30657–30672 di 65579 risultati

Agli ordini, sergente!

Dalla padella alla brace? Darcy Stanton è appena fuggita da un matrimonio combinato che le avrebbe offerto un triste futuro ma adesso, abbandonato l’abito nuziale, ha chiesto un passaggio… a un sergente della stessa caserma di suo padre! Darcy decide di mentire su tutto, ma la situazione diventa subito delicata, perché il simpatico e dolcissimo Billy le chiede di far credere a sua madre che loro due sono fidanzati. Lei deve accettare, non immaginando che col passare delle ore…

Agenzia matrimoniale per ricchi

Che cosa può fare una persona ricca e di buon senso se si annoia della vita da pensionato? Bè, potrebbe aprire un’agenzia matrimoniale per migliorare l’esistenza di altre persone agiate. Ed è proprio così che Mr Ali, incoraggiato dall’indomita Mrs Ali, decide di ricominciare da zero e di aprirne una nella bella città di Vizag. Sotto la direzione e grazie alla fantasia di Mr Ali e della sua abilissima assistente Aruna, l’agenzia matrimoniale fiorisce sempre più. Ma anche se molti clienti sono soddisfatti, dietro le quinte sono in agguato i problemi: Aruna, infatti, nasconde un segreto che minaccia di spezzarle il cuore, mentre Mr Ali non si rende conto che non sta affatto mettendo in pratica gli ottimi consigli che dispensa con tanta prontezza a chi viene a chiedergli aiuto. E quando per Aruna arriva l’amore, si presenta un dilemma irrisolvibile…

L’agenda Icaro

Masqat, sultanato dell’Oman. Un gruppo di terroristi palestinesi occupa l’ambasciata degli Stati Uniti. Se le loro richieste non verranno accolte tutti gli ostaggi saranno massacrati. Washington, Dipartimento di Stato. Evan Kendrick, oscuro uomo politico del Colorado, che conosce perfettamente il mondo arabo, si offre di collaborare come privato cittadino. La scadenza dell’ultimatum è imminente. I servizi segreti appaiono del tutto impotenti e Kendrick viene catapultato nel cupo microcosmo della follia terrorista. Ci si può veramente fidare di quest’uomo?

Agatha Raisin e la strega di Wyckhadden

Pozioni magiche e sedute spiritiche, bizzarri vecchietti in un albergo cupo, interminabili partite a Scarabeo: non era questo che Agatha si aspettava dalla sua vacanza… Ritrovatasi mezza calva per colpa della precedente avventura, Agatha fugge a Wyckhadden. Una strega del posto le vende un tonico che fa ricrescere i suoi folti capelli e un filtro d’amore, che Agatha prova su un ispettore di polizia locale. Tutto sembra andare per il meglio. Ma la strega viene trovata morta, uccisa a randellate. Che fare? Per una volta Agatha non ha voglia di intervenire, ma la strana compagnia di anziani, che stabilmente vive nell’albergo in cui soggiorna Agatha, svela a poco a poco tali e tanti segreti e possibili motivi di vendetta che la nostra aspirante investigatrice proprio non ce la fa a star ferma.
**

After Dark

Murakami Haruki in uniform edition Super ET, con le copertine di Noma Bar. *** Un giovane jazzista, un esperto informatico, una prostituta picchiata da un cliente, la manager di un love hotel, una ventunenne che vegeta in uno stato semicomatoso, e sua sorella, ragazza solitaria e inquieta. In una Tokyo aliena, nell’arco di una sola notte i destini di queste persone finiscono per incrociarsi facendo emergere un inatteso senso di umana solidarietà.

After 2. Un cuore in mille pezzi

HARDIN NON HA PIÙ NULLA DA PERDERE TRANNE LEI. Dopo il loro incontro, niente è stato più come prima. Superato un inizio burrascoso, Tessa e Hardin sembravano sulla strada giusta per far funzionare le cose. Tessa si era ormai arresa al fatto che Hardin è Hardin. Con il suo carattere, la sua rabbia. Ma anche simpatico, divertente, dolce – quando vuole – e dannatamente sexy. Eppure la rivelazione sulle origini della loro relazione ha lo stesso l’effetto di una bomba. Tessa è sconvolta, fuori di sé. La sua vita prima di lui era così semplice e chiara. Ora, dopo di lui, è solo dopo. Chi è davvero Hardin? Il ragazzo di cui si è perdutamente innamorata nonostante tutto? O uno sconosciuto, un bugiardo fin dal principio? Vorrebbe allontanarsene. Ma non è così facile. Non con il ricordo delle sue braccia intorno a lei. Della sua pelle. Del suo tocco. Dei suoi baci affamati. E non è sicura di poter sopportare un’altra bugia, un’altra promessa non mantenuta. Per lui, ha messo tutta la sua vita tra parentesi – l’università, gli amici, il rapporto con sua madre, un ragazzo che l’amava sul serio, e forse anche una promettente carriera nell’editoria. Ora Tessa deve andare avanti. Con o senza di lui. Ma Hardin sa di aver commesso un errore, forse il più grande della sua vita, e non ha intenzione di arrendersi senza combattere. Saprà cambiare? Cambiare… per amore? After è il fenomeno mondiale di cui tutti parlano: un esordio da record su Wattpad, la più grande community online di scrittori self-published, dove ha conquistato oltre un miliardo di lettori, e poi un successo in libreria, in una nuova versione, inedita e ampliata. In corso di pubblicazione in 30 Paesi,After è ai primi posti delle classifi che negli Stati Uniti, in Francia, Spagna e Germania, e la Paramount Pictures ne ha già acquistato i diritti cinematografici.

Affari d’amore

Tre generazioni di donne disposte a tutto pur di vivere nel lusso. La nonna, Beatrice, reginetta di bellezza d’antan, è la matriarca che con il suo carattere volitivo e cinico detta legge. Ha addomesticato figlia e nipoti al credo di famiglia: meglio non lavorare ma cercare uomini sponsor. Isabella, la figlia, ex modella, è mantenuta da un ricco e gretto fidanzato che sopporta a stento. Mentre Angelica, la nipote prediletta, si è accasata con un uomo che ha il doppio dei suoi anni ma un bel conto in banca. Poi c’è Viola, la sorellina di sedici anni che arrotonda mettendo foto hard sul web. Ma questa ditta di belle senz’anima rischia il collasso quando irrompe un elemento destabilizzante: l’amore. Per la prima volta Angelica prova sensazioni mai sperimentate e pensa finalmente di ribellarsi alle squallide regole di famiglia. Il suo cuore congelato comincia a sciogliersi per Luca, un barista bello, giovane e spiantato. Uno scandalo per mamma e nonna, che non tollerano questo sciagurato cambiamento di rotta, perché sanno che il potere delle emozioni è pericoloso e ingovernabile. Per questo tentano in ogni modo di riportarla sulla “retta” via. Vinceranno le ragioni del cuore o quelle del portafoglio? Angelica abdicherà nel nome dell’interesse famigliare o si toglierà gli anelli di Pomellato per preparare insalate nel bar di Luca, il suo primo, vero grande amore?
**
### Sinossi
Tre generazioni di donne disposte a tutto pur di vivere nel lusso. La nonna, Beatrice, reginetta di bellezza d’antan, è la matriarca che con il suo carattere volitivo e cinico detta legge. Ha addomesticato figlia e nipoti al credo di famiglia: meglio non lavorare ma cercare uomini sponsor. Isabella, la figlia, ex modella, è mantenuta da un ricco e gretto fidanzato che sopporta a stento. Mentre Angelica, la nipote prediletta, si è accasata con un uomo che ha il doppio dei suoi anni ma un bel conto in banca. Poi c’è Viola, la sorellina di sedici anni che arrotonda mettendo foto hard sul web. Ma questa ditta di belle senz’anima rischia il collasso quando irrompe un elemento destabilizzante: l’amore. Per la prima volta Angelica prova sensazioni mai sperimentate e pensa finalmente di ribellarsi alle squallide regole di famiglia. Il suo cuore congelato comincia a sciogliersi per Luca, un barista bello, giovane e spiantato. Uno scandalo per mamma e nonna, che non tollerano questo sciagurato cambiamento di rotta, perché sanno che il potere delle emozioni è pericoloso e ingovernabile. Per questo tentano in ogni modo di riportarla sulla “retta” via. Vinceranno le ragioni del cuore o quelle del portafoglio? Angelica abdicherà nel nome dell’interesse famigliare o si toglierà gli anelli di Pomellato per preparare insalate nel bar di Luca, il suo primo, vero grande amore?

Adiós Muchachos

C’è una ragazza bionda, con un sedere da urlo, che corre indisturbata sulla sua bici lungo le strade dissestate dell’Avana.
E ogni tanto, o forse un po’ più spesso, cade. Eppure, caso misterioso, non è mai l’impatto con un catorcio a mandarla giù: i freni di quel rottame che ha per bici decidono sempre di saltare in vista di una Porsche, di una macchina d’epoca, di un’auto di lusso… gli autisti che l’aiutano a rialzarsi – magri, grassi, alti, bassi, giovani o vecchi, su quello non c’è distinzione – ricevono tutti lo stesso ringraziamento: un invito a pranzo e una buona dose di inaspettata intimità. Uomini fortunati, si direbbe. Dal fascino irresistibile, si aggiungerebbe. O magari, ci si potrebbe chiedere, polli da spennare?
Alicia è, o dice di essere, una studentessa di disegno dell’Avana. Bella, indipendente e disinvolta, si lascia sedurre di tanto in tanto da uomini incontrati durante i suoi spostamenti in bici per le vie della città: è in qualche modo – ma nega decisamente di esserlo – una jinetera, una delle tante cubane che si prostituiscono con i turisti occidentali nella speranza di essere mantenute, o magari sposate. All’inizio
di questa storia la ragazza ha appena sedotto il bel Juanito, un canadese in visita a Cuba per conto di una grossa compagnia olandese che opera nel settore turistico. Un uomo affascinante, che “assomiglia ad Alain Delon da giovane” e vive in un’enorme villa, dotata di ogni comfort: Alicia e sua madre – complice perfetta – sono convinte di aver finalmente preso all’amo un pesce grosso. E non dubitano neanche per un istante che il pedigree di Juanito possa essere molto diverso da quello che immaginano…
Ebook ottimizzato per Tablet, Mac e PC
**
### Sinossi
C’è una ragazza bionda, con un sedere da urlo, che corre indisturbata sulla sua bici lungo le strade dissestate dell’Avana.
E ogni tanto, o forse un po’ più spesso, cade. Eppure, caso misterioso, non è mai l’impatto con un catorcio a mandarla giù: i freni di quel rottame che ha per bici decidono sempre di saltare in vista di una Porsche, di una macchina d’epoca, di un’auto di lusso… gli autisti che l’aiutano a rialzarsi – magri, grassi, alti, bassi, giovani o vecchi, su quello non c’è distinzione – ricevono tutti lo stesso ringraziamento: un invito a pranzo e una buona dose di inaspettata intimità. Uomini fortunati, si direbbe. Dal fascino irresistibile, si aggiungerebbe. O magari, ci si potrebbe chiedere, polli da spennare?
Alicia è, o dice di essere, una studentessa di disegno dell’Avana. Bella, indipendente e disinvolta, si lascia sedurre di tanto in tanto da uomini incontrati durante i suoi spostamenti in bici per le vie della città: è in qualche modo – ma nega decisamente di esserlo – una jinetera, una delle tante cubane che si prostituiscono con i turisti occidentali nella speranza di essere mantenute, o magari sposate. All’inizio
di questa storia la ragazza ha appena sedotto il bel Juanito, un canadese in visita a Cuba per conto di una grossa compagnia olandese che opera nel settore turistico. Un uomo affascinante, che “assomiglia ad Alain Delon da giovane” e vive in un’enorme villa, dotata di ogni comfort: Alicia e sua madre – complice perfetta – sono convinte di aver finalmente preso all’amo un pesce grosso. E non dubitano neanche per un istante che il pedigree di Juanito possa essere molto diverso da quello che immaginano…
Ebook ottimizzato per Tablet, Mac e PC
### Descrizione
Alicia, una studentessa dell’Avana, ha deciso di diventare “jinetera” e di utilizzare la bicicletta per adescare stranieri danarosi. Una vite galeotta, opportunamente allentata, le permette di prodursi in spettacolari e sensualissime cadute proprio davanti agli occhi delle sue “vittime”. Una volta presi all’amo, ai clienti di Alicia spetta un trattamento culinario e un’accoglienza di tutto rispetto, complice la madre della ragazza. L’incontro con Victor King, un uomo d’affari specializzato in ricerche subacquee, sembrerebbe offrirle un futuro diverso. Ma Alicia si trova coinvolta in un pandemonio di travestimenti e di colpi di scena, finché la ragazza troverà il miliardario che potrebbe cambiare la sua vita.

Addio, Miss Marple

Un tranquillo villino vittoriano con vista sul mare e un bellissimo giardino: la casa ideale per due giovani sposi. Eppure, proprio in quella che considerava l’abitazione dei suoi sogni, Gwenda Reed comincia a provare un senso di angoscia. Alcune strane scoperte, infatti, la portano a collegare la nuova abitazione con vaghi ricordi della sua infanzia: un sentiero interrato nel giardino, una porta murata, una strana tappezzeria ritrovata in un armadio chiuso a chiave. Gwenda è sicura di non essere mai stata prima nel paese dove è andata ad abitare, ma allora come può conoscere quei particolari? Il peggio però è che la residenza è legata a un’immagine drammatica sempre presente nei suoi incubi: lo strangolamento di una giovane donna. Si tratta di un’allucinazione o di una premonizione? Gwenda e il marito iniziano a indagare sui precedenti proprietari, mettendo pian piano alla luce un’oscura vicenda che risale a molti anni prima e che li coinvolge personalmente. Per fortuna, tuttavia, su di loro veglia l’eccentrica e sorprendente Miss Marple, che ancora una volta riuscirà a far luce sullo strano groviglio… Scritto da Agata Christie durante il secondo conflitto mondiale, “Addio, Miss Marple” fu pubblicato postumo nel 1976.

L’Addio orizzontale

Nella letteratura gialla, si sa, c’è stato *Il lungo addio* di Raymond Chandler, e in fantascienza *The Long Tomorrow* di Leigh Brackett, che in Italia è stato tradotto, purtroppo, con un altro titolo. Sono metafore suggestive, un modo laconico per attirare la nostra attenzione su avventure disperate, forse ai confini del possibile, ma non per questo meno profondamente umane. E’ perciò che, giocando sulle parole, abbiamo deciso di tradurre letteralmente il titolo di questo romanzo di K. W. Jeter: una storia intensa che ci ricorda i maestri del *cyberpunk* e dove ogni azione, ogni personaggio sembra fare il doppio gioco, in un intrigo che si risolve solo alla fine. Jeter è più che una promessa della fantascienza, e non esitiamo a raccomandare *L’addio orizzontale* ai nostri lettori come una storia “diversa”, forte e insolita, ma credibile e senz’altro avvincente come un romanzo hard-boiled.

Addio Amore!

La protagonista di questo romanzo è una giovanetta, Anna Acquaviva, appartenente ad una famiglia patrizia napoletana, che rimane orfana di entrambi i genitori con la sorella Laura e sotto la tutela di don Cesare Dias: un anziano celibe, dì animo glaciale e di facile vita, al quale l’amico della giovinezza e anche dei bagordi ha lasciato quel compito increscioso.

Anna ben presto s’innamora perdutamente di Giustino, un giovane di modesta condizione, di una onestà timida e di sentimenti buoni ma titubanti.

Per liberarsi dal peso dei familiari, ostili a quel matrimonio sconveniente, ella lo induce a fuggire con lei, attratta dal sogno di portare lontano, in Oriente, il suo amore passionale. Ma la sera stessa della fuga, mentre la coppia si è fermata a Pompei, Giustino confessa che egli non intende seguirla e che ha già avvertito il Dias che giunto subito a Pompei, riconduce Anna a Napoli.

Invano il Dias, mosso da pietà per il tormento della giovinetta e dal desiderio liberarsi dal fastidio di quella difficile tutela, le propone un più conveniente matrimonio col giovane patrizio Luigi Caracciolo, innamorato di lei.

Anna resiste, si confina tutta in una vita di ardente sentimentalismo che trova il suo ambiente naturale in una villa di famiglia, a Sorrento, piena delle care e sacre memorie della madre morta.

E in quello stato di febbrile fantasia ella matura in segreto una passione per il tutore quarantenne. Cesare resiste, ma alla fine è costretto a cedere alle angosciate richieste di lei, a condizione che egli, diventato suo marito, possa condurre la vita che più gli aggrada.

Anna acconsente; ma quando scopre che egli è l’amante di sua sorella Laura, derisa da questa e costretta a tacere dall’uomo infedele, si uccide disperata in casa del fedele Caracciolo, per dar modo, con questo atto che ella crede possa apparire Infame, di salvare la reputazione di quei due che veramente si amano.

Anna è la tipica, sventurata eroina dei romanzi della Serao; amante per passione e che tutto sottomette a questa: il prestigio familiare, l’onore, il suo avvenire.

L’amore è la sola forza che la regge e che determina le sue crisi. Dinanzi a lei e in netta opposizione sono Laura, che l’ama freddamente e nulla partecipa alla vita affettiva e morale della sorella; Cesare, capace solo di correttezza di forme e di qualche tenerezza di prammatica, glaciale, gaudente, mefistofelico, beffardo; Giustino, impacciato e confuso dinanzi a tanto fuoco di passione, e alla fine inetto e miserabile; la dama di compagnia, Stella Martini, poco presente nella vita del romanzo e che aggiunge solo qualche nota affettuosa. Il romanzo soffre di tumidezza psicologica, tanto da degenerare talvolta in parodia, e difetta di semplice forza drammatica. Fresco e vivo l’ambiente, specie quello sorrentino.

(Giulio Marzot)

Al termine dell’eBook la presentazione del film Addio Amore! tratto dal romanzo della Serao.

Presentazione della Serao e delle sue opere.
(source: Bol.com)

Acquaragia

Cosa succederebbe se, per una volta, a Pasqua, Cristo decidesse di non risorgere? E se mettessimo una zolletta di LSD nel tè del Presidente degli Stati Uniti d’America? Nei racconti di questa raccolta troverete risposte a queste e altre domande, scoprirete perché i piccioni si appoggiano sul davanzale e guardano in casa, incontrerete un detective che controlla cartelli in autostrada e conoscerete un altro Orlando che non si è ancora rassegnato ad aver perso Angelica, in una carrellata di vicende e personaggi irresistibili, variopinta e coinvolgente come un album di musica pop.

Acqua, luce e gas : la trilogia dei lavori pubblici

New York, anno 2023. Nelle “zone alte” della città, squadre di operai, umani e androidi, sono impegnati nella costruzione di un gigantesco grattacielo, una nuova Torre di Babele progettata dal miliardario Harry Gant come monumento alla capacità umana di sognare. Nelle “zone basse” invece, tra le strade e i sotterranei della città, Joan Fine, ex moglie del miliardario, è impegnata a indagare sull’omicidio di un supercervello di Wall Street, aiutata dalla scrittrice-filosofa Ayn Rand, resuscitata via computer, ma le indagini la portano a scoprire una realtà complessa e pericolosa, un mistero che potrebbe riguardare milioni e milioni di vite umane.
**

Acqua nera

4 luglio, metà anni ’90. Grayling Island, Maine. Una Toyota nera corre a tutta velocità. È notte e gli alberi riducono la visibilità. Al volante un senatore degli Stati Uniti, uomo grande e rassicurante, guidatore aggressivo e alticcio, macina la strada con aria decisa: gli restano solo pochi minuti per raggiungere il traghetto che porterà lui e la giovane Elizabeth “Kelly” Kelleher, appena conosciuta nel corso di un esclusivissimo party, verso la terra ferma. Poi, una curva, gli pneumatici perdono aderenza, l’auto impazzita esce di strada, sprofonda nell’acqua nera dell’Indian River. L’uomo riemerge dalla palude e si salva. Ventisei anni, una laurea in Storia americana, una ricerca sulla figura del Senatore, Kelly Kelleher perde la vita. Da questo episodio di cronaca che sconvolse l’America (l’uomo era Ted Kennedy, la ragazza la sua giovane segretaria), Joyce Carol Oates ha tratto un romanzo intenso, una storia che scorre nei minuti in cui Kelly, intrappolata nell’auto, ripercorre per rapidi lampi le ore precedenti l’incidente e la sua intera esistenza. La coscienza abbandona la ragazza, le immagini le affollano la mente mescolandosi e correggendo la sua imprecisa visione della realtà. Ricordi e riflessioni, impressioni e brani di dialogo si alternano in una serie di schegge sempre più confuse. Attorno a questa cupa istantanea, reiterata senza pietà capitolo dopo capitolo, Joyce Carol Oates assembla un quadro brutale della tracotanza del potere e della politica.

Acqua agli elefanti

In un giorno degli anni Trenta a Norwich, una piccola città del Connecticut, passa il treno che trasporta “Il Più Strabiliante Spettacolo del Mondo dei Fratelli Benzini”, uno di quei circhi itineranti che attraversano in lungo e in largo l’America stremata dalla Grande Depressione col loro strabiliante carico di donne-cannone, nani, mostri e animali esotici. Jacob Jankowski, giovane studente di veterinaria di Norwich, accetta di buon grado la proposta, avanzatagli da Zio Al, il megalomane proprietario del circo dei Fratelli Benzini, di curare gli animali del circo. In quel mondo, sottoposto ai capricci e agli umori del volubile direttore e domatore August Rosenbluth, Jacob viene profondamente turbato da due seducenti figure: Marlena, la bella moglie di Rosenbluth, la ragazza che lascia ogni sera stupefatti gli spettatori coi suoi numeri acrobatici ed equestri, e Rosie, l’immensa, pacifica elefantessa che brama limonate e sembra incapace di obbedire al più semplice dei comandi. Un turbamento pericoloso, visto che sia Marlena che Rosie sono in balìa di Rosenbluth, prime vittime della sua gelosia, dei suoi instabili umori e della sua inarrestabile violenza.

Achille piè veloce

Ulisse, giovane scrittore con un libro alle spalle, scarso futuro e incerto presente, la-vora in una piccola casa editrice a fatturato zero. È ossessionato dagli ‟scrittodattili” (pare che nessuno, proprio nessuno, si esima dal cimento della scrittura) e si ricono-sce ‟poligamo politropo” (vale a dire che, malgrado la bella Pilar, signora del suo cuo-re, cede volentieri a effimere avventure). Un giorno riceve una lettera misteriosa. ‟Egregio signor Ulisse. Le scrivo per tre motivi. Il primo è che lei ha un nome omerico come me…” Chi scrive è Achille. Un ragazzo malato, deforme, inchiodato davanti a un computer, che paga con la volontaria reclusione domestica la minaccia sempre in-combente di un internamento clinico. Chiede un incontro. Ulisse ci sta. Achille è col-to, vitale, curioso, impudico. Di Ulisse vuole sapere tutto, e in particolare vuole sape-re tutto dell’intrepida Pilar, sudamericana in attesa di permesso di soggiorno. Ulisse parla. Senza reticenze. E Achille risponde digitando sulla tastiera. Nella semioscurità di una stanza in cui il mondo entra con il clangore di armi lontane. La loro è una sbi-lenca, strana, amicizia. Un’amicizia fra eroi, in cui l’emerso e il sommerso sembrano coincidere in un’unica figura. Combattono insieme una grande battaglia, una di quelle battaglie che ha il suono mitico delle antiche gesta. Stefano Benni desta dall’ombra di un mondo tetramente allo sfascio la luminosa fierezza della sfida, il riso liberatorio sull’orlo dell’abisso. Commuove e inquieta. Non ci lascia in pace. E ci regala un per-sonaggio che non si fa dimenticare.