30625–30640 di 72034 risultati

Millemondi Inverno 1995

Dopo aver pubblicato, nel volume della scorsa primavera, la vasta *prima parte* dell’antologia *Stelle di neutroni* (alla cui introduzione volentieri rimandiamo), ne diamo qui la seconda, non meno vasta e affascinante nei contenuti. Agli autori già affermati il curatore americano, Gardner Dozois, affianca sempre nomi nuovi e “promesse” della sf, secondo uno stile che ha fatto della *Isaac Asimov’s Science Fiction Magazine* (la rivista da lui diretta) una delle più belle pubblicazioni edite negli USA. Ma Stelle di neutroni – questa vera e propria galassia di storie eccellenti – non contiene soltanto testi tratti dalla *IASFM* : anzi, vuol costituire un’ampia carrellata su quanto di meglio ha prodotto la fantascienza di lingua inglese nell’anno immediatamente precedente alla sua compilazione, e offrirsi ai lettori come una vera e propria enciclopedia sullo “stato dell’arte” in sf. Del resto, basta dare un’occhiata ai nomi degli autori riprodotti in copertina per rendersene conto. A tutti i lettori, dunque, buon divertimento e felici scoperte con le avventure fantastiche, ma mai impossibili, proposte dalla nuova fantascienza anglo-americana degli anni Novanta.

Millemondi Inverno 1986

Nel 1986, come forse già saprete, la fantascienza ha felicemente compiuto i sessant’anni di età. Sessant’anni di attività instancabile a partire dal magico numero uno di Amazing Stories nel lontano aprile 1926, durante i quali le riviste americane hanno ospitato tanti piccoli gioielli narrativi spesso inediti nel nostro Paese. In questa nuova esplorazione dei forzieri segreti della fantascienza, le sorprese non sono poche: ingegneri genetici che viaggiano per la galassia in cerca di problemi da risolvere, alieni che sanno far crescere alberi le cui foglie sono banconote da venti dollari, robot decisi a tutto pur di vendicare la cruenta scomparsa dell’uomo; oggetti d’arte moderna capaci di combinare strani effetti, congegni che riescono a destabilizzare il vocabolario di politici e militari, pianeti dove veramente non conviene desiderare la donna d’altri o dove magari si può assistere a una scena di caccia come forse l’avrebbe scritta Hemingway. E questo non è tutto. I forzieri, infatti, sono ancora stracolmi.

INDICE
PER VENDICARE L’UOMO 
To Avenge Man 
LESTER DEL REY
DUE TESTE SONO MEGLIO DI UNA
Two Heads Are Better Than One 
SPIDER ROBINSON
MASCHERATA SU DICANTROPUS
The Masquerade On Dicantropus 
JACK VANCE
SPIAGGIA PARADISO
Paradise Beach 
RICHARD COWPER
MAI VERRA’ LA NOTTE
MARIANGELA CERRINO
MODELLO DUE
Second Variety 
PHILIP K. DICK
CON LA POSTA NOTTURNA
With the Nightmail 
RUDYARD KIPLING
ODISSEA DI CATADONIA
Cathadonian Odissey 
MICHAEL BISHOP
L’ALTRO CAPO DEL FILO
The Other End of the Line 
WALTER S. TEVIS
HEMINGWAY NELLO SPAZIO
Hemingway in Space 
KINGSLEY AMIS
L’ALBERO DEI SOLDI
The Money Tree 
CLIFFORD D. SIMAK
COS’E’ UN NOME
A Rose by Other Name 
CHRISTOPHER ANVIL
NON DESIDERARE LA DONNA D’ALTRI
ANNA MARIA COSSIGA
PISTA SPAZIALE
Spacetrack 
ROBERT F. YOUNG
IL RESTO E’ SILENZIO
The Rest is Silence 
CHARLES L. GRANT
LE CASCATE DI GIBILTERRA
Gilbratar Falls 
POUL ANDERSON
VITTORIA VUOTA
Hollow Victory 
TIMOTHY ZAHN
MANNA DAL CIELO
Manna from Heaven 
GEORGE R.R. MARTIN

Millemondi Inverno

Dopo aver pubblicato, nel volume della scorsa primavera, la vasta *prima parte* dell’antologia *Stelle di neutroni* (alla cui introduzione volentieri rimandiamo), ne diamo qui la seconda, non meno vasta e affascinante nei contenuti. Agli autori già affermati il curatore americano, Gardner Dozois, affianca sempre nomi nuovi e “promesse” della sf, secondo uno stile che ha fatto della *Isaac Asimov’s Science Fiction Magazine* (la rivista da lui diretta) una delle più belle pubblicazioni edite negli USA. Ma Stelle di neutroni – questa vera e propria galassia di storie eccellenti – non contiene soltanto testi tratti dalla *IASFM* : anzi, vuol costituire un’ampia carrellata su quanto di meglio ha prodotto la fantascienza di lingua inglese nell’anno immediatamente precedente alla sua compilazione, e offrirsi ai lettori come una vera e propria enciclopedia sullo “stato dell’arte” in sf. Del resto, basta dare un’occhiata ai nomi degli autori riprodotti in copertina per rendersene conto. A tutti i lettori, dunque, buon divertimento e felici scoperte con le avventure fantastiche, ma mai impossibili, proposte dalla nuova fantascienza anglo-americana degli anni Novanta.

Millemondi Estate 1987

Aprire qualche porta chiusa può riservare spesso delle sorprese, specialmente se le porte in questione si chiudono sul futuro e ad aprirle è la fantascienza. Può succedere di scoprire che la Terra è stata invasa in modo imprevisto e che c’è all’opera una talpa insospettabile. Che anche in futuro si ruberanno diamanti, magari con l’aiuto di una ragazza del passato. Che il razzismo interplanetario non è consigliabile in tutte le occasioni. Che su Marte un irlandese può fare incontri grotteschi e inquietanti. Che giocare a baseball può diventare uno scontro politico non sempre piacevole. Che l’apertura della stagione di pesca non interessa sempre e solo la fauna acquatica. E si possono anche scoprire alcuni racconti che negli ultimi anni hanno vinto tre premi Nebula e due premi Hugo.

INDICE
POLLUCE QUINTO
Just Like a Man 
CHAD OLIVER
SULLE TRACCE DI ELEANOR PETRYK
Stranger in Paradise 
DAMON KNIGHT
LA MIA BARCA
My Boat 
JOANNA RUSS
LA TERRA D’INVERNO
MARCO PENSANTE
PER AMORE
For Love 
ALGIS BUDRYS
FIGLIO DI SANGUE
Bloodchild 
OCTAVIA E. BUTLER
I PRIMITIVI
The Primitives 
FRANK HERBERT
STAGIONE DI PESCA
Fishing Season 
ROBERT SHECKLEY
O PADRONE GENTILE
O Kind Master 
DANIEL F. GALOUYE
NON SI TORNA INDIETRO
PIERO PROSPERI
L’UOMO SENZA UN PIANETA
The Man Without a Planet 
KATE WILHELM
GANGLION
Ganglion 
WAYNE WIGHTMAN
BEISBOL
Beisbol 
BEN BOVA
LA MUSICA DEL SANGUE
Blood Music 
GREG BEAR
TRA TUTTE QUELLE STELLE
Out of All Them Bright Stars 
NANCY KRESS
PELLEGRINO SHANE
See Now, a Pilgrim 
GORDON R. DICKSON

Mille E Una Galassia

Quattordici racconti-premio, quattordici gemme scelte per salutare, dai fatidici anni 2000, il futuro che si è ormai inaugurato. Torna Greg Egan con un’avventura di storia alternativa. Non mancano un giallo fantascientifico con amputazione, un’intricata storia antropologica (di Ursula K. Le Guin) e un’istruttiva avventura di medicina probabile… E questo è solo un piccolo assaggio!
*Supplemento al n. 1493 di Urania
**INDICE**

**Introduzione** |
DAVID G. HARTWELL
**SCOGLIERA**
Reef (2000) |
PAUL J. MCAULEY
**CONTROLLO DI REALTA’**
Reality Check (2000) |
DAVID BRIN
**L’ESPRESSO DEL MILLENNIO**
The Millennium Express (2000) |
ROBERT SILVERBERG
**PAZIENTE ZERO**
Patient Zero (2000) |
TANANARIVE DUE
**L’ULTIMA CENA**
The Last Supper (2000) |
BRIAN STABLEFORD
**I BATTERI DELLA TUBERCOLOSI ENTRANO A FAR PARTE DELL’ONU**
Tuberculosis Bacteria Join UN (2000) |
JOAN SLONCZEWSKI
**IL COMPLEANNO DEL MONDO**
The Birthday of the World (2000) |
URSULA K. LE GUIN
**ORACOLO**
Oracle (2000) |
GREG EGAN
**COCCOLARE AMY**
To Cuddle Amy (2000) |
NANCY KRESS
**MADAME BOVARY, C’EST MOI**
Madame Bovary, C’est Moi (2000) |
DAN SIMMONS
**IL MATRIMONIO DELLA DRIADE**
The Dryad’s Wedding (2000) |
ROBERT CHARLES WILSON
**SETTANTADUE LETTERE**
Seventy-Two Letters (2000) |
TED CHIANG
**DAVID G. HARTWELL**
|
GIUSEPPE LIPPI

Milioni di farfalle

Milioni di farfalle by Eben Alexander
“Mi ritrovai in un mondo completamente nuovo. Il mondo più bello e più strano che avessi mai visto… Luminoso, vibrante, estatico, stupefacente. C’era qualcuno vicino a me: una bella fanciulla dagli zigomi alti e dagli occhi intensi. Eravamo circondati da milioni di farfalle, ampi ventagli svolazzanti che si immergevano nel paesaggio verdeggiante per poi tornare a volteggiare intorno a noi. Non fu un’unica farfalla ad apparire, ma tutte insieme, come un fiume di vita e colori che si muoveva nell’aria.” Queste sono alcune delle parole usate da Eben Alexander, neurochirurgo e professore alla Medical School dell’università di Harvard per descrivere il Paradiso.
Il dottor Alexander è uno scienziato che non ha mai creduto alla vita dopo la morte eppure è toccato a lui esserne testimone. Nel 2008 ha contratto una rara forma di meningite e per sette giorni è entrato in coma profondo che ha azzerato completamente l’attività della sua corteccia cerebrale. In pratica il suo cervello si è completamente spento, eppure una parte di lui era ancora vigile e ha intrapreso uno straordinario viaggio verso il Paradiso. Al suo risveglio il dottor Alexander era un uomo diverso, costretto a rivedere le sue posizioni profondamente razionali sulla vita e sulla morte: esiste una vita oltre la vita, esiste il Paradiso ed è un luogo d’amore e meraviglia.
*Milioni di farfalle* è la testimonianza di questa incredibile esperienza. È un libro rivoluzionario in grado di mettere in discussione anche il più scettico dei lettori.

Milano criminale

**Esplosioni di violenza all’ombra della Madonnina
La Milano da bere e dell’alta moda, la città dell’editoria e della finanza è stata nel Novecento anche teatro di episodi criminali che hanno profondamente suggestionato l’opinione pubblica nazionale.**
Dal caso “classico” del presunto uxoricida Alberto Olivo nel 1903 al massacro di cui si rese autrice nel secondo dopoguerra Rina Fort, la “belva di via San Gregorio”, dalla morte carica di retroscena politico-affaristici di Giorgio Ambrosoli (1979) al sanguinoso assalto del 1999 al furgone portavalori in via Imbonati, la “capitale morale d’Italia” ha visto un susseguirsi di esplosioni di violenza, delitti passionali, omicidi dai moventi disparati e talvolta rimasti senza soluzione. Alcune strade della metropoli lombarda sono rimaste impresse nella memoria collettiva dopo essere divenute teatro di clamorose rapine a mano armata, mentre le cronache in giallo e in nero degli ultimi decenni hanno registrato le imprese folli di serial killer quali l’infanticida Collalto, l’“infermiere della morte” e il “killer della metropolitana”. Milano, dunque, specchio delle tensioni e delle violenze di una nazione, come pure laboratorio per la sanguinosa evoluzione di una malavita che ha avuto in Cavallero e Vallanzasca, Lutring ed Epaminonda, Andraous e Turatello le sue icone noir. Fatti e volti che hanno ispirato filoni letterari e cinematografici di grande successo popolare, accomunati dall’ambientazione all’ombra della Madonnina.
**Dal caso “classico” del presunto uxoricida Alberto Olivo al massacro di cui si rese autrice nel secondo dopoguerra Rina Fort, la “belva di via San Gregorio”, dalla morte carica di retroscena politico-affaristici di Giorgio Ambrosoli al sanguinoso assalto al furgone portavalori in via Imbonati.
Tra i temi trattati nel libro:**
• il caso Alberto Olivo
• le bombe del ventennio
• Rina Fort: la belva di san Gregorio
• la rapina di via Osoppo
• terrore in via Montenapoleone
• il decapitato della Casba
• la banda Cavallero
• il “mostro” della Barona
• un eroe borghese: Giorgio Ambrosoli
• sangue nella Milano da bere
• l’enigma Klinger
• il delitto Gucci
• gli anni di piombo
• guardie e ladri: Nardone, Lutring, Vallanzasca, Andraous, Epaminonda e molti altri
• la “ligèra” al cinema, in musica e nella letteratura
**Daniela Ferro**
(Milano 1977), giornalista pubblicista e saggista, ha scritto diversi libri, tutti editi dalla Newton Compton.
**Andrea Accorsi**
(Legnano 1968), giornalista professionista e ricercatore, lavora come capo servizio della redazione interni in un quotidiano nazionale. Studioso di storia del giornalismo e di criminologia, per la Newton Compton ha scritto molti libri e saggi sull’argomento.

Miele amaro e mandorle dolci

Sembra un giorno uguale a tutti gli altri, al salone di bellezza Cleopatra. Mouna che apre in ritardo, tanto nessuno è in attesa per entrare. Le anziane signore del quartiere che si presentano per la messa in piega, promettendo di pagare con dolcetti fatti in casa. E ancora Mouna che si tormenta al pensiero di perdere tutti i suoi risparmi, visto che, se continuerà così, presto sarà costretta a chiudere. Sembra un giorno uguale a tutti gli altri, ma non lo è. Perché una serie di coincidenze fortuite (o forse il destino?) fa incontrare davanti al Cleopatra tre donne: Lailah Hayek, la bellissima ex Miss Libano; Imaan Sayah, appena nominata ambasciatrice in Gran Bretagna; e Nina Abboud, moglie di uno degli uomini più ricchi del Paese. Tre donne di successo e dalla vita apparentemente perfetta, che rimangono subito conquistate dall’atmosfera intima e accogliente di quel luogo. Inebriate dal profumo di essenze di miele e olio di mandorle, e coccolate dalle mani esperte di Mouna, poco a poco Lailah, Imaan e Nina si liberano di ogni ipocrisia e iniziano a confessarsi le loro paure più segrete, a raccontarsi i loro problemi d’amore, a condividere i rimpianti per le occasioni perdute. Sono entrate al Cleopatra per prendersi cura del loro corpo, ne usciranno consapevoli che esiste un balsamo in grado di guarire anche le ferite dell’anima: l’amicizia. Mentre Mouna scoprirà che ci sono giorni uguali a tutti gli altri, e poi ci sono giorni che ti cambiano la vita. Ambientato nell’affascinante e contraddittoria Beirut contemporanea, Miele amaro e mandorle dolci è l’intensa e coinvolgente storia di quattro donne alla ricerca dell’equilibrio tra imposizioni sociali e aspirazioni di carriera, rispetto delle tradizioni e fiducia verso il futuro, obblighi familiari e slanci d’amore. Una ricerca che unisce le donne di tutto il mondo.
(source: Bol.com)

I miei orrori preferiti

In questo volume, che costituisce una sensazionale scoperta e viene per la prima volta pubblicato in Italia, il «Maestro di Providence» ha voluto raccogliere quelle che reputava le migliori storie della Narrativa dell’Orrore, scritte dagli autori che maggiormente ammirava e che costituirono innegabilmente le sue principali fonti di ispirazione in questo genere. Fu Lovecraft stesso a concepire il progetto dell’antologia e a lavorarvi nel corso degli anni a più riprese. Solo l’avverso destino personale ne impedì la realizzazione, che vede la luce oggi, a quasi sessant’anni dalla scomparsa dello scrittore. La raccolta concepita da Lovecraft contiene i seguenti racconti: Il crollo della Casa Usher, di Poe. La morte di Halpin Frayser, di Bierce. Il marchio giallo, di Chambers. La casa dei rumori, di Shiel. La casa sull’abisso, di Hodgson. Il terrore. La polvere bianca. La storia del Sigillo Nero. Il Popolo Bianco, di Machen. Il Conte Magnus di James e Lo stagno sulla luna, di Merritt.

I miei martedì col professore

Nel 1995 l’autore vede intervistato in TV un suo vecchio professore di college con cui ha perso i contatti e che ha avuto influenza sulla sua vita. Le trasmissioni riscuotono un successo enorme e migliaia di persone gli scrivono per ricevere parole di saggezza e di conforto. Scosso, vergognandosi del proprio lungo silenzio, Albom si decide infine ad andare a trovare l’anziano professore, ormai gravemente malato. Insieme dibattono dei temi più vari: l’amore, il denaro, la morte, i valori, la famiglia, il perdono, e ogni volta l’autore esce arricchito da quelle chiacchierate illuminanti e rivelatrici.

Microfantascienza: Altre 44 Storie

“In ogni buon racconto, lungo o breve che sia, c’è sempre un nocciolo, un punto essenziale. Il lettore può non cercarlo consapevolmente, ma se non c’è ne sentirà la mancanza. Nei racconti lunghi e complessi, il nocciolo può essere occultato sotto strati di accessori: intrecci complicati, sottotrame, descrizioni, dissertazioni. Ma nel racconto breve tutto viene eliminato tranne il nocciolo, che si presenta al lettore senza orpelli, e come un ago soffiato da una cerbottana resterà conficcato in lui a lungo. Eccovi qui una cinquantina di aghi, ciascuno lanciato dalla cerbottana di un maestro in questo campo.” (Dall’introduzione di Isaac Asimov). – Abbiamo diviso le microstorie scelte da Asimov, Greenberg e Olander in due fascicoli, di cui ecco il secondo. Il primo, anch’esso di 44 storie, è stato pubblicato nel n. 815 di Urania.

INDICE
OSTINATO
Stubborn (1972)
STEPHEN GOLDIN
L’UOMO MIGLIORE
The Better Man (1966)
RAY RUSSELL
BUONE NOTIZIE PER L’UFFICIO VENDITE
Merchant (1960)
HENRY SLESAR
NON C’E’ GABBIA CHE TENGA
Don’t Fence Me In (1956)
RICHARD WILSON
L’IRRIDUCIBILE
The Die-hard (1978)
ALFRED BESTER
IL PRIMO
The First (1952)
ANTHONY BOUCHER
USI E COSTUMI DEL GRIFONE
Feeding Time (1953 / 1954)
ROBERT SHECKLEY
LA VOCE DELLO STRANO CUBO
The Voice from the Curious Cube (1937 / 1954)
NELSON BOND
LA CAMERA
The Room (1961)
RAY RUSSELL
PERIODO DI STERILITA’
Dry Spell (1970)
BILL PRONZINI
BOHASSIA IMPARA
Bohassian Learns (1972)
WILLIAM ROTSLER
LA SPOSA DELLE STELLE
Star Bride (1943/1951/1952/1953)
ANTHONY BOUCHER
L’ULTIMO MODELLO
Latest Feature (1972)
MAGGIE NADLER
CAPO
Chief (1960)
HENRY SLESAR
QUANDO SIETE STATI IN EQUILIBRIO SUL CEPPO AL CENTRO DELL’UNIVERSO CHE ALTRO VI RESTA DA FARE?
After You’ve Stood on the Log at the Center of the Universe, What Is There Left to Do? (1974)
GRANT CARRINGTON
SU MISURA
Maid to Measure (1964)
DAMON KNIGHT
GLI OCCHI NON VEDONO SOLTANTO
Eyes Do More Than See (1964/1965/1966)
ISAAC ASIMOV
THANG
Thang (1951)
MARTIN GARDNER
LA VACCA PURPUREA
How Now Purple Cow (1969)
BILL PRONZINI
RESURREZIONE
Revival Meeting (1969)
DANNIE PLACHTA
NON ASSICURABILE
Prototaph (1966)
KEITH LAUMER
IL RAZZO DEL 1955
The Rocket of 1955 (1954)
C. M. KORNBLUTH
FANTASCIENZA PER TELEPATI
Science Fiction for Telepath (1977)
E. MICHAEL BLAKE
KINDERGARTEN
Kindergarten (1970)
JAMES E. GUNN
MASSIME E PROVERBI
A Little Knowledge (1975)
PAUL DELLINGER
UNA COPPA DI CICUTA
A Cup of Hemlock (1978)
LEE KILLOUGH
PASSATO PROSSIMO
Present Perfect (1974)
THOMAS. F. MONTELEONE
IL MATERIALIZZATORE
A Lot to Learn (1978)
ROBERT. T. KUROSAKA
CAVALLERIA ANFIBIA
The Amphibious Cavalry Gap (1974)
J. J. TREMBLY
DIFFICOLTA’ DI PARCHEGGIO
Not Counting Bridges (1963)
ROBERT L. FISH
PAROLE DALLA TESTA DI PAPA’
The Man Inside (1969)
BRUCE MCALLISTER
LA ROCCIA MARZIANA
The Mars Stone (1973)
PAUL BOND
SUSSIDI DIDATTICI
Source Material (1974)
MILDRED DOWNEY BROXON
CONSUMO TOTALE
The Compleat Consummators (1964)
ALAN E. NOURSE
GIORNO D’ESAMI
Examination Day (1957)
HENRY SLESAR
L’UOMO CHE POTEVA RIPORTARE INDIETRO L’OROLOGIO
The Man Who Could Turn Back the Clock (1930)
RALPH MILNE FARLEY
DIRITTO DI BREVETTO
Patent Rights (1974)
DANIEL. A. DARLINGTON
IL CIELO E’ UN’OSTRICA, LE STELLE SONO PERLE
The Sky’s and Oyster: the Stars Are Pearls (1975)
DAVE BISCHOFF
CORNUCOPIA ALIENA
Alien Cornucopia (1959)
WALT LIEBSCHER
L’ESTREMO PARADOSSO
The Last Paradox (1958)
EDWARD D. HOCH
SCUOLA D’IMPERO
Course of Empire (1955)
RICHARD WILSON
SINCRONICITA’
Synchronicity (1978)
JAMES. E. THOMPSON
L’UOMO SULLA VETTA
The Man on Top (1951)
R. BRETNOR
LETTERA DI RIFIUTO
Rejection Slip (1978)
K. W. MACANN

Mia madre e altre catastrofi

È ‘maoista’ ma va in chiesa, è devota al marito ma non rinuncia al collettivo femminista. Per merenda ti propina la solita rosetta con margarina e zucchero, ed è convinta che due colpi di battipanni ben assestati sul sedere non possano che temprarti il carattere. Insegna in una scuola di periferia e fa il bagno al mare anche in dicembre. Se le chiedi perché, ti risponde: lo so io. Se le racconti una cosa, ti risponde: lo so già. È la mamma di Francesco. Nato come una serie social a episodi, questo libro mette in scena una giocosa, inarrestabile dialettica tra madre e figlio che, tra una risata e l’altra, ci commuove.
– Devo chiedere al Signore perché mi ha dato te e non il figlio di signora Castía.
– E cos’ha lui piú di me?
– È morto.
Inflessibile, caustica, cinica e generosa, frivola e dolente: la mamma di Francesco ha sempre l’ultima parola. Proprio come tua madre. E proprio come la tua arriva dritta al cuore.
(source: Bol.com)

Mia figlia, don Chisciotte

Lei ha tre anni e si emoziona ascoltando storie di cavalieri, re, regine e principeffe. Lui ha quarant’anni, è suo padre e si emoziona solo a guardarla. Lei è coraggiosa, vuole conoscere il mondo e non ha paura di niente; lui non trova un lavoro stabile e ha paura di tutto. La sua passione e il suo oggetto di studio è il Don Chisciotte: nelle trame del capolavoro più rivoluzionario di ogni tempo rilegge la propria vita, scoprendosi non cavaliere intrepido ma scudiero devoto, combattuto tra l’adorazione e il buon senso, tra la sublime incoscienza della sua bambina e l’impulso di proteggerla.Alessandro Garigliano ci consegna un romanzo intenso e avvincente che è una dichiarazione d’amore per la letteratura, per la vertigine eversiva, illimitata e imprescindibile della fantasia. E togliendo la maschera alla finzione inventa le parole del suo mondo, riannoda i fili del futuro e riesce a dare un nuovo senso all’essere padre.Questo libro è per chi viaggia in moto al posto del passeggero, occhi chiusi e una guancia appoggiata alla schiena del cavaliere, per chi si ostina a cercare uno zoo dalla porta rosa e per chi, come Clark Kent, è riuscito a camuffare la propria identità dietro un paio di occhiali da nerd.
**
### Sinossi
Lei ha tre anni e si emoziona ascoltando storie di cavalieri, re, regine e principeffe. Lui ha quarant’anni, è suo padre e si emoziona solo a guardarla. Lei è coraggiosa, vuole conoscere il mondo e non ha paura di niente; lui non trova un lavoro stabile e ha paura di tutto. La sua passione e il suo oggetto di studio è il Don Chisciotte: nelle trame del capolavoro più rivoluzionario di ogni tempo rilegge la propria vita, scoprendosi non cavaliere intrepido ma scudiero devoto, combattuto tra l’adorazione e il buon senso, tra la sublime incoscienza della sua bambina e l’impulso di proteggerla.Alessandro Garigliano ci consegna un romanzo intenso e avvincente che è una dichiarazione d’amore per la letteratura, per la vertigine eversiva, illimitata e imprescindibile della fantasia. E togliendo la maschera alla finzione inventa le parole del suo mondo, riannoda i fili del futuro e riesce a dare un nuovo senso all’essere padre.Questo libro è per chi viaggia in moto al posto del passeggero, occhi chiusi e una guancia appoggiata alla schiena del cavaliere, per chi si ostina a cercare uno zoo dalla porta rosa e per chi, come Clark Kent, è riuscito a camuffare la propria identità dietro un paio di occhiali da nerd.

Mia dolce Caroline

Lady Caroline Grayson è convinta che nel suo futuro non ci sia posto per il matrimonio, ciò non la disturba affatto. Il suo unico desiderio è studiare botanica in una prestigiosa università americana.
Brent Ravenscroft, conte di Weymerth, ha rischiato la vita al servizio della Corona e ora, da poco tornato in Inghilterra, non ha intenzione di prendere moglie.
Ma nessuno dei due ha tenuto in conto il padre di Caroline, che pur di vederla sposata è pronto a ricatttare il conte.
Così Caroline e Brent, legati da un matrimonio di convenienza, iniziano una nuova vita, determinati a ignorarsi e convinti di poter resistere al richiamo dell’amore e ai piaceri del talamo nuziale. O almeno, così credono…

Mi fido di te

Un romanzo di avventura criminale. Dal Nordest a Cagliari, tra mafiosi russi e imprenditori disinvolti, va in scena Gigi Vianello: un personaggio che unisce nefandezza e innocenza, convinto di farcela sempre e comunque e che raggiunge, nella sua cialtroneria, un suo cupo eroismo.