27233–27248 di 65579 risultati

I privilegiati

Adam e Cynthia Morey sono una coppia perfetta. Intelligenti, affascinanti, frivoli, vivono l’istante, l’immediato presente che li circonda, senza alcun legame affettivo che rallenti la loro corsa. Hanno poco più di vent’anni, e il matrimonio è l’occasione giusta per tagliare i ponti con i genitori, modesti lavoratori che i due guardano con disprezzo. Adam è un ragazzo avvenente, Cynthia, bellissima e vanitosa. Sei anni dopo si sono trasformati nei tipici aspiranti ricchi dei quartieri bene di Manhattan. Lui lavora nella finanza da mattina a sera, è il preferito del capo (che disprezza) e ha iniziato a guadagnare un mucchio di soldi, non sempre in modo legale. Lei invece sta a casa con i bambini, e fatica a trascorrere delle giornate ripetitive che sembrano non finire mai. I due hanno un unico interesse, una grande ambizione: diventare sempre più ricchi, raggiungere una posizione sociale di assoluta preminenza, in qualunque modo. E la fortuna è dalla loro parte: un giorno Cynthia e Adam conquisteranno una ricchezza tale da dover assumere un consulente per le spese personali, e anche i figli impareranno a sfruttare l’ambiente dorato che li circonda. Se si mettono nei guai sanno che riusciranno sempre a farla franca, come tutti i ricchi di questo mondo. I privilegiati delinea il ritratto intimista di una famiglia e si trasforma gradualmente in un’accusa rivolta a un’intera classe sociale e al momento storico in cui stiamo vivendo.
**

Private Games: Serie Private

Londra, luglio 2012. Mancano pochi giorni all’inizio delle Olimpiadi e la città è parata a festa, pronta ad accogliere gli atleti provenienti da ogni parte del mondo per celebrare il grande rito dello sport. Ma c’è qualcuno convinto che l’antico spirito olimpico sia stato tradito dalla moderna corruzione e che questi Giochi non debbano avere luogo. Il primo omicidio è un segnale chiaro: davanti al cadavere di Sir Denton Marshall, uomo chiave del Comitato organizzatore, i cinque cerchi olimpici disegnati con la vernice spray sono coperti da una X. Tracciata con il sangue. Per la filiale londinese della famosa agenzia di investigazione Private International, al comando di Peter Knight, abilissimo detective e uomo tormentato da un passato di dolore, inizia una drammatica corsa contro il tempo e contro un nemico spietato e invisibile, che si firma Crono e che, come l’antica divinità di cui ha preso il nome, intende «divorare» i Giochi e i suoi atleti. E mentre le gare hanno inizio in un clima di angoscia e di massima allerta, Knight indaga e arriva fino a mettere a rischio ciò che ha di più caro perché la fiamma di Olimpia non si trasformi in fuoco di distruzione, ma resti luce di speranza per tutti?

Principio e fine

“Principio e fine” è ambientato al Cairo negli anni dal 1933 al 1938, nell’Egitto dei tempi della monarchia, ancora fortemente gerarchizzato. Una famiglia della piccola borghesia cittadina perde, con la morte del padre, il sostentamento economico che le aveva garantito una vita tranquilla e dignitosa. Da un’esistenza al riparo da qualsiasi sconveniente contatto sociale, la famiglia precipita nel baratro della povertà e viene inghiottita dal vortice degli ormai inevitabili compromessi quotidiani.
**

I principi demoni 2: la macchina che uccide

Esseri sanguinari e senza volto, provenienti dalle profondità dello spazio, distruggono isolati gruppi umani per il puro piacere di farlo. Ma anche per i cosiddetti Re Stellari c’è una nemesi, un nemico implacabile: è un uomo solo, disposto a dar loro la caccia in tutta la galassia pur di vendicare il massacro della sua famiglia. Continua il ciclo dell’epica caccia al mostro. Continua il mistero dei Principi Demoni, con il loro disprezzo per gli esseri umani. Continua una delle saghe più emozionanti di Jack Vance, il “Re Stellare della Space Opera”.

La principessa sul pisello

“Qualche giorno fa mi sentivo molto Perla di Labuan, così ho mandato un SMS al mio Sandokan personale. “Ti amo” ho scritto. Un po’ scontato, ma sempre attuale. Bastava che mi rispondesse “Anch’io”. Son poi sei lettere. No. Lui no. La mia tigre di Mompracem mi ha risposto: “Prendo atto”. Zotico.”Perfida, comica, travolgente: la Littizzetto si scatena su coppia e dintorni. Tanti lui e tante lei, ma anche tante ridicole manie e riti d’oggi. Il kamasutra. La pasta di sale. L’utero in affitto. Lo spirito guida. I maschi che assistono al parto e magari lo riprendono con la videocamera… Eccovi il diario di una Principessa sul Pisello come tante, che non si fa più illusioni sul Principe Azzurro ma non smette di sognarlo. Prendendo cattivissimamente di mira sia le Principesse sia i Piselli.
**

La principessa proibita

Una donna, anzi una splendida principessa, unisce le vite di un milionario e di un giovane sceicco. Il primo è stato ingaggiato per proteggerla, il secondo è il suo promesso sposo.
Sebastian Hawk viene assunto per vegliare giorno e notte sulla bellissima principessa Lina bin Fahd al Marwan. Non volendo lasciare che le proprie emozioni interferiscano con il lavoro, il suo primo istinto è quello di combattere l’inevitabile attrazione che prova per lei, ma la provocante innocenza della giovane araba è difficile da ignorare…
Otto anni dopo, il padre comunica a Lina di averle scelto uno sposo e lei, non intendendo sottostare a quella volontà, decide di scappare. E ancora una volta è proprio a Sebastian che viene chiesto di ritrovarla.
**
### Sinossi
Una donna, anzi una splendida principessa, unisce le vite di un milionario e di un giovane sceicco. Il primo è stato ingaggiato per proteggerla, il secondo è il suo promesso sposo.
Sebastian Hawk viene assunto per vegliare giorno e notte sulla bellissima principessa Lina bin Fahd al Marwan. Non volendo lasciare che le proprie emozioni interferiscano con il lavoro, il suo primo istinto è quello di combattere l’inevitabile attrazione che prova per lei, ma la provocante innocenza della giovane araba è difficile da ignorare…
Otto anni dopo, il padre comunica a Lina di averle scelto uno sposo e lei, non intendendo sottostare a quella volontà, decide di scappare. E ancora una volta è proprio a Sebastian che viene chiesto di ritrovarla.

Una principessa in fuga

«Ho letto tutti i libri di Elizabeth von Arnim … Straordinaria.»Edmund de Waal, autore di Un’eredità di avorio e ambra«Una folla di raffinati lettori ha scoperto a poco a poco i romanzi di questa scrittrice ironica, spregiudicata, fuori da ogni corrente letteraria, spesso crudelissima nel descrivere una società boriosa, superficiale, vecchia, ingiusta soprattutto verso le donne.»la Repubblica – Natalia Aspesi«Cattiva, spiritosa, anticonvenzionale, lungimirante, Elizabeth von Arnim… racconta con verve e un acuto occhio sociale i tic e i tabù della buona società.»Vanity Fair – Irene Bignardi «La donna più intelligente della sua epoca, capace di confliggere, attraverso il dono di una grazia urticante, con il durissimo velluto della società che la circonda.»TTL – La Stampa – Mirella Appiotti «Irresistibile per humour, sottigliezza psicologica, fini descrizioni d’ambiente.»Corriere della Sera – Serena ZoliLa giovane principessa Priscilla è stanca della vita di corte, del protocollo, delle dame di compagnia e di tutti gli obblighi cui deve sottostare per il solo fatto di essere figlia del granduca di Lothen-Kunitiz. Così progetta la fuga da palazzo, una fuga inesorabilmente e frettolosamente anticipata non appena il granduca decide di dare Priscilla in moglie a un cugino…Elizabeth von Arnim (Mary Annette Beauchamp 1866-1941), nata a Sydney in Australia e cresciuta in Inghilterra, fu cugina di Katherine Mansfield e amica di E.M. Forster. H.G. Wells nella sua autobiografia la descrisse come «la donna più intelligente della sua epoca». Tutti i suoi romanzi sono pubblicati da Bollati Boringhieri: Il giardino di Elizabeth (1989), I cani della mia vita (1991), Un incantevole aprile (1993), La memorabile vacanza del barone Otto (1995), Elizabeth a Rügen (1996), Amore (1998), Un’estate da sola (2000), Mr Skeffington (2002), La moglie del pastore (2003), Cristoforo e Colombo (2004), Lettere di una donna indipendente (2005), Vera (2006), Il padre (2007), Vi presento Sally (2008), La storia di Christine (2009), Colpa d’amore (2010), La fattoria dei gelsomini (2011), Il circolo delle ingrate e Uno chalet tutto per me (2012), Una principessa in fuga (2013).

La principessa e il milionario

La ritrosia di una timida principessa non è facile da superare. All’apparenza…
La principessa Katarina Karedes rifugge le luci della ribalta, anche quando le viene affidata l’organizzazione di un gran ballo a Palazzo. Così, nonostante si occupi con attenzione e scrupolo di ogni minimo particolare, finisce con il commettere quasi inevitabilmente un errore fatale: dimenticare di procurarsi un abito all’altezza della situazione. Katarina non può certo immaginare che ciò cambierà la sua vita, in modo inaspettato e travolgente, nel momento stesso in cui incontra, a Palazzo, l’affascinante milionario Nikos Angelaki, invitato alla festa e amico intimo di suo fratello Sebastian.
**
### Sinossi
La ritrosia di una timida principessa non è facile da superare. All’apparenza…
La principessa Katarina Karedes rifugge le luci della ribalta, anche quando le viene affidata l’organizzazione di un gran ballo a Palazzo. Così, nonostante si occupi con attenzione e scrupolo di ogni minimo particolare, finisce con il commettere quasi inevitabilmente un errore fatale: dimenticare di procurarsi un abito all’altezza della situazione. Katarina non può certo immaginare che ciò cambierà la sua vita, in modo inaspettato e travolgente, nel momento stesso in cui incontra, a Palazzo, l’affascinante milionario Nikos Angelaki, invitato alla festa e amico intimo di suo fratello Sebastian.

La principessa di latta

Ricordate Jim Taylor, l’amico di Sally Lockhart dai tempi del Rubino di fumo? E la piccola Adelaide, che la terribile signora Holland trattava come una schiava? Sono passati dieci anni, ma Jim non ha mai smesso di cercarla; e un giorno, all’improvviso, la ritrova. In un rocambolesco viaggio da Londra alla Mitteleuropa, Pullman racconta una storia d’amore ricca di colpi di scena e dal finale struggente. Dal grande autore della Bussola d’oro, ecco il quarto e ultimo capitolo delle eccezionali avventure di Sally Lockhart nella misteriosa e suggestiva Londra vittoriana.
(source: Bol.com)

La principessa di Landover. Ciclo di Landover

Ben Holiday, re del magico regno di Landover, ha dovuto affrontare molte difficoltà e lottare contro numerosi e temibili avversari desiderosi di usurpare il suo trono, ma nessuna prova lo aveva preparato alla sfida più impegnativa: quella con la sua bellissima e cocciuta figlia adolescente, Mistaya. La fanciulla adesso ha quindici anni e il padre l’ha mandata a completare la sua istruzione sulla Terra, in uno dei più severi e prestigiosi college americani. Ma lei mal sopporta la disciplina e la direttrice è costretta a sospenderla. La principessa torna dunque a Landover, determinata a riprendere a ogni costo la sua vera educazione: imparare la magia da Questor Thews, il mago di corte, piaccia o no ai suoi genitori. Quando poi Laphroig di Rhyndweir, uno dei signori delle Pianure, si presenta a corte per chiedere la sua mano, Mistaya, che lo considera un individuo insopportabile, decide che l’unico modo per vivere la sua vita è andarsene da casa. Ma proprio quando per la prima volta è lontana dai suoi abituali amici, il mago di corte e lo scrivano, la nostra protagonista scopre che una grave minaccia incombe sul regno del padre, rischiando di distruggerlo per sempre.
**

La principessa Alanna

“D’ora in poi sarò Alan di Trebond, l’altro gemello. E un giorno sarò cavaliere.” Nonostante sia una ragazza, Alanna ha sempre desiderato diventare un cavaliere e avere una vita avventurosa. Suo padre però ha predisposto per lei un avvenire diverso: studierà in convento per essere una dama perfetta. Il suo gemello Thom, invece, farebbe di tutto per evitare l’addestramento da cavaliere. E così, prima di partire per le rispettive destinazioni, i due si scambiano i ruoli, e Alanna, fingendosi un ragazzo, s’incammina alla volta del castello di re Roald a Corus. Il percorso per diventare cavaliere sarà lungo e irto di ostacoli; Alanna stringerà nuove amicizie, in particolare con Jonathan di Conte, erede al trono di Tortall, e dovrà difendersi da compagni prepotenti. Mentre la Festa del solstizio d’inverno si avvicina, e con essa la nomina dei nuovi cavalieri, Alanna viene scelta per accompagnare Jonathan a Persepolis; ma prima della partenza, l’infido duca Roger ha sfidato il principe ad avventurarsi nella temibile Città Nera. Alanna, fiutando il pericolo, decide dr seguirlo di nascosto. Insieme affronteranno gli Ysandir, esseri che rubano l’energia vitale degli uomini, e solo a costo di svelare la propria identità Alanna potrà dimostrare quanto vale veramente… Età di lettura: da 12 anni.

Il principe Lestat

C’è una Voce che solo loro possono sentire. Una Voce che non parla alle loro orecchie, né alla loro mente, ma direttamente al loro sangue. Una Voce di morte. Dolenti e magnifici, specchio oscuro delle nostre più ancestrali paure e del nostro eterno e inappagabile desiderio di immortalità, i vampiri sono tra noi. Vittime delle loro passioni, si muovono seduttivi e terribili nel mondo di oggi come in quello di ieri, scavalcando le ere e i confini geografici nello spazio di un giorno, pronti a scatenare le antiche e potenti forze della notte sul mondo ignaro, pronti a succhiare il sangue umano per vivere… Se può essere considerata vita la loro eterna dannazione. Ma ora qualcuno (qualcosa?) sta colpendo il mondo cristallizzato e terribile dei Non Morti. Da Parigi a Mumbai, da Hong Kong a Kyoto a San Francisco, una Voce misteriosa spinge i Bevitori di Sangue a combattersi tra loro, e sembra essere tornato il tempo dei Grandi Roghi. Anche il Principe Lestat la sente sussurrare e piangere nella propria mente… Che cosa vuole la Voce? Come potrà la tribù dei Non Morti sconfiggere questa forza immane che ha gettato tutti nel panico? Con la sua scrittura immaginifica, visionaria e sontuosa, Anne Rice torna al mondo affascinante dei vampiri, intrecciando le storie dei suoi personaggi più amati: il bellissimo Armand, Mekare e Maharet, Pandora e Flavius, e ancora David Talbot, generale superiore del Talamasca, mentre su tutti domina, pericoloso e ribelle, l’abbagliante principe Lestat, forse unica speranza di salvezza per i Non Morti…

Il principe delle maree

Tom, il protagonista di questo intenso e trascinante romanzo, arriva a New York dal South Caroline, dopo che ha saputo che la sorella Savannah ha tentato per l’ennesima volta il suicidio. Ben presto egli si accorge di essere vittima dello stesso malessere della sorella e cioè di un passato fatto di cupe passioni e di violenza, che grava sul suo destino e su quello dell’intera famiglia. Tom se ne libererà aiutato dalla bella e affascinante psichiatra Susan, con cui avrà una sincera e appassionata storia d’amore.

Il principe della nebbia

1943: il vento della guerra soffia impetuoso sull’Europa quando il padre di Max Carver decide di lasciare la città e trasferire la famiglia in una casa sulla costa spagnola. Il luogo sembra protetto e tranquillo ma, appena arrivati, cominciano a succedere strani fenomeni: Max scopre un giardino disseminato di statue orribili, la sorella Alicia inizia a fare sogni inquietanti, compare una scatola piena di vecchi film che sembrano aprire una finestra sul passato, mentre l’orologio della stazione va all’indietro. E ci sono le voci, sempre più sinistre, che riguardano i precedenti proprietari della villa, e i racconti che accompagnano la misteriosa scomparsa del loro unico figlio. Mentre un incidente colpisce la sua famiglia, Max si trova sommerso da presagi allarmanti ed è costretto, suo malgrado, a improvvisarsi detective. Assieme ad Alicia e al nuovo amico Roland, nipote dell’anziano custode del faro, inizia a indagare sull’oscuro naufragio di una nave che giace sui fondali della baia custodendo molti segreti, e sugli eventi, sempre più drammatici, che investono la casa sulla spiaggia. Insieme i tre ragazzi scoprono la terrificante storia del Principe della Nebbia, un’ombra luciferina che emerge nel cuore della notte per scomparire con le prime nebbie dell’alba… Una storia che affonda le radici nel passato e che continua a lasciare una scia di sangue, dolore e sofferenza.

Il principe azzurro della governante

Londra, 1800 – Obbligata dalla famiglia a lavorare come governante, Isabel Morton decide di prendere in mano il proprio futuro per inseguire il sogno di diventare cantante. Ma la sua favola è destinata a spezzarsi nel momento in cui scopre che quello che doveva essere un potente impresario musicale è in realtà il proprietario di un bordello deciso a farle onorare il contratto che ha firmato. In suo soccorso arriva, appena in tempo, un principe azzurro in carne e ossa: William Balfour, figlio del Visconte Langford. Tuttavia il suo nobile gesto rischia di metterlo nei guai e Isabel, per scagionarlo dalle accuse di essere in realtà il suo aggressore, si vede costretta ad accettare di sposarlo. Uniti dal fato e vincolati da una promessa, è ora per questi due sconosciuti di esplorare la passione che li lega.
**
### Sinossi
Londra, 1800 – Obbligata dalla famiglia a lavorare come governante, Isabel Morton decide di prendere in mano il proprio futuro per inseguire il sogno di diventare cantante. Ma la sua favola è destinata a spezzarsi nel momento in cui scopre che quello che doveva essere un potente impresario musicale è in realtà il proprietario di un bordello deciso a farle onorare il contratto che ha firmato. In suo soccorso arriva, appena in tempo, un principe azzurro in carne e ossa: William Balfour, figlio del Visconte Langford. Tuttavia il suo nobile gesto rischia di metterlo nei guai e Isabel, per scagionarlo dalle accuse di essere in realtà il suo aggressore, si vede costretta ad accettare di sposarlo. Uniti dal fato e vincolati da una promessa, è ora per questi due sconosciuti di esplorare la passione che li lega.

Il primo gesto

A che cosa si deve rinunciare per potere infine diventare se stessi? Anna lascia la casa dov’è cresciuta, facendo perdere alla famiglia le proprie tracce. Nella città dove giunge, trova un lavoro davvero singolare per una ragazza giovane come lei: assiste una donna anziana, Maria, con grande dolcezza, occupandosi senza risparmio del suo corpo malato e ascoltando i racconti sul nipote amatissimo che la signora non vede da anni. La stessa notte in cui Maria muore, Anna dà alla luce un bambino. Ma il dolore del passato è troppo vivo, paralizzante, e ancora una volta lei deve andare via. Abbandona il figlio in ospedale, a un destino ignoto. Comincia così un nuovo viaggio, alla ricerca di una salvezza dalle colpe: le proprie e quelle degli altri. L’incontro con una giovane straniera e con la sua famiglia sono per Anna una piccola oasi dove riprendere le forze. Presto il suo viaggio si trasforma e diventa ricerca: la meta è Giovanni, il nipote misterioso di Maria. Giovanni le insegnerà un nuovo modo per conoscere il proprio corpo e se stessa, attraverso le tecniche della danza sensibile. Marta Pastorino scrive un romanzo scabro, essenziale. Tocca temi scomodi, brucianti fino all’indicibile, e lo fa con coraggio e delicatezza, grazie a una lingua che procede per sottrazione, per piccoli scarti di misurata intensità. La narratrice ci conduce attraverso la storia con la sicurezza di una coreografa che sa nascondere la fatica e il dolore nell’eleganza di un movimento. Ci racconta come la spontaneità di un gesto d’amore – quell’abbraccio che tutti riceviamo appena venuti al mondo – possa essere per qualcuno una conquista, possibile soltanto a costo di perdere tutto e di affrontare una a una le ombre del proprio passato.