32961–32976 di 58888 risultati

Il cottage

Se non mette la testa a posto e non si risolleva dalla sua dispendiosissima vita, Cooper Winslow finirà sul marciapiede: a cui decisamente non è abituato. Leggendaria stella cinematografica, modello di eleganza e fascino, seduttore incallito, da un po’ di anni non riceve più ingaggi alla sua altezza, pur continuando a vivere come se i soldi non dovessero finire mai. Il suo amministratore lo obbliga ad affittare una parte del Cottage: com’è affettuosamente soprannominata la sua imperiale residenza di Bel Air. Vi arrivano come inquilini uomini di diverso carattere: Mark abbandonato dalla moglie, con due rumorosi figli adolescenti al seguito, Jimmy vedovo inconsolabile… E poco dopo di loro, arriveranno anche tre donne molto speciali. Ognuno sceglierà quella giusta per sé.

Costretto a uccidere

**È l’unico a essergli sopravvissuto. È l’unico che lo può fermare. **
Quando l’FBI ritrova un cadavere orribilmente mutilato nelle acque di un lago dello Utah, Nathan McBride comprende subito l’orribile verità: Montez de Oca, lo spietato torturatore nicaraguense sparito nel nulla quattordici anni prima, è tornato.
McBride è l’unica persona al mondo a essere sopravvissuta a un suo interrogatorio e ne porta ancora i segni nel corpo e nell’anima. Ora ha la possibilità di vendicarsi e di fermare allo stesso tempo un pericoloso assassino, anche a costo di mettere a repentaglio la sua stessa vita: inizia così un inseguimento in cui cacciatore e preda si scambieranno spesso di ruolo, arrivando a coinvolgere anche i più alti livelli del governo degli Stati Uniti.
**

Costellazioni del crepuscolo

Ogni scrittura nasce da un fantasma primordiale. Quello di Francesco Permunian ha le movenze ossequiose di un servo mefistofelico, maledetto, oscuramente felice, uno spettro incarnato che trama nell’ombra, si muove con grazia ruffiana, e camuffa nei panni carnevaleschi da vassallo di una vecchia signora un dolore inestirpabile. Perché ogni fantasma per esistere ha bisogno di una maschera: fuori dalla sua vituperabile scena è solo una sagoma, un sibilo notturno. È solo un uomo.Costellazioni del crepuscolo è la cronaca di una stagione all’inferno, una discesa negli inferi letterari di uno scrittore che ha fatto dell’incubo e dell’ossessione non soltanto la sua riconoscibile cifra stilistica, ma un minuzioso pantheon, tenebroso e ancestrale, di assoluto valore. È anche, e soprattutto, la tormentata ricerca di una tortuosa risalita purgatoriale, durante la quale i personaggi delle storie e il loro autore sembrano ostacolarsi a vicenda per la conquista della luce.Nell’opposta attrazione di due cariche elettriche – quella subdola e diabolica e quella anelante alla purificazione – Costellazioni del crepuscolo unisce, per trascenderli, i due romanzi più emblematici di Permunian, Cronaca di un servo felice e Camminando nell’aria della sera, introdotti dalla prestigiosa prefazione di Salvatore Silvano Nigro e accordati da testi inediti che frangono il confine tra prosa e poesia, portando alla luce figure grottesche in agguato da anni, sfuggite alle storie principali e in ultimo tornate per vendicarsi. Sono loro ad accompagnare il lettore in un viaggio minaccioso e spettrale, dalle stanze arcadiche ed erotomani del servo felice alle luci crepuscolari di una provincia italiana allucinata e perversa, spiata dal grande occhio di un vecchio medico che assiste dalla finestra del suo studio a tutte le follie, tutti gli avvelenati turpiloqui di un paese che ricorda, nella sua caustica tragedia, l’intera Terra.
(source: Bol.com)

Il Costante Mezzo

Chiamiamo natura la legge dell’universo. Chiamiamo norma il seguire questa legge. Chiamiamo educazione la pratica della norma. A noi non è possibile allontanarci neppure per un attimo dalla norma. Se potessimo farlo, non sarebbe la norma. E per questo che il signore ha un atteggiamento prudente e attento verso tutto ciò che ancora non è possibile vedere, ed è timoroso e si preoccupa per tutto ciò che ancora non è possibile udire. Nulla è più evidente di ciò che è nascosto, nulla risalta più chiaramente di ciò che è molto piccolo. Ecco perché il signore si comporta in modo assai prudente anche quando è solo.
Si è in una posizione di mezzo, ovvero di centro, quando non si è preda della collera o della gioia, della malinconia o del piacere. Quando invece si provano queste emozioni però senza oltrepassare il giusto equilibrio, allora si è in una situazione di armonia. Il mezzo è la grande origine di ogni cosa che esiste, e l’armonia ne rappresenta l’aspetto favorevole e positivo.
Giunti nella posizione di mezzo e conseguita l’armonia, allora Cielo e terra sono al loro posto ed è così che ogni cosa sotto il cielo può svilupparsi.
* Ciung-ni disse: Il signore pratica il costante mezzo. L’uomo comune invece non lo pratica. Il signore cerca di raggiungere il costante mezzo avendo l’opportunità di essere nel mezzo. L’uomo comune non cerca di raggiungere il costante mezzo in quanto nulla ha da evitare e nulla ha da perdere.

La costa dei barbari

2047: l’America soffre le conseguenze di un attacco nucleare portato a termine in maniera insospettabile da esecutori di nazioni diverse. Da quasi sessant’anni la più grande potenza mondiale è regredita a un’economia di pura sussistenza, e le comunità vivono un’esistenza separata, ristretta ognuna ai propri confini. Lo stato subisce una quarantena mantenuta con ferrea disciplina dalle squadre di sorveglianza militare giapponese e avallata dalle Nazioni Unite. E’ in questo scenario apocalittico che si svolge la vicenda di Henry Fletcher, un giovane della comunità californiana di San Onofre, che per il suo sostentamento dipende interamente dalla pesca e dai raduni di baratto che si svolgono periodicamente nella valle. Dopo l’arrivo di alcuni viaggiatori di San Diego che hanno osato sfidare la vigilanza dei guardiani giapponesi, Henry viene gradualmente a conoscenza del nuovo mondo e delle sue insidie. La sua guida spirituale è Tom, l’uomo più anziano della valle, sopravvissuto alla catastrofe tristemente nota come Il Giorno. La scoperta di un mondo da cui gli americani vengono ingiustamente esclusi, il contatto con gli “stranieri” che vivono a pochi chilometri di distanza, le testimonianze di chi è riuscito a sfuggire alla prigionia in patria trascinano il giovane in un’avventura che segna la fine dell’adolescenza e la transizione verso la maturità, a cui si accompagna la speranza della redenzione per il popolo americano.”

La cospirazione. I regni di Calaspia

Il vilaggio di Quivelda è stato devastato e i suoi abitanti sono stati deportati e ridotti in schiavitù. Byron, tornato a casa dopo quattro anni sulle montagne con gli apostoli della conoscenza, trova solo morte e distruzione ad accoglierlo. I mostri feroci che il che il popolo di Calaspia credeva di aver sconfitto sono tornati: i Nurgor, essere ributtanti dai piedi caprini e i corpi bestiali, che non conoscono altra legge che quella dell’ascia; gli Ostentum, putridi ammassi di muscoli squamosi dotati di fruste e lame al posto delle mani. Chi li guida? Chi è il cospiratore che attenta al Regno di Calaspia? Byron deve raggiungere la capitale e avvertire l’imperatore: in un viaggio oscuro attraverso e strazianti torture, il giovane ereo si unirà a una compagnia di valorosi combatenti, all’indomabile nano Galar e alla prode guerriera Aesir, e raggiungerà il cuore del Regno, dove comunicherà il pericolo incombente. Età di lettura: da 12 anni.

La cospirazione del minotauro

Il detective James North è alle prese con un giovane psicopatico che ha preso in ostaggio un bambino all’interno del Metropolitan Museum of Art. Quell’uomo che lui non ha mai visto prima conosce il suo nome: Gene, questo il nome dell’uomo, riesce a farla franca, mentre il detective si ritrova iniettata una sostanza che causa incubi e flashback di ricordi che non gli appartengono. Si mette così alla caccia del suo antagonista attraverso New York, spinto da una fatale e inspiegabile volontà di ucciderlo.
**

La cospirazione contro la razza umana

“La cospirazione contro la razza umana” è un horror esistenziale perturbante e onirico, dal quale sono stati tratti i dialoghi della prima stagione di True Detective, serie televisiva della HBO. In questo libro Ligotti non ha paura di affrontare la più terribile delle verità: i peggiori orrori non sono da ricercare nella nostra immaginazione, ma nella realtà di tutti i giorni, nelle tenebre imperscrutabili della condizione umana. Magmatiche e brucianti, eppure vischiose, miasmatiche, contagiose, le parole di Ligotti evocano dal buio orrori e terrori, incubi e ossessioni: tutto quanto è stato rimosso dalla coscienza contemporanea vive qui una seconda, pestilenziale esistenza. Chi non può sopportare il peso di questo orrore, avverte l’autore, può continuare a illudersi che sia un prodotto della fantasia, perpetuando la cospirazione cui il titolo si riferisce.

Il cosmo e il buondio: dialogo su astronomia, evoluzione e mito

La Terra sta per essere colpita da un cataclisma naturale e l’Onnipotente si risolve finalmente a occuparsi dell’umanità, per lui solo una insignificante briciola di un cosmo infinito e multiforme. Chiama dunque a consulto i grandi pensatori di tutti i tempi, da Pitagora a Newton, da Democrito a Galileo e Laplace, da Aristarco a Einstein e Hubble, da Aristotele a Darwin, oltre ad alcuni scienziati viventi, perché lo aiutino a risolvere la situazione riassumendogli le geniali intuizioni e le straordinarie imprese sperimentali che hanno trasformato l’astronomia da una fantasia filosofica in una delle branche della scienza che più testimonia il potere raggiunto dall’intelletto umano.
A 400 anni dalle scoperte di Galileo e di Keplero, Andrea Frova accompagna i lettori lungo un’avventura millenaria che, nel rispondere ai grandi quesiti sull’universo, non cessa di interrogare la ragione sulle nostre origini e il nostro destino. E coglie lo spunto per una critica appassionata di quegli atteggiamenti dogmatici e irrazionali che sempre hanno frapposto ostacoli all’avanzamento della scienza, alla libera emancipazione dello spirito umano, al vivere civile.

Le cosmicomiche

I grandi miti della fantascienza: astronavi, macchine futuribili, viaggi interstellari, rivisitati e trasformati da una fantasia ironica e intelligente. Una originalissima raccolta di divertenti racconti del grande scrittore.

Cosmesi naturale pratica. Come fare in casa prodotti di bellezza con ingredienti facili, sani, efficaci e gustosi

A tutti piace avere un aspetto fresco, curato, attraente. Sarebbe bello farsi da sé le cose necessarie, ma chi ha tempo? E chi sa come si fa? Questo manuale, insegna a farsi in casa shampoo, sali da bagno, creme per il corpo e maschere per il viso. Con ingredienti sani, semplici da reperire, dalle virtù nascoste. Le ricette sono efficaci, sperimentate e pratiche. Concentrate, e quindi leggere, poco voluminose, anche facili da portare in viaggio o fuori casa, facilmente conservabili grazie all’uso di antimicrobici naturali come oli essenziali o di strumenti comuni come il frigorifero. Senza dimenticare che si tratta di ricette golose: ingredienti alimentari che con i loro profumi freschi e naturali fanno venire voglia di assaggiarle.
**
### Sinossi
A tutti piace avere un aspetto fresco, curato, attraente. Sarebbe bello farsi da sé le cose necessarie, ma chi ha tempo? E chi sa come si fa? Questo manuale, insegna a farsi in casa shampoo, sali da bagno, creme per il corpo e maschere per il viso. Con ingredienti sani, semplici da reperire, dalle virtù nascoste. Le ricette sono efficaci, sperimentate e pratiche. Concentrate, e quindi leggere, poco voluminose, anche facili da portare in viaggio o fuori casa, facilmente conservabili grazie all’uso di antimicrobici naturali come oli essenziali o di strumenti comuni come il frigorifero. Senza dimenticare che si tratta di ricette golose: ingredienti alimentari che con i loro profumi freschi e naturali fanno venire voglia di assaggiarle.

Così va il mondo

Nessun popolo lo ha eletto, non vi è stata alcuna votazione democratica in alcun parlamento. Ma un consesso di oligarchi si è sostanzialmente autonominato Senato del mondo in base al censo e alla classe sociale. Il ruolo del popolo è più o meno di ratificare, attraverso quello che si è ridotto a un rito formale – le elezioni -, decisioni già prese e comunque separate dalle politiche economiche, che si muovono su binari diversi dalla politica vera e propria. Noam Chomsky è un acuto conoscitore delle dinamiche del potere, e un infallibile premonitore dei mali che affliggono le società occidentali. Quasi trent’anni fa aveva predetto il disastro della speculazione finanziaria, che negli anni ha sostituito l’economia di investimento, e il progressivo sgretolamento delle democrazie da parte delle ricche élite che più di tutto odiano essere intralciate da istanze sociali. Queste pagine rappresentano una sorta di “viaggio illuminante” nella società, nei media e nelle stanze del potere di un sistema che rischia di trovare la sua prima ragion d’essere nel metodo di sparti-zione del bottino fra potentati economici e conniventi politici. Demolitore delle ipocrisie del politicamente corretto, Chomsky è stabilmente nella lista dei dieci autori più citati di sempre (in compagnia di Shakespeare e di Aristotele, di Marx e della Bibbia), ma benché sia trattato come un’autentica celebrità in Europa e sia senza dubbio un critico sociale di enorme valore, appare l’equivalente moderno dei pro-feti del Vecchio Testamento: gli si addice il detto “nessuno è profeta in patria”. Eppure le sue analisi e previsioni si rivelano quasi sem-pre sorprendentemente esatte. Per questo, per capire come va il mondo, per capirlo davvero, è bene partire da Noam Chomsky.

Così è la vita. Imparare a dirsi addio

I bambini fanno domande. A volte imbarazzanti, stravaganti, definitive. Vogliono sapere perché nasciamo, dove andiamo dopo la morte, perché esiste il dolore, cos’è la felicità. E gli adulti sono costretti a trovare delle risposte. È un esercizio tra la filosofia e il candore, che ci obbliga a rivedere ogni volta il nostro rassicurante sistema di valori. Perché non possiamo deluderli. Né ingannarli. Siamo stati come loro non troppo tempo fa. Dell’invecchiare, dell’essere fragili, inadeguati, perfino del morire parliamo ormai di nascosto. Ai bambini è negata l’esperienza della fine. La caducità, la sofferenza, la sconfitta sono fonte di frustrazione e di vergogna. L’estetica dell’eterna giovinezza costringe molte donne nella prigione del corpo perfetto e le inchioda dentro un presente mortifero, incapace di darci consolazione, perfino felicità. In questa intensa, sorprendentemente gioiosa inchiesta narrativa, Concita De Gregorio ci chiede di seguirla proprio in questi luoghi rimossi dal discorso contemporaneo. Funerali e malattie, insuccessi e sconfitte, se osservati e vissuti con dignità e condivisione, diventano occasioni imperdibili di crescita, di allegria, di pienezza. Perché se non c’è peggior angoscia della solitudine e del silenzio, non c’è miglior sollievo che attraversare il dolore e trasformarlo In forza.
**

Così come lui ti vuole

La professionalità del capitano di polizia Asher Penaz filtra anche nella sua vita quotidiana, e lo si deduce dal suo abbigliamento ordinato e dal suo appartamento spartano. Gli piace stare al comando e riesce a soddisfare il bisogno di dominare gli altri frequentando locali appositi.

Quindi, la sua improvvisa e intensa attrazione per lo spensierato spirito libero Daniel Tover lo destabilizza. In tutta la sua vita, Daniel non ha mai trovato ciò di cui aveva bisogno e si è spostato di luogo in luogo, di lavoro in lavoro, cercando qualcosa per cui valesse la pena fermarsi, lasciando tutto quando riusciva a trarre il massimo da ciò che faceva, ma senza mai sentire un senso di appartenenza.

L’alchimia tra Asher e Daniel è ardente, e così Asher lo invita a stare a casa sua. Mentre entrambi gli uomini faticano a comprendere se stessi, imparando a conoscersi l’un l’altro, le linee del desiderio e del controllo si confondono.

Con tutto quel fuoco, però, si rischia di bruciarsi. Ma se Daniel e Asher riusciranno a camminare attraverso quel fuoco insieme, potrebbero trovare ciò di cui hanno disperatamente bisogno.
(source: Bol.com)