32209–32224 di 68366 risultati

L’espressione dei sentimenti nell’uomo e negli animali

Charles Robert Darwin (Shrewsbury, 12 febbraio 1809 – Londra, 19 aprile 1882) è stato un naturalista britannico, celebre per aver formulato la teoria dell’evoluzione delle specie animali e vegetali per selezione naturale agente sulla variabilità dei caratteri (origine delle specie), per aver teorizzato la discendenza di tutti i primati (uomo compreso) da un antenato comune (origine dell’uomo) e per aver teorizzato la possibile esistenza di un antenato comune a tutte le specie viventi.
Firma di Darwin
Pubblicò la sua teoria sull’evoluzione delle specie nel libro L’origine delle specie (1859), che è rimasto il suo lavoro più noto. Raccolse molti dei dati su cui basò la sua teoria durante un viaggio intorno al mondo sulla nave HMS Beagle, e in particolare durante la sua sosta alle Isole Galápagos.
**
### Sinossi
Charles Robert Darwin (Shrewsbury, 12 febbraio 1809 – Londra, 19 aprile 1882) è stato un naturalista britannico, celebre per aver formulato la teoria dell’evoluzione delle specie animali e vegetali per selezione naturale agente sulla variabilità dei caratteri (origine delle specie), per aver teorizzato la discendenza di tutti i primati (uomo compreso) da un antenato comune (origine dell’uomo) e per aver teorizzato la possibile esistenza di un antenato comune a tutte le specie viventi.
Firma di Darwin
Pubblicò la sua teoria sull’evoluzione delle specie nel libro L’origine delle specie (1859), che è rimasto il suo lavoro più noto. Raccolse molti dei dati su cui basò la sua teoria durante un viaggio intorno al mondo sulla nave HMS Beagle, e in particolare durante la sua sosta alle Isole Galápagos.

Esportare la libertà. Il mito che ha fallito

Da sempre i governi e gli stati coprono con altisonanti dichiarazioni i motivi spesso cinici che stanno alla base delle guerre da loro scatenate. Secondo Luciano Canfora, il proposito americano di esportare la libertà in Iraq è solo l’ultimo esempio di questo oliatissimo meccanismo propagandistico. Sparta combatté la guerra del Peloponneso sostenendo di voler liberare i Greci dall’oppressione ateniese; le guerre napoleoniche determinarono la trasformazione della Francia rivoluzionaria in impero bonapartista; i conflitti regionali della Guerra Fredda (Vietnam, Medio Oriente, Afghanistan), furono sempre inseriti nel contesto di una lotta per l’affermazione della democrazia nel mondo. Canfora dimostra in un’analisi acuta e spesso provocatoria che la politica internazionale si è sempre servita del richiamo all’ideale libertario per coprire le logiche di lotta per il dominio che inevitabilmente condizionano lo scenario internazionale. Un appassionato atto d’accusa contro le nefandezze compiute in nome di nobili principi e supremi ideali e allo stesso tempo un disincantato repertorio di casi storici recenti e remoti, accomunati da quella che Canfora definisce una emblematica “torsione morale, culturale e politica” che consente a uno stato di perseguire una cinica politica di egemonia, fregiandosi allo stesso tempo del titolo di difensore della libertà.
**

Espiazione

«Il miglior libro che McEwan abbia mai scritto». «The Observer» «Espiazione è un romanzo meraviglioso». «The Independent» «Soltanto il geometrico, cristallino McEwan poteva trascinarci con tanta sapienza in tale vertiginoso labirinto». «la Repubblica» *** All’età di tredici anni, in un caldo giorno d’estate del 1935, Briony Tallis sente di essere diventata una scrittrice. La sera stessa, accusando di un crimine odioso un innocente, commette l’errore che la segnerà per tutta la vita. Eppure la giornata era iniziata sotto i migliori auspici. C’era la commedia da mettere in scena, i cugini arrivati dal nord per trascorrere qualche tempo in casa Tallis, e da Londra era atteso l’amatissimo fratello Leon con un amico, industriale della cioccolata. Soltanto la sorella maggiore Cecilia impensieriva Briony, con quel suo misterioso rapporto che la legava a Robbie Turner, il figlio della loro donna di servizio. Tutti i personaggi entrano in scena ma, nella commedia della vita, non ci sono prove prima della recita e ogni gesto assume un carattere definitivo. Presto, sarà troppo tardi per fermare la macchina dell’ingiustizia e la guerra arriverà a spazzare via il vecchio mondo con le sue raffinate ipocrisie.

Esperimento di verità

Per gioco, o forse per caso, Paul Auster ha raccolto in questi ventiquattro racconti aneddoti veri dove la fatalità ha imposto una svolta ai fatti narrati, dando vita a un vero e proprio «esperimento di verità». E cosí mentre leggiamo queste storie tragiche, fortunate o bizzarre, tutte frutto della «combinazione», scopriamo una insolita legge di natura: la realtà, come una divinità capricciosa che si diverte alle nostre spalle, lega e accosta gli eventi piú insignificanti creando una nuova realtà che ci conforta, ci distrugge o ci diverte. Il volume comprende anche il celeberrimo Racconto di Natale di Auggie Wren tratto da Smoke & Blue in the face .

Un esorcista racconta

Come ci si difende dal demonio? Quali sono i segni della presenza diabolica? Esistono veramente le fatture, i malefici, il malocchio? Il volume è frutto di un’esperienza diretta e ricco di esempi; risponde a queste e ad altre domande attraverso un’ordinata esposizione della materia. La pratica dell’esorcismo, in auge fino a tre secoli fa, sta attraversando presso i cattolici un periodo di crisi che coinvolge teoria e pratica, gli studi di teologia e la pastorale diocesana. È lasciato così campo libero agli imbroglioni, ai maghi, ai cartomanti. Don Amorth va controcorrente, ma in linea con l’insegnamento della Bibbia, del Magistero, della Tradizione.
**

L’esodo

Che cosa È accaduto esattamente nelle regioni dell’Istria, un tempo italiane, negli anni fra il 1943 e il 1947? Solo da poco tempo si ricomincia a parlare, dopo cinquant’anni di silenzio delle foibe e della pulizia etnica slava. Questo capitolo della nostra storia che si vorrebbe cancellare dalla memoria collettiva riemerge finalmente anche grazie a questa ricostruzione minuziosa e documentata.

(source: Bol.com)

L’esilio del tiranno

Fino a poco tempo fa, Kaspar, il potente e spietato duca di Olasko, comandava un esercito imponente, temuto da tutte le nazioni di Midkemia. Adesso il tiranno è in esilio, separato dal suo trono da deserti inospitali, montagne invalicabili e oceani infiniti. Quando finalmente riesce a unirsi a una carovana di mercanti, sembra che il sospirato ritorno a Olasko sia ormai vicino… Ma il gruppo è vittima di una forza oscura, che pare scaturire da un oggetto inquietante e misterioso, una strana armatura nera che emana un’aura malvagia. Solo Kaspar riesce a resistere al suo potere mortale ed è costretto a un viaggio avventuroso e pieno di insidie per svelare il terribile segreto che vi si cela.

L’esercito fantasma

Cotton Malone non ha dubbi: il video arrivato via email è autentico, e la persona atterrita e stremata che lo implora di salvarle la vita è proprio lei, Cassiopea Vitt. Rapita da un commando di mercenari mentre stava indagando sulla scomparsa del figlio di uno scienziato russo emigrato in Cina, la donna è infatti in possesso di un misterioso reperto, rinvenuto nel più importante sito archeologico cinese: la tomba dell’imperatore Qin Shi Huang, protetta dal celebre Esercito di Terracotta. E, pur di non cedere alle sevizie dei suoi aguzzini, ha deciso di mentire, sostenendo di aver affidato a Malone l’antichissimo manufatto. Aiutato da Stephanie Nelle – il suo ex capo al dipartimento di Giustizia -, l’uomo si lancia allora in soccorso dell’amica e riesce a individuare il luogo in cui viene tenuta prigioniera. Ma, in realtà, l’incubo è appena cominciato. Perché Cotton dovrà non soltanto scoprire il segreto del reperto, ma anche trovare il bambino svanito nel nulla: è lui la chiave per fermare un devastante complotto che mira a sconvolgere il fragile equilibrio che lega Stati Uniti, Russia e Cina. Un complotto in cui sembra implicata persino Stephanie Nelle…

Steve Barry è autore della serie ”*Le avventure di Cotton Malone*”:

1 – L’ultima cospirazione
2 – Le ceneri di Alessandria
3 – L’ombra del leone
4 – La tomba di ghiaccio
5 – Il tesoro dell’Imperatore
6 – L’esercito fantasma
7 – Il sigillo dei traditori
8 – Le chiavi del potere
9 – La congiura del silenzio
10 – Il patto dei giusti
(source: Bol.com)

L’esecuzione

Sarah Durandt sa che il killer è morto: l’ha ucciso un’iniezione letale nella camera delle esecuzioni. Eppure la donna non riesce a trarre nessun conforto dall’idea che lo squilibrato che ha ammazzato suo figlio e suo marito non ucciderà più. Nessuno sa dove quel folle abbia nascosto i loro corpi, e lei non è mai riuscita a chiudere il cerchio, per ricominciare a vivere. È per questo che ha deciso di tornare a casa, sui monti Adirondack, per mettersi alla ricerca dei resti di coloro che amava. Una tomba senza nome, un indumento, qualunque cosa che faccia diventare l’incubo una realtà tangibile. Ma ciò che Sarah scopre è molto più inquietante e spaventoso di quanto potesse immaginare. Forse hanno condannato l’uomo sbagliato. Forse il vero killer è ancora là fuori. Forse, per Sarah, l’incubo è appena cominciato.

L’esecuzione

L’ispettore George Bennett non può dimenticare il dicembre 1963, quando, fresco di promozione, dovette svolgere una delicata indagine a Scardale, isolato villaggio del Derbyshire. Alison Carter, una ragazzina di tredici anni, era scomparsa nel nulla. Probabilmente stuprata. Quasi certamente assassinata. Una caso scottante, ma anche un’ottima occasione di carriera per un giovane ispettore, sposato da poco e in procinto di diventare padre. Vincendo la diffidenza degli abitanti di Scardsale, Bennett ricostruì pazientemente gli sconcertanti retroscena del caso, portando alla luce una drammatica vicenda di abusi e violenze. In quegli stessi mesi, l’opinione pubblica britannica era sconvolta dalle drammatiche gesta di Myra Handley e Ian Brady, temibile coppia di assassini seriali che rapivano e uccidevano minorenni. In un’atmosfera così incandescente, il processo poteva avere un’unica, prevedibile conclusione. Dopo che George Bennett ebbe consegnato il presunto colpevole alla giustizia, la condanna a morte fu inappellabile. Ma all’indomani dell’esecuzione il giovane ispettore nutriva ancora qualche dubbio sulla completezza delle indagini. Nessuno aveva mai trovato il cadavere di Alison Carter. Nessuno aveva mai cercato una risposta agli ultimi interrogativi rimasti in sospeso.
Trascorrono trentacinque anni prima che qualcuno torni a interessarsi del caso. La giornalista Catherine Heathcote viene a conoscenza di quella vecchia storia. Incuriosita, decide di scriverci sopra un libro e chiede consulenza all’investigatore che aveva risolto il caso: George Bennett. L’ex ispettore accetta di aiutarla e la mette in contatto con i testimoni sentiti nel corso delle indagini di molti anni prima. All’ultimo momento però Bennett cambia idea e cerca in ogni modo di dissuadere la giornalista dal pubblicare il libro. E Catherine, quando si presenta a chiedere spiegazioni, scopre che l’ex ispettore è stato colpito da infarto. Quale verità è improvvisamente tornata alla luce, dopo tanto tempo? Nella migliore tradizione del thriller psicologico all’inglese, *L’esecuzione* è un romanzo dalle molteplici sfaccettature, carico di suspense, che riunisce con abilità gli strumenti narrativi della *detective story*, del giallo giudiziario e del giornalismo investigativo.

L’esecutore

Si chiama Joona Linna ed è di origini finlandesi, ma da anni ormai Stoccolma è la sua casa. Ma Joona Linna non è mai stato in quell’appartamento elegante e lussuoso, da cui proviene una musica struggente e rarefatta. Un brano di violino suonato da un esecutore impareggiabile. Joona Linna non è mai stato nel salottino dell’appartamento: è l’unica stanza totalmente spoglia, priva di arredamento, senza soprammobili, insolitamente vuota. A parte il corpo. L’uomo è come sospeso a pochi centimetri dal pavimento e sembra ondeggiare nell’aria seguendo il placido suono del violino, mescolato al ronzio indolente delle mosche. Aveva ragione il collega che l’ha chiamato sulla scena del delitto: c’è qualcosa di inspiegabile. Omicidio o suicidio? Da ispettore della squadra omicidi di Stoccolma, Joona Linna sa che le apparenze sono soltanto il velo ingannatore dietro cui si nascondono i crimini. E i crimini nascono da una cosa sola: i desideri.

Esco a fare due passi

Il protagonista di questo libro è Nico. Ventotto anni, un lavoro di deejay radiofonico, un discreto successo con le donne, Nico vive una vita felice, ma si sente profondamente immaturo, un adolescente intrappolato nel corpo di un uomo e senza alcuna volontà di crescere. Come un bambino, del tutto privo di pudori e inibizioni, Fabio Volo ci accompagna in un divertente viaggio nell’universo giovanile, il proprio corpo come unica bussola. Sesso, canne, musica, amicizia e tanta voglia di mettere a nudo la parte di noi che teniamo nascosta, con la polvere, sotto il tappeto.

L’esclusa

A questo romanzo di impianto naturalistico, Pirandello lavorò in tempi diversi e ne trasse anche una commedia: L’uomo, la bestia e la virtù. Si narra la storia di Marta, che viene cacciata di casa dal marito dietro il sospetto di un tradimento che si riduce invece a qualche lettera appassionata e filosoficheggiante che le indirizza un intellettuale del luogo, Gregorio Alvignani, deputato al Parlamento. Creduta colpevole da tutti e persino dal padre, Marta,dopo aver cercato di guadagnarsi la vita in paese, accetta un posto di maestra a Palermo. Sarà qui che tornerà ad affacciarsi l’ombra del marito e che lei, giovane e bella, diventerà facilmente vittima dell’Alvignani. Ma la sua scelta la porterà al distacco da tutti coloro che l’avevano esclusa.
**

Esbat

Ha cinquant’anni, disegna manga, è conosciuta con il nome di Sensei – maestra – e ha fan sparsi ovunque nel mondo. Inventa storie piene di buoni sentimenti ambientate in mondi fantastici, e da anni disegna La leggenda di Moeru, un manga di successo planetario di cui ora si sta accingendo a finire le ultime tavole. La Sensei è una donna superba che gestisce il proprio successo con orgoglio e sapienza: poche apparizioni pubbliche la avvolgono in un’aura di mistero e le permettono di non entrare in contatto coi propri lettori che disprezza profondamente. Una notte di luna piena, proprio mentre sta per mettere la parola fine al suo manga più celebre, riceve la visita di un ospite inatteso: è Hyoutsuki-sama, principe demoniaco antagonista di Moeru. La Sensei crede di essere impazzita, ma ben presto si convince che Hyoutsuki-sama è un’entità reale, che ha abitato per anni il mondo che ha creato e che ora ha attraversato per reclamare un finale diverso. La Sensei se ne innamorala l’amore con lui e gli propone un patto: un finale diverso in cambio di altri sei mesi in cui il demone verrà richiamato e sarà a sua disposizione per una notte al mese. Per far ciò è necessario eseguire un rito – Esbat – che richiede alla Sensei di sacrificare parti del proprio corpo. Dopo essersi tranciata alcune dita di una mano e di un piede, la Sensei decide di “sacrificare” i propri fan, che attira a casa con la promessa di un disegno autografo.
**

Esaù

Lo scalatore Jack Furness sta affrontando una delle cime più alte del Nepal quando, precipitando in un crepaccio, trova il teschio fossile, perfettamente conservato, di quello che sembra un gorilla o uno scimpanzé. Alcuni gioni più tardi, dalle analisi condotte dalla sua ex ragazza, un’antropologa di Berkeley, risulta invece trattarsi di un raro esemplare di ominide che la scienza deve ancora classificare. Organizzata una spedizione sull’Himalaya per scoprire di più sul materiale fossile, e con la segreta speranza d’imbattersi nello strano essere, i due devono vedersela con la minaccia di una guerra nucleare tra India e Pakistan e con pericolosi intrighi. Trovano infine una colonia di yeti…
**

L’esattore

Il commissario Charitos è di nuovo alle prese con le conseguenze della grande crisi economica. Nell’ombra agisce un “Esattore”, un vendicatore che invia a noti evasori fiscali una lettera in cui li invita a saldare quanto devono al fisco; ma se non ottiene quanto chiede, l’Esattore uccide i malcapitati con una iniezione di cicuta. Kostas Charitos si immerge nel nuovo caso con un senso di smarrimento: gli omicidi si susseguono in un clima di tensione sociale estrema, in cui vittime e colpevoli si scambiano continuamente di ruolo. Anche Caterina, sua figlia, è sul punto di andarsene, accettando un posto offertole dall’Alto Commissariato dell’ONU per i rifugiati. Intanto, l’Esattore riesce a far restituire alle casse dell’erario quasi otto milioni di euro in soli dieci giorni, e il popolo scende in piazza per inneggiare all’eroe, al santo, che è riuscito là dove il potere costituito ha colpevolmente fallito. Nel mezzo di questo dilemma etico si trova il commissario Charitos: smascherare il colpevole e consegnarlo alla giustizia oppure stare dalla parte della gente dimenticata da quella stessa giustizia?
**