33009–33024 di 72034 risultati

Sottomessa per amore

Nichi è una giovane aspirante giornalista quando il fidanzato la lascia; con il cuore infranto, si trova costretta a cercare una nuova casa e un lavoro. Così, quando il destino le fa incontrare la dominatrice Sapphire, Nichi accoglie la sua proposta: trasformami in una vanilla girl , ovvero la candida spettatrice di sessioni sadomaso, un ruolo richiestissimo dai clienti. Il fascino di quell’universo fatto di manette, latex e desideri perversi di uomini in cerca del piacere della sottomissione cattura Nichi che, spinta dal brivido dell’eccitazione, sceglie di entrare a far parte del gioco, diventando anche lei una dominatrice. Ma durante la notte di Capodanno il suo mondo viene capovolto: bastano uno sguardo e poche parole perché Sebastian incarni il ruolo di unico protagonista dei suoi pensieri. Un uomo tanto bello fuori quanto tormentato e pericoloso dentro. E quando Nichi scopre che l’affascinante sconosciuto è un dominatore, la fiamma del desiderio diventa un fuoco. Nichi lo vuole a tutti i costi. Lui la desidera, ma alle sue condizioni. Lei accetta lo scambio di ruoli, esaudendo le fantasie più viziose e sadiche di Sebastian. Con lui, con il «bellissimo bastardo» di cui ormai è perdutamente innamorata, supererà ogni limite del piacere… Amore, ossessione e possesso si fondono nella storia vera di Nichi Hodgson: una passione travolgente, che vi terrà avvinti pagina dopo pagina.

Sotto una stella crudele

Si può scampare alle persecuzioni dei due grandi regimi totalitari del Novecento e poi scrivere un libro di memorie come questo: sobrio, indomito, luminoso. Heda Bloch è fuggita dalla marcia della morte verso Bergen-Belsen, ma Praga la riaccoglie con ostilità: troppo forte, per i suoi amici, è il terrore delle rappresaglie naziste. Dopo la liberazione e la «rinascita comunista», nel 1952 il marito, Rudolf Margolius, alto funzionario governativo – un «mercenario al servizio degli imperialisti» –, verrà condannato all’impiccagione nel clima plumbeo e maligno del processo contro il segretario generale Slánský. Inizia il periodo del «silenzio attonito, terrorizzato»; solo le seconde nozze con Pavel Kovály salveranno Heda e il figlio Ivan da una lunga, tragica vita da reietti. E quando sta per giungere il lieto fine, quando dopo la Primavera di Dubček tutta la popolazione di «una città che non riusciva a dormire per la gioia» si riversa festosa in strada, ecco l’estremo orrore: l’arrivo dei carri armati sovietici.

Sotto una cupola stellata

###
La scienza cerca di scoprire quali sono le leggi che regolano l’universo, il nostro pianeta, il nostro corpo, mediante osservazioni ed esperimenti. La conoscenza scientifica rende liberi, ci sottrae a paure irrazionali, a quel terrore che i nostri antenati provavano davanti a fenomeni naturali inusuali, quali l’apparizione di una cometa, un’eclisse di Luna o peggio ancora di Sole. La curiosità che caratterizza il genere umano l’ha portato, attraverso secoli di osservazioni, a decifrare pian piano il libro dell’universo, la «cupola stellata» a cui accenna il titolo di questo libro. In una conversazione appassionata con Marco Santarelli, Margherita Hack ripercorre nodi essenziali che riguardano lo sviluppo della scienza in sé e i rapporti della scienza con gli altri saperi. In primo luogo dà conto degli sviluppi della cosmologia e della nostra conoscenza dell’universo, ove continuamente si susseguono nuove scoperte, tra le più recenti quella relativa al bosone di Higgs. La Hack affronta poi i rapporti, a volte burrascosi, tra scienza e religione, rivendicando con coerenza la possibilità e l’urgenza di un’etica laica. Il volume tratta anche le relazioni più ampie che riguardano la scienza e la società: i rapporti tra ricerca scientifica e democrazia, lo stato dell’università italiana, la «fuga dei cervelli», il problema irrisolto delle due culture.

Sotto protezione

Quando Rob Hale, un giovane tecnico del riscaldamento, si risveglia in ospedale dopo un incidente in moto, il suo primo pensiero va a chi era in sella dietro di lui, un’affascinante bionda conosciuta il giorno prima durante un intervento di riparazione in una casa tra i boschi. Ma i dottori e la polizia insistono nell’affermare che sul luogo dell’incidente non c’era nessun altro a parte lui, e attribuiscono la sua convinzione allo shock unito alla forte somiglianza della ragazza con la sorella di Rob, Laura, morta suicida.
Sicuro di non essersi inventato niente, Rob decide di condurre personalmente delle indagini, con l’aiuto di una detective professionista, Rebecca Lewis. La donna è appena arrivata da Londra, assunta dai suoi genitori per far luce sulla morte della sorella.
Il mistero non farà che infittirsi, coinvolgendo servizi segreti, ricchi petrolieri e molte altre pedine più o meno consapevoli di un gioco in cui nessuno si fida di nessuno.
La piccola, pacifica isola di Man diventerà il cuore di un intrigo internazionale che nulla ha da invidiare alle atmosfere più cupe di una metropoli e il centro di un mistero in cui i lettori saranno trascinati dalla forza magnetica della scrittura di Chris Ewan.

Sotto la neve

È la vigilia di Natale e durante una tempesta di neve un treno viene bloccato in aperta campagna. Alcuni passeggeri, stanchi di aspettare, decidono di raggiungere a piedi la stazione più vicina, ma smarriscono la strada e solo dopo molto girovagare, e ormai allo stremo delle forze, trovano rifugio in una villa isolata. Al suo interno non c’è nessuno, eppure il camino è acceso e la tavola è apparecchiata per il tè. In cucina il bollitore è sul fuoco e, curiosamente, c’è un coltello sul pavimento. Mentre i nuovi arrivati cercano di organizzarsi, alla villa giungono un anziano passeggero del treno, che mostrerà di possedere straordinarie capacità deduttive, e uno strano figuro che si fa chiamare Smith e che ha tutta l’aria di essere un avanzo di galera. Ma le sorprese non sono finite: viene trovata una lettera dal significato oscuro, la porta di una camera – che non può che essere vuota – si apre e si chiude come se dentro ci fosse qualcuno, e durante una spedizione esplorativa all’esterno, sotto la neve che continua a cadere sempre più fitta, viene rinvenuto…
**

Sotto il vulcano

Dal 1947, anno della prima edizione, la fama di “Sotto il vulcano” è andata crescendo, al punto che oggi viene universalmente giudicato uno dei massimi romanzi del nostro secolo. Scrittore denso e seducente, non a caso circondato da un’aura mitica, Lowry volle scrivere, per sua stessa ammissione, una Divina Commedia ubriaca. La definizione resta calzante, perché “Sotto il vulcano” se da una parte è la storia, ambientata in Messico, di un alcolizzato perseguitato da un oscuro complesso di colpa e incapace di ristabilire un rapporto con la moglie, dall’altra si configura, grazie anche a una fitta rete di riferimenti e paralleli culturali, come una grandiosa allegoria moderna della redenzione, o meglio come “un’opera faustiana” (Max-Poi Fouchet).

Sotto i venti di Nettuno

Una donna uccisa con tre ferite di arma da taglio, una catena di omicidi tutti uguali che affiora dal passato. Sul cammino di Adamsberg, il misterioso Tridente. Il commissario sa chi è l’assassino, ma anche il Tridente conosce Adamsberg. E torna, come il suo peggiore fantasma, per metterlo davanti all’unico nemico di cui avere paura: se stesso.

Il sotterraneo dei vivi

Quando un giornalista del “New York Times”, William Smithback, viene brutalmente assassinato, il tenente della polizia Vincent D’Agosta chiede l’aiuto dell’agente dell’Fbi Aloysius Pendergast. Entrambi erano amici della vittima e sono decisi a fare di tutto per scoprire l’assassino, ma restano sbigottiti nell’apprendere che, stando alle prove, l’omicida è un vicino di casa morto da dieci giorni. E quando la moglie di Smithback viene aggredita da una specie di zombie con le fattezze del marito, sul caso si allunga l’ombra inquietante del sovrannaturale e della magia nera. Gli indizi portano alla villa dove ha sede una setta dedita a pratiche voodoo, sulla quale Smithback stava indagando. E sarà proprio nei sotterranei della villa che D’Agosta e Pendergast dovranno cercare la soluzione del mistero, e lottare per difendersi dal più temibile dei nemici.
**

I sotterranei

Alla radice di questo romanzo, pubblicato nel 1958 e subito processato per oscenità, c’è una vicenda reale, la storia d’amore vissuta dall’autore con una ragazza di colore, che in queste pagine rivive come in una confessione tanto difficile quanto liberatoria. Al centro, la figura di Mardou, sensuale, fascinosa, una creatura della notte attorno alla quale gira vorticosamente, ossessivamente, la vita dell’amante, e la città stessa (New York nella realtà, San Francisco nella finzione letteraria): una città onirica, cupa, frenetica, piena di alcol, di droghe, di sesso, di arte e di vita. Ma soprattutto, ciò che emerge dalla lettura dei Sotterranei, è la rivoluzionaria lingua di Kerouac, che così descriveva la propria scrittura: “Ho inventato una nuova prosa, la Prosa Moderna, ondate spontanee e prive di revisioni, rapide, mozzafiato, come il jazz”.

I sotterranei di Bologna

Questa volta Bologna si rivela sinistra agli occhi del sergente Sarti Antonio. Il suo collega Zodiaco Mainardi, detto Oroscopo, viene ritrovato cadavere nelle acque dell’antico approdo del Battiferro. L’ucciso, che ha prestato servizio in Sicilia, è in odore di mafia e nella sua casa viene trovato un pacco di droga. Ma Sarti Antonio non si fida di una soluzione tanto semplice e la fine di altri personaggi lo convince che ci sia ben altro su cui far luce. Durante le indagini conoscerà una Bologna di cui non immaginava l’esistenza. E’ quella degli antichi canali navigabili, ora in parte ricoperti, delle fogne, dei sotterranei e dei suoi imprevedibili abitanti.

I sotterranei della cattedrale

EDIZIONE SPECIALE: CONTIENE UN ESTRATTO DI L’ABBAZIA DEI CENTO PECCATI Dal vincitore del 60° Premio Bancarella Un grande thriller storico Urbino, 1789. Il cadavere del professor Lamberti, docente di filosofia all’università, viene ritrovato all’interno della cattedrale. L’ipotesi è che sia precipitato dalle impalcature erette per la ricostruzione della cupola, distrutta da un terremoto. Ma Vitale Federici, il suo allievo più brillante, intuisce subito che dietro quella morte si cela qualcosa di poco chiaro. Inizia dunque la sua personale indagine sugli ultimi giorni di vita del Lamberti, finché viene a conoscenza di un fatto sconcertante: l’uomo era sulle tracce di un antico tempio dedicato alle Ninfe, nascosto nel sottosuolo della città. Vitale si appassiona immediatamente al mistero, ma la sua ricerca lo porta ben presto di fronte a un’inquietante verità: il Lamberti deve essere stato assassinato. Ma da chi? Tanti sono i sospettati, e tutti hanno interesse a tenere Vitale lontano da un segreto che non deve essere rivelato…Marcello SimoniÈ nato a Comacchio nel 1975. Ex archeologo e bibliotecario, laureato in Lettere, ha pubblicato diversi saggi storici; con Il mercante di libri maledetti, romanzo d’esordio, è stato per oltre un anno in testa alle classifiche e ha vinto il 60° Premio Bancarella. I diritti di traduzione sono stati acquistati in diciotto Paesi. Con la Newton Compton ha pubblicato La biblioteca perduta dell’alchimista, Il labirinto ai confini del mondo, secondo e terzo capitolo della trilogia del famoso mercante, L’isola dei monaci senza nome, con il quale ha vinto il Premio Lizza d’Oro 2013, e L’abbazia dei cento peccati. Nella collana Live è uscito I sotterranei della cattedrale.
(source: Bol.com)

I sotterranei del Majestic

Sembra una mattina come tutte le altre. Prosper Donge è al lavoro nella caffetteria dell’Hotel Majestic. Serio, infaticabile, un po’ triste. Intorno a lui un dedalo di sotterranei, scale di servizio, porticine nascoste. Il formicaio dove si agita freneticamente il personale di un albergo di lusso. Ai piani superiori, sfarzo opulento e quiete maestosa. Mondi incomunicabili, si direbbe. Almeno sino a quando Prosper Donge non scopre nello spogliatoio del personale il corpo senza vita di una giovane donna. E’ Mrs Clark, moglie di un facoltoso industriale di New York. Muovendosi con la consueta sagacia fra due mondi entrati improvvisamente e inspiegabilmente in collisione, Maigret risolverà uno dei casi più intricati della sua carriera.

Il sostituto

Malcolm Doyle vive in una cittadina della provincia americana. Ma il mondo da cui proviene è un mondo fatto di tunnel e acque buie e profonde. Malcolm è un sostituto, un essere lasciato nella culla di un bambino rapito dalle fate sedici anni prima. Allergico al ferro e al terreno consacrato, Malcolm sta lentamente morendo a contatto con il mondo umano e farebbe qualsiasi cosa per vivere come una persona normale.

Il sospetto

I segreti sono sempre stati la specialità di Kate. Il suo mestiere. Ma ormai sono diventati un carico troppo ingombrante, un peso ingestibile. E così, quando suo marito Dexter le annuncia di avere accettato un impiego in Lussemburgo, Kate decide di dare le dimissioni e trasferirsi insieme a lui e ai figli in un altro continente. È convinta di potersi lasciare definitivamente il passato alle spalle, di non dover più nascondere a nessuno – marito compreso – la verità sul suo lavoro, fatto di missioni in America Latina, false identità, messaggi in codice. Ed esecuzioni a sangue freddo. Nella vecchia Europa, le giornate trascorrono tranquille e un po’ monotone, tra incombenze da casalinga a tempo pieno e pause caffè con ricche espatriate. Intanto, Dexter brilla per la sua assenza, assorbito in quel progetto che avrebbe dovuto essere poco impegnativo, per un cliente che a Kate non è dato conoscere. E mentre lui è sempre più distante ed evasivo, nella loro vita entra all’improvviso un’altra coppia di americani: molto affascinanti e molto espansivi. Troppo espansivi, forse, per essere sinceri. Lentamente, il dubbio s’insinua nella mente di Kate. Il dubbio che il passato sia tornato a cercarla. O che si tratti addirittura del passato di Dexter: l’uomo che, dopo accurate indagini, lei aveva ritenuto al di sopra di ogni sospetto e che ora sembra invece avvolto da un misterioso cono d’ombra. Kate, che si credeva maestra indiscussa del doppio gioco, si rende conto che qualcuno la sta sfidando nel suo territorio. Indizio dopo indizio, si addentrerà in un’intricata rete di menzogne, scoprendo un intrigo che mette a repentaglio la sua famiglia, il suo matrimonio e la sua stessa vita.

Sorvegliare e punire

“Si imprigiona chi ruba, si imprigiona chi violenta, si imprigiona anche chi uccide. Da dove viene questa strana pratica, e la singolare pretesa di rinchiudere per correggere, avanzata dai codici moderni? Forse una vecchia eredità delle segrete medievali? Una nuova tecnologia, piuttosto: la messa a punto, tra il XVI e il XIX secolo, di tutto un insieme di procedure per incasellare, controllare, misurare, addestrare gli individui, per renderli docili e utili nello stesso tempo. Sorveglianza, esercizio, manovre, annotazioni, file e posti, classificazioni, esami, registrazioni. Tutto un sistema per assoggettare i corpi, per dominare le molteplicità umane e manipolare le loro forze, si era sviluppato nel corso dei secoli classici negli ospedali, nell’esercito, nelle scuole, nei collegi, nelle fabbriche: la disciplina. Il XVIII secolo ha senza dubbio inventato la libertà, ma ha dato loro una base profonda e solida, la società disciplinare, da cui dipendiamo ancora oggi”.

Sortilegio d’amore

È un geis potente quello che da generazioni incombe su casa Trevallyan, un antico incantesimo che deriva le sue origini dalle magiche arti dei druidi e segna come un’arcana maledizione il destino di chi vi è succube. La mancata osservanza delle imposizioni del geis non può che portare miseria e sventura al signore che vi è legato e ai suoi sudditi. E il geis dei Trevallyan, visconti della ridente contea irlandese di Lir, vuole che il padrone del castello sposi un’umile popolana, dopo averne conquistato eternamente il cuore.
Ecco perché gli anziani saggi del ridente borgo entrano in fermento all’apparire dei primi segni soprannaturali: è giunta l’ora che il nuovo signore di Lir conosca la sposa che il geis ha scelto per lui. Il giovane e attraente Lord Trevallyan la pensa però diversamente e anzi trova persino ridicolo che nel 1828 si presti ancora fede alle vecchie superstizioni. E quando la sacra croce celtica incaricata di designare la prescelta lo conduce al cospetto di una neonata, con tutta l’arroganza dei suoi vent’anni accantona definitivamente la faccenda come frutto delle fole di quattro vecchi beoni.
Ma non si sfida impunemente un geis. La vita di Lord Trevallyan sarà costellata di dolori e delusioni, lutti e solitudine. Finché, dopo vent’anni, il fato gli farà incontrare di nuovo quella bambina, ormai splendida donna. Il desiderio nascerà spontaneo, irresistibile, ma – come predetto – conquistare l’amore di quella giovane ribelle, orgogliosa e indipendete, potrebbe rivelarsi un’impresa impossibile. E l’incantesimo del geis ricadrà sul destino dell’intera contea…