33329–33344 di 74503 risultati

La fasciosfera. Come l’estrema destra ha vinto la battaglia della rete

La fasciosfera è una galassia, per larghi tratti inesplorata, di siti web, blog e portali attraverso la quale i movimenti di estrema destra hanno acquistato in Europa una voce sempre più potente. Chi ne fa parte? Come si finanzia e quali sono le sue influenze? Qual è la visione dei suoi militanti e come diffondono le loro idee? Questa inchiesta svela cosa si nasconde dietro alla preoccupante diffusione di messaggi nazionalisti, antisemiti e violenti su una rete impossibile da controllare. Una diffusione che alimenta il successo delle frange estreme, dalla parabola di Marine Le Pen in Francia ai siti si fake news capaci di condizionare elezioni e decisioni politiche, dai siti religiosi ultraconservatori ai predicatori del web negazionisti e paladini di una controinformazione senza alcuna attendibilità, fino all’immaginario sconfinato dei siti pornografici. Un’indagine sconvolgente su una delle frontiere più inquietanti del mondo di oggi, che vede l’estrema destra conquistare nuovi spazi di rappresentanza e propaganda, una presenza che ha ormai varcato il confine del virtuale per conquistare la realtà in cui viviamo.
**

La fasciosfera

La fasciosfera è una galassia, per larghi tratti inesplorata, di siti web, blog e portali attraverso la quale i movimenti di estrema destra hanno acquistato in Europa una voce sempre più potente. Chi ne fa parte? Come si finanzia e quali sono le sue influenze? Qual è la visione dei suoi militanti e come diffondono le loro idee? Questa inchiesta svela per la prima volta cosa si nasconde dietro alla preoccupante diffusione di messaggi nazionalisti, antisemiti e violenti su una rete impossibile da controllare. Una diffusione che alimenta il successo delle frange estreme, dalla parabola di Marine Le Pen in Francia ai siti di fake news capaci di condizionare elezioni e decisioni politiche, dai siti religiosi ultraconservatori ai predicatori del web negazionisti e paladini di una controinformazione senza alcuna attendibilità, fino all’immaginario sconfinato dei siti pornografici. Un’indagine sconvolgente su una delle frontiere più inquietanti del mondo di oggi, che vede l’estrema destra conquistare nuovi spazi di rappresentanza e propaganda, una presenza che ha ormai varcato il confine del virtuale per conquistare la realtà in cui viviamo.
“L’estrema destra ha ingaggiato una battaglia culturale. E si aspetta che gli avversari si misurino con lei sul medesimo terreno.”
**
### Sinossi
La fasciosfera è una galassia, per larghi tratti inesplorata, di siti web, blog e portali attraverso la quale i movimenti di estrema destra hanno acquistato in Europa una voce sempre più potente. Chi ne fa parte? Come si finanzia e quali sono le sue influenze? Qual è la visione dei suoi militanti e come diffondono le loro idee? Questa inchiesta svela per la prima volta cosa si nasconde dietro alla preoccupante diffusione di messaggi nazionalisti, antisemiti e violenti su una rete impossibile da controllare. Una diffusione che alimenta il successo delle frange estreme, dalla parabola di Marine Le Pen in Francia ai siti di fake news capaci di condizionare elezioni e decisioni politiche, dai siti religiosi ultraconservatori ai predicatori del web negazionisti e paladini di una controinformazione senza alcuna attendibilità, fino all’immaginario sconfinato dei siti pornografici. Un’indagine sconvolgente su una delle frontiere più inquietanti del mondo di oggi, che vede l’estrema destra conquistare nuovi spazi di rappresentanza e propaganda, una presenza che ha ormai varcato il confine del virtuale per conquistare la realtà in cui viviamo.
“L’estrema destra ha ingaggiato una battaglia culturale. E si aspetta che gli avversari si misurino con lei sul medesimo terreno.”

Il fascino discreto di Charlie Monk

Riservato, spietato, senza legami, Charlie Monk è l’esecutore ideale per i servizi segreti. Agisce sempre da solo, preciso e affidabile anche nelle situazioni più estreme. Ma Charlie ha un’ossessione: l’immagine di una donna del suo passato che torna a tormentarlo ogni notte. Di cui non riesce a visualizzare il volto. E di cui ha perso ogni traccia. La dottoressa Susan Flemyng è una neuroioga che ha messo a punto una tecnica per impiantare memorie artificiali: può recuperare i ricordi danneggiati, ma anche crearne di nuovi. Quando suo marito, di rientro dalla Russia, muore in uno strano incidente aereo e un giornalista che l’ha conosciuto teme per la sua stessa vita, Susan comincia a indagare e scopre che una potente fondazione americana si è impossessata dei risultati delle sue ricerche cliniche, e li sta usando per esperimenti militari. Charlie e Susan ancora non lo sanno, ma i loro destini stanno per scontrarsi. E scopriranno ben presto di avere di fronte un unico nemico. E che il progresso scientifico è meno rassicurante di quanto si pensi abitualmente. Azione, programmi di simulazione virtuale e manipolazioni genetiche si susseguono in un thriller che mescola le più attuali teorie scientifiche con un ritmo narrativo incalzante, per comporre le tessere di un puzzle sconvolgente.

Il Fante di picche

Il suo arrivo a Mosca fa subito notizia, soprattutto perché coincide con una grossa truffa in cui il governatore Dolgoruky si vede vendere la casa senza essere interpellato. E questo è solo l’inizio. Nessuno in città e nelle campagne può stare al sicuro quando c’è il Fante di picche nei paraggi. Entra in scena allora l’investigatore personale del governatore in cerca di giustizia e, anche, di vendetta. Fandorin, colto e capace, non cede al fascino oscuro di questo personaggio, ma instaura con lui un gioco di attacco e difesa non immune da una forte complicità. Tra mille peripezie gli inganni del Fante vengono a galla e la competizione diventa più serrata. Ma la giustizia deve fare il suo corso, e la truffa, come un bel gioco, è destinata a finire.

Fantastrenna

Una rivista francese s’è presa il gusto di pubblicare un elenco di neologismi creati dalla fantascienza, cioè di quelle parole che, come “iperdrive”, “crediti”, “disintegratore”, “robotlogia”, “subspazio”, ecc. non hanno corso in natura, mentre appaiono invece perfettamente naturali, ovvie addirittura, agli appassionati del “genere”. A questa nuova lingua, Urania è lieta di dare il suo piccolo contributo con la parola “Fantastrenna”, la sola che ci sia sembrata pluridimensionale abbastanza per questo ricco e festoso numero natalizio. Precisiamo qui che il neovocabolo è scomponibile in: un romanzo di tipo un po’ insolito di Poul Anderson e Gordon Dickson; un romanzo di tipo tradizionale (per modo di dire) di J. G. Ballard; un racconto “a diario” di Fredric Brown, il re dei capovolgimenti; un racconto al magnetofono di Wilma Shore; un racconto tutto domande di Robert Sheckley; due racconti di guerra futura, un amore di B.C. e altre vicende preistoriche; una assegnazione di Marziani d’argento; e infine negli auguri e nei ringraziamenti che Urania porge a tutti i suoi lettori.
INDICE
LO SCERIFFO DI CANYON GULCH
The sceriff of Canyon Gulch (1957)
POUL ANDERSON / GORDON DICKSON
IN HOKA SIGNO VINCES
In hoka signo vinces (1957)
POUL ANDERSON / GORDON DICKSON
HOKA HOLMES
The adventure of the misplaced hound (1957)
POUL ANDERSON / GORDON DICKSON
EQUINOZIO
Equinox (1964)
J. G. BALLARD
INTERVISTA SU NASTRO
A bulletin from the trustecs (1964)
WILMA SHORE
ORACOLO
Ask a foolish question (1957)
ROBERT SHECKLEY
IL VIDEO CI GUARDA
Double Standard
FREDRIC BROWN

I Fantasmi Della Radura

INDICE

I FANTASMI DELLA RADURA
The watchers in the glade (1964) 
RICHARD WILSON
LE FURIE
The life hater (1964) 
FRED SABERHAGEN
GLI SCHIAVI DI GREE
The slave of Gree (1964) 
G. C. MACCAPP
IL VICINO
Neighbor (1964) 
ROBERT SILVERBERG
IL MISTERO DELLA COLONIA FALLITA 
The colony that failed (1964) 
JACK SHARKEY

Il fantasma verde

Buongiorno ragazzi. Io sono Alfred Hitchcock. Il fatto che io ripeta sovente il mio nome non è sufficiente a dar fondamento alle accuse di megalomania che alcuni avversari mi rivolgono. Come potrete notare, infatti, io scrivo il mio nome normalmente, e non tutto a lettere maiuscole come senza dubbio meriterebbe. Ma tralasciamo: non sono qui per parlare di me stesso, anche se l’argomento sarebbe senz’altro affascinante. Devo piuttosto spendere le solite quattro parole su I Tre Investigatori, che questa volta sono alle prese con un fantasma verde. Il colore del fantasma dimostra senza necessità di commento il cattivo gusto che vige al giorno d’oggi anche nei confronti degli spiriti dei trapassati. Dello stesso mio parere sono anche Jupiter Jones, Pete Crenshaw e Bob Andrews, che dimostrano di non gradire per niente un fantasma di tale colore. E mi rimane il dubbio che non lo gradirebbero ugualmente nemmeno se fosse bianco come vuole la tradizione.

Il fantasma di Laika e altri racconti

Il perfetto manuale per classificare le razze aliene è quello che le suddivide a seconda del modo che hanno scelto per viaggiare nello spazio ( *Alfabeto vettoriale dei viaggi interstellari* di Yoon Ha Lee). C’è una storia che nessuno aveva ancora immaginato? L’amore fra due veggenti (è nel racconto di Charlie Jane Anders). Le invenzioni sono una bella cosa, ma alcune possono mettere a repentaglio la specie umana: Obediah Polkinghorn è l’uomo che le aiuta a scomparire (in cronaca, Neil Gaiman). Quando l’effetto serra sarà arrivato al culmine e la civiltà scomparsa, cosa resterà? Ma la civiltà, naturalmente, quella solo un po’ più catastrofica immaginata da Bruce Sterling in uno dei suoi racconti più toccanti. E per chi non si accontenta ancora, raccomandiamo un viaggio in Kazakhstan in compagnia del *Fantasma di Laika* , un thriller fantascientifico ad alto potenziale.
 
**INDICE**

**INTRODUZIONE** |
DAVID G. HARTWELL & KATRHYN CRAMER
**LA MIGLIOR FANTASCIENZA DELL’ANNO TERZO** *
* The Best Science Fiction of the Year Three (2011) |
KEN MACLEOD
**DOLLY**
Dolly (2011) |
ELIZABETH BEAR
**ASSOLUTAMENTE ALTROVE** *
* Altogether Elsewhere, Vast Herds of Reindeer (2011) |
KEN LIU
**VINCOLI** *
* Tethered (2011) |
MERCURIO D. RIVERA
**WAHALA** *
* Wahala (2011) |
NNEDI OKORAFOR
**IL FANTASMA DI LAIKA**
Laika’s Ghost (2011) |
KARL SCHROEDER
**RAGNAROK** *
* Ragnarok (2011) |
PAUL PARK
**SEI MESI, TRE GIORNI** *
* Six Months, Three Days (2011) |
CHARLIE JANE ANDERS
**OBEDIAH IL DISINVENTORE** *
* And Weep Like Alexander (2011) |
NEIL GAIMAN
**FUORI DAL MONDO** *
* The Middle of Somewhere (2011) |
JUDITH MOFFETT
**ATTI DI PIETA’** *
* Mercies (2011) |
GREGORY BENFORD
**L’EDUCAZIONE DI JUNIOR NUMERO 12**
The Education of Junior Number 12 (2011) |
MADELINE ASHBY
**IL NOSTRO CANDIDATO** *
* Our Candidate (2011) |
ROBERT REED
**ACQUA DENSA** *
* Thick Water (2011) |
KAREN HEULER
**L’ARTISTA DI GUERRA** *
* The War Artist (2011) |
TONY BALLANTYNE
**IL SIGNORE DELLA VOLIERA**
The Master of the Aviary (2011) |
BRUCE STERLING
**CASA DOLCE BIOCASA** *
* Home Sweet Bi’Ome (2011) |
PAT MACEWEN
**LA PIETRA DELLA SOLITUDINE** *
* For I Have Lain Me Down on the Stone of Loneliness and I’ll Not Be Back Again (2011) |
MICHAEL SWANWICK
**LA KI-ANNA** *
* The Ki-Anna (2011) |
GWYNETH JONES
**ELIOT SCRISSE** *
* Eliot Wrote (2011) |
NANCY KRESS
**LA COSA PIU’ SIMILE** *
* The Nearest Thing (2011) |
GENEVIEVE VALENTINE
**ALFABETO VETTORIALE DEI VIAGGI INTERSTELLARI**
A Vector Alphabet pf Interstellar Travel (2011) |
YON HA LEE
**IL GUFO DEI GHIACCI** *
* The Ice Owl (2011) |
CAROLYN IVES GILMAN
****

Fantasex

**HARLAN ELLISON** e la vita notturna a **CISSALDA**
**LARRY NIVEN** e i problemi erotici di **SUPERMAN**
**PHILIP JOSE’ FARMER** e gli amori dell’ **UOMO DELLA GIUNGLA**
In questa imperdibile antologia dedicata al sesso nella fantascienza troverete inquietanti racconti di amori possibili e impossibili e alcune tra le storie più belle di:

**INDICE**

**IL SUO VISO PELOSO** *
*Her Furry Face (1983) |
LEIGH KENNEDY
**SPOSA DI GUERRA**
War Bride (1990) |
RICK WILBER
**VITA NOTTURNA A CISSALDA**
How’s the Night Life on Cissalda? (1977) |
HARLAN ELLISON
**L’INCUBO DI JAMESBURG**
The Jamesburg Incubus (1990) |
SCOTT BAKER
**UOMO D’ACCIAIO, DONNA DI KLEENEX**
Man of Steel, Woman of Kleenex (1971) |
LARRY NIVEN
**LA PRIMA VOLTA**
The First Time (1990) |
K. W. JETER
**IL RAGAZZO CORROTTO DELLA GIUNGLA**
The Jungle Rot Kid on the Nod (1968) |
PHILIP JOSE’ FARMER
**MARITI**
Husbands (1990) |
LISA TUTTLE
**QUANDO I PADRI SE NE VANNO**
When the fathers go (1982) |
BRUCE MCALLISTER
**GALLINE BALLERINE**
Dancing chikens (1984) |
EDWARD BRYANT
**SOCCORSO STRADALE**
Roadside Rescue (1985) |
PAT CADIGAN
**OMNISEXUAL**
Omnisexual (1990) |
GEOFF RYMAN
**TUTTE LE MIE ADORATE FIGLIE**
All my darling daughters (1985) |
CONNIE WILLIS
**RISVEGLIO**
Arousal (1990) |
RICHARD CHRISTIAN MATHESON
**SCAGLIE**
Scales (1990) |
LEWIS SHINER
**MI SVEGLIAI E MI TROVAI QUI, SUL FIANCO DEL GELIDO COLLE**
And I awoke and found mi here on the cold hill’s side (1971) |
JAMES TIPTREE Jr.
**DISEGNI**
Picture Planes (1990) |
MICHAELA ROESSNER
**L’AMORE E IL SESSO TRA GLI INVERTEBRATI**
Love and sex among the invertebrates (1990) |
PAT MURPHY
**AL NEW MOON HOTEL PER SALVARE IL MONDO**
Saving the world at the new moon hotel (1990) |
ROBERTA LANNES
**VIAGGIO IMBARAZZANTE**
Fantastic Cleavage |
P. KETTRIDGE Jr.

Fantasesso

Antologia retro come non se ne farebbero più, curatissima nella scelta dei brani (18 racconti completi e 14 passi da narrazioni più estese) e nella struttura (7 blocchi tematici e un epilogo: Delle novità tecniche introdotte dalla navigazione spaziale e dai viaggi nel tempo – Delle sorprese della cibernetica – Cinque ipotesi su altrettanti pianeti – Delle proiezioni di alcune frustrazioni femminili – Delle possibilità di certi sogni maschili – Erotismi e tabù di oggi in situazioni-limite di domani – Degli incubi della genetica – Le società future: amore idilliaco, tirannide sessuale… oppure?), raffinata anche nella disposizione in sequenza dei testi e nella scelta delle citazioni e degli aforismi in apertura di sezione. Si parla di sesso, amore, affettività, riproduzione, comportamenti sociali con uno slancio meravigliosamente sessantottino (il libro è del 1967) e le scene erotiche sono praticamente assenti. Un fantaviaggio divertentissimo, alla fine del quale appaiono evidenti i motivi del declino del genere ai nostri giorni: dopo almeno cento anni di speculazioni e di sogni non solo non abbiamo incontrato nessun extraterrestre e non abbiamo viaggiato nel tempo, ma una coppia omosessuale con figli è ancora un tabù, così come la fecondazione artificiale e le ricerche genetiche. Ma resta vero che “il meglio della fantascienza è uno specchio in cui vediamo il nostro mondo, il nostro futuro, noi stessi” e che “la fantascienza ci mostra a noi stessi estremizzati” (Frederick Pohl).

Le famiglie più malvagie della storia

I delitti più celebri e i crimini più atroci commessi da famiglie, clan e dinastie’Gli autori tracciano il loro oscuro labirinto narrando con oggettività vicende inquietanti. Il terrore diventa un affare di famiglia.’Laura Laurenzi, ‘la Repubblica’Madri e padri, figli e figlie, fratelli e sorelle uniti da un doppio legame di sangue: genetico e criminale. Dalla dinastia giulio-claudia ai Borgia, dai Romanov ai Kim, dagli Hussein ai clan mafiosi, la storia di ieri e di oggi è disseminata di vicende oscure che hanno come protagonisti personaggi disumani, guidati da una lucida follia o pronti a tutto per conservare il proprio potere. Sfilano così, in sequenza, gli eccidi di massa dei fratelli Pizarro, gli omicidi seriali, le efferate imprese delle bande di Jesse James, dei fratelli Dalton e dei Savi, “quelli della Uno bianca”. E poi le sanguinose azioni delle famiglie mafiose, come i Gambino, i Riina, i Messina Denaro, i Barbaro…E ancora la spregiudicata gestione del potere di tiranni che la storia ha condannato a finire nella polvere, come Ceausescu e Gheddafi. Per finire con i protagonisti della cronaca nera: Rosa Bazzi e Olindo Romano, gli assassini di Erba; Michele Misseri e sua figlia Sabrina, implicati nel giallo di Avetrana, culminato con il ritrovamento del cadavere della quindicenne Sarah Scazzi, vittima forse dello zio e della cugina. Due presunti carnefici per un solo cognome.’Una carrellata di fatti oscuri e crudeli, operati da famiglie che hanno utilizzato ogni genere di sopraffazione per difendere il proprio nome e potere.’Panorama.it Tra le famiglie malvagie:La dinastia giulio-claudia. Roma val bene sangue e omicidiI Borgia. Delitti e castighi di una dinastia mancataI Tudor. Matrimoni e funerali, tra vergini e sanguinariI fratelli Dalton. Al di là del bene e del maleI Romanov. Demoni e dèiGli Hussein. Una famiglia-statoIl clan bin Laden. L’internazionale del terroreI Riina. I capi dei capiOlindo e Rosa. I mostri di ErbaAndrea Accorsi(Legnano, 1968), giornalista professionista e ricercatore, lavora come capo servizio cronaca in un quotidiano nazionale. Studioso di storia del giornalismo e di criminologia, ha scritto una decina di libri e saggi, tra cui ricordiamo Bande criminali e – insieme a Daniela Ferro – Milano criminale, Il grande libro dei misteri di Milano risolti e irrisolti, 101 personaggi che hanno fatto grande Milano, Le famiglie più malvagie della storia.Daniela Ferro(Milano, 1977), giornalista pubblicista e docente, per Newton Compton ha pubblicato Le grandi donne di Milano. Insieme ad Andrea Accorsi ha scritto Milano criminale, Il grande libro dei misteri di Milano risolti e irrisolti, 101 personaggi che hanno fatto grande Milano e Le famiglie più malvagie della storia.
(source: Bol.com)

La fabbrica dei flagelli

Il Diluvio Universale, le Sette Piaghe d’Egitto, le epidemie di peste e colera che decimarono nei secoli passati la popolazione terrestre, avevano se non altro il pregio di cadere, per così dire, dall’alto. In pochi decenni, tutto questo è drammaticamente cambiato: gli Dei, il Fato, la Natura sono usciti di scena, e oggi è l’Uomo stesso che si scava la fossa da sé, che fabbrica i flagelli di cui è vittima. “Quanto maggiori i progressi della nostra tecnologia, tanto maggiore la nostra vulnerabilità.” Questo tema – proposto da Arthur Clarke – è stato assegnato dalla Meredith Press a tre “scolari” d’eccezione come Silverberg, Zelazny e Blish, che l’hanno trattato secondo il proprio estro, ciascuno senza sapere come lo stessero svolgendo gli altri due. Ne è uscita una impressionante antologia di fantascienza “ecologica”, che abbiamo il dovere, oltre che il piacere, di offrire ai nostri lettori e compagni di specie.
INDICE
QUANDO IL PASSATO SE NE ANDO’ How it was when the Past Went Away (1969) ROBERT SILVERBERG
PROGETTO RUMOKO The Eve of Rumoko (1969) ROGER ZELAZNY
TUTTI MORIAMO NUDI We all dies naked (1969) JAMES BLISH

La fabbrica dei cattivi

È una storia vera o pura fiction? La vicenda è così sconcertante ed emotivamente coinvolgente che si legge senza prendere fiato. Una sosta in un centro commerciale per comprare una maglietta pulita e asciutta dopo l’ennesimo acquazzone – perché d’estate in Florida piove in continuazione. Intanto la figlia più piccola, Giulia, si è appena addormentata ed è un peccato svegliarla: l’auto è parcheggiata proprio davanti alla vetrina del negozio, è questione di un attimo, non può succedere nulla. E invece di colpo tutto precipita perché, senza saperlo, Alex e Mara hanno contravvenuto a una legge dello Stato. Il detective Strate prende le cose talmente sul serio da alterare prove e testimonianze. Si scatena il finimondo. Un’assistente sociale porta via i loro due bambini. I genitori, dopo l’arresto, sono condotti alla prigione della contea: rischiano una pesante condanna per abbandono di minore e la conseguente perdita della potestà genitoriale. Cosa succede quando un “buono”, un padre e un marito affettuoso, un professionista responsabile e, soprattutto, un uomo innocente, sperimenta l’impotenza di fronte a un meccanismo repressivo incomprensibile? Accettare di esserne ingranaggio? Oppure reagire e analizzarlo con i propri strumenti? Così, ora dopo ora, il travolgente racconto di Alex si trasforma nella personale esperienza di come, in una perversione giuridica compiuta in nome della giustizia, la società abbia bisogno di una “fabbrica dei cattivi”.

(source: Bol.com)