17–32 di 65579 risultati

Un Dolce Segreto Di Primavera

È stata una di quelle giornate. Il turno in ospedale all’alba, quattro bambini urlanti che litigano per il computer, un marito latitante ancora in ufficio, la cena da preparare. E fra mezz’ora Eva deve essere al ristorante Le Jardin, dalle sue «amiche del martedì», per il loro imperdibile appuntamento mensile. In sedici anni ne hanno passate di tutti i colori: l’irrequieta Kiki è diventata una neomamma disoccupata; l’angelica Judith, infelicemente single, ha iniziato a lavorare come cameriera; l’imperturbabile Caroline, separata dal marito, è un avvocato sempre più richiesto e l’impeccabile Estelle farebbe di tutto pur di entrare nel suo nuovo completo di Chanel per il gran galà del circolo di golf. La consueta gita annuale è ormai alle porte: una settimana di «ritiro» al castello di Achenkirch. Sette giorni senza telefono, senza Internet, senza mariti, senza beghe familiari, senza impegni lavorativi e… senza cibo. Digiuno e astinenza, disciplina e sacrifici, che mettono le inseparabili amiche di fronte a nuove, profonde incomprensioni. La sfida più grande, però, tocca a Eva, intenzionata a trovare in quel luogo sperduto la risposta che cerca da una vita: chi è il suo vero padre? Una nuova dose di colpi di scena, verità insospettabili ed esilaranti equivoci per cinque amiche che con le loro avventure hanno conquistato i librai e i lettori di tutto il mondo. Appena uscito, Un dolce segreto di primavera ha scalato in pochi giorni le classifiche dei bestseller in tutto il Nord Europa. Una storia di segreti e batticuori, grandi decisioni e piccole rivincite, che riconferma l’amicizia come il bene più prezioso e la determinazione come unico antidoto alle difficoltà della vita.

Un Angelo Dalle Ali Di Piombo

A volte la vita ti trascina tuo malgrado in un vortice dal quale ti sembra di non poter più uscire se non attraversando il prato nero della morte. Sei lì, preso nel sistema che ti domina e ti comanda, ci sei entrato perché non avevi altra scelta, o forse perché credevi di non averla. Eppure dentro quel vortice può succedere talvolta d’intravedere il modo per raggiungere la salvezza. È una scelta anche quella, e come tutte le scelte comporta dei rischi. Non resta che decidere se il gioco vale la candela. In un senso o nell’altro. * Racconto finalista al concorso “Racconti campani terza edizione” *

Un altare per il mio sogno

I MIGLIORI ROMANZI DI LIALA, LA REGINA DEL ROSA, FINALMENTE IN EBOOK.
Giuliano e Anzia, figli dei conti d’Arpino, vivono in un’antica proprietà di famiglia immersa nella Brianza. Entrambi anelano a una vita più libera e perciò si scontrano spesso con la rigidità della nonna, una dama austera. Il contrasto si inasprisce quando Giuliano si innamora di Normanna, un’americana in attesa di divorzio e madre di una bambina, Lucilla, artefice inconsapevole di una grande felicità.

Un agente dall’aldilà

Dopo poche pagine di questo romanzo, il lettore penserà di aver sbagliato collana, o che ci sia stato un disguido tecnico tra noi e i nostri colleghi di Segretissimo. Un giovane cineasta americano si trova a Praga nel periodo della famosa “primavera”: torna a casa con le pizze del suo documentario, ma queste, con vari pretesti burocratici, gli vengono trattenute per settimane in dogana. La casa produttrice gli rescinde il contratto, il povero cineasta è disperato. Ed ecco presentarsi un soave funzionario doganale con un’offerta di mediazione, di riparazione, di aiuto. Basta solo che il giovanotto accetti un piccolo incarico, un viaggetto da nulla. Dove? A Praga, vedi caso. A far che? Ah, niente di pericoloso o di clandestino, per carità. Si tratta solo di prendere contatto con un regista ceco, un maestro dell’avanguardia cinematografica, per dirgli … Siamo nel 1968, alla vigilia dell’intervento russo in Cecoslovacchia. La CIA, il KGB, i servizi segreti della Germania Occidentale, sono tutti coinvolti. I telefoni rossi degli stati maggiori e delle ambasciate squillano senza interruzione. Che cosa c’entra la fantascienza? Eppure, in questo drammatico intreccio carico di suspense e di stupefacenti diramazioni, in questa spy-story, così aderente alla cronaca e alla storia, il vero colpo di scena, per il quale bisognerà aspettare l’ultimissima pagina, è proprio che la fantascienza c’entra.
Urania n. 718 del 13-03-1977
*An Agent On The Other Side* , 1977

Trenta milioni bruceranno vivi

Sul nostro superinquinato pianeta, l’umanità vive ormai solo in pochi ma giganteschi agglomerati protetti da immense cupole di plexiglass. A Norcal (North California) trenta milioni di persone convivono così sotto uno stesso tetto, in condizioni che ad alcuni potranno anche piacere: il consumo di droga per esempio è vivamente incoraggiato, e così pure è approvata e lodata la promiscuità dei matrimoni multipli. I veri guai nascono comunque, come sempre, dagli scontenti e dai ribelli, dai contestatori, che nella fattispecie contestano le consolazioni della droga e del sesso, auspicando il ritorno agli antichi valori. Auspica oggi e auspica domani questi benintenzionati non s’accorgono del pericolo: gli antichi valori sono infatti così antichi, stagionati, disseccati, che basta accostarci un fiammifero per …
Urania n. 797 del 19-08-1979
*A Crack In The Sky* , 1976

Tre estati

Tre sorelle, Maria, Infanta e Caterina, vivono nell’arco di tre estati il passaggio dall’adolescenza alla maturità. La vicenda è un lungo racconto di amori, di trepidanti attese, di amarezze e di illusioni che riverberano sugli indugi della vita. Protagonisti assoluti delle loro storie la solarità del paesaggio greco, la terra rossastra, i negozi di Atene, i disegni in cielo degli uccelli: i suoni di una tenera e bellissima estate della vita. Tre estati fu pubblicato nel 1946 e ottenne subito uno straordinario successo di critica e di pubblico. Stampato poi a Parigi, fu molto amato ed elogiato da Albert Camus, che nel romanzo ritrovava la naturalezza e l’afflizione di una saggezza riemersa dal tempo – come una memoria struggente, ricolma di cose e volti; un grande affresco esistenziale che solo una prosa sonora e nitidissima, di sicuro sapore classico, sa rendere concreta e vera: “Di questi tempi il sole è scomparso dai libri. Perciò essi ostacolano i nostri tentativi di vivere. Ma nel tuo Paese se ne conserva ancora il segreto, e tu sei uno dei pochi autori che lo tramandano”. Margarita Liberaki ha scritto uno dei libri più suggestivi della letteratura greca del Novecento: dedicato alla giovinezza e al destino su cui si infrange il sorriso amaro degli uomini.

Trainspotting – Edizione Italiana

« *Irvine Welsh è la cosa più bella che sia capitata alla nostra narrativa negli ultimi dieci anni.* »
**The Sunday Times**
« *C’è uno scrittore più distruttivo, nichilista, spietato e al contempo più innamorato della vita di Irvine Welsh? Difficile… quasi impossibile.* »
**Corriere della Sera**
« *Lo scrittore simbolo della narrativa inglese.* »
**La Repubblica**
Un pugno di ragazzi a Edimburgo e dintorni: il sesso, lo sballo, la rabbia, il vuoto delle giornate. Sono i dannati di un modernissimo inferno chimico, dalla vita sfilacciata e senza scampo. Alla ricerca di un riscatto, di un senso da dare alla propria esistenza – che non sia il vicolo cieco fatto di casa, famiglia e impiego ordinario – trovano nella droga e nella violenza l’unica risposta possibile. Sboccato, indiavolato, travolgente: l’esordio prodigioso di un grande talento letterario, il romanzo shock che ha fatto epoca e dato voce a una nuova generazione.
« *Per lettori che hanno lo stomaco forte, ma il cuore tenero.* »
**The Telegraph**
« *Un talento prodigioso per il dialogo e una scrittura affilata come un diamante.* »
**Publishers Weekly**
« *Un’energia stupefacente, un’emozione viscerale, una scrittura che colpisce allo stomaco e al cuore.* »
**The Independent**

Toglietevelo Dalla Testa

La domanda è: il nostro compagno più inseparabile (il cellulare) ci sta forse tradendo? Prove ce ne sono, e parecchie (nel 2011 l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ha inserito il telefonino tra i possibili cancerogeni). I manuali di istruzione dicono di tenerli da 1,5 a 2,5 centimetri dall’orecchio (perché? E soprattutto: chi lo fa davvero?). In molti paesi precise disposizioni sanitarie raccomandano di non farli usare ai bambini, di non lasciarli sotto il cuscino di notte (come fanno molti adolescenti in attesa del fatidico sms prima di dormire). Una sentenza del Tribunale di Brescia ha stabilito un risarcimento a carico dell’Inail per un ex manager colpito da un tumore alla testa causato dall’uso eccessivo del cellulare. Questo libro racconta tutto quello che c’è da sapere sul possibile legame causale cellulari-cancro e lo fa con straordinaria capacità di divulgazione, senza tecnicismi. Tutto squadernato con la passione del reportage narrativo. TOGLIETEVELO DALLA TESTA è un viaggio a caccia di storie, fatti e testimonianze, dall’Italia a New York, Seattle, San Francisco, Sydney, Stoccolma, sulle tracce dell’ultima ricerca, incontrando le prime vittime che lottano contro il silenzio dei media, raccontando l’eterno braccio di ferro con le multinazionali impegnate a difendere il più grande business del nuovo millennio. Decine di centri studi, all’insaputa dei cittadini, raccolgono montagne di fondi dalle aziende per promuovere campagne che abbassino la soglia di attenzione sui rischi per la salute. È successo con le sigarette, con l’amianto, oggi il candidato più quotato pare proprio il cellulare. L’industria continua a sostenere che non ci sono prove conclusive: e se dovessero arrivare? Meglio difendersi prima. Il libro si apre con un Decalogo per l’uso sicuro del telefonino, pericoli e rischi li conoscerete solo leggendo.

Titanic: Un viaggio che non dimenticherete

Era la più grande nave mai costruita dall’uomo, la più lussuosa, il massimo della sicurezza e del comfort. Praticamente inaffondabile. Doveva esserlo, ma non lo fu. E il Titanic venne disgraziatamente “bevuto” in sole tre ore dalle gelide acque del Polo Nord nella notte tra il 14 e il 15 aprile 1912, lasciando la Belle Époque senza musica, fiato ne’ parole.
Massimo Polidoro ricostruisce la vicenda del Titanic in un racconto corale che intreccia le storie di ufficiali e passeggeri, naufraghi e soccorritori, scienziati e avventurieri.
Attraverso gli occhi dei protagonisti assisteremo all’intero svolgimento di una storia intramontabile. Saremo accolti a bordo. Visiteremo la nave e i suoi meravigliosi saloni. Incontreremo i personaggi più interessanti. Vivremo le emozioni della traversata. Fino al momento del fatale impatto, quando la nave si inclina, il panico si diffonde e la sorte distingue tra sommersi e salvati.
Il tutto si fonde con il tentativo fatto da Ballard negli anni Ottanta di trovare il relitto: un sogno che all’inizio sembrava folle e improbabile, ma alla fine è coronato dal successo. Si andrà quindi alla ricerca del Titanic, ci si inabisserà nelle profondità dell’oceano per scorgerlo ancora una volta da vicino, e infine vederlo risorgere a nuova luce. A rammentarci che “la vita non è che una partita giocata con la dea fortuna”.
**
### Sinossi
Era la più grande nave mai costruita dall’uomo, la più lussuosa, il massimo della sicurezza e del comfort. Praticamente inaffondabile. Doveva esserlo, ma non lo fu. E il Titanic venne disgraziatamente “bevuto” in sole tre ore dalle gelide acque del Polo Nord nella notte tra il 14 e il 15 aprile 1912, lasciando la Belle Époque senza musica, fiato ne’ parole.
Massimo Polidoro ricostruisce la vicenda del Titanic in un racconto corale che intreccia le storie di ufficiali e passeggeri, naufraghi e soccorritori, scienziati e avventurieri.
Attraverso gli occhi dei protagonisti assisteremo all’intero svolgimento di una storia intramontabile. Saremo accolti a bordo. Visiteremo la nave e i suoi meravigliosi saloni. Incontreremo i personaggi più interessanti. Vivremo le emozioni della traversata. Fino al momento del fatale impatto, quando la nave si inclina, il panico si diffonde e la sorte distingue tra sommersi e salvati.
Il tutto si fonde con il tentativo fatto da Ballard negli anni Ottanta di trovare il relitto: un sogno che all’inizio sembrava folle e improbabile, ma alla fine è coronato dal successo. Si andrà quindi alla ricerca del Titanic, ci si inabisserà nelle profondità dell’oceano per scorgerlo ancora una volta da vicino, e infine vederlo risorgere a nuova luce. A rammentarci che “la vita non è che una partita giocata con la dea fortuna”.

Terra bruciata

Pochi scrittori di fantascienza hanno la forza di suggestione di J. G. Ballard, la sua capacità di far apparire reali, palpabili, le situazioni più deliranti, le visioni più allucinanti e angosciose. Questa volta l’autore immagina una lunga e terribile siccità che sconvolge la vita degli uomini, e seguendolo in un mondo condannato inesorabilmente alla disgregazione fra sterminate dune di sale, cimiteri d’auto e di navi in secca, il lettore finisce per lasciarsi prendere dallo sconvolgente incubo di Ballard, e accettare i suoi ladri d’acqua, i suoi cannibali, i suoi degenerati, i suoi folli, miserabili superstiti che ancora si dibattono nella polvere che ricopre il pianeta.
Urania n. 788 del 17-06-1979
*The Burning World,* 1964
*Ristampa del n. 417*
Tetralogia degli Elementi 3

Tempo di spettri

In quegli anni e in quei luoghi dove tutti avevano «paura perfino della loro ombra», quando la turbinosità spettrale degli eventi raggiunse l’apice, nella Russia dove i bolscevichi da poco erano al potere e dove tutti sospettavano di tutti, si avvia la catena inesorabile dei fatti raccontati in questo romanzo. All’interno di una generale caccia all’uomo, seguiamo la caccia di un singolo da parte di un singolo, una partita segreta, incalzante, ossessiva. Dalla Russia alla Turchia, alla Francia, all’Italia, a Vienna continua a rotolare l’invisibile «melina» di cui parla una canzone. E nessuno sa dove finirà. Intanto cadono vittime inconsapevoli sulla strada dell’inseguitore, che le guarda appena, perché fissa nella mente ha l’immagine della sua preda, «che attraversava la vita col frustino in mano, azzimato e sporco di sangue, l’assassino profumato…». «Della parola “genio” si è abusato a lungo, sino a farle perdere senso e valore, altrimenti avrei definito questo libro “semplicemente geniale”» scrisse Ian Fleming a Perutz a proposito di *Tempo di spettri*. L’inventore di James Bond vi aveva subito riconosciuto la prova magistrale di un’arte del suspense spinta all’estremo. Ma c’era anche qualcosa di più: in questo romanzo, che si presenta come una pura, sinistra scansione di eventi, un metafisico fuoco fatuo li accompagna tutti, senza mai essere nominato, sfuggente e sovrano. *Tempo di spettri* apparve per la prima volta a puntate nel 1928 su un giornale berlinese e fu subito accolto da uno strepitoso successo.

Sulla nostra pelle

In “Profit Over People,” Noam Chomsky takes on neoliberalism: the pro-corporate system of economic and political policies presently waging a form of class war worldwide. By examining the contradictions between the democratic and market principles proclaimed by those in power and those actually practiced, Chomsky critiques the tyranny of the few that restricts the public arena and enacts policies that vastly increase private wealth, often with complete disregard for social and ecological consequences. Combining detailed historical examples and uncompromising criticism, Chomsky offers a profound sense of hope that social activism can reclaim people’s rights as citizens rather than as consumers, redefining democracy as a global movement, not a global market.

Suicide Mind: La Voce Ti Sta Aspettando

Emily McLean ha una vita agli occhi degli altri perfetta. Con dei genitori che darebbero la propria vita per lei, una casa da sogno e degli amici straordinari lei si considera una diciottenne comune nel fiore degli anni. Eppure Chicago nasconde un segreto antico millenni. Perch� quando la giovane sparir� senza lasciare le minime tracce sar� compito di Johanna Roberts ricostruire il Puzzle e capire cosa si sta celando dietro ad un apparente omicidio. Segreti, rivelazioni, flashback e nuovi legami; Johanna deve imparare a saper vedere oltre le apparenze per riuscire ad andare avanti. Ma le sue certezze si troveranno costrette a svanire nel nulla quando si render� conto che il nemico in realt�, non era mai stato quello che lei credeva.

Storie di pirati. Dal capitano Barbanera alle donne corsaro

Pubblicato nel 1724 e accolto da uno strepitoso successo, questo libro intendeva illustrare al pubblico inglese dell’inizio del ‘700 il pericolo derivante per la potenza mercantile britannica dal grande sviluppo della pirateria in quegli ultimi sette anni. Firmata da un fantomatico capitano Charles Johnson, l’opera è stata attribuita a Defoe solo nel 1932. Le avventure dei bucanieri inglesi che infestavano il Mar dei Caraibi, le coste africane e l’Oceano Indiano rivivono, nella scrittura di Defoe, illuminate da una luce nuova: non quella della narrativa, ma quella della realtà di uomini e donne che temevano più di tutto non la morte, ma solo l’infamia del carcere o dell’impiccagione. **

Storia militare della seconda guerra mondiale, Vol. 1

Il libro ricostruisce l’ultimo conflitto mondiale nella complessa contradditorietà dei suoi sviluppi militari, in un quadro completo delle componenti che ne determinarono l’esito finale dall’Europa all’Estremo Oriente: la tattica e la strategia di vincitori e vinti; la potenza industriale al servizio degli eserciti in lotta; l’efficacia delle scelte tecniche e delle applicazioni tecnologiche realizzate nel campo degli armamenti, della guerra d’offesa e di difesa, dalle nazioni belligeranti. Un’esposizione densa, serrata, tutta basata sui fatti, che però non trascura la funzione decisiva svolta dal fattore uomo sulla condotta generale della guerra, dalla capacità degli opposti stati maggiori al genio militare dei singoli generali, al valore combattivo delle truppe.