33281–33296 di 65579 risultati

In fondo alla palude

###
Sono gli anni Trenta, quelli della Depressione. Harry e la sorellina Tom vivono nel Texas orientale, due bambini come tanti. Una sera vanno nel bosco, per cercare un luogo dove seppellire l’amato cane Toby. Trovano invece una strana radura di spine, e il corpo martoriato di una donna nera. I fratelli scappano, e intravedono tra gli alberi una figura minacciosa e oscura, di cui tutti parlano, che tutti temono: il leggendario Uomo-Capra.
Tornati a casa, Harry e Tom raccontano tutto al padre. Jacob, che fa il barbiere e ha la funzione di agente di polizia locale, non crede alle voci sull’Uomo-Capra e non sopporta le ingiustizie cui vanno incontro i neri quelle parti. Decide di mettersi subito a indagare. Scoprirà ben presto che quello non è l’unico corpo ritrovato nelle zona, e che altre donne sono state uccise con la medesima crudeltà. Tra razzisti spocchiosi e violenti, misteri che emergono dal passato e storie d’amore dimenticate, due bambini vivono un’estate indimenticabile, e un’esperienza di feroce bellezza e crudeltà…

In fondo al lago

Tra le montagne della Georgia, nel Sud degli Stati Uniti, c’è un lago artificiale che ha portato la prosperità a una piccola comunità isolata, i cui abitanti sono stranamente reticenti riguardo la storia del luogo in cui vivono. Che cosa nasconde quel placido specchio d’acqua? Quali antichi orrori custodisce? John Howell, giornalista dal grande talento investigativo, giunge in questo borgo remoto in fuga da una vita che non gli offre più gli stimoli di un tempo. Del tutto ignaro dell’atmosfera inquietante che lo attende, si trova subito trascinato in un mistero così fitto e bizzarro da finirne ossessionato. Tanto più che, la notte, la sua casa è visitata da oscure presenze. Impigliato nelle maglie di un subdolo intrigo che coinvolge l’uomo più potente del paese e lo sceriffo locale, Howell resta definitivamente prigioniero della vicenda quando viene a contatto con una veggente in fin di vita, con un’ambiziosa giovane reporter che indaga su un caso di corruzione e con la timida, conturbante depositaria di un terribile segreto di famiglia. Poi, improvvisamente, un’apparizione spettrale trasforma la modesta abitazione di Howell nello spaventoso teatro di eventi efferati che risalgono a un’epoca ormai lontana. E l’intera verità mostra infine il suo volto agghiacciante.

“In democrazia il popolo è sempre sovrano” Falso!

Oggi quasi tutti gli Stati, i partiti, i movimenti politici si dichiarano democratici. Abraham Lincoln definì la democrazia “il governo del popolo, dal popolo, per il popolo”. Nelle democrazie del nostro tempo le cose stanno proprio così? Sembra ormai che il popolo faccia da comparsa in una democrazia recitativa: entra in scena solo al momento del voto. Poi, nella realtà, prevalgono le oligarchie di governo e di partito, la corruzione nella classe politica, la demagogia dei capi, l’apatia dei cittadini, la manipolazione dell’opinione pubblica, la degradazione della cultura politica ad annunci pubblicitari. E se nelle democrazie attuali questi fossero tratti non contingenti ma congeniti?
**

In caso di necessità

Arthur Lee è un medico cinese: vive a Boston e ogni tanto pratica l’aborto, non per lucro, ma per convinzioni morali. L’intera comunità dei medici ne è al corrente. Un giorno però muore Karen Randall, una ragazza minorenne. Muore per un aborto mal riuscito mormorando il nome di Lee, che viene subito arrestato e messo al bando. Ma John Berry, amico di Lee, è certo della sua innocenza e, sfidando l’ostilità della high society, le ire della polizia, le vendette della malavita, Berry conduce un’indagine spietata che si conclude con una rivelazione sconvolgente.

In Asia

Tiziano Terzani e l’Asia, una storia lunga una vita. Ma è Terzani a raccontare l’Asia o è l’Asia a raccontare Terzani? Difficile dirlo, tanto forte è il legame che quest’uomo decise di stringere con il più misterioso e contraddittorio dei continenti. Leggendo questo libro, che nell’avvincente varietà delle sue pagine si offre come autobiografia e reportage, cronaca di costume e racconto d’avventura, ci si trova a rivivere gli eventi che hanno segnato la storia asiatica degli ultimi trent’anni, a ripensare ai grandi ideali che l’hanno formata e ai protagonisti delle sue svolte, a dare uno sguardo al suo futuro. E al tempo stesso Terzani invita a prestare ascolto all’altra voce, quella dell’Oriente vero, vissuto nella sua quotidianità, in mezzo alle donne e agli uomini, alle difficoltà, ai contrasti, ai riti, alle curiosità, ai mille volti del continente che più degli altri sembra destinato a influenzare il nuovo secolo che è cominciato.

In altre parole

Questa è la storia di un colpo di fulmine, di un lungo corteggiamento, di una passione profonda: quella di una scrittrice per una lingua straniera. Jhumpa Lahiri è una giovane neolaureata quando visita per la prima volta Firenze; appena sente parlare l’italiano capisce che le è stranamente familiare, che le è necessario e deve apprenderlo. Non sa spiegarsi il perché di un simile, repentino bisogno, ma sa che farà di tutto per soddisfarlo. Dapprima prova a studiare l’italiano nella sua città, New York, con una serie di insegnanti private, ma non basta. Anche le brevi visite successive, a Mantova, Milano, Venezia, non la appagano: vuole immergersi completamente nella realtà della nuova lingua. Si trasferisce a Roma, con tutta la famiglia. E lì comincia la vera avventura, fatta di slanci, entusiasmo e insieme di difficoltà ed estraniamento. “In altre parole” è il primo libro che nasce direttamente in italiano da un’autrice di madrelingua bengalese che ha sempre parlato e scritto in inglese. È la testimonianza di un tenace percorso di scoperta e di apprendimento e di un obiettivo, raggiunto, di potenza e fluidità espressiva, ancora più preziosa perché conserva tra le righe l’eco affascinante di una distanza, quella che sempre ci separa dall’oggetto d’amore: la distanza impercettibile e infinita del desiderio. Tutti i capitoli che compongono il libro, tranne l’ultimo, sono stati precedentemente pubblicati, in una prima versione sotto forma di articoli, su “Internazionale”.
**

L’imputato

Un grande giallo italiano Tutti gli indizi dicono che sarà un bestseller «Ti prego vieni subito. La vogliono uccidere. Vieni al Cimitero degli Impiccati». È una giornata come tutte le altre quando l’avvocato Anna Ferrari riceve questa telefonata da uno sconosciuto. Poche parole, in un italiano incerto, che però Anna non se la sente di ignorare. Si precipita al cimitero, ma quando arriva ormai è troppo tardi: a terra giace il cadavere insanguinato di una donna. Le indagini scattano immediatamente e portano all’arresto di un ragazzo marocchino che si trovava nei pressi della scena del delitto e aveva addosso tracce di sangue. Nonostante le apparenze Anna decide di fidarsi di quel ragazzo che lavora da tempo al mercato, non ha precedenti e si professa innocente. Inizia così a indagare a fondo, ma presto è chiaro che le sue ricerche danno fastidio a qualcuno… Qualcuno che preferirebbe chiudere la questione facendo ricadere la colpa dell’omicidio su un imputato perfetto… Hanno scritto di La consistenza dell’acqua: «Un legal thriller dal ritmo serrato, un pizzico di esoterismo, un titolo alla Camilleri e spiccata propensione a scandagliare la fragilità umana.» il venerdì di Repubblica Eleonora Cartaè nata nel 1974. Ha sempre creduto che sarebbe diventata un avvocato, ma alla fine degli studi universitari ha capito che i palazzi di giustizia non facevano per lei. Vive tra Torino e la Sardegna. Per la Newton Compton ha pubblicato La consistenza dell’acqua e L’imputato.

Improvvisamente ho avuto gli occhi azzurri

Lisa è orfana di madre, il padre è un antropologo sempre in viaggio per i suoi studi. Per questo viene affidata a una coppia di anziani parenti che vivono in una lussuosa villa. Ben presto i due vecchi zii si riveleranno molto diversi da come Lisa aveva sperato. Inoltre la vita della casa è animata da fantasmi e figure inquietanti, tanto che la bambina pensa di soffrire di allucinazioni. Una volta il giardino le sembra coperto di neve e ghiaccio nonostante la stagione estiva. Un’altra volta, nel perlustrare un’ala disabitata della villa, le appare l’immagine di due giovani domestici, che hanno una curiosa rassomiglianza con i vecchi zii. Età di lettura: da 8 anni.
**

Imprimatur

«Bestseller internazionale pubblicato in 60 paesi, accostato dalla critica americana ai maggiori capolavori italiani di sempre come Il Gattopardo e Il Nome della Rosa, Imprimatur è un raro esempio di romanzo storico al crocevia tra giallo, narrazione a tesi, indagine documentale e palpitante racconto dazione.»
Roma, settembre 1683
In una locanda nel cuore della Città Santa la morte improvvisa di un viaggiatore semina il panico: veleno o peste? Per paura del contagio, gli ospiti vengono rinchiusi in quarantena nelle loro stanze. Tra essi cè labate Atto Melani, ex cantante castrato e ora agente segreto del Re Sole, deciso a scoprire cosa si celi dietro quella strana morte. Atto dovrà però scontrarsi con le reticenze e le paure degli altri ospiti, con lo spettro della peste che aleggia nella locanda e gli echi minacciosi della battaglia decisiva che le armate dei principi cattolici stanno combattendo a Vienna contro i turchi. Nonostante le difficoltà, linchiesta dellabate Melani condurrà alla soluzione del mistero, ma soprattutto alla tremenda verità che segretamente condiziona il destino dEuropa: una congiura internazionale in cui sintrecciano religione, politica e spionaggio. Il diario dellinchiesta, tenuto minuziosamente dal garzone della locanda, finirà sepolto in un volume manoscritto.
**
### Sinossi
«Bestseller internazionale pubblicato in 60 paesi, accostato dalla critica americana ai maggiori capolavori italiani di sempre come Il Gattopardo e Il Nome della Rosa, Imprimatur è un raro esempio di romanzo storico al crocevia tra giallo, narrazione a tesi, indagine documentale e palpitante racconto dazione.»
Roma, settembre 1683
In una locanda nel cuore della Città Santa la morte improvvisa di un viaggiatore semina il panico: veleno o peste? Per paura del contagio, gli ospiti vengono rinchiusi in quarantena nelle loro stanze. Tra essi cè labate Atto Melani, ex cantante castrato e ora agente segreto del Re Sole, deciso a scoprire cosa si celi dietro quella strana morte. Atto dovrà però scontrarsi con le reticenze e le paure degli altri ospiti, con lo spettro della peste che aleggia nella locanda e gli echi minacciosi della battaglia decisiva che le armate dei principi cattolici stanno combattendo a Vienna contro i turchi. Nonostante le difficoltà, linchiesta dellabate Melani condurrà alla soluzione del mistero, ma soprattutto alla tremenda verità che segretamente condiziona il destino dEuropa: una congiura internazionale in cui sintrecciano religione, politica e spionaggio. Il diario dellinchiesta, tenuto minuziosamente dal garzone della locanda, finirà sepolto in un volume manoscritto.
### Dalla seconda/terza di copertina
Een historische thriller voor de liefhebbers van Eco’s In de naam van de roos. Nu reeds een bestseller in Italie! Het is 11 september 1683. In Europa dreigt een nieuwe grote oorlog: de Turken belegeren Wenen. Angst voor de Moslims houdt christelijk Europa in haar greep. Tien gasten uit verschillende Europese landen logeren in herberg De Schildknaap in Rome. Als een oude heer in de herberg om het leven komt, vermoedelijk ten gevolge van de pest, moeten alle gasten in quarantaine. Maar het blijft niet bij dit ene sterfgeval. Gaat het hier werkelijk om gevallen van de gevreesde zwarte dood, of is er sprake van moordaanslagen? Een van de gasten, Atto Melanie, een geheim agent van de koning van Frankrijk, zoekt de zaak tot op de bodem uit en doet wereldschokkende ervaringen. Imprimatur is een van het begin tot het eind spannend, goed geschreven raamvertelling, gebaseerd op werkelijke gebeurtenissen en vol levendige details over muziek, receptuur en kleding uit die tijd. De plot van de roman betreft een historische onthulling die de auteurs na jarenlang archiefonderzoek voor het eerst aan de openbaarheid prijsgeven.

L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome

**L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome è il sorprendente esordio di Alice Basso. Una voce nuova, unica, esilarante pronta a colpirvi pagina dopo pagina**. Un tributo al mondo dei libri, all’amore che non ha regole e ai misteri che solo l’intuito può risolvere. Una protagonista indimenticabile che vi dispiacerà lasciare alla fine del romanzo.
Dietro un ciuffo di capelli neri e vestiti altrettanto scuri, Vani nasconde un viso da ragazzina e una innata antipatia verso il resto del mondo. Eppure proprio la vita degli altri è il suo pane quotidiano. Perché Vani ha un dono speciale: da piccoli indizi che sembrano insignificanti, coglie l’essenza di una persona, riesce a mettersi nei suoi panni, pensare e reagire come avrebbe fatto lei. Un’empatia profonda, un intuito raffinato, uno spirito di osservazione fuori dal comune, sono le sue caratteristiche. E di queste caratteristiche ne ha fatto il suo mestiere: Vani è una ghostwriter per un’importante casa editrice. Scrive libri per altri. L’autore le consegna la sua idea, il materiale su cui documentarsi e lei riempie le pagine delle stesse identiche parole che avrebbe utilizzato lui. Un lavoro svolto nell’ombra. E a Vani sta bene così. Anzi, preferisce non incontrare di persona gli scrittori per cui lavora. Fino al giorno in cui il suo editore non la obbliga a fare due chiacchiere con Riccardo, autore di successo in preda ad una crisi di ispirazione. I due si capiscono al volo e tra loro nasce una sintonia inaspettata fatta di citazioni tratte da Hemingway, Fitzgerald, Steinbeck. Una sintonia che Vani non credeva possibile. Da tempo ha smesso di credere che potesse capitare anche a lei. Per questo sa di doversi proteggere perché dopo aver creato insieme un libro che diventa un fenomeno editoriale senza paragoni, Riccardo sembra essersi dimenticato di lei. E quando il destino mette in atto il suo piano imprevisto e fa incrociare di nuovo le loro strade, Vani scopre che in amore nulla è come sembra. Questa volta è difficile resistere a Riccardo e a quell’alchimia che pare non esser mai svanita. Proprio ora che Vani ha bisogno di tutta la sua concentrazione, di tutto il suo intuito. Un’autrice per cui sta lavorando è stata rapita e la polizia vuole la sua collaborazione. Perché c’è un commissario che ha riconosciuto il suo talento unico e sa che solo lei può entrare nella mente del sequestratore. Come nel più classico dei romanzi Vani ha davanti a sé molti ostacoli. E non c’è nessuno a scrivere la storia della sua vita al posto suo, dovrà scegliere da sola ogni singola parola, gesto ed emozione.
**
### Sinossi
**L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome è il sorprendente esordio di Alice Basso. Una voce nuova, unica, esilarante pronta a colpirvi pagina dopo pagina**. Un tributo al mondo dei libri, all’amore che non ha regole e ai misteri che solo l’intuito può risolvere. Una protagonista indimenticabile che vi dispiacerà lasciare alla fine del romanzo.
Dietro un ciuffo di capelli neri e vestiti altrettanto scuri, Vani nasconde un viso da ragazzina e una innata antipatia verso il resto del mondo. Eppure proprio la vita degli altri è il suo pane quotidiano. Perché Vani ha un dono speciale: da piccoli indizi che sembrano insignificanti, coglie l’essenza di una persona, riesce a mettersi nei suoi panni, pensare e reagire come avrebbe fatto lei. Un’empatia profonda, un intuito raffinato, uno spirito di osservazione fuori dal comune, sono le sue caratteristiche. E di queste caratteristiche ne ha fatto il suo mestiere: Vani è una ghostwriter per un’importante casa editrice. Scrive libri per altri. L’autore le consegna la sua idea, il materiale su cui documentarsi e lei riempie le pagine delle stesse identiche parole che avrebbe utilizzato lui. Un lavoro svolto nell’ombra. E a Vani sta bene così. Anzi, preferisce non incontrare di persona gli scrittori per cui lavora. Fino al giorno in cui il suo editore non la obbliga a fare due chiacchiere con Riccardo, autore di successo in preda ad una crisi di ispirazione. I due si capiscono al volo e tra loro nasce una sintonia inaspettata fatta di citazioni tratte da Hemingway, Fitzgerald, Steinbeck. Una sintonia che Vani non credeva possibile. Da tempo ha smesso di credere che potesse capitare anche a lei. Per questo sa di doversi proteggere perché dopo aver creato insieme un libro che diventa un fenomeno editoriale senza paragoni, Riccardo sembra essersi dimenticato di lei. E quando il destino mette in atto il suo piano imprevisto e fa incrociare di nuovo le loro strade, Vani scopre che in amore nulla è come sembra. Questa volta è difficile resistere a Riccardo e a quell’alchimia che pare non esser mai svanita. Proprio ora che Vani ha bisogno di tutta la sua concentrazione, di tutto il suo intuito. Un’autrice per cui sta lavorando è stata rapita e la polizia vuole la sua collaborazione. Perché c’è un commissario che ha riconosciuto il suo talento unico e sa che solo lei può entrare nella mente del sequestratore. Come nel più classico dei romanzi Vani ha davanti a sé molti ostacoli. E non c’è nessuno a scrivere la storia della sua vita al posto suo, dovrà scegliere da sola ogni singola parola, gesto ed emozione.
### Dalla seconda/terza di copertina
L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome è il sorprendente esordio di Alice Basso. Una voce nuova, unica, esilarante, pronta a colpirvi pagina dopo pagina. Un tributo al mondo dei libri, all’amore che non ha regole e ai misteri che solo l’intuito può risolvere. Una protagonista indimenticabile che vi dispiacerà lasciare alla fine del romanzo. 

Imprese erotiche di una spia a contratto

Lolie Sebastien, spia freelance al servizio del miglior offerente, sa come sfruttare le sue molte doti: un viso d’angelo, nervi saldi e nessuna traccia di un cuore. Anche se poi quest’ultima cosa non è vera. Un cuore ce l’ha, solo che l’ha dato all’uomo sbagliato, una spia britannica a cui di lei non importa niente. Finché non incontra Zoran Brković, agente segreto anche lui, ma fatto di tutt’altra pasta. Di missione in missione, di paese in paese, di rivolta in rivolta, di guerra in guerra, Lolie e Zoran si inseguiranno in una danza sensuale e pericolosa, dalla quale entrambi usciranno cambiati, forse per sempre. — CONTIENE SCENE ESPLICITE – CONSIGLIATO A UN PUBBLICO ADULTO — “«Nel suo profondo, credo che Zoran Brković sarà sempre un soldato» mi disse Quinn, la prima volta che mi parlò di lui. «Esegue gli ordini senza fare domande. Be’, perché non gli interessano le motivazioni, probabilmente, ma comunque… È disciplinato, ordinato. Quando lo vedi per la prima volta ti fa una strana impressione, ma non è sgradevole. Più lo guardi e più ti abitui a lui. Alla fine potresti persino trovarlo bello». «Non vedo che cosa c’entri, Quinn. Ne parli come se dessi per scontato che ci andrò a letto» risi io. Lui mi rivolse un sorriso a metà. «Be’, è un po’ la tua tecnica, no? E intendiamoci… non ho niente in contrario. Anzi, mi piace. Mi piace avere tra gli operativi una puttanella ninfomane come te, Lolie Sebastien». Mentre lo diceva allungò un piede, insinuandolo dolcemente tra le mie gambe. Mi appoggiò la pianta sulla chatte e me la massaggiò. Emisi un sospiro e aprii le cosce. All’epoca impazzivo per Quinn. Lui mi infilò l’alluce tra le grandi labbra, si fece largo tra le piccole e me lo mise a mollo nella fichetta. Ero tutta bagnata e sapevo che gli piaceva. Ne avevo le prove davanti agli occhi, diciamo. Eravamo stesi su un sofà in un appartamento del centro di Parigi. Soffitti alti e stucchi barocchi. Nudi, le gambe intrecciate e i gomiti appoggiati sui braccioli, ci fronteggiavamo dalle estremità opposte del sofà. E Quinn aveva infilato l’alluce dentro la mia fichetta. Era una scena un po’ decadente, lo so, ma aveva anche le sue attrattive. «Bene, poniamo che me lo porterò a letto. A parte questo che cosa…» Quinn mosse leggermente l’alluce, facendomi sospirare. «È nato in Serbia trentasei anni fa. Fatti un paio di conti e capirai che non ha avuto un’infanzia particolarmente felice. Subito dopo la fine del conflitto si è ficcato nell’esercito… soldati addestrati dalle truppe NATO, hai presente. Profilo esemplare, ottimo cecchino, ma quelli non erano paesi per uomini ambiziosi, allora meno di ora. Si è dimesso e ha iniziato a lavorare a contratto». «Per il miglior offerente?» chiesi. Mi ricordava qualcuno. Quinn mi spinse dentro l’alluce più che poteva. «Toccati» ordinò.”

Imprenditorialità

Perché sbagliando s’imprende? Pixel, la risposta a ogni esigenza di sapere.

(source: Bol.com)

L’importanza di chiamarti amore

Giada sa bene di essere una ragazza dal carattere piuttosto difficile, quindi non si stupisce affatto di trovarsi in una fase della propria vita nella quale non va d’accordo quasi con nessuno: con il suo ragazzo storico la situazione è appesa a un filo e del rapporto con i suoi genitori… meglio non parlare. Ma Giada ha un obiettivo ben preciso: laurearsi con il massimo dei voti e il prima possibile. Il resto dei problemi può passare in secondo piano. Così credeva, almeno finché lo stage presso una prestigiosa società di consulenza di Milano non la mette di fronte a quello che per lei è sempre stato il prototipo dei ragazzi da evitare come la peste: Ariberto Castelli, fiero rappresentante del partito delle camicie su misura e dei pullover firmati. E tra loro c’è un precedente molto imbarazzante che potrebbe crearle qualche complicazione che non aveva assolutamente messo in conto…

L’importanza di chiamarsi Ernesto

Oscar Wilde’s madcap farce about mistaken identities, secret engagements, and lovers entanglements still delights readers more than a century after its 1895 publication and premiere performance. The rapid-fire wit and eccentric characters of The Importance of Being Earnest have made it a mainstay of the high school curriculum for decades.
Cecily Cardew and Gwendolen Fairfax are both in love with the same mythical suitor. Jack Worthing has wooed Gwendolen as Ernest while Algernon has also posed as Ernest to win the heart of Jack’s ward, Cecily. When all four arrive at Jack’s country home on the same weekend the “rivals” to fight for Ernest’s undivided attention and the “Ernests” to claim their beloveds pandemonium breaks loose. Only a senile nursemaid and an old, discarded hand-bag can save the day!
This Prestwick House Literary Touchstone Edition includes a glossary and reader’s notes to help the modern reader appreciate Wilde’s wry wit and elaborate plot twists.

Implosion

Non è affatto un giorno come un altro. Il destino ha premuto il tasto on. Le loro vite stanno per cambiare in modo definitivo. Quando Katherine Evans incontra Armand non sa che dietro quelle sembianze da bello e dannato si cela uno dei più potenti Generali dell’Antica Stirpe. Non può immaginare che sarà proprio lui la sua salvezza… o la sua rovina, né può conoscere il suo vero piano: crudele, spietato, oscuro come le tenebre. Un paranormal venato di fantasy in cui gli eventi si susseguono con i ritmi del thriller. Una verità agghiacciante sta per essere svelata. Nessuno è più al sicuro, i protagonisti stanno per essere soffocati dalle loro stesse esistenze. Ognuno di loro nasconde un segreto, nessuno può permettersi di fallire. Una sola certezza: quando supera se stesso, l’amore può uccidere. Se nulla è come sembra, come fai a prendere la strada giusta? Tu chi sceglieresti tra chi ti ha dato la vita e chi potrebbe togliertela? La risposta potrebbe non essere così ovvia.

Implementazione di una Web Application in Java in un giorno: dalla creazione del DB in MySQL, allo sviluppo con Eclipse MARS, alla messa in esercizio con Tomcat (Java Web Programming Vol. 1)

Il presente testo è estrapolato dal libro universitario dell’autore. Il testo rappresenta il punto di partenza per studenti, neofiti e professionisti che vogliano approfondire lo studio delle applicazioni per il web in Java e si basa su una quindicennale esperienza lavorativa sui sistemi informativi e su esperienze di docenza in corsi universitari. Esso si rivolge sia al pubblico degli studenti che a quello dei professionisti, in quanto fornisce un quadro esaustivo sui moderni aspetti tecnologici ed informativi che un’azienda o una Pubblica Amministrazione deve tenere sotto controllo in un’ottica di costante aggiornamento al fine di migliorare i processi ed ottimizzare le modalità di lavoro non solo per garantire l’automazione esistente, ma anche per sperimentare nuovi modi di operare e dirigere.
La seguente dissertazione rappresenta il punto di partenza per chi si addentra nell’ambito dello studio delle Web Application in Java per la prima volta e desidera ottenere rapidi e concreti risultati. Ha quindi lo scopo di accompagnare il lettore nello sviluppo step by step di una Web Application, dalla raccolta e dall’installazione delle componenti base (MySQL, Eclipse, Tomcat, JDK), dalla creazione del Data Base, allo sviluppo dell’applicazione web in Java con JSP e Servlet, alla connessione e all’aggiornamento del Data Base, infine, alla messa in esercizio con Tomcat. Proviamo a farlo in un giorno!
**
### Sinossi
Il presente testo è estrapolato dal libro universitario dell’autore. Il testo rappresenta il punto di partenza per studenti, neofiti e professionisti che vogliano approfondire lo studio delle applicazioni per il web in Java e si basa su una quindicennale esperienza lavorativa sui sistemi informativi e su esperienze di docenza in corsi universitari. Esso si rivolge sia al pubblico degli studenti che a quello dei professionisti, in quanto fornisce un quadro esaustivo sui moderni aspetti tecnologici ed informativi che un’azienda o una Pubblica Amministrazione deve tenere sotto controllo in un’ottica di costante aggiornamento al fine di migliorare i processi ed ottimizzare le modalità di lavoro non solo per garantire l’automazione esistente, ma anche per sperimentare nuovi modi di operare e dirigere.
La seguente dissertazione rappresenta il punto di partenza per chi si addentra nell’ambito dello studio delle Web Application in Java per la prima volta e desidera ottenere rapidi e concreti risultati. Ha quindi lo scopo di accompagnare il lettore nello sviluppo step by step di una Web Application, dalla raccolta e dall’installazione delle componenti base (MySQL, Eclipse, Tomcat, JDK), dalla creazione del Data Base, allo sviluppo dell’applicazione web in Java con JSP e Servlet, alla connessione e all’aggiornamento del Data Base, infine, alla messa in esercizio con Tomcat. Proviamo a farlo in un giorno!
### L’autore
Luciano Manelli è nato nel 1975 a Taranto. Si è laureato in Ingegneria Elettronica al Politecnico di Bari ed ha prestato servizio quale Ufficiale di Complemento presso la Marina Militare. Ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Informatica presso il Dipartimento di Informatica dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro ed è stato docente a contratto presso il Politecnico di Bari – Dipartimento di Ingegneria Gestionale per il corso di Fondamenti di Informatica e presso l’Università degli Studi di Bari Aldo Moro – Dipartimento di Economia per il corso di Informatica. Tuttora docente a contratto da due anni presso l’Università degli Studi di Bari Aldo Moro – Dipartimento di Informatica per il corso di Programmazione per il Web. Durante il dottorato ha approfondito lo studio sul Grid Computing redigendo pubblicazioni internazionali. Professionista certificato e autore di due testi testi (“Fondamenti di Informatica Moderna” del 2014, “Programmazione per il Web” del 2015, “ASM e CoreASM per l’analisi di Sistemi Complessi” del 2016 – ARACNE Editore), e di varie pubblicazioni Amazon-Kindle, dopo aver lavorato 13 anni per InfoCamere S.C.p.A., dal 2014 è impiegato presso l’Autorità Portuale di Taranto. Contatti dell’autore: [email protected] it.linkedin.com/in/lucianomanelli