33329–33344 di 72802 risultati

L’ultima legione

Anno Domini 476. Il re barbaro Odoacre depone l’ultimo imperatore romano, il tredicenne Romolo Augustolo, confinandolo a Capri. Il sipario cala definitivamente sulla civiltà di Roma. Ma non tutto è perduto. Un pugno di legionari sembra risorgere dal campo di battaglia: Rufio Elio Vatreno, veterano di infinite battaglie, Cornelio Batiato, gigante etiope dalla forza smisurata, e il comandante Aurelio, il più leale e coraggioso. Insieme a Livia Prisca, una formidabile guerriera, sono decisi a tutto pur di liberare Romolo Augustolo e il suo precettore Meridius Ambrosinus. Una volta riusciti nella loro impresa, ha inizio così una caccia all’uomo senza esclusione di colpi, una lotta disperata in cui l’intelligenza, le astuzie, il coraggio di quattro soldati proteggeranno e guideranno l’ultimo Cesare; una fuga a perdifiato attraverso un’Italia e un’Europa devastate e drammaticamente affascinanti, fino all’ultimo approdo, fino all’ultima resa dei conti in un luogo desolato agli estremi confini del mondo. Dove, dalle ceneri di un mondo che si era creduto immortale, sorge un nuovo mito, destinato a varcare i millenni.
(source: Bol.com)

L’ultima fortezza della terra

Quando si è sull’orlo del suicidio, spesso si attende solo un motivo qualsiasi per riacquistare la voglia di vivere. Nel caso di Norma Matheson, questo motivo è una sfida impossibile. La scoperta che dal futuro si stanno reclutando soldati di ogni epoca per combattere una guerra titanica fra le opposte fazioni dei Gloriosi e dei Planetari, e la responsabilità di aver fatto cadere il proprio ex-fidanzato, Jack Garson, fra i micidiali ingranaggi di questa colossale macchinazione che non rispetta nulla e nessuno, sono sufficienti a farla lottare con tutte le sue forze. Nonostante la minaccia di un invecchiamento precoce e il pericolo rappresentato dai mortali Tentacoli che la circondano… e correndo perfino il rischio che la disperata battaglia intorno all’ultima Fortezza di questa Terra abbia risultati apocalittici anche per la sua Terra.

L’ultima estate di innocenza

È un’estate strana, piena di sole accecante e di temporali improvvisi. È l’estate di Lisa, che ha tredici anni e non parla. Ha smesso un giorno di febbraio. Il giorno in cui non è tornata a casa da scuola fino a notte inoltrata. Il giorno che sua madre Roberta cerca disperatamente di ricostruire, per poter finalmente colmare il muro di silenzio che da allora le tiene distanti. È l’estate di Michele Ferrara che si sveglia dal coma dopo sei mesi. E che non ricorda quasi nulla della sua vita passata. Niente dell’incidente che lo ha spedito nel buio di una notte di neve. Niente dell’uomo che era e che ritrova piano piano, scoprendo un altro se stesso che non conosce più. E che gli fa paura. È l’estate di Nicola Zanardi, che fa il fotografo e ritorna dall’Iraq. Con una donna da dimenticare, un amico morto in un attentato e una valigia scambiata che nasconde fotografie che nessuno dovrebbe vedere. E che molti vorrebbero avere. È l’estate di Giovanni Marra, poliziotto con troppi ricordi, e del corpo di una bambina che mezza Italia sta cercando, riaffiorato all’improvviso dalla terra di un parco. E di altre morti strane e sospette arrivate senza un motivo apparente a disegnare una trama difficile da decifrare. Storie che sembrano distanti tra loro, ma che si rivelaranno strettamente intrecciate una all’altra. Finché ognuno dovrà fare i conti con un presente diventato troppo pericoloso.

L’ultima diva

Wisconsin, anni Trenta. Per Elsa Emerson, Hollywood non è solo un sogno o un’aspirazione, bensì una necessità. Da bambina, Elsa cresce con il profumo della campagna in fiore che si mescola a quello del legno scricchiolante del palcoscenico: è suo padre a mostrarle le prime luci dello spettacolo e a condurla verso il mondo della recitazione gestendo un piccolo teatro estivo all’aperto. Elsa impara a memoria le battute delle rappresentazioni e ammira quegli attori che le regalano momenti magici fino al giorno in cui viene inaspettatamente chiamata a essere una di loro. Da gioco meraviglioso, calcare le scene diviene la sua via di fuga dalla realtà di provincia nella quale vive, finché il piccolo teatro di casa non le basta più. Sarà Los Angeles ad accoglierla e a trasformarla da ragazza qualunque in una vera diva, grazie all’aiuto di un produttore con cui si sposa formando una delle coppie più invidiate dello star system. La giovane Elsa non esiste più e nasce l’icona Laura Lamont, nome che sembra più appropriato al mondo di cui ora lei fa parte. Ma proprio quando pare aver conquistato il successo, l’amore e quella vita perfetta che ha sempre desiderato, Laura scopre che tutto questo ha un prezzo, ed è costretta a pagarlo troppo presto. Per tenere in piedi il suo mondo, la grande star ha bisogno di Elsa, di quello che era prima. Emma Straub trasporta il lettore nel mondo del cinema in bianco e nero, dove il grande potere dell’illusione e la vita reale si scontrano. Dalle pagine di L’ultima diva traspaiono grande intelligenza, delicatezza e profondità di un’autrice che dà vita a un personaggio che non è mai scontato e in cui è facile identificarsi.

L’ ultima battaglia

Terra 1949 – Narnia 2555. Il ciclo di Narnia è arrivato alla sua conclusione e tutti i personaggi dei sei romanzi precedenti vengono alla ribalta per salutare, dall’aquila Alidifuoco all’unicorno Diamante. Ma i veri eroi di questo “gran finale” sono Tirian, ultimo discendente dei re di Narnia, Jill ed Eustachio, che devono smascherare un assurdo impostore. Le forze del bene e del male si preparano alla battaglia decisiva, ma alla fine è al “cuore delle cose” che tutti dovranno guardare… Età di lettura: da 11 anni.

Ulisse era un fico

”Perché leggere l’Odissea?” potrebbero chiedersi

i ragazzi di oggi. Perché perdere tempo con

la mitologia che racconta storie di migliaia di

anni fa quando adesso abbiamo a disposizione

i videogiochi, la televisione e i film in 3D?

Perché, parola di Luciano De Crescenzo, le storie

degli eroi e degli dèi dell’Olimpo sono piene

di colpi di scena, di amori, tradimenti, viaggi

da sogno e vendette alla Rambo. Perché la mitologia

è ”la capostipite di tutte le telenovelas,

la madre di tutti i romanzi d’avventura, il prototipo

di tutti i serial”. Perché Ulisse era, più di

tanti vip del nostro tempo, un vero ”fico”.

Dopo Socrate e compagnia bella, De Crescenzo

dedica al nipote e a tutte le nuove generazioni

questo atto d’amore per Ulisse e tutti i miti

greci, nella speranza, pagina dopo pagina, di

trasmettere, come un contagio, la sua passione:

”Vorrei farti travolgere dalle avventure di

Ettore e Achille, farti sorridere per le bisbocce

fra Zeus ed Era, commuovere per la vicenda

di Orfeo ed Euridice. Tu che così tanto tempo

passi davanti allo specchio, avrai da pensare

leggendo il mito di Narciso, e troverai un compagno

della tua voglia di ribellione nel testardo

Prometeo. L’amore, che in questi anni stai

scoprendo, lo troverai riflesso ed esaltato nella

favola di Amore e Psiche, ma anche nei suoi

aspetti meno ‘platonici’, nei ritratti di Dioniso

e Afrodite. In mezzo a dèi ed eroi ritroverai

pregi e difetti di noi umani, e ti sorprenderai

che storie raccontate migliaia di anni fa abbiano

così tanti punti in comune con la tua vita

di ogni giorno”.
(source: Bol.com)

Uccidere Hitler. La storia dei complotti tedeschi contro il Führer

Questo libro è un nuovo e definitivo studio della cospirazione clandestina antinazista in Germania e dei numerosi tentativi che questa rete di resistenza organizzò nel tempo per assassinare Adolf Hitler. Hitler divenne Cancelliere tedesco nel 1933. Un anno dopo tutti i partiti politici erano stati messi fuori legge, ad eccezione del Partito Nazionalsocialista, la libertà di stampa non era che un lontano ricordo e il potere di Hitler sembrava inattaccabile. Eppure, negli anni successivi, emerse un improbabile gruppo, stranamente assortito, di cospiratori – tra i quali vi erano soldati, insegnanti, politici, diplomatici, teologi, e persino un falegname – che a più riprese tentò con ogni mezzo di mettere fine alla sanguinosa dittatura del Führer. Questo libro racconta la storia drammatica di questi eventi, così nobili, così ingenui, talvolta al limite dell’assurdo e condannati al fallimento. È una storia che a tratti toglie il fiato, mentre l’autore ci fa assistere in diretta a segrete riunioni notturne, profonde crisi di coscienza e duri scontri tra vecchi amici su come e quando abbattere il nazismo, su come progettare ed eseguire un piano omicida nei confronti del dittatore e su cosa fare dopo, in caso di successo. Lo sguardo innovativo di Danny Orbach getta nuova luce su una storia già nota perché si avvale delle sue conoscenze linguistiche, di archivi ancora poco esplorati e di una particolare attenzione rivolta ai metodi dei cospiratori, le loro motivazioni, le paure, le speranze.
**

L’uccello che girava le Viti del Mondo

Murakami Haruki in uniform edition Super ET, con le copertine di Noma Bar.

***

In un sobborgo di Tokyo il giovane Okada Toru ha appena lasciato volontariamente il suo lavoro e si dedica ai lavori di casa. Due episodi apparentemente insignificanti riescono tuttavia a rovesciare la sua vita tranquilla: la scomparsa del gatto di casa e la telefonata anonima di una donna che con voce sensuale gli chiede un incontro. Toru si accorgerà presto che oltre al gatto, a cui la moglie Kumiko è molto affezionata, dovrà cercare Kumiko stessa. Lo spazio limitato del suo quotidiano diventa il teatro di una ricerca in cui sogni, ricordi e realtà si confondono e che lo porterà ad incontrare personaggi sempre piú strani: dalla prostituta psicotica, alla sedicenne morbosa, dal politico diabolico, al vecchio e misterioso veterano di guerra. A poco a poco Toru dovrà risolvere i conflitti della sua vita passata di cui nemmeno sospettava l’esistenza.
Un intrigante romanzo che illumina quelle zone d’ombra in cui ognuno nasconde segreti e fragilità.

(source: Bol.com)

L’uccello beffardo

Nominato funzionario dell’impero britannico sull’isola di Zenkali, Peter Foxglove non vede l’ora di raggiungere quello che tutti a Londra definiscono un autentico paradiso tropicale. Avvolta nella luce solare e sorvegliata dai coni di due vulcani, l’isola ha i colori di un arazzo variopinto cinto da un mare blu intenso e da una meravigliosa barriera corallina. La popolazione vive pacifica, nonostante l’atavica rivalità tra le due tribù dei Fangoua e dei Ginka. La flora e la fauna sono rigogliose e fonte di benessere: un’unica specie vegetale, l’albero Amela, regge l’intera economia dell’isola e dà lavoro a tutti i suoi abitanti, i quali non conoscono né tasse né catastrofi naturali. L’unico cruccio per i tranquilli isolani è l’estinzione di un uccello, l’uccello beffardo, venerato per secoli come un dio dalla tribù dei Fangoua e chiamato così per il suo richiamo simile a una risata sfrenata. Foxglove, dunque, ha di che rallegrarsi sbarcando a Zenkali con un incarico delicato, ma all’apparenza non troppo gravoso: costruire nell’isola, giudicata d’importanza strategica dai capi di stato maggiore britannici, una pista d’atterraggio. Quando, tuttavia, in un’amena valle vengono scoperti quattrocento alberi Ombu e quindici coppie di Uccelli Beffardi, accade l’irreparabile per gli irreprensibili funzionari britannici. Il re Kingy sconfessa il suo ministro furfante e si oppone alla costruzione della pista di atterraggio che prevede l’inondazione della sacra valle del volatile.
**

Uccelli da gabbia e da voliera: romanzo

“Caro Andrea… in questo tuo libro c’è tutto: la qualità brillante della scrittura e l’autenticità vitale del contenuto, il distacco e la passione romantica, l’ingenuità e la consapevolezza sconcertante di sapere così poco del mondo e di noi stessi, di quello che stiamo cercando. È l’avventura della scoperta, il viaggio vertiginoso in cui tutto viene messo in gioco, tra stupore, divertimento, paura…” (Federico Fellini)

Tutto sotto il cielo

Dopo quaranta giorni a bordo di un postale a vapore, Elvira de Poulain, pittrice spagnola trapiantata a Parigi, approda a Shanghai. Accompagnata dalla giovane nipote Fernanda, deve recuperare il corpo del marito Rémy, un commerciante di seta morto in circostanze oscure: ucciso dai sicari della Banda Verde, la temibile mafia locale, le ha lasciato solo debiti. E un unico oggetto di valore, un cofanetto che, secondo un’antica leggenda, nasconde le indicazioni per trovare la tomba del Primo Imperatore del Celeste Impero, ricca di favolosi tesori. Presto, Elvira e Fernanda dovranno difendere il prezioso scrigno da eunuchi imperiali, nazionalisti, occupanti giapponesi: il loro viaggio si trasformerà in un’appassionante e rischiosa avventura. Ambientato tra la Cina coloniale degli anni Venti e quella del III secolo a.C., Tutto sotto il cielo conferma la capacità dell’autrice di unire suspense e inestricabili enigmi in una cornice storica impeccabile e ben documentata.

Tutto Sherlock Holmes

• Uno studio in rosso• Il segno dei Quattro• Le avventure di Sherlock Holmes• Le memorie di Sherlock Holmes• Il mastino dei Baskerville• Il ritorno di Sherlock Holmes• La Valle della Paura• L’ultimo saluto• Il taccuino di Sherlock HolmesIl 1887 rappresenta una data storica nella letteratura poliziesca.Nasce in quell’anno il più celebre detective di tutti i tempi: Sherlock Holmes. Anche se Uno studio in rosso, il primo romanzo della serie, passò praticamente inosservato, qualche anno dopo però Il segno dei Quattro fu accolto con un favore di pubblico tale da rimanere celebre nella storia letteraria. Per quarant’anni Doyle continuò a inventare storie sul celebre detective e sul suo inseparabile aiutante, amico e voce narrante, il dottor Watson, creando un modello destinato a esercitare un’influenza decisiva su tutta la letteratura poliziesca. Da Uno studio in rosso a Il segno dei Quattro, dal ben noto Mastino dei Baskerville a La Valle della Paura, a Le avventure di Sherlock Holmes, l’investigatore si confronta con un caleidoscopio di casi sempre più complessi ricorrendo spesso al suo stratagemma preferito: travestirsi, da prete, da marinaio o da mendicante. Nell’ultima avventura delle Memorie di Sherlock Holmes, Doyle, ormai stanco del personaggio, ne decreterà la morte facendolo precipitare in un abisso. Sarà poi costretto dalle proteste del pubblico a farlo resuscitare: eccolo in gran forma nel Ritorno di Sherlock Holmes. L’ultimo saluto raccoglie quattro straordinarie storie dell’investigatore, ancora agile e lucido nonostante gli anni. Nel Taccuino di Sherlock Holmes, l’insuperabile detective si aggira tra maggiordomi, tappeti persiani e preziosi servizi da tè: ritrova tesori, chiarisce misteri, salva onori minacciati da gravissime onte.Arthur Conan Doylenacque a Edimburgo nel 1859. Benché il suo nome rimanga indissolubilmente legato a quello di Sherlock Holmes, lo scrittore ebbe anche altri interessi, tra cui la storia, il giornalismo e soprattutto lo spiritismo. Nel 1903 venne insignito del titolo di baronetto. Morì nel 1930. La Newton Compton ha pubblicato Le avventure di Sherlock Holmes e Il ritorno di Sherlock Holmes nella collana GTE e il volume unico Tutto Sherlock Holmes.

Tutto può ancora accadere (aspettando Tony Randine)

L’attesa di uno strano personaggio, Tony Randine, tristemente famoso grazie a una clamorosa intervista televisiva, è lo spunto che consente al protagonista del libro, Adelmo (alter ego dell’autore), di raccontare episodi della propria vita, insieme a riflessioni più o meno profonde sulla vita stessa, i giovani d’oggi, la famiglia, le donne, il rapporto con l’altro sesso.
**

Tutto il teatro volume terzo

Tutto il teatro volume terzo di Eduardo Scarpetta
**
### Sinossi
Tutto il teatro volume terzo di Eduardo Scarpetta

Tutto ha un prezzo

In Groenlandia un elicottero sta sorvolando il grande pack. Avanza lentamente, mentre le persone che trasporta osservano la sconfinata distesa bianca sottostante. D’un tratto, uno dei passeggeri scorge qualcosa di strano sul ghiaccio, qualcosa che man mano assume contorni sempre più riconoscibili e macabri: il corpo senza vita di una donna. È seduta sulle ginocchia, seminuda, con le caviglie legate e i polsi fissati alle cosce con del nastro adesivo. Cos’è successo? Com’è finita in quel nulla desolato, a centinaia di chilometri dal centro abitato più vicino? E perché chi l’ha uccisa l’ha costretta in quella posizione prima di soffocarla con un sacchetto di plastica? Le indagini spettano al commissario Konrad Simonsen e alla Sezione Omicidi di Copenaghen. La vittima è una giovane infermiera scomparsa da venticinque anni, ma non è tutto: i particolari dell’omicidio assomigliano fin troppo a un vecchio caso che Simonsen non è mai riuscito a dimenticare. Possibile che si tratti solo di una coincidenza? E se molti anni prima avesse commesso un terribile errore? Spinto dai ricordi e dai sospetti, Simonsen allarga il campo di ricerca. Scoprirà che, prima o poi, il passato torna sempre a galla e che nella vita tutto ha un prezzo, anche i più ferrei principi.

Tutto deve crollare

Crudo e potente: così si presenta questo romanzo fin dalle prime pagine. Un’opera importante, la cui compiutezza sfiora la profondità di una riflessione filosofica sul potere e sulla violenza. È la storia di un affarista senza scrupoli che abbraccia l’ideale del dominio fino a farne la propria ragione di vita. L’uomo fa rapire una bambina, la piccola Isabel, in Amazzonia. La tiene con sé per anni, la sposa e le fa mettere al mondo una figlia, Marta. Intanto, sadico e consapevole, continua a gestire i suoi traffici, in nome di un successo che ai suoi occhi giustifica ogni aberrazione. Quando, anni dopo in Italia, Marta incontrerà Gianmario, un crescendo di tensione drammatica porterà a un finale sorprendente e inaudito.