33329–33344 di 68366 risultati

Ánghelos

Benevento, anno 999. Il conte Nikefòros, discendente dall’antichissima stirpe degli Anghelos, e il suo servitore Raphael si aggirano esuli dopo avere abbandonato dolorosamente l’isola greca di Thera. Il sanguinario vescovo Aléxandros è sulle loro tracce, divorato dal desiderio di possedere il Libro Oscuro, un antico testo in cui è contenuto il segreto degli Anghelos. Ma il Libro è andato perduto e con lui il segreto che angoscia lo stesso conte: perché una sete smaniosa di sangue (sangue di animali, ma anche di uomini) lo tortura senza sosta, facendo di lui un vampiro? L’antico testo era stato affidato anni prima, nel corso di una spaventosa carneficina ordinata dal vescovo, a una bambina…

L’angelo nero. La setta dei vampiri

Non è facile essere una ragazza qualsiasi, timida e insicura. Gillian Lennox vaga per i corridoi della sua scuola come se fosse invisibile, nessuno la nota, il ragazzo per cui ha una cotta non sa neppure che esiste. Ma se la sua vita di adolescente è un inferno, la morte può cambiare le carte in tavola. Una terribile disgrazia, e Gillian cade in un fiume ghiacciato. Per lei è finita, o almeno così sembra. A questo punto però uno strano angelo oscuro corre a salvarla, le dice che la sua ora non è ancora giunta, e la riporta nel mondo dei vivi. Con l’aiuto del suo nuovo, stravagante amico, Gillian si trasforma. Diventa la ragazza più popolare della scuola, tutti la adorano. Perfino David, il ragazzo di cui è sempre stata innamorata, cede al suo irresistibile fascino. Ma se la vecchia vita di Gillian era noiosa e triste, quella nuova è fin troppo eccitante. Quando scopre di essere la discendente di un’antica stirpe di streghe, capisce che anche lei fa parte del Mondo delle Tenebre: come le altre creature misteriose – vampiri, mutaforma, licantropi può vivere in mezzo agli umani, ma non sarà mai del tutto uguale a loro. Nuovi poteri comportano nuove responsabilità, e nuovi rischi. Tra amori, angeli custodi, parenti da tempo defunti e poteri sovrannaturali, Gillian Lennox scoprirà di essersi trasformata in una ragazza molto, molto speciale. Forse troppo.
**

L’angelo nero

La loro vita era perfetta: una giovane sposa, un marito innamorato, che per lei aveva coniato il soprannome di “viso d’angelo”. Ma quando lui viene arrestato con l’accusa di aver ucciso una donna, quella che molti considerano la sua amante, “viso d’angelo” non riesce a rassegnarsi. Impugna l’agenda della donna uccisa e ripercorre uno a uno tutti i suoi contatti alla disperata ricerca della verità. Suo malgrado, finirà di fronte a un incubo che non avrebbe mai immaginato.

Angelo nero

Occuparsi di piccoli incidenti domestici non è l’attività a cui Melanie May aspirava quando ha messo in gioco tutta la sua vita per entrare nella polizia. Ma un giorno, per caso, scopre che alcuni individui accusati di violenze sulle donne sono morti in bizzarri incidenti, e si convince che in città operi un serial killer, un misterioso e implacabile assassino che si considera l’esecutore della giustizia divina. Se solo riuscisse a convincere Connor Parks, un affermato criminologo dell’FBI, della validità della sua ipotesi, potrebbe finalmente fare il salto di qualità professionale a cui aspira. Quello che non si aspetta è che le indagini la porteranno tanto lontano. O piuttosto, tanto vicino…

L’angelo di Mauthausen

Austria, 1943. Circolano voci inquietanti sul Kommando 50: si dice che nel campo satellite del grande lager di Mauthausen il Reich sperimenti armi segrete con cui annientare i bolscevichi. Nascosto tra le montagne, isolato durante le tormente di neve, quel posto è un mistero anche per il maggiore Lauser. Ma un ordine dei superiori – quindi indiscutibile – l’ha incaricato di assumerne il comando, facendosi saltare alle spalle il ponte che lo collega alla civiltà. L’unico. Durante il viaggio di avvicinamento del convoglio guidato da Lauser, poi, c’è un passeggero speciale che non ha mai abbandonato la sua auto blindata… Qualcosa non torna. La realtà supera però ogni cattivo presentimento del maggiore, perché il Kommando 50 lo accoglie come l’anticamera dell’inferno. Sabotate le linee elettriche, un killer sta uccidendo con ferocia maniacale le guardie naziste, lasciando accanto ai cadaveri strani simboli disegnati col loro sangue. Non si tratta dell’opera di un folle, perché l’ombra che si aggira indisturbata tra le baracche si sta servendo del linguaggio della Torah per comunicare il suo messaggio oscuro, che sembra voler ribaltare le leggi della violenza. E per decifrarlo, un carnefice e una vittima dovranno indagare insieme, riannodando i fili di un passato pieno di cicatrici. Perché la strada verso l’assassino si rivela ben presto un labirinto di trappole mortali. Con L’angelo di Mauthausen Roberto Genovesi ha scritto un thriller che ha il ritmo implacabile delle grandi serie tv, e ci fa scoprire che è sempre possibile, anche solo per un istante, invertire il corso della Storia.

L’angelo delle ossa

L’investigatore privato Charlie “Bird” Parker, protagonista dei romanzi di Connolly, sa di non potere dare nulla per acquisito. C’è una ragazza sola, giovane, bella e soprattutto scomparsa; c’è suo cugino, Louis, che di Parker è il braccio destro. C’è l’indagine per ritrovare la ragazza; e ci sono New York, fosca e sulfurea, un’antica abbazia boema, la Francia, le tracce della Seconda guerra mondiale, pergamene e miti biblici. A un certo punto sembra che tutto stia diventando chiaro ma a scompaginare l’investigazione interviene, come una variabile impazzita, proprio il passato di Parker.

L’angelo della notte. Oltre le tenebre

L’appassionante serie del guerriero assassino Kylar SternL’Angelo della Notte è tornato sulla via delle tenebre e questa volta dovrà percorrerla fino in fondoKylar Stern ha conosciuto il terribile prezzo dell’immortalità e nulla potrà mai più essere come prima.L’Angelo della Notte sa che il suo destino è legato con un nodo indissolubile a quello della terra di Midcyru. Ma il continente è devastato da guerre e conflitti per il potere. Cenaria è sotto assedio, con un esercito allo sbando e poche speranze di riuscire a resistere; per salvarla, re Logan Gyre ha un’unica possibilità: una scommessa disperata che, in caso di fallimento, porterà alla distruzione del regno. Intanto, a nord, il nuovo Re Divino di Khalidor ha un piano ed è disposto a tutto pur di realizzarlo, persino a commettere terribili atrocità. Kylar Stern non ha scelta. Per proteggere i suoi amici, dovrà affrontare le tenebre e superarle, per portare a termine un incarico impossibile: assassinare una dea…Brent Weeksè nato e cresciuto nel Montana. Dopo aver conseguito la laurea all’Hillsdale College, si è dedicato per qualche tempo all’insegnamento e alla frequentazione assidua di bar, finché, buttando giù idee su tovagliolini di carta e programmi delle lezioni, ha scoperto la sua vera vocazione: oggi è scrittore a tempo pieno. Oltre le tenebre è il capitolo conclusivo di una trilogia di grande successo, iniziata con La via delle tenebre, a lungo nella lista dei bestseller del «New York Times», e proseguita con Il tempo delle tenebre. Per saperne di più, visitate il sito www.brentweeks.com

L’angelo della notte. La via delle tenebre

Il killer perfetto non ha amici, ha solo obiettivi
Il giovane Azoth ha dovuto imparare a giudicare in fretta le persone. Per uno come lui, cresciuto nei sobborghi di Cenaria, una città da incubo controllata da criminali, la sopravvivenza è un premio da conquistare, giorno dopo giorno. Per questo, quando incontra casualmente Durzo Blint, il sicario più richiesto e temuto, il ragazzo non può fare a meno di restare affascinato dal suo carisma: in una città come Cenaria, Durzo non è un semplice assassino, ma una vera e propria leggenda, un artista dell’omicidio circondato da un’aura di invincibilità. Azoth sogna di essere come lui, anzi, più forte, per non dover più avere paura, e sa che l’unico modo per farcela è diventare apprendista di Durzo stesso… Deciso a percorrere fino in fondo la via delle tenebre, che richiede sacrifici estremi, Azoth dovrà impegnarsi al massimo ed essere disposto a mettere in gioco tutto, anche la sua stessa identità, rinascendo come Kylar Stern, spietato assassino che si muove tra rischiosi intrighi e strani incantesimi, coltivando il suo talento per la morte…
Brent Weeks
è nato e cresciuto in Montana. Dopo aver conseguito la laurea all’Hillsdale College, si è dedicato per qualche tempo all’insegnamento e alla frequentazione assidua di bar, finché, buttando giù idee su tovagliolini di carta e programmi delle lezioni, ha scoperto la sua vera vocazione. Oggi è scrittore a tempo pieno. La via delle tenebre, a lungo nella lista dei bestseller del «New York Times» e candidato al David Gemmell Legend Award for Fantasy e al Compton Crook Memorial Award, è il primo capitolo di una trilogia di grande successo.
**
### Sinossi
Il killer perfetto non ha amici, ha solo obiettivi
Il giovane Azoth ha dovuto imparare a giudicare in fretta le persone. Per uno come lui, cresciuto nei sobborghi di Cenaria, una città da incubo controllata da criminali, la sopravvivenza è un premio da conquistare, giorno dopo giorno. Per questo, quando incontra casualmente Durzo Blint, il sicario più richiesto e temuto, il ragazzo non può fare a meno di restare affascinato dal suo carisma: in una città come Cenaria, Durzo non è un semplice assassino, ma una vera e propria leggenda, un artista dell’omicidio circondato da un’aura di invincibilità. Azoth sogna di essere come lui, anzi, più forte, per non dover più avere paura, e sa che l’unico modo per farcela è diventare apprendista di Durzo stesso… Deciso a percorrere fino in fondo la via delle tenebre, che richiede sacrifici estremi, Azoth dovrà impegnarsi al massimo ed essere disposto a mettere in gioco tutto, anche la sua stessa identità, rinascendo come Kylar Stern, spietato assassino che si muove tra rischiosi intrighi e strani incantesimi, coltivando il suo talento per la morte…
Brent Weeks
è nato e cresciuto in Montana. Dopo aver conseguito la laurea all’Hillsdale College, si è dedicato per qualche tempo all’insegnamento e alla frequentazione assidua di bar, finché, buttando giù idee su tovagliolini di carta e programmi delle lezioni, ha scoperto la sua vera vocazione. Oggi è scrittore a tempo pieno. La via delle tenebre, a lungo nella lista dei bestseller del «New York Times» e candidato al David Gemmell Legend Award for Fantasy e al Compton Crook Memorial Award, è il primo capitolo di una trilogia di grande successo.

L’angelo del fango

‘Gori ha grandi doti narrative. I suoi romanzi suscitano emozioni, creano immagini, ci fanno viaggiare nella storia recente del nostro Paese’
Marco Vichi

Novembre 1966. Firenze è in ginocchio, sventrata dalla furia dell’Arno e sommersa dal fango. I fiorentini però sono subito al lavoro, aiutati dall’incredibile ondata degli ‘angeli del fango’, tanti giovani accorsi da ogni parte d’Italia e del mondo. Lo Stato non può mancare e, nonostante le condizioni proibitive, il presidente della Repubblica Saragat decide di visitare la città. Incaricato della sicurezza, il colonnello dei Carabinieri Bruno Arcieri si trova davanti un compito impossibile. La situazione convulsa offre infatti l’occasione perfetta per chi volesse colpire in ‘alto’, oppure saldare vecchi conti. Il ritrovamento di un cadavere misterioso, un giornalista ambiguo, una donna che cerca protezione, dossier dimenticati: a poco a poco Arcieri si addentra in un’indagine carica di passato e di sangue, in fondo alla quale lo attende una sconvolgente rivelazione. Sullo sfondo di una ricostruzione meticolosa e avvincente, Leonardo Gori accompagna i lettori lungo una pista che serpeggia dai depositi distrutti della Biblioteca Nazionale, al primo dopoguerra, alla Repubblica di Salò e ancora più indietro nelle tenebre della nostra storia.

(source: Bol.com)

L’angelo del destino

Un agguato con sei morti a Belfast, una Beretta 9 mm Parabellum e una firma, Trenta Gennaio, sono il biglietto da visita della nuova missione che impegnerà l’agente Sean Dillom e il generale Charles Ferguson, questa volta chiamati a scongiurare l’ennesima stagione di sangue e attentati con epicentro nell’Irlanda del Nord. Un romanzo d’azione che intreccia la suspense e l’attualità, le ragioni della legge e la strategia terorista. del film omonimo, un romanzo che ci riporta indietro nel tempo, a quando la lotta tra bene e male era affidata alle spade e al coraggio di prodi cavalieri.

Angelica alla frontiera: romanzo

Negli sconfinati territori dei Grandi Laghi nordamericani, Angelica cavalca sicura tra enormi aceri secolari, illuminata dalla luce scarlatta dell'autunno. Ha con sé i figli e il marito, il fiero Goffredo di Peyrac, al quale, dopo innumerevoli vicissitudini, si è riunita, per affrontare assieme le difficoltà e i pericoli di una nuova vita in una terra sconosciuta. Tra montagne selvagge e fiumi impetuosi, tra efferate tribù irochesi e fanatici gesuiti, nuove sfide e avventure stanno attendendo la Marchesa degli Angeli.

Angeli di luce

Gli arrampicatori della Yosemite Valley, ammirati in tutto il mondo, si rivelano infantili nella loro devozione alla roccia. La scoperta di due tonnellate di droga e del cadavere di un contrabbandiere in un lago gelato dell’Alta Sierra, uccide la loro innocenza.

Angel

Le antiche mura di Viterbo custodiscono un segreto: una comunità di angeli che da secoli convive pacificamente con gli abitanti della città. Vittoria ha sedici anni, è un angelo, ma è diversa da tutti i suoi simili: è senza ali e per tutta la vita si è sentita un’esclusa, un’estranea persino nella propria famiglia. Questa consapevolezza l’accompagna sempre, mentre la sua esistenza scorre tranquilla giorno dopo giorno tra scuola, amici e litigi con la sorella maggiore. Ma quando arriva in città Guglielmo, un ragazzo misterioso dagli occhi magnetici, il mondo di Vittoria viene sconvolto, e lei scopre che l’amore può rivelarsi il peggiore dei demoni.

L’anello dei ghiacci

Islanda. Dintorni di Reykjavík. Il cielo non è mai stato così scuro e minaccioso. Le nuvole basse quasi toccano le nere acque del lago. Il detective Magnus Jonson vede a malapena il corpo, immerso nella foschia. È il cadavere di Agnar Haraldsson, uno dei più importanti studiosi dell’opera di Tolkien. La sua è una morte apparentemente assurda. Ma forse una spiegazione c’è, o quantomeno un indizio. Perché il professore, poco prima di morire, era entrato in possesso di un’antica saga nordica. Un prezioso manoscritto vecchio di ottocento anni, forse la saga da cui Tolkien ha preso ispirazione per scrivere Il Signore degli Anelli. Ma del manoscritto e dei due uomini misteriosi che stavano trattando con lo studioso per impadronirsene si sono perse le tracce. Magnus non ha dubbi: deve ritrovarli e capire cosa faccia parte del mito e cosa della realtà. C’è una sola strada, scavare nel passato del professore. Un passato pieno di attività poco pulite e di personaggi inquietanti. Come l’enigmatica Ingileif. Dura e ribelle, ha vissuto un’infanzia segnata dalla tragedia e dalla menzogna. E non si fida di nessuno. Come Magnus, del resto. Anche lui è cresciuto in mezzo alla morte. E forse è l’unico in grado di conquistare la sua fiducia della ragazza. Perché è di lei che ha bisogno. È nei misteri della sua famiglia che si annida la verità. Una verità spaventosa. Un thriller mozzafiato. Balzato in testa alle classifiche inglesi a pochi giorni dall’uscita, ha consacrato Michael Ridpath nell’olimpo dei grandi autori del thriller. Un autore che ha conquistato un milione di lettori solo in Inghilterra, ora in via di pubblicazione in tutto il mondo. Sullo sfondo di una terra di grande fascino, dominata dal freddo e dal buio, L’anello dei ghiacci ci fa penetrare nei meandri più sconosciuti e pericolosi dell’animo umano. Dove a regnare è solo l’oscurità.

Andy Warhol era un coatto. Vivere e capire il trash

Il trash, o cultura di serie B, o spazzatura, è un fenomeno dalle molte facce, e non sempre è possibile circoscriverlo: sono trash le ragazzine che imitano Madonna, i presentatori delle Tv locali che si rifanno a Pippo Baudo, ma anche il Tg4 quando emula i notiziari in diretta della Cnn. Cos’è che li accomuna? È, in sintesi, il fallimento nell’imitazione di un modello «alto», quale che esso sia. Il trash è un’erba che attecchisce ovunque, e nessuno di noi può dirsene immune: qualunque cosa facciamo o diciamo, ci sarà sempre chi è «più a Nord di noi», pronto a deriderci. Che fare, dunque? Abbandoniamo il pregiudizio estetico, la boria accademica, l’illusione della purezza: come ci ha insegnato il genio «meravigliosamente coatto» di Andy Warhol, nel supermarket della cultura di massa possiamo sopravvivere solo se, non badando alle marche, alle firme o ai prezzi, compriamo liberamente ciò che ci piace.

Anatomia umana

Un uomo si sveglia a Buenos Aires e scopre di essere l’ultimo maschio del pianeta. Questa condizione paradossale lo trasforma in preda, prezioso strumento di procreazione in vitro; lo priva inoltre del controllo sul proprio corpo e gli impone un’esistenza da fuggitivo, perennemente camuffato da donna. Anatomia umana si colloca in una tradizione letteraria argentina che ha spesso guardato al fantastico e al grottesco come uniche forme possibili di cronaca del presente. Sullo sfondo dell’apocalittica vicenda traspare l’apocalisse reale della dittatura, la disgregazione della società civile causata dal terrore generalizzato della sparizione forzata. Allo stesso tempo si racconta il disagio tutto contemporaneo del corpo e della fisicità, del conflitto tra i sessi e tra le differenti generazioni. Tutto ciò viene narrato facendo ricorso a una commistione di generi e scritture tipicamente avantpop: si spazia dalla fantascienza al picaresco, dall’horror alla satira, e soprattutto si impone un gusto tutto paradossale della provocazione feroce e politicamente scorretta.