29921–29936 di 66541 risultati

La guardia, il poeta e l’investigatore

Nel 1944 la Corea è sotto l’occupazione giapponese, e nella prigione di Fukuoka non si permette ai detenuti coreani di usare la propria lingua. Un uomo, una guardia carceraria, viene trovato brutalmente assassinato, e un giovane collega dall’animo sensibile e letterario viene incaricato di condurre l’indagine e trovare il colpevole. La vittima era temuta e odiata per la sua brutalità, ma quando l’improvvisato investigatore avvia la sua inchiesta interrogando custodi e detenuti, ricostruendo poco a poco i movimenti degli ultimi mesi, un diverso e sorprendente scenario si impone alla sua attenzione. Dall’inchiesta sull’uomo emerge il passato di un povero analfabeta orfano dei genitori, il faticoso riscatto attraverso il lavoro, la carriera nella prigione, la scoperta di una passione inaspettata, il ruolo di “censore” con l’incarico di controllare la corrispondenza in entrata e in uscita dal carcere. E soprattutto il legame con un detenuto particolare, un famoso poeta coreano, autore di scritti sovversivi. E proprio attorno al poeta ruota l’intera vicenda: nel corso dei suoi interrogatori il giovane si trova a parlare sempre di più con il prigioniero e, come prima di lui la guardia assassinata, a immergersi in un dialogo fatto di letteratura, d’arte, di libertà. Si scopre a desiderare la bellezza dei suoi versi clandestini, a subire il potere eccitante e al tempo stesso rasserenante della parola poetica…

La guardia bianca

La guardia bianca (qui pubblicato per la prima volta in Italia in versione integrale, ovvero sia con il finale ”ufficiale” sia con quello originario, a lungo perduto) è il romanzo che diede a Bulgakov celebrità in vita, prima della fama universale postuma raggiunta con Il Maestro e Margherita. Tutto ruota attorno alle vicende dei tre fratelli Turbin (Aleksej, Nikolka ed Elena) nella tempestosa Kiev dell’inverno 1919-1920. La città è nelle mani dell’avventuriero Simon Petljura ma si trova anche nella morsa di un duplice accerchiamento, quello dell’atamano (cosacco) Shoropadskij e dei bolscevichi. Le avventure dei fratelli Turbin si susseguono fra malattie, guarigioni miracolose, preghiere, eroismi, fughe, divorzi, amori e amicizie. Sullo sfondo, tratteggiata con rapidità futurista ma allo stesso tempo con potente afflato epico, la Storia di una nazione e di un popolo fotografati in un momento decisivo.
(source: Bol.com)

La guardia al toro

Questa volta, per Nero Wolfe, la via delle orchidee è seminata di spine. Lungo la “via” verso l’esposizione di orchidee, il voluminoso signore rimane vittima di un incidente automobilistico, insieme con Archie Goodwin. Segno del destino? Si sa che Nero Wolfe esce di rado dalla sua casa di arenaria, e ancora più di rado si scomoda dalla sua poltrona per installarsi su un sedile di un’automobile o di qualche altro diabolico veicolo meccanico, Rimasti, dunque, in panne, Nero e Archie vengono ospitati per la notte da Thomas Pratt, proprietario di una tenuta e di una catena di motel. Nero Wolfe non se ne intende molto di bestiame, e quando in casa del suo ospite si presenta una delegazione di allevatori che insistono affinché Thomas rivenda il campione dei tori, Caesar, al signor McMillan, suo ex padrone, s’incuriosisce appena, e sorride. Ma il giorno dopo, Clyde Osgood, il quale aveva scommesso che Pratt non sarebbe rimasto in possesso di Caesar, viene trovato ucciso nel recinto del toro, e la superba bestia sta per essere bruciata, perché colpita da carbonchio. Allora la curiosità di Nero Wolfe si tramuta in vivo interesse, quindi nel sospetto che dietro Caesar ci sia un “Bruto”, La morte di Bronson, uno strano tipo che era legato da interessi a Clyde, solletica definitivamente il genio intuitivo dell’investigatore che non mollerà la “guardia” finché non avrà consegnato il colpevole alla giustizia.

Guardami negli occhi

Barbara ha diciassette anni, un corpo da favola e nessuna esperienza del mondo. Catapultata nell’universo luccicante e surreale della moda, popolato da personaggi ambigui e affascinanti, da cui è impossibile non sentirsi attratta, Barbara viaggia da Montecarlo a Milano, da Parigi a New York. Dopo cinque anni trascorsi tra show room sfarzosi, abiti haute couture, feste magnifiche, la decisione di abbandonare. Barbara ora fa un altro lavoro, e con quell’ambiente non ha più nulla a che fare. Riconosciuta per caso da un fotografo e tornata sotto i riflettori di tv e giornali, può permettersi il lusso di squarciare il velo di mistero che circonda quel mondo dorato, e di rivelare anche ai profani quello che nessuno racconta. Ci prende per mano e ci porta con sé nel backstage con Monica Bellucci, a cena con Alberto Sordi, nell’agenzia di John Casablancas, per mostrarci quello che ha vissuto, per una volta dal vivo e non dal buco della serratura. “Guardami negli occhi” è una sfida che l’autrice ci lancia. Un crudo spaccato sul mondo della moda, i suoi chiaroscuri e le sue contraddizioni, ma anche il bilancio esistenziale di una donna indipendente e determinata, che ha fatto una scelta tra le più coraggiose. Quella della normalità.

Il grifone rosso

In un regno devastato;dalla guerra civile, la giovane Lillorigga cerca di proteggere i propri poteri magici, che si stanno appena sviluppando, dalle manipolazioni delta sua crudele madre. Capace di una magia che, se incontrollata, potrebbe anche ucciderla, Lilli pone le proprie visioni sotto la protezione del misterioso Nevyn, maestro del dweomer. Ma presto dovrà decidere tra la fedeltà al proprio clan e il legittimo re che sta lottando per far valere il suo diritto al trono di Deverry, dovrà scegliere tra ciò che è sacro e la vendetta di sangue, tra la lealtà e l’amore.

Gregor 1. La prima profezia

Invece di passare l’estate a giocare con gli amici, Gregor si ritrova a gestire Boots, la sorellina di due anni, che parla come un alieno in miniatura. Un giorno, la piccola pestifera si tuffa oltre una grata e sparisce. Gregor si lancia all’inseguimento e finisce nel Sottomondo, un luogo straordinario e terribile, abitato da umani dalla pelle bianchissima e dagli occhi viola, che si sono anticamente rifugiati sottoterra per sfuggire a una persecuzione, e lì hanno creato un mondo parallelo, dove si vola in sella a pipistrelli giganti, ci si allea con gli scarafaggi e si combatte contro ragni e ratti bianchi? Gregor scopre che anche suo padre, scomparso qualche tempo prima, è disperso nel Sottomondo. Toccherà a lui cercarlo, sulle tracce di un?antica profezia… Un romanzo che la critica americana ha salutato come “meraviglioso”, “straordinario” ed “eccezionale”. Una serie che ha già venduto più di 2 milioni di copie in 15 Paesi nel mondo. Un’autrice che conferma la capacità unica di costruire grandi universi fantastici abitati da personaggi indimenticabili e scanditi da un ritmo vertiginoso.

Gregor – 5. La profezia del tempo

I suoi amici hanno fatto di tutto per evitare che Gregor leggesse la Profezia del Tempo. Perché l’ultima rivelazione annuncia la morte del guerriero. E il guerriero è lui. Con un esercito di ratti in rapido avvicinamento e il tempo che scorre inesorabile, il ragazzino deve difendere Regalia dalla terribile minaccia e trovare il modo di riportare a casa la sua famiglia. Ma se non riuscirà a decifrare un antico codice che svela ogni mistero, tutto sarà perduto. Gregor deve vincere la sua guerra per porre fine a tutte le guerre. Perché il destino del guerriero di Sopramondo e quello dell’intero Sottomondo sono legati in modo indissolubile. Il travolgente episodio conclusivo della saga.
(source: Bol.com)

Green River killer. Caccia al serial killer più sanguinario d’America

Il 15 agosto del 1982 emergono dalle acque del Green River, nei dintorni di Seattle, i corpi di due giovani donne uccise e brutalmente seviziate dalla mano di quello che sembra essere un vero e proprio predatore sessuale. È l’inizio di una lunga serie di delitti, che si chiuderanno solo alcuni anni dopo con la cattura di Gary Leon Ridgeway, uno dei più mostruosi serial killer che l’America abbia mai conosciuto. A catturarlo è stato David Reichert, sceriffo della contea, primo di molti detective a occuparsi del caso, alla cui soluzione ha dedicato quasi vent’anni di vita.
**

Le grandi truffe che hanno cambiato la storia

Qual è la vera storia di Nostradamus? Quali gli inganni architettati da Hitler per salire al potere e, sopratutto, i falsi storici sui quali è stato edificato il Terzo Reich? Come sono nate le più eclatanti bugie inventate dai giornali per vendere più copie? Chi è stato il primo mentitore della storia? Quali sono i personaggi più menzogneri delle Sacre Scritture? In questo saggio, Farquhar risponde a queste e altre domande mostrando che se a parole l’onestà è sempre la scelta migliore, la storia, per non parlare della finanza, della politica e dei media, suggerisce altrimenti. Ripercorrendo i secoli e rievocando alcune delle più grandi montature, astuzie e beffe di tutti i tempi, il volume presenta le incredibili storie vere di ciarlatani e impostori, contrattazioni, tranelli militari, clamorose evasioni, bluff mediatici, frodi scientifiche macchinazioni a livello governativo, imbonitori vittime della loro stessa medicina, per non parlare dello sconcertante numero di ingenui pronti a credere a tutto.

I grandi cimiteri sotto la luna

Nel 1936 scoppia in Spagna la guerra civile. I morti saranno oltre 600000. Ma questo è solo l’inizio, perché la guerra di Spagna è anche la prova generale della guerra mondiale. Bernanos, scrittore accesamente religioso, dapprima sedotto dal franchismo, ben presto si ribella alle violenze della repressione antirepubblicana. Da questa rivolta nasce “I grandi cimiteri sotto la luna”, in cui la Spagna diventa simbolo della tragedia del mondo. E il genio apocalittico di Bernanos fa di uno scritto di circostanza un’opera universale.
**

La grande sera

Un pomeriggio di giugno, in una metropoli, un professionista sparisce senza lasciare tracce, gettando nell’angoscia le persone a lui care. Prende così avvio un coinvolgente romanzo, che non è solo la ricostruzione indiretta dello scomparso, probabilmente fuggito per iniziare una nuova vita, ma soprattutto la storia degli “altri” che reagiscono in modi vitali e imprevedibili a questo evento inesplicabile.

Il grande salto

Una piccola stazione balneare sui Grandi Laghi, nel Michigan, circondata da coltivazioni di cetrioli. Un ricco agricoltore. Un albergatore che a tempo perso fa anche il giudice di pace. Un gruppo di braccianti messicani e il loro caposquadra. Due ladruncoli da strapazzo. Un ex giocatore di baseball dal cazzotto facile. Una bellissima e annoiata diciottenne a caccia di quattrini e brividi a buon mercato. Infine, cinquantamila dollari che non aspettano altro che essere rubati.
Da questo assortimento, Elmore Leonard riesce a inventarsi un piccolo classico del noir, un sarcastico e disincantato omaggio alla grande tradizione degli anni Quaranta. Una partita a scacchi in cui nessuno è quel che sembra, e tutti hanno uno scheletro nell’armadio.
Pubblicato nel 1969 e fino a oggi inedito in Italia, *The Big Bounce* rappresenta il debutto di Leonard nella *crime fiction*: un’amara commedia degli errori che anticipa i temi del Leonard più maturo, cosí come l’abilità stilistica e l’innovativo uso del dialogo, che l’hanno reso uno degli scrittori americani piú originali degli ultimi decenni.

La grande rapina di Nizza

Il libro è una ricostruzione delle vicende connesse con la grande rapina di Nizza, portata a termine ai danni della filiale nizzarda della banca Société Générale da una banda di malviventi capeggiati da Albert Spaggiari.
La “grande rapina” fu definita tale per l’ammontare del maltolto (circa cento milioni di franchi dell’epoca) e per le modalità, dal momento che i ladri penetrarono nel caveau della banca tramite una galleria scavata a partire da alcuni cunicoli fognari cittadini.

La grande odalisca

La protagonista è una giovane e bella editor in una casa editrice e ha un fidanzato che la ama. Eppure una profonda irrequietezza la tormenta. Il racconto si apre con una scena forte: la ragazza inizia a sedurre il suo grande capo, l’Editore, ma lo pianta in asso sul più bello, comunicandogli le sue dimissioni. Per sfida, e per bisogno, accetta un incarico dai risvolti oscuri: collaborerà con uno scrittore sconosciuto, deciso a rimanere nell’ombra, che le detterà al magnetofono la sua opera. Ma lei dovrà abitare in un’antica dimora patrizia, piena di stanze segrete, dove accadono le cose più impensate e strane.
**