30129–30144 di 65579 risultati

Charlie Chan e il custode delle chiavi

Questo romanzo vede Charlie Chan, il flemmatico investigatore cinese, alle prese con una diva della lirica e i suoi quattro ex mariti. Come al solito, il simpatico cinese darà prova del suo straordinario acume e delle sue capacità deduttive, riuscendo a risolvere l’omicidio – anzi, gli omicidi – in poco più di una giornata. Molta ironica eleganza, molti proverbi orientali e un’eccezionale capacità di venire a capo degli intrighi e dei moventi più complessi; da questo affascinante romanzo fu tratta un’opera teatrale che trionfò a Broadway nel 1933, l’anno in cui Biggers morì. E. Derr BiggersEarl Derr Biggers nacque a Warren, nell’Ohio, il 26 agosto del 1884. Laureatosi ad Harvard nel 1907, cominciò a lavorare come giornalista e critico teatrale. Creatore del famoso detective Charlie Chan, tradotto in molte lingue, è considerato uno dei più popolari autori americani di romanzi polizieschi. Morì a Pasadena, in California, il 5 aprile del 1933.

Charlie Chan e il cammello nero

Shelah Fane, celebre star del cinema, viene uccisa a Waikiki Beach e Charlie Chan, il noto detective un po’ cinese, un po’ hawaiano e un po’ americano, protagonista di tanti romanzi di Biggers, deve scoprire l’assassino. L’unica pista possibile lo conduce a un episodio di tre anni prima, quando Shelah Fane, a Los Angeles, si trovò involontariamente ad assistere a un omicidio: ma chi sarà il misterioso assassino che è tornato in scena per eliminare uno scomodo testimone? E. Derr BiggersEarl Derr Biggers nacque a Warren, nell’Ohio, il 26 agosto del 1884. Laureatosi ad Harvard nel 1907, cominciò a lavorare come giornalista e critico teatrale. Creatore del famoso detective Charlie Chan, tradotto in molte lingue, è considerato uno dei più popolari autori americani di romanzi polizieschi. Morì a Pasadena, in California, il 5 aprile del 1933.

Una certa sera d’inverno: l’ottava indagine del commissario Martini : giallo

L’ottava indagine del commissario Andrea Martini di Gianna Baltaro in un’edizione a caratteri grandi. Torino anni Trenta, il mondo dell’arte è messo in subbuglio da due efferati omicidi. Nel rione della Basilica della Consolata una ricca pittrice viene trovata uccisa nel suo atélier. Il secondo assassinio risulta collegato. Il commissario Martini indaga tra gli estrosi personaggi che ruotano attorno al Circolo degli Artisti, Palazzo Graneri. La sua perspicacia (come pure i suoi sentimenti) è messa a dura prova da imprevedibili colpi di scena. Ma la difficile inchiesta, al solito, perverrà alla soluzione. Anche se non a quella auspicata.

La cerimonia

Circondata dalle inseparabili amiche – le Donne del Club Omicidi – la detective Lindsay Boxer ha finalmente coronato il suo sogno d’amore, sposando l’agente dell’FBI Joe Molinari. L’eco della marcia nuziale si è appena spenta che già Lindsay deve tornare al suo difficile lavoro, perché un caso delicato richiede tutta la sua esperienza di investigatrice e di donna. È stata ritrovata un’adolescente in fin di vita: dai primi accertamenti è chiaro che ha partorito da poco, ma lei non ha alcuna intenzione di dire che cosa è stato del bambino né chi sia il padre. Mentre menzogne e false piste si sovrappongono, Lindsay cerca la verità, soprattutto per salvare la vita del neonato scomparso. Anche per il procuratore Yuki Castellano c’è un caso difficile, nel quale si gioca la carriera. Yuki rappresenta la pubblica accusa nel processo contro la dottoressa Candace Martin, imputata per l’omicidio del marito. Yuki è certa della sua colpevolezza, ma il processo riserverà più di un colpo di scena… Per fortuna c’è sempre il momento in cui le quattro amiche possono ritrovarsi da Susie’s per un margarita e qualche tacos, per parlare di lavoro e di uomini, di problemi e di sogni e trovare insieme una soluzione ai difficili casi che le impegnano. Perché la loro forza sta nella loro straordinaria amicizia.

Cerimonia di sangue

Jeremy, un laureato newyorkese, decide di concedersi una vacanza rilassante a Gilead, un villaggio isolato del New Jersey. Ma, ben presto, un’ombra minacciosa si allunga sulla pacifica comunità, che diviene teatro di strani, inspiegabili eventi. L’autore esplora i fatali risvolti di miti del passato fino a svelare la presenza di un male inestinguibile.

La cerimonia del massaggio

Si sa che non c’è nulla di più mondano di un buon funerale. E ancor più se si tratta di commemorare un estinto che, letteralmente, ha avuto per le mani la crème de la crème – ambosessi – di Londra. Allora l’evento può diventare, oltreché mondano, atrocemente intimo. E rischiare da un momento all’altro di sgangherarsi, se il programma prevede un preoccupante assolo di sax. Se uno dei convenuti si alza in piedi per tessere un panegirico dell’anatomia del trapassato. E se il fedele, puntiglioso cronista è Alan Bennett, forse l’unico grande scrittore di oggi capace di far sobbalzare di risa dalla prima all’ultima riga – come è già accaduto ai numerosissimi lettori di “Nudi e crudi”.

Il cerchio dell’odio

Quando il 16 aprile 2012 il professor Bruno Canalis, sinologo di fama internazionale, viene assassinato nel suo studio presso l’Istituto Superiore di Studi Orientali di Napoli, il capo della Squadra Omicidi, vicequestore aggiunto Raul Marcobi, dirige le sue indagini nelle direzioni più classiche: ipotesi passionale, odi e rancori del mondo accademico, conflitti politici (Canalis è esponente di spicco del PD partenopeo), gioco d’azzardo. Pur iniziandosi a configurare un movente passionale (a causa di una relazione del professore con una sua studentessa), Marcobi presto si rende conto che per risolvere davvero il caso occorre tornare indietro, agli anni di piombo, e al Cerchio Rosso, gruppo maoista nato e attivo all’ISSO tra il ’74 e il ’76, di cui Canalis era uno dei membri più importanti. Questa ricerca fa imbattere Marcobi in un altro delitto irrisolto di quegli anni, attribuito a giovani dell’estrema destra mai identificati. Tra le memorie, gli alibi e i possibili moventi dei personaggi più disparati (accademici, uomini politici, giovani innamorati, compagni di lotta, eminenze grigie dell’ultrasinistra degli anni Settanta), e i tormenti personali per un passato a cui non sa rinunciare, Marcobi ingaggerà un corpo a corpo con la ricerca ossessiva di verità sepolte dal tempo. Un noir appassionante e sofisticato ambientato nel mondo accademico, tra i giorni nostri e le lotte studentesche degli anni Settanta, tra Italia, Francia e Cina.

Cerchi e croci

Vita da poliziotto, quella del sergente John Rebus. Una vita in cui il crimine è un appuntamento quotidiano, il senso d’impotenza è una costante inalterabile, le sigarette e l’alcol sono gli unici alleati per non soccombere di fronte all’angoscia delle miserie umane…Eppure nulla, nella tormentata vita di Rebus, è paragonabile alla disperazione che si è abbattuta su di lui e sulla sua città da quando è entrato in azione lo «Strangolatore di Edimburgo», che ha già ucciso due ragazzine e minaccia di colpire ancora. C’è infatti qualcosa, in quell’assassino, che perseguita John Rebus come uno spettro, che lo spinge a indagare fin nei recessi più oscuri della città, nonostante la diffidenza dei superiori, cercando anche il più piccolo indizio che serva a spiegare l’inspiegabile. Ma lui non può sapere che sta cercando nel posto e nel tempo sbagliati. Perché ciò che lo collega all’assassino non appartiene né a Edimburgo né al presente: è qualcosa che si trova nella mente stessa di Rebus, in attesa dietro la porta sprangata del suo passato. Gli ci vorranno l’affetto di una collega, la comprensiva ispettrice Gill Templer, la testardaggine del giornalista Jack Morton e l’inatteso, sofferto intervento del fratello Michael, per trovare il coraggio di capire, per individuare la strada giusta. Una strada segnata da una serie di cerchi e croci…

Cercasi Niki disperatamente

A volte è difficile capire una persona, anche se la conosci bene. Se poi è una ragazza, è veramente difficile. Se poi quella ragazza l’hai vista per soli cinque minuti, allora è veramente impossibile. Eppure sono sicuro che qualcosa su di lei l’ho capito. Nel romanzo “Scusa ma ti chiamo amore” l’ho chiamata Niki. Ma tu, chi sei veramente Niki? Ti ho cercata lungo le strade. Mi sono voltato ogni tanto inseguendo un sorriso nel vento, quel muoversi di capelli. Non eri tu. Ma non ho dubbi su quel ricordo. La tua risata. Quel giorno in via del Corso hai incrociato il mio sguardo per un attimo. Ecco. E quella storia che i tuoi occhi mi hanno raccontato non sono riuscito a dimenticarla. Mi piacerebbe saperne di più su di te e in queste nuove pagine ho provato ad attraversare un po’ tutta la tua vita. Solo una cosa. Se per caso ci ho preso… be’ fammelo sapere.

Cercando Sam

Sulla soglia dei 50 anni, Manu sbarca a New York con l’urna cineraria contenente i resti di Michel, l’amico da poco suicidatosi. Cerca Sam, il terzo del gruppo, per mantenere fede insieme a lui al vecchio giuramento. Sam però è sparito senza lasciare un indirizzo. Per Manu comincia un lungo viaggio negli Stati Uniti sulle orme dell’amico scomparso. Dai locali del blues alle milizie del Montana, passando per un Sud da incubo; i ricordi di adolescenza si confondono, i testimoni si contraddicono, l’immagine di Sam diventa fievole come le sue tracce. L’esito della ricerca non è affato scontato, anche perché altra gente si interessa a lui, gente meno tenera di Manu, mossa da scopi assai meno sentimentali. Postfazione di Massimo Carlotto.

I centonovantanove gradini

Siân, una giovane studiosa turbata da strani sogni e in cerca di distrazione, si unisce a uno scavo archeologico nello Yorkshire. I centonovantanove scalini dell’abbazia di St. Mary collegano il XXI secolo alle rovine del passato: qui Siân incontra Mack, un uomo molto diverso da lei di cui non riesce più a fare a meno. Da quell’incontro, e da una lettera ritrovata, la ragazza si trova coinvolta nel mistero di un assassinio che sembrava dimenticato, e che invece prende forma nei sogni agitati di Siân.

(source: Bol.com)

Le cento migliori ricette di primavera (eNewton Zeroquarantanove)

Marzo e la primavera sono il periodo in cui la natura rinasce, e. si prepara alla rifioritura piena e rigogliosa dell’estate. Spesso però l’arrivo della bella stagione coincide con il riaccendersi di tanti piccoli malesseri, dovuti alle difficoltà di adattamento del nostro organismo. Questo libro, con le cento migliori ricette di primavera, ci mostra come tali problemi possano essere curati soprattutto a tavola, con una dieta disintossicante e ipocalorica, ricca di proteine e sali minerali, capace di aiutare il nostro corpo a sopperire alla carenza di vitamine dell’alimentazione invernale e a superare il senso di fatica.
Emilia Valli
insegnante, è da molti anni un’esperta gastronoma. Collabora a diversi periodici specializzati e ha pubblicato decine di libri di cucina e di educazione alimentare. Con la Newton Compton ha pubblicato, tra l’altro, 1000 ricette di antipasti, 500 ricette di pasta fresca, 1000 ricette di carne rossa, 500 ricette con le verdure, 1000 ricette con la frutta, La cucina del Veneto, La cucina del Friuli e 501 ricette di biscotti e dolcetti.
**
### Sinossi
Marzo e la primavera sono il periodo in cui la natura rinasce, e. si prepara alla rifioritura piena e rigogliosa dell’estate. Spesso però l’arrivo della bella stagione coincide con il riaccendersi di tanti piccoli malesseri, dovuti alle difficoltà di adattamento del nostro organismo. Questo libro, con le cento migliori ricette di primavera, ci mostra come tali problemi possano essere curati soprattutto a tavola, con una dieta disintossicante e ipocalorica, ricca di proteine e sali minerali, capace di aiutare il nostro corpo a sopperire alla carenza di vitamine dell’alimentazione invernale e a superare il senso di fatica.
Emilia Valli
insegnante, è da molti anni un’esperta gastronoma. Collabora a diversi periodici specializzati e ha pubblicato decine di libri di cucina e di educazione alimentare. Con la Newton Compton ha pubblicato, tra l’altro, 1000 ricette di antipasti, 500 ricette di pasta fresca, 1000 ricette di carne rossa, 500 ricette con le verdure, 1000 ricette con la frutta, La cucina del Veneto, La cucina del Friuli e 501 ricette di biscotti e dolcetti.

Le cento migliori ricette di insalate

Scriveva Brillat Savarin nel suo Phisiologie du Goût: ‘l’insalata rinfresca senza indebolire e stuzzica senza irritare; secondo me addirittura ringiovanisce…’. Le insalate costituirono sicuramente uno dei primi cibi dell’uomo: economiche e di facile digestione, piene di vitamine e sali minerali, sono oggi una risorsa per chi desidera mantenere la linea. In questo libro cento appetitose ricette indicate per persone d’ogni età. Luigi e Olga Tarentini Troianisi interessavano di cucina anche prima di incontrarsi, ma dopo essersi conosciuti hanno sviluppato sempre più questa passione. Luigi, Cerimoniere della Presidenza del Consiglio, è stato secondo Capital ‘l’ingegnere culinario a cui si deve la rinascita gastronomica di Palazzo Chigi’. Olga, americana di origine cecoslovacca, si occupava di pranzi diplomatici.
(source: Bol.com)

Le cento migliori ricette di grigliate

Cucinare sulla brace è una consuetudine antichissima. È un metodo salutare, in cui sono limitati al massimo l’impiego di grassi e la perdita delle sostanze nutritive. In questo volume troverete tutti gli accorgimenti per preparare pietanze saporite ed estremamente appetitose. Emilia Vallilaureata in filosofia e insegnante, esperta gastronoma, vanta la collaborazione a diversi periodici specializzati e la pubblicazione di decine di libri di educazione alimentare e di ricettari di cucina, nei quali alla scelta degli ingredienti si abbina una nota di raffinata fantasia legata alla genuinità della tradizione italiana. Con la Newton Compton ha pubblicato, tra l’altro, 500 ricette di pasta fresca, 1000 ricette di carne rossa, 500 ricette con le verdure, 1000 ricette con la frutta, La cucina del Veneto, La cucina del Friuli e 501 ricette di biscotti e dolcetti.
(source: Bol.com)

Le cento migliori ricette di gelati, sorbetti e granite

Fresche delizie, che possono essere presentate a concludere un buon pasto ma anche costituire, a sé stanti, un’occasione di raffinate degustazioni. In questo libro troverete cento ricette per preparare le combinazioni più prelibate. Luigi e Olga Tarentini Troianisi interessavano di cucina anche prima di incontrarsi, ma dopo essersi conosciuti hanno sviluppato sempre più questa passione. Luigi, Cerimoniere della Presidenza del Consiglio, è stato secondo Capital ‘l’ingegnere culinario a cui si deve la rinascita gastronomica di Palazzo Chigi’. Olga, americana di origine cecoslovacca, si occupava di pranzi diplomatici.
(source: Bol.com)