33841–33856 di 68366 risultati

Tutti gli uomini del generale. La storia inedita della lotta al terrorismo

Chi sono gli uomini che hanno combattuto in prima fila il terrorismo negli anni di piombo? Chi sono gli uomini che agli ordini del generale Carlo Alberto dalla Chiesa hanno indagato, rischiato, vissuto come clandestini, servito il Paese e la democrazia, per essere dimenticati dopo l’uccisione del loro comandante passato a combattere la mafia? Questo libro racconta per la prima volta la lotta al terrorismo attraverso la voce dei protagonisti che sostennero il peso di un impegno senza limiti. Ne nasce una storia sincera, per molti aspetti nuova, che smonta sospetti e ricostruzioni fantasiose e restituisce il senso di una grande e generosa esperienza collettiva. Che rivela la strategia di contrasto e il lavoro investigativo, i contesti ostili e le scelte più difficili, ricordando anche i rischi e i sacrifici personali. Vivono in questa testimonianza appassionante la memoria di una stagione insanguinata, l’amarezza per le calunnie subite in silenzio, l’orgoglio di uomini consapevoli di avere difeso vittoriosamente lo Stato che li ha dimenticati, animati dalla stessa certezza: che lo rifarebbero.
**

Tutti gli indizi contro di me

Samantha Mack, detta Smack, era vestita di tutto punto quando ha ricevuto la telefonata di Maclnerny, il suo capo. L’agente aveva a suo dire beccato l’influenza e al Distretto non c’era nessuno che lo potesse sostituire nel turno alla volante. Addio, dunque, romantico incontro a lume di candela con Mason, il collega sposato con cui ha una relazione clandestina Smack si è precipitata al Distretto, incontro a una notte che non era certo quella che aveva immaginato. La prima sorpresa l’ha accolta nei pressi della volante. Il suo compagno di pattuglia, era Fred Maloney, il suo ex che l’aveva mollata per sposarsi con una finta bionda. La seconda sorpresa è che Fred quella notte doveva avere una specie di personale resa dei conti con il tipo poco raccomandabile che avevano arrestato l’anno prima: Marko Trovic, il gangster che aveva un debole per le bambine e che se l’era svignata poco prima del giudizio. A luci spente Fred e Smack sono arrivati davanti a una bivilla di Rogers Park. Tutto è accaduto in fretta: due spari in rapida successione. Ora è sveglia nel letto di un ospedale a meditare sulla terza grande sorpresa che le ha riservato quella fatidica notte: Fred è morto e, come ufficialmente recita la perizia balistica, “la rigatura del proiettile estratto dal corpo dell’agente Fred Maloney coincide con quella dell’arma dell’agente Mack”. Samantha Mack del Ventiduesimo Distretto della polizia di Chicago è nei guai.

Tutti a Zanzibar

I protagonisti, Hogan e House, sono due giovani che vengono travolti ai due capi del mondo dai rispettivi destini, positivo per l’uno, negativo per l’altro. Intorno a loro si frantumano le storie di innumerevoli persone d’ogni genere e tipo. Idolo di questo mondo è Shalmanèser, il supercervello elettronico che acquista autocoscienza non come i suoi creatori speravano, ma nella salutare semplicità della logica. Su tutti incombe l’esplosione demografica. Il mondo di “Zanzibar” si è già in parte avverato: le multinazionali, la guerriglia urbana, il terrorismo, l'”amplificazione” militare, persino una specie di Papa Eglantine… ci sarà anche la politica di selezione eugenetica?

Tutte le poesie

Nell’arco di un ventennio, dal Trionfo della Libertà (1801) alla Pentecoste (1822), Manzoni vive e in pratica esaurisce la propria esperienza di poeta. Agganciato a una tradizione illustre (quella di Dante e Petrarca, di Ariosto e Tasso, del classicismo montiano), nondimeno mostra quell’inclinazione a sperimentare che sarà la sua prima cifra, facendosi interprete conscio e raffinato dello spirito e del mondo contemporaneo. Dalla passione irruente della poesia politica giovanile vira su temi più intimamente sentiti ma non per questo meno universali: la morte e, dopo la conversione, la fede. Questa raccolta fotografa la trasformazione del giacobinismo degli esordi in canto civile e l’affiorare dei motivi su cui si fonderanno gli snodi concettuali, religiosi e umani dei Promessi sposi.
(source: Bol.com)

Tutte le poesie

Con Federico Garcia Lorca, e con la sua arte colta e popolare insieme, la sua capacità di riunire in armonia la tradizione e l’avanguardia, il grande pubblico scoprì la poesia moderna, le invenzioni verbali, le analogie, gli scorci, gli impasti, le astrazioni. A settant’anni dalla sua tragica uccisione, per molti aspetti inspiegabile, escono in un unico volume tutte le poesie del massimo poeta spagnolo del Novecento. Canti che hanno raggiunto un successo popolare che soltanto l’epoca classica tributava ai poeti, elegie amorose e nostalgiche che colpiscono cuore e mente. Immagini ardite e soluzioni stilistiche innovative che impressionarono i contemporanei e che continuano a emozionare il lettore di oggi. Dal Libro di poesie al Poema del cante jondo, dal Romancero gitano a Poeta a New York o al celeberrimo Compianto per Ignacio Sànchez Mejtas, la raccolta completa degli indimenticabili versi di Federico Garcia Lorca nelle traduzioni di Lorenzo Blini, Renato Bruno e Norbert von Prellwitz che ha curato questa edizione e ne ha scritto l’introduzione, la bibliografia e la cronologia della vita e delle opere.
**

Tutte le novelle

A partire dalla novella “Nedda” (1874) Verga introduce un nuovo modo di fare racconto, ricorrendo ai criteri di un realismo asciutto e crudo in grado di trasmettere al lettore le condizioni di vita – i costumi e le prassi sociali della Sicilia del secondo Ottocento. Tale rinnovamento si consoliderà, con sempre maggior rigore ed esiti sempre più convincenti, nella stesura delle raccolte da lui via via pubblicate qui integralmente riunite: “Vita dei campi” (1880), “Novelle rusticane” (1883), “Per le vie” (1883), “Vagabondaggio” (1887), “Don Candeloro e C.” (1894). L’aspra e difficile terra di Sicilia, la disperata vita quotidiana delle classi più indigenti, spesso in balia di un fato cieco e incomprensibile, l’incessante lotta per la sopravvivenza, il conflitto per il possesso della roba, sono fra i motivi ricorrenti di queste straordinarie novelle cosi ricche di vita vera.
**

Tutte le notti

Clay Nichols ha una mente perversa e una bocca ipnotica, ed è tutto ciò che Julia vuole, ed esattamente ciò che non può avere. È entrato nella sua vita una notte e le ha fatto conoscere un piacere che non credeva possibile. Impadronendosi del suo corpo e catturando ogni suo pensiero. È troppo pericoloso perché Julia rischi il suo cuore con lui, dato che ha una taglia sulla testa. Julia fugge dopo una sola sconvolgente settimana con lui, ma ora è tornato, ed è determinato a farla sua. Non importa quanto gli costerà. Lei per lui è una droga. Fiera, indimenticabile, Julia è un enigma, e Clay non ha intenzione di lasciarla andare senza lottare. Ma lei ha i suoi oscuri segreti che minacciano di distruggere ogni possibilità di felicità. Lei è ricercata – la posta in gioco è alta, ogni sua mossa è sotto osservazione, ma è impossibile ignorare la loro attrazione. Due persone scottate dall’amore possono ancora fidarsi quando desiderio e passione si intrecciano con il pericolo?

**Lauren Blakely**

Da quando ha pubblicato il suo romanzo  *Caught Up in Us* , Lauren Blakely ha venduto più di un milione di libri. Le sue storie romantiche e sexy sono piene di calore, cuore e umorismo. È una grande fan di dolci e cani, e ha immaginato interi romanzi mentre portava a spasso i suoi amici a quattro zampe. Vive in California con la sua famiglia. I suoi titoli sono apparsi sulle classifiche di New York Times, USA Today e Wall Street Journal più di cinquanta volte. Le sue serie bestseller sono *Sinful Nights* ,  *Seductive Nights* ,  *No Regrets* ,  *Caught Up in Love* , e  *Fighting Fire* , oltre a commedie romantiche come  *Big Rock* e  *Mister O*.

Tutte le mattine del mondo

Suonatore di viola nella Francia del Seicento, Sainte Colombe, rimasto vedovo, vive da solo con le due figlie nel rimpianto della moglie morta. È la musica a dargli conforto, e nelle sue bellissime e ammirate composizioni trapelano la ricchezza spirituale e la complessità di un’anima dolente e sensibile. A un tratto, però, la comparsa del giovane Marin Marais, che Sainte Colombe accetta come allievo, turba questo delicato equilibrio. Come scrive Giovanni Bogliolo nella Postfazione, Sainte Colombe « non è fatto per intendersi con Marais né con chiunque altro non condivida la sua concezione severa, ascetica, della musica ». Un contrasto che riflette, sul piano artistico, due opposte visioni dell’esistenza. « Immerso nell’incanto di un’atmosfera perduta », un piccolo capolavoro della narrativa, che Pascal Quignard ha saputo creare con semplici, rapidi tocchi e uno stile impeccabile e limpido.

Tutte le Cosmicomiche

“La cosmologia moderna, in confronto alla immaginazione degli antichi, è molto più astratta: concetti come ‘lo spazio quadrimensionale’, lo ‘spazio-tempo’, la ‘curvatura dello spazio’ sfuggono a ogni visualizzazione, possono essere concepiti solo attraverso il calcolo matematico e la teoria. La scommessa di Italo Calvino è stata quella di far scaturire da questo universo invisibile e quasi impensabile delle storie capaci di evocare suggestioni elementari come i miti cosmogonici dei popoli dell’antichità. … Gli antichi partivano dai miti per avvicinare e comprendere i fenomeni della terra e del cielo; lo scrittore contemporaneo prende spunto dalla scienza attuale per ritrovare il piacere di raccontare, e di pensare raccontando.” *Italo Calvino*
**
### Sinossi
“La cosmologia moderna, in confronto alla immaginazione degli antichi, è molto più astratta: concetti come ‘lo spazio quadrimensionale’, lo ‘spazio-tempo’, la ‘curvatura dello spazio’ sfuggono a ogni visualizzazione, possono essere concepiti solo attraverso il calcolo matematico e la teoria. La scommessa di Italo Calvino è stata quella di far scaturire da questo universo invisibile e quasi impensabile delle storie capaci di evocare suggestioni elementari come i miti cosmogonici dei popoli dell’antichità. … Gli antichi partivano dai miti per avvicinare e comprendere i fenomeni della terra e del cielo; lo scrittore contemporaneo prende spunto dalla scienza attuale per ritrovare il piacere di raccontare, e di pensare raccontando.” *Italo Calvino*

Tutta un’altra strage

Sono passati ventisei anni dall’attentato del 2 agosto 1980 in cui morirono 85 persone e ne restarono ferite 200, eppure si ha la sensazione che non sia stata fatta chiarezza. Gli ex terroristi neri Valerio Fioravanti e Francesca Mambro continuano a dichiarare la loro innocenza. A ragione o a torto? Il libro cerca di rispondere a queste domande ripercorrendo le centinaia di migliaia di pagine del processo, riascoltando la parole dei principali protagonisti della vicenda e andando alla scoperta di nuove voci e nuovi documenti. Il risultato è un racconto nel quale si ricostruisce l’esperienza collettiva degli anni Sessanta, Settanta e Ottanta, quando la democrazia italiana fu messa a dura prova dal terrorismo nero e rosso.

Tutta un’altra cosa

IL NUMERO 1500 DI ‘URANIA’
Si festeggia con:
Storie da uomini, romanzo breve di John Kessel vincitore del premio James Tiptree, jr. 2002. In una situazione non meno scottante di La luna è una severa maestra del grande Heinlein (ma più dura e aggiornata), scoprirete cosa significa essere uomini domani. Sulla luna.
Il ranch di Cranwell, un romanzo breve di Giorgio Monicelli. In compagnia del fondatore di ‘Urania’, qui nell’insolita veste di narratore, vivrete un’avventura completa nell’ignoto.
Sei racconti di Fruttero & Lucentini, ormai riscoperti anche come grandi narratori di sf: Dalle due alle tre e mezzo, Domenica alla frontiera, Un modo c’è sempre, L’affare Herzog, Il senso delle proporzioni, Tutta un’altra cosa.
Un racconto di Gianni Montanari, Carne di Stato, e uno di Giuseppe Lippi, Il lago d’inferno.
Inoltre rubriche e informazioni varie.
Indice
John Kessel – Storie da uomini (Stories for Men, 2002)
Giorgio Monicelli – Il ranch di Cranwell
Carlo Fruttero e Franco Lucentini – Dalle due alle tre e mezzo
Carlo Fruttero e Franco Lucentini – Domenica alla frontiera
Carlo Fruttero e Franco Lucentini – Un modo c’è sempre
Carlo Fruttero e Franco Lucentini – L’affare Herzog
Carlo Fruttero e Franco Lucentini – Tutta un’altra cosa.
Gianni Montanari – Carne di Stato
Giuseppe Lippi – Il lago d’inferno
Copertina di Franco Brambilla

Tutta la verità su Alice

Un romanzo straordinario Vincitore del premio Teen Choice Debut Author Tutti sanno che Alice è andata a letto con due ragazzi nella stessa sera, a una festa. E quando Brandon Fitzsimmons – il quarterback della scuola, bello e famoso – muore in un incidente d’auto, viene fuori che mentre guidava stava chattando al cellulare con Alice: lei gli stava mandando messaggi ad alto tasso erotico. A scuola già si diceva che Alice fosse una ragazza facile, una poco di buono, ma dopo la morte di Brandon, la macchina del fango impazzisce. C’è chi sostiene che abbia abortito, chi dice che sia disposta a tutto per un aiuto in matematica, il bagno delle ragazze è costellato di insulti anonimi a lettere cubitali e indelebili. Ma la vita di Alice è davvero quella che tutti pensano di conoscere? Oppure molti proiettano su di lei i loro più torbidi segreti? Jennifer Mathieu riesce a raccontare con dissacrante realismo la vita di una ragazza qualunque, senza aggrapparsi a stereotipi o vecchi clichè. Jennifer Mathieugiornalista e insegnante di inglese, vive in Texas con il marito e il figlio. Tutta la verità su Alice è il suo romanzo d’esordio, con cui ha vinto il Teen Choice Debut Author Award.

Tutta la luce che non vediamo

VINCITORE DEL PREMIO PULITZER 2015 PER LA FICTION È il 1934, a Parigi, quando a Marie-Laure, una bambina di sei anni con i capelli rossi e il viso pieno di lentiggini, viene diagnosticata una malattia degenerativa: sarà cieca per il resto della vita. Ne ha dodici quando i nazisti occupano la città, costringendo lei e il padre a trovare rifugio tra le mura di Saint-Malo, nella casa vicino al mare del prozio. Attraverso le imposte azzurre sempre chiuse, perché così impone la guerra, le arriva fragorosa l’eco delle onde che sbattono contro i bastioni. Qui, Marie-Laure dovrà imparare a sopravvivere a un nuovo tipo di buio. In quello stesso anno, in un orfanotrofio della Germania nazista vive Werner, un ragazzino con i capelli candidi come la neve e una curiosità esuberante per il mondo. Quando per caso mette le mani su una vecchia radio, scopre di avere un talento naturale per costruire e riparare questi strumenti di fondamentale importanza per le tattiche di guerra, un dono che si trasformerà nel suo lasciapassare per accedere all’accademia della Gioventù hitleriana, e poi partire in missione per localizzare i partigiani. Sempre più conscio del costo in vite umane del suo operato, Werner si addentra nel cuore del conflitto. Due mesi dopo il D-Day che ha liberato la Francia, ma non ancora la cittadina fortificata di Saint-Malo, i destini opposti di Werner e Marie-Laure convergono e si sfiorano in una limpida bolla di luce. Lirico, potente, malinconico, squarciato da improvvise speranze, il romanzo di Doerr è un ponte gettato oltre lo smarrimento che accomuna tutti, una delicata partitura che ci sussurra come, contro ogni avversità, viviamo alla ricerca di un gesto luminoso che ci avvicini agli altri.