31233–31248 di 72802 risultati

Quello che il cielo non ha

“Si vedono ora per la prima volta, due completi sconosciuti, incapaci di togliersi gli occhi di dosso. È questo l’istante in cui la vita di lui si biforca: da una parte chi era prima di conoscerla, dall’altra chi diventa dopo.”
Laura è una creatura speciale, una giovane donna che vive separata dal resto del mondo, nella natura incontaminata del Gougane Barra, nel sudovest dell’Irlanda, lì dove le montagne incontrano fitti boschi che si aprono su laghi cristallini. In questo luogo eccezionale, nel totale isolamento, Laura è cresciuta imparando a imitare, con la sua voce perfetta e purissima, i suoni che la circondano. È un giorno come tanti quando la sua vita subisce uno scossone irreparabile, allorché Solomon, abile fonico, la vede. Un incontro che muterà fatalmente entrambi, segnando l’entrata di Laura in un universo a lei finora sconosciuto. Ma la cosiddetta società normale, con i suoi ritmi e il suo passo accelerato e convulso, sarà pronta ad accogliere questa donna e la sua unicità? Saprà, la città, riconoscere e proteggere la sua grazia? Intimista e commovente, con questa storia d’amore Cecelia Ahern ci accompagna alla scoperta della parte più vera e indomabile di ciascuno, in quel nucleo al contempo quieto e ribelle e, troppo spesso, soffocato dal rumore del mondo.
**
### Sinossi
“Si vedono ora per la prima volta, due completi sconosciuti, incapaci di togliersi gli occhi di dosso. È questo l’istante in cui la vita di lui si biforca: da una parte chi era prima di conoscerla, dall’altra chi diventa dopo.”
Laura è una creatura speciale, una giovane donna che vive separata dal resto del mondo, nella natura incontaminata del Gougane Barra, nel sudovest dell’Irlanda, lì dove le montagne incontrano fitti boschi che si aprono su laghi cristallini. In questo luogo eccezionale, nel totale isolamento, Laura è cresciuta imparando a imitare, con la sua voce perfetta e purissima, i suoni che la circondano. È un giorno come tanti quando la sua vita subisce uno scossone irreparabile, allorché Solomon, abile fonico, la vede. Un incontro che muterà fatalmente entrambi, segnando l’entrata di Laura in un universo a lei finora sconosciuto. Ma la cosiddetta società normale, con i suoi ritmi e il suo passo accelerato e convulso, sarà pronta ad accogliere questa donna e la sua unicità? Saprà, la città, riconoscere e proteggere la sua grazia? Intimista e commovente, con questa storia d’amore Cecelia Ahern ci accompagna alla scoperta della parte più vera e indomabile di ciascuno, in quel nucleo al contempo quieto e ribelle e, troppo spesso, soffocato dal rumore del mondo.

Quella cosa intorno al collo

Una ragazza che, grazie all’aiuto di una sconosciuta, scampa a un’esplosione di odio religioso. Un’altra che, costretta al matrimonio, scopre cosa significa nella realtà essere la moglie di un medico in America. Un professore universitario che, incontrando un collega creduto morto da decenni, ripercorre la propria vita segnata dalla guerra per l’indipendenza del Biafra. Nelle dodici potenti storie di questa raccolta, Chimamanda Ngozi Adichie illumina senza sentimentalismi ma con matura compassione intime e crude verità di due mondi a lei ben noti, la Nigeria e gli Stati Uniti.
In questi racconti Chimamanda Ngozi Adichie delinea lucidamente e senza reticenze patriottiche gli aspetti piú problematici della società nigeriana, attraversata da scontri religiosi, omicidi politici, corruzione, brutalità nelle carceri e maschilismo. Tra senso di smarrimento e piú concreti problemi di soldi e di documenti, risulta però altrettanto chiaro che neppure l’emigrazione assicura una vita felice, nello specifico in quell’America che, seppure tanto vagheggiata, vista da vicino è ben diversa dal paradiso di ordinate villette unifamiliari dipinto in certi film. Gli affetti, i sapori e le usanze di casa continuano infatti a tormentare le protagoniste dei racconti di Adichie, che siano arrivate negli Stati Uniti quasi per caso, sposando un uomo ricco che poi le ha parcheggiate nell’agio di una terra straniera con figli e domestica, oppure dopo aver atteso per anni il ricongiungimento con il compagno. A dare il titolo alla raccolta è la storia di Akunna, una ragazza che vince la Green Card e che, dopo essersi scontrata con la dura filosofia del ‘dare per avere ‘, ha quello che nell’opinione di molti sarebbe un incredibile colpo di fortuna. Ma liberarsi di ‘quella cosa intorno al collo’, un soffocante senso di solitudine e non appartenenza, è tutt’altra cosa. Particolarmente toccanti sono i racconti L’ambasciata americana e Domani è troppo lontano. Nel primo la protagonista, che all’improvviso si è ritrovata in un incubo, attende in fila sotto un sole cocente l’apertura dei cancelli dell’ambasciata americana, dove si appresta a fare domanda di asilo politico. Insensibile alla folla, riesce a pensare solo al figlio e alla macchia, rossa come olio di palma fresco, che ha visto allargarsi sul suo petto. Nel secondo, invece, sullo sfondo di un afoso e lussureggiante giardino pieno di ricordi, una ragazza è costretta dalla morte della nonna a rivivere la tragica sera dell’infanzia in cui ha perso l’amato fratello maggiore.
(source: Bol.com)

I quattro libri delle piccole donne: Piccole donne-Piccole donne crescono-Piccoli uomini-I ragazzi di Jo

La storia di una famiglia sullo sfondo dell’America scossa dalla guerra di Secessione. Le quattro sorelle March – la giudiziosa Meg, l’impertinente Jo, la dolce Beth, la vanitosa Amy – si preparano alla vita vivendo sogni e speranze dell’adolescenza. Le piccole donne crescono e gli svaghi infantili vengono via via sostituiti dai legami del cuore e dai primi dolori che il destino riserva loro. E a questo punto che la storia di Jo balza in primo piano. Impulsiva, irrequieta e geniale la secondogenita incarna lo spirito progressista della Alcott educatrice: fonda la casa-scuola di Plumfield, aperta a studenti di età ed estrazione sociale diversa, protesa a un’educazione che stimoli la libertà, l’amore per la natura, la solidarietà, e dove i giovani ospiti diventano “piccoli uomini”. Ormai adulti, i ragazzi di Jo ritorneranno dalle strade del mondo su cui si erano dispersi alla loro mai dimenticata scuola di vita.

I quattro libri delle Piccole donne

I quattro libri delle Piccole donne by Louisa May Alcott
Le quattro sorelle March – la giudiziosa Meg, l’impertinente Jo, la dolce Beth, la vanitosa Amy – si preparano alla vita vivendo sogni e speranze dell’adolescenza. Le piccole donne crescono e gli svaghi infantili vengono via via sostituiti dai legami del cuore e dai primi dolori che il destino riserva loro. È a questo punto che la storia di Jo balza in primo piano. Impulsiva, irrequieta e geniale la secondogenita incarna lo spirito progressista della Alcott educatrice: fonda la casa-scuola di Plumfield, aperta a studenti di età ed estrazione sociale diversa, protesa a un’educazione che stimoli la libertà, l’amore per la natura, la solidarietà, e dove i giovani ospiti diventano «piccoli uomini». Ormai adulti, i ragazzi di Jo ritorneranno dalle strade del mondo su cui si erano dispersi alla loro mai dimenticata scuola di vita.

Quando sei con me

Michael e Aubrey sono quello che resta di una famiglia modello. I loro genitori sono conosciuti nella città in cui vivono e non possono più accettare gli affari loschi in cui quel ragazzo è andato a infilarsi per l’ennesima volta e per questo lo cacciano di casa. Sua sorella Aubrey lo adora in tutto e per tutto e non lo abbandonerebbe mai, anche a costo di andare contro la sua morale. Insieme sono più forti e decidono di andare via, ma la situazione si fa ulteriormente difficile. Micheal viene catturato da quei criminali e Aubrey è costretta a diventare adulta molto velocemente: deve affrontarli in prima persona e negoziare, tutto per salvarlo. L’unico modo per riprendersi suo fratello è quello di iniziare una collaborazione con questi personaggi loschi e partecipare ai loro affari. Allo stesso tempo Aubrey deve rifarsi una vita che possa sembrare normale agli occhi di tutti e come prima cosa prova a cercarsi un lavoro. Un po’ intimorita entra nel Dixie’s uno dei pochi bar della zona di Helena. È preoccupata e si aspetta tutto tranne che trovare in fondo al bancone degli occhi profondi che la imbarazzano e la sconvolgono allo stesso tempo: appartengono ad Adam McKinley. È un fulmine a ciel sereno per entrambi e questo si capisce immediatamente. Aubrey inizia subito il suo lavoro al Dixie’s e tra di loro nasce una bellissima storia d’amore. Ma cosa succederà quando Adam scoprirà i legami di Aubrey con l’organizzazione criminale?

(source: Bol.com)

Quando le radici

Uscito nel 1977, Quando le radici è il primo e forse più innovativo romanzo di Aldani. E’ la storia di Arno, l’uomo che incarna il futuro ma anche la memoria d’Italia, e che pensa di lasciare Roma per tornare dove ha le sue radici: oltre la riva del Po. Ma in un paese irriconoscibile, tra voragini nella terra e mostri della strada, il viaggio presenta molte insidie e Arno sente che la sua vita sta per spezzarsi. Solo alla fine dell’odissea saprà di essere diventato un altro uomo.
La riproposta di un classico nell’anno della scomparsa del suo grande autore.
Copertina di Franco Brambilla

Qualcuno ti guarda

È sera quando Olivia Brookes telefona alla polizia per denunciare la scomparsa del marito Robert e dei tre figli. Ha la voce rotta, è in preda al panico e, scampata all’oscura tragedia che anni prima ha inghiottito i suoi affetti più cari, teme che il destino voglia accanirsi contro di lei una seconda volta… Il mattino successivo, però, Robert fa ritorno a casa insieme ai bambini. Persuade gli agenti che si è trattato di un malinteso, lasciando intendere che la moglie soffre di nervi. Due anni dopo, una nuova emergenza costringe il detective Tom Douglas a tornare a casa dei Brookes: questa volta è Olivia a essere scomparsa con i bambini. Porte e finestre non mostrano segni di effrazione, l’auto è ancora parcheggiata in garage, i vestiti sono nell’armadio, non manca all’appello nemmeno un giocattolo. Ma le foto che potrebbero servire per avviare le indagini e diramare un comunicato sono sparite: rimosse dagli album, dal cellulare, dai computer. Il marito Robert appare sconvolto, svuotato; eppure qualcosa nella sua versione dei fatti non torna e, nella ridda di interrogativi che la polizia si trova di fronte, il sospetto che stia nascondendo qualcosa si fa di ora in ora più forte. Che fine hanno fatto Olivia e i bambini? Quali segreti si celano dietro la rispettabile facciata dei Brookes? Qualcuno ti guarda è un thriller che parla di ossessione, un’ossessione d’amore che risponde alla domanda: fin dove ti spingeresti per non perdere la persona che ami?

(source: Bol.com)

La Quaestio De Aqua Et Terra (Classic Reprint)

Excerpt from La Quaestio De Aqua Et Terra
Singolare storia é quella della Quaestio de aqua at term! Poche altre opere a1 mondo han subite vicende piil fortunose e han visto fervere in torno a sé piti intensa la battaglia e intrecciarsi piii pertinaci le ragioni e le obiezioni o anche talora, diciamolo pure, le logomachie dei critici, o almeno di certi critici.
L’ argomento della Quaestio e ormai noto a tutti i dantisti.
About the Publisher
Forgotten Books publishes hundreds of thousands of rare and classic books. Find more at www.forgottenbooks.com
This book is a reproduction of an important historical work. Forgotten Books uses state-of-the-art technology to digitally reconstruct the work, preserving the original format whilst repairing imperfections present in the aged copy. In rare cases, an imperfection in the original, such as a blemish or missing page, may be replicated in our edition. We do, however, repair the vast majority of imperfections successfully; any imperfections that remain are intentionally left to preserve the state of such historical works.
**

Il quaderno di Maya

Maya Vidal ha diciannove anni ed è caduta nel circuito dell’alcol e della droga. In fuga dai bassifondi di Las Vegas, da spacciatori e agenti dell’Fbi, approda nell’incontaminato arcipelago di Chiloé. In queste isole remote nel Sud del Cile, nell’atmosfera di una vita semplice fatta di magnifici tramonti, solidi valori e rispetto reciproco, Maya impara a conoscersi e a riscoprire la sua terra d’origine, svela verità nascoste e, infine, trova l’amore. A queste pagine si alterna il crudo racconto della difficile storia che a quelle isole l’ha condotta, una vita fatta di marginalità e degrado, solitudine e cattive compagnie, nella quale è precipitata dopo la morte dell’amatissimo nonno. Isabel Allende torna a raccontare la vita di una donna coraggiosa in un romanzo che affronta con grande delicatezza le relazioni umane: le amicizie incondizionate, le storie d’amore palpabili come quelle più invisibili, gli amori adolescenziali e quelli lunghi una vita. Un ritmo incalzante, una prosa disincantata per una grande narrazione che si tinge di noir, ennesima eccezionale galleria di donne volitive e uomini capaci di amare.

Il Punto Nero

Il “racconto chiave” di quest’antologia è italiano e uscì nel 1937, ma racconta fatti di venticinque anni prima. Siamo dunque nel 1912, di giugno, in una notte tra sabato e domenica. Il luogo è una vecchia piazza di Firenze. I “fatti” sono cominciati a mezzanotte, ma non qui, e non sapremo mai come nè perchè. Sono ora le tre e mezzo del mattino, un orologio batte i colpi nel “vuoto metafisico della città”. Ed ecco laggiù in fondo alla piazza deserta “un movimento, un’apparizione vaga e chiara che da lontano si confondeva con la luce azzurrognola… dalla quale pareva uscire. Avanzandosi però l’apparizione incorporea mostrava sempre meglio le proprie forme e i contorni: un uomo, ma un uomo così sorprendente da…”. Il racconto di Palazzeschi è uno dei più straordinari della narrativa mondiale, anche se la sua “straordinarietà” ha le apparenze del quotidiano. Ma i lettori di fantascienza, e soprattutto quelli di Urania, sanno bene che “trovare il sorprendente nel familiare” (secondo la formula di Coleridge) è il colmo dell’arte, e non si stupiranno di trovare all’insegna del “Punto nero” otto recentissimi e smaliziatissimi esempi di fs americana dello stesso tipo (o del tipo inverso ma di identico effetto, che consiste nel ritrovare il familiare nello stupefacente).
**INDICE**

**AL COSPETTO DEGLI SREEN**
Upstart |
STEVEN UTLEY
**LE SIGNORE DI ANDROMEDA IX**
The Ladies of Beetlegoose Nine |
R. BRETNOR
**CAMMELLI E DROMEDARI, CLEM**
Camels and Dromedaires, Clem |
R. A. LAFFERTY
**AL BALLO DELLA FAME**
At the Starvation Bail |
RON GOULART
**IL LUNATICO DI BARAFUNDA**
Lunatic at Large |
RON GOULART
**LA DOMENICA CHE NON ANDAMMO DA LEMON’S**
The Sunday We Didn’t Go to Lemon’s |
PAUL DARCY BOLES
**IL GIORNO CHE L’AMERICA SI SVEGLIO’ SENZA PIEDI**
The Wheels of God |
PAUL DARCY BOLES
**PRNDL**
Prndl |
ROBERT. F. YOUNG
**IL PUNTO NERO**
(1937) |
ALDO PALAZZESCHI
**LA MIA OPINIONE SULL’ALDILA’ – Saggio**
The Subtlest Difference (1977) |
ISAAC ASIMOV

Il punto nero – Urania N’ 758

Il “racconto chiave” di quest’antologia è italiano e uscì nel 1937, ma racconta fatti di venticinque anni prima. Siamo dunque nel 1912, di giugno, in una notte tra sabato e domenica. Il luogo è una vecchia piazza di Firenze. I “fatti” sono cominciati a mezzanotte, ma non qui, e non sapremo mai come nè perchè. Sono ora le tre e mezzo del mattino, un orologio batte i colpi nel “vuoto metafisico della città”. Ed ecco laggiù in fondo alla piazza deserta “un movimento, un’apparizione vaga e chiara che da lontano si confondeva con la luce azzurrognola… dalla quale pareva uscire. Avanzandosi però l’apparizione incorporea mostrava sempre meglio le proprie forme e i contorni: un uomo, ma un uomo così sorprendente da…”. Il racconto di Palazzeschi è uno dei più straordinari della narrativa mondiale, anche se la sua “straordinarietà” ha le apparenze del quotidiano. Ma i lettori di fantascienza, e soprattutto quelli di Urania, sanno bene che “trovare il sorprendente nel familiare” (secondo la formula di Coleridge) è il colmo dell’arte, e non si stupiranno di trovare all’insegna del “Punto nero” otto recentissimi e smaliziatissimi esempi di fs americana dello stesso tipo (o del tipo inverso ma di identico effetto, che consiste nel ritrovare il familiare nello stupefacente).

INDICE
AL COSPETTO DEGLI SREEN
Upstart
STEVEN UTLEY
LE SIGNORE DI ANDROMEDA IX
The Ladies of Beetlegoose Nine
R. BRETNOR
CAMMELLI E DROMEDARI, CLEM
Camels and Dromedaires, Clem
R. A. LAFFERTY
AL BALLO DELLA FAME
At the Starvation Bail
RON GOULART
IL LUNATICO DI BARAFUNDA
Lunatic at Large
RON GOULART
LA DOMENICA CHE NON ANDAMMO DA LEMON’S
The Sunday We Didn’t Go to Lemon’s
PAUL DARCY BOLES
IL GIORNO CHE L’AMERICA SI SVEGLIO’ SENZA PIEDI
The Wheels of God
PAUL DARCY BOLES
PRNDL
Prndl
ROBERT. F. YOUNG
IL PUNTO NERO
(1937)
ALDO PALAZZESCHI

La prova del nove

Quando tratta i problemi di attualità la fantascienza ha il vantaggio di essere “impegnata” e distaccata nello stesso tempo. Nei nove racconti di questa antologia, che fa idealmente seguito a “Il futuro alla gola” (Urania 438), tutti riconosceranno immediatamente l’aggancio con le più scottanti questioni di adesso: scuola, sesso, razza, Vietnam, religione… Ma questi temi la f.s. li proietta sul piano paradossale che le è proprio; e le soluzioni che politici e sociologi propongono oggi, essa le verifica col distacco che – bene o male – dovremo avere domani: quando “i giochi saranno fatti” e non resterà più che da vedere se i conti tornano. INDICE

di Isaac Asimov
**QUANTO SI DIVERTIVANO**
di Lloyd Biggle jr.
**LA PROFESSORESSA MARZIANA**
di Leigh Brackett
**I NEGRI VERDI**
di Robert Ray
**L’ESPERIENZA DI PADRE HUME**
di Robert Moore Williams
**IL MARTIRE DI METALLO**
di Brian W. Aldiss
**UN PROBLEMA BRUCIANTE**
di Fritz Leiber
**LA MASCHERA ANTISESSO**
di Bryce Walton
**RIMOZIONE D’EMERGENZA**
di Robert P. Mills
**L’INFERNO ALLE SPALLE**

La prova del miele

Araba, musulmana e colta, la protagonista di questo libro, nata e cresciuta a Damasco, si è trasferita a Parigi dove si occupa della biblioteca del dipartimento di Arabistica dell’università. Nella sua vita c’è stato un uomo fondamentale, un uomo che le ha aperto un mondo prima sconosciuto, un mondo di erotismo, carnalità e sesso. Questo incontro l’ha portata a mettere in pratica le teorie che ha appreso in anni di letture clandestine degli antichi testi di letteratura erotica araba – a partire dall’insegnamento del maestro sùfi al-Gunayd, ‟ho bisogno del sesso come ho bisogno del cibo” –, fino a risvegliare i ricordi dell’infanzia siriana, memorie di un mondo degli adulti complesso e contorto, fatto di segreti, tradimenti e passioni. Senza dimenticare le confidenze delle amiche, o i tipici rituali della cultura araba come l’hammàm, e le leggi, i testi sacri, tutto diventa materia di una ricerca che fa del corpo il mezzo e il fine della ricerca stessa. E la protagonista intraprende questo percorso proprio perché si sente figlia orgogliosa di un universo culturale profondamente arabo. Ribalta i luoghi comuni sul rapporto tra sesso e Islam, e ci mostra come nella tradizione araba il piacere sessuale non sia un peccato, bensì una grazia di Dio, un ‟assaggio”, un’anticipazione dei piaceri che ci attendono in paradiso.

(source: Bol.com)

Prontuario pornogrammaticale

Cosa c’entra il sesso con la punteggiatura? Se te lo stai veramente chiedendo, lascia perdere questo libro e corri a fare sesso con qualcuno! Se invece sai già che il sesso c’entra con tutto, scoprirai che è anche uno strumento impareggiabile per spiegare il funzionamento delle lingue storico-naturali. La punteggiatura non la sbaglia chi non l’ha studiata, ma chi non l’ha capita, perciò invece di sgranare rosari di regole ed esempi, questo prontuario svela le relazioni, i meccanismi di funzionamento e i torbidi segreti dei segni d’interpunzione smontando i testi, trasformandoli e mettendoli alla prova, e dimostrando che per capire la punteggiatura è necessario analizzare il sistema linguistico nel suo complesso. Il tutto con uno stile diretto e anti-accademico, anzi spesso piccante e trasgressivo, come del resto può esserlo l’uso della lingua e della punteggiatura. Perché lo studio delle relazioni tra le parole, le ragioni per cui si accoppiano o si separano, si attraggono e si respingono, ha molto di erotico e questo libro è qui per spiegarcelo.

(source: Bol.com)

La promessa: Il sesto caso della Sezione Q

La consueta pennichella mattutina di Carl Mørck nel seminterrato della centrale di polizia di Copenaghen viene bruscamente interrotta dalla telefonata di un collega di Bornholm, la più orientale delle isole danesi. Da diciassette anni l’ispettore Christian Habersaat cerca senza successo di far luce sulla morte misteriosa di una ragazza, che gli apparve allora su una strada di campagna, appesa a testa in giù tra i rami di un albero. La Sezione Q, specializzata in casi irrisolti, è la sua ultima speranza. Burbero e svogliato come al solito, l’ispettore Mørck è riluttante ad accollarsi un nuovo caso. Ma quando, poche ore dopo, lo stesso Habersaat muore in circostanze drammatiche, si sente in dovere di precipitarsi nella remota isola del Mar Baltico insieme ai suoi due stravaganti assistenti, Rose e Assad. In quel luogo lontano dal mondo, la Sezione Q al completo dovrà indagare su personaggi dalla volontà d’acciaio e dalle incredibili doti manipolatorie, disposti a tutto pur di raggiungere i loro fini e difendere i loro interessi. Sette dai riti esoterici, guru carismatici e ragazze troppo ingenue: l’immersione della squadra più anticonformista dell’intero corpo di polizia nelle acque torbide di un’inchiesta costellata di misteri e false tracce porta alla luce il marcio ben dissimulato della società danese contemporanea.