terra, che la tradizione parla addirittura di “scintille d’anime” prodotte dalla loro frantumazione.Con questo libro inatteso, di straordinaria intensità e autenticità, Gad Lerner ha deciso di addentrarsi nel suo gilgul familiare, nelle “scintille d’anime” della sua storia personale. Suo padre Moshé reca il trauma della Galizia yiddish spazzata via dalla furia della guerra, e mai davvero trapiantata in Medio Oriente. Dietro di lui si staglia enigmatica la figura di nonna Teta, incompresa e dileggiata perché estranea alla raffinatezza levantina della Beirut in cui è cresciuta Tali, la moglie di Moshé. Ma anche la Beirut degli anni Quaranta, luogo d’incanto senza pari, si rivela un recinto di beatitudine illusoria. Vano è il tentativo di rimuovere lo sterminio degli ebrei d’Europa e la Guerra d’indipendenza nella nativa Palestina: anche se taciuti, questi eventi si ripercuotono nella vicenda familiare generando malessere e inconsapevolezza. Le anime vagabonde nel gilgul reclamano di essere perpetuate nel riconoscimento, senza il quale non c’è serenità possibile.Il racconto si snoda da Beirut ad Aleppo, fino alla regione ucraina di Leopoli e Boryslaw, lo shtetl in cui perse la vita gran parte dei Lerner, per concludersi sorprendentemente al confine tra Libano e Israele, presidiato dai soldati italiani, dove si riuniscono le molteplici nazionalità dell’autore. Così l’indagine sulla memoria e sui conflitti familiari si rivela occasione per un viaggio nel mondo contemporaneo minato dalla crisi dei nazionalismi, tuttora alla ricerca di convivenza armonica. Un itinerario attraverso nuove e vecchie frontiere che scava nel passato per rivelarne il peso sul presente. Una storia appassionante, felicemente sospesa tra biografia e reportage..

La scintilla della passione

Inghilterra, 1817. Per rimediare a un terribile errore, l’affascinante Lady Francesca Haughston decide di trovare una sposa per Lord Sinclair, l’altezzoso e temibile Duca di Rochford, l’uomo che quindici anni prima aveva respinto ritenendolo un libertino. Così, convinta che per lei il tempo dell’amore sia ormai finito, l’intraprendente gentildonna seleziona un ristretto numero di candidate che le sembrano adatte a rivestire l’impegnativo ruolo di duchessa. Ma per quanto si sforzi di soffocare la gelosia, le è impossibile rimanere indifferente all’idea che Sinclair possa essere felice con un’altra. Perché forse la scintilla della passione che tanti anni prima li aveva travolti non si è ancora spenta.
(source: Bol.com)

La scimmia sulla schiena

Di origine ed educazione altoborghese, nevrotico, tossico–mane e tossicologo, accusato di uxoricidio, di uso e spaccio di droghe, William Burroughs, capostipite della beat generation, si differenzia dagli altri scrittori dediti agli stupefacenti per la fredda, impassibile obiettività scientifica con cui descrive e sperimenta su se stesso gli effetti delle varie droghe, dalla morfina allo yagè, che favorisce i fenomeni telepatici.La scimmia sulla schiena riflette queste esperienze con un linguag–gio di crudele precisione e colloca il suo autore, anarchico e “immoralista”, nel grande filone di denuncia e di protesta.

La scimmia pensa, la scimmia fa

I libri di Palahniuk sono il riflesso di una realtà sempre
più assurda studiata con occhio clinico e – a suo
modo – appassionato. Un universo al contempo comico
e macabro che ci rimanda alla sua storia personale,
alle prove che ha dovuto superare e al suo gusto
per le esperienze singolari. Un gusto che ritroviamo
anche nei saggi de La scimmia pensa, la scimmia fa,
una raccolta che mostra perfettamente come la realtà
nuda e cruda non abbia niente da invidiare alla fantasia
più sfrenata: orge nei locali sperduti in mezzo
al nulla nel West contemporaneo, tornei di mietitrebbiatrici
e spedizioni su sottomarini nucleari… Ma soprattutto
Palahniuk ci racconta le sue vite passate e
presenti (gli anni spesi tra lavori pesantissimi di giorno
e volontariato in ospedali di notte, le circostanze
terribili dell’assassinio di suo padre e del processo al
killer), gettando una luce inattesa e impietosa sui personaggi
e sulle situazioni al centro dei suoi romanzi.
E, come sempre succede, anche la lettura di questo
libro di Palahniuk finisce per rivelarsi un’esperienza
unica, travolgente, tragica e bizzarra.
(source: Bol.com)