29537–29552 di 65579 risultati

E un’altra cosa…

Era ferma intenzione di Douglas Adams scrivere un sesto episodio della sua trilogia (ehm ehm) della Guida galattica per gli autostoppisti, ma la morte prematura nel 2001 gliel’ha impedito. A trent’anni dalla pubblicazione della Guida , però, un geniale e spassoso autore di bestseller come Eoin Colfer – creatore di quel misconosciuto e acclamatissimo antieroe che risponde al nome di Artemis Fowl – è stato incaricato di rimettere in moto l’esilarante e scombinata banda di viaggiatori dello spazio. C’è un immenso universo là fuori dove può succedere (e di solito succede) di tutto: il viaggio di Arthur Dent e Ford Prefect ricomincia… Arthur Dent (il leggendario protagonista della serie) ha ormai viaggiato in lungo e in largo per tutto lo spazio, quello conosciuto e quello sconosciuto. E – come c’era da aspettarsi – non è riuscito nemmeno lontanamente ad afferrare il senso della vita, dell’universo e di tutto il resto. Ma ora Arthur ha fatto ritorno sulla Terra e spera di potersi finalmente sorbire una buona tazza di tè. La sua speranza però si rivela destinata a evaporare insieme agli oceani terrestri, perché il suo pianeta sta per saltare per aria, un’altra volta…

È un problema

“Se vuoi la mia opinione, è morto di vecchiaia, e qualunque medico che si rispetti concorderebbe”. “Se avessi conosciuto mio nonno, anche tu troveresti incredibile il solo fatto che sia morto!”

È tutta vita

Stavano così bene insieme, cosa è successo alla loro vita? Cosa è successo ai due chiusi in una camera d’albergo con il cartello “non disturbare” sulla porta? Dove sono finite la passione, la complicità? Il romanzo è un’immersione nella vita quotidiana di una coppia, nell’evoluzione di un amore. Racconta la crisi che si scatena alla nascita di un figlio e, ancora di più, racconta di quando qualcosa rompe l’incantesimo tra due innamorati. E suggerisce, lascia intravedere una risposta, una via d’uscita. È come se i protagonisti dei suoi romanzi più amati, “Il giorno in più” o “Il tempo che vorrei”, si ritrovassero ad affrontare quello che viene dopo l’innamoramento, la responsabilità e la complessità dello stare insieme per davvero. Volo sorprende per la capacità di fotografare e dare un nome ai sentimenti, perfino quelli meno nobili e non per questo meno comuni. Si tratta di un romanzo diretto, sincero, spudorato. Leggendolo capita di ridere e commuoversi, come quando qualcosa ci riguarda da vicino.
**

E trentuno con la morte

Autunno 1919. Gabriele d’Annunzio ha conquistato Fiume e per sfidare i diplomatici franco-britannici ha deciso di invitarli a un beffardo banchetto nel manicomio del dottor Zoser, singolare e sinistra figura di psichiatra o, come si diceva allora, “alienista”. Poco dopo il pranzo, però, Zoser muore folgorato, apparentemente vittima di un cortocircuito mentre è nel suo laboratorio, chiuso ermeticamente dall’interno. Il tenente Marni, il legionario responsabile della sicurezza interna, non crede si sia trattato di un incidente. Troppi particolari inquietanti lo insospettiscono, troppe domande lo turbano: a cosa sono dovuti i numerosi decessi avvenuti tra i pazienti del dottore? E come faceva Zoser a possedere così tante fotografie scattate in diversi luoghi un attimo prima che questi divenissero teatro di immani tragedie? Dopo le celebri indagini di Dante Alighieri, con questo giallo ingegnoso e insolito Giulio Leoni mette in scena un altro personaggio celebre della nostra letteratura, il Vate d’Annunzio, alle prese con un impossibile delitto della “camera chiusa” e con un macchinario apparentemente in grado di fotografare il futuro…

È stato un attimo

È la vigilia di Natale. Santo si risveglia in uno dei bagni della Scala di Milano dopo essersi fulminato con l’interruttore difettoso. Santo è un manager di successo, direttore della filiale milanese di una multinazionale della pubblicità e ha costruito la sua fortuna su un mix di spregiudicatezza personale e abilità politica. Ma Santo non si ricorda più niente di tutto questo. La scarica elettrica gli ha bruciato gli ultimi dodici anni di vita e i suoi ricordi risalgono a quando era ancora un ventenne impegnato nel sociale, che viveva in una casa occupata cercando di sbarcare il lunario come giornalista free lance. Un uomo che non ha mai visto un telefono cellulare, che non ha mai sentito parlare di Euro o della guerra in Iraq, che non sa come usare internet o le carte di credito che scopre di avere in tasca. Un uomo assolutamente inadatto a vivere nel presente. Recuperare la memoria significherebbe ridiventare il cinico manager in cui si è trasformato negli anni che ha dimenticato, e Santo, tornato “quello di prima”, non lo vuole assolutamente. A costo di ricominciare da capo. Ma nei suoi anni perduti si nasconde un buco nero che Santo è costretto ad affrontare. La sua carriera da manager, infatti, ha avuto un balzo in avanti grazie alla tragica morte di quello che era il suo capo, caduto in mare dal suo yacht e annegato. E qualcuno sembra convinto che Santo non sia estraneo a quell’incidente…

È solo l’inizio, commissario Soneri

È una brutta giornata d’inverno. Dal suo ufficio in questura il commissario Soneri osserva innervosito la pioggia che cade a rovesci su Parma. Ma a distoglierlo da quello spettacolo deprimente arrivano, nel giro di poche ore, due drammatici annunci: il primo riguarda il suicidio di un giovane. Che si è impiccato in un vecchio albergo in abbandono, preparando con cura il proprio addio. Ha infatti una valigia di lusso accanto a sé ed è vestito con eleganza, però addosso non ha soldi né documenti. Soneri avvia l’indagine, mentre gli piomba addosso il secondo, tragico caso della giornata: un morto accoltellato. La vittima, per giunta, era un personaggio piuttosto noto in città: Elmo Boselli, leader del Sessantotto parmigiano, all’epoca grande agitatore di folle e seduttore impenitente. Il commissario intuisce che il movente politico non è la pista giusta e comincia a scavare nella vita di Boselli, inseguendo il filo di un suo antico, mai dimenticato amore, che lo conduce dall’Appennino emiliano fino al mare, nei borghi delle Cinque Terre. Dove, stranamente, approdano anche le ricerche sul misterioso suicida, un rumeno appartenente a un gruppo fascista di ultras della tifoseria spezzina. E lì, mentre riflette con amarezza sulle speranze e gli ideali di una generazione che sognava di trasformare il mondo ma ha lasciato una ben misera eredità ai suoi figli, Soneri riesce a ricomporre le tessere del complicato puzzle, identificando alla fine il colpevole.
**

E sarà la luce (Urania)

Questo celebre romanzo di James Tiptree – una star della fantascienza americana da scoprire e riscoprire – è un tour de force narrativo concentrato nell’ambito di una giornata. Su Damiem, piccolo e sperduto pianeta ai margini della galassia, gli alati e indifesi Dameii cercano di dimenticare le recenti violenze per il possesso delle Lacrime di Stella. Intanto la notte si avvicina e presto sarà visibile il fronte di nova provocato dalla Stella Assassinata. Nel corso di una sola notte, le esistenze di quindici persone radunate nella Stazione di Damiem verranno stravolte da una spietata gara di intrighi e di violenze, con il cosmo turbolento come unico testimone.
**
### Sinossi
Questo celebre romanzo di James Tiptree – una star della fantascienza americana da scoprire e riscoprire – è un tour de force narrativo concentrato nell’ambito di una giornata. Su Damiem, piccolo e sperduto pianeta ai margini della galassia, gli alati e indifesi Dameii cercano di dimenticare le recenti violenze per il possesso delle Lacrime di Stella. Intanto la notte si avvicina e presto sarà visibile il fronte di nova provocato dalla Stella Assassinata. Nel corso di una sola notte, le esistenze di quindici persone radunate nella Stazione di Damiem verranno stravolte da una spietata gara di intrighi e di violenze, con il cosmo turbolento come unico testimone.

È nata una star?

Tra le tante cose che una mamma non vorrebbe scoprire sul proprio figlio adolescente ce n’è una un po’ imbarazzante… a dire il vero molto imbarazzante. E non aiuta il fatto di venirla a sapere dalla vicina di casa pettegola, che una mattina ti fa trovare nela buca delle lettere un video accompagnato da un biglietto. Lynn non riesce a crederci: è suo figlio Mark quello in copertina. Il film ha un titolo non proprio edificante ed è vietato ai minori. Sì, insomma, Mark a quanto pare ha un talento nascosto, insospettato. E l’ha messo a frutto cimentandosi come pornostar. Come si affronta una novità del genere? Lynn deve dirlo a Dave, suo marito, e insieme dovranno parlarne con il ragazzo… forse da oggi nella loro famiglia niente sarà più come prima. O no? Ma se ci fosse un modo per prendere una cosa del genere per il verso giusto, anziché per quello sbagliato? Da questo libro il film con Luciana Littizzetto e Rocco Papaleo.

È lui o non è lui? (cerrrrto che è lui)

Il bersaglio della satira di Greggio, questa volta, sono tutti quelli che ci” attapirano”, in primo luogo politici, conduttori e giornalisti televisivi,facce note della vita mondana. Insieme a una serie di aneddoti esilaranti sui retroscena di trasmissioni come “Striscia la notizia” e su tutta la gente pazza e squinternata che popola il mondo dello spettacolo e la vita politica.il pavimento della celebre cattedrale, la giovane olandese protagonista del romanzo, vivrà una storia d’amore sospesa tra la realtà e il sogno.

E liberaci dal padre. Ediz. a caratteri grandi

Il tranquillo villaggio inglese di Keldale è lo sfondo di un delitto tanto atroce quanto inspiegabile: Roberta, adolescente introversa, viene trovata accanto al cadavere decapitato del padre e le sue uniche parole sono una confessione senza la minima ombra di pentimento. Il parroco, convinto dell’innocenza della ragazza, si reca di persona a Londra per convincere Scotland Yard ad affidare le indagini all’ispettore Thomas Lynley. Coadiuvato dal sergente Barbara Havers, Lynley indagherà nel passato della famiglia di Roberta, scoprendo che la giovanissima madre e la sorella più grande sono scomparse in circostanze misteriose.

E liberaci dal padre

Il tranquillo villaggio inglese di Keldale è lo sfondo di un delitto tanto atroce quanto inspiegabile: Roberta, adolescente introversa, viene trovata accanto al cadavere decapitato del padre e le sue uniche parole sono una confessione senza la minima ombra di pentimento. Il parroco, convinto dell’innocenza della ragazza, si reca di persona a Londra per convincere Scotland Yard ad affidare le indagini all’ispettore Thomas Lynley. Coadiuvato dal sergente Barbara Havers, Lynley indagherà nel passato della famiglia di Roberta, scoprendo che la giovanissima madre e la sorella più grande sono scomparse in circostanze misteriose.

È lì che voglio arrivare

Nuoro, una sera di agosto un ragazzo e una ragazza si incontrano e lui perde la testa per lei. Ma lei, la sera stessa, preferisce le attenzioni di un altro, provocando in lui una reazione violenta e inaspettata. In un secondo tutto cambia, e cambia con una velocità che è più di quanto sia umano sopportare. E di colpo lui desidera di trovarsi a Nassiriya, con un campo minato davanti, pronto a saltare in aria. Perché esiste una strada per andare nel posto dove vuole andare, dove lei, Marina, lo sta aspettando. Lì di questo corpo non c’è bisogno. È lì che vuole arrivare.

E le stelle brillano ancora

Lara Cameron, affascinante scozzese trasferitasi negli USA, ha creato un immenso patrimonio, nella sua ascesa da un’infanzia misera fino ai più alti livelli del mondo finanziario. Ma le sue burrascose relazioni sentimentali e le indagini sul suo passato minacciano la sua felicità.
**

E l’uomo incontrò il cane

A Konrad Lorenz è stato conferito il Premio Nobel 1973 per la medicina in riconoscimento della sua opera fondatrice di una scienza che rivela sempre più la sua enorme portata: l’etologia. Ma Lorenz non è soltanto un grande scienziato: pochi libri hanno affascinato così tanti lettori in questi ultimi anni come le storie di animali da lui magistralmente raccontate nell’*Anello di Re Salomone*. Ora, in *E l’uomo incontrò il cane*, il lettore troverà una sorta di proseguimento di quelle storie, tutto dedicato all’animale che più di ogni altro crediamo di conoscere e sul quale però tante cose abbiamo da scoprire – il cane. Lorenz ci guida qui innanzitutto verso le origini dell’«incontro» fra l’uomo e il cane, quando il rapporto era piuttosto con i due, assai differenti, antenati dei cani attuali: lo sciacallo e il lupo. Queste origini lasciano le loro tracce in tutte le complesse forme di intesa, obbedienza, odio, fedeltà, nevrosi che si sono stabilite nel corso della storia fra cane e padrone. Spesso ricorrendo a dei casi a lui stesso avvenuti, Lorenz riesce in queste pagine a illuminare rapidamente tutto l’arco della «caninità» con la grazia di un vero narratore, con la precisione e la sottigliezza di uno scienziato che ha aperto nuove vie proprio nello studio di questi temi, con la fertile intelligenza di un pensatore che, attraverso le sue ricerche sugli animali, è riuscito a porre i problemi umani in una nuova luce.

E Johnny prese il fucile

Considerata l’opera narrativa più sconvolgente sugli orrori della guerra E Johnny prese il fucile è un romanzo in cui viene descritta, e per così dire materializzata, la condizione di “torso umano” del soldato Johnny: di un soldato che sopravvive grazie a un prodigio della chirurgia alle mutilazioni subite in guerra. La mente è l’unica cosa che gli è rimasta: Johnny rievoca il suo passato, le prime esperienze, l’amore, l’amicizia, e la superficialità con cui una guerra senza chiari motivi può travolgere gli individui, trascinandoli in un irresponsabile e complice stato di incoscienza. Uscito negli Stati Uniti nel 1939 E Johnny prese il fucile è romanzo di pacifismo integrale (Trumbo ne trasse un film che diresse egli stesso nel 1971, e che fu tra i prediletti di François Truffaut), e la voce di Johnny tutt’ora intatta – come scrive Goffredo Fofi – è quella di un Lazzaro indomito e sarcastico: “Cantate cantate forte per me i vostri alleluia tutti i vostri alleluia per me perché io conosco la verità e voi no sciocchi. Sciocchi sciocchi sciocchi.”

È iniziata così

‘Penelope Lively mescola nella sua scrittura partecipazione e distacco, commozione e ironia, regalandoci un racconto cechoviano che risulta divertente, a tratti perfino comico, e insieme malinconico nella sua consapevolezza del passare del tempo e delle occasioni perse.’
**The New York Times su È iniziata così**
‘Penelope Lively scrive così bene, assaporando ogni singola parola.’
**The Daily Telegraph**
‘Penelope Lively si conferma bravissima, capace di emozioni forti, durature, pervasive, nonostante la scrittura elegantissima.’
**D di Repubblica**
Sette vite trasformate da un singolo, minuscolo evento, travolte dalla valanga scatenata in una mattina di aprile a Londra dallo scippo dell’anziana Charlotte, che costringe la figlia Rose a rinunciare ad accompagnare a Manchester il suo datore di lavoro, Lord Henry Peters, celebre professore di storia, il quale decide allora di portare con sé la nipote Marion, costretta a inviare al proprio amante un messaggio, puntualmente intercettato dalla moglie, che in questo modo scopre la loro relazione… Una sequenza apparentemente inarrestabile. Perché se il battito d’ali di una farfalla può scatenare una tempesta, se le dimensioni del naso di Cleopatra avrebbero potuto mutare la storia di Roma – un’idea che affascina il professor Peters -, a maggior ragione le nostre minuscole esistenze personali sono in balia del caso: le scelte che crediamo di compiere sono modellate da circostanze esterne su cui non abbiamo alcun controllo e una persona che non abbiamo mai nemmeno incontrato può alterare per sempre il nostro destino. Penelope Lively mette le sue doti narrative al servizio di questa teoria, seguendo con il consueto sguardo caloroso ed empatico un cast di personaggi, cesellati con perizia e amore, dentro e fuori dalle loro vicende intrecciate e mostrandoci come, malgrado tante svolte arbitrarie e imprevedibili, l’avventura della vita valga davvero la pena di essere vissuta fino in fondo.
‘I romanzi della Lively rispecchiano sempre l’ironia che la vita concede alle persone che sanno guardare altrove.’
**Publishers Weekly**
‘Penelope Lively sa cogliere perfettamente ciò che si nasconde sotto la superficie della vita delle persone.’
**The Scotsman**
(source: Bol.com)