29057–29072 di 65579 risultati

Il gioco della Donnola: Un caso di Alex Cross

Geoffrey Shafer, funzionario dell’ambasciata inglese a Washington: un mostro in abito scuro, camicia firmata e cravatta. Un individuo spietato, che si nasconde sotto una maschera di rettitudine e rispettabilità. Un serial killer che ha deciso di giocare la partita più folle di tutte. Perché in palio vuole mettere la sua stessa vita. Alex Cross, detective della squadra omicidi di Washington: un tenace poliziotto disposto a qualsiasi cosa pur di fermare la «Donnola», un assassino che si è macchiato di una serie di spaventosi delitti senza movente e senza legami tra loro. Rischiando di perdere il lavoro, la reputazione, e soprattutto la donna che ama, Cross deve affrontare il caso più agghiacciante e anomalo della sua carriera. Il gioco della Donnola: un thriller di enorme impatto, vibrante di suspense in ogni pagina, inquietante, tesissimo. Un nuovo, imperdibile caso del detective Alex Cross, una riconferma della eccezionale abilità narrativa di James Patterson.James Patterson è autore della serie “Alex Cross”1 – Ricorda Maggie Rose2 – Il collezionista 3 – Jack & Jill 4 – Gatto & topo5 – Il gioco della Donnola6 – Mastermind 7 – Ultima mossa8 – Il caso Bluelady9 – La tana del lupo10 – Ultimo avvertimento11 – Sulle tracce di Mary12 – La memoria del killer13 – Il regista degli inganni14 – L’istinto del predatore15 – Il segno del male16 – Il ritorno del killer17 – Uccidete Alex Cross18 – Buone feste, Alex Cross

Il gioco dell’angelo

Nella tumultuosa Barcellona degli anni Venti, il giovane David Martín cova un sogno, inconfessabile quanto universale: diventare uno scrittore. Quando la sorte inaspettatamente gli offre l’occasione di pubblicare un suo racconto, il successo comincia infine ad arridergli. È proprio da quel momento tuttavia che la sua vita inizierà a porgli interrogativi ai quali non ha immediata risposta, esponendolo come mai prima di allora a imprevedibili azzardi e travolgenti passioni, crimini efferati e sentimenti assoluti, lungo le strade di una Barcellona ora familiare, più spesso sconosciuta e inquietante, dai cui angoli fanno capolino luoghi e personaggi che i lettori de “L’ombra del vento” hanno già imparato ad amare. Quando David si deciderà infine ad accettare la proposta di un misterioso editore – scrivere un’opera immane e rivoluzionaria, destinata a cambiare le sorti dell’umanità -, non si renderà conto che, al compimento di una simile impresa, ad attenderlo non ci saranno soltanto onore e gloria.
**

Il gioco del serial killer

EDIZIONE SPECIALE: CONTIENE UN ESTRATTO DEL NUOVO ROMANZO Una grande autrice di gialli italiani Un caso da risolvere In una Napoli semideserta a causa delle vacanze, uno spietato serial killer ha preso di mira giovani donne. Le violenta, le tortura, le uccide e poi le abbandona in zone poco trafficate. La Polizia brancola nel buio e Andrea, che indaga sugli omicidi, è a corto di indizi. L’unica possibilità per risolvere il caso sembra essere quella di esporsi in prima persona, di fare da esca sperando che l’assassino abbocchi…Diana LamaVive a Napoli, è medico specialista in Chirurgia del cuore e grossi vasi e lavora come ricercatrice universitaria. I suoi romanzi (Rossi come lei, Premio Alberto Tedeschi; Solo tra ragazze; La sirena sotto le alghe; Il circo delle meraviglie) sono tradotti in Francia, Germania, Russia e Canada. Ha pubblicato molti racconti, alcuni dei quali sono stati tradotti in USA e Gran Bretagna. Di recente una sua short story è stata pubblicata sul prestigioso «Ellery Queen Mystery Magazine». È fondatrice e presidente di Napolinoir, l’associazione dei giallisti napoletani, e creatrice del Premio letterario per ragazzi ParoleinGiallo.

Il gioco degli specchi

“Il commissario Montalbano si tiene costantemente d’occhio. È frastornato dai trasognamenti. Qualcuno gioca ingegnosamente con lui. Misura i passi del commissario. Li indirizza. Li spinge là dove è inutile che vadano: lungo piste che, se sono giuste, si rendono irriconoscibili, si cancellano, o si labirintizzano. Montalbano ha una sua cultura cinematografica. E gli viene in mente il vecchio film ‘La signora di Shanghai’ di Orson Welles: il torbido noir, con tutti i suoi scombussolamenti, e tutti i suoi illusionismi barocchi. Montalbano entra nel film. E vede se stesso disorientato, dentro la scena finale, nella sala degli specchi di un padiglione del Luna Park. Il prodigio degli specchi altera lo spazio visibile. Si spara. Ma non si capisce se i bersagli sono reali o esito di un gioco di specchi. Un villino, un giro di macchine, una storia d’amore un po’ scespiriana, due esplosioni apparentemente insensate, un proiettile senza tracciabile direzione, una coppia di cadaveri, bruciato uno, bestialmente violentato l’altro, entrano nella trama del romanzo. La narrazione si concede focali corte, inquadrature insolite, avanzamenti lentissimi alternati a piani-sequenza vertiginosi. Scorre come un film. Turba e sconvolge, ma non si nega qualche respiro ludico, utile anch’esso alla soluzione del giallo. Persino Catarella ha il suo momento di gloria, alla fine.” Salvatore Silvano Nigro

Gioco crudele

Port Arbello, una tranquilla cittadina dell’America d’oggi, dove il delitto e la violenza sono sconosciuti. Ma a Port Arbello, cento anni fa, una bambina è stata violentata e assassinata, e un uomo, suo padre, si è gettato in mare. I Conger e la loro casa, la grande casa sul promontorio che si affaccia sull’oceano. La leggenda di una caverna maledetta, inutilmente cercata per intere generazioni, dove il destino ha deciso che succederanno cose orribili. Due bambine, la dolce Elizabeth e la povera Sarah persa nel mondo della schizofrenia, che giocano con la tavoletta oui-ja e vengono raggiunte dallo spirito di Beth. E il terrore che si scatena, i bambini di Port Arbello che cominciano a scomparire, a vivere l’allucinante esperienza di una tragedia vecchia di un secolo ma sempre uguale nel tempo… Perché l’innocenza muore subito, mentre il male vive ancora, e ancora, e ancora. Un capolavoro di orrore sovrannaturale.

Il gioco (Romanzi Hot Secrets)

I gusti sessuali di Sophie sono sempre stati, come dire… selvaggi, è questa la parola giusta. Ed è una delle cose che il suo fidanzato ama di lei. Adora quel suo essere così priva di inibizioni, quel suo donarsi in ogni centimetro di pelle. Solo una parte del suo corpo non appartiene del tutto a Lloyd: il cuore. Per conquistarlo, Lloyd le propone un gioco: ogni settimana metterà a punto diverse sfide ad alto tasso erotico. Se Sophie non riuscirà a superarle, o si tirerà indietro, dovrà finalmente decidersi ad andare a vivere con lui. In un vortice sempre più intenso di sensazioni ed emozioni, Sophie cerca di capire cosa la soddisfa. Cosa vuole. E se Lloyd fa davvero parte dei suoi desideri. Il gioco si fa forse troppo pericoloso per lui… Visti i contenuti espliciti se ne consiglia la lettura a un pubblico adulto.

Giochi pericolosi (eLit)

L’ex agente Stacy Killian si è trasferita a New Orleans nella speranza di dimenticare gli orrori di cui è stata testimone nel suo passato. Ma quando scopre Cassie, la sua vicina di casa, freddata da due pallottole nella schiena, il suo istinto di poliziotto riprende il sopravvento. Determinata a vendicare l’amica, non tiene in considerazione i consigli della polizia e indaga lei stessa nel mondo dei giochi di ruolo di cui la vittima era seguace. Molto presto la pista si rivela quella giusta. Un’altra persona viene trovata morta. Poi un’altra ancora. Le morti, sempre più vicine, riguardano uomini e donne che sono entrati in contatto con Leo Noble, inventore fortunato di un gioco di ruolo molto apprezzato tra i nuovi adepti. Un gioco nero e violento in cui i partecipanti si affrontano l’uno dopo l’altro fino a quando ne resta uno solo. Stacy comprende allora che l’assassino ha ingaggiato una partita reale con la polizia. Nello spirito malato di quest’individuo dimora una sola regola: uccidere. Uccidere fino all’ultimo avversario per restare l’unico, incontrastato, padrone del gioco.
**
### Sinossi
L’ex agente Stacy Killian si è trasferita a New Orleans nella speranza di dimenticare gli orrori di cui è stata testimone nel suo passato. Ma quando scopre Cassie, la sua vicina di casa, freddata da due pallottole nella schiena, il suo istinto di poliziotto riprende il sopravvento. Determinata a vendicare l’amica, non tiene in considerazione i consigli della polizia e indaga lei stessa nel mondo dei giochi di ruolo di cui la vittima era seguace. Molto presto la pista si rivela quella giusta. Un’altra persona viene trovata morta. Poi un’altra ancora. Le morti, sempre più vicine, riguardano uomini e donne che sono entrati in contatto con Leo Noble, inventore fortunato di un gioco di ruolo molto apprezzato tra i nuovi adepti. Un gioco nero e violento in cui i partecipanti si affrontano l’uno dopo l’altro fino a quando ne resta uno solo. Stacy comprende allora che l’assassino ha ingaggiato una partita reale con la polizia. Nello spirito malato di quest’individuo dimora una sola regola: uccidere. Uccidere fino all’ultimo avversario per restare l’unico, incontrastato, padrone del gioco.

I giochi della morte

Una serie di racconti incentrati sul tema delle dicerie riguardanti la morte, scritti in forma di poesia da Mario Corticelli e illustrati da Michele Petrucci. Al libro, stampato in tiratura limitata, è allegata una serigrafia a due colori realizzata in 999 esemplari numerati e firmata da Michele Petrucci.

Giochi al buio

Toni Morrison, Premio Nobel per la Letteratura 1993, “legge” alcuni scrittori americani di razza bianca da Willa Cather a Edgard Allan Poe a Hawthorne, da Hermann Melville a Mark Twain a Ernest Hemingway. Con argomentazioni affascinanti mette in luce come le caratteristiche tipiche della letteratura americana (l’individualismo, la virilità, lo scontro tra il candore e l’innocenza e le rappresentazioni del male) siano dovuti a una costante “influenza” africana.
**

La giocatrice di scacchi

A quarantadue anni, con due figli già grandi e un matrimonio ormai annegato nella noia del quotidiano, Eleni non ha più grandi ambizioni. Lavorare come cameriera in un albergo di Naxos, l’isola greca da cui non si è mai allontanata, le sembra un buon modo per concedersi un po’ d’evasione: uno svolazzo di profumo sconosciuto o una frase rubata in qualche lingua straniera le bastano per sognare altre vite, altri luoghi, e per sentirsi dopotutto soddisfatta. Poi, un giorno, l’imprevisto: rassettando in una stanza, si imbatte in una scacchiera su cui è in corso una partita, e per magia il gioco degli scacchi, che non aveva mai imparato, la cattura. Sarà l’inizio di una passione clandestina che la porterà fuori dai binari della quotidianità, donandole una voglia di vivere del tutto nuova e inappropriata in una piccola isola di provincia: ma lei, contro tutto e tutti, resisterà.

La giocatrice di go

A metà degli anni Trenta, in Manciuria, mentre infuria la guerra civile tra Giappone e Cina, una ragazza sedicenne cinese, appassionata del gioco del go, incontra un ufficiale giapponese in incognito. Tra i due comincia una relazione che si sviluppa e si consuma solo attraverso le mosse del gioco, praticato sulla piazza di un paese, ma si nutre poco a poco di reciproche confessioni, fino a diventare amore. Ma la guerra avanza, e la ragazza viene strappata ai suoi giochi per fronteggiare un destino che avrà il suo compimento nell'ultimo fatale incontro con l'ufficiale giapponese.

I giocatori di Titano

La popolazione terrestre si è enormemente ridotta dopo che una guerra globale ha devastato il pianeta rendendo sterile la maggior parte dell’umanità.
Le macchine intelligenti sorvegliano la vita quotidiana; le automobili e le farmacie parlano e litigano con gli utenti, e molti, in modo ossessivo, giocano a Bluff, un gioco di gruppo che accoppia in modo sempre diverso gli individui, creando e sciogliendo matrimoni senza interruzione, in una paradossale lotteria che premia la fortuna dell’ambita fertilità. Ma il Bluff attrae anche i misteriosi invasori del pianeta Terra, i telepatici vug provenienti da Titano, che in nome di una tregua apparente aiutano i superstiti umani nella ricostruzione del loro mondo. E il gioco, tentazione universale, sembra coinvolgere anche questi misteriosi visitatori. Pubblicato nel 1963, l’anno dell’uccisione del presidente Kennedy, I giocatori di Titano racconta in chiave metafisica il turbamento profondo degli anni Sessanta, e rappresenta una delle punte più alte e raffinate della produzione narrativa di Dick.

I giocatori di Titano (Fanucci Narrativa)

La popolazione terrestre si è enormemente ridotta dopo che una guerra globale ha devastato il pianeta rendendo sterile la maggior parte dell’umanità.
Le macchine intelligenti sorvegliano la vita quotidiana; le automobili e le farmacie parlano e litigano con gli utenti, e molti, in modo ossessivo, giocano a Bluff, un gioco di gruppo che accoppia in modo sempre diverso gli individui, creando e sciogliendo matrimoni senza interruzione, in una paradossale lotteria che premia la fortuna dell’ambita fertilità. Ma il Bluff attrae anche i misteriosi invasori del pianeta Terra, i telepatici vug provenienti da Titano, che in nome di una tregua apparente aiutano i superstiti umani nella ricostruzione del loro mondo. E il gioco, tentazione universale, sembra coinvolgere anche questi misteriosi visitatori. Pubblicato nel 1963, l’anno dell’uccisione del presidente Kennedy, I giocatori di Titano racconta in chiave metafisica il turbamento profondo degli anni Sessanta, e rappresenta una delle punte più alte e raffinate della produzione narrativa di Dick.
**
### Sinossi
La popolazione terrestre si è enormemente ridotta dopo che una guerra globale ha devastato il pianeta rendendo sterile la maggior parte dell’umanità.
Le macchine intelligenti sorvegliano la vita quotidiana; le automobili e le farmacie parlano e litigano con gli utenti, e molti, in modo ossessivo, giocano a Bluff, un gioco di gruppo che accoppia in modo sempre diverso gli individui, creando e sciogliendo matrimoni senza interruzione, in una paradossale lotteria che premia la fortuna dell’ambita fertilità. Ma il Bluff attrae anche i misteriosi invasori del pianeta Terra, i telepatici vug provenienti da Titano, che in nome di una tregua apparente aiutano i superstiti umani nella ricostruzione del loro mondo. E il gioco, tentazione universale, sembra coinvolgere anche questi misteriosi visitatori. Pubblicato nel 1963, l’anno dell’uccisione del presidente Kennedy, I giocatori di Titano racconta in chiave metafisica il turbamento profondo degli anni Sessanta, e rappresenta una delle punte più alte e raffinate della produzione narrativa di Dick.

Il giocatore

Cura e traduzione di Mauro MartiniEdizione integraleAccanito, e non fortunatissimo, giocatore per molti anni, Dostoevskij scrisse di getto questo romanzo in soli ventotto giorni nell’ottobre del 1866. Pretesto autobiografico è anche la roulette, attraverso la quale Aleksej Ivanovič, un classico intellettuale russo sradicato, fa passare la linea di demarcazione fra la Russia e l’Europa. Sperando nella vincita in grado di riportarlo nel novero degli esseri umani, il giocatore non mira tanto al denaro, quanto alla possibilità di soggiogare, lui russo, l’intero Vecchio Continente, rappresentato dai «tipi» del francese, dell’inglese e del tedesco (De Grieux, mister Astley e il barone). L’universo di Roulettenburg, l’immaginaria stazione termale renana in cui si svolge l’azione, si trasforma via via nella raffigurazione di un mondo interiore mai completamente dominato, ma sempre esposto, pur nella sua fissità, agli attesi colpi di un avverso destino.Fëdor M. DostoevskijFëdor Michajlovic Dostoevskij nacque a Mosca nel 1821. Da ragazzo, alla notizia della morte del padre, subì il primo attacco di epilessia, malattia che lo tormentò per tutta la vita. Nel 1849 lo scrittore, a causa delle sue convinzioni socialiste, venne condannato a morte. La pena fu poi commutata in quattro anni di lavori forzati in Siberia e nell’esilio fino al 1859. Morì a San Pietroburgo nel 1881. È forse il più grande narratore russo e uno dei classici di tutti i tempi. Le sue opere e i suoi personaggi, intensi, drammatici, affascinanti, sono attuali e modernissimi. La Newton Compton ha pubblicato L’adolescente, Delitto e castigo, I demoni, I fratelli Karamazov, Il giocatore, L’idiota, Memorie dal sottosuolo, Le notti bianche – La mite – Il sogno di un uomo ridicolo anche in volumi singoli.

Giocando col fuoco

Elizabeth vuole solo scappare: dalla cittadina in cui è nata e cresciuta; dalle persone che la circondano; da chi le ha giurato fedeltà eterna e poi le ha spezzato il cuore. Così accetta di slancio l’invito della zia, che le offre di trasferirsi per qualche tempo nel suo lussuoso appartamento di Londra. E di slancio finisce tra le braccia di Dominic, il ricco e affascinante vicino di casa, con cui passa una notte di travolgente passione. Ma Dominic deve alimentare un fuoco ben diverso da quello dell’amore: nel suo animo, divampa un’ossessione per il controllo, per le pratiche sessuali estreme, per gli impulsi più inconfessabili. E forse Elizabeth è troppo innocente per affidarsi a quell’uomo così tormentato… Sarà capace di superare ogni inibizione pur di restare con lui? Sarà disposta ad annullare la propria volontà in nome del piacere? Sarà in grado di dar sfogo a quella parte di sé di cui non sospettava nemmeno l’esistenza? Giocando col fuoco ci si può bruciare. Oppure si può diventare un’unica, ardente fiamma di passione…
**
### Sinossi
Elizabeth vuole solo scappare: dalla cittadina in cui è nata e cresciuta; dalle persone che la circondano; da chi le ha giurato fedeltà eterna e poi le ha spezzato il cuore. Così accetta di slancio l’invito della zia, che le offre di trasferirsi per qualche tempo nel suo lussuoso appartamento di Londra. E di slancio finisce tra le braccia di Dominic, il ricco e affascinante vicino di casa, con cui passa una notte di travolgente passione. Ma Dominic deve alimentare un fuoco ben diverso da quello dell’amore: nel suo animo, divampa un’ossessione per il controllo, per le pratiche sessuali estreme, per gli impulsi più inconfessabili. E forse Elizabeth è troppo innocente per affidarsi a quell’uomo così tormentato… Sarà capace di superare ogni inibizione pur di restare con lui? Sarà disposta ad annullare la propria volontà in nome del piacere? Sarà in grado di dar sfogo a quella parte di sé di cui non sospettava nemmeno l’esistenza? Giocando col fuoco ci si può bruciare. Oppure si può diventare un’unica, ardente fiamma di passione…