27665–27680 di 68366 risultati

Spiacente, non sei il mio tipo

**Lo vorrai rileggere altre mille volte 
Romantico, ironico e sorprendente**
Sara e Teo non potrebbero essere più diversi. Lei lavora come ricercatrice all’università, lui è un figlio di papà che presto o tardi erediterà una casa di produzione televisiva. Lei è bassina, ha forme morbide ed è poco appariscente, lui è il classico playboy sbruffone. In sostanza non hanno nulla in comune se non, a quanto pare, un’indiscussa antipatia per i matrimoni. Ed è proprio a una cerimonia di nozze che si conoscono e hanno modo di trovarsi insopportabili a vicenda. La reciproca e dichiarata incompatibilità non impedisce loro di dare inizio a un battibecco che li porta, un po’ per sfida, un po’ per gioco, a oltrepassare il limite… Ma nessuno dei due dà peso alla cosa: sono perfettamente consapevoli di non piacersi e che non si incontreranno mai più. I piani del destino sono però ben altri. Dopo una vita passata a dissipare soldi senza realizzare granché, Teo è costretto dal padre a riprendere a frequentare l’università: in caso contrario potrà dire addio al suo lavoro nell’azienda di famiglia. E il caso vuole che una delle sue docenti sia proprio l’insopportabile ragazza conosciuta mesi prima a un matrimonio…
***«Non è assolutamente il mio tipo, ma non sopporto l’idea di farmi rifiutare.»*
Hanno scritto dei suoi libri:**
«Era una vita che non ridevo così tanto leggendo un libro.»
«Ormai posso affermare che quest’autrice è diventata una delle mie preferite. Le sue storie non deludono mai.»
**Anna Zarlenga**
nata a Napoli nel 1979, è laureata in Lettere moderne. Insegnante e madre a tempo pieno, blogger e lettrice per diletto, ha cominciato a sperimentare la scrittura un po’ per gioco. Da quel momento non si è più fermata.
**
### Sinossi
**Lo vorrai rileggere altre mille volte 
Romantico, ironico e sorprendente**
Sara e Teo non potrebbero essere più diversi. Lei lavora come ricercatrice all’università, lui è un figlio di papà che presto o tardi erediterà una casa di produzione televisiva. Lei è bassina, ha forme morbide ed è poco appariscente, lui è il classico playboy sbruffone. In sostanza non hanno nulla in comune se non, a quanto pare, un’indiscussa antipatia per i matrimoni. Ed è proprio a una cerimonia di nozze che si conoscono e hanno modo di trovarsi insopportabili a vicenda. La reciproca e dichiarata incompatibilità non impedisce loro di dare inizio a un battibecco che li porta, un po’ per sfida, un po’ per gioco, a oltrepassare il limite… Ma nessuno dei due dà peso alla cosa: sono perfettamente consapevoli di non piacersi e che non si incontreranno mai più. I piani del destino sono però ben altri. Dopo una vita passata a dissipare soldi senza realizzare granché, Teo è costretto dal padre a riprendere a frequentare l’università: in caso contrario potrà dire addio al suo lavoro nell’azienda di famiglia. E il caso vuole che una delle sue docenti sia proprio l’insopportabile ragazza conosciuta mesi prima a un matrimonio…
***«Non è assolutamente il mio tipo, ma non sopporto l’idea di farmi rifiutare.»*
Hanno scritto dei suoi libri:**
«Era una vita che non ridevo così tanto leggendo un libro.»
«Ormai posso affermare che quest’autrice è diventata una delle mie preferite. Le sue storie non deludono mai.»
**Anna Zarlenga**
nata a Napoli nel 1979, è laureata in Lettere moderne. Insegnante e madre a tempo pieno, blogger e lettrice per diletto, ha cominciato a sperimentare la scrittura un po’ per gioco. Da quel momento non si è più fermata.

Spiacente non sei il mio tipo

Sara e Teo non potrebbero essere più diversi. Lei lavora come ricercatrice all’università, lui è un figlio di papà che presto o tardi erediterà una casa di produzione televisiva. Lei è bassina, ha forme morbide ed è poco appariscente, lui è il classico playboy sbruffone. In sostanza non hanno nulla in comune se non, a quanto pare, un’indiscussa antipatia per i matrimoni. Ed è proprio a una cerimonia di nozze che si conoscono e hanno modo di trovarsi insopportabili a vicenda. La reciproca e dichiarata incompatibilità non impedisce loro di dare inizio a un battibecco che li porta, un po’ per sfida, un po’ per gioco, a oltrepassare il limite… Ma nessuno dei due dà peso alla cosa: sono perfettamente consapevoli di non piacersi e che non si incontreranno mai più. I piani del destino sono però ben altri. Dopo una vita passata a dissipare soldi senza realizzare granché, Teo è costretto dal padre a riprendere a frequentare l’università: in caso contrario potrà dire addio al suo lavoro nell’azienda di famiglia. E il caso vuole che una delle sue docenti sia proprio l’insopportabile ragazza conosciuta mesi prima a un matrimonio…
**

Spettro del passato

Timothy Zahn fa il suo trionfale ritorno nell’Universo di Star Wars in questa prima parte di un’epica serie in due volumi dove la Nuova Repubblica dovrà affrontare il nemico più pericoloso incontrato finora: un defunto condottiero imperiale.SINOSSI:L’Impero è sull’orlo del collasso totale, ma per ultimo si è riservato il suo piano più atroce. Prima di tutto viene ordita una congiura che potrebbe distruggere la Nuova Repubblica nel sangue del genocidio e della guerra civile. Poi arriva la sconvolgente notizia che il Grande Ammiraglio Thrawn, il più astuto e spietato condottiero della Storia, sembra tornato dal regno dei morti per condurre l’Impero a una vittoria preconizzata da tempo. Nonostante l’incredibile avversità delle circostanze, Han e Leia iniziano una disperata corsa contro il tempo per impedire che la Nuova Repubblica si sfasci di fronte a due minacce inspiegabili: una proveniente dall’interno, l’altra dall’esterno. Intanto Luke unisce le forze con Mara Jade e usa la Forza per rintracciare una misteriosa nave pirata con un equipaggio di cloni.Ma i più pericolosi di tutti sono coloro che si muovono nell’ombra, impegnati a tessere un oscuro progetto che trasformerà la Nuova Repubblica e l’Impero nei loro burattini.

Spedizioni Nell’altro Passato

Se i miti e le storie di antiche culture lontane tra loro nel tempo e nello spazio mostrano sconvolgenti

similitudini, è perché non si tratta affatto di creazioni fantastiche, ma della confusa memoria di fatti realmente accaduti. Le saghe degli antichi Greci e quelle del popolo di Israele, i racconti dei Sumeri

e quelli della Mesoamerica, le leggende degli Egizi e quelle del Libano narrano la storia dei primi viaggiatori che sbarcarono sulla Terra e delle loro guide. Sono la saga di divinità giunte da un pianeta lontano, e degli uomini creati ”a loro immagine e somiglianza”. Il risultato è una guida per il viaggio più ”alternativo” che si possa programmare: un viaggio che, tra straordinari siti archeologici e sconcertanti reperti, riscrive la storia della civiltà umana.
(source: Bol.com)

Gli Spaiati

‘Un divorzio è un amore passato che ha trovato il modo legale di non passare mai’. Una separazione infatti cambia almeno tre vite (lui, lei, l’altra), il modo di fare i conti, le abitudini, e a volte fa cambiare persino città. È quello che è successo a Olivia – avvocato divorzista ed esperta di sciagure sentimentali (soprattutto proprie) – da quando si è innamorata del suo capo.
Luca si è appena separato da Carla, ma per stare vicino ai figli propone a Olivia di seguirlo a Milano: quello da Napoli è forse il divorzio piú difficile che le sia mai capitato. ‘Napoli è fatta per mancarti, somiglia a certi ex, diventa piú bella via via che aumentano i chilometri di distanza. E poi se c’è un posto in cui hanno capito quanto è sopravvalutato l’amore, quello è Milano’.
Magari è Olivia che ha un talento naturale per l’infelicità. Oppure esistono persone capaci di mandare all’aria tutto, sempre, pur di tornare sole. Ora che ha un uomo innamorato al suo fianco, non fa che vivere nella paura: paura che non funzioni, paura di rovinare tutto, paura di una relazione stabile, paura che si capisca che ha paura.
Ma forse dietro ogni grande amore trovi solo grandissimi ‘nonostante tutto’. Ester Viola continua a raccontare i sentimenti con la sua penna acuminata. Ci dice le verità che non vorremmo sentirci dire neanche dalle nostre migliori amiche, e cosí facendo ci fa sentire liberi.

(source: Bol.com)

La Spada Della Verità Vol. 6

Lo scontro tra le forze dell’Ordine Imperiale e l’imperod’hariano guidato da Richard Rahl e la sua consorteè sempre più vicino. E nella battaglia che si approssimaè in gioco la sopravvivenza della magia nel mondo…e la vita di milioni di persone. Dopo la cocente sconfittasubita in Anderith, Richard ha scelto di tornarenella sua terra natia, i Territori dell’Ovest, per rifletteree permettere a Kahlan di recuperare le forze e le suecapacità. Una volta giunto a destinazione, si profila peròuna missione a cui non potrà sottrarsi. Dovrà di nuovoabbandonare la moglie e inoltrarsi sotto mentite spoglienel cuore dei territori dominati dal suo più grande nemico,l’imperatore Jagang. Ma la missione, ardita comenessun’altra, ha uno scopo vitale: scoprire quale siala vera natura, e il fine occulto, dell’Ordine Imperiale.

La sovrana del campo d’oro

Figlia di un ricco proprietario di miniere d’oro rapito dal feroce bandito Roock, Annie Clayfert detta la “sovrana del campo d’oro” attraversa il Colorado, e i territori degli Apaches per liberare il padre. Ma sarà l’aiuto inatteso del famoso Buffalo Bill che darà la svolta decisiva al positivo esito finale. 

Sotto una buona stella

Bobby è un giovane soldato che cerca di barcamenarsi sui campi di battaglia della seconda guerra mondiale; non si è rivelato l’eroico guerriero che immaginava di essere, e la sua esperienza è fatta solo di paura e confusione. A casa lo aspetta la madre, Alice, che ripone in lui tutte le sue speranze e sogna, al suo ritorno, di poter cominciare una nuova vita per entrambi. La famiglia come rifugio dal mondo esterno, la famiglia come trappola, la famiglia che contribuisce nel bene e nel male a definire ciò che siamo: ‘Non c’è altro di cui scrivere’, sosteneva Richard Yates, e ne ha scritto magistralmente anche in questo romanzo coraggiosamente bipartito, nel quale ambientazioni, riflessioni e flashback si intersecano con uno stile e una forza che richiamano alla mente, come ha detto Zadie Smith, ‘un montaggio fra Colazione da Tiffany e Niente di nuovo sul fronte occidentale’.

(source: Bol.com)

La sorella preferita

Il mondo non sa che farsene dell’ennesima donna con dei principi. No, quello che serve a noi sono donne con i soldi. Brett Courtney è una star di Goal Diggers, uno dei reality di maggior successo della tv statunitense, sotto le cui telecamere sfila, col trucco rifatto, la vita privata e lavorativa di quattro donne manager, belle, giovani e ricche. A ventisette anni, Brett ha per le mani un piccolo impero nel campo del fitness di lusso ed è già un’icona: omosessuale impegnata in una strenua battaglia per i diritti delle donne, ha l’ambizione di ridefinire l’identità femminile, a partire dai suoi canoni estetici. Quando la sorella maggiore di Brett, Kelly, viene scritturata nel cast del programma, la competizione fra le Diggers esplode rinfocolata dai produttori dello show, più che disposti a esasperare i conflitti fra le ragazze in cerca di una nuova, succulenta storyline. Perché il pubblico televisivo non vuole certo la verità: vuole lo spettacolo, vuole il sangue. E questa volta lo avrà. La sorella preferita è il racconto nero e scintillante – con morto – di un universo distorto dai riflettori, che riscrive la vita fino a distruggerla. Un thriller teso, incalzante e doloroso in cui tutti ingannano tutti.
**
### Sinossi
Il mondo non sa che farsene dell’ennesima donna con dei principi. No, quello che serve a noi sono donne con i soldi. Brett Courtney è una star di Goal Diggers, uno dei reality di maggior successo della tv statunitense, sotto le cui telecamere sfila, col trucco rifatto, la vita privata e lavorativa di quattro donne manager, belle, giovani e ricche. A ventisette anni, Brett ha per le mani un piccolo impero nel campo del fitness di lusso ed è già un’icona: omosessuale impegnata in una strenua battaglia per i diritti delle donne, ha l’ambizione di ridefinire l’identità femminile, a partire dai suoi canoni estetici. Quando la sorella maggiore di Brett, Kelly, viene scritturata nel cast del programma, la competizione fra le Diggers esplode rinfocolata dai produttori dello show, più che disposti a esasperare i conflitti fra le ragazze in cerca di una nuova, succulenta storyline. Perché il pubblico televisivo non vuole certo la verità: vuole lo spettacolo, vuole il sangue. E questa volta lo avrà. La sorella preferita è il racconto nero e scintillante – con morto – di un universo distorto dai riflettori, che riscrive la vita fino a distruggerla. Un thriller teso, incalzante e doloroso in cui tutti ingannano tutti.

Sono Nel Tuo Sogno

Aveva sentito come una lacrima, una lacrima insopprimibile, come se qualcuno le avesse strappato un capello con una pinzetta. Quel che resta a Rebecca, sedici anni, mamma ad Amburgo e papà a Los Angeles, è una strana sensazione di vuoto e di paura. Ma poi Lucian salta fuori dal nulla: un ragazzo senza un passato, uno che non sa chi è né ricorda da dove viene. Un tipo strano e bellissimo e che dà a Rebecca la rassicurante impressione di non essere più sola…
**

Sonde Nel Futuro

L’albo d’onore della fantascienza è il nome che gli scrittori di fantascienza americani hanno dato a due antologie che sono state pubblicate basandosi sulle loro preferenze: la prima curata da Ben Bova e dedicata ai romanzi brevi, la seconda curata da Robert Silverberg e dedicata ai racconti.Il presente volume è quello dedicato ai racconti e preparato da Robert Silverberg.Sonde nel futuro comprende i migliori racconti di fantascienza che siano stati scritti; la scelta è stata effettuata dalle persone che più di ogni altra conoscono i criteri che fanno di un’opera un classico: i membri dell’Associazione degli Scrittori di Fantascienza Americani.Gli autori presentati nella raccolta sono coloro che hanno maggiormente contribuito all’ evoluzione di questo genere narrativo. I loro nomi formano un elenco prestigioso; le loro opere offrono un panorama brillantissimo dei vari tipi di narrazione che compongono la fantascienza. Il loro lavoro collettivo testimonia la validità a cui può giungere la science-fiction e offre un eccellente occasione per conoscerne gli aspetti più stimolanti e felici.

Somma Zero

Tornato a Tokyo nel 1982 dopo dieci anni da mercenario nelle Filippine, il giovane John Rain scopre che il business degli omicidi è dominato da Victor, un sociopatico mezzo russo e mezzo giapponese che ha eliminato brutalmente tutti i potenziali concorrenti. Victor gli offre una scelta: uccidere un ministro oppure affrontare una fine atroce. Ma la strada per arrivare al ministro passa per la sua splendida moglie italiana, Maria, ed è una strada che porta Rain in rotta di collisione non solo con Victor, ma anche con le forze oscure che si nascondono dietro la scalata al potere del russo, e con le passioni che scuotono il cuore del protagonista. È una lotta tra boss e tirapiedi, maestro e apprendista: un gioco a somma zero che può finire solo con un morto da una parte e il più grande assassino del mondo dall’altra.
**

Solo il tempo di morire

Prima che Milano diventi la città da bere qualcuno deve conquistarsi il proprio posto al sole sotto la Madonnina. In lizza ci sono tre banditi con le rispettive batterie, e uno sbirro cocciuto e implacabile pronto a contrastarli. Sullo sfondo, la Milano degli anni Settanta e Ottanta, la città rossa, teatro di una lotta senza quartiere per la supremazia fra grandi organizzazioni criminali e nascenti bande spietate. Ognuna col proprio sogno terribile e ambizioso: Faccia D’Angelo, il Catanese e il bandito dagli occhi di ghiaccio, tre uomini molto diversi che si contendono la supremazia su una metropoli fatta di rapine e gioco d’azzardo, di bische e rapimenti, di bordelli di lusso e di ruffiani, di bombe e morti ammazzati, di camorristi e mafiosi, di donne bellissime e pericolose, di auto potenti e abiti sartoriali ma, soprattutto, di fiumi di cocaina e denaro. Un romanzo che è una corsa a perdifiato dal 1972 al 1984, dodici anni di storia criminale che hanno cambiato faccia alla città e all’Italia. La sanguinosa epopea della mala milanese nel “romanzo criminale” della metropoli lombarda.
**

Il sogno di Jakov

Nel bauletto di vimini lasciato da sua nonna Marusja prima di morire, Nora trova le lettere scambiate dalla donna con il suo giovane fidanzato e poi marito, Jakov. Leggendole e ricostruendo la sua storia, scopre una donna affascinante, femminista prima della rivoluzione, ballerina e comunista ardente, che non manca di esprimere con convinzione le sue idee e il suo desiderio di libertà. Ma i sogni e le ambizioni della giovane coppia crollano sotto il peso della storia sovietica. Quando Jakov viene spedito in Siberia con l’accusa di sabotaggio, anche suo figlio, il padre di Nora, gli volta le spalle. La storia del grande amore dei suoi nonni sconvolge la vita di Nora, una scenografa appassionata e indipendente che ama scegliersi amanti e progetti mentre cresce da sola suo figlio, e che ora scoprirà, a poco a poco, il potere del legame con la sua famiglia. Ispirata dalla corrispondenza dei suoi stessi nonni, Ludmila Ulitskaya racconta con tenerezza e ironia una saga famigliare che attraversa quattro generazioni e un secolo di cultura russa, attraverso la voce di una donna indimenticabile.

(source: Bol.com)

Il sogno di Ginevra

Quando Artù lo aveva inviato in Bretagna, qualche mese prima, Lancillotto pensava che il suo destino fosse già stato scritto: era un Cavaliere della Tavola Rotonda e il suo compito sarebbe sempre stato quello di combattere al fianco del suo re. Questa volta però la missione è molto più delicata: creare un esercito di cavalieri che unisca il potere di tutti i sovrani di quelle terre lacerate da anni di lotte e che combatta in nome dei valori di Camelot. Ma la rivalità tra quei popoli non è il solo ostacolo che gli sbarra la strada. Perché la minaccia più grande per i suoi sogni di pace arriva da un esercito di guerrieri provenienti dall’Est che pare inarrestabile: gli Unni, guidati da Attila, stanno radendo al suolo tutto quello che trovano sul loro cammino e hanno preso d’assedio la regione di Benwick.

I Sogni Di Mio Padre

Barack Obama racconta i primi trent’anni della sua vita, la storia non facile di un americano nato dal matrimonio fra un uomo di colore, proveniente dal Kenya, e una donna bianca, originaria di una piccola cittadina del Kansas. I sogni di mio padre è un’autobiografia senza reticenze, senza diplomazie o ipocrisie, a ulteriore testimonianza della forza e della novità del linguaggio di Obama, anche perché scritta prima della sua fulminea carriera politica. Una storia che in un linguaggio vivo e diretto, senza veli, racconta più di tanti saggi le difficoltà della società americana e dei suoi giovani di colore. Un viaggio, quello alla scoperta della propria identità, che inizia quando, appena ventunenne, Obama viene raggiunto dalla notizia della morte del padre. Il presidente degli Stati Uniti ripercorre così la sua infanzia alle Hawaii, dove nasce e dove dopo pochi anni rimane solo con la madre, quando il padre decide di tornare in Africa dalla famiglia d’origine. Non tace sulla difficile adolescenza quando, confuso sulla propria identità, rischia di smarrirsi fra droghe e gang giovanili. E racconta infine il viaggio in Kenya per conoscere i parenti della famiglia di suo padre, ma soprattutto per ritrovare la ‘metà africana’ della sua cultura e identità.