29857–29872 di 62912 risultati

Non è tempo di morire

«*Uno di personaggi più singolari e più amati della narrativa gialla italiana*».
** LA NAZIONE**
Milano, 1969: Bruno Arcieri indaga tra le macerie di Piazza Fontana.
È per fare un piacere a una vecchia amica, e cavarne dai guai una giovane, che Bruno Arcieri, ormai ex colonnello dei Carabinieri e ritiratosi dal servizio attivo, accetta di andare a Milano proprio nei giorni immediatamente successivi alla strage di piazza Fontana. Insegue quella che gli pare un’illusione o forse soltanto la speranza di una figlia che non può rassegnarsi. La città è sconvolta, e Arcieri, ricorrendo a vecchie conoscenze, indaga con discrezione sugli ultimi movimenti di una delle vittime.
Piccoli indizi, un paio di incontri, qualche voce: a poco a poco da quella che sembrava un’idea bislacca prende corpo una traccia sempre più consistente, e Arcieri si trova a dover affrontare ancora i fantasmi di un passato che non vuole passare. E mentre comincia a intravedere la verità, suo malgrado la pista lo porta a una valigetta di documenti riservati… Di nuovo toccherà a lui, vecchio servitore di uno Stato sempre meno comprensibile, e ormai sotto attacco, decidere se andare fino in fondo. Da solo, come sempre.
**
### Sinossi
«*Uno di personaggi più singolari e più amati della narrativa gialla italiana*».
** LA NAZIONE**
Milano, 1969: Bruno Arcieri indaga tra le macerie di Piazza Fontana.
È per fare un piacere a una vecchia amica, e cavarne dai guai una giovane, che Bruno Arcieri, ormai ex colonnello dei Carabinieri e ritiratosi dal servizio attivo, accetta di andare a Milano proprio nei giorni immediatamente successivi alla strage di piazza Fontana. Insegue quella che gli pare un’illusione o forse soltanto la speranza di una figlia che non può rassegnarsi. La città è sconvolta, e Arcieri, ricorrendo a vecchie conoscenze, indaga con discrezione sugli ultimi movimenti di una delle vittime.
Piccoli indizi, un paio di incontri, qualche voce: a poco a poco da quella che sembrava un’idea bislacca prende corpo una traccia sempre più consistente, e Arcieri si trova a dover affrontare ancora i fantasmi di un passato che non vuole passare. E mentre comincia a intravedere la verità, suo malgrado la pista lo porta a una valigetta di documenti riservati… Di nuovo toccherà a lui, vecchio servitore di uno Stato sempre meno comprensibile, e ormai sotto attacco, decidere se andare fino in fondo. Da solo, come sempre.

Non è successo niente

“Non è successo niente” è un romanzo fatto di tanti romanzi, di tante storie intrecciate dove sembra che non succeda niente e invece sta succedendo di tutto. La storia di Cohan, e della donna con cui vive, Luci, entrambi candidati al Nobel per la nevrosi; quella di Tom, sceneggiatore di fumetti horror, anche lui in crisi creativa e sprofondato negli abissi dell’alcol; quella di Mauro e Vita, lui redattore della casa editrice che pubblica gli albi di Tom, lei impiegata di banca, lui “crapone” e introverso, ma anche battutista implacabile, lei incasinata da ben tre “fidanzati”, più un cane e una gattina di nome Ugo…
**

Non è stagione

Dopo Pista nera e La costola di Adamo ritorna il vicequestore Rocco Schiavone. Torna il racconto dell’Italia di oggi dalle quattro pareti di una questura di montagna. Tra nordici e meridionali, cittadini e paesani, vittime e carnefici. Una rilettura della tradizione del giallo all’italiana, capace di coniugare crimine e passione, lo sguardo più dolente e la risata più sfrontata.

Non ditelo allo sposo

Penny ha sempre sognato una cosa sola: un matrimonio da favola. Una cerimonia da principessa, un vestito da sogno e una festa indimenticabile. Da brava formichina, ha risparmiato per anni. Poi però, da stolta cicala, ha perso tutto. E adesso che Mark ha finalmente chiesto la sua mano, cosa può fare? Esisterà pure un modo per rimediare a un simile disastro! Calma e sangue freddo. Serve un piano perfetto. Primo passo: silenzio assoluto con Mark. Non deve sapere niente. Secondo passo: fingere che tutto vada bene, benissimo. Terzo passo: organizzare il matrimonio da sola. Funzionerà? Chissà… ma una cosa è fondamentale: non dite assolutamente nulla allo sposo!

Non dirmi addio (Youfeel): L’amore vero si può trovare nella stanza 22

L’amore vero si può trovare nella stanza 22
Lise sente le gambe tremare al solo pensiero di ritornare a Hopefield. Quel posto le ricorda la prematura perdita di sua madre e tutti i drammi che ne sono scaturiti. Quando varca la soglia della locanda di famiglia, è sicura di non essere pronta per mettersi tutto alle spalle: dentro di lei il dolore è ancora vivo. Nemmeno Colin sembra darle quella pace di cui è sempre alla ricerca: troppo impegnato con i suoi concerti, sempre assente nei momenti più difficili.
È la conoscenza di un ospite della locanda a risvegliare in Lise sensazioni nuove. Adam è un giovane scrittore in piena crisi creativa. Non riesce a terminare il suo romanzo e ha pensato che una cittadina pittoresca come Hopefield potesse giovare alla sua ispirazione perduta. Parla poco di sé, è misterioso, ma è proprio questo aspetto che suscita in Lise l’impulsiva voglia di passare sempre più tempo con lui. Il sentimento sboccia nel suo cuore inaspettatamente, la passione travolge come un fiume in piena qualunque barriera e il bisogno di stare insieme coglie entrambi alla sprovvista. Ma solo un amore autentico può sanare le ferite più profonde…
“Non dirmi addio” è un delicato romanzo in cui sentimenti, drammi e segreti si mescolano tra loro, ed esplodono in una storia intensa ed emozionante.
Mood: Emozionante – YouFeel RELOADED dà nuova vita ai migliori romanzi del self publishing italiano. Un universo di storie digital only da leggere dove vuoi, quando vuoi, scegliendo in base al tuo stato d’animo il mood che fa per te: Romantico, Ironico, Erotico ed Emozionante.
**
### Sinossi
L’amore vero si può trovare nella stanza 22
Lise sente le gambe tremare al solo pensiero di ritornare a Hopefield. Quel posto le ricorda la prematura perdita di sua madre e tutti i drammi che ne sono scaturiti. Quando varca la soglia della locanda di famiglia, è sicura di non essere pronta per mettersi tutto alle spalle: dentro di lei il dolore è ancora vivo. Nemmeno Colin sembra darle quella pace di cui è sempre alla ricerca: troppo impegnato con i suoi concerti, sempre assente nei momenti più difficili.
È la conoscenza di un ospite della locanda a risvegliare in Lise sensazioni nuove. Adam è un giovane scrittore in piena crisi creativa. Non riesce a terminare il suo romanzo e ha pensato che una cittadina pittoresca come Hopefield potesse giovare alla sua ispirazione perduta. Parla poco di sé, è misterioso, ma è proprio questo aspetto che suscita in Lise l’impulsiva voglia di passare sempre più tempo con lui. Il sentimento sboccia nel suo cuore inaspettatamente, la passione travolge come un fiume in piena qualunque barriera e il bisogno di stare insieme coglie entrambi alla sprovvista. Ma solo un amore autentico può sanare le ferite più profonde…
“Non dirmi addio” è un delicato romanzo in cui sentimenti, drammi e segreti si mescolano tra loro, ed esplodono in una storia intensa ed emozionante.
Mood: Emozionante – YouFeel RELOADED dà nuova vita ai migliori romanzi del self publishing italiano. Un universo di storie digital only da leggere dove vuoi, quando vuoi, scegliendo in base al tuo stato d’animo il mood che fa per te: Romantico, Ironico, Erotico ed Emozionante.

Non dirlo a nessuno

David e Elisabeth si danno appuntamento come ogni anno al lago nella proprietà di famiglia per festeggiare l’anniversario di matrimonio. Ma un urlo squarcia la notte: è quello di Elisabeth che si dibatte furiosamente, trascinata da due ombre sul molo. David cerca di raggiungerla ma qualcosa lo colpisce violentemente alla testa facendogli perdere i sensi. Qualche giorno dopo il corpo della giovane viene rinvenuto orribilmente sfigurato.
Sono passati otto anni da quel terribile incubo quando vengono ritrovati due cadaveri vicino al lago. David riceve una inquietante e-mail con particolari della sua vita che solo Elizabeth può conoscere e un messaggio: “Non dirlo a nessuno”. L’FBI riapre l’inchiesta e David, in una spirale di avvenimenti incalzanti e di coincidenze fortuite, diventa il principale sospettato…
**
### Sinossi
David e Elisabeth si danno appuntamento come ogni anno al lago nella proprietà di famiglia per festeggiare l’anniversario di matrimonio. Ma un urlo squarcia la notte: è quello di Elisabeth che si dibatte furiosamente, trascinata da due ombre sul molo. David cerca di raggiungerla ma qualcosa lo colpisce violentemente alla testa facendogli perdere i sensi. Qualche giorno dopo il corpo della giovane viene rinvenuto orribilmente sfigurato.
Sono passati otto anni da quel terribile incubo quando vengono ritrovati due cadaveri vicino al lago. David riceve una inquietante e-mail con particolari della sua vita che solo Elizabeth può conoscere e un messaggio: “Non dirlo a nessuno”. L’FBI riapre l’inchiesta e David, in una spirale di avvenimenti incalzanti e di coincidenze fortuite, diventa il principale sospettato… 

Non dire il mio nome

A Rosignano Solvay, una striscia di sabbia bianca come il talco con dietro una fabbrica che luccica come un’astronave e davanti il mare aperto, vive una bambina con la sua famiglia: un padre debole e iracondo e una madre senza volontà. Dopo un’infanzia tumultuosa e un’adolescenza turbata, in cui si susseguono amori maschili e amori femminili, in una tormentata e sofferta ricerca di definizione di identità sessuale, la giovane, in preda a una confusa disperazione, decide di fuggire. Al di là di quel viaggio senza meta precisa, l’aspettano un ignoto che la sconvolgerà profondamente, amicizie affettuose di uomini e di donne che conforteranno le sue inquietudini e, finalmente, l’amore che aveva sempre sognato.

Non dimenticare chi sei

Effìa è nata in una notte di fuoco. Le fiamme dal bosco si sviluppano veloci senza sosta, travolgendo ogni cosa al loro passaggio. Ma lei, più forte, è sopravvissuta. Nonostante sua madre sia stata costretta a fuggire lontano da lei. Pochi anni dopo, in un villaggio vicino, nasce Esi. Amata e protetta dalla sua famiglia, cresce felice fino al giorno in cui tutto cambia all’improvviso. Due donne e un legame indistruttibile. Perché Effia ed Esi sono sorelle. Ma non lo sanno. E non lo sapranno mai. Non sapranno mai che quella collana che entrambe portano al collo è l’unica cosa che rimane loro della madre: un ciondolo di pietra nera che luccica come se fosse ricoperto di polvere d’oro. Un ciondolo in grado di dare conforto e speranza. Il destino le trascina distanti l’una dall’altra. Effia sposa di un governatore inglese, Esi venduta come schiava negli Stati Uniti. Eppure quello che le unisce va oltre il tempo, le distanze, le curve della vita. E generazione dopo generazione, decennio dopo decennio, quest’eredità fatta di opposti viene accolta da due ragazzi: Marcus e Marjorie. Non sanno nulla del loro passato, le loro origini si perdono in vecchi racconti e leggende. Non sanno che hanno il compito di riannodare quel filo spezzato anni e anni prima. Ma sanno che senza radici non si può costruire nessun futuro. Bisogna sapere da dove si viene per ritrovare sé stessi. Insieme sono pronti a farlo. Perché il ciondolo di pietra nera che Marjorie possiede, con Marcus accanto, vibra sulla pelle come se volesse raccontare una storia. Una storia che sepolta freme per tornare alla luce. Una storia sulle infinite strade che può percorrere il destino. Una storia sulla ricerca delle proprie radici. Una storia sull’amore che dà il coraggio di trovare risposte. Perché il futuro nasce dal passato. E solo conoscendo le nostre origini possiamo incamminarci verso il nuovo giorno.

Non devi dirlo a nessuno

Estate 1989. Luca, adolescente genovese, trascorre l’estate a Lamon, un piccolo centro sulle montagne del Veneto. Il suo migliore amico è Alessio, villeggiante e un po’ sfigato come lui. Il suo amore è Chiara, ma a lei piace Samuele, che ha già lo scooter e pure l’orecchino. Una sera, Luca e il fratellino Giorgio si addentrano nel bosco alla ricerca di un tasso. Lí si accorgono che due occhi li fissano dal buio. Scappano, convinti di essere seguiti, ma, arrivati alla porta di casa, si voltano e non vedono nessuno. C’era davvero una presenza che li spiava nascosta tra gli alberi? E chi guida la macchina nera che compare in paese qualche sera dopo e sembra pedinare Luca? Dopo il successo di A viso coperto, Premio Calvino 2012, Riccardo Gazzaniga torna con un romanzo in cui si mescolano paura, innocenza e tradimento. «Di nuovo si guardò intorno e di nuovo non vide nulla. Non c’era nessuno, a parte loro. Ma aveva visto quegli occhi, laggiú nel bosco. E quegli occhi avevano visto lui». «Quando è uscito A viso coperto quasi tutti hanno parlato di come il mio lavoro di poliziotto mi avesse aiutato a trasferire nel romanzo molta verità, e forse si aspettavano che scrivessi per sempre di polizia. Ma io non sono solo un poliziotto, sono uno scrittore. Sono uno che ama l’hard rock, i film dell’orrore, i libri di Stephen King. Sono stato un tredicenne che non credeva sarebbe mai riuscito a baciare una ragazza, un tredicenne che, attraversando il bosco, temeva sempre di trovare qualcuno in agguato. Il mio primo romanzo iniziava in uno stadio, fra celerini e ultrà che si affrontavano. Questo comincia sulle montagne, dove un ragazzino in vacanza si convince che qualcuno sia nascosto nel bosco. È certo di aver incrociato i suoi occhi, anche se nessuno dei grandi è disposto a credergli. Cosí fa l’unica cosa possibile a tredici anni: prova a cavarsela da solo. A crescere». Riccardo Gazzaniga

Non chiedermi quando: Romanzo per Dacia

Ci sono scrittrici che hanno fatto delle storie la propria vita, trasformando la propria vita in una storia irripetibile. Dacia Maraini è una di queste. Davanti all’inconfondibile azzurro dei suoi occhi ha sfilato una folla di personaggi straordinari, che tra le pagine di questo romanzo di rara e felice libertà narrativa prendono corpo e voce per farsi fotografia mobile di un’Italia che non c’è più. Lo sguardo intimo e acuto di Concita De Gregorio fa emergere dallo sfondo, come istantanee senza tempo, le figure di Fosco e Topazia, genitori ribelli e coraggiosi, gli amici intellettuali e artisti, da Pasolini a Maria Callas fino a Visconti, e poi Moravia e le passioni che hanno abitato l’esistenza di Dacia: il femminismo, il teatro, i viaggi. E la scrittura, infine, sempre e solo la scrittura, compagna fedele e termometro di una vita che solo come romanzo poteva essere raccontata.Intrecciando e mettendo a nudo i ricordi con il pudore e il coraggio del vero scrittore, Concita De Gregorio ci conduce per mano nelle luminose stanze della memoria di una delle autrici più amate dei nostri giorni. Dove l’eccezionalità diventa la regola e il mondo la nostra libertà. Un libro uguale a nessun altro.
**
### Sinossi
Ci sono scrittrici che hanno fatto delle storie la propria vita, trasformando la propria vita in una storia irripetibile. Dacia Maraini è una di queste. Davanti all’inconfondibile azzurro dei suoi occhi ha sfilato una folla di personaggi straordinari, che tra le pagine di questo romanzo di rara e felice libertà narrativa prendono corpo e voce per farsi fotografia mobile di un’Italia che non c’è più. Lo sguardo intimo e acuto di Concita De Gregorio fa emergere dallo sfondo, come istantanee senza tempo, le figure di Fosco e Topazia, genitori ribelli e coraggiosi, gli amici intellettuali e artisti, da Pasolini a Maria Callas fino a Visconti, e poi Moravia e le passioni che hanno abitato l’esistenza di Dacia: il femminismo, il teatro, i viaggi. E la scrittura, infine, sempre e solo la scrittura, compagna fedele e termometro di una vita che solo come romanzo poteva essere raccontata.Intrecciando e mettendo a nudo i ricordi con il pudore e il coraggio del vero scrittore, Concita De Gregorio ci conduce per mano nelle luminose stanze della memoria di una delle autrici più amate dei nostri giorni. Dove l’eccezionalità diventa la regola e il mondo la nostra libertà. Un libro uguale a nessun altro.

Non chiedermi di baciarti

Allyson Parker sapeva che lavorare alla Walker Costruzioni l’avrebbe messa a dura prova, mai avrebbe però immaginato che il suo capo, Daniel Walker, le avrebbe sconvolto la vita quasi fino a distruggerla. Allyson ha ventisei anni, parla cinque lingue e ha una fervida immaginazione; Daniel ne ha trentacinque, è bello, ricco, affascinante ed è fidanzato con una Barbie malefica. Dopo un anno da assistente tuttofare, Ally non riesce più a sopportare i modi bruschi di quel capo dagli occhi stupendi ed enigmatici e di cui si dice non abbia mai baciato. Quando lei comincia a ribellarsi tenendogli testa, si rende conto che il suo posto di lavoro potrebbe essere compromesso. Il destino, però, invece di allontanarla da quell’uomo dispotico e prepotente, del quale tuttavia non può più fare a meno, porta entrambi in Norvegia per un viaggio di lavoro. Lì esplodono rabbia e passione, una passione travolgente. Finché nella vita di Ally compare un altro uomo, un elegante e ricco imprenditore norvegese, Hansen Gunnar, colpito al cuore dalla bellezza di lei. Tra amore e odio, gelosia e attrazione, passione alienante e momenti di razionalità, Ally e Daniel dovranno scendere a patti con la realtà dei loro sentimenti. [L’AUTRICE] Ylenia Luciani ha 39 anni e vive a Sarzana con il marito e la figlia. Scrittrice esordiente ma sognatrice collaudata, divora due libri a settimana e da una decina di anni ha scoperto di avere un dono prezioso: la fantasia. Non chiedermi di baciarti è il primo romanzo in cui ha deciso di credere.
**
### Sinossi
Allyson Parker sapeva che lavorare alla Walker Costruzioni l’avrebbe messa a dura prova, mai avrebbe però immaginato che il suo capo, Daniel Walker, le avrebbe sconvolto la vita quasi fino a distruggerla. Allyson ha ventisei anni, parla cinque lingue e ha una fervida immaginazione; Daniel ne ha trentacinque, è bello, ricco, affascinante ed è fidanzato con una Barbie malefica. Dopo un anno da assistente tuttofare, Ally non riesce più a sopportare i modi bruschi di quel capo dagli occhi stupendi ed enigmatici e di cui si dice non abbia mai baciato. Quando lei comincia a ribellarsi tenendogli testa, si rende conto che il suo posto di lavoro potrebbe essere compromesso. Il destino, però, invece di allontanarla da quell’uomo dispotico e prepotente, del quale tuttavia non può più fare a meno, porta entrambi in Norvegia per un viaggio di lavoro. Lì esplodono rabbia e passione, una passione travolgente. Finché nella vita di Ally compare un altro uomo, un elegante e ricco imprenditore norvegese, Hansen Gunnar, colpito al cuore dalla bellezza di lei. Tra amore e odio, gelosia e attrazione, passione alienante e momenti di razionalità, Ally e Daniel dovranno scendere a patti con la realtà dei loro sentimenti. [L’AUTRICE] Ylenia Luciani ha 39 anni e vive a Sarzana con il marito e la figlia. Scrittrice esordiente ma sognatrice collaudata, divora due libri a settimana e da una decina di anni ha scoperto di avere un dono prezioso: la fantasia. Non chiedermi di baciarti è il primo romanzo in cui ha deciso di credere.

Non chiamarmi di lunedì

Dall’autrice del bestseller Buonanotte amore mio Per settimane in cima alle classifiche Greta vive a Milano, Patrik a Roma. Si conoscono quando lei viene ingaggiata dalla Betapharma, la società di Patrik, per occuparsi di un ridimensionamento del personale in un periodo di crisi aziendale. E lui, giovane ingegnere con possibilità di reinserirsi nel mondo del lavoro, è tra quelli destinati a essere messi in mobilità. Quando l’ipotesi diventa una certezza, oltre al posto, Patrik deve dire addio anche alla sua storia d’amore. Greta invece non riesce a troncare un rapporto che non la porta da nessuna parte: Cris, l’uomo con cui ha una relazione, ha una moglie e pare proprio non volerla lasciare. Quando Patrik, ormai fuori dalla Betapharma, decide di concedersi una pausa e andare a trovare degli amici sul lago d’Orta, il caso vuole che incontri proprio Greta, quella che aveva ribattezzato come “la Lady di ferro”… Un capolavoro tutto italiano! Hanno scritto dei suoi libri: «Un’altra storia di successo nata dal selfpublishing.» Il Corriere della Sera I migliori amori arrivano per caso… «Buonanotte amore mio è il romanzo ideale per una pausa dolce, una lettura che farà sognare gli animi più romantici.» La ragazza che annusava i libri «Lo stile dell’autrice è semplice e scorrevole, ma non per questo meno accattivante: infatti la storia coinvolge il lettore fin dalle prime pagine.» Insaziabili letture «È stato impossibile non appassionarsi ai due protagonisti tra battibecchi e piccoli colpi di scena. Una storia da favola.» Alla scoperta dei libri Daniela Volontéè nata a Como, ha una laurea in Economia e Commercio e una in Scienze della Comunicazione, e tra l’una e l’altra ha lavorato come impiegata. Il suo sogno era diventare correttrice di bozze, per poter conciliare lavoro e famiglia. Scrive per passione, ma lo fa a tempo pieno… perché vi dedica ogni minuto libero della sua giornata. Con la Newton Compton ha pubblicato Buonanotte amore mio, diventato subito un bestseller ai primi posti delle classifiche, L’amore è uno sbaglio straordinario e Non chiamarmi di lunedì.

Non c’è gusto senza te

Cos’hanno in comune una pasta alla Norma destrutturata e delle frittelle di zucchine? Un’ostia di polpo e un biscotto al cioccolato? Niente. Proprio come lo chef Massimiliano Vialardi e la foodblogger Caterina Malena. Lui propone una cucina dal forte impatto estetico, estremamente raffinata e algida. Lei dispensa ricette e consigli ereditati dalla nonna pugliese, pensati per donne che non hanno tempo di trascorrere mezza giornata in cucina “per rendere sferico il fumetto di pesce”. Eppure Caterina e Massimiliano dovranno imparare a collaborare per realizzare un progetto top secret, che potrebbe rappresentare la soluzione ai loro problemi. Caterina, infatti, ha perso il lavoro, ma la sua famiglia non lo sa e non lo deve sapere. Massimiliano, invece, ha bisogno di nuovi locali perché la madre ha deciso di trasformare il suo ristorante in una galleria d’arte temporanea. Così, anche se è l’ultima cosa che vorrebbero fare, i due si ritrovano a cucinare insieme, chiusi in una villa dove andare d’accordo sembra impossibile. Tra Milano, Cisternino di Brindisi e l’Oltrepò Pavese; tra programmi televisivi, battibecchi, tradimenti e impreviste riappacifciazioni, la schermaglia, nata dosando ingredienti e sguardi davanti alle telecamere si trasforma fra le mura della villa in una storia che cuoce a fuoco lento, profuma di cacao, ha un lato dolce tutto da scoprire… e lascia in bocca il gusto persistente dell’amore.
**

Non avrete il mio odio

**ALL’INDOMANI DELLA STRAGE AL TEATRO BATACLAN DI PARIGI,
UN UOMO RIMASTO VEDOVO SCRIVE UNA LETTERA AI TERRORISTI.**
**«Se ciò che chiamiamo Occidente ha un senso, questo senso palpita nelle parole con cui il signor Antoine Leiris si è rivolto ai terroristi che al Bataclan hanno ucciso sua moglie.»**
*Massimo Gramellini*
«Non avrete il mio odio» sono le parole di Antoine Leiris che il 17 novembre 2015 – all’indomani degli attentati di Parigi e della morte della moglie al Bataclan – Facebook ha diffuso nel mondo intero. Leiris, rimasto vedovo con un bimbo di diciassette mesi, prosegue in questo libro il «diario» di quei giorni. Le sue sono parole molto misurate – private e non politiche -, parole sobrie che travalicano l’evento in sé e che raccontano un lutto atroce, i mprovviso, il senso di perdita, il legame vitale con il figlio e i suoi timori per lui, lo smarrimento, il nuovo modo di dover guardare al mondo. È l’istantanea di un dolore, in questo sta la sua forza, quella di un uomo disarmato contro l’orrore (da qualsiasi parte provenga) eppure capace di ragionare e di esprimerlo.
**
### Sinossi
**ALL’INDOMANI DELLA STRAGE AL TEATRO BATACLAN DI PARIGI,
UN UOMO RIMASTO VEDOVO SCRIVE UNA LETTERA AI TERRORISTI.**
**«Se ciò che chiamiamo Occidente ha un senso, questo senso palpita nelle parole con cui il signor Antoine Leiris si è rivolto ai terroristi che al Bataclan hanno ucciso sua moglie.»**
*Massimo Gramellini*
«Non avrete il mio odio» sono le parole di Antoine Leiris che il 17 novembre 2015 – all’indomani degli attentati di Parigi e della morte della moglie al Bataclan – Facebook ha diffuso nel mondo intero. Leiris, rimasto vedovo con un bimbo di diciassette mesi, prosegue in questo libro il «diario» di quei giorni. Le sue sono parole molto misurate – private e non politiche -, parole sobrie che travalicano l’evento in sé e che raccontano un lutto atroce, i mprovviso, il senso di perdita, il legame vitale con il figlio e i suoi timori per lui, lo smarrimento, il nuovo modo di dover guardare al mondo. È l’istantanea di un dolore, in questo sta la sua forza, quella di un uomo disarmato contro l’orrore (da qualsiasi parte provenga) eppure capace di ragionare e di esprimerlo.
### Dalla seconda/terza di copertina
All’indomani della strage al teatro bataclan di parigi, un uomo rimasto vedovo scrive una lettera ai terroristi. «se ciò che chiamiamo occidente ha un senso, questo senso palpita nelle parole con cui il signor antoine leiris si è rivolto ai terroristi che al bataclan hanno ucciso sua moglie.» massimo gramellini.

Non aver paura di innamorarti

The Sweet Series Mia Kelly pensa di aver avuto tutto dalla vita. Si è laureata in uno dei college più prestigiosi d’America, sa suonare il pianoforte come una concertista classica, è l’adorata figlia di una madre affettuosa e di un padre anticonformista. Eppure ancora non sa cosa fare di preciso dopo la laurea, indecisa tra mettere a frutto il suo titolo di studio in economia o dedicarsi alla musica, la sua vera passione. Ma quando suo padre muore improvvisamente, Mia prende in mano le redini della propria vita: si trasferisce a New York e rileva l’attività della sua famiglia, un locale che è un’istituzione del quartiere, dove si ritrovano musicisti e artisti vari e dove conosce Will, un bellissimo chitarrista che sconvolge la sua routine. Il ragazzo, infatti, fa di tutto per starle vicino fino a diventare prima suo amico e poi il suo coinquilino. Nonostante le attenzioni di Will, Mia tiene a freno i suoi sentimenti, fino a quando… Quando la tua vita prende un’altra strada è l’occasione giusta per incontrare il vero amore Autrice bestseller USA Today «Vivace e dolce, Non aver paura di innamorarti ti si squaglia in bocca e ti tocca dritto il cuore!» Katy Evans, autrice bestseller del New York Times «Romantico e strappacuore, mi ha tenuto sveglia tutta la notte.» Aetas bookblog Renée CarlinoVive nella California del sud con il marito, due figli e il cane June. Quando non è sulla spiaggia con loro o non sta lavorando a un nuovo libro, ama leggere, andare ai concerti e mangiare cioccolata fondente. Non aver paura di innamorarti è il capitolo iniziale di una serie di romanzi romantici e il suo primo libro pubblicato in Italia.

Non avendo mai preso un fucile tra le mani. Antifasciste italiane alla guerra civile spagnola 1936-1939

Un libro straordinario che raccoglie storie di donne che rifiutano con coraggio il fascismo e il nazismo e traducono gli ideali politici in azione; donne che spesso condividono con i propri compagni rischi e ideali, per le quali l’amore e la politica sono strettamente uniti; donne che subiscono l’esilio, la prigionia; donne che partecipano alla guerra di Spagna come volontarie, certo, anche se “nessuno va volontariamente in guerra, ma è la necessità che ti porta ad agire e ad imparare cose che non ti saresti mai immaginata di dover, poter o saper fare”. Un affresco appassionante per comprendere anche l’eccezionalità della guerra di Spagna, dove le forze antifasciste di tutto il mondo si unirono e si riconobbero e dove l’antifascismo di ogni tipo e genere trovò nuova ispirazione, forza e vitalità.Realizzato in collaborazione con AICVAS.
**
### Sinossi
Un libro straordinario che raccoglie storie di donne che rifiutano con coraggio il fascismo e il nazismo e traducono gli ideali politici in azione; donne che spesso condividono con i propri compagni rischi e ideali, per le quali l’amore e la politica sono strettamente uniti; donne che subiscono l’esilio, la prigionia; donne che partecipano alla guerra di Spagna come volontarie, certo, anche se “nessuno va volontariamente in guerra, ma è la necessità che ti porta ad agire e ad imparare cose che non ti saresti mai immaginata di dover, poter o saper fare”. Un affresco appassionante per comprendere anche l’eccezionalità della guerra di Spagna, dove le forze antifasciste di tutto il mondo si unirono e si riconobbero e dove l’antifascismo di ogni tipo e genere trovò nuova ispirazione, forza e vitalità.Realizzato in collaborazione con AICVAS.