30689–30704 di 65579 risultati

A voce nuda

Uno degli ensemble vocali più famosi al mondo, cinque cantanti di musica a cappella, parte dall’Inghilterra per ritirarsi due settimane nello Château de Luth, un castello settecentesco isolato nel cuore del Belgio rurale. Devono provare un brano molto difficile, per certi versi estremo, il Partitum Mutante, scritto da un musicista italiano, forse un genio, forse un cialtrone. Sono un clan affiatato – almeno è quello che credono – finché la convivenza forzata e gli avvenimenti inaspettati che li attendono, nel giro di pochi giorni sconvolgeranno le loro vite. Catherine, il soprano, moglie fragile ed emotivamente succube del direttore del gruppo, sente ogni notte un pianto provenire dal bosco attorno al castello. La donna, vicina alla mezza età ma mai davvero diventata adulta, forse solo affrontando il bosco e le leggende che lo circondano potrà finalmente iniziare a crescere.
Con la capacità di penetrazione che gli è propria, Faber ci presenta un intenso romanzo psicologico, un intreccio di voci che si dipana come una linea melodica e che racchiude le vicende umane dei protagonisti.
**
### Sinossi
Uno degli ensemble vocali più famosi al mondo, cinque cantanti di musica a cappella, parte dall’Inghilterra per ritirarsi due settimane nello Château de Luth, un castello settecentesco isolato nel cuore del Belgio rurale. Devono provare un brano molto difficile, per certi versi estremo, il Partitum Mutante, scritto da un musicista italiano, forse un genio, forse un cialtrone. Sono un clan affiatato – almeno è quello che credono – finché la convivenza forzata e gli avvenimenti inaspettati che li attendono, nel giro di pochi giorni sconvolgeranno le loro vite. Catherine, il soprano, moglie fragile ed emotivamente succube del direttore del gruppo, sente ogni notte un pianto provenire dal bosco attorno al castello. La donna, vicina alla mezza età ma mai davvero diventata adulta, forse solo affrontando il bosco e le leggende che lo circondano potrà finalmente iniziare a crescere.
Con la capacità di penetrazione che gli è propria, Faber ci presenta un intenso romanzo psicologico, un intreccio di voci che si dipana come una linea melodica e che racchiude le vicende umane dei protagonisti.

A vele spiegate

Affascinate, privo di scrupoli e acceso solo dalla fiamma dell'ambizione, il capitano Matthew Steel resta impassibile anche di fronte alla furia dirompente della Guerra Civile. Protagonista di un complesso intrigo che cambierà il corso della storia, si intenerisce solo per Loyalty Blake, una ragazza che, per nascita e scelte morali, rappresenta tutto ciò che Steel ha sempre considerato irraggiungibile.

A sud del confine, a ovest del sole

Nato la prima settimana del primo mese del primo anno della seconda metà del XX secolo, al protagonista, nonché voce narrante, viene dato il nome di Hajime, che significa “inizio”. Nasce in una normale famiglia giapponese, in una normale provincia sonnacchiosa, con l’unica anomalia di essere figlio unico mentre i suoi compagni hanno uno o due fratelli. Da ragazzino fa amicizia con Shimamoto, anche lei figlia unica e con una gamba offesa dalla poliomelite. Acuta, brillante a scuola, Shimamoto condivide i maggiori interessi di Hajime: la lettura e la musica. Ma il passaggio nell’età puberale, insieme a un cambiamento di casa di Hajime, separa i due prima che l’amicizia possa trasformarsi in qualcos’altro.

A mezzanotte un angelo (I Romanzi Extra Passion)

In una terribile notte, Allegra Ennis, musicista e cantante di talento, perde il padre, la vista e la carriera. Ricordi confusi e frammentari di quel trauma la perseguitano nei suoi incubi notturni, e la minaccia di chi le ha già rovinato l’esistenza continua a incombere su di lei. Finché nella sua vita entra Douglas Kowalski. Ex comandante dei reparti speciali, segnato nell’anima e nel viso da cicatrici profonde, Douglas le salva la vita durante una rapina. Presto divampa la passione ma entrambi hanno svariate ragioni per dubitare che possa durare a lungo. Tuttavia, se tanti sono i fantasmi del passato, troppo intenso è il sentimento che ora li lega…

(source: Bol.com)

A Jennifer con amore

La piccola Jane non ha nessuno perché sua madre, una potente manager di una compagnia teatrale di Broadway, non ha tempo per lei. Michael è il suo amico immaginario: trent’anni, bello, divertente, brillante e rassicurante. Parlano di tutto e adorano mangiare gelati. Anche se nessun’altro lo può vedere, per Jane lui è davvero lì con lei. La segue in ogni momento, stanno sempre insieme, non si separano mai. Finché il giorno del suo nono compleanno lui la abbandona per permetterle di condurre la sua vita dicendole: «Da domani, Jane, non ti ricorderai più di me».Ma non è così: Jane ha continuato a pensare a Michael, in ogni momento, senza mai riuscire a trovare un amico vero alla sua altezza. E dopo vent’anni eccolo che ritorna. Non sembra cambiato nulla, lui è sempre lo stesso, ma chissà come adesso prova piacere e dolore, ha dei veri sentimenti e può sperimentare il vero amore…
**
### Sinossi
La piccola Jane non ha nessuno perché sua madre, una potente manager di una compagnia teatrale di Broadway, non ha tempo per lei. Michael è il suo amico immaginario: trent’anni, bello, divertente, brillante e rassicurante. Parlano di tutto e adorano mangiare gelati. Anche se nessun’altro lo può vedere, per Jane lui è davvero lì con lei. La segue in ogni momento, stanno sempre insieme, non si separano mai. Finché il giorno del suo nono compleanno lui la abbandona per permetterle di condurre la sua vita dicendole: «Da domani, Jane, non ti ricorderai più di me».Ma non è così: Jane ha continuato a pensare a Michael, in ogni momento, senza mai riuscire a trovare un amico vero alla sua altezza. E dopo vent’anni eccolo che ritorna. Non sembra cambiato nulla, lui è sempre lo stesso, ma chissà come adesso prova piacere e dolore, ha dei veri sentimenti e può sperimentare il vero amore…

A futura memoria (se la memoria ha un futuro)

Molto infastidiva Sciascia l’essere considerato un «mafiologo»: «Sono semplicemente uno che è nato, è vissuto e vive in un paese della Sicilia occidentale e ha sempre cercato di capire la realtà che lo circonda, gli avvenimenti, le persone» diceva. Così come lo infastidiva quell’«intuizione di letterato» che, nel migliore dei casi, gli veniva attribuita allorché scagliava taglienti ed eretiche verità contro il «folclore tenebroso» in cui venivano di solito assunti i fatti di mafia. Tirare il collo alla retorica e alla mistificazione, questo gli premeva. E regolarmente i suoi articoli scatenavano furenti polemiche – se non l’accusa, infamante, di fare «il gioco della mafia». Sicché non gli restava che citare l’amato Savinio: «avverto gli imbecilli che le loro proteste cadranno ai piedi della mia gelida indifferenza». Il fatto è – come dimostrano gli interventi qui radunati, fra cui quello sui ‘professionisti dell’antimafia’ – che Sciascia è lo scrittore italiano cui più che a ogni altro si attaglia l’aggettivo «scomodo»: che prenda posizione sulla morte di Calvi o sull’assassinio del generale Dalla Chiesa o sul caso Tortora o sul maxiprocesso di Palermo e sulle testimonianze di Buscetta e Contorno o, infine, sul rischio che l’antimafia si trasformi in strumento di potere, non potremo che riconoscere fino a che a punto sia rimasto fedele alla definizione che nel 1977 dava dell’intellettuale: «uno che esercita nella società civile … la funzione di capire i fatti, di interpretarli, di coglierne le implicazioni anche remote e di scorgerne le conseguenze possibili. La funzione, insomma, che l’intelligenza, unita a una somma di conoscenze e mossa – principalmente e insopprimibilmente -dall’amore alla verità, gli consentono di svolgere».

A casa per Natale

Dopo essere stato interdetto ai voli per gli Stati Uniti, Tom Langdon decide di prendere il treno da Washington a Los Angeles per raggiungere la fidanzata che lo aspetta per Natale. Non ha il minimo sospetto che da quel lungo viaggio pieno di eventi, bizzarri ma anche drammatici, uscirà profondamente cambiato. La varietà degli incontri e delle esperienze, che sembrano orchestrati da una casualità quasi magica, lo porteranno a rivedere sotto una luce diversa tutta la sua vita, a svelare come davanti a uno specchio segreto i grovigli della propria anima, a recuperare ciò che pensava di aver irrimediabilmente perduto.

90 giorni

Novanta giorni è l’obiettivo. Novanta giorni puliti per uscire dal buio, solo novanta giorni. La sostanza di Bill è il crack. Ma le crisi di astinenza, le ricadute, il rehab si ripetono per ogni dipendenza. Novanta giorni è infatti la storia di chiunque sia caduto, almeno una volta, in quella spirale. È la storia di persone interrotte che insieme cercano di mettere ordine nelle loro vite. I nuovi amici di Bill sono ex tossici che provano, un giorno alla volta, a non farsi. Una comunità che si incontra, discute, partecipa a riunioni settimanali, s’incoraggia con entusiasmo sportivo e premura fraterna, una rete di solidarietà che condivide un obiettivo: la libertà dai lacci della compulsione. Legami che per il vecchio Bill, brillante agente letterario diviso fra cocktail mondani e attici sulla Fifth Avenue, sarebbero stati impensabili. Nei reticoli di Manhattan si incrociano i destini di Polly, insegnante elementare cocainomane, che non riesce a smettere perché vive con la sua gemella Heather che ancora si droga; Lotto, figlio adottivo di una coppia di gioiellieri ebrei, che ha girato dodici centri di riabilitazione e pensa di poter prendere in giro la vita ancora una volta; Asa, giovane studente, rosso di capelli, innamorato di Bill, salvifico e silenzioso. E Bill, che grazie ai suoi nuovi amici impara a raccontare la verità, la sua verità.

65 la mia vita senza paura

La vita di Loris Capirossi comincia in mezzo alla polvere e alle colline romagnole: Borgo Rivola ha cinquecento anime e ci si arriva per strade che a vederle sono tutto un programma. Curve cieche e saliscendi, asfalto da piega e pochi rettilinei, ma l’odore del gas lo senti subito. È il 1990: un ragazzino di diciassette anni – al suo esordio nel Motomondiale classe 125 – è campione del mondo in sella a una Honda. Il più giovane di sempre. L’anno seguente – prima ancora di avere l’età per prendere la patente – si può fregiare del secondo titolo iridato. E non sarà l’ultimo. È così che ha inizio la leggenda: una storia di gloria, sudore e ossa rotte. Di lacrime, sorrisi e nessun rimpianto: i sacrifici di babbo Giordano e mamma Patrizia, che ipotecano la casa per scommettere sul giovane mago delle due ruote, i viaggi in furgone verso i circuiti europei e i primi aerei della vita, a solcar l’oceano; i primi amori, le sfide con amici e avversari, le scelte tormentate e gli occhi pieni di gioia sulla linea del traguardo. 328 gare, 3 titoli mondiali, 29 vittorie, 99 podi. Una carriera lunga un quarto di secolo e milioni di chilometri percorsi. 65 – La mia vita senza paura è il racconto di un talento verace e selvaggio: una poderosa cavalcata nella vita di Capirex, mito delle due ruote, e di Loris, campione di umanità e coraggio, innamoratissimo marito di Ingrid, papà orgoglioso di Riccardo e oggi – dopo aver salutato i tifosi in sella a una Ducati con il numero 58 in onore del compianto amico Marco Simoncelli – rappresentante Dorna in Direzione Gara nel Motomondiale.

i 500

Un anno fa, fresco di laurea in legge a Harvard, Mike Ford ha ottenuto il posto di lavoro che ha sempre sognato: è stato assunto al Davies Group, lo studio di consulenza più influente di Washington. Oggi si ritrova al centro di un gioco mortale, inseguito da due degli uomini più pericolosi sulla faccia della Terra e con una sola certezza: la sua unica via di fuga è ricominciare a fare tutto quello che si era lasciato alle spalle. Mentire, tradire, rubare e questa volta, forse, persino uccidere. Mike è un tipo sveglio, è cresciuto in un ambiente di piccoli delinquenti e truffatori, quello del padre, dal quale ha imparato la dura lezione della sopravvivenza, ma si è anche impegnato al massimo per essere ammesso a Harvard, laurearsi e guadagnare così il biglietto d¿ingresso a un’esistenza migliore. L’assunzione al Davies Group gli ha spianato la strada di una brillante carriera e gli ha permesso di vivere gomito a gomito con i 500, l’élite di donne e uomini che governano dietro le quinte Washington – e il mondo intero. Ben presto, però, capisce che gestire il potere è un mestiere tutt’altro che limpido: nonostante il prezioso pezzo di carta conquistato all’università, il suo ruolo resta quello del truffatore. E impara che più in alto si sale, più pericolosa può essere la caduta. In una miscela esplosiva di intrighi politici e azione dal ritmo implacabile, “I 500” è un esordio travolgente, un romanzo di gran classe, nella tradizione de “Il Socio” di Grisham e Presunto innocente di Turow, un thriller incalzante che penetra nel cuore delle sale del potere, ai livelli più alti. E pone una domanda alla quale tutti vorremmo una risposta: chi decide per noi?
**
### Sinossi
Un anno fa, fresco di laurea in legge a Harvard, Mike Ford ha ottenuto il posto di lavoro che ha sempre sognato: è stato assunto al Davies Group, lo studio di consulenza più influente di Washington. Oggi si ritrova al centro di un gioco mortale, inseguito da due degli uomini più pericolosi sulla faccia della Terra e con una sola certezza: la sua unica via di fuga è ricominciare a fare tutto quello che si era lasciato alle spalle. Mentire, tradire, rubare e questa volta, forse, persino uccidere. Mike è un tipo sveglio, è cresciuto in un ambiente di piccoli delinquenti e truffatori, quello del padre, dal quale ha imparato la dura lezione della sopravvivenza, ma si è anche impegnato al massimo per essere ammesso a Harvard, laurearsi e guadagnare così il biglietto d¿ingresso a un’esistenza migliore. L’assunzione al Davies Group gli ha spianato la strada di una brillante carriera e gli ha permesso di vivere gomito a gomito con i 500, l’élite di donne e uomini che governano dietro le quinte Washington – e il mondo intero. Ben presto, però, capisce che gestire il potere è un mestiere tutt’altro che limpido: nonostante il prezioso pezzo di carta conquistato all’università, il suo ruolo resta quello del truffatore. E impara che più in alto si sale, più pericolosa può essere la caduta. In una miscela esplosiva di intrighi politici e azione dal ritmo implacabile, “I 500” è un esordio travolgente, un romanzo di gran classe, nella tradizione de “Il Socio” di Grisham e Presunto innocente di Turow, un thriller incalzante che penetra nel cuore delle sale del potere, ai livelli più alti. E pone una domanda alla quale tutti vorremmo una risposta: chi decide per noi?

Le 48 leggi del potere

Mai oscurare il maestro, non fidarsi troppo degli amici, mascherare le proprie intenzioni, spiegare il meno possibile, farsi circondare da un alone di mistero, far lavorare gli altri e prendersi tutti i meriti: queste e altre 42 sono, secondo gli autori, le regole per conquistare il potere. Spaziando dalla storia all’economia, dalla politica alla psicologia, dalla letteratura alla sociologia, Elffers e Greene si propongono un obiettivo ambizioso: svelare i segreti di quello che Talleyrand definiva “il magistrale gioco del potere”, un’arte sottile e impalpabile, ma dagli effetti concreti e, a volte, devastanti.
**

44 falsi

44 Falsi raccoglie la maggior parte degli apocrifi di Michele Serra scritti, a partire dall'85, per Tango e per Cuore. 26 sono già stati pubblicati in Visti da lontano (Mondadori 1987) e 18, i più recenti, sono inediti. In questo gioco letterario del pastiche e del falso, in cui Serra ha precedenti illustri – da Proust a Luciano da Folgore, a Paolo Vita Finzi – l'imitazione dello stile è spesso solo accennata: l'apocrifo diventa per Serra un grimaldello che gli consente di accedere a qualunque luogo satirico. Ne risulta un bel campionario – scrive Goffredo Fofi nella prefazione – di divi dell'establishment politico-culturale, o meglio politico-giornalistico, o meglio dell'establishment senza più. Un panorama di questi anni "pesticciati e melmosi", la cui logica è forse destinata a durare, tra la inacidita collosità della politica e scosse provvisorie di un esplosivo horror internazionale.

365 Racconti erotici per un anno

365 autori, 365 racconti, 365 storie di passione, 365 declinazioni dell’eros, 365 modi di parlare di sessoUn’antologia che non ha eguali, un esperimento grandioso che ha portato 365 autori a esprimersi su una materia tanto controversa quanto popolare come l’erotismo, facendolo ogni volta in modi completamente diversi, con una freschezza e una originalità che hanno del sorprendente.365 racconti selezionati su oltre 3000 che hanno partecipato a un’affascinante kermesse letteraria per dare vita a una raccolta che sta facendo discutere e continuerà a farlo per molto tempo, senza alcuna preclusione nel mischiare autori professionisti con scrittori al loro esordio letterario.Un’antologia assolutamente da non perdere, per trascorrere ogni giorno dell’anno in compagnia di un racconto dai risvolti imprevedibili.Contiene, fra gli altri, racconti di:Alan D. AltieriDanilo AronaCristiana AstoriBarbara BaraldiLuigi De PascalisStefano Di MarinoGiulio LeoniMauro MarcialisGianfranco NerozziClaudia SalvatoriAlda TeodoraniNato a Milano nel 1962, Franco Forte è giornalista professionista, traduttore, sceneggiatore e Direttore Editoriale delle collane da edicola Mondadori (Gialli, Urania e Segretissimo). Ha pubblicato per Mondadori i romanzi bestseller Il segno dell’untore (2012), Roma in fiamme (2011), I Bastioni del Coraggio (2010), Carthago (2009), La Compagnia della Morte (2009), Operazione Copernico (2009), i cui diritti di traduzione cinematografica sono stati acquistati da Dino De Laurentiis, e La stretta del Pitone (Mursia, 2005), Il figlio del cielo e L’orda d’oro (Mondadori, 2000) – da cui ha tratto uno sceneggiato TV su Gengis Khan prodotto da Mediaset – China killer (Marco Tropea/Il Saggiatore, 2000). Sempre per Mediaset ha scritto la sceneggiatura di un film tv su Giulio Cesare e ha collaborato a serie televisive quali RIS e Distretto di polizia. Il suo esordio come narratore risale al 1990, con il romanzo Gli eretici di Zlatos (Editrice Nord). Direttore responsabile della rivista Writers Magazine Italia (www.writersmagazine.it) ha pubblicato Il Prontuario dello scrittore (Delos Books), un manuale di scrittura creativa per gli autori esordienti.

18 Secondi

La consulente investigativa Sherry Moore, cieca e straordinariamente attraente, nasconde un segreto, un potere che la rende unica: può “vedere” gli ultimi diciotto secondi di vita di un morto, conoscere i suoi ultimi pensieri toccandolo. Sherry non conosce l’origine e la natura del suo dono, sa solo che all’età di cinque anni è stata trovata quasi morta sugli scalini di un ospedale, con una ferita molto grave alla testa, che l’ha privata della vista e ha cancellato i suoi ricordi. Il serial killer Earl Sykes non era mai stato punito per i suoi efferati omicidi, rimasti irrisolti. A fregarlo e spedirlo in prigione era stato un mortale incidente automobilistico. Dopo trent’anni è tornato nella cittadina di mare di Wildwood e ha ricominciato ad andare a caccia di giovani donne per i suoi sanguinosi giochi. Il tenente di polizia O’Shaughnessy è sconvolta e del tutto incapace di risolvere il mistero della scomparsa di quelle vittime, svanite nel nulla lungo i sentieri desolati vicino al mare. Quando la morte prematura di un uomo porta Sherry Moore a Wildwood, il tenente è costretta a cercare il suo aiuto per fermare il massacro, ma non appena le due donne uniscono le forze per scoprire l’identità dell’assassino, si trasformano a loro volta in un nuovo e perfetto obiettivo.