27521–27536 di 68366 risultati

Zettel

Questi *Zettel* (foglietti) raccolgono osservazioni in gran parte ritagliate da altri scritti (secondo un procedimento abituale di Wittgenstein) e ordinati dallo stesso autore. I lavori da cui sono tratti coprono praticamente tutto l’arco della produzione che segue il *Tractatus* e c’è da chiedersi se Wittgenstein non intendesse utilizzarli – dopo i manoscritti composti nella seconda metà degli anni ’40 e pubblicati nel 1981 col titolo *Bemerkungen über die Grundlagen der Psychologie* – come traccia di quella «ricerca sui fondamenti della matematica» preannunciata nel capitolo finale delle Ricerche filosofiche.
Gli *Zettel* riprendono, quasi unificandoli, i temi di fondo del pensiero di Wittgenstein, primo fra tutti quello della neutralizzazione della psicologia. Qui però tale neutralizzazione, che tende a recuperare una nozione di esperienza libera da ogni riferimento agli stati interni, ha per scopo la ricerca di un punto d’incontro fra grammatica della matematica e grammatica dell’esperienza in cui si rintracciano i tratti essenziali di quella «grammatica profonda del linguaggio», che Wittgenstein non cessò mai di cercare e la cui nozione, debitamente adattata, è uno dei tanti motivi di continuità fra il *Tractatus* e il dopo *Tractatus*.
Mettendo in problema la legittimità storica e teorica della netta contrapposizione tra «primo» e «secondo» Wittgenstein, il saggio introduttivo di Mario Trinchero propone alcuni modelli interpretativi sia del *Tractatus* sia della produzione successiva, che consentono di mettere in evidenza la sostanziale continuità del pensiero wittgensteiniano e il significato di questo libro.

You

Avrei potuto perdonare la sua vanità se non avesse mortificato la mia.
Quattro anime diverse, quattro prospettive, quattro diversi caratteri che intrecciandosi daranno vita a un’unica storia.
Ambiziosa, riservata e con un fidanzato perfetto, Alison è ossessionata dal passato. In particolare dal passato della famiglia che non ha più. Tuttavia a soli ventisei anni il suo futuro sembra già lastricato di successi: una laurea in linguaggio e letteratura romantica con una specializzazione in storia medioevale, un incarico prestigioso all’Università di Harvard, un matrimonio felice con Cole… o almeno così sembra, sino a quando non apre la porta sbagliata.
E poi c’è Giorgia, una ragazza molto più matura dei suoi diciotto anni, con una madre sciocca ed invadente, un lavoro da cameriera in un Grill di una piccola città di mare e cosa ancor più importante, è la sorella di Alison.
Sarà proprio grazie a lei che Alison conoscerà Drake.
Lui invece è il classico cattivo ragazzo, tutto fascino e sregolatezza. Artista ribelle, pieno di piercing e tatuaggi, è la persona più orgogliosa, arrogante e insopportabile che Alison abbia mai conosciuto. Eppure nonostante la sua ritrosia, riesce ad accendere in lei una passione incontrollabile, che, contro ogni previsione, sembra reciproca.
Ma quello che nascerà tra Alison e Drake è l’inizio di amicizia difficile o la storia di un amore vero?

Yeruldelgger. Tempi selvaggi

È inverno inoltrato e la steppa è avvolta nella morsa dello dzüüd: le temperature si aggirano sui meno trenta, un vento gelido imperversa e il paesaggio è spazzato da tormente di neve. Sembra di respirare vetro. È la leggendaria sciagura bianca, che al suo passaggio lascia dietro di sé una scia di cadaveri. Milioni di vittime, uomini e animali. Da un cumulo di carcasse congelate, incastrata fra un cavallo e una femmina di yak, sbuca la gamba di un uomo. È solo il primo di una serie di strani ritrovamenti. Nel frattempo, in un albergo di Ulan Bator, viene assassinata la prostituta Colette, delitto del quale è accusato proprio il commissario Yeruldelgger. E poi c’è la scomparsa del figlio di Colette, le cui tracce porteranno il commissario fino in Francia, in una fitta trama di giochi di potere dei servizi segreti, loschi affari dei militari e corruttela della politica. Yeruldelgger non ha più niente da perdere ed è pronto a uccidere. Il fuoco va sconfitto col fuoco, proprio come si fa quando scoppiano gli incendi nella steppa: si creano muri incendiari. E intanto, la neve continua a ricoprire la Mongolia… Secondo capitolo della trilogia di Yeruldelgger, Tempi selvaggi non deluderà le aspettative. Il commissario più amato del momento è tornato. Su Yeruldelgger è stato scritto: ‘Mongolia immensa, spirituale, nera, nel romanzo rivelazione di Ian Manook. Un racconto inesauribile, che risuona ben oltre la rivelazione del male e lo svelamento del colpevole. L’esordio di Manook impone lo spassante scenario mongolo nell’immaginario del poliziesco, così come vent’anni fa Mankell impose la Svezia’. Roberto Iasoni, ‘Corriere della Sera’ ‘Ian Manook mette in scena un giallo dai sapori forti, in un paese ricco di contraddizioni. L’autore è molto abile a trascinare il lettore in una trama violenta e in luoghi esotici. Un romanzo giallo e al tempo stesso un libro di viaggio’. Brunella Schisa, ‘il Venerdì di Repubblica’ ‘Fazi fa delle indagini del commissario Yeruldelgger la sua scommessa per le letture sotto l’ombrellone e non è difficile capire fin dalle prime righe perché la puntata è vincente’. Cristina Nadotti, ‘la Repubblica’ ‘Il thriller di Manook è un magnifico reportage in un mondo perlopiù sconosciuto’. Fabrizio D’Esposito, ‘Il Fatto Quotidiano’ ‘Il futuro del noir? Uno sbirro stile Gengis Khan’. Caterina Maniaci, ‘Libero’

(source: Bol.com)

Wolfgang Amadeus Mozart. Il genio sempre giovane

Ramin Bahrami racconta il genio di Wolfgang Amadeus Mozart, che rivive in questo libro come il protagonista di una storia sorprendente. Sebastian, un giovane e curioso amante della musica, incalza il maestro di Salisburgo con le sue domande impertinenti, quasi a sfidarlo. E il grande Amadeus, pazientemente, si racconta, dall’esplosione del suo precoce talento ai successi nelle corti europee, tra composizioni perfette e donne fatali. Inseguendo sempre l’armonia assoluta, perfino nel rumore assordante del nostro tempo, dove la musica di “colui che ama Dio” si mostra ancora capace, oggi più che mai, di giungere là dove le parole non sanno arrivare.
**

Winnie E La Grande Guerra

Perché se non ascolti è impossibile sentire.
Se credi che qualcuno sia così diverso da te da non poter avere niente in comune con lui, non riuscirai mai a sentirlo, qualunque cosa lui dica. Tra i topi e gli orsi era così. Ed è così anche in guerra.

I will rock you. Freddie Mercury. La biografia definitiva

Freddie Mercury è stato il più grande frontman di tutti i tempi. Ma anche il più misterioso. Il suo genio musicale e la sua incomparabile creatività gli hanno fatto conquistare l’adorazione di milioni di fan, eppure pochi fino a oggi hanno potuto penetrare nel suo privato, conoscere le sue origini o addirittura incontrare l’uomo che lui stesso temeva di essere. In questa biografia la giornalista musicale Lesley-Ann Jones, fin dai primi anni Ottanta a stretto contatto con i Queen e il loro entourage, scandaglia il mito, sfrondando chiacchiere e pettegolezzi per portare alla luce la personalità di un individuo timido e affascinante, deciso a sperimentare ogni eccesso compresi quelli che gli abbrevieranno drammaticamente la vita – pur di esprimersi. Il testo ripercorre gli eventi fondamentali dell’esistenza del cantante, dai giorni in cui era solo Farrokh Bulsara, un giovane afro-indiano, alla consacrazione della rockstar Freddie Mercury. La nascita a Zanzibar, la solitudine del collegio in India, la fuga a Londra, il successo planetario della band e la tragica morte per AIDS: nessun evento viene tralasciato nella ricerca della verità sulla persona e sull’artista. Un racconto documentato, avvincente e ricco di aneddoti che rivela la rigida educazione, e i conseguenti sensi di colpa, da cui nacque la sessualità confusa che portò Freddie a legarsi profondamente sia a uomini sia a donne; la passione divorante per la musica; il tormento e l’euforia alla radice di canzoni…
**

White Jazz

Uccisioni, pestaggi, corruzione, ricatti, menzogne, intimidazioni ed estorsioni: per il tenente Dave Klein del Dipartimento di Polizia di Los Angeles, questa è l’ordinaria amministrazione. Ma Klein non ha nulla contro gli straordinari: non c’è sporco segreto in cui non sia coinvolto, e in quello che fa non c’è nessuno in grado di batterlo. Ma quando, nell’autunno del 1958, i Federali annunciano un’approfondita indagine sulla corruzione nelle forze di polizia, Klein avrà alcune brutte sorprese. Klein è stato usato come esca, “un poliziotto corrotto per attirare l’attenzione”, e sono in molti, ora, a dedicargli le loro attenzioni: politici locali, alti ufficiali del Dipartimento, esponenti del racket, re della droga, perfino il suo collega. E tutti sembrano più che determinati a tenere nascosti i loro sporchi segreti. Per Klein, “quarantadue anni, quasi morto”, è giunto il momento della resa dei conti. Proprio lui, che ha contribuito a creare questo universo di mostruose ambizioni, di avidità e di perversioni, ora farebbe qualsiasi cosa pur di uscirne vivo… Feroce, affascinante e affilato come la lama di un rasoio, White Jazz è il libro più coraggioso di James Ellroy.

Vorrei Averlo Fatto

La coraggiosa storia di Bronnie ti ispirerà a vivere con maggiore compassione e a realizzare pienamente la persona che sei destinato a essere.
Nel suo toccante libro, Bronnie spiega il significato dei rimpianti più comuni e come possiamo affrontare le problematiche che nascondono mentre siamo in vita e abbiamo ancora il tempo e le forze per farlo.

Le volpi vengono di notte

La Liguria montaliana, Minorca, le coste spagnole, Venezia: i protagonisti di questi otto racconti si muovono tra città e isole del Mediterraneo, ricomponendo frammenti di vite intense ormai perdute, cristallizzate nel ricordo, nel dettaglio di una fotografia. Ed è proprio dalla contemplazione di vecchie foto che i personaggi riprendono corpo e vita, come se quella scioccante “presenza di un’assenza” permettesse loro di trovare le vie del passato. Heinz, console onorario in un paesino ligure a picco sul mare, come un personaggio di Hemingway nato per perdersi, con la sua disperata vitalità, i suoi tuffi perfetti, i litri di gin contro la nostalgia, e il sogno di trasferirsi sull’isola di Tonga, dove si può con un passo superare la linea immaginaria che separa l’oggi dallo ieri. Paula, dalla bellezza sensuale e sfrontata, un tempo copertina di Vogue, giocatrice d’azzardo di cui tutti si innamorano. Un critico d’arte che torna a Venezia dopo molti anni, alla ricerca del desiderio di quella ragazza americana dai capelli rossi e dagli occhi di ardesia che credeva di leggere il suo destino nelle stelle. Attraverso personaggi irrequieti, storie di amore, di perdita, di gioco e di nostalgia, la scrittura di Nooteboom asseconda le vibrazioni delle immagini. Perché, come scriveva Roland Barthes nella “Camera chiara” trent’anni fa, una fotografia rappresenta l’impotenza di dire ciò che è evidente, e la letteratura nasce intorno a un’immagine mancante, a un ricordo ancor vivo.

La volpe

Adrian Weston, ex capo dei servizi segreti britannici, viene svegliato nel cuore della notte da una telefonata del Primo Ministro che gli comunica una notizia scioccante. Gli impenetrabili sistemi informatici del Pentagono, della CIA e dell’NSA, l’agenzia per la sicurezza nazionale americana, sono stati violati da un nemico sconosciuto subito soprannominato ”la Volpe”.

Scatta la caccia all’uomo e, sorprendentemente, si scopre che il responsabile dell’attacco è Luke Jennings, un innocuo adolescente inglese dotato di un’intelligenza fuori dal comune, ignaro delle conseguenze del suo gesto.

Gli americani chiedono l’estradizione, ma Wes­ton ha un’idea: se Luke è in grado di fare questo, perché non utilizzarlo a proprio favore contro i nemici dell’Occidente?

Il ragazzo dovrà trovare il modo di usare al meglio l’arma più potente e più imprevedibile di tutte, l’unica arma che non è possibile controllare. Nel fare questo però viene inevitabilmente esposto a gravi pericoli e, anche se vive nascosto in un’apposita struttura protetta, diventa l’uomo più ricercato del mondo. Qualunque cosa accada Luke non deve cadere nelle mani sbagliate. Perché ciò che può derivarne è impensabile

La Volpe segna il grande ritorno del maestro della spy story moderna che trascina il lettore in una corsa contro il tempo in un intrigo internazionale di agghiacciante realismo e attualità nel mondo dello spionaggio tecnologico.

(source: Bol.com)

Il Volo Dei Cuori Sospesi

La storia di un amore in costante trasformazione. Perché quando i ricordi diventano sassi che trascinano a fondo, l’amore ci insegna, ancora una volta, la fiducia nella vita e nei suoi doni.

Due gemelle divise da una scelta.
Due vite da riavvolgere.
Un unico amore in grado di unirle ancora.

‘C’è qualcosa di grandioso in una merla che costruisce il suo nido: la voglia prepotente di credere nella vita e lasciare che vada dove deve andare. Costi quel che costi. C’è il suono melodioso e magico della speranza.’

Le gemelle Ariele e Rebecca, di origine ebraica, non potrebbero essere più diverse. La prima, occhi così limpidi che ci si può vedere attraverso, è timida e schiva; la seconda, penetranti occhi verdi, è una ribelle pronta a sfidare tutto e tutti pur di non subire la vita. Ma Ariele possiede un talento che Rebecca non ha: fa sogni premonitori. Una fortuna e una condanna, perché spesso le cose che vede accadono senza che lei possa impedirlo. A nulla, infatti, servono quei sogni quando l’odio nazista si riversa sul paese in cui hanno trovato riparo. Così, la loro madre Giuditta si trova costretta a prendere una decisione cui nessuno dovrebbe essere chiamato: può salvare solo una delle figlie. E sceglie di salvare Ariele, affidandola alle cure di un’amica, e di portare con sé ad Auschwitz Rebecca, convinta che il suo carattere forte potrà salvarla. Una decisione che lascia un segno indelebile nella storia di tutta la famiglia. Negli anni a venire, Rebecca, che sopravvive all’orrore dei campi, chiude il suo cuore al mondo e decide che a nessuno sarà più permesso di calpestarlo. Al contrario, Ariele cerca di non sprecare l’occasione che le è stata offerta. Accoglie l’amore che le viene dato e se ne fa portavoce nella vita di tutti giorni. Senza mai tirarsi indietro. Anche quando Rebecca, con la quale non è più riuscita a ricostruire un rapporto, bussa alla sua porta e le chiede di occuparsi di una figlia, la sua, che non riesce nemmeno ad abbracciare, una bimba cui ha voluto dare un nome che racconta tutta una storia: Catena. Talvolta i ricordi sono come sassi che possono trascinarci a fondo, bloccando in un freddo, sincopato respiro gli ingranaggi del cuore.

Con Il volo dei cuori sospesi, Elvia Grazi ci porta dritto al centro di uno dei periodi più bui della storia per mostrarci che non c’è sofferenza in grado di durare per sempre. Quando meno ce lo aspettiamo, la speranza rimette in moto il volano delle emozioni e ci proietta in un futuro dove c’è ancora posto per l’amore. Quello per cui vale la pena di lottare, sempre.

(source: Bol.com)

Voglia Di Cucinare Facile E Veloce

Un manuale da tenere sempre a portata di mano quando i tempi stringono e l’improvvisazione è d’obbligo. Studiato ad hoc per i single che hanno poca voglia di trascorrere ore solitarie in cucina, per le persone sempre di fretta tra un impegno e l’altro, per le mamme che sempre più sentono il bisogno di conciliare il tempo da dedicare ai propri cari con quello da dedicare a se stesse. Arricchito con oltre 200 fotografie, questo volume introduce non solo chi in cucina già se la cava, ma soprattutto gli avventurieri e i neofiti del fornello, in un mondo di preparazioni semplici e gustose. Il tutto all’insegna del risparmio di tempo, per dimostrare che cucinare facile e veloce non vuole dire necessariamente rinunciare al gusto.

(source: Bol.com)

Viva l’Italia

‘Qualcuno, ne sono certo, mi accuserà di essere
uno “sfascista’ antieuropeo mentre invece mi
considero solamente uno che vuole rendere
questa Europa veramente sostenibile e più equa.’
Antonio Maria Rinaldi

‘La questione del debito pubblico è una
questione di distribuzione della ricchezza,
in particolare tra attori pubblici e attori privati,
e non una questione di livello
assoluto della ricchezza stessa. Il mondo ricco
è ricco: sono i suoi Stati a essere poveri.’
Thomas Piketty

‘La vera sfida che abbiamo di fronte è semplice:
sconfiggere questa economia della paura, fermare
la cinesizzazione dell’Italia e imparare
a pensarci come potenza economica,
che può decidere il proprio destino e migliorare
l’esistenza dei propri cittadini.’
Francesco Bonazzi

La paura è uno stato d’animo personale, certo, ma per crearla e alimentarla su larga scala servono gli allarmi. Dietro ogni allarme c’è puntualmente qualcuno che ci guadagna. Ma l’Italia è davvero un paese sull’orlo del fallimento? Numeri alla mano, la situazione è ben diversa da quella che si dipinge.
Come dimostra Francesco Bonazzi, in realtà il nostro è un paese molto ricco dove otto famiglie su dieci vivono in abitazioni di proprietà, con un patrimonio immobiliare che vale 3,8 volte il Pil, ovvero 6227 miliardi di euro, e con storie di eccellenza, specie nel settore della chimica industriale e della biochimica, che però fanno meno notizia dei successi degli chef stellati. Come ricorda il Censis, “il mondo è pieno di macchinari italiani, ma per saperlo bisogna andare a guardare l’etichetta”. Il vero problema è la disuguaglianza, a cominciare da quella Nord-Sud, ma per ridurla non si fa nulla, con la scusa che l’Europa non ci concede i necessari margini di bilancio. Con oltre 5 milioni di poveri e un 10 per cento sempre più ricco, l’Italia non può continuare a essere uno dei paesi con la maggior ingiustizia sociale del continente.
La vera sfida che abbiamo di fronte è innanzitutto sconfiggere questa economia della paura e della colpevolizzazione alla tedesca, fermare la cinesizzazione del lavoro e imparare a pensarci come potenza economica, che può decidere il proprio destino e migliorare le condizioni di vita dei cittadini. Evitando che il sovranismo prenda il posto della sovranità nazionale.

(source: Bol.com)

Vittima innocente

Vivian, una ragazza di origini asiatiche, vive a Londra ma si allontana dal caos cittadino ogni volta che può. Girare il mondo la appassiona. Johnny è un quindicenne irlandese, socialmente emarginato e con un passato difficile. È cresciuto in una famiglia nella quale la violenza era all’ordine del giorno ed è l’unico modo che conosce di relazionarsi agli altri. Vivian ama esplorare luoghi a lei sconosciuti, venire a contatto con culture diverse dalla sua. È giovane ed è abituata a cavarsela da sola. Ma tutto cambia quando, in un luminoso pomeriggio primaverile, a Belfast, la strada di Vivian incrocia quella di Johnny: il loro incontro culmina in un orribile atto di violenza. Dopo quel terribile episodio, le vite di Johnny e Vivian non saranno mai più le stesse. Perché le conseguenze di quello che è successo avranno inevitabili ripercussioni sugli anni che verranno. E sono inimmaginabili.
**

Le Vite De’ Più Eccellenti Pittori, Scultori E Architetti

Excerpt from Vite De Piu Eccellenti Pittori, Scultori e Architetti
Ma cio non-potrei mai succedere ne’ tale utilis sima Istoria verrei a produrre si vantaggiosi efetti se solo andrei alle mani delle provette ed erudite per sone, e non sara’, come a principio si disse fatta comune la letturit di essi: alla tenera gioventu, la quale per mega della medesima potrebbesi invogliare di tali stud}, e peravventura in talun’o di loro seo prirsi da’ loro maggiori quella disposijone e talento da riuscire felicemente in alcuna di esse nobili arti, ove piu si sentisse da natura portato: e quando cio non succedesse niun si creda che restasse aflatto in loro inutile una tal lettura; poich? Almeno allon tanati da’perniciosi libri, resterebbero igiovani al quanto eruditi nelle cose appartenenti si ai Profes sori illustri delle medesime Arti, che alle gloriose produzioni di essi, onde vedonsi nobilmente arricchi te, questa nostra ed altre Citta; e ancor saprebbero che sol dalle loro virtuose fatiche ne viene il piu bel lustro e tutto il pregio delle Citta’ medesime, -e tosi imparerebbero ad apprezrarle e a non riguardare le opefd{lofil loro con si brutale indiferenga, come pur troppo si vede far da taluni. Che ne sono aflattoall’ oscuro con loro danno e vergogna.
About the Publisher
Forgotten Books publishes hundreds of thousands of rare and classic books. Find more at www.forgottenbooks.com
This book is a reproduction of an important historical work. Forgotten Books uses state-of-the-art technology to digitally reconstruct the work, preserving the original format whilst repairing imperfections present in the aged copy. In rare cases, an imperfection in the original, such as a blemish or missing page, may be replicated in our edition. We do, however, repair the vast majority of imperfections successfully; any imperfections that remain are intentionally left to preserve the state of such historical works.
**