30673–30688 di 68366 risultati

Musica dalla spiaggia del paradiso

Una mattina d’estate, un gruppo di ospiti di un campeggio non lontano da Stoccolma si risveglia in mezzo al nulla. Ogni cosa è stata cancellata, gli alberi, il lago, gli scogli e il chiosco, è tutto scomparso. Intorno ai villeggianti increduli – dieci persone, un cane e un gatto – c’è solo una landa desolata, ricoperta da un prato perfettamente rasato e sovrastata da un cielo blu e senza sole, così uniforme da apparire artificiale. Ogni contatto con la realtà è interrotto. Non rimane che il segnale di una misteriosa stazione radiofonica, che trasmette senza sosta le canzoni di Peter Himmelstrand, uno dei più noti cantautori svedesi di musica leggera. Musica pop a ripetizione, Abba in testa. Com’è possibile che queste persone siano finite lì con le loro roulotte? Sono state spostate oppure è la realtà a essere svanita? In questo luogo surreale, capace di scatenare le reazioni più violente e irrazionali, ogni adulto si troverà a fare i conti con gli spettri del passato. Sovvertendo gli schemi classici della “camera chiusa” della letteratura del terrore, Lindqvist non intrappola i suoi personaggi in uno spazio angusto e senza via d’uscita, ma li cala in un luogo sconfinato e senza ostacoli, da cui tuttavia è impossibile fuggire. Perché non esiste un altrove se non l’abisso altrettanto minaccioso della coscienza. Agorafobico e metafisico, Musica dalla spiaggia del paradiso si spinge nei recessi più oscuri della psiche umana, dove conflitti irrisolti e traumi insuperati prendono corpo e reclamano spietati il proprio pegno di sangue.

Muses

Quando scappa da Roma diretta a Londra, coperta di tatuaggi e piercing, Alice sente che la sua vita potrebbe cambiare per sempre. Ha appena scoperto di essere stata adottata, ma per lei questa notizia è quasi un sollievo. Cresciuta con un padre violento e una madre incapace di esprimere il proprio affetto, ora Alice deve scoprire le sue radici e l’eredità che le ha lasciato la sua vera famiglia. Decisa, risoluta, ribelle, è una violinista esperta ed è dotata di una voce straordinaria. Ed è proprio questa voce a guidarla verso la verità: le antiche nove Muse, le dee ispiratrici degli esseri umani, non si sono mai estinte. Camminano ancora tra noi. I loro poteri si sono evoluti. E Alice è una di loro. La più potente. La più indifesa. La più desiderata da chi vorrebbe sfruttarne gli sconfinati poteri per guidare gli uomini, forzarli se necessario, fino alle conseguenze più estreme. Ma un dono così può scatenare l’inferno. E sta per accadere.

La mummia

Terrificante e divertente, una favola di passione e di paura che mescola le antiche suggestioni dell'antico Egitto allo spirito di avventura di ndiana Jones. Una bizzarra spedizione di giovani archeolgi americani scopre, nel deserto del Sahara, nella misteriosa citta "dei morti", la tomba di una creatura spaventosa dotata di poteri sovraumani: la mummia, che sembra decisa ad ogni costo a riportare in vita la sua amata fatta uccidere tremila anni prima…ne sortisce un duello mozzafiato fra i giovani americani e il morto vivente in una natura ostile e insidiosa: Una giostra di fughe e inseguimenti, di colpi di scena e di terrore. Ispirato al bellissimo fil omonimo, un classico dell'orrore velato di humor e romanticismo: una lettura che entusiasmerà tutti i ragazzi curiosi che non hanno paura di niente…o quasi.

Multiversum – 2. Memoria

Alex, Jenny e Marco hanno provato sulla loro pelle cosa vuol dire perdersi nelle infinite strade del Multiverso. Ora, però, non sanno come uscire da Memoria, una dimensione mentale, non meno chiusa di una gabbia, nella quale vedono solo ciò che ricordano. Mentre i secoli trascorrono dopo la fine della loro civiltà, una nuova Era comincia sul pianeta Terra. Ma in che modo si possono usare i ricordi per fuggire da Memoria e scampare all’eterna condanna? Quali segreti disseppelliti dal passato permetteranno loro di risvegliarsi nel futuro?

Il mulino sulla Floss

Cresciuti insieme e legati da un tenace affetto i due figli del mugnaio Tulliver vedono le loro strade dividersi drammaticamente quando l’impetuosa Maggie scopre che la società, e il suo stesso fratello, non le lasciano spazio per vivere e amare. Uno dei più vigorosi e sferzanti romanzi dell’epoca vittoriana, caratterizzato da una coraggiosa presa di posizione femminista di chiara matrice autobiografica.

Mucho Mojo (Versione italiana)

Lo hanno soprannominato «Mojo storyteller» dal titolo di questo libro. «Mojo» è un po’ di magia nera con una spruzzata di sesso, ma nella miscela Lansdale c’è anche parecchio horror e l’umorismo non manca mai. Qui c’è perfino lo scheletro di un bambino sepolto sotto il pavimento… Ma andiamo con ordine. Dopo essersi ripresi da una losca disavventura, Hap Collins e Leonard Pine sono tornati alla loro vita di sempre, fatta di lavoretti, ozio e birre ghiacciate. Ma tutto cambia quando uno zio di Leonard muore e lascia il nipote erede di una casa fatiscente e di centomila dollari in contanti. I due si trasferiscono nell’antica dimora e decidono di ristrutturarla per rivenderla a un prezzo ragionevole, ma ben presto fanno la macabra scoperta della creatura sotto le assi. Con l’aiuto non sempre compiaciuto di due poliziotti e il sostegno di una bella avvocatessa di colore, Hap e Leonard scoprono una realtà ancor piú agghiacciante: sono ormai dieci anni che, nel mese di agosto, scompare dal quartiere un bambino di colore, povero e figlio illegittimo, spesso di una prostituta. E gli indizi raccolti dai due investigatori sembrano convergere verso personaggi influenti della comunità, i classici insospettabili…

Un mucchio di cadaveri

Eugene Tarpon si è improvvisato investigatore privato. Ma c’è davvero bisogno di investigatori privati nella vita quotidiana? Apparentemente no, perché Tarpon non ha uno straccio di cliente e si appresta a lasciare la professione, tornando al paese natio, dalla mamma, nella profonda Francia. Di colpo però i clienti arrivano. Tutti durante l’ultima notte, quando i bagagli sono fatti e Tarpon aspetta solo la luce del sole per dire addio a Parigi. Uno, due, tre clienti, uno dopo l’altro, senza che abbia neanche il tempo di finire l’ultima bottiglia.

Mr Paradise

Dopo Los Angeles e la Florida, Leonard torna a distanza di vent’anni nella “sua” Detroit per ambientarvi una storiaccia di modelle e poliziotti, prostitute e spacciatori, operai un po’ sospetti e messicani senza scrupoli, le cui vere star, alla fine, sono i detective della squadra omicidi della Motor-City, a cui il libro è, non a caso, dedicato. Il romanzo, uscito negli Stati Uniti nel 2003, è stato per 13 settimane tra i dieci libri più venduti negli Stati Uniti.
**

Mount Dragon

Un laboratorio-fortezza nel deserto del New Mexico un progetto supersegreto e rivoluzionario un’equipe di scienziati che comunica solo attraverso computer. Ma qualcosa di molto strano sta succedendo a Mount Dragon un pericolo per tutta l’umanità e toca a Guy Carson giovane ingegnere genetico lottare perché la catastrofe non avvenga… Un thriller esplosivo dal congegno perfetto.

Mouna

Dopo aver utilizzato la straordinaria invenzione di suo marito Eric, Mind Surf, un browser tridimensionale controllato con il pensiero, Hanna Söderqvist finisce in coma. La malattia di Hanna ricorda un’infezione virale, ma i medici sono disorientati. Eric, ricercatore e professore, inizia a sospettare l’impossibile: che Hanna sia stata contagiata da un virus informatico. Samir Mustaf, ex esperto informatico libanese al MIT, è l’uomo che ha creato Mouna, un sofi sticato virus che minaccia di radere al suolo l’economia di Israele e del mondo intero. Una bomba a grappolo israeliana ha distrutto la sua famiglia, lasciandolo solo in preda al dolore, che Hezbollah e al-Qaeda non esitano a sfruttare. Spinto dai rimorsi di coscienza per le condizioni della moglie, Eric parte in cerca di un antivirus tra Francia, Israele e Gaza: la vita di Hanna è appesa a un fi lo sottile e per salvarla Eric dovrà affrontare una terribile corsa contro il tempo.

Mostri

Da un laboratorio governativo di ricerca fuggono due creature – l’una malvagia e l’altra buona – entrambe spaventosamente mutate rispetto agli animali che erano in origine. Per chi le incontra, sono portatrici di una sconfinata crudeltà o di una forma di amore nuova ed esaltante, ma per gli scienziati che hanno dato loro la vita quel che conta è solo ritrovarle. Inevitabilmente esse arriveranno a fronteggiarsi, nel momento culminante di questa straordinaria storia, in bilico tra terrore e fantascienza, ricca di una sottile ed insinuante suspense.

La mossa della regina

La storia appassionante e poco conosciuta di Caterina Parr, la sesta moglie di Enrico VIII.
Londra, 1543. Quando Caterina Parr rimane vedova per la seconda volta a trentun anni, è costretta a trasferirsi alla corte di Enrico VIII insieme alla fedele cameriera Dot e alla figliastra Meg. Attratta irresistibilmente dal fascino di Thomas Seymour, consigliere di corte del re, con cui inizia una relazione segreta e appassionata, Caterina non può però sottrarsi alle attenzioni del borioso e temibile sovrano che ha messo gli occhi su di lei e ha deciso di sposarla.
Caterina non ha scelta: sarà la sua sesta moglie. Ha così inizio per lei una nuova vita nella quale, ben consapevole dell’atroce fine delle donne che l’hanno preceduta, dovrà imparare a navigare nel mare in tempesta di un mondo lacerato da intrighi, tradimenti e sospetti usando il suo istinto femminile e la sua intelligenza per potersi adattare al nuovo ruolo, diventando presto un punto di riferimento per il re all’interno di una corte infida.
In un’affascinante alternanza di voci, quella della nobildonna Caterina e quella dell’umile governante Dot, splendidamente scritto, ricco di atmosfera e di dettagli storici, La mossa della regina è la storia coinvolgente di una donna formidabile alla corte sfarzosa ma falsa di Enrico VIII, in un’epoca storica di grande turbolenza politica e religiosa. Un romanzo elegante e romantico che segna il luminoso debutto come scrittrice di Elizabeth Fremantle.
**
### Sinossi
La storia appassionante e poco conosciuta di Caterina Parr, la sesta moglie di Enrico VIII.
Londra, 1543. Quando Caterina Parr rimane vedova per la seconda volta a trentun anni, è costretta a trasferirsi alla corte di Enrico VIII insieme alla fedele cameriera Dot e alla figliastra Meg. Attratta irresistibilmente dal fascino di Thomas Seymour, consigliere di corte del re, con cui inizia una relazione segreta e appassionata, Caterina non può però sottrarsi alle attenzioni del borioso e temibile sovrano che ha messo gli occhi su di lei e ha deciso di sposarla.
Caterina non ha scelta: sarà la sua sesta moglie. Ha così inizio per lei una nuova vita nella quale, ben consapevole dell’atroce fine delle donne che l’hanno preceduta, dovrà imparare a navigare nel mare in tempesta di un mondo lacerato da intrighi, tradimenti e sospetti usando il suo istinto femminile e la sua intelligenza per potersi adattare al nuovo ruolo, diventando presto un punto di riferimento per il re all’interno di una corte infida.
In un’affascinante alternanza di voci, quella della nobildonna Caterina e quella dell’umile governante Dot, splendidamente scritto, ricco di atmosfera e di dettagli storici, La mossa della regina è la storia coinvolgente di una donna formidabile alla corte sfarzosa ma falsa di Enrico VIII, in un’epoca storica di grande turbolenza politica e religiosa. Un romanzo elegante e romantico che segna il luminoso debutto come scrittrice di Elizabeth Fremantle.

La mossa dell’alfiere

Milano, 1483. Il duca Ludovico Sforza, detto il Moro, e il suo ospite, l’ambasciatore di Francia, hanno entrambi messo gli occhi su un dipinto che Leonardo da Vinci, da poco nominato ingegnere di corte, ha portato con sé da Firenze. Per stabilire chi di loro si aggiudicherà quel capolavoro, i due nobili si sfidano a una partita a scacchi viventi. Durante il gioco, però, accade l’irreparabile: il conte di Ferrara, che impersonava l’alfiere bianco, viene trovato morto nel cortile del castello. L’omicidio getta l’ombra del sospetto sulla corte e il Moro, temendo che si tratti di una congiura ordita da uno dei suoi consiglieri, chiede l’aiuto di Leonardo, l’unico uomo la cui integrità non potrebbe mai essere messa in dubbio. Il maestro accetta d’indagare sull’assassinio, ma, per poter raccogliere tutti gli indizi, ha bisogno di osservare il personale del castello senza dare nell’occhio, cosa che, data la sua fama, gli è impossibile. Perciò si affida all’abilità e alla scaltrezza del suo nuovo apprendista, Dino, e lo incarica di essere i suoi occhi e le sue orecchie. Compito non facile per il giovane, che dovrà sia aiutare Leonardo a smascherare il colpevole sia riuscire a tenere celato il proprio segreto. Un segreto che, se scoperto, potrebbe mettere a repentaglio non solo la vita di Dino, ma anche quella del maestro…
**

La mossa del Drago

> **Time and again, Tom Clancy’s novels have been praised not only for their big-scale drama and propulsive narrative drive but for their cutting-edge prescience in predicting future events.**
In *The Bear and the Dragon*, the future is very near at hand indeed.
Newly elected in his own right, Jack Ryan has found that being President has gotten no easier: domestic pitfalls await him at every turn; there’s a revolution in Liberia; the Asian economy is going down the tubes; and now, in Moscow, someone may have tried to take out the chairman of the SVR–the former KGB–with a rocket-propelled grenade. Things are unstable enough in Russia without high-level assassination, but even more disturbing may be the identities of the potential assassins. Were they political enemies, the Russian Mafia, or disaffected former KGB? Or, Ryan wonders, is something far more dangerous at work here?
Ryan is right. For even while he dispatches his most trusted eyes and ears, including black ops specialist John Clark, to find out the truth of the matter, forces in China are moving ahead with a plan of truly audacious proportions. If they succeed, the world as we know it will never look the same. If they fail…the consequences will be unspeakable.
Blending the exceptional realism and authenticity that are his hallmarks with intricate plotting, razor-sharp suspense, and a remarkable cast of characters, this is Clancy at his best–and there is none better.

Mosaico d’ombre

Bisanzio, 1096. Un misterioso assassino scaglia una freccia contro l’imperatore Alessio Comneno, ma l’attentato non riesce. Demetrios Askiates, noto in tutta la città per la sua capacità di penetrare nei misteri più oscuri, viene incaricato dall’imperatore di far luce sul caso. Un’unica traccia: una corta ma potentissima freccia di legno che nessun arco sarebbe in grado di scagliare. Partendo dalla ricerca dell’arma sconosciuta e dell’uomo che l’ha usata inizia un’indagine nella quale Demetrios scopre di essere egli stesso un bersaglio, pedina di un gioco di potere dove è impossibile distinguere gli amici dagli avversari.
**